Comunicati.net - Comunicati pubblicati - D'I Comunicazione Comunicati.net - Comunicati pubblicati - D'I Comunicazione Thu, 25 Apr 2019 06:14:00 +0200 Zend_Feed_Writer 1.12.20 (http://framework.zend.com) http://comunicati.net/utenti/9461/1 Immobili: Cerved e Relabora lanciano VerifiCasa Fri, 29 Mar 2019 14:51:42 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/536879.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/536879.html D'I Comunicazione D'I Comunicazione Immobili: Cerved e Relabora lanciano VerifiCasa
 
Un servizio innovativo dedicato a tutti coloro che vendono casa,
privati e agenzie, e che in soli 5 giorni certifica la rogitabilità

Bergamo, 27 marzo 2019 – Cerved e Relabora, società del gruppo Hgroup Spa, lanciano sul mercato immobiliare un servizio innovativo dedicato a tutti coloro che vendono casa, privati e agenzie. Si tratta di VerifiCasa, un fascicolo documentale acquistabile facilmente online a un prezzo contenuto che include in un unico report tutta la documentazione, le visure e le verifiche obbligatorie per rogitare senza problemi.

I vantaggi? Completezza e velocità. In soli 5 giorni grazie a VerifiCasa è possibile certificare la trasferibilità di un immobile. Un perito abilitato Cerved effettuerà, tramite sopralluogo, tutte le verifiche relative alla regolarità e conformità della documentazione rilasciando il “pass di rogitabilità”. Ma non solo, fornirà un’analisi ampia e completa dell’immobile, del suo valore di mercato e del contesto abitativo, informazioni e dati utili a promuoverlo al meglio. È possibile acquistare VerifiCasa con o senza l’attestato di prestazione energetica (APE).

Grazie all’esperienza integrata di Hgroup in materia creditizia e di Cerved, leader nel mercato nelle valutazioni immobiliari, è stato realizzato un processo in grado di effettuare il sopralluogo e fornire il fascicolo in soli 5 giorni dal momento dell’acquisto online sul sito www.relabora.it, semplificando il lavoro a tutti coloro che devono vendere un immobile.

“È un servizio sul quale noi di Cerved crediamo enormemente” dichiara Roberto Mancini, Direttore Generale Commerciale di Cerved Group “e su cui abbiamo riversato tutte le nostre comprovate competenze in materia di mercato immobiliare, di elaborazione di enormi banche dati e di capacità di sviluppare processi tecnologici veloci, efficaci e integrati”.

“È un prodotto che mancava” afferma Enrico Quadri, AD di Hgroup “e lo offriamo a un prezzo contenuto, facilmente acquistabile online, con la possibilità di essere brandizzato e personalizzato per i nostri partner agenti immobiliari”.

“VerifiCasa consente all’agente immobiliare di offrire un pacchetto completo a un prezzo contenuto e prestabilito, che comprende tutta la documentazione e le verifiche necessarie. L’agente immobiliare, se vuole continuare a essere protagonista, deve essere consulente a 360 gradi della compravendita immobiliare: con VerifiCasa la consulenza è già completa, si è già fatto tutto!”, dichiara Carlo Barbagli, Presidente FIMAA Toscana.

]]>
Immobili: Cerved e Relabora lanciano VerifiCasa Fri, 29 Mar 2019 14:50:45 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/536877.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/536877.html D'I Comunicazione D'I Comunicazione Immobili: Cerved e Relabora lanciano VerifiCasa
 
Un servizio innovativo dedicato a tutti coloro che vendono casa,
privati e agenzie, e che in soli 5 giorni certifica la rogitabilità

Bergamo, 27 marzo 2019 – Cerved e Relabora, società del gruppo Hgroup Spa, lanciano sul mercato immobiliare un servizio innovativo dedicato a tutti coloro che vendono casa, privati e agenzie. Si tratta di VerifiCasa, un fascicolo documentale acquistabile facilmente online a un prezzo contenuto che include in un unico report tutta la documentazione, le visure e le verifiche obbligatorie per rogitare senza problemi.

I vantaggi? Completezza e velocità. In soli 5 giorni grazie a VerifiCasa è possibile certificare la trasferibilità di un immobile. Un perito abilitato Cerved effettuerà, tramite sopralluogo, tutte le verifiche relative alla regolarità e conformità della documentazione rilasciando il “pass di rogitabilità”. Ma non solo, fornirà un’analisi ampia e completa dell’immobile, del suo valore di mercato e del contesto abitativo, informazioni e dati utili a promuoverlo al meglio. È possibile acquistare VerifiCasa con o senza l’attestato di prestazione energetica (APE).

Grazie all’esperienza integrata di Hgroup in materia creditizia e di Cerved, leader nel mercato nelle valutazioni immobiliari, è stato realizzato un processo in grado di effettuare il sopralluogo e fornire il fascicolo in soli 5 giorni dal momento dell’acquisto online sul sito www.relabora.it, semplificando il lavoro a tutti coloro che devono vendere un immobile.

“È un servizio sul quale noi di Cerved crediamo enormemente” dichiara Roberto Mancini, Direttore Generale Commerciale di Cerved Group “e su cui abbiamo riversato tutte le nostre comprovate competenze in materia di mercato immobiliare, di elaborazione di enormi banche dati e di capacità di sviluppare processi tecnologici veloci, efficaci e integrati”.

“È un prodotto che mancava” afferma Enrico Quadri, AD di Hgroup “e lo offriamo a un prezzo contenuto, facilmente acquistabile online, con la possibilità di essere brandizzato e personalizzato per i nostri partner agenti immobiliari”.

“VerifiCasa consente all’agente immobiliare di offrire un pacchetto completo a un prezzo contenuto e prestabilito, che comprende tutta la documentazione e le verifiche necessarie. L’agente immobiliare, se vuole continuare a essere protagonista, deve essere consulente a 360 gradi della compravendita immobiliare: con VerifiCasa la consulenza è già completa, si è già fatto tutto!”, dichiara Carlo Barbagli, Presidente FIMAA Toscana.

]]>
A Scuole FAES incontro con l’Arcivescovo di Milano e Gigi de Palo Mon, 05 Nov 2018 12:42:48 +0100 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/comuni/lombardia/501299.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/comuni/lombardia/501299.html D'I Comunicazione D'I Comunicazione "Non basta una scuola, serve la famiglia": a Scuole FAES  

 incontro con l’Arcivescovo di Milano e Gigi de Palo


Mercoledì alle 20.45 al teatro FAES di via Amadeo a Milano saranno ospiti
Sua Eccellenza Monsignor Delpini, Gigi de Palo, Presidente del Forum
delle Associazioni Familiari e la moglie Anna Chiara Gambini

Milano, 5 novembre 2018 - "Giovani e famiglia sono le priorità". Non lasciano dubbi le parole di Monsignor Mario Enrico Delpini, appena nominato Arcivescovo della Diocesi di Milano, sull’importanza che la Chiesa cattolica attribuisce al ruolo delle famiglie nell’educazione e nella formazione dei ragazzi.

Proprio per questo "Non basta una scuola, serve la famiglia" è il titolo del secondo incontro del ciclo #nonbastaunascuola organizzato da Scuole FAES di Milano: tre appuntamenti aperti a chiunque – genitore, educatore, studente – voglia ragionare su come deve essere una scuola che non solo dia un’istruzione di qualità ma aiuti anche i giovani a essere cittadini responsabili e a scegliere con consapevolezza che tipo di persone diventare.

Mercoledì 7 novembre a partire dalle 20.45, al teatro FAES (via Amadeo angolo via Visconti d'Aragona), a discurtere con Monsignor Delpini ci saranno Gigi de Palo, Presidente del Forum delle Associazioni Familiari, e sua moglie Anna Chiara Gambini, insieme a lui autrice del libro “Ci vediamo a casa. La famiglia e altri favolosi disastri”, pubblicato da Sperling & Kupfer.

Il FAES (www.faesmilano.it) è un’associazione nata nel 1974 per promuovere la collaborazione educativa tra scuola e famiglia che a Milano gestisce in via Amadeo scuole paritarie dall’asilo nido ai licei: 1050 studenti ripartiti tra nido, scuola materna, primaria, secondaria di primo grado e licei classico, scientifico e delle scienze umane.  

]]>
"Non basta una scuola, serve una visione": a Scuole FAES Milano quattro ex alunni di successo raccontano come preparare i giovani alla vita e al lavoro Mon, 22 Oct 2018 15:42:31 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/497970.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/497970.html D'I Comunicazione D'I Comunicazione L'istruzione è importante, specialmente se è un'istruzione di qualità che fin dall'infanzia non trascura la conoscenza delle lingue straniere e della tecnologia, le competenze trasversali e sociali, la creatività e la padronanza delle emozioni, la cura dell'individuo. Ma non basta. Serve di più per aiutare i giovani a diventare cittadini responsabili e a scegliere con consapevolezza il proprio futuro.

A dirlo, per strano che possa sembrare, sono proprio le Scuole FAES di Milano, che inaugurano mercoledì un ciclo di incontri aperti a tutti intitolato #nonbastaunascuola.

"Non basta una scuola, serve una visione" è il tema su cui dibatteranno mercoledì 24 ottobre a partire dalle 20.45, al teatro FAES (via Amadeo angolo via Visconti d'Aragona), quattro ex alunni delle Scuole FAES che hanno raggiunto posizioni apicali nei loro settori di appartenenza, e che racconteranno quello che  - a loro parere - la scuola può e deve offrire alle nuove generazioni per inserirsi al meglio nel mondo di domani.

Si tratta di Gianmario Verona, Rettore dell'Università Bocconi; Marco Sesana, CEO e Country Manager di Generali Italia; Annalisa Sereni, medico, madre, moglie e blogger; Marcello Bramati, scrittore e docente e preside del Liceo Faes. Ciascuno dal proprio osservatorio spiegherà come la scuola italiana dovrebbe preparare gli studenti alla vita e a gestire un mondo in rapido cambiamento.
Già in calendario anche il secondo appuntamento del ciclo di incontri, il 7 novembre: "Non basta una scuola, serve una famiglia" vedrà ospite di eccezione, tra gli altri, Sua Eccellenza Monsignor Mario Delpini, Arcivescovo di Milano.

Il FAES (www.faesmilano.it) è un’associazione nata nel 1974 per promuovere la collaborazione educativa tra scuola e famiglia che a Milano gestisce in via Amadeo scuole paritarie dall’asilo nido ai licei: 1050 studenti ripartiti tra nido, scuola materna, primaria, secondaria di primo grado e licei classico, scientifico e delle scienze umane.       

]]>
"Non basta una scuola, serve una visione": a Scuole FAES Milano quattro ex alunni di successo raccontano come preparare i giovani alla vita e al lavoro Mon, 22 Oct 2018 15:40:42 +0200 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/varie/497969.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/varie/497969.html D'I Comunicazione D'I Comunicazione L'istruzione è importante, specialmente se è un'istruzione di qualità che fin dall'infanzia non trascura la conoscenza delle lingue straniere e della tecnologia, le competenze trasversali e sociali, la creatività e la padronanza delle emozioni, la cura dell'individuo. Ma non basta. Serve di più per aiutare i giovani a diventare cittadini responsabili e a scegliere con consapevolezza il proprio futuro.

A dirlo, per strano che possa sembrare, sono proprio le Scuole FAES di Milano, che inaugurano mercoledì un ciclo di incontri aperti a tutti intitolato #nonbastaunascuola.

"Non basta una scuola, serve una visione" è il tema su cui dibatteranno mercoledì 24 ottobre a partire dalle 20.45, al teatro FAES (via Amadeo angolo via Visconti d'Aragona), quattro ex alunni delle Scuole FAES che hanno raggiunto posizioni apicali nei loro settori di appartenenza, e che racconteranno quello che  - a loro parere - la scuola può e deve offrire alle nuove generazioni per inserirsi al meglio nel mondo di domani.

Si tratta di Gianmario Verona, Rettore dell'Università Bocconi; Marco Sesana, CEO e Country Manager di Generali Italia; Annalisa Sereni, medico, madre, moglie e blogger; Marcello Bramati, scrittore e docente e preside del Liceo Faes. Ciascuno dal proprio osservatorio spiegherà come la scuola italiana dovrebbe preparare gli studenti alla vita e a gestire un mondo in rapido cambiamento.
Già in calendario anche il secondo appuntamento del ciclo di incontri, il 7 novembre: "Non basta una scuola, serve una famiglia" vedrà ospite di eccezione, tra gli altri, Sua Eccellenza Monsignor Mario Delpini, Arcivescovo di Milano.

Il FAES (www.faesmilano.it) è un’associazione nata nel 1974 per promuovere la collaborazione educativa tra scuola e famiglia che a Milano gestisce in via Amadeo scuole paritarie dall’asilo nido ai licei: 1050 studenti ripartiti tra nido, scuola materna, primaria, secondaria di primo grado e licei classico, scientifico e delle scienze umane.

]]>
Sottoscritto accordo di collaborazione tra CRIBIS e T&S Mon, 20 Feb 2017 16:26:48 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/422080.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/422080.html D'I Comunicazione D'I Comunicazione Milano, 20 febbraio 2017 – T&S srl sceglie come partner Cribis, società del gruppo CRIF, specializzata nelle business information; si è concluso infatti da qualche giorno un accordo di collaborazione che prevede l’integrazione di alcune informazioni Cribis direttamente nella piattaforma Clapps®.

Grazie a questo accordo, gli utenti Clapps® potranno da oggi usufruire di una funzionalità in più, potranno disporre direttamente dal proprio gestionale di una ricerca e di una compilazione semplificata, con la garanzia di dati certificati e sempre aggiornati di tutte le aziende italiane.

Durante la compilazione delle proprie fatture, i professionisti e le imprese che utilizzano Clapps® potranno, attraverso un link diretto alla scheda azienda sul sito www.icribis.com, richiedere con pochi click i Report sui propri clienti per ottenere maggiori informazioni e valutarne l’affidabilità.

Tutti i Report iCRIBIS verranno inoltre forniti a prezzi agevolati grazie alla speciale convenzione.

Risparmio di tempo, maggiore efficienza e poter scegliere di fare business in sicurezza saranno un motivo in più per scegliere Clapps®

 

 

iCRIBIS, è il canale e-commerce del gruppo CRIF per accedere alla banca dati di Informazioni Commerciali sulle imprese. iCRIBIS soddisfa le esigenze di piccole imprese e professionisti, che hanno la necessità di tutelare i propri crediti e di ridurre gli insoluti. Una gamma di report a contenuto crescente, acquistabili singolarmente, mette a disposizione informazioni riguardanti la struttura societaria, il controllo protesti, i pregiudizievoli e i dati economico-finanziari di tutte le aziende italiane. iCRIBIS è la scelta quotidiana di migliaia di piccole aziende che in modo semplice e conveniente riescono a informarsi su clienti, fornitori e concorrenti, con la garanzia di dati di qualità, accessibili in qualsiasi momento direttamente online.

Clapps® è la prima piattaforma cloud multiservizio per aziende e professionisti. Basata su un'infrastruttura tecnologica ad elevate prestazioni che offre la massima affidabilità e sicurezza, consente la gestione intuitiva e completa dei processi di  fatturazione elettronica verso PA e privati, conservazione digitale a norma di documenti rilevanti ai fini civilistici e tributari, gestione documentale di livello enterprise, certificazione dei crediti e ogni altro servizio funzionale alle esigenze di un’azienda moderna che voglia ottimizzare i processi incentrati sui documenti ottenendo maggiore efficienza e notevoli risparmi

Per ulteriori informazioni sui servizi iCRIBIS visitate il sito www.icribis.com

 

Per informazioni sul partner http://www.clapps.it/

]]>
Siglato Accordo di collaborazione tra iCRIBIS e MAIL BOXES ETC. Fri, 06 May 2016 15:40:08 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/tecnologia/391705.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/tecnologia/391705.html D'I Comunicazione D'I Comunicazione Milano, 26.4.2016

iCRIBIS e Mail Boxes Etc. hanno concluso un significativo accordo di collaborazione che prevede l’integrazione del patrimonio informativo di CRIBIS D&B con il software gestionale S@m.Net di MBE. 

Secondo i termini dell’accordo iCRIBIS, l’e-commerce per informarsi sulle imprese, integrerà il software MBE con un set di dati come il codice Ateco, la ragione sociale e l’indirizzo, permettendo così agli Affiliati Mail Boxes Etc. la consultazione in tempo reale dei principali dati delle aziende, direttamente dal proprio gestionale. 

Infatti, grazie all’implementazione nell’interfaccia di un apposito plug-in, gli utenti, attraverso l’inserimento della Partita IVA, saranno in grado di estrarre i dati anagrafici dei loro clienti e, attraverso un link diretto alla scheda azienda su www.icribis.com, potranno consultare ulteriori informazioni o accedere direttamente ai report a pagamento. 

Questa partnership porterà notevoli vantaggi agli Affiliati MBE, che potranno accedere in modo semplice e veloce ad informazioni aggiornate e verificate sui propri clienti e, avvalendosi delle informazioni iCribis, potranno tutelare i propri crediti, prevenendo gli insoluti.

]]>
Informazioni veloci e complete su milioni di aziende E’ attiva la nuova directory di iCRIBIS: navigaimprese.it Mon, 30 Nov 2015 16:02:03 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/informatica/varie/375599.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/informatica/varie/375599.html D'I Comunicazione D'I Comunicazione Bologna, 30 novembre 2015 - E’ attiva navigaimprese.it, la nuova directory di iCRIBIS che offre il framework tecnologico per rendere il proprio patrimonio informativo facilmente rintracciabile online dagli utenti del web, in modo da rispondere in modo efficiente alle richieste sulle aziende. iCRIBIS è il sito di e-commerce di CRIBIS D&B, società del Gruppo CRIF specializzata nella fornitura di informazioni economiche e commerciali e nei servizi a valore aggiunto per le decisioni di business.

Il modello prevede che  gli utenti alla ricerca di informazioni  commerciali sulle aziende trovino con facilità le pagine della directory nei risultati organici dei motori di ricerca. Una volta raggiunta la scheda dell’azienda di interesse vengono  accompagnati  verso la registrazione, alla quale segue un dettagliato piano di e-mail marketing volto alla conversione.

Nuove features  user-friendly

Tra le novità della directory a livello di contenuto c’è la possibilità di inserire contributi User generated (UGC), ovvero di arricchire il proprio profilo aziendale con informazioni quali il numero di telefono, il sito internet, i dettagli dei social network e la descrizione estesa della propria attività.

La  homepage invece, grazie a widget dinamici, mette a disposizione degli utenti  diverse viste sulle imprese italiane e sulla loro distribuzione geografica in rapporto ad altri indici di rilievo quali la fascia di fatturato, il numero dipendenti e la categoria merceologica ATECO di appartenenza.

I filtri  consentono infine la navigazione granulare dell’intero database delle informazioni commerciali relative alle aziende italiane e un’alternativa alla ricerca puntuale delle aziende di interesse.

Informazioni freemium

In ciascuna “scheda azienda”, ovvero la pagina dedicata ad ognuna delle 6.5 milioni di aziende sul nostro territorio,  è disponibile un primo set di informazioni gratuite tra cui l’indirizzo, la città e la provincia di appartenenza,  il codice ATECO, il codice REA e la forma giuridica. Previa registrazione è consentito all’utente  l’accesso ad un ulteriore  set di informazioni tra le più richieste dagli utenti, ovvero  la partita IVA, il codice fiscale, il numero dipendenti e il fatturato.

L’utente registrato beneficia inoltre di due report small, il taglio più piccolo ed economico tra i prodotti iCRIBIS, che gli consentono di avere informazioni sui dati da visura ordinaria, i bilanci e le procedure in corso.

 

Una volta su iCRIBIS l’utente può esplorare con la propria utenza l’intera offerta che comprende: il Report  Medium e Large, il  giudizio sintetico sulla rischiosità dell’azienda e il Report Persona, che consente di ottenere le informazioni  sulle persone fisiche. Ultimi non per importanza i documenti, ovvero i Bilanci Riclassificati, l’Elenco Soci  e il documento sull’affidabilità dei fornitori.

]]>
Partnership CRIBIS D&B - IUNGO per integrare la catena fornitori e ridurre i rischi legati a informazioni parziali Tue, 08 Sep 2015 10:30:55 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/informatica/information_technology/367032.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/informatica/information_technology/367032.html D'I Comunicazione D'I Comunicazione Le soluzioni di supply chain collaboration di IUNGOItalia si avvalgono dei dati forniti da CRIBIS D&B per qualificare, arricchire e monitorare l’Albo fornitori

 

Bologna, Settembre 2015

 Permettere alle aziende di collaborare con i proprio fornitori in modo efficiente ed efficace e al tempo stesso di prevedere e ridurre i rischi connessi a informazioni parziali, destrutturate e inaffidabili ad essi legate. E’ questo l’obiettivo alla base della partnership tra CRIBIS D&B, società del Gruppo CRIF specializzata nella fornitura di informazioni economiche e commerciali e di servizi a valore aggiunto per le decisioni di business, e IUNGOitalia, società leader in Italia nelle soluzioni di supply chain collaboration e integrazione della catena fornitori. 

Con oltre 15.000 clienti attivi, CRIBIS D&B fornisce business report, informazioni e credit scoring su qualsiasi impresa italiana e, grazie all’appartenenza al Dun & Bradstreet Worldwide Network, mette a disposizione il più completo patrimonio informativo a livello mondiale, basato su 200 milioni di aziende.

IUNGO è la soluzione che permette di integrare e scambiare informazioni e documenti con tutti i fornitori grazie alla IUNGOmail, messaggio brevettato di posta elettronica che in una semplice email racchiude l’operatività di un portale. Ad oggi IUNGO è utilizzato da oltre 250 clienti in tutti i settori merceologici, dalla grande multinazionale alla piccola pmi, che possono così raggiungere efficacemente più di 40.000 fornitori.

Grazie a questa partnership, le aziende clienti potranno in qualsiasi momento richiedere informazioni in grado di dare un quadro preciso del fornitore che stanno esaminando, all’interno sia di un processo di scouting che di valutazione di un’impresa storica o nuova, partendo dalla gestione degli ordini e delle richieste d’offerta fino ad arrivare alla reportistica e all’albo fornitori. 

Le informazioni di output, scritte sotto forma di report, sono fornite con diversi livelli di dettaglio e dotate sia di dati a valore predittivo, che consentono di valutare la capacità di un’impresa di adempiere agli obblighi imposti dal mercato, sia di indicazioni sintetiche su come procedere. Questo va a completare l’offerta della soluzione IUNGO nell'ambito del sourcing.

“In molti settori, le supply chain sono sempre più integrate nei processi produttivi aziendali e, allo stesso tempo, sempre più ampie – spiega Marco Preti, Amministratore Delegato di CRIBIS D&B -. Per questo valutare e mantenere sempre sotto controllo l’affidabilità economica-finanziaria è divenuto un asset fondamentale, in quanto un fornitore non sufficientemente solido può creare problemi sia nelle tempistiche di fornitura, sia nella qualità dei prodotti. Insieme a IUNGO pensiamo di poter fornire le nostre informazioni nei processi e nelle modalità più utili ed efficaci per ridurre questi rischi”.

“Da tempo avvertiamo da parte del mercato la necessità di disporre di informazioni più vaste e diversificate così da sapere se, oltre a rispettare i tempi di consegna e confermare gli ordini, il fornitore sia valido anche dal punto di vista economico e finanziario – conferma Luca Mongiorgi, Sales & Marketing Director di IUNGOitalia -. La partnership IUNGO-CRIBIS D&B è la nostra risposta a questa cruciale esigenza riscontrata dalle aziende”. 

IUNGO, by IUNGOitalia Srl, è la soluzione software di Supply Chain Collaboration che, grazie al rivoluzionario e brevettato utilizzo della posta elettronica, permette di far comunicare in modo semplice, sicuro e strutturato tutti i partner aziendali, dal piccolo terzista alla multinazionale. Le particolari caratteristiche di IUNGO permettono ai clienti - tra i quali sia aziende quotate al Mibtel, che imprese di piccole dimensioni - di eliminare completamente le comunicazioni cartacee (fax, lettere, etc), ridurre sensibilmente le attività interne di gestione dei fornitori (comunicazioni, solleciti, etc), e soprattutto migliorare l'affidabilità e i tempi di risposta di tutta la catena di fornitura.

CRIBIS D&B, parte del Gruppo CRIF Spa, è specializzata nella business information, fornendo il più ampio patrimonio informativo sulle imprese italiane e sui loro comportamenti di pagamento e su oltre 230 milioni di imprese estere grazie all’appartenenza al D&B Worldwide Network. Per maggiori informazioni: www.cribis.com

]]>
Partnership tra iCribis e Tuoagente.com per offrire strumenti di lavoro digitali ad agenti di commercio e reti vendita Fri, 10 Apr 2015 15:56:34 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/informatica/information_technology/350722.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/informatica/information_technology/350722.html D'I Comunicazione D'I Comunicazione Cribis D&B e Tuoagente.com fanno squadra per lanciare sul mercato italiano soluzioni per migliorare l’operatività e l’efficacia degli agenti di commercio. Da subito il lancio dell'applicazione sviluppata da iCribis per l’accesso ai dati su oltre 6.5 milioni di aziende italiane: il primo passo per migliorare l’efficacia degli agenti attraverso la forza del dato e della tecnologia.

 

Milano - CRIBIS D&B, la società del Gruppo CRIF specializzata nelle business information e Tuoagente.com, la startup digitale che offre alle imprese e agenti di commercio una piattaforma di incontro per sviluppare reciproche collaborazioni, fanno squadra attraverso una partnership che ha l’obiettivo di offrire agli agenti di commercio e alle reti vendita aziendali soluzioni digitali a supporto delle attività e strategie di business.
Da poco è stata inoltre lanciata la nuova applicazione
Info+ iCribis, che trasforma il proprio smartphone in un utile strumento da lavoro per cercare informazioni sulle aziende. L’app permetterà l’accesso ai dati, sempre aggiornati e disponibili, su oltre 6.5 milioni di imprese italiane.
Facile da usare, Info+ iCribis offre la libertà di informarsi sulle aziende in qualsiasi momento, con un'interfaccia semplice ed intuitiva, sviluppata per gli agenti e i rappresentanti che passano la maggioranza del loro tempo fuori ufficio e che necessitano costantemente di avere informazioni di business sempre a portata di mano.
Il lancio di Info+ iCribis verrà supportato da Tuoagente.com, che conta una community di aziende e agenti che supera notevolmente i 150mila utenti iscritti. La partnership non si limita alla diffusione dell’app ma metterà in pista nei prossimi mesi un set di servizi che miglioreranno il modo in cui gli agenti potranno utilizzare la tecnologia per essere più efficaci nell’effettuare ricerche, ottenere informazioni fondamentali per l’attività di vendita e garantirsi una visione completa del mercato in cui operano.

Siamo convinti che le soluzioni 'mobile' e della business information saranno un asset fondamentale per chi opera nel settore vendite – afferma Fabio Lazzarini, Marketing Director di Cribis D&B – e in Tuoagente.com abbiamo trovato un partner ideale che ci permette di raggiungere una platea interessata a soluzioni innovative studiate appositamente per agenti, rappresentanti e reti di vendita”.
Le informazioni aziendali e finanziarie fornite da iCribis sono fondamentali per gli agenti di commercio – commenta Mattia Moretto, co-founder di Tuoagente.com – sia nel momento in cui l’agente valuta nuove opportunità professionali con un potenziale mandante, sia nel momento in cui viene avviata una trattativa di vendita con realtà aziendali sulle quali è possibile ottenere una visione chiara e precisa dello status finanziario e organizzativo”.
Il lancio dell’applicazione Info+ Icribis attraverso il network di Tuoagente.com permette di accedere, nella versione gratuita, al primo set di dati, visualizzabili su ogni singola azienda: denominazione, forma giuridica, provincia, codice Ateco e numero di iscrizione alla camera di commercio.
Nella versione a pagamento (2,99€) si possono invece visualizzare senza limiti e senza pubblicità le ulteriori informazioni messe a disposizione per questi device: indirizzo, codice fiscale, partita iva, telefono, fascia di fatturato e di dipendenti.
Le informazioni aziendali fornite da iCribis saranno a breve integrate all’interno della piattaforma di Tuoagente.com per offrire l’accesso ai servizi di business information agli agenti di commercio e alle aziende iscritte. 

]]>
Seconda edizione del Premio DNA 2015: l’Ordine dei Biologi premia la ricerca scientifica Thu, 19 Mar 2015 16:27:59 +0100 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/varie/348767.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/varie/348767.html D'I Comunicazione D'I Comunicazione L’Ordine Nazionale dei Biologi organizza la seconda edizione del Premio DNA, riconoscimento dedicato a biologi coordinatori o membri di gruppi di ricerca e imprese che abbiano conseguito importanti risultati scientifici nel settore della biologia.

I premiati saranno tre, a cui andrà una statuetta raffigurante il DNA e un assegno in denaro da destinare al gruppo di ricerca di riferimento per sostenerne le attività scientifiche.
Possono proporre la propria candidatura i biologi iscritti all’Ordine e coordinatori o membri di equipe di ricerca pubbliche o private. È sufficiente inviare la domanda di partecipazione entro il I aprile 2015, data di scadenza del bando.

I vincitori saranno selezionati da una commissione esaminatrice costituita da ricercatori, docenti universitari e liberi professionisti, tutti esclusivamente biologi. La premiazione si terrà presso lo spazio espositivo dell’Ordine dei Biologi all’Expo di Milano, l’ultimo weekend di giugno 2015.

La prima edizione del Premio DNA si è tenuta durante il XXV Congresso internazionale di Firenze dell’ottobre 2013. In quella occasione furono premiati tre progetti di ricerca, che vedevano impegnati quattro biologi: Massimo Carella, dirigente biologo responsabile del Laboratorio di Genetica medica dell’Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovani Rotondo, per la ricerca sulle patologie genetiche; Mirella Filocamo, dirigente biologo dell’Ospedale pediatrico Gaslini di Genova, coordinatrice della Rete delle biobanche genetiche di Telethon; Michela Kuan e Susanna Penco, per la ricerca di metodi alternativi alla sperimentazione scientifica connessa alla vita animale.

Per maggiori informazioni per la partecipazione: http://www.onb.it/2015/02/17/criteri-dammissione-e-modalita-di-presentazione-della-propria-candidatura-al-premio-dna-2015/

 

 

]]>
MIP Politecnico di Milano presenta il nuovo #Spiritoleader Tue, 17 Mar 2015 09:52:50 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/348415.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/348415.html D'I Comunicazione D'I Comunicazione Milano, 16 marzo 2015 - MIP Politecnico di Milano Graduate School of Business presenta in una versione rinnovata #Spiritoleader, il blog dedicato agli studenti dei programmi Executive MBA e ai professionisti del mondo del business; a poco più di un anno dalla sua nascita, la piattaforma adotta un’inedita veste grafica, ancora più smart e user friendly, in cui verranno affrontate nuove tematiche per far emergere ed eccellere lo spirito leader che è in ognuno di noi.

Con la sua rinnovata veste grafica il blog, nella sua versione 2.0, è pronto per soddisfare le esigenze di professionisti e studenti Executive MBA attraverso contenuti originali e sempre più approfonditi: interviste, testimonianze manageriali, articoli inerenti al mondo del business e case history di successo e di fallimento delle strategie di leadership saranno gli strumenti attraverso i quali far emergere lo spirito leader di ciascuno di noi.

Ad inaugurare questa nuova edizione un articolo in cui Dhebora Mirabelli, Advisor di politiche economiche e sociali dell'UE per la PA, e Alessio Muccini, Manager Accenture - Direzione Consulting, affrontano il tema della leadership e del management italiani in relazione alla Corporate Social Responsibility e alla de-localizzazione attraverso un parallelismo con la figura del raro “white elephant”.

Un’occasione di approfondimento, confronto e riflessione per ispirare l’ambizione personale, #SpiritoLeader è il blog dell’Executive MBA del MIP Politecnico di Milano Graduate School of Business dedicato a studenti, alumni e a tutti coloro che credono che il giusto mix di determinazione e preparazione possa aprire la strada a qualsiasi orizzonte professionale.
 

Con i molteplici formati Executive MBA 2015, il MIP vuole rispondere a questa esigenza di formazione fornendo gli strumenti giusti affinché professionisti e manager possano conciliare impegni accademici e lavorativi. L’EMBA Serale, l’EMBA Part Time e l’innovativo Flex EMBA sono strutturati in modo flessibile e personalizzato integrando le lezioni in presenza con contenuti multimediali erogati dall’innovativa piattaforma di digital learning, sviluppata dal MIP su tecnologia Microsoft e fruibile da qualsiasi terminale digitale, per una formazione a portata di click.

Per scoprire il nuovo Spirito Leader con le sue interviste inedite, gli articoli di approfondimento e tante altre novità visita il blog, www.spiritoleader.it, e seguici sulle pagine Linkedin e Twitter dedicate.

 

 

]]>
Marketing BtoB: la crescita e la migliore gestione delle interazioni sono le principali sfide. Il lead management resta il tema chiave Tue, 10 Mar 2015 10:32:03 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/347753.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/347753.html D'I Comunicazione D'I Comunicazione Presentata a Milano al BtoB Marketing Forum la quarta edizione dell'Osservatorio promosso da CRIBIS D&B e AISM - Associazione Italiana Marketing

Milano, 4 marzo 2015 - Le principali sfide che i professionisti del marketing B2B stanno affrontando riguardano sostanzialmente due aspetti: la crescita e la migliore gestione delle interazioni. Per quanto riguarda la crescita, il 46% dichiara come primo obiettivo quello di migliorare i processi di lead management, il 41% la crescita e la penetrazione nel mercato, il 36% il lancio di nuovi prodotti. Sul secondo punto, invece, il 26% degli intervistati risponde di avere tra i principali goal un più attento allineamento tra forza vendita e marketing e, con la stessa percentuale, il customer relationship management.

Sono alcuni dei risultati emersi dalla quarta edizione dell’Osservatorio sul Marketing B2B di CRIBIS D&B e AISM, presentato oggi al BtoB Marketing Forum, il principale evento in Italia dedicato ai professionisti del mondo B2B promosso da CRIBIS D&B e Fiera Milano Media – Business International e patrocinato da AISM - Associazione Italiana Marketing e ANES. Sponsor dell’iniziativa sono stati MagNews e Customer Experience Italia, media partner Business International Magazine, PMI.it e ZeroUno, mentre al dibattito hanno partecipato anche DHL Express Italy, Wika Italia, Yoomee Technologies e Gruppo Obiettivo Lavoro.

La ricerca ha l’obiettivo di analizzare le tendenze in atto nelle strategie e negli strumenti di marketing rivolte ai mercati B2B, prendendo in esame diversi temi, come la struttura organizzativa e la composizione staff marketing nelle aziende B2B; gli obiettivi e le metriche di valutazione; le voci del budget marketing e il ROI, gli strumenti utilizzati e le prospettive per il futuro. Infatti, dopo lo sviluppo della Lead Generation, nell'era dei Big Data, oggi le nuove sfide da affrontare sono i Marketing Analytics e la Customer Intelligence. Ma la capacità di analizzare le informazioni e di trasformarle in Smart Data per ridurne la complessità comporta necessariamente delle innovazioni nei processi organizzativi.

Come stanno affrontando queste nuove tematiche i professionisti del BtoB? Stando alla ricerca, se spostiamo lo sguardo dalle priorità correnti ai temi e agli skill percepiti come più importanti nel prossimo futuro, il lead management rimane in prima posizione con il 35%, seguito da reputation management, CRM e social media con il 25%. Le risposte dell’Osservatorio fanno emergere chiaramente una sempre maggiore importanza degli strumenti digitali nel canale B2B. L’utilizzo di questi strumenti è comunque allineato alle priorità espresse: infatti il 56% degli intervistati dichiara che la propria priorità in termini di digital marketing è la generazione di lead, seguita dal posizionamento sui motori di ricerca (49%) e dalla fidelizzazione (36%). I social media sono utilizzati dal 74% degli intervistati, principalmente come canale di comunicazione (62%) e solo il 13% lo utilizza come strumento operativo commerciale o di customer service.

Il lead management è dunque il tema chiave che emerge dall’Osservatorio. Quali sono però i canali più utilizzati per ottenere informazioni su clienti e prospect? Il 60% degli intervistati dichiara di affidarsi alla forza vendita per raccogliere informazioni, seguita dalle banche dati esterne con il 57% e i motori di ricerca con il 41%.

Per quanto riguarda la capacità di gestire, integrare e distribuire le informazioni su lead e clienti all’interno dell’organizzazione, i rispondenti si dividono quasi equamente tra chi dà risposta positiva (51%) e chi negativa (49%). I principali problemi evidenziati nella gestione delle informazioni riguardano l’aggiornamento e il monitoraggio nel tempo (67%) e la mancanza di informazioni per una corretta qualificazione (48%).

Il tema degli strumenti di marketing analytics sembra essere non prioritario nel breve, ma sicuramente latente e in crescita. Infatti solo il 13% lo indica tra le principali priorità, ma l’87% dichiara che nel prossimo futuro la sua importanza aumenterà. Solo il 19% degli intervistati dice di non utilizzare alcuno strumento di analisi; tra gli utilizzatori, chi si dichiara ampiamente soddisfatto dell’uso di questi strumenti nell’organizzazione è il 18%, contro un 38% che esprime un giudizio più basso, ma comunque positivo, e un 25% che li utilizza in maniera insufficiente.

La funzione marketing è coinvolta principalmente in attività di comunicazione e pubblicità (il 63% dei rispondenti ha dichiarato un alto coinvolgimento), seguita dalla strategia aziendale. Rispetto alla scorsa edizione si evidenzia un notevole incremento (48% rispetto ad un 37%) degli intervistati che hanno affermato di essere coinvolti, in quanto funzione marketing, nei processi strategici dell’azienda.

Nonostante il fatto che nel segmento B2B il marketing abbia ancora principalmente una funzione legata alle attività di comunicazione - afferma Fabio Lazzarini, direttore marketing di CRIBIS D&B - è confermata la tendenza a essere valutati e a valutarsi utilizzando metriche 'commerciali'. Infatti, le metriche principali attraverso le quali i professionisti del marketing B2B vengono tipicamente valutati sono l’acquisizione di nuovi clienti (59%) e la crescita dei ricavi (54%), al terzo posto la fidelizzazione con il 31%. La metrica ritenuta invece più importante per essere valutati risulta l’acquisizione di nuovi clienti (67%), seguita da fidelizzazione (53%) e da ROI e crescita dei ricavi (entrambi superiori al 40%)”.

"Confermiamo che le aziende hanno iniziato ad esprimere interesse, seppur lentamente, verso gli strumenti di marketing analitics - aggiunge Giulia Zaia, segretario Generale AISM -. Sentono la necessità di misurare e quantificare le azioni messe in campo al fine di conoscere meglio il proprio cliente o target di riferimento, i canali di comunicazione utilizzati, i competitor e l'evoluzione del mercato in cui si inseriscono. Questo approccio consente al marketing di integrarsi in maniera sinergica con il settore commerciale e assumere un ruolo centrale nello sviluppo strategico dell'azienda."

Questa edizione dell’Osservatorio ribadisce dunque i risultati delle precedenti in termini di disaffezione da parte dei marketer B2B riguardo alla pubblicità tradizionale, pur rimanendone alto l’uso. Si evidenzia l’importanza sia in termini di utilizzo che di ROI percepito di tutti gli strumenti digitali, ma anche degli strumenti analitici quali CRM e Marketing Analytics (per entrambi nel 49% è indicato un ROI buono o molto buono). Fiere, convegni e workshop rimangono strumenti utilizzati ed apprezzati nel canale B2B. In generale ciò che emerge dall’osservatorio è la necessità di avere un approccio basato su tutti gli strumenti a disposizione e finalizzato alla massimizzazione della qualità del contatto con il cliente.

Gli intervistati si confermano abbastanza neutrali sulle prospettive per il prossimo futuro: il 55% dichiara che le condizioni rimarranno invariate, il 29% afferma che miglioreranno mentre solo l’8% crede che peggioreranno. Le voci di budget che si prevede aumenteranno sono sostanzialmente tutte quelle afferenti all’area del digitale (social media, online advertising, email marketing…) e quelle legate al mondo del CRM e degli analytics. L’unica voce dove si prevede un calo significativo è, come nelle ultime edizioni, la pubblicità tradizionale.

 

 

 

]]>
RossoTour 2015. La pizza è “Integralmente mia” Thu, 05 Mar 2015 12:34:29 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/347337.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/347337.html D'I Comunicazione D'I Comunicazione A Rossopomodoro in Largo di Torre Argentina a Roma, giovedì 5 marzo, i tre pizzaioli Ciro Oliva, Teresa Iorio e Davide Civitiello aprono il tour italiano della nuova pizza con impasto ricco di farina integrale. E il pubblico vota la migliore

 

Parte giovedi 5 marzo alle 20 da Roma a Rossopomodoro Largo di Torre Argentina il RossoTour 2015.

Integralmente Mia è il titolo di un calendario che comprende tappe in tutta Italia per celebrare uno dei piatti del Made in Italy in vista di Expo 2015 dove Rossopomodoro avrà una pizzeria nel villaggio centrale.

L’apertura del RossoTour 2015 è affidata a una squadra tricolore che sostiene le ragioni della buona pizza e la raccolta delle firme per la candidatura dell’arte della pizza a patrimonio dell’Unesco. Sono i tre pizzaioli Ciro Oliva (Concettina ai Tre Santi), Teresa Iorio (Pizzeria Dalle figlie di Iorio) e Davide Civitiello (Rossopomodoro) che uniscono le loro abilità per una serata speciale.

Nel corso della serata, i tre pizzaioli prepareranno tre pizze napoletane contemporanee con un impasto ricco che è il nuovo blend di farina 00 e farina integrale.

Come funzionano la serata e il Tour Integralmente Mia

I partecipanti a questa cena evento, come le altre in programma, voteranno la pizza a loro giudizio migliore come abbinamento tra impasto e farciture con una foto spedita via Facebook sulla pagina generale di Rossopomodoro (https://www.facebook.com/rossopomodoroofficial). Un giornalista o un esperto della pizza presente alla serata selezionerà quella più interessante e divertente. 

A chi ha scattato la foto selezionata andrà in ricordo la madia in legno per far riposare l’impasto e una ricetta per fare la pizza a casa.

Al termine del tour le tre pizze saranno inserite nel menu di Rossopomodoro con la dedica ai tre clienti che si saranno distinti per la loro capacità di comunicare il valore della pizza “Integralmente Mia”.

La serata evento di Roma che avvierà il tour è condotta da Vincenzo Pagano, giornalista di Scatti di Gusto che ha partecipato come assaggiatore alla puntata sulla pizza messa in onda da Report.

 

Quali sono le tre pizze Integralmente Mia da fotografare

Le tre pizze speciali del Rosso Tour sono:

  1. Piennola. Pomodorini del Piennolo del Vesuvio , origano siciliano, aglietto e olio extra vergine di oliva Penisola Sorrentina DOP a crudo.
  2. Sangiorgesa. Quattro formaggi campani, erborinato di bufala, prosciutto cotto artigianale affumicato “Il Gigante” di Capitelli a crudo, pepe e basilico.
  3. Pummarulella. Provola affumicata, pomodorini corbarini, datterini gialli e rossi, Olio extra vergine di oliva Colline Salernitane DOP a crudo.

L’impasto è quello ricco al 30% di farina integrale.

 

Chi sono i maestri pizzaioli

I pizzaioli indossano casacche che propongono il tricolore italiano secondo queste caratteristiche.

Ciro Oliva, uno dei più giovani pizzaioli napoletani (22 anni), è in giacca verde per ricordare l’olio extravergine di oliva e la sostenibilità green della pizza.

Teresa Iorio, una delle poche donne pizzaiole in Italia, è in giacca bianca per ricordare il candore del fiordilatte e la purezza degli ingredienti Made in Italy.

Davide Civitiello, Campione del Mondo, è in giacca rossa per ricordare la passione dei pizzaioli.

 

Altre informazioni

Lo special price della serata è di 10 a persona: si assaggeranno a volontà le tre pizze napoletane contemporanee “Integralmente Mia” e una tra le altre pizze della tradizione che verranno sfornate a rotazione (nel prezzo non sono incluse le bevande).

 

Informazioni allo 06.68892440 340.6956939

Hashtag della serata: #integralmentemia

Facebook: Rossopomodoro (https://www.facebook.com/rossopomodoroofficial), Scatti di Gusto

 

 

CONTATTI

Clelia Martino

Via Toledo, 205- Napoli-Italia tel. +39.081.4976061

cell. +39 349.2694580

 

cleliamartino@rossopomodoro.it

]]>
iCRIBIS SCEGLIE ENGAGENT, LA PIATTAFORMA DI CUSTOMER INTERACTION DEL GRUPPO PAT Fri, 13 Feb 2015 14:53:06 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/informatica/varie/345585.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/informatica/varie/345585.html D'I Comunicazione D'I Comunicazione Bologna, 10 febbraio 2015 - Si arricchisce di un nuovo sistema di assistenza clienti iCRIBIS, il sito di e-commerce di CRIBIS D&B, società del Gruppo CRIF specializzata nella fornitura di informazioni economiche e commerciali e nei servizi a valore aggiunto per le decisioni di business.

Da metà dicembre infatti iCRIBIS, lo store online dove è possibile acquistare ogni informazione utile sulle imprese italiane (struttura societaria, controllo su protesti e pregiudizievoli, dati economico/finanziari), si avvale di Engagent, la piattaforma sviluppata dal Gruppo Pat che consente agli utenti di interagire direttamente attraverso una chatbox.

In questo modo, chi si serve del sito, può ottenere risposte rapide tramite un operatore virtuale anche negli orari in cui il contact center non è attivo, o vedere evase più rapidamente le sue richieste quando l'operatore virtuale affianca il personale del team di supporto.

Questo comporta benefici immediati sia in termini di risparmio dei costi che di continuità nell'assistenza, che viene garantita 24 ore su 24 per tutti i giorni della settimana.

Il servizio di chat offre infatti una gamma di informazioni predefinite, relative alle domande più frequenti (FAQ) sui temi più comuni: i tipi di prodotto, le istruzioni d’uso, le modalità di acquisto, le indicazioni su accessi e registrazioni, l’assistenza amministrativa. Le domande che esulano da questa maschera predefinita vengono invece evase con operatore umano, se in orario di ufficio, oppure offline. Engagent effettua delle scelte decisionali intelligenti per sfruttare al meglio le due modalità di supporto: l’agente virtuale e il team di supporto sono chiamati in causa laddove risultano più efficaci all’esigenza. Nel caso in cui l’operatore virtuale non sia in grado di fornire una risposta alla richiesta dell’utente, viene fatta escalation direttamente all’operatore umano, al fine di fornire la massima efficacia nel supporto richiesto.

Engagent offre inoltre la possibilità di definire delle regole comportamentali proattive unendo i dati dell’utente con le strategie di business: in questo modo, attraverso Engagent, iCRIBIS può proporre all'utente altri prodotti rispetto a quelli già acquistati, il rinnovo dell’abbonamento, l'acquisto o l'incremento del credito della carta prepagata (upselling) o l’utilizzo di prodotti trasversali o integrativi a quelli già presenti nel carrello (cross selling).

L’integrazione con l’infrastruttura di iCRIBIS e il miglioramento della user experience dell’utente, che guadagna in autonomia e flessibilità grazie all’immediatezza di risposta della chatbox, sono ulteriori benefici offerti da questo servizio.

Secondo i primi dati raccolti nel mese di gennaio, gli utenti di iCRIBIS hanno espresso un gradimento molto alto rispetto a questo nuovo sistema che gli permette di essere più rapidi e indipendenti nel reperire le informazioni di cui necessitano.

 

Pat Group

Pat si propone alle organizzazioni di ogni settore quale partner a 360° per la costruzione di una customer experience multicanale, grazie alle proprie piattaforme applicative per la gestione del CRM, Customer Care e Service Desk attraverso l’automazione, il controllo e l’analisi dei processi IT. Pat accompagna così le imprese nella ideazione di un percorso unificato e coinvolgente di relazione con il cliente, che fa leva su una molteplicità di canali di contatto per venire incontro a ogni esigenza dell’interlocutore aziendale.

A giugno 2013, il Gruppo Pat è entrato a far parte del Gruppo Zucchetti, leader in Italia nel settore del software applicativo e riconosciuto globalmente come eccellenza aziendale, per l’elevato know-how tecnologico, la profonda conoscenza dei processi e una cultura fortemente orientata all’innovazione.on sedi a Milano, Treviso e Roma, Pat vanta una capillare rete di distributori in tutto il mondo. Tutte le informazioni sono disponibili nel sito internet: www.pat.it

 

iCRIBIS

Attore di riconosciuta affidabilità e capacità innovativa, iCRIBIS (ww.icribis.com) è il sito di e-commerce di CRIBIS D&B, la società del Gruppo CRIF specializzata nella fornitura di informazioni economiche e commerciali e nella fornitura di servizi a valore aggiunto per le decisioni di business.

iCRIBIS è il primo store online dove è possibile acquistare informazioni riguardanti la struttura societaria, il controllo su protesti e pregiudizievoli e dati economico/finanziari su tutte le imprese italiane.

 

 

]]>
Politecnico di Milano e Bartucci Spa, una partnership per calcolare i rischi dell’efficienza energetica industriale Tue, 11 Nov 2014 17:09:30 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/337617.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/337617.html D'I Comunicazione D'I Comunicazione Milano, novembre 2014 - Bartucci Spa, società attiva nello studio, nella progettazione e nella realizzazione di interventi di efficienza energetica industriale, ha siglato una collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria Gestionale del Politecnico di Milano per l’elaborazione di un algoritmo in grado di valutare il livello di rischio dei progetti di efficienza energetica in ambito industriale.

L’obiettivo della collaborazione è quello di analizzare le modalità con le quali i diversi fattori che caratterizzano i progetti di efficienza energetica su cui vuole investire Bartucci Spa concorrono a determinare il rischio complessivo dei progetti stessi. L’utilizzo di una tecnologia particolarmente innovativa oppure i livelli di attività degli impianti su cui si va a intervenire diventano così alcuni dei fattori di rischio che l’algoritmo considera per calcolare la reale finanziabilità del progetto, e lo fa attraverso modelli di valutazione che tengono conto, più in generale, della complessità e delle diverse componenti di un processo di investimento in efficienza energetica.

 

La collaborazione con il Politecnico di Milano nasce dall’esigenza di Bartucci Spa di valutare preventivamente i progetti di efficienza energetica sui cui investe attraverso gli “Energy Performance Contracts” (En.P.C.), contratti molto diffusi all’estero che stanno prendendo piede anche in Italia. Il meccanismo degli En.P.C. è semplice: Bartucci Spa sviluppa interventi presso impianti dai consumi energetici considerevoli, interventi che poi finanzia al posto del cliente direttamente oppure attraverso joint venture con partner tecnologici o finanziari. Il contratto En.P.C. traduce così la filosofia della fornitura di un reale risparmio per il cliente, che fruisce in questo modo dei servizi della tecnologia che produce efficienza energetica, senza però sobbarcarsene i costi e i rischi tecnologici che invece sono a carico di Bartucci perché avendola finanziata, ne è proprietaria e ne sfrutta parte dei benefici di risparmio per ripagare l’investimento.

“Il sistema industriale italiano - commenta il prof. Vittorio Chiesa, a capo del team di ingegneri che sta studiando l’algoritmo - risulta aver raggiunto, a fine 2012, un livello di risparmio energetico annuo pari al 21,4% rispetto agli obiettivi 2020. È dunque presente ad oggi un potenziale aggiuntivo di risparmio energetico annuo ma esistono alcune importanti “barriere” da superare. Fra queste un ruolo di assoluto rilievo è rivestito dall’errata gestione del rischio connesso agli interventi di efficienza energetica, che può portare ad una errata valutazione dei reali benefici derivanti dall’adozione delle tecnologie per il risparmio energetico, di fatto un insormontabile ostacolo nell’individuazione di un punto di convergenza tra il mondo industriale e quello finanziario. Mai come in questo momento, la diffusione di una vera e propria “cultura dell’efficienza energetica” in Italia passa attraverso il necessario sviluppo di approcci metodologicamente strutturati che favoriscano la comprensione dei rischi e al contempo dei benefici del risparmio energetico per i diversi attori della filiera.”

“Collaboriamo con il Politecnico di Milano da oltre un anno - prosegue l’ing. Giovanni Bartucci, CEO di Bartucci Spa – e ci è sembrato il partner naturale al quale proporre la nostra idea di una metodologia di valutazione strutturata che renda materialmente bancabile l’efficienza energetica. Il know how che abbiamo maturato come E.S.Co. e le capacità tecniche e finanziarie sviluppate in questi anni ci portano infatti a ritenere che, anche grazie a questa ricerca con l’Ateneo, la “cultura dell’efficienza energetica” oggi si possa effettivamente trasformare in un mercato reale, capace di generare posti di lavoro, valore nel sistema Paese e miglioramenti concreti nella vita di tutti i giorni.”

La partnership con il Politecnico di Milano diventa strumento all’avanguardia per lo sviluppo e la diffusione dell’efficienza energetica in ambito industriale perché costruisce la base metodologica attraverso la quale possono essere coniugate le problematiche tecniche legate alle diverse tipologie dei progetti analizzati da una parte e le relative modalità di finanziamento dall’altra. Attraverso l’algoritmo, Bartucci Spa potrà valutare preventivamente il rischio complessivo di un progetto di efficienza energetica sui cui vuole investire e condividere tali informazioni con i propri partner tecnologici o finanziari.

 

 

]]>
Lavoro: addio competizione. I dipendenti italiani preferiscono collaborare Sat, 01 Nov 2014 10:52:51 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/334561.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/334561.html D'I Comunicazione D'I Comunicazione I lavoratori italiani rendono meglio lavorando in team, ma a collaborare s’impara solo con impegno ed esperienza: è questo il quadro emerso dall’ultimo Randstad Workmonitor

 Collaborativi sul lavoro non si nasce, si diventa. La maggior parte dei dipendenti italiani dichiara di preferire il lavoro di gruppo, ma pochi pensano che lo spirito collaborativo sia innato: al contrario, la capacità di cooperare si svilupperebbe nel tempo, soprattutto grazie all’impegno, all’esperienza e all’acquisizione di specifiche "social skills". È questo il quadro emerso dall’ultimo Randstad Workmonitor, indagine dedicata nel terzo trimestre 2014 al tema della collaborazione professionale, sempre più diffusa e apprezzata dai lavoratori.

Emerge dai dati raccolti da Randstad, secondo player al mondo nei servizi di risorse umane, un generale cambiamento nell’approccio al lavoro: alla rivalità tra colleghi si sostituisce una maggiore propensione alla collaborazione. Solo il 37% del campione, costituito da lavoratori di età compresa tra i 18 e i 65 anni, pensa che la cooperazione non sia richiesta nel proprio ambito professionale; di contro, quasi 7 dipendenti su 10 ritengono di ottenere performance migliori in team.

Quello collaborativo si rivela dunque un modello vincente e, per questa ragione, da incentivare e promuovere. Anche perché né spontaneo né naturale, almeno stando al giudizio degli intervistati italiani. In Italia, solo il 56% dei dipendenti pensa infatti alla cooperazione professionale come a una dote spontanea: l’Italia e pochi altri Paesi (Cile, Turchia, Messico e Spagna) si distinguono così nettamente dal resto del mondo, dove quella alla collaborazione è invece percepita come un tendenza quasi “congenita”.

In particolare, è convinzione diffusa in Italia che lavorare in team richieda specifiche competenze sociali e, sopratutto, una forte consapevolezza delle esigenze e delle motivazioni degli altri componenti del gruppo, prerequisito fondamentale per trovare la strada giusta per operare insieme.

Proprio l'importanza riconosciuta alla collaborazione indica dunque nelle “social skills” la nuova frontiera del mondo del lavoro, un’importante capacità da sviluppare nel tempo, con la giusta pratica ed esperienza sul campo. E anche chi cerca lavoro è allora avvisato: l’epoca dell'individualismo esasperato è finita, le aziende premiano oggi la collaborazione.

 

 

]]>
Flex EMBA: E' partito oggi al MIP Politecnico Milano il primo Master Executive MBA in Italia in digital learning Fri, 24 Oct 2014 16:22:43 +0200 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/varie/333849.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/varie/333849.html D'I Comunicazione D'I Comunicazione Milano, 24 Ottobre - Parte oggi la prima edizione del Master Flex EMBA, primo Executive MBA in Italia in digital learning. Il Flex EMBA  è un innovativo formato Executive MBA che consente di scegliere da dove seguire le lezioni, come fruire i contenuti e quando frequentare i corsi, assicurando ai partecipanti la possibilità di costruirsi un'esperienza formativa altamente personalizzata.

Il formato del Master consente di acquisire le medesime competenze, di costruire lo stesso network di relazioni e di ottenere lo stesso diploma dei formati Executive MBA tradizionali, beneficiando però della massima flessibilità e compatibilità con gli impegni di lavoro e familiari assicurate dalle più moderne tecnologie digitali.

Si tratta di una vera innovazione nel panorama della formazione Executive in Italia, in cui per la prima volta è il percorso di studi ad adattarsi all'agenda di lavoro degli allievi e non viceversa.

Tutto questo grazie ad una innovativa piattaforma di digital learning, sviluppata dal MIP su tecnologia Microsoft, attraverso cui gli allievi possono studiare, apprendere e collaborare utilizzando gli stessi strumenti che quotidianamente sono abituati ad impiegare in ufficio e a casa.

Inoltre, grazie alla collaborazione in essere con Dell e Intel agli allievi del Flex EMBA verrà fornito un dispositivo 2 in 1 di ultima generazione –Dell Venue 11 Pro – basato sulla tecnologia di processore Intel® Atom™, che assicura vantaggi sia in termini di prestazioni che di produttività : questo nuovo Dell Venue 11 Pro con Intel Inside®  può essere infatti utilizzato in modalità tablet per fruire al meglio dei contenuti multimediali, oppure può essere dotato di una tastiera opzionale per beneficiare delle piene funzionalità  di un notebook conuna straordinaria durata della batteria.

 

Formato e programma del Flex EMBA

Il Flex EMBA ha un formato modulabile, con una durata minima di 18 mesi. Esso consente tuttavia di distribuire il proprio impegno in modo personalizzato e funzionale alle proprie esigenze, fino ad un periodo massimo di 3 anni.

Il percorso formativo si articola in 8 Corsi Core, ognuno dei quali viene erogato due volte all’anno tramite la piattaforma di digital learning, permettendo così all’allievo di gestire al meglio il proprio piano di studio.

A questi corsi si aggiungono dei momenti di interazione face-to-face in presenza, volti a sviluppare le soft skills, le capacità di negoziazione, di public speaking e di leadership degli allievi, oltre a permettere loro di costruire un solido network di relazioni interpersonali.

Completano il Flex EMBA 2 Corsi Elective, da seguire presso la sede del MIP al termine dei Corsi Core, in italiano o in inglese, e il Project Work finale.

La piattaforma permette di accedere a contenuti video pre-registrati, di partecipare attivamente a video-sessioni di discussione e workgroup moderate dal docente, di interagire con gli altri allievi e di lavorare insieme a loro su progetti e assignment, di accedere a contenuti multimediali addizionali, di interagire one-to-one con i docenti. Tutto questo da qualsiasi luogo e utilizzando un qualsiasi terminale digitale (tablet, smartphone, laptop, eccetera)

Per la prima volta, infatti, sono stati integrati strumenti di produttività individuale e di collaboration, tra cui Outlook, Onedrive, Sharepoint, Lync, e gli altri applicativi di Office 365 in un ambiente user-friendly, che permette ai partecipanti di vivere un'esperienza digitale innovativa, introducendo per la prima volta i concetti di smart working in un contesto formativo.

Benefici del Flex EMBA

Il Flex EMBA permette di conciliare al meglio lo studio e gli impegni di lavoro e familiari e per questo si rivolge a:

·         Profili che non possono programmare le proprie agende e viaggi di lavoro e per questo richiedono maggiore flessibilità rispetto a quella offerta dai formati tradizionali Executive MBA Part-Time

·         Manager che non possono assentarsi dall’attività lavorativa per lunghi periodi di tempo o che lavorano all’estero.

La frequenza tramite piattaforma permette di trasferire in modalità digitale gli elementi più importanti di un percorso formativo Executive consentendo inoltre di limitare al massimo gli spostamenti necessari per seguire le lezioni, assicurando un importante risparmio dei costi e del tempo dovuti alle trasferte.

La piattaforma rappresenta un breakthrough nel campo delle tecnologie per il distance learning, e porta l’esperienza formativa all’interno dell’ambiente digitale in cui ogni allievo vive e lavora, con una semplicità ed immediatezza d’uso mai sperimentati fino ad oggi. Aiuta inoltre gli studenti ad orientarsi nel vastissimo insieme di contenuti ed opportunità di formazione sempre più disponibili, gratuitamente, sulla rete.

Sfruttando la flessibilità garantita dalla nuova piattaforma di digital learning, infine, la Faculty del Flex EMBA si amplia, coinvolgendo top manager di aziende di rilievo nel panorama italiano ed internazionale nell’Adjunct Faculty del Flex EMBA.

Il Flex EMBA è anche particolarmente adatto a soddisfare le esigenze delle imprese che intendono formare e far crescere i propri dipendenti ad alto potenziale, senza tuttavia allontanarli per molte ore dal luogo di lavoro. È un formato adatto anche a quelle imprese che hanno dipendenti sparsi per il mondo, i quali possono beneficiare di un aggiornamento ed allineamento delle proprie competenze manageriali.

 

 

]]>
CON SARA ASSICURAZIONI PIU’ TI PROTEGGI, PIU’ CI GUADAGNI Wed, 01 Oct 2014 15:18:51 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/331679.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/331679.html D'I Comunicazione D'I Comunicazione Due mesi di RC Auto gratis per chi aggiunge le garanzie Incendio/Furto e Infortuni Conducente alla polizza auto RuotaLibera: ecco l’offerta che premia le scelte responsabili, protagonista della nuova campagna pubblicitaria di Sara Assicurazioni

Roma, 1 ottobre 2014 Dopo il successo ottenuto nel 1° flight, Sara Assicurazioni, Compagnia Assicuratrice Ufficiale dell’ACI, torna in comunicazione con un 2° flight, on air su radio e web per 8 settimane, a partire dal 1° ottobre.

Obiettivo della campagna sarà comunicare l’offerta commerciale RuotaLibera, la polizza auto best seller di Sara Assicurazioni.

L’offerta – riservata ai nuovi clienti - prevede 1 mese di RC Auto gratis per chi inserisce nella polizza una garanzia a scelta tra Incendio/Furto e Infortuni Conducente; i mesi gratis sono 2 per chi le aggiunge entrambe.

La creatività - ideata dall’agenzia pubblicitaria internazionale JWT – capitalizza ulteriormente il claim della campagna “E’ tempo di usare la testa invitando a riflettere, in modo ironico ma costruttivo, sulla convenienza di adottare un comportamento responsabile.

Grazie a questa offerta Sara Assicurazioni, con RuotaLibera, si afferma come la scelta intelligente e vantaggiosa perché premia chi sceglie di proteggersi con una copertura più ampia e completa.
Il media mix, definito in collaborazione con Mindshare, ha individuato in
radio e web i mezzi cardine.
La pianificazione
radio prevede una presenza sia sui maggiori network nazionali che sulle reti RAI, nelle fasce drive time, mentre sul web, per raggiungere al meglio l’ampio target, sono stati pianificati portali a larga copertura ma anche siti molto mirati, in particolare sulla fascia maschile (informazione, sport e motori), in modo da concorrere in modo sinergico al raggiungimento degli obiettivi di comunicazione.

Maggiori informazioni sul sito www.sara.it o presso le agenzie Sara presenti sul territorio.

 

]]>
Dalla formazione alla competizione: Randstad a caccia del miglior tornitore italiano Sat, 27 Sep 2014 21:53:58 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/meccanica/330891.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/meccanica/330891.html D'I Comunicazione D'I Comunicazione Il Campionato Tornitori promosso da Randstad Technical si rivolge sia a professionisti esperti sia a profili junior che abbiano completato l’apposito percorso di formazione. L’obiettivo? Portare abilità e competenze al servizio delle aziende in cerca di tornitori

 

Conoscenze di meccanica, capacità di programmazione delle moderne macchine a controllo numerico, studio teorico, abilità pratica ed esperienza sul campo: sono queste le qualità richieste a un tornitore, figura professionale dalle competenze complesse e molto ambita dalle aziende, che faticano però a reclutare nuove leve. Malgrado offra anche buone prospettive economiche, tale settore di impiego è infatti spesso sottovalutato da chi cerca un’occupazione e, in particolare, dai più giovani.

 

Quella del tornitore è una figura così ricercata che Randstad Technical, la specialty attiva nella ricerca, selezione e gestione delle risorse qualificate in ambito metalmeccanico ed elettrotecnico di Randstad, ha deciso di  promuoverla dedicandole intero campionato - otto tappe e una finalissima (a Milano, il 3 ottobre) - destinato a decretare il miglior tornitore d’Italia. 

 

L'iniziativa va però ben oltre la semplice incoronazione del tornitore che si sia maggiormente distinto per competenza e abilità: si tratta innanzitutto di una vetrina per una professionalità ad alta specializzazione e di grande rilievo per il tessuto produttivo italiano, di un modo originale per reclutare nuovo personale e permettere ai ragazzi alla caccia di un impiego di scoprire tutte le potenzialità di un mestiere ancora capace di offrire buone opportunità occupazionali. 

 

«Il Campionato Tornitori – spiega Paolo Passoni, Responsabile di Randstad Technical - è una competizione, ma prima di tutto l'occasione per mettere in contatto professionisti e aziende alla ricerca di personale qualificato». L'opportunità è riservata non soltanto a professionisti con esperienza, ma anche a profili junior che abbiano portato a termine con Randstad un apposito percorso di formazione nella programmazione delle macchine a controllo numerico.

 

Dalla formazione all’inserimento in azienda, per molti aspiranti tornitori, il passo è stato  del resto molto breve: sono di fatto numerosi i ragazzi che, pur avendo terminato con successo il proprio percorso formativo, non hanno potuto  garareggiare cimentandosi nella prova al simulatore Siemens proprio perché già al lavoro.  Per gli altri, invece, resta aperta la grande opportunità del campionato, un’occasione per dare prova delle proprie abilità tecnico-informatiche e di incontrare quindi aziende interessate ad ampliare il proprio organico. 

 

 

]]>