Comunicati.net - Comunicati pubblicati - studiomusica PRESS | PR Comunicati.net - Comunicati pubblicati - studiomusica PRESS | PR Tue, 14 Jul 2020 19:45:47 +0200 Zend_Feed_Writer 1.12.20 (http://framework.zend.com) http://comunicati.net/utenti/842/1 Com. stampa > Trionfo italiano a IL PICCOLO VIOLINO MAGICO, 2/a edizione Fri, 31 Aug 2007 12:49:00 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/43047.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/43047.html studiomusica PRESS | PR studiomusica PRESS | PR COMUNICATO STAMPA
Con cortese preghiera di diffusione

IL PICCOLO VIOLINO MAGICO, TRIONFO ITALIANO
PRIMO PREMIO ALLA DODICENNE PORDENONESE LAURA BORTOLOTTO 

Portogruaro (VE), 31 agosto - L'Italia, grande assente lo scorso anno alla prima edizione de Il Piccolo Violino Magico, Concorso Internazionale per Giovanissimi Violinisti e Orchestra, trionfa quest'anno grazie a Laura Bortolotto, 12 anni, pordenonese, che ha vinto il Primo Premio di 5mila euro sbaragliando la concorrenza di Alexandra Li (12 anni, Russia), Tsoy Se (10 anni, Corea del Sud) e Efrosinya Efimova (12 anni, Russia). 
La giuria internazionale della finale, presieduta da Giovanni Peterlongo (membri: Fabio Biondi, Michael Frischenschlager,  Eduard Grach, Roby Lakatos, Ranko Markovic, Eszter Perényi, Sophie Rachlin, Marco Rizzi, soh Tomotada, Pavel Vernikov e Dominique de Williencourt) ha inoltre assegnato i premi speciali: alla giapponese Kanon Kobayashi, 9 anni, l'utilizzo gratuito per un anno di un prezioso Giuseppe Gagliano (3/4) del 1782 messo a disposizione dalla Fondazione Pro Canale onlus e il Premio Frignani pe il miglior esecutore di musiche italiane; a Tsoy Se il Premio Snitkovski per il miglior esecutore di musiche francesi; ad Alexandra Li il Premio Suzuki per il miglior esecutore del Concerto n. 1 in si bemolle maggiore K 207 di Mozart. La prima classificata, Laura Bortolotto, si è aggiudicata anche il Premio Simeoni per il concorrente più votato dal pubblico: un violino del celebre liutaio italiano ispirato alla liuteria classica italiana. 

Per ulteriori informazioni: Isella Marzocchi, Ufficio Stampa, cell. 340 7763045. 

* * * * *

Isella Marzocchi
studiomusica PRESS | PR

ufficio stampa e pubbliche relazioni per
artisti - teatri - festival - rassegne - formazione musicale - eventi

studiomusica
via farini, 53 - 41100 modena (italy)
ph.  (+39) 059.245486 - fax (+39) 059.235875
mob. (+39) 340.7763045
isella.marzocchi@studiomusica.net
www.studiomusica.net

Avvertenze Legali - D. Lgs. 196/03 - Tutela dei dati personali. Le informazioni contenute in questo messaggio di posta elettronica ed in ogni eventuale allegato, sono riservate e confidenziali e ne è vietata la diffusione, in qualunque modo eseguita. Qualora Lei non fosse la persona cui il presente messaggio è destinato, La invitiamo ad eliminarlo e a non leggerlo, dandocene gentilmente comunicazione.

Personal Data Protection  - This email is intended for the above named person and may be confidential and/or legally privileged. If this has come to you in error you must take no action based on it, nor must you copy or show it to anyone; please inform the sender immediately










]]>
25.ESTATE MUSICALE > Insieme per Slava: MAISKY, RACHLIN, JANSEN, THEEDEN E RYSANOV Mon, 27 Aug 2007 16:20:00 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/42855.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/42855.html studiomusica PRESS | PR studiomusica PRESS | PR MAISKY, RACHLIN, JANSEN, THEEDEN E RYSANOV: 5 GRANDISSIMI PER UN OMAGGIO A ROSTROPOVIC


Il 27 aprile di quest’anno, all’eta di ottant’anni, è scomparso Mstislav Rostropovic, il grande violoncellista che l’11 novembre 1989 fu tra i primi ad accompagnare con la musica il crollo del muro di Berlino, un’immagine che ha fatto il giro del mondo facendolo conoscere anche a chi, alla musica classica, non si era mai avvicinato. Con lui è sembrato scomparire un mondo interpretativo, oltre ad un pezzo di storia.
Così, a quattro mesi di distanza dalla sua scomparsa, cinque grandi virtuosi degli strumenti ad arco si riuniscono  alla 25. Estate Musicale per rendergli omaggio su invito del Direttore Artistico Pavel Vernikov. In musica, naturalmente. Sono Julian Rachlin, Janine Jansen, Maxim Rysanov, Torleif Thedéen e Mischa Maisky. Martedì 28 agosto alle 21 il palco del Collegio Marconi li vedrà riuniti per ricordare l’indimenticabile Slava. In programma tre capisaldi della musica da camera: il Quintetto (con due violoncelli) per archi in do magg. op. post. 163 D 956 di Franz Schubert, la Serenata per trio d’archi op. 10 del post-brahmsiano Ernst von Dohnányi, il Quartetto per archi n. 7 di Dmitrij  Shostakovic, amico personale di Rostropovič tanto da dedicargli i suoi due Concerti per violoncello. Si tratta di una serie di musiche che testimonieranno per sempre la grandezza interpretativa del violoncellista russo, e che in quest’occasione renderanno felice la sua memoria. Al violino Julian Rachlin, il solista più giovane che abbia mai suonato con i Wiener Philharmoniker, apparso sin dagli esordi con le maggiori orchestre del mondo, e Janine Jansen, tra le più versatili e intense violiniste in carriera. Alla viola Maxim Rysanov, carismatico solista vincitore di importanti premi internazionali. Al violoncello uno tra i più stimati musicisti scandinavi, Torleif Thedeèn, camerista e solista, e Mischa Maisky, allievo prediletto di Rostropovic che per lui è stato «non solo un grande insegnante ma soprattutto un secondo padre», come ha ricordato durante il concerto-intervista di domenica 26 agosto al Palazzetto dello Sport di Portogruaro, dove insieme ai quattro protagonisti del concerto di domani, ha incontrato il pubblico. 
Per informazioni e prenotazioni: 0421 270069 – 276555 – www.vivaticket.it 

Isella Marzocchi
studiomusica PRESS | PR

ufficio stampa e pubbliche relazioni per
artisti – teatri – festival – rassegne – formazione musicale – eventi

studiomusica
via farini, 53 - 41100 modena (italy)
ph.  (+39) 059.245486 - fax (+39) 059.235875
mob. (+39) 340.7763045
isella.marzocchi@studiomusica.net
www.studiomusica.net

Avvertenze Legali – D. Lgs. 196/03 – Tutela dei dati personali. Le informazioni contenute in questo messaggio di posta elettronica ed in ogni eventuale allegato, sono riservate e confidenziali e ne è vietata la diffusione, in qualunque modo eseguita. Qualora Lei non fosse la persona cui il presente messaggio è destinato, La invitiamo ad eliminarlo e a non leggerlo, dandocene gentilmente comunicazione.

Personal Data Protection  - This email is intended for the above named person and may be confidential and/or legally privileged. If this has come to you in error you must take no action based on it, nor must you copy or show it to anyone; please inform the sender immediately










]]>
25. ESTATE MUSICALE > IL PICCOLO VIOLINO MAGICO: TORNA IL VINCITORE DELL’EDIZIONE 2006 PER IL CONCERTO D’APERTURA Sat, 25 Aug 2007 17:49:00 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/42809.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/42809.html studiomusica PRESS | PR studiomusica PRESS | PR IL PICCOLO VIOLINO MAGICO:

TORNA IL VINCITORE DELL’EDIZIONE 2006 PER IL CONCERTO D’APERTURA

 

Portogruaro (VE), 22 agosto - Verranno presentati al pubblico sabato 25 agosto (ore 21.00) al Collegio Marconi in apertura del concerto inaugurale del 2° Concorso Internazionale per Giovanissimi Violinisti e Orchestra Il Piccolo Violino Magico i quindici semifinalisti in arrivo da Kazakhistan, Svizzera, Germania, Corea del Sud, Giappone, Singapore, Francia e, quest’anno, anche dall’Italia. I piccoli musicisti - l’età dei concorrenti è compresa tra gli 8 e i 12 anni - arriveranno in Italia venerdì, ciascuno con il proprio accompagnatore, e saranno alloggiati a Bibione, ospiti delle strutture alberghiere messe a disposizione dall’Associazione Bibionese Albergatori, partner dell’iniziativa.  

 

Il concorso vuole essere un’autentica vetrina per i finalisti, un’occasione di farsi ascoltare e di ascoltare altri coetanei provenienti da paesi e da scuole diverse, un’opportunità per il futuro lancio nel mondo del concertismo, ma soprattutto una magica festa in cui padroni di casa, insieme al violino  saranno la musica, i giovani interpreti e

Ritorna, per l’occasione, Dmitrij Smirnov, vincitore della prima edizione del concorso. Il suo cameo sarà preceduto dalla musica potentemente espressiva e coinvolgente del primo Brahms: quello del Sestetto op. 18, un’opera giudicata dallo stesso autore, notoriamente autocritico, una delle proprie migliori realizzazioni, e quello delle Danze Ungheresi, le trascinanti composizioni che sancirono la fortuna dell’amburghese. La sostituta rivisitazione raveliana di un esotismo zingaresco di maniera e la Vienna fin de siècle del Die Fledermaus, l’immortale Pipistrello straussiano arricchiranno il tessuto sonoro dell’apertura ufficiale della seconda edizione del concorso per giovanissimi violinisti. Sul podio, a dirigere la Moscovia Chamber Orchestra e l’altro giovane solista, Dalibor Karvay, sarà il leggendario Eduard Grach, didatta di fama internazionale e Preside della Facoltà di violino del Conservatorio Tchaikovsky di Mosca.

Nel corso della serata avrà luogo anche la consegna delle borse di studio ai migliori studenti  delle masterclass internazionali, promossa come tradizione da Banca Popolare FriulAdria, uno dei partner storici dell’Estate Musicale - il sodalizio nasce nel 1988 - che dal 2006 supporta anche il Concorso Il Piccolo Violino Magico. In questo modo FriulAdria, che nell’occasione sarà rappresentata dal responsabile di mercato Giovanni Nadali, conferma un impegno quasi ventennale a favore di una delle espressioni culturali più qualificanti del Veneto, territorio nel quale la banca, dopo essere entrata a far parte del gruppo 

Isella Marzocchi
studiomusica PRESS | PR

ufficio stampa e pubbliche relazioni per
artisti - teatri - festival - rassegne - formazione musicale - eventi

studiomusica
via farini, 53 - 41100 modena (italy)
ph.  (+39) 059.245486 - fax (+39) 059.235875
mob. (+39) 340.7763045
isella.marzocchi@studiomusica.net
www.studiomusica.net

Avvertenze Legali - D. Lgs. 196/03 - Tutela dei dati personali. Le informazioni contenute in questo messaggio di posta elettronica ed in ogni eventuale allegato, sono riservate e confidenziali e ne è vietata la diffusione, in qualunque modo eseguita. Qualora Lei non fosse la persona cui il presente messaggio è destinato, La invitiamo ad eliminarlo e a non leggerlo, dandocene gentilmente comunicazione.

Personal Data Protection  - This email is intended for the above named person and may be confidential and/or legally privileged. If this has come to you in error you must take no action based on it, nor must you copy or show it to anyone; please inform the sender immediately










]]>
25.ESTATE MUSICALE > IL PICCOLO VIOLINO MAGICO: AL VIA LE SEMIFINALI Sat, 25 Aug 2007 17:49:00 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/42810.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/42810.html studiomusica PRESS | PR studiomusica PRESS | PR IL PICCOLO VIOLINO MAGICO: AL VIA LE SEMIFINALI

 

Portogruaro (VE), 23 agosto - Lunedì 27 agosto dalle 15.00 il Savoy Beach Hotel di Bibione (Corso Europa 51) ospita la prima giornata delle semifinali aperte al pubblico (ingresso gratuito) del Concorso Internazionale Il Piccolo Violino Magico.

 

I concorrenti selezionati quest’anno provengono da Kazakhistan, Svizzera, Germania, Corea del Sud, Giappone, Singapore, Francia e Italia. Presentati ufficialmente al pubblico in apertura della 2. edizione del concorso sabato 25 agosto al Collegio Marconi di Portogruaro, i quindici giovani musicisti ammessi alle eliminatorie entreranno nel vivo del concorso in questa prima giornata di prove.

Nella prima sessione verranno ascoltati 6 concorrenti che si esibiranno secondo l’ordine determinato dalla lettera alfabetica estratta nel corso del concerto di apertura. In programma l’intero repertorio richiesto dal regolamento del concorso: Vivaldi, Kreisler, Pugnani-Kreisler, Bach. La parte del secondo violino sarà eseguita a turno da uno dei membri della giuria.

 

I piccoli musicisti - l’età dei concorrenti è compresa tra gli 8 e i 12 anni - arriveranno in Italia venerdì, ciascuno con il proprio accompagnatore, e saranno alloggiati a Bibione, ospiti delle strutture alberghiere messe a disposizione dall’Associazione Bibionese Albergatori, partner dell’iniziativa sin dalla prima edizione che insieme ad APT Bibione e al Consorzio di Promozione Turistica del Veneto Orientale cura il soggiorno di questi ospiti “speciali”. Il giorno seguente le prove occuperanno tutta la giornata, dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 12 alle 16, sempre presso il Savoy Beach Hotel. Entro le 17.30 verranno individuati dalla giuria i 4 finalisti la cui graduatoria finale sarà decretata nel corso della serata.

 

I primi quattro classificati si aggiudicheranno altrettante borse di studio del valore complessivo di 11.000 Euro, oltre a interessanti benefit tra cui l’utilizzo gratuito per un anno di un violino Giuseppe Gagliano del 1782 destinato dalla Fondazione Pro Canale Onlus di Milano al più giovane e promettente finalista. Avendo come caratteristica principale esecuzioni unicamente con orchestra, Il Piccolo Violino Magico è un appuntamento unico al mondo e per le semifinali è stata individuata un’orchestra specialissima, composta da coetanei dei concorrenti: l’Orchestra dei Ragazzi della Scuola di Musica di Fiesole, diretta dal M° Edoardo Rosadini. Il centro musicale di Fiesole è tra i più importanti nella formazione musicale a  livello nazionale e l’orchestra conta nelle proprie fila elementi dai 6 ai 18 anni. La disciplina del lavoro di gruppo è una delle basi su cui poggia tutta la didattica della Scuola di Musica di Fiesole, da cui negli ultimi vent’anni sono transitati oltre mille studenti, molti dei quali sono oggi prime parti di grandi orchestre internazionali.

 

La giuria internazionale che si è riunita in questi giorni a Portogruaro e che assisterà alle semifinali è costituita da Eduard Grach (Russia), Eszter Perényi (Ungheria), Sophie Rachlin (Austria), Marco Rizzi (Italia), Soh Tomotada (Giappone), Pavel Vernikov (Russia) e Krzysztof Wegrzyn (Polonia).

 

PER IL PROGRAMMA DETTAGLIATO CON GIORNI, ORARI, ecc.:

www.fmsantacecilia.it

INFO: Tel. 0421/276555 - 270069

UFFICIO STAMPA: studiomusica PRESS | PR, Isella Marzocchi

059 245486 - 340/7763045 - isella.marzocchi@studiomusica.net


Isella Marzocchi
studiomusica PRESS | PR

ufficio stampa e pubbliche relazioni per
artisti - teatri - festival - rassegne - formazione musicale - eventi

studiomusica
via farini, 53 - 41100 modena (italy)
ph.  (+39) 059.245486 - fax (+39) 059.235875
mob. (+39) 340.7763045
isella.marzocchi@studiomusica.net
www.studiomusica.net

Avvertenze Legali - D. Lgs. 196/03 - Tutela dei dati personali. Le informazioni contenute in questo messaggio di posta elettronica ed in ogni eventuale allegato, sono riservate e confidenziali e ne è vietata la diffusione, in qualunque modo eseguita. Qualora Lei non fosse la persona cui il presente messaggio è destinato, La invitiamo ad eliminarlo e a non leggerlo, dandocene gentilmente comunicazione.

Personal Data Protection  - This email is intended for the above named person and may be confidential and/or legally privileged. If this has come to you in error you must take no action based on it, nor must you copy or show it to anyone; please inform the sender immediately










]]>
25. ESTATE MUSICALE > La Metamorphosen di Strauss con l’ ACCADEMIA MUSICALE NAONIS diretta da CLAUDIO DESDERI e un concerto dedicato alla FRANCIA Thu, 23 Aug 2007 17:49:00 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/42760.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/42760.html studiomusica PRESS | PR studiomusica PRESS | PR La Metamorphosen di Strauss con l’ ACCADEMIA MUSICALE NAONIS diretta da CLAUDIO DESDERI e  un concerto dedicato alla FRANCIA: domenica in musica all’Estate Musicale

Domenica 26 agosto (ore 21, ingresso libero), il chiostro del Collegio Marconi ospiterà l’Orchestra dell’Accademia Musicale Naonis. Il gruppo, nato del 1998 e formato da musicisti provenienti dal Friuli Venezia Giulia e dal Veneto Orientale, ha al suo attivo collaborazioni importanti e ha già affrontato, nonostante la recente formazione, numerosi programmi che spaziano dall’ambito melodrammatico, alla musica di Bach, Mozart e Vivaldi fino alle colonne sonore di grandi film. Invitata in veste di Orchestra accompagnatrice al Concorso Internazionale “Astor Piazzolla” di Udine, al Festival Internazionale Pianistico di Pordenone, dove ha accompagnato il pianista Kostantin Bogino, membro del leggendario Trio Tchaikovsky. 

Il programma della serata è all’insegna della grande musica. In apertura lo Stabat Mater, splendida opera di Giovanni Battista Pergolesi, una delle poche composizioni italiane del Settecento rimaste sempre in repertorio, alla contemporaneità più nobile, quella degli allievi delle masterclass del compositore Fabio Vacchi, di cui verranno eseguiti lavori originali di Luca Marcossi, Orazio Sciortino e Francesco Venerucci, all’eccellenza delle Metamorphosen, ultimo capolavoro strumentale di Richard Strauss che sarà introdotto dal grande musicologo Quirino Principe critico de Il Sole 24 ore. Lugubre commento alla catastrofe bellica, questa composizione scritta per 23 archi solisti fu terminata il 13 aprile 1945, poche settimane prima della capitolazione tedesca. Nel marzo di quell’anno, un ottantunenne Strauss aveva visto le fotografie della Staatsoper di Vienna ridotta ad un cumulo di macerie. In memoriam, egli scrive nell’autografo quando compare per l’ultima volta il tema principale, che, non a caso, è una citazione della Marcia funebre dell’Eroica beethoveniana.

La mattinata di domenica (ore 11, ingresso libero) il Palazzo Municipale vedrà impegnati alcuni dei docenti dei Corsi di perfezionamento in un concerto interamente dedicato ad autori francesi, dal titolo “Vive la France!”. Grigory Kalinovsky, Alissa Margulis e Anna Mazor al violino, Ilan Schneider alla viola, Enrico Bronzi e Johannes Degen al violoncello, Bruno Cavallo al flauto, Patrizia Tassini all’arpa, Lily Maisky, Luca Monti e Stefano Gatti al pianoforte. In programma le sublimi Chansons madécasses di Maurice Ravel, nelle quali il compositore trasfuse il suo interesse per l’esotismo, la Sonata per flauto, viola e arpa del 1915 di Claude Debussy, il Quintetto con pianoforte n. 1 in re min. op. 89 di Gabriel Faurè e il Theme et variations per violino e pianoforte scritto nel 1932 da Olivier Messiaen e dedicato alla violinista Claire Delbos, soprannominata Mi, che egli sposò in quello stesso anno.

 


Isella Marzocchi
studiomusica PRESS | PR

ufficio stampa e pubbliche relazioni per
artisti - teatri - festival - rassegne - formazione musicale - eventi

studiomusica
via farini, 53 - 41100 modena (italy)
ph.  (+39) 059.245486 - fax (+39) 059.235875
mob. (+39) 340.7763045
isella.marzocchi@studiomusica.net
www.studiomusica.net

Avvertenze Legali - D. Lgs. 196/03 - Tutela dei dati personali. Le informazioni contenute in questo messaggio di posta elettronica ed in ogni eventuale allegato, sono riservate e confidenziali e ne è vietata la diffusione, in qualunque modo eseguita. Qualora Lei non fosse la persona cui il presente messaggio è destinato, La invitiamo ad eliminarlo e a non leggerlo, dandocene gentilmente comunicazione.

Personal Data Protection  - This email is intended for the above named person and may be confidential and/or legally privileged. If this has come to you in error you must take no action based on it, nor must you copy or show it to anyone; please inform the sender immediately










]]>
25. ESTATE MUSICALE - IL VIOLINO MAGICO > Quirino Principe e Sandro Cappelletto per la storia del Lied Wed, 22 Aug 2007 11:20:00 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/42701.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/42701.html studiomusica PRESS | PR studiomusica PRESS | PR QUIRINO PRINCIPE E SANDRO CAPPELLETTO

RACCONTANO IN UNA DUE GIORNI ALLA 25. ESTATE MUSICALE

LA STORIA DEL LIED

Nell’ambito della 25. Estate Musicale si terrà il 24 e 25 agosto il laboratorio di Liederistica condotto da Quirino Principe, nome di spicco della musicologia italiana, critico de Il Sole 24 ore, germanista, drammaturgo, autore di importanti monografie musicali, poesie e saggi e da Sandro Cappelletto, critico de La Stampa, scrittore e storico della musica, autore di testi per il teatro anche musicale. Gli incontri saranno ospitati nella Biblioteca Antica del Collegio Marconi (Via Seminario 34) di Portogruaro in collaborazione con la Fondazione Portogruaro Campus. Le giornate saranno suddivise in due sessioni: la I°, dalle 10 alle 13, in cui verrà sviluppata la parte teorica, la II°, dalle 15.30 alle 18, vedrà invece l’esecuzione dal vivo di brani del repertorio liederistico, con la possibilità per il pubblico di intervenire e dialogare con i relatori e gli esecutori. Filo conduttore della giornata del 24 sarà l’essenza del Lied e l’arte del Lied nella storia. Verrà approfondito il modo in cui, nel microcosmo compiuto di questo genere di composizione, si fondono musica-poesia e voce-strumento, pur mantenendo integre e totalizzando le singole capacità comunicative ed espressive dei quattro elementi che le compongono. Lied, quindi, contenitore di tutta la poesia umana, di tutta la musica con le sue mille possibilità, dove la voce cantante rappresenta tutte le voci umane, solistiche o d’insieme, e il pianoforte tutti gli strumenti creati dalla geniale mente dell’uomo. Si parlerà delle numerose e seducenti varianti del Lied nel corso della storia, analizzando i casi in cui si trova anche la presenza di un secondo strumento che a volte integra la parte armonica del pianoforte, a volte gareggia con la voce in termini di cantabilità. Tema, questo, che verrà ripreso nella giornata del 25, analizzando in particolare l’innesto nel Lied della viola, affiancata alla voce di contralto. Esempio autorevole l’opera 91 di Johannes Brahms, dedicata a Joseph Joachim. L’opera 91 è anche oggetto e analisi di riflessione saggistica ne L’assoluto Microcosmo, nuovo lavoro di Umberto Berti e Domenico Mason, che verrà presentato la mattina del 25 agosto in apertura del laboratorio. Frutto delle accurate ricerche dei due musicologi portogruaresi, pubblicato lo scorso giugno da Zecchini Editore (Varese) con il sostegno della Fondazione Portogruaro Campus, l’Assessorato alla Cultura del Comune di Portogruaro e la Fondazione Musicale Santa Cecilia, è un «libro che contiene più libri», dove la storia dei grandi temi della poesia tedesca si intreccia alla ricostruzione di un’aurea intesa artistica tra Brahms, Robert e Clara Schumann, Joseph Joachim, i loro consanguinei e amici. Una delle sue componenti più originali è proprio la rivelazione di una “sottomusica” o “intermusica” con l’inserimento nella storia del Lied del “secondo strumento”. Come ha affermato Quirino Principe, un «libro felice, per il suo esito alla lettura e perchè è impossibile scrivere pagine come queste se non si sperimenta una vivissima felicità durante la ricerca e la stesura». Il seminario è ad ingresso libero. 


Isella Marzocchi
studiomusica PRESS | PR

ufficio stampa e pubbliche relazioni per
artisti - teatri - festival - rassegne - formazione musicale - eventi

studiomusica
via farini, 53 - 41100 modena (italy)
ph.  (+39) 059.245486 - fax (+39) 059.235875
mob. (+39) 340.7763045
isella.marzocchi@studiomusica.net
www.studiomusica.net

Avvertenze Legali - D. Lgs. 196/03 - Tutela dei dati personali. Le informazioni contenute in questo messaggio di posta elettronica ed in ogni eventuale allegato, sono riservate e confidenziali e ne è vietata la diffusione, in qualunque modo eseguita. Qualora Lei non fosse la persona cui il presente messaggio è destinato, La invitiamo ad eliminarlo e a non leggerlo, dandocene gentilmente comunicazione.

Personal Data Protection  - This email is intended for the above named person and may be confidential and/or legally privileged. If this has come to you in error you must take no action based on it, nor must you copy or show it to anyone; please inform the sender immediately










]]>
IL GRANDE VIOLINISTA ZIGANO ROBY LAKATOS SI FA IN TRE PER L’ESTATE MUSICALE. Spostato al Palazzetto dello Sport il concerto di domani Mon, 20 Aug 2007 11:20:00 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/42647.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/42647.html studiomusica PRESS | PR studiomusica PRESS | PR Consacrato dalla Deutsche Grammophon, primo violinista zigano chiamato ad incidere per la prestigiosa etichetta internazionale, Roby Lakatos è tra i big del violinismo mondiale che prende parte quest’anno alla 25. Estate Musicale di Portogruaro. Lo fa con tre appuntamenti: 21 e 30 agosto e 1° settembre. 

Estrosità, naturalezza, vulcanicità, tre aggettivi che descrivono la poliedrica personalità di Roby Lakatos che, grande tra i grandi, ha incantato anche Itzhak Perlman. Nato in Ungheria nel 1965, cresciuto in una famiglia di musicisti gitani, discendente del leggendario re dei violinisti gypsy Janos Bihari, già all’età di nove anni debutta in una band come primo violino. Si perfeziona successivamente al Conservatorio “Béla Bartók” di Budapest dove, nel 1994, vince il primo premio per violino classico. Dopo solo due anni, e senza aver conseguito il diploma, la sua incontenibile esuberanza lo porta a lasciare gli studi e a trasferirsi in Belgio da dove, fondata la sua band, comincia a suonare in giro per il mondo. Forte della convinzione che non debbano esistere barriere tra i diversi stili musicali, considera la musica gitana allo stesso livello della classica, del jazz e del pop arrivando a creare uno stile personale che ama definire « gypsy-fusion non-ortodosso». Diviene egli stesso compositore e arrangiatore: la sua ricerca non si ferma, alimentata dalle contaminazioni con le tradizioni musicali dei paesi che accolgono le sue esibizioni.

Tre i momenti che vedranno Roby Lakatos protagonista del Violino Magico:

A cominciare dal concerto di martedì 21 agosto alle 21 (ingresso dai 3 ai 12 Euro), spostato al Palazzetto dello Sport di Via Lovisa dalla sede originaria del Collegio Marconi, dove sarà possibile assistere all’esibizione del violinista e del suo ensemble formato da violino, contrabbasso e cymbalon unitamente a chitarra e pianoforte, e non a violoncello e clarinetto come è in uso nelle orchestre gitane. Organico che, come afferma lo stesso Lakatos, «offre maggiori possibilità esecutive rendendo il sound finale davvero speciale». Il programma prevede musiche di autori ungheresi come Leo Weiner e Ivo Csàmpai ma anche di brani originali composti dallo stesso Lakatos come A night in Marrakech.

La seconda occasione, per chi non vorrà perdere questo straordinario violinista, è l’1 settembre alle 21, sempre al Collegio Marconi (ingresso a pagamento). In occasione di “Waltz on fire!”, Concerto - brindisi per il 25° compleanno dell’Estate Musicale Lakatos darà ancora prova del suo virtuosismo insieme a Vernikov e lanoska, al pianista Richard Hyung-Ki Joo e con l’Orchestra del Festival diretta da Alexey Igudesman. Il programma della serata, che possiamo immaginare “esplosivo” resterà segreto fino all’ultimo, il direttore artistico Pavel Vernikov ha solo anticipato che ci saranno molte sorprese, una di queste la presenza dello straordinario Moni Ovadia in veste insolita.

Roby Lakatos sarà anche membro della giuria che giovedì 30 agosto alle 20.30, presso il Palazzetto dello Sport di Via Lovisa a Portogruaro (serata ad invito con prenotazione obbligatoria allo 0421 270069) decreterà il vincitore del Concorso “Il Piccolo Violino Magico”. Non poteva esservi occasione migliore di questa per vedere messa in pratica la convinzione del violinista ungherese secondo cui, per formare un buon violinista, è necessario avviarlo allo studio dello strumento già a partire dai 4 -5 anni: «trattandosi di uno strumento suonato con il corpo, assetto e formazione anatomica della colonna vertebrale sono fondamentali nei primi anni».

* * * * * 

Isella Marzocchi
studiomusica PRESS | PR

ufficio stampa e pubbliche relazioni per
artisti - teatri - festival - rassegne - formazione musicale - eventi

studiomusica
via farini, 53 - 41100 modena (italy)
ph.  (+39) 059.245486 - fax (+39) 059.235875
mob. (+39) 340.7763045
isella.marzocchi@studiomusica.net
www.studiomusica.net

Avvertenze Legali - D. Lgs. 196/03 - Tutela dei dati personali. Le informazioni contenute in questo messaggio di posta elettronica ed in ogni eventuale allegato, sono riservate e confidenziali e ne è vietata la diffusione, in qualunque modo eseguita. Qualora Lei non fosse la persona cui il presente messaggio è destinato, La invitiamo ad eliminarlo e a non leggerlo, dandocene gentilmente comunicazione.

Personal Data Protection  - This email is intended for the above named person and may be confidential and/or legally privileged. If this has come to you in error you must take no action based on it, nor must you copy or show it to anyone; please inform the sender immediately










]]>
Conunicato stampa Mon, 20 Aug 2007 11:10:00 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/42642.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/42642.html studiomusica PRESS | PR studiomusica PRESS | PR IL GRANDE VIOLINISTA ZIGANO ROBY LAKATOS SI FA IN TRE PER L’ESTATE MUSICALE

Consacrato dalla Deutsche Grammophon, primo violinista zigano chiamato ad incidere per la prestigiosa etichetta internazionale, Roby Lakatos è tra i big del violinismo mondiale che prende parte quest’anno alla 25. Estate Musicale di Portogruaro. Lo fa con tre appuntamenti: 21 e 30 agosto e 1° settembre. 

Estrosità, naturalezza, vulcanicità, tre aggettivi che descrivono la poliedrica personalità di Roby Lakatos che, grande tra i grandi, ha incantato anche Itzhak Perlman. Nato in Ungheria nel 1965, cresciuto in una famiglia di musicisti gitani, discendente del leggendario re dei violinisti gypsy Janos Bihari, già all’età di nove anni debutta in una band come primo violino. Si perfeziona successivamente al Conservatorio “Béla Bartók” di Budapest dove, nel 1994, vince il primo premio per violino classico. Dopo solo due anni, e senza aver conseguito il diploma, la sua incontenibile esuberanza lo porta a lasciare gli studi e a trasferirsi in Belgio da dove, fondata la sua band, comincia a suonare in giro per il mondo. Forte della convinzione che non debbano esistere barriere tra i diversi stili musicali, considera la musica gitana allo stesso livello della classica, del jazz e del pop arrivando a creare uno stile personale che ama definire « gypsy-fusion non-ortodosso». Diviene egli stesso compositore e arrangiatore: la sua ricerca non si ferma, alimentata dalle contaminazioni con le tradizioni musicali dei paesi che accolgono le sue esibizioni. 

Tre i momenti che vedranno Roby Lakatos protagonista del Violino Magico. 

A cominciare dal concerto di martedì 21 agosto alle 21 (ingresso dai 3 ai 12 Euro), nel chiostro del Collegio Marconi dove sarà possibile assistere all’esibizione del violinista e del suo ensemble formato da violino, contrabbasso e cymbalon unitamente a chitarra e pianoforte, e non a violoncello e clarinetto come è in uso nelle orchestre gitane. Organico che, come afferma lo stesso Lakatos, «offre maggiori possibilità esecutive rendendo il sound finale davvero speciale». Il programma prevede musiche di autori ungheresi come Leo Weiner e Ivo Csàmpai ma anche di brani originali composti dallo stesso Lakatos come A night in MarrakechLa seconda occasione, per chi non vorrà perdere questo straordinario violinista, è l’1 settembre alle 21, sempre al Collegio Marconi (ingresso a pagamento). In occasione di “Waltz on fire!”, Concerto - brindisi per il 25° compleanno dell’Estate Musicale Lakatos darà ancora prova del suo virtuosismo insieme a Vernikov e lanoska, al pianista Richard Hyung-Ki Joo e con l’Orchestra del Festival diretta da Alexey Igudesman. Il programma della serata, che possiamo immaginare “esplosivo” resterà segreto fino all’ultimo, il direttore artistico Pavel Vernikov ha solo anticipato che ci saranno molte sorprese, una di queste la presenza dello straordinario Moni Ovadia in veste insolita.

Roby Lakatos sarà anche membro della giuria che giovedì 30 agosto alle 20.30, presso il Palazzetto dello Sport di Via Lovisa a Portogruaro (serata ad invito con prenotazione obbligatoria allo 0421 270069) decreterà il vincitore del Concorso “Il Piccolo Violino Magico”. Non poteva esservi occasione migliore di questa per vedere messa in pratica la convinzione del violinista ungherese secondo cui, per formare un buon violinista, è necessario avviarlo allo studio dello strumento già a partire dai 4 -5 anni: «trattandosi di uno strumento suonato con il corpo, assetto e formazione anatomica della colonna vertebrale sono fondamentali nei primi anni».

* * * * *


Isella Marzocchi
studiomusica PRESS | PR

ufficio stampa e pubbliche relazioni per
artisti - teatri - festival - rassegne - formazione musicale - eventi

studiomusica
via farini, 53 - 41100 modena (italy)
ph.  (+39) 059.245486 - fax (+39) 059.235875
mob. (+39) 340.7763045
isella.marzocchi@studiomusica.net
www.studiomusica.net

Avvertenze Legali - D. Lgs. 196/03 - Tutela dei dati personali. Le informazioni contenute in questo messaggio di posta elettronica ed in ogni eventuale allegato, sono riservate e confidenziali e ne è vietata la diffusione, in qualunque modo eseguita. Qualora Lei non fosse la persona cui il presente messaggio è destinato, La invitiamo ad eliminarlo e a non leggerlo, dandocene gentilmente comunicazione.

Personal Data Protection  - This email is intended for the above named person and may be confidential and/or legally privileged. If this has come to you in error you must take no action based on it, nor must you copy or show it to anyone; please inform the sender immediately










]]>
PRIMA ITALIANA dei VIRTUOSOS OF YAKUTIA all’ESTATE MUSICALE Sat, 18 Aug 2007 12:10:00 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/42614.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/42614.html studiomusica PRESS | PR studiomusica PRESS | PR

Domenica 19 e Lunedì 20 agosto alla 25.ESTATE MUSICALE

PRIMA ITALIANA dei VIRTUOSOS OF YAKUTIA all’ESTATE MUSICALE

e IL RIFACIMENTO DELLA FASCHINGSPANTOMIME DI W.A.MOZART


Domenica 19 e lunedì 20 agosto all’Estate Musicale di Portogruaro due appuntamenti d’eccezione: il debutto italiano dell’ensemble Virtuosos of Yakutia, direttamente dalla Siberia per la prima volta in Italia e un innovativo rifacimento della Faschingspantomime K 466 di W.A. Mozart.

Domenica 19 alle ore 21 (ingresso dai 3 ai 12 €, info: 0421 270069-276555), nella suggestiva cornice del chiostro monumentale del Collegio Marconi a Portogruaro il gruppo siberiano composto da 14 giovani e talentuosi violinisti tra i 16 e i 20 anni, si è formato nel 1994 nell'ambito della Scuola Superiore di Musica della Repubblica di Sacha-Jacuzia, territorio autonomo della Siberia nord-orientale. La vittoria, nel 1998, come gruppo emergente del prestigioso Festival Internazionale Mravinsky di San Pietroburgo, l’esibizione alla Tchajkovsky Concert Hall e, in ambito ufficiale, al Consiglio Federale russo hanno aperto la via ai riconoscimenti internazionali da parte di Russia, Italia, Ungheria, Francia e all’esecuzione sino ad oggi di più di cinquecento concerti in Europa ed Asia. Importante, nel 2003, la partecipazione alle celebrazioni per i trecento anni di San Pietroburgo che ha favorito la visibilità dell’ensemble anche su tutto il territorio della Federazione Russa tanto da ottenere il favore della Presidenza della Repubblica di Sacha-JacuziaIl programma che presenteranno a Portogruaro è molto vario: dai brani più conosciuti di Vivaldi, Bach Händel, Mozart, ai virtuosismi dei Capricci n.1, 14 e 24 di Paganini, ai russi Rachmaninov, Tchajkovsky, Shostakovich, per arrivare alle suggestioni decisamente mediterranee del Libertango di Piazzolla e della Spanish Dance di De FallaSarà invece un curioso ed insolitamente comico Mozart l’evento principale di lunedì 20 agosto. Alle 21 (l’ingresso è gratuito), presso il Palazzetto dello Sport di Via Lovisa per l’occasione vestito a nuovo con un ampio palco completato da una camera acustica lignea che trasforma radicalmente la percezione sonora dell’esecuzione, andrà in scena il rifacimento della Faschingspantomime K 466 di W.A. Mozart. Sappiamo come il compositore austriaco, negli anni che trascorse a Vienna, amasse divertirsi durante il periodo carnevalesco indossando anche delle maschere, in particolare quella di Arlecchino. Proprio dal desiderio di divertire con la musica nacque questa composizione, scritta per una rappresentazione di carnevale in forma di pantomima, e di cui ci sono giunti solo alcuni abbozzi incompleti della musica e del libretto. La competenza e la sensibilità di Vladimir Mendelssohn per la rielaborazione ed il completamento della parte musicale e di Quirino Principe per la trasformazione del canovaccio e la drammatizzazione del testo hanno ridato vita a quest’opera ispirata alla commedia dell’arte. La realizzazione scenica è a cura dell’Associazione “Amici di Podrecca” e del “Teatrino del Rifo”.


PER IL PROGRAMMA DETTAGLIATO CON GIORNI, ORARI, ecc.:

www.fmsantacecilia.it

 

PREVENDITA BIGLIETTI

sul sito www.vivaticket.it e Call Center 899 666805 oppure 0424 600458

 

INFO: Tel. 0421/276555 - 270069

 

UFFICIO STAMPA: studiomusica PRESS | PR, Isella Marzocchi

059 245486 - 340/7763045 - isella.marzocchi@studiomusica.net



 






]]>
Al via la 25. Estate Musicale - Festival Il Violino Magico Sat, 18 Aug 2007 10:49:00 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/42612.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/42612.html studiomusica PRESS | PR studiomusica PRESS | PR

L’ESTATE MUSICALE FESTEGGIA I PRIMI 25 ANNI    

PORTOGRUARO CAPITALE DELLA GRANDE MUSICA

con VENGEROV, MAISKY, RACHLIN, JANSEN, AMOYAL, RIZZI…

18 agosto - 11 settembre                                                                         

Torna nella suggestiva cornice di Portogruaro l’Estate Musicale, la manifestazione che trasforma la città e numerose località del territorio in un’eccezionale scatola sonora attraverso il festival, le masterclass internazionali di alto perfezionamento musicale e la 2. edizione del Concorso Internazionale per Giovanissimi Violinisti e Orchestra il Piccolo Violino Magico.
Quest’anno l’articolato calendario di appuntamenti celebra il venticinquesimo anniversario e lo fa presentando al proprio pubblico, in parte internazionale, il miglior cast artistico di sempre.
60 concerti, oltre 40 masterclass con altrettanti docenti tra i più noti a livello internazionale, 370 studenti provenienti da tutto il mondo, una giuria di nomi eccellenti per le fasi finali del Concorso (da Fabio Biondi a Marco Rizzi) cui sono stati ammessi 15 concorrenti in arrivo da 9 paesi e un turn-over, sui diversi palcoscenici del festival, che vedrà protagonisti tra il 18 agosto e l’11 settembre prossimo, oltre 300 musicisti.
Sarà la prima esecuzione mondiale del Divertimento ebraico del compositore contemporaneo Leonid Hoffman per violino solo, cantor e orchestra (solisti Pavel Vernikov e Andrei Andrianov) ad aprire ufficialmente il festival sabato 18 agosto durante un concerto che si terrà all’aperto nel chiostro del duecentesco Collegio Marconi. Hoffman presenta a Portogruaro una composizione che intende avvicinare e indagare attraverso il linguaggio musicale, alcuni importanti dogmi biblici, descrivendo momenti di tradizionale vita quotidiana ed episodi “miracolosi” della storia ebraica.
Ad affiancare, nel concerto inaugurale, questa novità assoluta i Vienna Classical Players diretti da Martin Kerschbaum renderanno anche omaggio al classicismo più canonico ed elegante attraverso due sinfonie di Franz Joseph Haydn, la Concertante op. 84 e la Oxford op. 92, due opere capitali di un Haydn maturo che all’epoca della composizione delle opere era all’apice del proprio successo negli anni londinesi. Il concerto di apertura del festival è stato reso possibile grazie al conttributo di Banca Popolare FriulAdria, dal 1988 partner dell’Estate Musicale. 
Anche quest’anno il festival, grazie alla direzione artistica di Pavel Vernikov e all’intenso lavoro organizzativo della Fondazione Musicale Santa Cecilia, si prefigge di conquistare nuovo pubblico attraverso l’eccellenza musicale del cartellone che coniuga la dimensione internazionale - grazie ai grandi interpreti in programma - con la atmosfere suggestive e intime delle sedi dei concerti. Personalità prorompenti del mondo musicale classico internazionale ospiti assidui dei più grandi teatri del mondo hanno accettato con entusiasmo di esibirsi, chi ancora una volta, chi debuttando, in questa 25. Estate Musicale. Talenti straordinari dalla tecnica raffinata e l’agenda fitta di impegni con le più grandi istituzioni musicali del mondo, molti dei concertisti e didatti ospiti hanno accettato di fermarsi qualche giorno al festival per il puro piacere di fare musica insieme, insegnare alle nuove generazioni, ascoltare i concertisti di domani. Una rara occasione, quindi, per ascoltarli immersi in un’atmosfera unica, rilassata e piacevole. Tra i nomi in cartellone Maxim Vengerov, Mischa Maisky, Julian Rachlin, Janin Jansen, Roby Lakatos, Marco Rizzi, Pierre Amoyal, il Trio Tchaikovsky e naturalmente Pavel Vernikov, direttore artistico della manifestazione. In aggiunta alla straordinaria lista di stelle della musica che si alterneranno nell’arco di tre settimane (in programma matinée, concerti pomeridiani e serali in città e serali in numerosi comuni del territorio, tra l’entroterra e il mare), il festival darà quest’anno il benvenuto ai Vienna Classical Players, che apriranno il 18 agosto la ricca serie di concerti in programma e ai Virtuosos of Yakutia, un ensemble di 14 violinisti siberiani tra i 16 e i 20 anni già vincitori di quattro concorsi internazionali. Invitati appositamente per le fasi finali del Concorso Il Piccolo Violino Magico e per le celebrazioni del venticinquesimo anniversario del festival, l’Estate Musicale accoglierà anche la Moscovia Chamber Orchestra, che sarà guidata altrenativamente da Maxim Vengerov (anche solista il 29 agosto) e da Eduard Grach, e l’Orchestra dei Ragazzi della Scuola di Musica di Fiesole, mentre la tradizionale Orchestra del Festival si formerà anche quest’anno riunendo gli allievi delle masterclass internazionali. E Portogruaro, gioiello storico-architettonico della provincia di Venezia, dopo avere negli anni moltiplicato le location dedicate ai concerti includendo alcuni tra i luoghi più suggestivi della città come il chiostro monumentale del Collegio Marconi (dove studiò anche Lorenzo da Ponte, librettista di Mozart), sede eletta del festival, o l’attigua Chiesa di San Luigi, per l’edizione 2007 ha allestito - in attesa che venga ultimato il nuovo, agognato teatro - come alternativa indoor ai concerti open air, il Palazzetto dello Sport (Via Lovisa) dove un ampio palco completato da una camera acustica lignea è destinato ad accogliere anche alcune delle produzioni in programma (come La pantomima rinata di lunedì 20 agosto).Come è ormai tradizione l’Estate Musicale trasmette la magia della musica attraverso numerosi, eterogenei appuntamenti nell’arco della giornata: laboratori, incontri-intervista, concerti degli studenti, momenti conviviali, concerti in palazzi e ville storiche.Il fondatore del festival e Direttore Artistico dell’Estate Musicale Pavel Vernikov, a proposito del venticinquesimo anniversario, ha commentato: “ Eravamo giovani, un quarto di secolo fa, quando Konstantin Bogino e io giungemmo per la prima volta a Portogruaro. Era il 1983 ed eravamo reduci da un prestigioso successo al concorso Vittorio Gui  di Firenze, il più prestigioso in Italia per la musica da camera. Portogruaro è diventata il fulcro della mia vita musicale, il luogo dove riversare le mie aspirazioni e le mie idee musicali, dove proporre la musica che amavo e che continuo ad amare. Non sento il peso del tempo trascorso se non come responsabilità e impegno d’innovazione. E l’innovazione maggiore è stata introdurre lo scorso anno la dedica alla magia del violino”.

PER IL PROGRAMMA DETTAGLIATO CON GIORNI, ORARI, ecc.:

www.fmsantacecilia.it

PREVENDITA BIGLIETTI

sul sito www.vivaticket.it e Call Center 899 666805 oppure 0424 600458

INFO: Tel. 0421/276555 - 270069

UFFICIO STAMPA: studiomusica PRESS | PR, Isella Marzocchi

059 245486 - 340/7763045 - isella.marzocchi@studiomusica.net
]]>
OMAGGIO A SINOPOLI, CONCERTO DI GIOVEDì 5 LUGLIO Wed, 04 Jul 2007 16:20:00 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/41182.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/41182.html studiomusica PRESS | PR studiomusica PRESS | PR OMAGGIO A SINOPOLI, CONCERTO DI GIOVEDì 5 LUGLIO

PORTOGRUARO (VE), 4 LUGLIO - A Portogruaro, nell'ambito della VII Edizione dell'Omaggio a Sinopoli promossa dall'Associazione Accordi in collaborazione con la Fondazione Musicale Santa Cecilia, in Piazza della Repubblica giovedì 5 luglio alle 18.30 si esibirà la Brass Ensemble della Musik und Kunstschule di Jena, che eseguirà musiche di Bach, Lesuer, Zellner oltre a una selezione di brani tradizionali. Attivo dal 2001, l'ensemble ha preso parte alla "All Germany Competition" vincendo il primo premio. Nel 2004 ha vinto il 2° premio al prestigioso Concorso Internazionale di Passau. Alle 21, invece, presso la Chiesa di San Luigi, l’Orchestra La Réjouissance ("la Gioia") sarà diretta da Elisabetta Maschio. L'Orchestra è composta da 70 giovanissimi tra gli 8 e i 18 anni e ha all'attivo un Leone d'Oro della Regione e una Medaglia d'Argento della Presidenza della Repubblica.
Ingresso libero.
Info: 0421 270069 - 276555. 










]]>
VII OMAGGIO A SINOPOLI Tue, 03 Jul 2007 15:49:00 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/41133.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/41133.html studiomusica PRESS | PR studiomusica PRESS | PR
Dal 4 al 7 luglio a Portograuro e Gruaro (VE)

C O M U N I C A T O   S T A M P A

 

OMAGGIO A GIUSEPPE SINOPOLI
A Portogruaro e Gruaro, 4 > 7 Luglio 2007
 

 

Portogruaro, 2 luglio - Dal 4 al 7 luglio a Portogruaro e a Gruaro si rinnova l’appuntamento con l’Omaggio a Giuseppe Sinopoli (VII edizione). L’iniziativa, che porterà a Portogruaro numerosi ensemble giovanili provenienti da tutta Europa, è promossa e organizzata dall’Associazione Accordi di Asolo con il contributo organizzativo della Fondazione Musicale Santa Cecilia di Portogruaro.

 

L’Omaggio, ideato nel 2001 sull’onda dell’emozione per l’improvvisa scomparsa del Maestro, è diventata un appuntamento tradizionale nel panorama musicale portogruarese e per la prima volta quest’anno si articola in una rassegna di quattro giorni che vedrà impegnati solisti, ensemble e orchestre provenienti dall’Italia e da diversi altri paesi europei, tutti rigorosamente sotto i 20 anni.

 

L’iniziativa porterà a Portogruaro e a Gruaro alcuni concerti dell’intenso programma che, grazie alle capacità del direttore d’orchestra Elisabetta Maschio, anima Asolo nei primi giorni di luglio e si colloca appunto nel solco del tradizionale omaggio al Maestro Sinopoli, che fu sempre sensibile alla formazione delle nuove generazioni di musicisti.

 

IL PROGRAMMA

 

4 luglio

A Portogruaro, mercoledì 4 luglio alle 18.30 presso Villa Martinelli, sede della Fondazione Musicale Santa Cecilia (Borgo Sant’Agnese 86) avrà luogo il recital di Miriam Prandi (violoncello, musiche di Bach e Reger), seguito alle 21 dal concerto del Gruppo d’Archi Tchaikovsky del Conservatorio di Mosca, diretto da Alvia Vandysheva (musiche di Bach, Haendel, Viotti, Paganini, Wieniawski, Tchaikovsky, Prokofiev, presso la Chiesa di San Luigi (Via Seminario 34).

 

5 luglio

Sarà sempre a Portogruaro, in Piazza della Repubblica, che giovedì 5 luglio alle 18.30 si esibirà la Brass Ensemble della Musik und Kunstschule di Jena. Alle 21, presso la Chiesa di San Luigi, l’Orchestra La Réjouissance sarà diretta da Elisabetta Maschio.

 

6 luglio

Venerdì 6 luglio alle 18.30 al Parco di Casa Favero (via Zappetti 2) a Portogruaro suonerà l’Horus Percussion Ensemble, guidata da Loris Stefanuto (musiche di Rosauro, Green, Stefanuto, Eto, Cirone, Piazzolla, Pixinguinha). L’evento sarà seguito da un aperitivo offerto dalla Tenuta Cà Basse, Az. Agricola Paolo Ziliotto e dalla Latteria di Summaga.

Alle 21 si esibirà l’orchestra Ventaglio d’arpe, diretta da Patrizia Tassini musiche di Andres, Bevilacqua, Dvorak, leontovich, Rodgers)., presso la Chiesa di San Luigi.

 

7 luglio

La rassegna si concluderà sabato 7 luglio a Gruaro, presso la Sala Consiliare, dove alle 21 si esibirà l’Ensemble D’archi del Conservatorio di Lugano, diretta da Anna Modesti.

 

Tutti gli eventi saranno ad ingresso libero e sono stati resi possibili grazie al contributo di Banca Popolare Friuladria, OCM srl e CAP Arreghini SpA.

 

 

Per informazioni: tel. 0421 270069 - 276555 e www.fmsantacecilia.it

 

UFFICIO STAMPA: Isella Marzocchi - studiomusica PRESS | PR  - isella.marzocchi@studiomusica.net - cell. 340 7763045




]]>
A PROVINCIA IN FESTIVAL I VIRTUOSI ITALIANI con ROTA, TCHAIKOVSKY E VIVALDI Tue, 03 Jul 2007 15:49:00 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/41135.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/41135.html studiomusica PRESS | PR studiomusica PRESS | PR
Verona, 2 luglio - Domenica 8 luglio alle 21 presso il Chiostro del Conservatorio “E.F. Dall’Abaco” di Verona (Via Massalongo 2) l’orchestra da camera I Virtuosi Italiani, nuova denominazione dell’Accademia I Filarmonici di Verona, torna nella propria città a testimoniare come l’attività musicale, nota ai più soprattutto per i due prinicipali appuntamenti invernali del Festival Atlantide e de I Concerti della Domenica, prosegua anche nell’estate.
 
Una tournée internazionale li ha recentemente visti esibirsi a Cracovia e a San Pietroburgo e presto li porterà, tra le altre città europee, a Belgrado (11 luglio) e a Prades (27 luglio), dove prenderanno parte al prestigioso Festival Pablo Casals.
 
Inserito nell’ambito della rassegna Provincia in Festival, il programma dell’appuntamento di domenica prevede l’esecuzione del Concerto per Archi di Nino Rota, della Serenata per archi Op. 48 di Pyotr Ilyich Tchaikovsky e Le quattro Stagioni da “Il Cimento dell’Armonia dell’Invenzione” op.8 di Antonio Vivaldi. Direttore e violino solista sarà il M° Alberto Martini.
 

Nino Rota, il cui sodalizio artistico con Federico Fellini ha reso inconfondibile la sua cifra stilistica, allievo di Paolo Delachi e Giulio Bas, ha lavorato tra gli altri per Fritz Reiner. Il debutto musicale nel cinema è con il film Zazà di Renato Castellani nel 1944. L’Oscar per la migliore colonna sonora nel 1975, con Il Padrino-Parte II. Pur essendo conosciuto soprattutto per il suo lavoro nel mondo del cinema, Nino Rota ha composto anche per il teatro ed il balletto con notevole riscontro internazionale. Il Concerto per archi, del 1964-’65 poi revisionato nel 1977, è strutturato in Preludio, Scherzo, Aria e Finale.

Pyotr Ilyich Tchaikovsky rivela nella sua musica uno spirito cosmopolita. Le sue partiture presentano tratti talora distintamente russi, sia nella predilezione per il modo minore, sia nel profilo delle melodie, talvolta ricavate dalla tradizione popolare o dalla liturgia ortodossa. Affascinato dalle possibilità espressive degli strumenti tradizionali, in particolare dei fiati, ne ha ricavato suoni e impasti originali, raffinatissimi e inconfondibili. L'importanza che attribuisce ai colori dell'orchestra è tale da relegare la produzione pianistica in secondo piano, nonostante la straordinaria fama del suo primo concerto per pianoforte e orchestra. Nella stessa Serenata per archi (completata nel novembre 1880 ed eseguita per la prima volta il 30 ottobre 1881 a San Pietroburgo) l’autore specifica addirittura: “…più grande è l’orchestra d’archi, tanto più verranno realizzati i desideri del compositore”.

 

Antonio Vivaldi, violinista e compositore, è tra i maggiori maestri della scuola barocca italiana, basata sui forti contrasti sonori e sulle armonie semplici e suggestive. La sua composizione più nota comprende quattro concerti grossi per violino, celebri come Le quattro stagioni Op. 8, no 1-4), esempio perfetto di musica a programma barocca. Vivaldi diede più evidenza alla struttura formale e ritmica del concerto, cercando ripetutamente contrasti armonici e inventando temi e melodie inconsuete. L’intuizione più felice del compositore? Comporre una musica non accademica, chiara ed espressiva, tale da poter essere apprezzata dal grande pubblico e non solo da una minoranza di specialisti. Composte nel 1723, Le quattro stagioni sono tra i più famosi concerti grossi di tutti i tempi, i primi di un ciclo di dodici, intitolato Il cimento dell'armonia e dell'inventione. Ciascun concerto si articola in tre movimenti, secondo lo schema classico Allegro-Adagio-Allegro. Ogni concerto si riferisce ad una delle quattro stagioni e rappresenta un tipico esempio di musica a programma, cioè di composizioni a carattere prettamente descrittivo.

 
 
 
 
 
 
GLI INTERPRETI
 
ALBERTO MARTINI, direttore e violino solista
Si è diplomato a pieni voti presso il Conservatorio “F.E. Dall'Abaco” di Verona. Si è poi perfezionato con il Maestro Corrado Romano al Conservatorio di Ginevra. Come solista si è esibito con molte orchestre in Italia ed all'estero (Pomeriggi Musicali di Milano, Angelicum, Istituzione Sinfonica Abruzzese, Orchestra di Lugano. Accademia I Filarmonici ecc.). Ha collaborato stabilmente come Primo Violino di Spalla con molte ed importanti orchestre tra cui quella dei Pomeriggi Musicali di Milano, del Teatro Comunale di Bologna, del Teatro Lirico di Cagliari e del Teatro alla Scala. In questi ultimi anni si è dedicato assiduamente alla musica da camera ed al repertorio dell'Orchestra da camera, collaborando con musicisti di fama internazionale come Giuranna, Larrieux, Lazar e Pavel Berman, Filippini, Damerini, Carbonare, Campanella, Carmignola... La sua attività concertistica lo porta ad essere regolarmente invitato in Francia, Germania, Spagna, Inghilterra, Stati Uniti, Giappone, Russia, Cina e Corea. Pur privilegiando il periodo barocco e classico il suo repertorio non trascura la musica romantica e quella moderna. Incide per Tactus, Naxos, Arts e Dynamic. Ha registrato l'integrale dell'Opera a stampa di Vivaldi, l'integrale dei concerti di Veracini (in prima mondiale) e l’ integrale dell'opera di Bonporti in prima mondiale. E' titolare della cattedra di violino principale e del biennio superiore specialistico presso il Conservatorio “F.A.Bonporti” di Trento.
Dalla fondazione è il leader e il primo violino dell’ ORCHESTRA I VIRTUOSI ITALIANI.
 
 
I VIRTUOSI ITALIANI
Con un’operazione del tutto innovativa nel panorama della musica classica italiana, nel corso del mese di novembre 2006 l’Orchestra Accademia I Filarmonici di Verona ha incorporato I Virtuosi Italiani, marchio che da oltre vent’anni identifica una tra le orchestre da camera italiane più prestigiose e versatili. La nuova realtà assume il nome I Virtuosi Italiani ad eccezione delle occasioni in cui l’orchestra esegue il repertorio barocco con strumenti originali, caso in cui mantiene quello originario di Accademia Barocca I Filarmonici. Come in passato l’ensemble si esibisce senza direttore, lasciando l’impostazione della concertazione al Primo Violino.
Questa fusione deriva dalla volontà di unire forze ed esperienza di due realtà fortemente connotate sia da un punto di vista artistico che manageriale e per questo assimilabili in quanto ad obiettivi futuri e storia vissuta. Infatti da tempo questi due prestigiosi ensemble lavorano nella stessa direzione per dare, nell’ambito di un presente difficile per la musica classica, continuità ad una tradizione musicale le cui caratteristiche principali sono la qualità elevata nell’interpretazione di un repertorio ampio attraverso un organico flessibile. Oltre ad un intenso calendario italiano, tra gli impegni futuri I Virtuosi Italiani nella nuova veste hanno in programma tour in Polonia, Francia, Spagna, Stati Uniti, Asia, Estremo Oriente.
 
* * * * *
Per ulteriori informazioni, interviste e accrediti la stampa è cortesemente pregata di rivolgersi a:
Isella Marzocchi - Francesca Barbieri - studiomusica PRESS | PR
tel. 059 245486 - cell. 340 7763045
Le foto ad alta risoluzione (se non inviate insieme al comunicato stampa) possono essere richieste all’ufficio stampa.
 






]]>
2 e 3 giugno, la Fondazione Musicale Santa Cecilia per la Festa della Repubblica e la Giornata Nazionale del Malato Oncologico Fri, 01 Jun 2007 07:36:00 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/39797.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/39797.html studiomusica PRESS | PR studiomusica PRESS | PR

Portogruaro (VE), 1 giugno - Sabato 2 e domenica 3 giugno in Piazza della Repubblica a Portogruaro due momenti musicali a cura della Fondazione Musicale Santa Cecilia. Sabato 2 alle ore 11, in occasione della Festa della Repubblica, il M° Mauro Valente dirigerà la banda della Fondazione Musicale Santa Cecilia che eseguirà musiche di Gustav Holst, Marc-Antoine Charpentier ed Ennio Morricone. Domenica 3 alle ore 18, in occasione della Giornata Nazionale del Malato Oncologico, si esibirà l'Ensemble di sassofoni della Scuola di Musica Santa Cecilia. La giornata è patrocinata dal Comune, dall'Asl 10 Veneto Orientale, dall'AIL, dall'Associazione In Famiglia, dal Tribunale per i Diritti del Malato e dalla Fondazione Città della Speranza. 








]]>
Conunicato stampa Fri, 01 Jun 2007 04:50:00 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/39787.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/39787.html studiomusica PRESS | PR studiomusica PRESS | PR 2 e 3 giugno, la Fondazione Musicale Santa Cecilia per la Festa della Repubblica e la Giornata Nazionale del Malato Oncologico

Portogruaro (VE), 31 maggio - Sabato 2 e domenica 3 giugno in Piazza della Repubblica a Portogruaro due momenti musicali a cura della Fondazione Musicale Santa Cecilia. Sabato 2 alle ore 11, in occasione della Festa della Repubblica, il M° Mauro Valente dirigerà la banda della Fondazione Musicale Santa Cecilia che eseguirà musiche di Gustav Holst, Marc-Antoine Charpentier ed Ennio Morricone. Domenica 3 alle ore 18, in occasione della Giornata Nazionale del Malato Oncologico, si esibirà l'Ensemble di sassofoni della Scuola di Musica Santa Cecilia. La giornata è patrocinata dal Comune, dall'Asl 10 Veneto Orientale, dall'AIL, dall'Associazione In Famiglia, dal Tribunale per i Diritti del Malato e dalla Fondazione Città della Speranza. 




Isella Marzocchi
studiomusica PRESS | PR

ufficio stampa e pubbliche relazioni per
artisti - teatri - festival - rassegne - formazione musicale - eventi

studiomusica
via farini, 53 - 41100 modena (italy)
ph.  (+39) 059.245486 - fax (+39) 059.235875
mob. (+39) 340.7763045
isella.marzocchi@studiomusica.net
www.studiomusica.net

Avvertenze Legali - D. Lgs. 196/03 - Tutela dei dati personali. Le informazioni contenute in questo messaggio di posta elettronica ed in ogni eventuale allegato, sono riservate e confidenziali e ne è vietata la diffusione, in qualunque modo eseguita. Qualora Lei non fosse la persona cui il presente messaggio è destinato, La invitiamo ad eliminarlo e a non leggerlo, dandocene gentilmente comunicazione.

Personal Data Protection  - This email is intended for the above named person and may be confidential and/or legally privileged. If this has come to you in error you must take no action based on it, nor must you copy or show it to anyone; please inform the sender immediately










]]>
Schubertiadi II: domani anche Specchi e Desderi ai "Concerti di Primavera" Mon, 21 May 2007 09:10:00 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/39250.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/39250.html studiomusica PRESS | PR studiomusica PRESS | PR Schubertiadi II: domani anche Specchi e Desderi ai "Concerti di Primavera"

Portogruaro (VE), 21 maggio - Domani 22 maggio alle 21 presso la Chiesa di San Luigi (VIa Seminario 34, Portogruaro) Claudio Desderi e Alessandro Specchi, grandi interpreti di fama internazionale e presenze 'storiche' nell'ambito dell'attività didattica della Fondazione Musicale Santa Cecilia dove anche quest'estate terranno ciascuno la consueta masterclass internazionale (l'uno di canto e l'altro di musica da camera) rievocheranno l'atmosfera delle celebri schubertiadi, le serate fra amici a base di musica, momento imprescindibile  delle giornate della società colta viennese. 
A proporre l'atmosfera dello straordinario cenacolo schubertiano attraverso l'interpretazione di una selezione dei Lieder più celebri del compositore saranno le allieve del corso di canto di Claudio Desderi  Eva Burco, Giulia Sonzin, Vèdrana Žerav, Lucia Premerl e Francesca Caligaris, accompagnate al pianoforte dal M° Alessandro Specchi.

Ingresso libero. 

Informazioni: tel. 0421 270069 - 276555
www.fmsantacecilia.it - info@fmsantacecilia.it

Claudio Desderi
Ha debuttato nel 1969 al Festival di Edimburgo interpretando Il signor Bruschino di Rossini. Da allora ha privilegiato il repertorio mozartiano e rossiniano, che ha proposto nel corso di importanti festival quali quelli di Salisburgo, Pesaro e Glyndebourne. Dal 1973 è regolarmente ospite del Teatro alla Scala dove interpreta, fra le altre cose, La Cenerentola e L'italiana in Algeri con la direzione di Claudio Abbado, nonché le opere di Mozart su libretto di Da Ponte dirette da Riccardo Muti. Il suo repertorio spazia da Monteverdi a Nono, con particolare attenzione per il genere cameristico e liederistico e per l'opera di Schumann, Schubert e Brahms. La sua carriera lo ha portato ad esibirsi all'Opéra di Parigi in Falstaff, al Covent Garden di Londra in Le nozze di Figaro e Così fan tutte, nonché a New York e Chicago in altri importanti ruoli mozartiani e rossiniani. Da diversi anni svolge un'intensa attività come Direttore d'orchestra che lo ha portato alla testa di numerose compagini italiane e straniere. Tra i prestigiosi incarichi da lui ricevuti ricordiamo la Direzione artistica del Teatro Verdi di Pisa dal 1991 al 1997nelle cui produzioni ha diretto Cenerentola e La Pietra di Paragone di Rossini (di quest'ultima ha inciso anche un CD per la Nuova Era), Rigoletto, Fastaff, La Traviata e Macbeth di Verdi e, nell'autunno 1995, Carmen di Bizet. Nel 1995 ha diretto al Teatro Bilbao una nuova produzione di Il Signor Bruschino di Rossini e, recentemente, Carmen di Bizet a Rouen, La Scala di seta a Bilbao, Don Giovanni all'Opéra di Marsiglia e Il barbiere di Siviglia a Boston. Nel gennaio 1998 ha inaugurato la stagione sinfonica all'Arena di Verona con un programma mozartiano; dal 1998 al dicembre 2001 è stato Direttore artistico del Teatro Regio di Torino. Dal 1999 è Accademico di Santa Cecilia. Attualmente è consulente artistico del Festival Verdi di Parma e, dall'agosto del 2002, sovrintendente del Teatro Massimo di Palermo ed infine Accademico di S.Cecilia.

Alessandro Specchi, pianoforte
Alessandro Specchi, nato a Milano, ha compiuto gli studi musicali a Firenze con F. Floris, perfezionandosi in seguito con Maria Tipo, Guido Agosti e Geza Anda.
Vincitore di vari concorsi nazionali ed internazionali, svolge una brillante carriera sia come solista che in gruppi cameristici, ospite delle maggiori istituzioni concertistiche in Italia e all'estero (Europa, America del Sud, Stati Uniti, Sud Africa, Canada, Australia).
Membro del Trio Mozart, ha collaborato con illustri strumentisti e cantanti come Uto Ughi, Rocco Filippini, Maria Tipo, Giorgio Zagnoni, Antony Pay, Quartetto Academia, William Parson, ecc.
Ha effettuato registrazioni per la Radio e la Televisione in Italia, Germania, Svizzera, Inghilterra.
In duo pianistico con Maria Tipo ha effettuato registrazioni discografiche per la Fonit Cetra e la Ricordi (integrale delle opere di Ravel); con il flautista Giorgio Zagnoni per la RCA e la Fonit Cetra.
In campo didattico è stato titolare di cattedra di pianoforte principale presso il Conservatorio di Firenze, tenendo inoltre corsi e seminari di perfezionamento (in Italia, Francia, Argentina, Venezuela) di pianoforte a 4 mani, musica da camera, liederistica.
È regolarmente invitato nella giuria di concorsi nazionali e internazionali di pianoforte, musica da camera, Lied.

Isella Marzocchi
studiomusica PRESS | PR

ufficio stampa e pubbliche relazioni per
artisti - teatri - festival - rassegne - formazione musicale - eventi

studiomusica
via farini, 53 - 41100 modena (italy)
ph.  (+39) 059.245486 - fax (+39) 059.235875
mob. (+39) 340.7763045
isella.marzocchi@studiomusica.net
www.studiomusica.net

Avvertenze Legali - D. Lgs. 196/03 - Tutela dei dati personali. Le informazioni contenute in questo messaggio di posta elettronica ed in ogni eventuale allegato, sono riservate e confidenziali e ne è vietata la diffusione, in qualunque modo eseguita. Qualora Lei non fosse la persona cui il presente messaggio è destinato, La invitiamo ad eliminarlo e a non leggerlo, dandocene gentilmente comunicazione.

Personal Data Protection  - This email is intended for the above named person and may be confidential and/or legally privileged. If this has come to you in error you must take no action based on it, nor must you copy or show it to anyone; please inform the sender immediately










]]>
In scena il 22, 23 e 24 maggio l'operina corale didattica La Fiaba del Bosco Mon, 21 May 2007 09:04:00 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/39251.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/39251.html studiomusica PRESS | PR studiomusica PRESS | PR In scena il 22, 23 e 24 maggio l'operina corale didattica La Fiaba del Bosco

Portogruaro (VE),  21 maggio - Dopo quattro intensi mesi di preparazione didattica, rivolta a insegnanti e allievi di scuole primarie più una per l'infanzia coinvolte nel progetto - "IV Novembre" e "G.Marconi" di Portogruaro, "G.Mazzini" di Lugugnana, "F. Filzi" e Scuola dell'Infanzia di Sindacale, nel Comune di Concordia Sagittaria - l'operina corale didattica La fiaba del bosco andrà in scena martedì 22, mercoledì 23 e giovedì 24  maggio per un totale di sette recite riservate alle famiglie e alle scuole. Il progetto “Operina Corale”, ideato da Davide Masarati (Direttore Generale della Fondazione e compositotre dell'operina), è proposto dalla Fondazione Musicale Santa Cecilia che ancora una volta dimostra come sia importante, nella crescita di un individuo, la sensibilizzazione all’arte sin dalla più tenera età. L’intento di questa iniziativa è offrire ai bambini l’occasione di vivere in prima persona l’emozione e lo “spirito di squadra” propri dell’allestimento di uno spettacolo. 5 le scuole coinvolte, per un totale di 19 classi e 319 allievi. La fase iniziale del progetto si è articolata in tre incontri (iniziati il 1 febbraio) interamente dedicati agli insegnanti delle classi aderenti, per prepararli ad essere un valido supporto nella realizzazione del progetto. I temi affrontati sono stati il canto, la recitazione, il movimento coreografico, l’allestimento scenografico e la realizzazione dei costumi (questi ultimi a cura della scenografa Caterina Ghisellini). Per l’allestimento dello spettacolo i bambini sono stati seguiti da professionisti del settore, uno per ogni diversa disciplina: la parte del canto è stata curata da docenti della Fondazione Musicale Santa Cecilia, il movimento coreografico dalle insegnanti della Scuola “Arte Danza” di Portogruaro, e la recitazione da Bruno Lovadina di Arteven.

Informazioni: tel. 0421 270069 - 276555
www.fmsantacecilia.it - info@fmsantacecilia.it


Isella Marzocchi
studiomusica PRESS | PR

ufficio stampa e pubbliche relazioni per
artisti - teatri - festival - rassegne - formazione musicale - eventi

studiomusica
via farini, 53 - 41100 modena (italy)
ph.  (+39) 059.245486 - fax (+39) 059.235875
mob. (+39) 340.7763045
isella.marzocchi@studiomusica.net
www.studiomusica.net

Avvertenze Legali - D. Lgs. 196/03 - Tutela dei dati personali. Le informazioni contenute in questo messaggio di posta elettronica ed in ogni eventuale allegato, sono riservate e confidenziali e ne è vietata la diffusione, in qualunque modo eseguita. Qualora Lei non fosse la persona cui il presente messaggio è destinato, La invitiamo ad eliminarlo e a non leggerlo, dandocene gentilmente comunicazione.

Personal Data Protection  - This email is intended for the above named person and may be confidential and/or legally privileged. If this has come to you in error you must take no action based on it, nor must you copy or show it to anyone; please inform the sender immediately










]]>
Due schubertiadi in programma il 18 e il 22 maggio per i “Concerti di Primavera” Mon, 21 May 2007 06:00:00 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/39233.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/39233.html studiomusica PRESS | PR studiomusica PRESS | PR Due schubertiadi in programma il 18 e il 22 maggio per i “Concerti di Primavera”

Portogruaro (VE), 15 maggio - Rievocano l'atmosfera delle celebri schubertiadi i due appuntamenti in programma venerdì 18 e martedì 22 maggio alle ore 21 nella Chiesa di San Luigi a Portogruaro, nell'ambito della rassegna “Concerti di Primavera”, ciclo che fino al 18 giugno vedrà esibirsi allievi e maestri dell'Accademia di Alto Perfezionamento Musicale diretta da Michele Campanella. Le schubertiadi erano riunioni domestiche durante le quali, a partire dal 1821, Franz Schubert invitava gli amici a eseguire la sua musica. L'Accademia ha voluto ripercorrere tale consuetudine in due momenti musicali che ripropongono il repertorio cameristico e liederistico tipico di quelle serate. Venerdì 18 nel corso della Schubertiade I, gli allievi Milena De Magistris (violino), Giacomo Grava (violoncello) Daniele Buccio e Davide Osellame (pianoforte) eseguiranno due sonate per pianoforte e archi, seguite dal celebre quintetto “La trota”, che vedrà protagonisti gli allievi Angelica Faccani (violino) Marco Nason (violoncello), Angelo Santisi (violoncello), Claudio Schiavi (contrabbasso) e Heike Angela Moser (pianoforte). Martedì 22 nel corso di Schubertiade II, una selezione dei più celebri lieder di Schubert verrà interpretata dalle allieve del corso di canto di Claudio Desderi, Eva Burco, Giulia Sonzin, Vèdrana Žerav, Lucia Premerl e Francesca Caligaris, accompagnate al pianoforte da Alessandro Specchi.
Ingresso Libero. 

Informazioni: tel. 0421 270069 - 276555
www.fmsantacecilia.it - info@fmsantacecilia.it





Isella Marzocchi
studiomusica PRESS | PR

ufficio stampa e pubbliche relazioni per 
artisti - teatri - festival - rassegne - formazione musicale - eventi

studiomusica 
via farini, 53 - 41100 modena (italy)
ph.  (+39) 059.245486 - fax (+39) 059.235875
mob. (+39) 340.7763045
www.studiomusica.net





]]>
Dall'Irlanda un'orchestra di giovanissimi per i Concerti del Sabato Pomeriggio Thu, 12 Apr 2007 15:10:00 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/37334.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/37334.html studiomusica PRESS | PR studiomusica PRESS | PR Dall'Irlanda il talento di un'orchestra di giovanissimi violinisti, il pomeriggio di sabato 14 aprile


Il terzo appuntamento della rassegna “I Concerti del Sabato Pomeriggio”, in programma sabato 14 aprile alle ore 17 nella Sala Colonne del Collegio Marconi ospita la giovanissima irlandese Yes Orchestra, diretta da Ronald Masin e composta dai giovani allievi della Young European Strings School of Music di Dublino. La Scuola, tra le istituzioni europee più all’avanguardia nella didattica destinata a giovanissimi talenti del violino e degli archi è stata fondata nel 1988 da Maria Kelemen e nell’arco degli ultimi diciannove anni ha avviato generazioni di piccoli musicisti allo studio nei maggiori conservatori e nelle più rinomate accademie d’Europa. In programma, alcuni dei più celebri brani del repertorio classico, con particolare attenzione ad alcuni compositori irlandesi.



Sabato 14 aprile - ore 17.00
Sala delle Colonne - Collegio Marconi

Yes Orchestra (Young European Strings School of Music)
Ronald Masin, direttore


Wolfgang Amadeus Mozart (1756-1791)
Divertimento KV 138


Fritz Kreisler (1875-1962) - Gaetano Pugnani (1731-1798)
Preludio e Allegro


Henryk Wieniawski (1835-1880)
Légende, op. 17


Raymond Deane (1953)
Five Piece Suite


Antonin Dvorák (1841-1904)
Romance


Camille Saint-Saëns (1835-1921) - Eugene Ysaye (1858-1931)
Caprice


Pablo de Sarasate (1844-1908)
Zigeunerweisen


Gioachino Rossini (1792-1868)
Sonata III in Do Magg.


Edward Elgar (1857-1934)
Serenade in Mi min., op. 20






]]>
La OGI debutta a Foggia con il nuovo organico Thu, 12 Apr 2007 13:00:00 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/37326.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/37326.html studiomusica PRESS | PR studiomusica PRESS | PR  

COMUNICATO STAMPA

 

Sabato 14 aprile la OGI - ORCHESTRA GIOVANILE ITALIANA

in concerto al Teatro del Fuoco di Foggia,

primo appuntamento in città

per i musicisti selezionati nel

1° PROGETTO SPECIALE MEZZOGIORNO

in collaborazione con il Conservatorîo “Umberto Giordano”

 

 

AppleMarkFiesole (FI), 4 aprile - Sabato 14 aprile alle ore 21.00 presso il Teatro del Fuoco di Foggia (Vico Cutino) debutterà nel primo concerto cittadino la nuova compagine orchestrale della OGI - Orchestra Giovanile Italiana, risultato delle selezioni tenutesi a ottobre 2006 nell’ambito del 1° Progetto OGI - Mezzogiorno e reso possibile dalla collaborazione tra i Conservatori Umberto Giordano di Foggia, Egidio Romualdo Duni di Matera, Arcangelo Corelli di Messina e la Scuola di Musica di Fiesole. In programma la Sinfonia n. 1 in Re Maggiore “Il Titano” di Gustav Mahler. Sul podio della prestigiosa orchestra giovanile - che nel 2004  è stata insignita del “Premio Abbiati” della Critica Musicale quale “miglior iniziativa musicale” per aver formato migliaia di professionisti, costituendo un punto di riferimento unico per la formazione del giovane musicista e una delle espressioni più felici del ruolo didattico - il M° Nicola Paszkowski. L’ingresso al concerto è gratuito.

 

I giovani componenti dell’orchestra (l’età massima è fissata a 25 anni) saranno nel corso del 2007 ospiti di numerose rassegne nazionali ed internazionali. Il tour estivo, dopo la tappa italiana al Ravenna Festival, prevede il debutto dell’OGI nei Paesi Baltici. Guidata dal M° Gabriele Ferro, la tournée vedrà l’OGI nell’Europa del Nord insieme a due solisti d’eccezione, Pavel Vernikov e Andres Mustonen, interpreti di Ex Contrario a loro dedicata dal grande compositore georgiano Gyia Kancheli, duello simbolico tra il violino classico di Vernikov e quello barocco di Mustonen, di cui è prevista una prima esecuzione nazionale allo Young Euro Classic Festival di Berlino, seguita dalla presenza al Glasperlenspiel Musica Festival di Parnu, in Estonia, al Pazaislis Music Festival di Kaunas, in Lituania e al  finlandese Turku Music Festival.

 

Facilitare l’ingresso nel percorso formativo dell’OGI ai giovani musicisti del Sud ha motivato la Scuola di Musica di Fiesole ad individuare e stabilire, in regioni come la Puglia, la Basilicata e la Sicilia, partnership con i tre conservatori partner del Progetto OGI-Mezzogiorno a cui è auspicabile che in futuro possano aggiungersene altri. Obiettivo principale del Progetto Speciale Mezzogiorno è agevolare i tanti talenti residenti nelle regioni meridionali del Paese per cui troppo spesso l’occasione di emergere è subordinata al disagio geografico.
 

L’OGI è attualmente sostenuta dalla Regione Toscana, dal Ministero per i Beni e le attività Culturali, da ARCUS e dall’Ente Cassa di Risparmio di Firenze.

 

 

 
 
Nicola Paszkowski, direttore
 

Si è diplomato in direzione d'orchestra con il massimo dei voti al Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze sotto la guida di A. Pinzauti. Ha preso parte ai corsi di perfezionamento di direzione d'orchestra tenuti da F. Leitner, C.M. Giulini, E. Tchakarov.

Attivo sia in campo sinfonico che operistico, ha collaborato con istituzioni quali l'Orchestra della Toscana, il Teatro Verdi di Pisa (Cenerentola e Elisir d'amore), l'orchestra dei Pomeriggi Musicali di Milano, il Gruppo Strumentale Musica d'Oggi di Roma, I Solisti Fiorentini, l'Orchestra Sinfonica Città di Grosseto, l'Orchestra da Camera Bruno Maderna, CittàLirica Orchestra, l'Orchestra Regionale del Lazio, l'Orchestra Haydn di Bolzano, l'Orchestra del Teatro Olimpico di Vicenza, l'Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari, l'Orchestra Filarmonica di Montecarlo, il Teatro Massimo di Palermo, l'Orchestra Filarmonica di Torino, l'Orchestra Sinfonica Siciliana.

Direttore artistico e musicale dell'Orchestra dell'Università di Firenze, nell'ottobre del 2004 ha diretto al Teatro la Pergola la prima assoluta dell'opera Il re bello di Roberto de Simone, ottenendo significativi consensi critici.

È direttore docente sia dell'Orchestra Vincenzo Galilei della Scuola di Musica di Fiesole, con la quale ha eseguito il Kyrie di G. Petrassi ripreso dalla RAI, sia, dal 2000, dell'Orchestra Giovanile Italiana ed è stato più volte invitato a dirigere in importanti stagioni concertistiche in Italia, Francia, Svizzera, Albania, Lussemburgo, Egitto.

 

PERCHÈ L'ORCHESTRA GIOVANILE ITALIANA

di Piero Farulli

 

Grazie alla Regione Toscana si è potuto avviare dal 1980 un progetto pilota per la formazione dei musicisti d'orchestra.

L'idea mi nacque a seguito delle perenni arrabbiature dell'amico Riccardo Muti che, direttore musicale dell'orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, quando faceva le audizioni per completare gli organici mi voleva sempre accanto: ma ahimè quale non era il nostro sconforto vedendo lo stato miserevole nel quale si presentavano i giovani strumentisti italiani. Per questo le orchestre erano invase da tanti ottimi musicisti statunitensi, dell'Europa dell'est, giapponesi, ben preparati nel loro paese ad affrontare questa splendida professione. Non era giusto che tanti musicisti rimanessero esclusi. Per ovviare a questa terribile deficienza, nel lontano 1978, presentai un progetto pilota di formazione orchestrale che vedeva nella musica da camera la base dello sviluppo musicale dei giovani che avrebbero dovuto

affiancare a questa lo studio puntuale della tecnica di fila e d'orchestra.

Il Progetto, presentato al Consiglio d'Amministrazione del Teatro Comunale di Firenze, fu immediatamente accolto e la

Regione lo presentò per i finanziamenti all'Unione Europea. Da allora molta acqua è passata sotto i ponti. Il panorama musicale del nostro paese è mutato anche grazie a questo nostro contributo. Centinaia sono i giovani che dopo il severo training fiesolano (training annuale di 516 giorni al mese per 10 mesi oltre a un periodo intensivo d'estate) che si è ulteriormente arricchitosi nel corso degli anni con la formazione individuale e la palestra formidabile dell'orchestra sono potuti entrare con le carte in regola in tutte le orchestre d'Europa. L'orchestra Giovanile Italiana dal 1984 è divenuta una vera e propria attività produttiva con direttori straordinari a cominciare proprio da Riccardo Muti che più volte ha generosamente guidato i nostri giovani in brevi tournée, e poi Carlo Maria Giulini, Giuseppe Sinopoli (che negli ultimi anni ha dedicato tanto del suo tempo all'Orchestra Giovanile Italiana), Eliahu Inbal, Luciano Berio, ecc.

Il vero scopo dell'Orchestra Giovanile Italiana è quello di essere un centro altamente specializzato per la creazione di musicisti d'orchestra. Una scuola insomma, che metta in grado i giovani di andare incontro al confronto comunitario con serenità, perché professionalmente capaci di competere con i confratelli europei.

Un ulteriore passo verso l'Europa si è verificato nel 1994 quando, per iniziativa dell'Orchestra Giovanile Olandese su mandato del governo di quella musicalissima nazione, si è costituita la Federazione Europea delle Orchestre Giovanili Nazionali. Da allora continuo è stato il confronto con le realtà musicali di tutta Europa; i nostri giovani hanno potuto collaborare con i loro colleghi spagnoli, tedeschi, olandesi, scozzesi, in un crescendo di contatti che ultimamente ha portato ad un intenso rapporto con la consorella Gustav Mahler Jugend Orchester e con l' Accademia dei Wiener Philarmoniker ad Attergau.

 
 

 

INFORMAZIONI

 
Scuola di Musica di Fiesole
Via delle Fontanelle 24
50016 Fiesole (FI)
 
tel. 055 597851 - 5978539 - fax 055 599686

info@scuolamusica.fiesole.fi.it

 

* * * * *

 

Per informazioni la stampa è cortesemente pregata di rivolgersi a:
 
studiomusica PRESS | PR
Isella Marzocchi
tel. 340 7763045 - 059 245486

isella.marzocchi@studiomusica.net

 










]]>