Comunicati.net - Comunicati pubblicati - BIZCOMIT.IT Comunicati.net - Comunicati pubblicati - BIZCOMIT.IT Sun, 20 Oct 2019 16:49:47 +0200 Zend_Feed_Writer 1.12.20 (http://framework.zend.com) http://comunicati.net/utenti/5856/1 SAES Getters: video presentazione laboratori ricerca e sviluppo Fri, 04 Oct 2019 19:07:37 +0200 http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/601744.html http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/601744.html BIZCOMIT.IT BIZCOMIT.IT SAES Getters è una società che produce materiale funzionale avanzato, advanced functional materials . Sono nuove famiglie e nuovi composti di materiali “funzionali”, materiali dotati di speciali caratteristiche di utilizzo che trovano impiego in svariati settori: consumer electronics, domotica, automotive, acceleratori di particelle, purificazione dei gas e altre nuove frontiere ancora da scoprire.

SAES Getters può farlo grazie alle sue competenze uniche nella Scienza dei Materiali, che si traducono nell’attività di innovazione radicale del dipartimento di R&D.

Per la promozione della propria attività di ricerca SAES Getters ha da poco rilasciato una presentazione aziendale destinata alla proiezione su maxi schermi in occasione delle prossime fiere in cui parteciperà. Si tratta di una serie di immagini girate in occasione di una più articolata produzione video che si è svolta all’interno dei reparti che compongo i laboratori e che illustrano la ricerca che viene portata avanti in settori diversi. E’ importante infatti per l’Azienda mostrare come un attività così critica sia svolta costantemente al proprio interno.

È così che SAES Getters garantisce il proprio presente e il proprio futuro, creandosi il mercato industry per industry mediante un asset fondamentale: la diversificazione tecnologica, che mantiene e rafforza le tecnologie storiche sviluppando nuovi core business, come quello delle leghe a memoria di forma e prodotti chimici funzionali.

Per questo motivo i processi e le scoperte si adeguano alle tecnologie e alle esigenze di ogni mercato, garantendo stabilità all’azienda sia nel breve che nel lungo temine. Oggi SAES è presente in Europa, Asia, U.S.A. attraverso “sales & service locations” e “manufacturing locations”.

Da oltre 70 anni SAES Getters rappresenta il vertice dell’avanguardia tecnologia; è al contempo leader e pioniere perché guarda continuamente al futuro per esplorare e integrare processi di innovazione.

Il video istituzionale, girato presso l’impianto di Lainate, mostra come Saes disponga un’ evoluto sistema di laboratori, integrati tra loro, che assolvono ad una duplice funzione: ricerca e sviluppo pura e produzione su piccoli lotti prima di iniziare la diffusione su vasta scala.

video_aziendali_saes_laboratori

In settanta, anni Saes ha realizzato 300 invenzioni e attualmente circa 8-10 invenzioni all’anno sono tutelate dal deposito delle domande di brevetto

Nella presentazione azienda si assiste a come i laboratori siano dotati di infrastrutture allo stato dell’arte e si estendano su una superficie di oltre 3300 m².
Qui operano più di 150 collaboratori specializzati, i quali svolgono attività di sviluppo, ricerca e innovazione (RDI) a livello internazionale: l’equivalente di circa il 17% del Gruppo.

Il 50% risulta laureato (principalmente in Fisica, Chimica, Ingegneria e Scienza dei Materiali)
Il 20% dei laureati ha completato un dottorato di ricerca e negli ultimi di vent’anni sono stati pubblicati 233 articoli scientifici in atti di conferenze

I video industriali sono stati prodotti da Giuseppe Galliano Studio, casa di produzione specializzata in comunicazione aziendale e riprese in aree produttive

Giuseppe Galliano Studio
C.so Cavallotti 24
28100 NOVARA ITALY
www.giuseppegalliano.it

]]>
F&P Wine Group presente a “I Migliori Vini Italiani di Luca Maroni” ad Amburgo Fri, 04 Oct 2019 17:21:54 +0200 http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/601745.html http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/601745.html BIZCOMIT.IT BIZCOMIT.IT 21 ottobre 2019 – Hotel Atlantic Kempinski – Amburgo

Il Gruppo piacentino F&P Wine Group sarà protagonista il 21 ottobre a “I Migliori Vini Italiani di Luca Maroni” ad Amburgo. Un appuntamento importante per il brand che offrirà l’occasione per raggiungere migliaia di potenziali clienti, operatori di settore, importatori, imprenditori e appassionati di vino.

F&P Wine Group nasce nel 2018, quando le famiglie Ferrari e Perini decidono di unire sotto un unico nome i 5 marchi storici di loro proprietà: Il Poggiarello, Perini&Perini, Costa Binelli, Borgofulvia e 4 Valli. Partecipare a “I Migliori Vini Italiani di Luca Maroni” sarà per F&P Wine Group un’occasione importante per aumentare i propri contatti di business grazie alla presenza dei principali operatori di settore e della stampa. L’edizione di Amburgo, come tutti gli altri eventi firmati Luca Maroni, viene infatti organizzata selezionando le migliori aziende del settore con l’ottica di creare nuove opportunità commerciali.

L’elegante location dell’Hotel Atlantic Kempinski accoglierà per tutta la giornata il pubblico composto da appassionati, importatori, distributori e agenti. Tutti avranno la possibilità di partecipare ad un ricco programma di degustazioni guidate e di presentazioni culturali, pensato per far conoscere meglio le diverse realtà partecipanti. F&P Wine Group sarà presente con un desk espositivo che darà l’opportunità di degustare e scoprire una selezione delle migliori etichette del Gruppo tra cui:

  • Sauvignon Emilia IGT Perticato Il Quadri de Il Poggiarello (medaglia d’oro al “Berliner Wein Trophy”)
  • Gutturnio Superiore DOC La Barbona de Il Poggiarello (medaglia d’oro al “Berliner Wein Trophy”)
  • Malvasia Spumante Dolce di Perini&Perini (da anni miglior spumante dolce d’Italia, premiato da Luca Maroni appunto)
  • Ortrugo Dei Colli Piacentini DOC Impero di Borgofulvia (medaglia d’oro al “Berliner Wein Trophy”)

Per ulteriori informazioni:
Digital PR a cura di Blu Wom Milano
www.bluwom-milano.com
p.fabretti@bluwom-milano.com

]]>
That’s Mobility 2019 guida il dibattito sulla smart mobility in Italia Fri, 04 Oct 2019 15:30:46 +0200 http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/601746.html http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/601746.html BIZCOMIT.IT BIZCOMIT.IT Chiusa con successo + 43%, con 2.355 visitatori la seconda edizione di THAT’S MOBILITY, l’evento dedicato alla mobilità elettrica che si è svolto dal 25 al 26 settembre presso il MICO, Centro Congressi di Fiera Milano, confermandosi guida del dibattito sulla smart mobility nel nostro paese.

Milano, 3 ottobre 2019 – Ottimi risultati per la seconda edizione di THAT’S MOBILITY, la Conference&Exhibition dedicata alla mobilità elettrica, organizzata da Reed Exhibitions Italia in partnership con l’Energy&Strategy Group della School of Management del Politecnico di Milano che si è svolta dal 25 al 26 settembre 2019 presso il MICO, Centro Congressi di Fiera Milano, che si conferma appuntamento di riferimento e di guida del dibattito sulla smart mobility nel nostro paese.

THAT’S MOBILITY 2019, con un parterre di 54 aziende/partner ha catturato l’interesse di 2.355 operatori professionali, registrando un + 43% rispetto alla prima edizione del 2018 (1.645 presenze), di cui 85% dal Nord, 10% dal Centro e il 3% dal Sud e isole, presente anche una piccola quota, pari al 2%, di professionisti esteri. Un pubblico rappresentativo di tutti i comparti coinvolti nell’e-mobility: dal settore dell’energia (34%), a quello della progettazione e energy management (20%), dall’automotive ai servizi e componenti (27%), dagli ambiti di applicazione e utilizzo (10%) per finire con il mondo della ricerca, delle Università e Scuole (8%).

Molto apprezzata anche l’ampia area espositiva dove è stato possibile, fra un workshop e l’altro, entrare in contatto con i key player del settore per scoprire quanto di più innovativo il mercato propone in materia di. dispositivi e sistemi di ricarica, servizi di ricarica on demand, soluzioni di storage e di accumulo, multi-utility, servizi di leasing, sharing e relativi accessori, e naturalmente una vetrina di auto, moto, scooter, biciclette a pedalata assistita fino ai nuovi mezzi di micro mobilità, e riuscire così a sviluppare nuovi contatti di business.

I lavori della seconda edizione di THAT’S MOBILITY sono stati aperti, il 25 settembre 2019, in una sala affollatissima, dal benvenuto di Massimiliano Pierini, Managing Director di Reed Exhibitions Italia, seguito dai preziosi contributi di Marco Granelli, Assessore alla Mobilità e Lavori Pubblici del Comune di Milano, del Senatore Gianni Girotto, Presidente della 10a Commissione permanente (Industria, commercio, turismo) via skype, e da quello di Umberto Bertelè, Professore Emerito del Politecnico di Milano, che ha commentato i dati dello Smart Mobility Report 2019, presentati da Vittorio Chiesa, Direttore dell’Energy&Strategy Group della School of Management del Politecnico di Milano.  Uno Smart Mobility Report 2019, ricchissimo di informazioni e di analisi dettagliate sui principali macro-trend, che stanno ridisegnando il mondo della mobilità verso la smart mobility, dall’elettrificazione alla sharing mobility fino al Veichle–Grid Integration. Entrando nel dettaglio dello scenario italiano, infatti, emerge un mercato che, anche se ancora di nicchia, presenta dati in crescita: 6.000 le auto elettriche pure vendute nei primi sette mesi del 2019, ben un migliaio in più rispetto a tutto il 2018, con una crescita del 113% sullo stesso periodo dell’anno precedente. Un trend di crescita che potrebbe spaziare al 2030 da 2,5 a 7 milioni di veicoli elettrici in Italia; uno scenario “base”, con le nuove auto elettriche che arrivano a coprire il 30% delle immatricolazioni totali solo nel 2030 (dall’1,5% del 2020); uno “moderato”, dove invece già nel 2025 raggiungono il 23% e addirittura il 55% nel 2030 (110 volte la percentuale del 2018), con 5,4 milioni di auto elettriche che rappresentano il 13% per parco circolante; uno “accelerato”, con 7 milioni di veicoli elettrici in circolazione al 2030 ed il 65% di nuove immatricolazioni elettriche nell’anno, trainate dai mezzi full electric (85% del mix). In tutti e tre gli scenari, l’impatto “vero” arriva verso il 2025, coerentemente con quanto previsto nella bozza di PNIEC, cui segue una crescita molto sostenuta tra il 2025 e il 2030. 

Il programma di THAT’S MOBILITY 2019 ha alternato momenti di approfondimento generale con specifici di confronto e dialogo con le aziende, su alcuni degli aspetti più significativi dello Smart Mobility Report, come “La Smart Mobility in Italia, un futuro promettente: quali fattori per abilitare il “cambio di passo”?Non solo “elettrificazione”: dall’x-sharing al vehicle-grid integration, il ruolo atteso della Smart mobility per il sistema-Paese”, per finire con “Smart mobility, un nuovo “paradigma” di mobilità: quali sfide per i technology provider?”

Sale gremite e ampio dibattito anche per gli altri appuntamenti in calendario che hanno spaziato da: La mobilità elettrica nella Pubblica Amministrazione, un focus speciale sul Comune di Milano e sulla particolare case history dei Comuni della Val Seriana, a Fotovoltaico e Mobilità Elettrica, oltre la naturale convergenza, ai dati di Mobilitaria – Europa 2030. Tecnologie e soluzioni energetiche per la decarbonizzazione dei trasporti.  A THAT’S MOBILITY sì è parlato anche di Mobilità Elettrica e nuove opportunità, con un confronto sulla normativa delle stazioni di ricarica nei condomini, sulle nuove possibilità e gli scenari futuri del mondo dell’hotellerie e di quello della nautica, per finire con il Tesla Owners Italia Forum: il punto di vista di chi usa tutti i giorni l’auto elettrica e non solo. La chiusura dei lavori è stata affidata alla presentazione dei dati dei sondaggi, Mobilità alla Spina, (in collaborazione con Fleet Magazine) dedicato alla mobilità elettrica nell’ambito delle flotte aziendali e Start City! (in collaborazione con Nuova Energia), un’indagine rivolta al grande pubblico alla scoperta delle leggende metropolitane più diffuse tra i potenziali utenti dell’auto elettrica.

“L’obiettivo di THAT’S MOBILIITY 2019 – dichiara Massimiliano Pierini, Managing Director di Reed Exhibitions Italia, –  è quello di mettere in contatto le aziende produttrici di tecnologie, soluzioni e servizi, con un pubblico qualificato e interessato, con l’intento riuscire a creare un punto di riferimento, annuale, efficace e soprattutto offrire spunti concreti di business e di dibattito per tutti gli attori di una filiera in costante crescita.”

 “La partnership con THAT’S MOBILITY, dichiara Vittorio Chiesa, Direttore dell’Energy&Strategy Group della School of Management del Politecnico di Milano, si sta dimostrando un palcoscenico importante per poter approfondire, con appuntamenti specifici, i risultati più significativi che emergono dal nostro annuale Report.”

Tutti gli aggiornamenti su THAT’S MOBILITY sono disponibili su: www.thatsmobility.it e sul profilo Instagram, LinkedIn, e Facebook..

THAT’S MOBILITY – è una Conference&Exhibition di proprietà di Reed Exhibitions, il leader mondiale nell’organizzazione di fiere e congressi che gestisce oltre 500 eventi in 30 Paesi che hanno registrato più̀ di 7 milioni di partecipanti nel 2018. Reed Exhibitions conta 38 sedi in tutto il mondo a disposizione di 43 settori industriali. Reed Exhibitions fa parte di RELX Group plc, leader mondiale nella fornitura di soluzioni e servizi per clienti professionali in numerosi comparti di business.

Ufficio Stampa: Flaminia Parrini, Reed Exhibitions Italia, tel. +39 02/43517038, flaminia.parrini@reedexpo.it

]]>
FA mostra audio-visiva: Festa dei nonni 2019 “Più la vita ti segna, più valore ha” Thu, 03 Oct 2019 17:20:34 +0200 http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/601747.html http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/601747.html BIZCOMIT.IT BIZCOMIT.IT Il 5 ottobre Daiichi Sankyo festeggerà i nonni con una mostra e screening gratuito della FA presso la Galleria Alberto Sordi a Roma

Il prossimo 5 ottobre anche Daiichi Sankyo Italia festeggerà i nonni, con una mostra audio-visiva e un corner dedicato allo screening gratuito della fibrillazione atriale, all’interno della Galleria Alberto Sordi di Roma. Prossime tappe Milano e Napoli a novembre e dicembre.

Roma, 2 ottobre 2019 – Alberto l’anziano geriatra, Arturo il nonno dalle soluzioni semplici, zio Primo di fronte alle SS, sono alcune delle 20 storie in cui ogni ruga è un’esperienza da tramandare alle future generazioni, storie che si potranno ascoltare il prossimo 5 ottobre in “Più la vita ti segna, più valore ha”, una mostra audiovisiva interattiva che Daiichi Sankyo Italia allestirà nella galleria Alberto Sordi di Roma in occasione della Festa dei Nonni. Alla fine del percorso sarà possibile effettuare anche lo screening gratuito per la fibrillazione atriale, con medici cardiologi che utilizzeranno un device di ultima generazione. Le prossime tappe saranno Milano e Napoli, che ospiteranno l’iniziativa rispettivamente a novembre e dicembre.

Interagendo con i volti e i dettagli catturati dalla fotografa Valentina De Santis, sarà possibile ascoltare le storie di donne e uomini, di nonni, zii e genitori che continuano a lasciare una traccia indelebile nella vita dei loro cari e della società, storie esemplari tra milioni di altre che fanno parte della vita di ognuno di noi, e selezionate tra i racconti che figli e nipoti hanno inviato a Daiichi Sankyo, partecipando al contest che l’azienda farmaceutica ha lanciato sui suoi canali social.

Perché lo screening della Fibrillazione Atriale: Circa il 96% dei pazienti affetti da FA è a rischio di ictus, terza causa di morte, ma prima causa di invalidità. Il 20-30% di tutti i casi di ictus è attribuibile a questa aritmia molto comune, e la percentuale aumenta in modo drammaticamente significativo con l’avanzare dell’età. In questo contesto, prevenzione e diagnosi precoce risultano fondamentali per promuovere l’invecchiamento attivo e migliorare la qualità di una vita che, grazie ai progressi della scienza, è sempre più lunga.

Al termine del percorso, i visitatori potranno dunque effettuare uno screening gratuito della Fibrillazione Atriale con medici cardiologi, grazie alla collaborazione della VIOLATECH, nota azienda di tecnologie biomedicali e telemedicina, che ha fornito un device di ultima generazione. Basterà impugnare con entrambe le mani questo strumento a forma di bacchetta per 60 secondi, per registrare una traccia elettrocardiografica che consentirà di rilevare l’eventuale presenza di un’alterazione del ritmo cardiaco. Ai partecipanti, inoltre, verrà distribuito del materiale informativo con le informazioni essenziali sulla patologia, i fattori di rischio modificabili e la prevenzione.

“In quest’epoca di profonda crisi economica e valoriale, gli anziani rappresentano ancora un supporto per i loro figli, e in qualità di nonni un punto di riferimento educativo per le future generazioni. E questo è tanto più vero nel nostro Paese. Ecco perché i nostri anziani rappresentano un’importante risorsa sociale che noi tutti dobbiamo impegnarci a valorizzare. – spiega Massimo Grandi, Presidente e Amministratore Delegato di Daiichi Sankyo Italia – E proprio per ricordarlo abbiamo deciso di allestire questa mostra, che è solo una delle tante iniziative della campagna di sensibilizzazione che stiamo realizzando a supporto della promozione dell’invecchiamento attivo, del miglioramento della qualità di vita, anche nelle sue fasi più avanzate, affinché nessuno venga escluso e sia riconosciuto il valore di ognuno, a qualunque età”.

Per maggiori info visita: sicurotuttalavita.it; la pagina Facebook Cura il tuo cuore e il canale Twitter Daiichi Sankyo Italia.

FonteDaiichi Sankyo Italia

Daiichi Sankyo
Daiichi Sankyo è un Gruppo attivamente impegnato nello sviluppo e nella diffusione di terapie farmaologiche innovative con la mission di migliorare gli standard di cura a livello globale e di colmare i diversi bisogni dei pazienti ancora non soddisfatti, grazie ad una ricerca scientifica e una tecnologia di prima classe. Con più di 100 anni di esperienza scientifica e una presenza in più di 20 Paesi, Daiichi Sankyo e i suoi 15.000 dipendenti in tutto il mondo, possono contare su una ricca eredità di innovazione e una valida linea di farmaci promettenti per aiutare le persone. Oltre a mantenere il suo solido portafoglio di farmaci per il trattamento delle malattie cardiovascolari, e con la Vision del Gruppo al 2025 di diventare una “Global Pharma Innovator con vantaggi competitivi in area oncologica”, Daiichi Sankyo è impegnata nella ricerca di nuove terapie oncologiche e in altre aree terapeutiche incentrate su malattie rare e disordini immunitari.
Per maggiori informazioni visita il sito http://www.daiichi-sankyo.it

Contatti
Daiichi Sankyo
Elisa Porchetti
Tel.+39 0685255-202
elisa.porchetti@daiichi-sankyo.it

Valeria Carbone Basile
Tel: +39 339 1704748
valeria.carbonebasile@gmail.com

]]>
Le ultime iscrizioni agli eventi di AiFOS per Ambiente Lavoro Thu, 03 Oct 2019 11:47:52 +0200 http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/601753.html http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/601753.html BIZCOMIT.IT BIZCOMIT.IT Ancora pochi posti disponibili per gli eventi che AiFOS organizza ad Ambiente Lavoro di Bologna il 15 al 17 ottobre: DPI vie respiratorie, smart working, processi formativi, multitasking, manager HSE, diversity management, veicoli elettrici, …

Mancano ormai poche settimane alla manifestazione “Ambiente Lavoro” (Salone della Salute e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro) di Bologna, uno dei punti di riferimento per gli operatori che operano nel settore. E come ogni anno l’Associazione Italiana Formatori ed Operatori della Sicurezza sul Lavoro (AiFOS) partecipa attivamente alla manifestazione con numerosi convegni, workshop e incontri.

Se quest’anno ad “Ambiente Lavoro” (15/17 ottobre 2019) l’Associazione AiFOS organizza ben 2 convegni e 12 workshop, su varie tematiche, alcuni di questi incontri risultano già esauriti. Per venire incontro alle esigenze di tutti coloro che vorrebbero usufruire di questi importanti momenti di informazione e di crescita professionale, segnaliamo gli eventi per i quali è ancora possibile iscriversi.

I workshop di AiFOS ad Ambiente Lavoro 2019

Questi i workshop, organizzati a Bologna dall’Associazione AiFOS, che hanno ancora disponibilità di posti.

Workshop – La flessibilità come opportunità: nuove forme contrattuali

Lo scopo del workshop è comprendere quali siano le regole di riferimento e le migliori procedure di gestione della salute e sicurezza nel lavoro agile, con particolare riguardo alla necessità di valutare i rischi prevenzionistici della prestazione lavorativa svolta all’esterno rispetto alla sede usuale di lavoro.

Mercoledì 16 ottobre – 9.15/11.15
Sala Allegretto – Centro Servizi Blocco C
Evento valido per n. 2 crediti di aggiornamento valevoli per le seguenti figure professionali: Formatore (area 1), RSPP/ASPP, CSP/CSE, RLS.

Workshop – Il FIT-TEST: la protezione efficace delle vie respiratorie

I DPI per le vie respiratorie sono considerati di terza categoria, hanno quindi la funzione di proteggere il lavoratore da danni gravi o permanenti e dal rischio di morte. Dopo aver individuato il DPI più idoneo è necessario passare alla fase di validazione dello stesso ed all’addestramento dei lavoratori. La prova di tenuta tramite FIT-TEST è in grado di valutare se il DPI scelto abbia un’aderenza corretta sul viso del lavoratore e quindi se sia in grado di proteggerlo adeguatamente dai rischi presenti. Il FIT- TEST permette anche al lavoratore di apprendere il modo corretto di utilizzo del dispositivo fornito.

Mercoledì 16 ottobre – 14.30/16.30
Sala Allegretto – Centro Servizi Blocco C
Evento valido per n. 2 crediti di aggiornamento valevoli per le seguenti figure professionali: Formatore (area 2), RSPP/ASPP, CSP/CSE, RLS.

Workshop – La gestione dei processi formativi: dall’analisi dei bisogni alla verifica delle ricadute formative

L’efficacia della formazione si concretizza nel trasferimento al lavoro di quanto appreso e nell’uso delle conoscenze e delle capacità in maniera coerente con gli obiettivi dell’organizzazione. Il corso si propone, attraverso un percorso metodologico, di verificare quanto l’iniziativa formativa sia stata efficace per lo sviluppo ed il miglioramento delle competenze in termini di apprendimento, variazione positiva dei comportamenti, gradimento e di quantizzare, attraverso appositi ed appropriati indicatori, il miglioramento del livello di performance dell’organizzazione aziendale raggiunto a distanza di tempo grazie all’iniziativa formativa.

Mercoledì 16 ottobre – 9.30/11.30
Saletta AiFOS – Pad. 22 – Stand B16
Evento valido per n. 2 crediti di aggiornamento valevoli per le seguenti figure professionali: Formatore (area 3), RSPP/ASPP, CSP/CSE, RLS.

Workshop – Multitasking: valore o rischio per il lavoratore?

Il workshop analizza come nascono le worst practices ed evidenzia, attraverso esercizi metaforici, alcune modalità per arginare le attività limitanti/negative così da poterle sostituirle con quelle positive e coerenti per promuovere operativamente il miglioramento della salute e sicurezza nel proprio contesto lavorativo.

Giovedì 17 ottobre – 9.15/11.15
Sala Allegretto – Centro Servizi Blocco C
Evento valido per n. 2 crediti di aggiornamento valevoli per le seguenti figure professionali: Formatore (area 3), RSPP/ASPP, CSP/CSE, RLS.

Workshop – Il manager HSE: formazione e ruolo

A distanza di alcuni mesi dall’entrata in vigore della norma UNI 11720:2018 è giunto il momento di fare chiarezza sulla figura del manager HSE – Health, Safety Environment. Il gruppo di Lavoro UNI ha identificato un percorso formativo per la qualificazione di tale figura che prevede il raggiungimento di un monte ore minimo in ciascuna delle cinque aree di riferimento: area organizzativa e gestionale, area giuridica, area sicurezza sul lavoro, area salute occupazionale ed area ambientale. Durante il workshop si entrerà nel merito della questione e nei contenuti della norma.

Giovedì 17 ottobre – 11.30/13.30
Sala Allegretto – Centro Servizi Blocco C
Evento valido per n. 2 crediti di aggiornamento valevoli per le seguenti figure professionali: Formatore (area 1), RSPP/ASPP, CSP/CSE, RLS.

Workshop – Diversity Management: un’opportunità per un’organizzazione sana e produttiva

Le formatrici si soffermeranno su ricerche, dati e strumenti, anche normativi, che possono rendere un’organizzazione più sana, sicura e produttiva, proprio grazie alla adeguata gestione di ciò che è diverso, con interventi mirati a rafforzare la cultura di appartenenza, a fornire strumenti pratici che migliorino anche le relazioni interpersonali e quindi riducano lo stress percepito.

Giovedì 17 ottobre – 14.30/16.30
Sala Allegretto – Centro Servizi Blocco C
Evento valido per n. 2 crediti di aggiornamento valevoli per le seguenti figure professionali: Formatore (area 2), RSPP/ASPP, CSP/CSE, RLS.

Workshop – Comunicare in modo dinamico e integrato: Yin e Yang della sicurezza

Quando si parla di sicurezza spesso ci si imbatte nella logica degli opposti, le dissonanze del sistema secondo cui c’è antitesi tra dire e non dire, tra produzione e sicurezza, tra formazione teorica ed esperienziale. Come uscirne?

Giovedì 17 ottobre – 10.30/12.30
Saletta AiFOS – Pad. 22 – Stand B16
Evento valido per n. 2 crediti di aggiornamento valevoli per le seguenti figure professionali: Formatore (area 3), RSPP/ASPP, CSP/CSE, RLS.

Workshop gratuito – La sicurezza dei veicoli elettrici: l’esperienza della scuderia E-Agle Trento Racing Team

Il grande sviluppo del mercato delle vetture elettriche pone il problema della tutela degli operatori ed utilizzatori di tali veicoli: sotto esame sono le fasi di progettazione, costruzione ed utilizzo di veicoli a trazione esclusivamente elettrica. Nel workshop si parlerà di problemi legati al lavoro su auto elettriche, di sistemi di controllo, di pulsanti di emergenza, di DPI, di procedure di sicurezza, e molto altro. E-Agle Trento Racing Team presenterà l’esperienza maturata da 70 studenti dell’Università degli Studi di Trento che – senza alcun supporto tecnico da parte di aziende esterne – hanno progettato, realizzato, testato e messo in pista un’auto da corsa elettrica dotato di due motori elettrici da 80 kW ognuno alimentati da una batteria con tensione nominale di 380V.

Martedì 15 ottobre – 10.00/12.00
Martedì 15 ottobre – 14.00/16.00
Saletta AiFOS – Pad. 22 – Stand B16
Evento valido per n. 2 crediti di aggiornamento valevoli per le seguenti figure professionali: Formatore (area 2), RSPP/ASPP, CSP/CSE, RLS.

Questo è il link per avere informazioni e iscriversi agli eventi:
https://aifos.org/home/eventi/fiere/ambiente_lavoro_2019

Per informazioni:

Sede nazionale AiFOS: via Branze, 45 – 25123 Brescia c/o CSMT, Università degli Studi di Brescia tel.030.6595031 – fax 030.6595040 info@aifos.it  – convegni@aifos.it

03 ottobre 2019
Ufficio Stampa di AiFOS
ufficiostampa@aifos.it

]]>
Diners Club International: un tripudio di musica e profumi alla serata di apertura “Welcome Back” della kermesse Taste of Roma Wed, 02 Oct 2019 15:56:41 +0200 http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/601377.html http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/601377.html BIZCOMIT.IT BIZCOMIT.IT Auditorium Parco della Musica – evento del 19 settembre 2019

L’Opening Night del Taste of Roma del 19 settembre 2019 ha visto protagonista Diners Club International, main sponsor della manifestazione per il secondo anno consecutivo, che ha dato il benvenuto a tutti gli amanti del “fine dining” con una serata speciale “Welcome back” all’insegna della convivialità e dell’allegria.

Molte le personalità di spicco presenti per l’occasione all’interno della Vip Lounge by Diners Club International che hanno avuto la possibilità di degustare in anteprima le proposte create dallo chef di fama internazionale Heinz Beck, dallo chef stellato Ciro Scamardella e dal giovane chef Daniele Lippi.

La serata inaugurale “Welcome Back”, organizzata da Diners Club International, è stata un tripudio di musica e profumi, tra piatti gourmet e vini pregiati. Sheryl Yasger – Vice President di Diners Club International e Giglio Del BorgoCEO di Diners Club Italia,hanno più volte sottolineato il concetto di Club come Casa, intesa come ambiente accogliente e ospitale a cui sentire di appartenere (o belong, per citate il claim di Diners Club), attraverso il concetto “fine dining” che è parte del DNA del Brand.

Con la propria partecipazione al Festival, per il secondo anno consecutivo, Diners Club celebra la continuità e l’attenzione verso l’alta cucina e strizza l’occhio al futuro con importanti iniziative nel mondo del food.

Durante tutti e 4 i giorni della manifestazione, l’elegante Vip Lounge by Diners Club International ha accolto i propri Soci con coccole speciali a loro riservate grazie a un pacchetto creato ad hoc per i titolari di Carta: dal fast track, all’open bar, al servizio concierge.

]]>
Balabala accelera l’innovazione di prodotto con Centric PLM Wed, 02 Oct 2019 15:55:02 +0200 http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/601381.html http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/601381.html BIZCOMIT.IT BIZCOMIT.IT

Il brand cinese di abbigliamento per bambini utilizza Centric PLM kidswear per promuovere rinnovamento e strategie di prodotto per una crescita competitiva

CAMPBELL, California, 1 ottobre 2019 – Balabala, brand cinese di primo piano nel settore kidswear, ha scelto la soluzione PLM (Product Lifecycle Management) di Centric Software. Centric Software offre le soluzioni enterprise più innovative ad aziende di moda, retail, calzature, articoli per l’outdoor, prodotti di lusso e di largo consumo per aiutarle a realizzare obiettivi strategici e operativi di trasformazione digitale.

Balabala è un marchio internazionale di abbigliamento per bambini fondato dal Gruppo Semir nel 2002 ed è specializzato in abbigliamento, calzature e accessori per bambini e ragazzi da 0 a 16 anni. Con quasi 5.000 negozi e corner di vendita in 31 province, città e distretti della Cina, Balabala è il marchio di abbigliamento per bambini e ragazzi con la rete di vendita più estesa e il volume di affari più considerevole del paese.

A fronte dei cambiamenti demografici e dei modelli di consumo del mercato cinese, Balabala ha bisogno di approfonditi insight digitali sul comportamento dei consumatori e sui trend dominanti, così da accelerare la ricerca e lo sviluppo dei propri prodotti e rispondere in modo adeguato. L’implementazione di un PLM per il kidswear e di una soluzione PLM per il lifestyle è la chiave della loro strategia digitale.

“Oggi Balabala è un’azienda di abbigliamento. Tuttavia, in linea con i cambiamenti del mercato, in futuro diventeremo un’azienda di lifestyle”, dichiara Zhong Deda, General Manager della Business Division di Balabala. “Per questo nei prossimi due o tre anni il rinnovamento dei prodotti costituirà la nostra strategia più importante, ed è qui che il PLM gioca un ruolo vitale.”

Al termine di un ampio processo di selezione, Balabala ha scelto Centric PLM per marchi kidswear e lifestyle sulla base dell’eccellente reputazione di Centric Software.

Come afferma Zhong, “Con Centric PLM, intendiamo differenziare la produzione, lo sviluppo e la vendita di varie linee di prodotto, creare una solida struttura di prodotto che soddisfi le esigenze di più categorie, canali e mercati globali e standardizzare i processi aziendali che consentono la gestione e il trasferimento di tecnologia e cultura.”

Jin Jing, CIO di Semir Group, aggiunge: “Centric PLM va oltre l’ottimizzazione dei processi aziendali di Balabala, promuovendo e aumentando la creazione di valore nell’organizzazione. Con il supporto di Centric Software, Balabala si sta trasformando più rapidamente in un’azienda basata sull’ informazione, digitalizzata e intelligente.”

“Diamo il benvenuto a Balabala, il nostro più recente partner in Cina”, afferma Chris Groves, Presidente e CEO di Centric Software. “Balabala persegue una forte strategia digitale per trasformarsi in un’azienda di lifestyle e siamo lieti che abbia scelto Centric PLM come base digitale per la crescita.”

Balabala (www.balabala.com.cn)

Balabala è un marchio Semir lanciato nel 2002 e specializzato in moda internazionale per bambini. Si dedica alla creazione di un lifestyle per bambini offrendo capi comodi con un design alla moda, alta qualità e un vasto assortimento. Il brand offre alla nuova generazione di famiglie un’esperienza di shopping concentrata in un unico punto vendita. Balabala produce abbigliamento, calzature e accessori per bambini e ragazzi da 0 a 16 anni.

Con quasi 5.000 negozi e corner di vendita in 31 province, città e distretti della Cina, Balabala è il marchio di abbigliamento per bambini e ragazzi con la rete di vendita più estesa e il volume di affari più considerevole del paese.

Centric Software (www.centricsoftware.com)

Dalla sua sede nella Silicon Valley, Centric Software fornisce una piattaforma di Trasformazione Digitale alle aziende più prestigiose che operano nei settori della moda, del retail, delle calzature, dei prodotti per l’outdoor, dei beni di lusso e di largo consumo. Centric 8, la piattaforma PLM (Product Lifecycle Management) di punta dell’azienda, offre funzionalità enterprise di merchandise planning, sviluppo prodotti, sourcing, gestione della qualità e delle collezioni, specifiche per i settori fast moving consumer goods. Centric SMB offre tecnologie PLM innovative e importanti best practice di settore specifiche per brand emergenti. Centric Visual Innovation Platform (VIP) offre una nuova esperienza totalmente visiva e digitale per la collaborazione e il processo decisionale e include la Centric Buying Board, per trasformare le sessioni interne d’acquisto e massimizzare il valore del retail, e la Centric Concept Board, per promuovere la creatività e l’evoluzione del concept di prodotto. Tutte le innovazioni Centric accelerano il time to market, danno impulso all’innovazione e riducono i costi.

La quota di maggioranza di Centric Software è detenuta da Dassault Systèmes (Euronext Paris: #13065, DSY.PA), leader mondiale nel software di progettazione 3D, Digital Mock Up 3D e soluzioni PLM.

Centric Software ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti nel settore, tra cui l’inclusione da parte di Red Herring nella lista delle prime 100 aziende nel mondo nel 2013, 2015 e 2016. Centric ha inoltre ricevuto diversi excellence award da parte di Frost & Sullivan nel 2012, 2016 e 2018.

Centric è un marchio registrato di Centric Software. Tutti gli altri brand e nomi di prodotto sono marchi registrati dei rispettivi proprietari.

 (fine)

Contatti per i media:
Centric Software
Americhe: Jennifer Forsythe, jforsythe@centricsoftware.com
EMEA: Kristen Salaun Batby, ksalaun-batby@centricsoftware.com
APAC: Lily Dong, lily.dong@centricsoftware.com

]]>
Il Poggiarello tra i protagonisti della prima edizione di “Gustus – Sapori Gettonati” a Piacenza Wed, 02 Oct 2019 15:52:20 +0200 http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/601384.html http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/601384.html BIZCOMIT.IT BIZCOMIT.IT 12-13 ottobre 2019 – Volumnia ex chiesa Sant’Agostino – Stradone Farnese – Piacenza – dalle 16.00 alle 24.00 il sabato – dalle 12.00 alle 20.00 la domenica

Il 12 e il 13 ottobre 2019 ci sarà la prima edizione di “Gustus – sapori gettonati” a Piacenza. Il Poggiarello sarà presente con uno stand dove sarà possibile degustare i vini e conoscere alcune delle etichette che meglio rappresentano i profumi e i sapori delle referenze del Brand.   

Gustus – sapori gettonati” è un evento enogastronomico dedicato alle eccellenze piacentine organizzato dal Consorzio Piacenza Alimentare e Destinazione Piacenza. La splendida cornice di Volumnia, ex chiesa di Sant’Agostino, condurrà tutti i partecipanti in un viaggio esperienziale in cui si potranno degustare vini, assaggiare piatti preparati al momento e acquistare prodotti tipici ai vari stand.

Per Il Poggiarello, brand di F&P Wine Group, partecipare a questa manifestazione è un’occasione unica per poter incontrare direttamente il pubblico e rafforzare la presenza sul territorio, raccontando di persona la qualità, la cura e l’attenzione della propria produzione vitivinicola. La prestigiosa location, scelta per ospitare le realtà più rappresentative del piacentino, è il palcoscenico ideale per creare un’atmosfera ricercata in cui apprezzare ancora meglio gli aromi, i profumi e i sapori che solo un buon vino può offrire.

In questa occasione saranno ancora protagonisti Gli Spaghi, i vini frizzanti Ortrugo e Gutturnio, con il loro nuovo claim “DAI SPAGO”: freschi, giovani, ideali per momenti all’insegna del divertimento e della convivialità.

F&P Wine Group crede molto nell’importanza di questo appuntamento e condivide appieno le forti motivazioni che hanno spinto Destinazione Piacenza a realizzare “Gustus – sapori gettonati”: la volontà è infatti creare non solo un momento di incontro con il pubblico, ma soprattutto costruire una rete di Aziende piacentine che possano far conoscere le proprie eccellenze.

Per maggiori informazioni sull’evento:

https://www.facebook.com/events/2530531247182332/

Per ulteriori informazioni:
Digital PR a cura di Blu Wom Milano
www.bluwom-milano.com
p.fabretti@bluwom-milano.com

]]>
I volontari La Via della Felicità ripuliscono dai rifiuti la litoranea di Ponente a Barletta Tue, 01 Oct 2019 08:59:34 +0200 http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/601388.html http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/601388.html BIZCOMIT.IT BIZCOMIT.IT

Iniziativa per prendersi cura dell’ambiente.

Domenica mattina, i volontari dell’associazione La Via della Felicità di Barletta, hanno ripulito la litoranea di Barletta da rifiuti e plastica. Secondo i volontari, la rimozione di rifiuti, sporcizia e disordine dalla propria zona crea un’atmosfera pulita e tranquilla dove ci si sente più felici e sereni.

“Non possiamo davvero stare in disparte e non agire per ripulire le nostre spiagge”, ha affermato il responsabile dell’attività, Ignazio Gianfrancesco, “Avere un ambiente pulito contribuisce anche a una città più sicura.”

L’associazione La Via della Felicità insegna alle comunità che i rifiuti non solo sono dannosi per l’ambiente, ma possono anche portare malattie. Inoltre, i mozziconi di sigarette sono estremamente tossici e provocano incendi se non vengono rimossi e scartati correttamente.

Per questo i volontari hanno deciso di dedicare il loro week-end per rimuovere questi rifiuti nelle zone vicino al mare, in quanto sanno che la maggior parte di essi danneggerà la sopravvivenza della fauna marittima.

L’attività è ispirata alla guida al buon senso scritta da L. Ron Hubbard, in cui afferma: “L’idea che ognuno di noi possieda una parte del pianeta e che possa e debba aiutare a prendersene cura, può sembrare esagerata e, a qualcuno, piuttosto irreale. Ma al giorno d’oggi ciò che accade dall’altra parte del pianeta, anche se lontana, può influenzare ciò che accade a casa tua”.

Per creare maggiore consapevolezza, durante l’attività i volontari hanno consegnato gratuitamente una copia dell’opuscolo La Via della Felicità, così che tutti i cittadini possano rendersi conto che è necessario avere cura dell’ambiente.

Per unirsi nelle prossime attività contatta il numero 348.952.1945 o scrivi a laviadellafelicitapuglia@gmail.com .

]]>
Il Premio Masaniello 2019 alla coppia della lirica partenopea De Maio Lupoli Tue, 01 Oct 2019 08:57:03 +0200 http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/601390.html http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/601390.html BIZCOMIT.IT BIZCOMIT.IT Premio Masaniello 2019 al soprano Olga De Maio ed al tenore Luca Lupoli

Si è svolta presso il Teatro Sannazaro,il 28 settembre scorso, la cerimonia di premiazione per la XIV edizione del prestigioso Premio Masaniello, dedicato ai Napoletani Protagonisti.

La Manifestazione,storica iniziativa creata dal Presidente Luigi Rispoli e dal direttore artistico Umberto Franzese, rappresenta, ormai un appuntamento consolidato della cultura partenopea e realizza una approfondita opera di ricognizione, rivisitazione di fatti, di creazioni avvenute nello scorrere del tempo, ponendo alla ribalta i protagonisti della cultura e dell’arte partenopea in una cornice artisca di primo piano e di riconoscimento delle nostre eccellenze napoletane e campane, con il Patrocinio della Regione Campania,del Comune di Napoli ,della Città Metropolitana e dell‘Ordine dei Giornalisti della Campania.

Temi di quest’anno sono stati : ” Le meraviglie dell’Antiquariato” ed il tema ciclico ” Napoli infinitamente Napoli”. I premiati sono stati scelti da una Giuria di eccelllenza composta da: Pietro Lignola, Presidente di Corte di Appello, Tullia Passerini Gargiulo antiquaria del 900, Annamaria Giullini archeologa, Franco Lista architetto ed Enzo De Simone poeta.

Tra i premiati per il tema ” Napoli infinitamente Napoli” questa edizione del 2019 ha visto assegnare il prestigioso riconoscimento al soprano Olga De Maio ed al tenore Luca Lupoli, artisti del Teatro San Carlo. La coppia di artisti, nota al pubblico nazionale ed internazionale, è sempre piu’impegnata nella promozione, diffusione del bel canto, dell’opera lirica e della canzone classica napoletana, attraverso dei format da loro ideati e realizzati quali Luoghi Storici e Musica, Atmosfere da Sogno, Passeggiate liberty e Bel Canto, Bel Canto al Castello, in seno all’Associazione Culturale Noi per Napoli da essi rappresentata e diretta, patrimonio storico ed artistico non solo nella città di Napoli e in Campania ma anche in tutta Italia.
Con la loro storica Associazione Culturale Noi per Napoli, attiva da ben 27 anni nel campo della cultura, della musica, dell’arte e del sociale in ambito non solo partenopeo ma anche nazionale ed internazionale, i due artisti si prefiggono la finalità di promuovere la conoscenza dell’immenso patrimonio storico, musicale e belcantistico che resero la città di Napoli una delle capitali musicali e culturali europee nel ‘700 nei siti storici più o meno conosciuti.

Dalla motivazione, consegnata ai due artisti la sera della premiazione,redatta dal direttore artistico del Premio Masaniello, dott. Franzese, si legge “Sappiamo indubbiamente che l’opera lirica, grazie all’inattaccabile duo De Maio-Lupoli,con Napoli nel cuore,corre indisturbata,rassicurante,impregnata di passionalità, di eleganza, da una parte all’altra del globo”: ed infatti il numeroso e caloroso pubblico, accorso al Teatro Sannazaro per la manifestazione, ha tributato loro lunghi ed entusiastici applausi per l ‘interpretazione di intensa emotività e passionalità del brano ” Tu che m’hai preso il cuor ” di Lehar che essi hanno eseguito come omaggio della grande serata, presentata dalla giornalista Lorenza Licenziati.

Tra i prossimi progetti che vedranno protagonisti De Maio e Lupoli come interpreti, ideatori e direttori artistici,a parte l’ onda dei prestigiosi riconoscimenti per il duo partenopeo che continuerà a dicembre con ilPremio “Remigio Paone” 2019, dedicato alla figura del noto regista, produttore e direttore teatrale nativo di Formia nel Lazio nel teatro omonimo, ci saranno il Concerto dell’Immacolata l’8 dicembre 2019 e il Concerto di Capodanno il 1 gennaio 2019.Il Concerto dell’Immacolata si terrà presso la storica Sala del Vasari nel Complesso Monumentale di Sant’Anna dei Lombardi a Napoli, con il Patrocini della Presidenza del Consiglio Regionale della Campania e dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli.La V Edizione dello Storicizzato Concerto di Capodanno il 1 gennaio 2020 si terrà invece presso il Teatro Delle Palme di Napoli, che quest’anno avrà come “straordinario testimonial” ed ospite straordinario l’attore Giacomo Rizzo.Per il pubblico sarà com sempre un vero viaggio nel mondo della musica, del canto e della danza fra celebri melodie viennesivalzer di Strauss, famosi brani di opera ed operetta e appassionanti canzoni classiche napoletane con l’ambientazione scenografica di un particolare salotto d’epoca ‘fin de siecle’, in cui ospiti ed artisti accoglieranno il nuovo anno nel segno della musica, del bel canto e della danza.

Sarà ancora una volta un grande spettacolodal cuore nobile poiché una parte del ricavato sarà devoluto, come ogni anno, per l’acquisto di generi alimentari e di prima necessità a favore della mensa Caritas dei senzatetto di Santa Chiara a Napoli.Sarà possibile seguire gli artisti Olga De Maio e Luca Lupoli con la loro Associazione Culturale Noi per Napoli sulle pagine web

www.olgademaio.it

www.lucalupoli.it

]]>
ONDA Daiichi Sankyo Italia Presa in carico assistenziale e terapeutica del paziente anziano Tue, 01 Oct 2019 08:46:11 +0200 http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/601404.html http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/601404.html BIZCOMIT.IT BIZCOMIT.IT

Organizzato da ONDA e Daiichi Sankyo Italia il convegno “Presa in carico assistenziale e terapeutica del paziente anziano”

Roma, 30 settembre 2019 – Invecchiamento attivo, sicurezza delle nuove terapie anticoagulanti per i pazienti anziani, tecnologie digitali a supporto della gestione delle cronicità, e infine il prezioso e difficile ruolo del caregiver in un’Italia che conta sempre più anziani e necessita di migliori servizi sanitari e assistenziali. Sono questi i temi del convegno “Presa in carico assistenziale e terapeutica del paziente anziano”, l’evento organizzato da Onda – Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere e Daiichi Sankyo Italia, che oggi mette a confronto esperti del settore, classe medica e istituzioni.

L’Italia è il secondo Paese al mondo, dopo il Giappone, per percentuale di anziani, con 13,8 milioni di persone over 65, ovvero il 22,8% della popolazione totale, e detiene il record europeo, con la Francia, per presenza di ultracentenari (oltre 14 mila). Secondo l’Istat, all’inizio del 2019 sono 2,2 milioni gli individui di età pari o superiore agli 85 anni. In aumento anche i non autosufficienti, ad oggi circa 2,5 milioni che, secondo le stime, raddoppieranno entro il 2030, ma solo la metà di questi usufruisce di servizi sociosanitari, mentre il resto è assistito da un caregiver familiare, di cui 1 su 5 è a sua volta ultrasessantenne. Per ciò che riguarda la differenza di genere, la longevità delle donne rispetto agli uomini è controbilanciata da una inferiore aspettativa di vita in buona salute rispetto a questi; inoltre sulle donne grava maggiormente perdita di autosufficienza, a cui si aggiunge una maggiore predisposizione ai disturbi cognitivi e depressivi. Eppure, è donna anche la maggioranza dei caregiver che assistono gli anziani.

“Questa nuova realtà sociodemografica pone le istituzioni e la società civile di fronte alla necessità, ormai ineludibile, di interventi significativi a livello non solo sanitario ma anche culturale e socioassistenziale. È diventato più che mai cruciale promuovere l’invecchiamento attivo di tutti i cittadini, garantendo un’assistenza sanitaria adeguata e programmi di educazione sui sistemi di prevenzione dei rischi per la salute legati all’invecchiamento. Ma soprattutto – ha spiegato Nicoletta Orthmann, Coordinatore medico-scientifico di Onda – è necessario dare il massimo supporto a quell’esercito silenzioso di milioni di donne e uomini che, ogni giorno e per anni, si prende cura dei di ignorarli e lasciarli soli.” nostri anziani non più autosufficienti. Persone, spesso anch’esse ultrasessantenni, che a titolo gratuito svolgono un prezioso e faticoso lavoro di alto valore sociale ed economico, ad oggi non ancora riconosciuto né tutelato nel nostro Paese. Non possiamo più permetterci di ignorarli e lasciarli soli.”

Pazienti anziani con cronicità e comorbilità: la gestione ed i costi della fibrillazione atriale (FA)

L’epidemiologia dell’invecchiamento della popolazione italiana, caratterizzata dalla riduzione delle nascite, dall’aumento progressivo dell’aspettativa di vita, e dal contestuale incremento delle cronicità che impatta sulla qualità della vita dei singoli e sul costo sociale derivante dalla non autosufficienza in tarda età, è un dato di cui tener conto nella valutazione delle risorse da investire nella sanità pubblica. Una popolazione che merita particolare attenzione è costituita dagli anziani “fragili”, ovvero quei milioni di italiani in età avanzata o molto avanzata (grandi anziani) con gravi comorbilità, a rischio di disabilità e rapido deterioramento dello stato funzionale. L’approccio terapeutico per questi pazienti (>85-90 anni) deve essere basato su una valutazione multidimensionale che prenda in considerazione più aspetti della persona, tra i quali lo stato funzionale, cognitivo e sociale, oltre a quello propriamente clinico.

La vera sfida dei prossimi anni sarà la gestione integrata e interdisciplinare delle malattie croniche dell’anziano, una su tutte la Fibrillazione Atriale.
I costi di gestione della FA in Italia ammontano a circa 5000€ per paziente all’anno. Circa il 96% dei pazienti affetti da FA è a rischio di ictus, terza causa di morte, ma prima causa di invalidità. Il 20-30% di tutti i casi di ictus è attribuibile a questa aritmia, e la percentuale aumenta in modo drammaticamente significativo con l’avanzare dell’età.
Il paziente con fibrillazione atriale ed ictus è ad alto rischio di recidiva ischemica ma nello stesso tempo è ad alto rischio di emorragia – soprattutto intracranica – più frequente nel paziente anziano, perché spesso questo presenta disabilità residua con tendenza alle cadute, patologie legate al decadimento cognitivo o possibili interazioni farmacologiche dovute all’assunzione di più medicinali, con problematiche che interessano anche l’aderenza terapeutica. Lo specialista si trova a dover considerare tutti questi fattori prima di prescrivere un trattamento con anticoagulanti orali per la prevenzione secondaria dell’ictus.

L’innovazione farmaceutica e tecnologica procede proprio in questo senso, per offrire a questa categoria di pazienti una terapia più appropriata e sicura, quindi più efficace ed efficiente, per ridurre l’incidenza di ictus con un notevole vantaggio economico e sociale, ridurre gli episodi acuti e le ospedalizzazioni, limitando al contempo i costi sociali ed economici indiretti, come quelli che gravano sull’assistenza e sul caregiver. “Il progresso della ricerca scientifica e farmacologica ci consente oggi di vivere più a lungo, e non possiamo permettere che questo straordinario successo della scienza diventi un peso sociale, sanitario o economico. È per questo che Daiichi Sankyo si impegna da sempre a migliorare la qualità e non solo la durata della vita dei pazienti, anche di quelli più fragili e anziani. Un impegno che investe tutti gli ambiti, non solo quello scientifico e farmacologico. – ha commentato Massimo Grandi, Presidente e Amministratore Delegato di Daiichi Sankyo Italia – Siamo quindi particolarmente felici di sostenere le importanti attività di ONDA, e questo evento è solo il primo di una lunga serie di iniziative in ambito istituzionale, civile e culturale, a cui parteciperemo per promuovere l’invecchiamento attivo e contribuire ad affrontare questa nuova realtà non come problema, bensì come un’opportunità e una risorsa per l’intera società.”

“Terapie digitali” a supporto del paziente anziano e dell’aderenza terapeutica

Oggi si contano oltre 250.000 app che interessano la salute, e tra queste numerose sono le soluzioni studiate specificatamente per gli anziani e per facilitare il lavoro di chi se ne prende cura: sensori e braccialetti intelligenti che monitorano la postura e identificano eventuali cadute, sistemi automatici di identificazione di possibili nuove patologie o di monitoraggio di quelle in corso, app per smarthphone e tablet che favoriscono una maggiore aderenza al trattamento farmacologico, e sistemi che fanno uso della gamification per favorire la riabilitazione. Nuove soluzioni, come le terapie digitali – strumenti software in grado di somministrare terapie comportamentali a fini di prevenzione o cura – promettono inoltre significativi cambiamenti nell’assistenza a pazienti non più autosufficienti e con bisogni di cura a lungo termine, soprattutto per caregiver familiari che spesso non sono adeguatamente preparati. In particolare, i dispositivi mobili, grazie alla loro ampia diffusione e maggior semplicità di utilizzo rispetto ai personal computer, aiutano l’impostazione e la pianificazione della terapia farmacologica, fungono da promemoria, e permettono di accedere rapidamente a contenuti formativi e informativi sulla salute e sulle diverse patologie, e di comunicare a distanza con altri familiari coinvolti nella cura o con gli operatori sanitari.
Tuttavia, affinché tali strumenti possano trovare una reale applicazione è necessaria una validazione scientifica, ad oggi ancora carente, mediante la conduzione di sperimentazioni cliniche che facciano uso di una metodologia di ricerca rigorosa.

Invecchiamento, fragilità, decadimento cognitivo: il difficile ruolo del caregiver, che nell’86% dei casi è donna

Secondo l’ultima analisi dell’Istat, che fa riferimento solo alle forme di assistenza fornite per problemi circoscritti a salute e invecchiamento, in media il 17.4% della popolazione, pari ad oltre 8.5 milioni di italiani, è caregiver: un esercito silenzioso di persone, spesso anch’esse anziane, rappresentato per la maggior parte da donne. L’indagine Ipsos-Farmindustria del 2018 ha documentato come quasi 9 donne su 10 del campione intervistato ricoprano questo ruolo con diversi gradi di intensità, in un terzo dei casi senza aiuti e con un alto tasso di insoddisfazione a causa delle difficoltà a conciliare questo compito con le necessità della famiglia, i propri spazi e interessi personali nonché gli impegni professionali. L’associazione del ruolo di caregiver al genere femminile affonda le proprie radici in un retaggio culturale e in un contesto sociale fortemente connotato nel nostro Paese, anche se sono sempre più numerosi gli uomini che affiancano le proprie partner o che sono in prima linea. Ciò che cambia è l’approccio verso il malato: l’uomo ha un atteggiamento più pragmatico teso alla risoluzione dei problemi, mentre la donna è più emotiva ed empatica.

Indipendentemente dal genere di appartenenza, il ruolo di caregiver rappresenta un compito ad alto “costo”, considerato il peso dell’impegno e della responsabilità che inevitabilmente si ripercuote sulla salute fisica e psichica e sulla quotidianità, investendo le relazioni affettive, la vita sociale e la sfera lavorativa, un carico pesante, gravato dalla difficoltà di conciliarlo con emozioni come il senso di inadeguatezza o di colpa, la solitudine, la rabbia. Diverse ricerche hanno evidenziato come ciò porti spesso il caregiver a trascurare la propria salute, fino a sviluppare la sindrome del burnout, uno stato di esaurimento emotivo, che può portarlo perfino ad avvertire un senso di fastidio nei confronti della persona assistita, che si aggrava nei casi in cui il paziente accudito è affetto da patologie come demenze e disturbi psichici, su cui a tutt’oggi pesa uno stigma sociale.

Nella popolazione anziana ultrasessantacinquenne dei Paesi occidentali le malattie neurodegenerative rappresentano la quarta causa di morte; la loro diffusione è in costante crescita quale conseguenza dell’allungamento dell’aspettativa di vita. In Italia circa l’80% delle persone colpite da demenza sono assistite a casa da familiari, i quali svolgono gratuitamente una preziosa attività di assistenza, attività non riconosciuta nel nostro Paese dal punto di vista previdenziale, sanitario e assicurativo. Esiste un Fondo dedicato, istituito con la legge di bilancio 2018 per “la copertura finanziaria di interventi legislativi finalizzati al riconoscimento del valore sociale ed economico dell’attività di cura non professionale del caregiver familiare” ma, di fatto, le risorse non sono disponibili perché manca una normativa a sostegno: ad oggi si attende ancora l’esito dell’iter parlamentare del testo unificato “Disposizioni per il riconoscimento e il sostegno del caregiver familiare” che raccoglie le diverse proposte di legge.

FonteDaiichi Sankyo Italia

]]>
Elior dieta mediterranea: abitudini dei consumatori nella ristorazione collettiva Mon, 30 Sep 2019 14:01:04 +0200 http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/601413.html http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/601413.html BIZCOMIT.IT BIZCOMIT.IT Alla Food Academy Elior la presentazione di una ricerca su nuove abitudini e tendenze dei consumatori nella ristorazione collettiva

I dati dell’Istituto Ixè che ha intervistato per la prima volta 40 Chef Ambassador del Gruppo Elior, responsabili di 10 milioni di pasti all’anno

Cibo e salute è una correlazione che il 68% degli italiani (il 71% delle donne contro il 65% degli uomini) ha a cuore e che richiede alla ristorazione collettiva, attraverso la combinazione della salubrità della ricetta con piatti della tradizione italiana, legati al proprio territorio e tipici della dieta mediterranea. Lo afferma una ricerca dell’Istituto Ixè commissionata dal Gruppo Elior, leader in Italia nella ristorazione collettiva, che ha intervistato, per la prima volta, 40 chef del Gruppo responsabili di 10 milioni di pasti all’anno e ha indagato in contemporanea un campione rappresentativo della popolazione italiana.

Secondo l’Istituto Ixè sono più della metà, il 55%, gli italiani che affermano di seguire e conoscere bene i principi della dieta mediterranea e gli chef segnalano che una percentuale analoga la ricerca anche durante il pranzo in azienda.

Da dati IXè, Salute e benessere dell’organismo sono due temi che sempre più italiani pretendono dalla ristorazione collettiva: il 53% infatti ritiene che la dieta mediterranea abbia effetti positivi sul sistema cardiocircolatorio e cardiovascolare, il 46% sulla longevità, il 37% sulla capacità di controllo del peso e il 31% sulla riduzione dell’incidenza di tumori.
Per questo la ristorazione collettiva pone l’attenzione su uno degli elementi cardine della stessa dieta, ovvero la varietà dei menù, apprezzata dai clienti e grazie alla quale è possibile rilevare un consistente aumento dei consumi di prodotti più sani e leggeri: cresce infatti la richiesta di cereali, legumi e pesce, il 79% degli chef Elior rileva la crescita dei primi due e il 62% per il terzo, mentre cala, a detta del 35% degli chef la carne e per l’82% il burro.

Tra gli elementi garanti della salubrità di una pietanza rientrano pienamente le materie prime 100% italiane, di cui si fida il 69% degli italiani, spesso coniugate alla territorialità e alla stagionalità (L’85% degli chef intervistati offre infatti pietanze con ingredienti di stagione e avvalorati dall’80% dei clienti). Dall’analisi degli Chef Ambassador Elior si scopre anche che i consumatori del Bel Paese sono sempre più consapevoli dell’importanza per esempio dell’olio extravergine d’oliva: l’82%, infatti, presta grande attenzione al tipo di olio da utilizzare per condire gli alimenti.

“A tutti piace mangiare cose buone, ma sempre più italiani hanno capito che la salute passa per il piatto – afferma Margherita Sartorio Co Founder e CEO Istituto Ixè -. Al ristorante, occasionalmente, si può derogare da questa regola, ma nella ristorazione collettiva, così come a casa, la salubrità della cucina è importante e allo stesso tempo assume una notevole importanza anche la leggerezza del piatto. L’importanza della qualità delle materie prime è ormai riconosciuta, ma è fondamentale un altro ingrediente del pasto: il clima che si respira nel locale, l’ambiente, l’accoglienza e la qualità del servizio”.

Per promuovere la dieta mediterranea, la ristorazione organizzata – lo sostiene il 68% dei cuochi Elior – deve impegnarsi in prima linea per diffondere l’educazione alimentare all’interno di ogni tipo di struttura, di lavoro, scolastica o sanitaria, abbinata a una continua diversificazione dei menù optando maggiormente per prodotti di origine vegetale. Pensiero concorde anche per l’83% del campione di popolazione studiato dalla ricerca Ixè, secondo cui all’interno della ristorazione scolastica si dovrebbero offrire cibi più sani e leggeri per favorire l’insegnamento dell’educazione alimentare.

“Oggi non è più possibile pensare di modificare le abitudini alimentari solo attraverso un trattamento individuale, ma è necessario attivare azioni di comunità per migliorare l’alimentazione. Per questo la dieta mediterranea si propone come uno strumento efficace per la prevenzione e la gestione di numerose malattie – sottolinea la Dott.ssa Maria Luisa Amerio, Medico Chirurgo, specialista in Scienza dell’Alimentazione e collaboratrice dell’Università di Scienza Gastronomiche di Pollenzo -. Una scelta necessaria che porterà benefici sia legati al benessere del singolo, prevenendo alcune patologie croniche come diabete, ipertensione e malattie cardiovascolari, sia alla collettività, con una maggiore sostenibilità della spesa sanitaria”.

Per Elior promuovere i piatti della dieta mediterranea all’interno della ristorazione collettiva rappresenta una scelta responsabile e una partecipazione attiva alla diffusione della cultura del buon cibo e della sana alimentazione.

“La dieta mediterranea è un caposaldo dell’alimentazione italiana, è richiesta e amata dai nostri consumatori e si conferma alla base della nostra politica nutrizionale – spiega Rosario Ambrosino Amministratore Delegato di Elior -. I nostri menù sono realizzati sugli standard della dieta mediterranea, rispettando la tradizione ma in modo innovativo; in più sono legati al territorio, mantenendo inalterata la qualità delle materie prime e garantendo salubrità e leggerezza. Tutto questo è ciò che promuove la nuova ristorazione collettiva, una responsabilità che sentiamo profondamente nostra”.

Fonte: ELIOR

]]>
Farm65: i gustosi appuntamenti di ottobre Mon, 30 Sep 2019 13:59:09 +0200 http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/601426.html http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/601426.html BIZCOMIT.IT BIZCOMIT.IT Farm 65 – Via Alzaia Naviglio Pavese, 260 – 20142 Milano

Le giornate che si accorciano, le temperature che si abbassano, i colori dell’autunno che cominciano a infiammare i paesaggi, ottobre è il mese perfetto per ritagliarsi dei momenti di condivisione in una location ideata per accogliere tutti gli appassionati della buona cucina. Farm65 ha pensato a 5 imperdibili appuntamenti che riscalderanno gli animi e lasceranno tanti suggerimenti per realizzare dei piatti da veri chef. Si comincia il 9 ottobre con “RisoTiamo”, per poi continuare il 19 ottobre con “Semplicemente Plumcake”, il 22 ottobre con “Cucina Creativa” e il 29 ottobre con “Pasta fresca e colori d’autunno”. E per i più piccoli? Il 27 ottobre un appuntamento dedicato ai bambini a tema Halloween “Dolcetto Scherzetto”.

Coltivare idee, talento e passione per la cucina? Farm 65 è una location pensata per cucinare, imparare, condividere, sperimentare e soprattutto divertirsi. Il ricco calendario di appuntamenti di ottobre offre l’imperdibile occasione per realizzare piatti e menu gustosissimi, aiutati da chef che saranno a disposizione per consigliare, suggerire e svelare i segreti che stanno dietro a piatti da veri masterchef.

Da Farm 65 tutto è studiato per offrire momenti in cui imparare, sentendosi come a casa propria: i 12 banconi doppi accolgono 24 persone che cucinano singolarmente in postazioni attrezzate per offrire il meglio della tecnologia odierna. Le strumentazioni e gli elettrodomestici sono di tipo casalingo, all’avanguardia, di ultima generazione e firmati Electrolux, una certezza per chi desidera performance da grande ristorazione, nella cucina di casa.

A rendere unici i corsi di Farm 65 è l’atmosfera che si viene a creare a ogni appuntamento: che si sia già abili tra i fornelli o non si abbia mai preso in mano una padella, ognuno verrà guidato da un professionista sempre a disposizione per dubbi o curiosità sul mondo della cucina. L’ambiente conviviale accoglie i partecipanti in una scuola tecnicamente professionale, ma dall’anima gioviale in cui passare del tempo in compagnia e imparando. Scopriamo insieme gli appuntamenti di ottobre.

“RisoTiamo” – 9 ottobre 2019 – dalle 19.30 alle 22.30

Lo chef Giacomo Samoiraghi, grande cultore del risotto e creativo nelle sue sfaccettature, svelerà i segreti, la tecnica e i trucchi per realizzare un risotto strepitoso, senza commettere sbagli. Durante la serata verranno preparate quattro diverse ricette, ognuna accompagnata da un vino selezionato accuratamente per un accostamento ottimale.

  • Risotto alla parmigiana; abbinato ad un Lambrusco di Castelvetro della Fattoria Moretto
  • Risotto alla milanese con midollo; abbinato ad un Cruasè classico Rosé dell’Azienda Agricola Anteo
  • Risotto al vino rosso ed erbe aromatiche; abbinato ad un Valpolicella Ripasso dell’Azienda Agricola Le Bertarole
  • Risotto al salto con rimanenze; abbinato ad un Malvasia Atomatica di Candia Piume dell’Azienda Agricola Martilde.

Per partecipare alla serata: https://farm65.bigcartel.com/product/08-10-risotiamo

“Semplicemente Plumcake” – 19 ottobre 2019 – dalle 10.30 alle 13.00

Arriva il freddo, e con lui, cresce il desiderio di volersi coccolare con bevande calde e gustosi dolci. Il Plumcake, che nel repertorio dei dessert è sicuramente considerato un grande classico, può però avere diverse varianti. La maestra pasticcera, Laura Novi, insegnerà a preparare il Plumcake al cocco e il Plumcake al particolarissimo gusto di zenzero. Con lei, ogni studente avrà la possibilità di infornare questi semplici capolavori. Immancabile l’abbinamento con confettura home-made.

  • Plumcake al cocco
  • Plumcake allo zenzero
  • Confettura di stagione

Per partecipare alla serata: https://farm65.bigcartel.com/product/semplicemente-plumcake

“Cucina Creativa” – 22 ottobre 2019 – dalle 19.30 alle 22.30

Per tutti coloro che vogliono stupire amici e parenti con un pranzo o una cena originale, ma non sono sicuri di come abbinare ingredienti anche molto diversi da loro, questo corso è quello che serve. Lo chef Sebastian Fitarau accompagnerà tutti i partecipanti attraverso un percorso di tre ricette creative, che stuzzicheranno in modo insolito il palato e sapranno dare uno spunto per ulteriori abbinamenti creativi…i vostri! Il menu della serata:

  • Insalata di gamberi, carote, zenzero daikon e speck
  • Fagottini di castagne, zucca, salsa gorgonzola e nasturzio
  • Quando un cannolo siciliano voleva essere una millefoglie

Per partecipare alla serata: https://farm65.bigcartel.com/product/cucina-creativa

“Dolcetto Scherzetto” – 27 ottobre 2019 – dalle 10.00 alle 12.30 – solo per i più piccoli

Appuntamento dedicato ai piccoli pasticceri! Halloween, che paura! Una classe all’insegna del gioco e del divertimento dei bambini, durante il quale si potranno cimentare nella preparazione di deliziosi quanto terrificanti dolcetti. I bambini prepareranno gustosi e semplici dolcetti da replicare a casa per festeggiare con il giusto spirito questa festa! La pasticcera, nonché maestra Laura Novi, si divertirà con i bambini, nella realizzazione di bicchieri di budino che verranno decorati con biscotti di pastafrolla ghiotti e spaventosi!

Per partecipare alla serata: https://farm65.bigcartel.com/product/27-ottobre-10-30-dolcetto-o-scherzetto

“Pasta fresca e colori d’Autunno” – 29 ottobre 2019 – dalle 10.30 alle 13.00

Grazie al grande successo riscontrato nei precedenti appuntamenti, lo Chef Pietro Arlati continua la rassegna sulla pasta fresca stagionale. I protagonisti saranno due ingredienti tipici della stagione autunnale: la zucca ed i funghi. Verranno quindi preparati tre impasti diversi, per consistenza, colori, forme e gusto, alcuni più fedeli alla tradizione ed altri rivisitati, per dare un tocco di originalità al risultato finale. Al termine della classe lo chef ci delizierà con un dolcetto a sorpresa. Il menù della serata sarà accompagnato dalle birre del Birrificio Angelo Poretti e verranno raccontate dalla bravissima Beer Expert Michela Cimatoribus. Menu del corso:

  • Tagliatelle ai mirtilli con speck e funghi porcini – 7 Luppoli La Mielizia
  • Pisarei e fasò piacentini –  5 Luppoli Bock Chiara
  • Gnocchi di zucca alla romana – 9 Luppoli Belgian Blanche

Per partecipare alla serata: https://farm65.bigcartel.com/product/pasta-fresca-e-colori-d-autunno

Per scaricare il folder informativo delle serate in programma fino a febbraio 2020 cliccare il link:

https://www.dropbox.com/s/ar44vcszuyl6o73/Flyer%20Farm%20Autunno%202019_ok.pdf?dl=0

Per ulteriori informazioni:
Digital PR a cura di Blu Wom Milano
www.bluwom-milano.com
p.fabretti@bluwom-milano.com

]]>
Qintesi: una partnership con SAP orientata all’innovazione Mon, 30 Sep 2019 13:57:11 +0200 http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/601436.html http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/601436.html BIZCOMIT.IT BIZCOMIT.IT Qintesi è in grado di erogare una sempre più vasta gamma di servizi: dalle Cloud Application Extensions fino alle tecnologie IoT e al Machine Learning

Foto_5comunicato-1200

“Qintesi è da sempre attenta alle novità e all’evoluzione tecnologica – ha esordito Alberto Pogna, Amministratore delegato di Qintesi. – Siamo particolarmente attenti a due tematiche: l’innovazione e la qualità. Temi, questi, non solo riscontrabili nell’innovazione in logica ‘agile’ delle metodologie progettuali di Qintesi, ma anche nella ricerca continua di miglioramento attraverso le certificazioni SAP ottenute dall’azienda (SAP Recognized Expertise)”.

In quest’ottica prosegue in Qintesi anche il percorso di crescita e consolidamento delle conoscenze e competenze nell’ambito delle nuove tecnologie SCP. “Grazie a queste esperienze — ha evidenziato Giovanni Caglioni, Partner e responsabile dell’Innovation Lab di Qintesi — siamo riusciti a creare applicazioni CAE (Cloud Application Extension), capaci di sviluppare funzionalità e processi che prima non venivano coperti da SAP. Queste estensioni ci permettono così la completa gestione di tutti i requisiti applicativi espressi dal cliente, sfruttando l’architettura scalabile del Cloud”.

Gli investimenti fatti nello sviluppo di tali nuove conoscenze e competenze hanno permesso a Qintesi di diventare anche Build Partner SAP, oltreché Service Partner SAP, completando una value proposition che assicura elevati livelli di affidabilità nel disegnare soluzioni Cloud per la clientela.

“In questi ultimi anni — ha proseguito Caglioni — ci stiamo anche dedicando intensamente al consolidamento delle conoscenze ed esperienze nelle nuove tecnologie IoT e Machine Learning e siamo così in grado di avviare progetti innovativi che trattano dati e informazioni con queste nuove tecnologie integrandole con la piattaforma SAP“.

È tornando a parlare con Alberto Pogna che si intuisce quanto sia centrale il concetto di qualità dei servizi in Qintesi. “Per noi — ha infatti sottolineato — la qualità è l’elemento distintivo nell’ambito dei rapporti con SAP; lo abbiamo tradotto in un approccio strutturato partecipando al programma SAP Partner Edge che certifica la qualità dei nostri servizi”.

Con questo obiettivo Qintesi si è focalizzata sull’ottenere certificazioni specifiche, Recognized Expertise – REX, per alcuni dei più significativi servizi che offre.

“Abbiamo conseguito, ad esempio, — ha specificato Pogna — un doppio riconoscimento sul tema HANA: la REX SAP HANA e la REX SAP S/4HANA, che certifica il nostro impegno nel supportare i clienti nel passaggio a questa piattaforma. Abbiamo anche certificato le nostre competenze distintive nei segmenti di mercato e di prodotto che sono più vicine a noi (più recentemente la REX User Experience e la REX Real Estate)”.

Pogna ritiene che questa sia una corretta modalità attraverso la quale il cliente possa essere in grado di valutare le reali competenze dei partner SAP, e quelle di Qintesi in particolare. E questo costituisce una delle linee fondamentali di sviluppo della società: “Al momento — ha proseguito Pogna — abbiamo conseguito 10 REX, divenendo di fatto una delle società a livello italiano ed europeo ad averne ottenute di più”.

Nell’approfondire l’approccio di Qintesi alla partnership con SAP Francesco Pelella, Account Executive di Qintesi, si è soffermato da parte sua a elencare una serie di attività propedeutiche. “Nella settimana dal 6 al 10 maggio scorso — ha menzionato Pelella — abbiamo partecipato all’edizione 2019 del programma DEMO21. Si tratta di un programma SAP dedicato ai partner per supportarli nel processo di innovazione delle competenze nell’ambito della suite S/4HANA e per aumentare il livello di efficacia nella presentazione e nel posizionamento verso i clienti delle nuove funzionalità. Con l’adesione al programma, abbiamo implementato un nuovo sistema S/4HANA in release 1809 Feature Pack Stack 01 corredato di contenuti DEMO per le Line Of Business più importanti, dal Finance, al Procurement, al Sales. Tutti i contenuti DEMO sono fruibili con il nuovo front-end FIORI 5.0 e con dati sempre aggiornati, generati automaticamente da processi schedulati, con il meccanismo della ‘living company’”.

Qintesi, alla sua seconda partecipazione (la prima era avvenuta nel dicembre 2017 in release 1709 FPS 02), ha aderito al “full-program” di DEMO21 che ha previsto quest’anno l’integrazione con SAP Analytics Cloud e con SAP Co-Pilot, il Digital Assistant di SAP Cloud Platform in grado di interagire anche con comandi in linguaggio naturale.

“La nostra partecipazione al DEMO21 — ha commentato Pelella —aggiunge un ulteriore elemento distintivo di qualità e di affidabilità alla nostra offerta, che si affianca alle certificazioni REX per HANA e S/4HANA, alla certificazione SAP 10STEPS2S4 e alle esperienze maturate nei progetti di transition a S/4HANA, sia brownfield che greenfield“.

In sostanza Qintesi è quindi in grado di mettere a disposizione dei propri clienti presenti e futuri grande affidabilità, per aiutarli nel loro percorso di trasformazione e di transizione verso S/4HANA.

Concludendo, come ha ricordato Alberto Pogna: “SAP propone continuamente sul mercato innovazione tecnologica; la linea guida su cui ci muoviamo in Qintesi è quella di accompagnare SAP in questo processo di innovazione continua, in particolare attraverso le soluzioni Cloud di SAP e, in generale, sviluppando prodotti e soluzioni che abilitano il piano di digitalizzazione e miglioramento dell’efficienza dei nostri clienti”.

Per maggiori informazioni: marketing@qintesi.it

]]>
General Cavi: la storia di un cavo Fri, 27 Sep 2019 19:15:39 +0200 http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/601444.html http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/601444.html BIZCOMIT.IT BIZCOMIT.IT Dal 1984 General Cavi ricopre un ruolo di rilievo tra i produttori di cavi destinati alle telecomunicazioni, all’energia, alla trasmissione dati. Dalle applicazioni più estreme alle condizioni più difficili, in climi e ambienti ostili

Gli stabilimenti sono a Latina, Gissi e Fusignano. Lavezzòla è la sede principale del gruppo, e ad Argenta, nell’area petrolchimica di Ferrara ci sono gli impianti con cui General Cavi produce il compound e le mescole per le estrusioni

L’eccellenza dei cavi prodotti dall’azienda dipende dall’alto livello tecnologico di ogni comparto del Gruppo.

General Cavi ha deciso di realizzare una presentazione ricorrendo allo storytelling aziendale con cui raccontare cosa ci sia dietro alla realizzazione di un conduttore in cui far scorrere flusso di energia: cosa serve perchè un segnale, o della corrente possa scorrere attraverso un cavo ad ogni nostro clik . La storia è ‘Dietro un semplice CLICK’.

video_industriale_general_cavi

Ma come fare un video su un cavo? Non è qualcosa che si vede tutti i giorni. Solitamente i cavi sono nascosti o comunque non vi prestiamo mai molta attenzione. Con questo video salgono alla ribalta, protagonisti di un avvincente racconto.

Nella presentazione aziendale vengono descritte le fasi che consentono di ottenere un ‘risultato’ attraverso questo ‘CLICK’.
Si parte dal principio con la descrizione di ciò che è il ‘conduttore’ e cosa sia l’’isolante’.

video_industriale_general_cavi

Che si scelga di trasportare flussi di dati o flussi di energia, quello che conta è il rame, il conduttore per eccellenza. Per evitare che l’energia si disperda nel percorso è poi necessario che questa sia isolata, da una guaina.

La produzione video mostra come il rame arrivi in grandi quantità negli stabilimenti. Ha inizialmente la forma di matasse. Viene trasformato in filamenti attraverso il calore e un processo meccanico.

General Cavi grazie a una macchina che i concorrenti non hanno, può produrre fino a 56 fili contemporaneamente.

A seconda del tipo del cavo che deve essere realizzato viene definito il numero di fili da utilizzare il diametro che dovranno avere. Successivamente i fili sono intrecciati.

Per impedire che il segnale o l’energia trasportata dal rame si disperda l’intreccio di fili viene rivestito con una mescola compound appositamente studiata e prodotta nel polo chimico di Ferrara per la destinazione d’uso del cavo.

Il tipo di rivestimento è determinante per il risultato del prodotto. General Cavi investe molto in ricerca all’interno dei suoi stessi laboratori per ottenere mescole di eccellenza. È lavorando in questo modo che ha ottenuto la certificazione fra le prime aziende in grado di rispondere alle direttive sulla sicurezza CPR UE305

Nella realizzazione di un cavo è di fondamentale importanza che il flusso dell’energia non sia disperso. Questo vale per i cavi più semplici come per i cavi più complessi, dotati di schermature e protezioni meccaniche, elettriche o metalliche.
La protezione deve essere assicurata in ogni momento, anche in fase di installazione, nell’eventualità di incidenti meccanici.

video_industriale_general_cavi__galliano

General Cavi verifica ogni fase del processo. I test iniziano sulle materie prime al momento dell’arrivo negli stabilimenti e terminano in fase di collaudo sul prodotto finito. Sono i laboratori interni a ciascuno stabilimento preposti a eseguire ogni controllo. Al laboratorio centrale di Argenta vengono convogliati poi tutti i dati.

Per snellire lo scambio di comunicazioni interne tra i ricercatori è stata realizzata una rete informatica che comunica sia con il ramo produttivo che col reparto commerciale dell’azienda.

Le informazioni e i dettagli su ciascun singolo prodotto viaggiano simultaneamente nei vari reparti velocizzando i tempi di consegna.

Per ridurre i tempi di attesa e le giacenze General Cavi ha voluto inserire il sistema della logistica all’interno del gruppo, suddividendolo nei diversi centri interni che comunicano tra loro simultaneamente. Il carico, lo scarico, lo stoccaggio e le spedizioni sono stati completamente automatizzati.

La video produzione è stata curata da Giuseppe Galliano Studio, in due lingue, e destinata ad essere utilizzata sul canale Youtube dell’azienda, sulla pagina Facebook aziendale e, con tagli diversi, in convention di settore destinate ad un pubblico di installatori.

Giuseppe Galliano Studio
C.so Cavallotti 24
28100 NOVARA ITALY
www.giuseppegalliano.it

]]>
Gli Spaghi de Il Poggiarello si vestono per nuove occasioni: lanciati i cocktail Ortr-Hugo e Gutturnal, firmati dal bartender Mattia Pastori Tue, 24 Sep 2019 16:43:13 +0200 http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/599166.html http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/599166.html BIZCOMIT.IT BIZCOMIT.IT L’aperitivo in Italia è da sempre un momento da condividere con amici, familiari e colleghi. Il Poggiarello, brand di F&P Wine Group, ha pensato proprio a questa piacevole parentesi della giornata presentando due cocktail con protagonisti indiscussi “Gli Spaghi”, l’Ortrugo e il Gutturnio, vini frizzanti della tradizione piacentina che si caratterizzano per la legatura a spago. “Gli Spaghi” sono stati sapientemente declinati da Mattia Pastori, bartender di fama internazionale, in due gustosissimi drink dai nomi particolarmente evocativi: “Ortr-Hugo” e “Gutturnal”. Semplici da realizzare, non impegnativi, da bere freddissimi, dissetanti e accompagnati magari da qualche stuzzichino, sono un nuovo modo di bere i vini della tradizione piacentina, degustando in modo diverso suggestioni frizzanti dal sapore fresco e piacevolmente dolce.

L’Ortrugo e il Gutturnio de Il Poggiarello, conosciuti anche come Gli Spaghi, sono vini che nascono dalla tradizione piacentina, ma che raccontano una realtà moderna, giovane e frizzante. Oltre al restyling dell’immagine, partita proprio questo mese tramite una campagna unconventional a livello nazionale e supportata anche da una campagna radio, Gli Spaghi saranno l’elemento chiave dei nuovi cocktail firmati dal famoso bartender Mattia Pastori.

L’Ortrugo e il Gutturnio sono vini che si caratterizzano per il sapore fresco e frizzante. Negli ultimi anni, Il Poggiarello sta puntando a far conoscere le due referenze sia a livello nazionale che internazionale. Il nome scelto per i due cocktail è Ortr-Hugo e Gutturnal, dando così un chiaro accento sia alle origini che ai vini utilizzati per la loro realizzazione.

Queste le ricette:

Ortr-Hugo Cocktail:

  • 12,5 Ortrugo dei Colli Piacentini DOC Frizzante “Gli Spaghi”
  • 3 cl Fever Tree Tonica ai Fiori di Sambuco
  • Scorza di Lime a decorare

Da preparare direttamente in un ampio bicchiere da vino, con molto ghiaccio a cubi cristallino. Versare l’Ortrugo e successivamente l’acqua tonica ai fiori di sambuco. Miscelare delicatamente per non sgasare il cocktail. Decorare con una scorza di lime.

L’ispirazione è il classico HUGO cocktail, la tonica valorizza alcune note del vino senza snaturarlo e nel pieno rispetto della tradizione dell’aperitivo italiano.

Gutturnal Cocktails:

  • 7,5 cl Gutturnio DOC Frizzante “Gli Spaghi”
  • 2,5 cl Vermouth Rosso Cocchi (Martini Rosso facilmente reperibile in GDO)
  • Scorza Arancia e Lampone

In un old fashion glass aggiungere un cubo di ghiaccio cristallino. Versare il vermouth e successivamente versare delicatamente il vino rosso. Il cocktail dovrà essere servito evidenziando il distacco cromatico dei due elementi senza essere miscelato. Decorare con scorza di arancia e lampone.

L’ispirazione sono i sangarees cocktail, drink a base di vino e spezie. Un richiamo anche al famosissimo cocktail Negroni Sbagliato.

Mattia Pastori: ​Dalle esperienze nell’hotellerie di lusso alla consulenza per i grandi brand: un percorso che racconta l’evoluzione della figura del bartender oggi come professionista nel settore beverage. Eleganza, empatia ed essenzialità: sono questi i concetti chiave che compongono l’approccio al mondo della mixology di Mattia Pastori. Classe 1984, origini pavesi e curriculum a 5 stelle: le esperienze internazionali e l’incontro con personalità chiave della mixology hanno permesso a Mattia di formarsi in modo completo e di costruire la figura di spicco che rappresenta oggi. Non solo un bartender capace di interpretare al meglio le esigenze della propria clientela e creare drink signature raffinati e originali, ma anche un professionista in grado di supportare grandi brand nel mondo spirits, moda e alta cucina, grazie a una visione completa e un punto di osservazione privilegiato in fatto di gusti e tendenze. (www.nonsolococktails.com)

Per ulteriori informazioni:
Digital PR a cura di Blu Wom Milano
www.bluwom-milano.com
p.fabretti@bluwom-milano.com

]]>
Cartucce per stampanti Prink dal 23 al 28 settembre sconto 50% sul secondo pezzo Tue, 24 Sep 2019 16:40:48 +0200 http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/599168.html http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/599168.html BIZCOMIT.IT BIZCOMIT.IT Dal 23 al 28 settembre in tutti i negozi se acquisti due cartucce o toner a marchio Prink (stesso codice/colore) avrai subito lo sconto del 50% sul secondo pezzo.

cartucce-e-toner-Prink-sconto-50-IMG-PR

Ogni volta che devi cambiare le cartucce della tua stampante ti preoccupi? Stai già pensando a quanto dovrai sborsare per sostituirle? Prink ha la soluzione perfetta: dal 23 al 28 settembre in tutti i negozi se acquisti due cartucce o due toner a marchio Prink avrai subito lo sconto del 50% sul secondo pezzo.

Perché consigliamo di acquistare cartucce e toner a marchio Prink? La prima motivazione, la più ovvia, è il risparmio economico. Le cartucce di marca possono essere molto costose e la qualità di quelle alternative spesso non è molto differente. In particolar modo scegliere le cartucce ed i toner Prink è sinonimo di qualità ad un costo contenuto per via del fatto che i tutti i prodotti a marchio Prink prima di essere immessi nel mercato seguono un rigoroso processo di selezione e vengono regolarmente testati. Inoltre la vendita delle cartucce ed i toner Prink è una vendita assistita ed in questo modo a ciascun cliente viene fornito sempre il prodotto più adatto alle proprie esigenze.

Prink distribuisce tramite la sua rete di negozi cartucce di elevata qualità, disponibili per tutte le marche di stampanti ad un prezzo inferiore rispetto alle cartucce di marca, che possono essere utilizzate su tutte le stampanti tra cui Canon, HP, Epson e molti altri brand.

Le cartucce e toner Prink sono prodotti qualitativamente ottimi che possono contare sulla forza del prezzo contenuto. Nei negozi di cartucce Prink abbiamo personale qualificato in grado di proporti la tipologia di cartuccia più adatta alle tue esigenze di stampa. Prink è sul mercato da più di 18 anni: esperienza, affidabilità e rispetto dell’ambiente sono le parole distintive dei nostri prodotti.

Fonte: marketinginformatico.it

]]>
NO PRISON: seminario internazionale Tue, 24 Sep 2019 16:29:52 +0200 http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/599171.html http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/599171.html BIZCOMIT.IT BIZCOMIT.IT
no prison

Giovedì 10 e venerdì 11 ottobre 2019 presso la sala conferenze della Fondazione Basso, via della Dogana Vecchia, 5 a Roma si svolgerà il seminario internazionale NO PRISON

Questa l’Agenda:
giovedì 10 ottobre 2019
Prima sessione 10,00 – 13,30
Coordina: Marco Tarquinio (direttore responsabile di Avvenire)
“NO PRISON, PER IL RISPETTO DI OGNI PERSONA”
Livio Ferrari (giornalista e scrittore, autore del manifesto “No Prison”)
“IL CARCERE COME CONTRADDIZIONE ISTITUZIONALE”
Luigi Ferrajoli (giurista, filosofo, consigliere Fondazione Basso)
“LE RAGIONI DEL MANIFESTO PER L’ABOLIZIONE DEL CARCERE”
– Penalita’ (Gherardo Colombo, Associazione Sulle Regole)
– Economia (Giulio Cainelli, direttore Dip. S.Econ. Università di Padova)
– Sanita’ (Francesco Ceraudo, medico penitenziario)
– Carcere (Maria Brucale, Resp. comm. carcere Camera Penale Roma)
Seconda sessione 15,00 – 19,00
“LA DESOLANTE SCENA DELL’ESECUZIONE PENALE IN ITALIA”
– Fotografia dell’esistente
Mauro Palma (garante nazionale delle persone private della libertà)
– 41 bis
Valerio Spigarelli (avvocato)
– Ergastolo
Patrizio Gonnella (presidente Associazione Antigone)
– Tortura
Elisabetta Zamparutti (Associazione Nessuno Tocchi Caino e Comitato prevenzione tortura Consiglio d’Europa)
“LA SOSTANZIALE NON RIFORMABILITÀ DEL CARCERE”
Giuseppe Mosconi (docente di sociologia del diritto Università di Padova)

venerdì 11 ottobre 2019
Sessione unica 10,00 – 12,30
“IL MOVIMENTO «NO PRISON» SI ORGANIZZA”
Assemblea e costituzione-organizzazione degli organi del movimento

]]>
Centric Software PLM sigla una partnership con CLO, Browzwear e EFI Optitex Mon, 23 Sep 2019 22:47:35 +0200 http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/599173.html http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/599173.html BIZCOMIT.IT BIZCOMIT.IT

Centric Software rivoluziona il PLM per la moda con l’integrazione di soluzioni native end-to-end 3D di design e sviluppo prodotto a più sistemi leader di mercato.

CAMPBELL, California, 23 Settembre 2019 – Basandosi sul proprio impegno a sviluppare innovazioni che guidano la trasformazione del retail per marchi, retailer e produttori, Centric Software, il leader di mercato del PLM (Product Lifecycle Management), ha introdotto per primo un vero workflow di progettazione e sviluppo, completamente digitale e in 3D, attraverso l’integrazione di più soluzioni 3D, leader nel settore della moda. Centric Software offre le soluzioni PLM più innovative ad aziende di moda, retail, calzature, articoli per l’outdoor, prodotti di lusso e di largo consumo per aiutarle a realizzare obiettivi strategici e operativi di trasformazione digitale.

Ispirato dal Customer Advisory Board di Centric, costituito dai principali marchi, retailer e produttori del settore, e dalla sua solida base di utenti, composta da 1,000 brand distribuiti nel mondo, il workflow digitale di Centric per la creazione in 3D del prodotto è un software 3D-agnostico che, per cominciare, include diverse soluzioni 3D per la moda, come CLO, Browzwear ed EFI Optitex.

Negli ultimi anni, innovativi brand di moda e di abbigliamento hanno iniziato a sfruttare la tecnologia 3D perché può offrire molteplici importanti vantaggi.  A seconda degli obiettivi e del tipo di prodotto in sviluppo, per ottenere il risultato desiderato, sono spesso utilizzati molti sistemi 3D. Perseguire una strategia 3D-agnostic e collegare Centric PLM con diversi sistemi 3D offre una visione a 360 gradi di questo sviluppo”, spiega Steve Chastain, VP, Head of Global IT di Volcom.    

Abbiamo avviato un’integrazione pilota di Browzwear in Centric all’inizio del 2019 per poi estendere velocemente il progetto a includere anche CLO e EFI Optitex. Ottenere il feedback degli utenti è stato fondamentale per poter fornire il giusto valore e i vantaggi attesi”, dichiara Ron Watson, VP Product di Centric Software. “La nostra esperienza con i marchi e i retailer leader del settore ci ha fatto comprendere che questi utilizzano più di una singola soluzione 3D e che continueranno a farlo.”

Con l’offerta di una serie di Connettori 3D per Centric PLM, intendiamo fornire un fluido flusso di lavoro 3D – dalla ideazione e simulazione del prodotto, fino alle revisioni dell’intera collezione – con informazioni 3D provenienti da molte e diverse fonti e tipologie di soluzioni. Centric PLM fornisce una libreria centrale di risorse 3D che consente a progettisti e sviluppatori di prodotti di trarre il massimo vantaggio globale da Centric 8 PLM e di utilizzare le informazioni 3D per l’ideazione, le verifiche di design e vestibilità, lo sviluppo di teck pack, le richieste di preventivi e la co-creazione con i fornitori, per un’autentica trasformazione digitale end-to-end.”

“Portare funzionalità di progettazione e sviluppo 3D in Centric PLM ha per noi significativi potenziali vantaggi a livello strategico e operativo. Nell’ultimo anno abbiamo sviluppato alcuni dei nostri progetti in 3D e Centric 3D Connect ci permetterà di risparmiare tempo e ottimizzerà il flusso di lavoro per i nostri progettisti e sviluppatori. Ci consentirà inoltre di utilizzare rendering  di prodotto 3D lungo l’intero ciclo di vita, offrendo supporto ai team di vendita e marketing per la nostra guida all’acquisto, spiega Frank Potts, Business Consultant e Rebecca Johansen, R&D Manager di Helly Hansen.

I 3D Connector di Centric offrono vantaggi quali riduzione del time to market, diminuzione dei costi di sviluppo, aumento nell’innovazione di prodotto e minore impatto sull’ambiente.

I nuovi 3D Connector di Centric, inoltre, promuovono l’efficienza dei brand della moda e dell’abbigliamento specializzati nella personalizzazione dei prodotti o nella produzione ‘su misura’ aggiornando automaticamente design di prodotti e vestibilità tramite campioni virtuali. Permettono anche di condividere con i clienti modelli 3D fotorealistici per la revisione e l’approvazione prima della produzione; anche in questo settore Centric è un pioniere.

“Centric è un’azienda decisamente orientata all’innovazione e la sua serie di 3D Connectors per PLM non è che l’ultima di una lunga serie di strumenti inediti e leader di mercato”, afferma David Grant, Vice President, Design and Supply Chain Systems di Fast Retailing. “Siamo entusiasti di collegare più soluzioni software 3D per la moda a Centric PLM e della visione 3D che Centric ha realizzato”.

La serie 3D Connector di Centric Software rafforza il ruolo di Centric 8 PLM come fulcro dell’attività 3D in ogni fase del ciclo di vita del prodotto. Nel 2018, Centric ha lanciato l’applicazione mobile 3D Sample Review per la revisione di campioni digitali in scenari virtuali all’interno di Centric PLM. Centric 8 PLM v6.6, rilasciato all’inizio di quest’anno, include un nuovo e potente visualizzatore 3D, per valutare e condividere commenti su progetti e campioni 3D.

“Siamo entusiasti di annunciare la prima fase del nostro nuovo workflow digitale end-to-end di sviluppo 3D”, afferma Chris Groves, Presidente e CEO di Centric Software. “Il 3D sta assumendo un’importanza cruciale nella progettazione del prodotto, nello sviluppo e nella customer experience, e siamo orgogliosi di offrire soluzioni innovative che consentono ai nostri clienti di raggiungere obiettivi strategici e operativi quali una maggiore crescita aziendale e un migliore impatto ambientale.”

Centric Software (www.centricsoftware.com) 

Dalla sua sede nella Silicon Valley, Centric Software fornisce una piattaforma di Trasformazione Digitale alle aziende più prestigiose che operano nei settori della moda, del retail, delle calzature, dei prodotti per l’outdoor, dei beni di lusso e di largo consumo. Centric 8, la piattaforma PLM (Product Lifecycle Management) di punta dell’azienda, offre funzionalità enterprise di merchandise planning, sviluppo prodotti, sourcing, gestione della qualità e delle collezioni, specifiche per i settori fast moving consumer goods. Centric SMB offre tecnologie PLM innovative e importanti best practice di settore specifiche per brand emergenti. Centric Visual Innovation Platform (VIP) offre una nuova esperienza totalmente visiva e digitale per la collaborazione e il processo decisionale e include la Centric Buying Board, per trasformare le sessioni interne d’acquisto e massimizzare il valore del retail, e la Centric Concept Board, per promuovere la creatività e l’evoluzione del concept di prodotto. Tutte le innovazioni Centric accelerano il time to market, danno impulso all’innovazione e riducono i costi.

La quota di maggioranza di Centric Software è detenuta da Dassault Systèmes (Euronext Paris: #13065, DSY.PA), leader mondiale nel software di progettazione 3D, Digital Mock Up 3D e soluzioni PLM.

Centric Software ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti nel settore, tra cui l’inclusione da parte di Red Herring nella lista delle prime 100 aziende nel mondo nel 2013, 2015 e 2016. Centric ha inoltre ricevuto diversi excellence award da parte di Frost & Sullivan nel 2012, 2016 e 2018.

Centric è un marchio registrato di Centric Software. Tutti gli altri brand e nomi di prodotto sono marchi registrati dei rispettivi proprietari.

]]>
Taste Of Roma 2019 ha chiuso ieri i battenti: tanti i riscontri positivi che sanciscono quanto questo Festival sia nel cuore di chef e pubblico Mon, 23 Sep 2019 17:54:29 +0200 http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/599175.html http://comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/599175.html BIZCOMIT.IT BIZCOMIT.IT Tema dell’edizione romana 2019: abbinamento cibo – colori
Auditorium Parco della Musica – dal 19 al 22 settembre 2019

Ha chiuso ieri i battenti, domenica 22 settembre, Taste of Roma, l’evento organizzato da BEIT Events che ogni anno unisce il buon cibo all’amore per la condivisione. In linea con le edizioni precedenti le presenze registrate nei 4 giorni della manifestazione, nonostante una domenica di pioggia. Ma sono soprattutto i riscontri del pubblico e degli chef che confermano quanto sia nel cuore di tutti questo evento.

Tanti gli ospiti del mondo della stampa e dei media, gli chef in visita agli amici ristoratori presenti e quasi 1000 gli accrediti per la sezione B2B del venerdì a pranzo, segno che sempre di più Taste of Roma è anche un’occasione per fare business intorno ad un tavolo conviviale. Alcuni dei numeri dell’ottava edizione romana: oltre 500 giornalisti presenti, più di 1500 ospiti alla Vip Lounge by Diners Club International dove si è anche svolto il 19 settembre il party di inaugurazione con la presenza di numerosi VIP, oltre 5.000 le persone che hanno deciso di partecipare ad una delle numerose attività interattive proposte.

Il tema di Taste of Roma di quest’anno, il colore e il suo abbinamento al cibo, ha permesso a tutti di percorrere un viaggio che risveglia tutti i 5 sensi. Ogni chef ha infatti presentato un piatto icona creato appositamente per raccontare l’evoluzione della propria cucina. A stupire tutti è stato come la componente cromatica del cibo, declinata nei colori del rosso, il verde, il bianco, l’arancione e il nero, non si sia limitata solo all’aspetto visivo, ma sia riuscita a riportare alla memoria determinate esperienze ed emozioni, creando aspettative sul gusto inaspettate.

I 14 Ristoranti di Taste of Roma hanno sfornato migliaia di piatti gourmet, tutti preparati espressi negli spazi “pop up”. Tra le proposte che l’hanno fatta da padrone: la carbonara di Pipero, il fish Burger di Per Me, il kebab di coniglio di Convivio Troiani, il carpaccio di capesante e il rigatoncello su spuma di peperoni de La Pergola Hotel Rome Cavalieri.

Molto gettonate e varie anche le attività ideate per Taste of Roma. La BBQ Experience, presentata proprio per la prima volta quest’anno e in collaborazione con Weber, Heinz e il canale Vice Munchies, ha avuto un vero e propri “overbooking” di richieste e di presenze: centinaia di persone hanno preso parte ai numerosi appuntamenti organizzati per rivelare i segreti nascosti dietro a un’ottima grigliata.

Di grande impatto visivo Il Salotto del vino con il suo esclusivo “autobus del gusto”.  Realizzato in collaborazione con Trimani, ha segnato la partecipazione di moltissimi appassionati che hanno avuto l’occasione di salire direttamente a bordo per conoscere e degustare vini di zone, vitigni e aziende operanti nella zona del Lazio.

Come ogni anno apprezzatissima e sempre affollatissima La scuola di Cucina, in collaborazione con Aa Tavola con lo Chef, che ha dato la possibilità ai partecipanti-protagonisti di “mettere le mani in pasta” con l’aiuto dei grandi chef presenti alla kermesse.

Il nuovissimo Taste Residence by Zacapa è stato protagonista di brunch e cene realizzati ogni giorno da chef differenti del territorio romano, che si sono appunto trasferiti “in residence” dentro l’area del Taste. Solo su prenotazione e con posti limitati, ha visto il tutto esaurito anche grazie all’abbinamento dei piatti con il Rum Zacapa, che ha trasportato gli ospiti nei suoi loghi esotici di orgine.

Sempre realizzato in partnership con Diageo, il “Tanqueray N° TEN Bar & Table Experience” dove è stato possibile vivere per tutti gli amanti del Gin un’esperienza sensoriale unica tramite il blind taste.

Per la prima volta a Taste of Roma, lo stand di “Taste of Thailand” ha dato l’opportunità di scoprire tutti i segreti della cucina Thailandese: un’occasione speciale per gustare, ascoltare le caratteristiche e le storie culinarie, sentire i profumi e ammirare visivamente i risultati dei cibi proposti da una top chef donna, arrivata appositamente dal Paese Asiatico.  All’opening era presente anche l’Ambasciatore Thailandese in Italia.

 “Siamo molto soddisfatti dei risultati ottenuti da questa edizione di Taste of Roma. – ha commentato Silvia Dorigo, Founder & CEO di BEIT Events e Massimo Dorigo, Founder & COO di BEIT Events – Il pubblico ogni anno ci conferma e ci dimostra che aspetta con piacere ed interesse la nostra kermesse enogastronomica. Un incontro unico sulla piazza di Roma, che in tanti ci descrivono essere l’appuntamento atteso da un anno all’altro per la qualità delle presenze, degli allestimenti e dell’offerta esperienziale. Ogni anno lavoriamo sodo per rendere davvero “differente” il nostro evento e per assicurare al pubblico un risultato che sappia imprimere nella memoria un momento magico, di condivisione ed eccellenza e quest’anno le novità sono state tante. Le partnership strette anche quest’anno sono state con Aziende rinomate e riconosciute sul mercato e sono state fondamentali per il raggiungimento di questo nuovo successo. Chiudiamo quindi anche questa edizione di Taste of Roma soddisfatti per il risultato ottenuto.”

Main Partners: Diners Club International, Tanqueray 10, Zacapa,Trimani, Pasabahce

Media Partners:Radio Glob – Radio Ufficiale, TheFork, TGCOM24, Munchies, James Magazine, Effetto Food, Un Ospite a Roma, Mangia e Bevi, Mangia Roma, Radio Food, Rinascente, Roma CapitaleMagazine, The Roman Post – Voice Ambassador, Where Rome

Partners: Heinz, Ambasciata di Thailandia, Ercoli 1928

Tech Partners: Italo, A Tavola Con Lo Chef, Acqua Orsini, Angelo Po, ISFCI, Chef&Maître – Giblor’s, Churchill, Maxxi, Roma Slow Tour, Solaya Communication, Spazio Kaos, Weber-Stephen, Zig Zag Sharing

Espositori: Alveti e Camusi L’Avventura, Armatore srl, Azienda Agricola Borgodoro, Bondolfi Boncaffè, Caffè Mauceri, Dolcemascolo-Coffeetech, Famiglia Cotarella, Gerri Pasticceria Agnone, Gunther Gelato, Italiano, Hotel Tiber, Il Coltello matto, Koppert Cress, MOUTAI, Neve Di Latte, Oliviero Claudio Azienda Agricola, Otaleg, Pasta Armando, Pujje, Santi Sebastiano e Valentino, Salumificio Panzeri, Sapor d’Olio, Fratelli Taibi Pasticceria Siciliana, Spirulina Severino Becagli

Per essere aggiornati sulle ultime novità:

sito: https://www.tasteofroma.it – FB @tastefestivalsitalia –  Twitter @TasteOf_IT – Instagram @tastefestivalsitalia  – YouTube @Taste Festivals Italia

Per ulteriori informazioni:
Digital PR a cura di Blu Wom Milano
www.bluwom-milano.com
p.fabretti@bluwom-milano.com

]]>