Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Forza Italia Palma di Montechiaro Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Forza Italia Palma di Montechiaro Tue, 07 Jul 2020 21:17:21 +0200 Zend_Feed_Writer 1.12.20 (http://framework.zend.com) http://comunicati.net/utenti/3249/1 Comunicato Stampa. Cottitto (capogruppo F.I.) ed "I GIOVANI DI VIA CANGIAMILA": scandalosa la chiusura della Guardia Medica Wed, 26 Dec 2007 15:00:00 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/forza_italia/49379.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/forza_italia/49379.html Forza Italia Palma di Montechiaro Forza Italia Palma di Montechiaro I GIOVANI DI VIA CANGIAMILA
      e il Consigliere Comunale Angelo Cottitto (F.I.)           

 

 

REGALO NATALIZIO: la chiusura di una guardia medica nel nostro comune.

 

Alla vigilia del Santo Natale, un inaspettato e non desiderato regalo colpisce la nostra città di Palma, mentre tutti eravamo indaffarati per organizzare le feste natalizie dalla regione siciliana arriva il decreto di chiusura di uno dei due presidi di guardia medica della nostra città.

La decisione di chiudere una delle due guardie mediche di Palma di Montechiaro, appare come un atto punitivo contro i cittadini della nostra comunità.

Il nostro territorio dimenticato dalle autorità politiche, le quali si ricordano della nostra esistenza solo quando c’è da penalizzare il nostro già martoriato territorio.

Tale provvedimento viene calato in una realtà sanitaria palmese già di per se critica, ricordiamo che per solo l’opera del Dott. Racalbuto, Diretto Sanitario Palma - Licata, aveva consentito la riapertura del presidio di piazza Matteotti, intervento meritorio, compiuto da  UN NOSTRO CONCITTADINO, che viene vanificato da questa mannaia.

Ricordiamo inoltre che  a Palma non solo non vi è un ospedale, ma manca anche un centro di primo soccorso, se a questo aggiungiamo l’allarmante quadro infrastrutturale che non consente al cittadino palmese, per esempio vittima di episodio cardiaco serio, di raggiungere in tempo per salvarsi la vita, un centro che possa fornire le prime ed indispensabili cure, visto che “dulcis in fundo” il servizio di 118 a Palma non è medicalizzato, alla fine l’intervento dell’ambulanza equivale alla chiamata di un taxi…

Di fronte a tutto ciò la classe politica perdura in una imbarazzante quanto avvilente inattività.

Inoltre, va sottolineato che non si può addurre il motivo di forza maggiore, perché è lapalissiana  l’inutilità di questo provvedimento per quanto riguarda il risparmio.

Il risanamento delle voragini del bilancio della sanità regionale, consentendo il cosiddetto rientro della spesa nella Sanità siciliana, non può e non deve essere attuato con la penalizzazione dei più deboli e bisognosi.

Chiediamo a tutta la classe politica agrigentina e siciliana di desistere da questa nefasta operazione, ed anzi chiediamo loro di adoperarsi per la conversione di questi due presidi in un centro di primo soccorso operante 24h/24h. In attesa che questo avvenga non può essere  chiuso nessun presidio di guardia medica a Palma di Montechiaro.

Noi giovani di Palma di Montechiaro, faremo tutto quanto è in nostro potere per bloccare ,questo provvedimento, stiamo organizzando un comitato cittadino in difesa della salute, minacciata giorno per giorno dall’immobilismo politico.

Invitiamo la cittadinanza tutta ad opporsi a questo gravissimo torto, siamo convinti che la città non rimarrà in silenzio, perché dopo aver bloccato lo sviluppo economico e sociale nell’ultimo cinquantennio adesso mettono in pericolo la nostra vita.

Questo episodio deve farci riflettere per andare liberi all’esercizio del voto, non condizionati da vincoli inutili di parentela e di altra natura, ma guidati dal solo spirito di migliora la nostra città,  guidati dallo spirito di libertà.

Il nostro momento di forza  e di libertà è il voto esercitiamolo in modo libero, intelligente e scevro da dannosi condizionamenti di qualunque natura.

In nostro movimento farà in modo che siano gli stessi cittadini di ogni età, reddito e condizione sociale a scendere in campo e a lottare, in prima persona, perché si rompa quel cerchio di immobilismo in cui si è rinchiuso un sistema politico oggi talmente frammentato e auto-referenziale da essere, di fatto, incapace, a causa dei suoi continui ed esasperanti conflitti interni, di risolvere i tanti problemi di questo paese, di questa provincia, di questa regione, di questa nostra amata Italia.

 

          IL RAPPRESENTANTE                                                                        IL CONSIGLIERE COMUNALE F.I.                            

     DEI GIOVANI DI VIA CANGIAMILA          

             Stefano Castellino                                                                                                         Angelo Cottitto                                   

 

Il Direttivo

Gaetano Castronovo, Maria Concetta Sarrusca, Angelo Vaccaro, Benedetto Lombardo, Rosario Alotto, Filippo Catania, Rosaria Lumia, Giovanni Priolo, Calogero Mazza, Francesco Gulino, Pio Attardo, Giusy Castellino.

 

               

 

Palma di Montechiaro, 92020 Via  F.Cangiamila  n° 330 

Cell:328/6573125

]]>
Comunicato e Manifesto congiunti a firma dei consiglieri comunali di Forza Italia UDC MPA e Indipendenti di Palma Di Montechiaro contro Sindaco Gallo, la giunta e un centrosinistra arroganti ed incapaci di governare. Thu, 06 Sep 2007 17:00:00 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/forza_italia/43316.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/forza_italia/43316.html Forza Italia Palma di Montechiaro Forza Italia Palma di Montechiaro  
MANIFESTO:

 

L’ATTACCAMENTO ALLO STIPENDIO E ALLE POLTRONE NON CONOSCE VERGOGNA

 

IL SINDACO GALLO. CON LA COMPLICITA’ DELLA COALIZIONE DI CENTRO SINISTRA, PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA, PER CHIARA INCAPACITA’ ED ARROGANZA, HA CANCELLATO LA FESTA DELLA MADONNA DEL ROSARIO.

 

Non vi è limite alla falsità e alla mancanza di pudore e di decoro del sindaco Gallo e di tutta la sua scricchiolante coalizione che solamente per tornaconto personale continua a sostenerlo. Avendo affossato la città, con più di due anni di totale immobilismo, sono addirittura riusciti nell'impresa di cancellare l'importantissima festa della Madonna del Rosario, per poi tentare una vana quanto delirante ed improponibile difesa della loro inqualificabile azione politica. Palma di Montechiaro non può accettare lezioni di religiosità da chi nella sua vita politica ha sempre ed in modo ingiustificato ha attaccato la Fede e la Chiesa. Dove si trovavano i consiglieri, paladini del sindaco, quando veniva cancellata dai manifesti il nome della Madonna?

I sottoscritti consiglieri comunali vi comunicano che nel mese di maggio, durante l’approvazione del bilancio, abbiamo destinato per le festività e le attività culturali 110.000 €, questa cifra è stata sperperata da questa irresponsabile amministrazione.

Ricordiamo, per esempio, che più di 12.000 € sono stati spesi per gli spettacoli al Castello, eventi privi di pubblico.

Il sindaco, in difesa di questa scelta affermava, senza remore e con disprezzo, che se ai palmesi non piacciono questo tipo di attività culturali è un problema loro, confermando di fatti che lo stesso organizza attività culturali per diletto proprio e dei suoi sparuti compagni, non per la città, non per i palmesi.

Con quale coscienza si può chiedere di togliere migliaia di euro dalla viabilità o dagli abbonamenti degli studenti per coprire i propri errori e la totale assenza di oculata programmazione!

Il sindaco ha pure respinto, ridendoci sopra, la proposta di tutti i sottoscritti consiglieri d'opposizione di rinunciare a quattro mesi di stipendi del sindaco e della giunta ed ai gettoni di presenza del consiglio comunale, per poter realizzare i festeggiamenti patronali.

La colpa, la macchia dell’interruzione di questa secolare tradizione ricade su un sindaco e su una coalizione che non solo è incapace di governare, ma ha anche l'arroganza di continuare ad occupare le cariche in modo indegno e improduttivo, addossando ad altri la colpa del loro fallimento.

Le uniche azioni politiche che il sindaco e tutto il centro sinistra possono vantare sono i rimpasti e le spartizioni delle poltrone per cercare l'utopica conservazione di uno schieramento allo sbando alla sola ricerca di soddisfazioni personali. Alla luce del disastro creato da questa armata brancaleone, noi consiglieri d'opposizione, con un gesto di grande responsabilità, recependo alcuni segnali di sofferenza provenienti da alcuni esponenti dello stesso centro sinistra, abbiamo proposto al Sindaco e al suo schieramento una svolta: fissare un piccolo programma condiviso, con alcuni indispensabili punti da realizzare per far ripartire la città.

Il loro insaziabile attaccamento alle poltrone ha impedito questa scelta coraggiosa.

Per noi sarebbe stato un enorme sacrificio, perché si trattava di porre rimedio ai danni provocati da un cancro che attanaglia la vita della città di Palma.

Adesso l’unica cura possibile l’unica via d'uscita è ridare la parola agli elettori, al SOVRANO POPOLO PALMESE.

Il Popolo di Palma non si fara' mai più ingannare. Dopo più di 10 anni di amministrazioni Gallo, la città è in ginocchio e urla con forza:

andate a casa, siete senza VERGOGNA!

 

I consiglieri Comunali di Centro Destra:

 

U.D.C.

A.N.

F.I..

M.P.A.

INDIPENTENTI

Giuseppe Vinciguerra

Luca Salvato

Angelo Cottitto

Angelo Falco

Carmelo Adamo

Giuseppe Lentini

 

 

Vincenzo Pace

Rosario Bonfanti

 

 

 

Calogero Lauricella

Luciano Ietro

 

 

Palma di Montechiaro, cell: 328/6573125

e-mail: coordinamento@forzagiovanipalma.it

 

COMUNICATO:

 

Comunicato stampa sulla Festa

della Madonna Santissima del Rosario.

Atteggiamento inaccettabile del Sindaco

 

Per il 31 agosto si è tenuto il consiglio comunale, convocato per discutere una proposta di variazione di bilancio presenta dalla giunta comunale guidata dal Sindaco Gallo.

L’oggetto di tale variazione era il capitolo delle attività culturali e di spettacolo, si chiedeva al consiglio di stornare su questo capitolo € 60.000 dal settore scuola, abbonamento servizio trasporto studenti.

Questa variazione veniva presentata dopo che il consiglio comunale nella precedente seduta aveva respinto la proposta della giunta di reperire questi fondi dal capitolo oneri di urbanizzazione, per intenderci quei fondi che i cittadini versano per realizzare le strade, l’illuminazione e tutte quelle opere indispensabili per il vivere civile.

Lo stesso Sindaco ha definito questa proposta di variazione una  mostruosità ma consentita dalla  legge. L’aver respinto nel precedente consiglio quel tipo di proposta ha di fatti impedito tale mostruosità.

Nel periodo che intercorre tra i due consigli, tra le due proposte, i sottoscritti consiglieri comunali, con un gesto di grande responsabilità, recependo alcuni input provenienti dall’ex maggioranza, avevano proposto al Sindaco e al suo scricchiolante schieramento una svolta: fissare un  piccolo programma condiviso con alcuni indispensabili punti da realizzare per far ripartire la città dopo più di due anni di immobilismo.

Per noi sarebbe stato un grande sacrificio da compiere per la città, visto che si sarebbe trattato di rianimare un malato in fase terminale.

Assai paradossale risulta la posizione del centro sinistra che per bocca del consigliere Salvatore Tannorella (D.S.) così si esprime in merito alla proposta di giunta di salute pubblica: <<questa strada non è percorribile, in quanto la coalizione dell’Unione, con a Sindaco Rosario Gallo, ha predisposto un proprio programma che ha ottenuto la fiducia dei cittadini per amministrare la città, programma che il Sindaco Gallo e i partiti dell’Unione intendono portare avanti […] ciò non toglie che il confronto con il centro destra possa avvenire su atti amministrativi di grande rilievo e di interesse della collettività.>>

Da un lato il consigliere avoca il loro diritto-dovere di governare secondo il proprio programma, che per ovvi motivi, non è da noi condiviso, perché altrimenti avremmo tutti composto un’unica coalizione, dall’altro lato, conscio della mancanza di numeri in consiglio comunale, chiede il confronto con il centro – destra.

In merito all’etereo programma dell’unione ci chiediamo dopo quasi 2 anni e mezzo quando, intendano realizzarlo, e attendiamo con ardore le relazioni semestrali del Sindaco Gallo, relazioni mancanti a dispetto di una chiara legge regionale.

La situazione reale è molto più semplice dei voli pindarici del consigliere Tannorella, se il centro sinistra vuole governare secondo il programma dell’Unione deve avere i numeri per farlo altrimenti si dimettano e diano di nuovo la parola al popolo palmese, se si voleva il confronto con l’opposizione per il bene della città per realizzare atti amministrativi di grande rilievo e di interesse della collettività bisognava accettare la nostra proposta.

Noi consiglieri comunali di opposizione non intendiamo più mettere pezze nelle falle che giorno dopo giorno questa amministrazione crea.

I motivi che ci hanno indotto a questa dolorosa decisione sono i seguenti:

·        Assenza di programmazione di un appuntamento fisso ed importante per la città;

·        Assenza di patrocini regionali e/o provinciali, l’assessore Bongiorno dovrebbe avere il compito di reperire altri fondi non facendo esclusivamente fede sullo striminzito bilancio comunale;

·        Mancata presentazione in extremis di almeno una bozza di programma dei festeggiamenti laici in onore della nostra Patrona, che si sarebbero dovuti svolgere a giorni;

·        La proposta di variazione, prendendo spunto dai festeggiamenti della Patrona, parlava poi di attività culturali e di spettacolo in generale, nessuno garantiva al consiglio e alla città la certezza che quei fondi sarebbero effettivamente ed interamente destinato allo scopo

·        Aver speso in modo da noi non condiviso i € 110.000 già predisposti dal bilancio comunale;

·        Vista la grave situazione dell’edilizia scolastica dove sono assenti anche i requisiti minimi per la sicurezza come per esempio i certificati di agibilità statica, antincendio e di idoneità igienico-sanitaria sarebbe più opportuno utilizzare quei fondi per la messa in sicurezza degli edifici stessi;

 

 

Il sindaco inoltre è intervenuto in consiglio comunale offendendo gratuitamente i consiglieri d’opposizione, il popolo palmese e la stampa locale.

Il sindaco non perde mai occasione di accusare ingiustamente chi da anni, con grande spirito di sacrificio, racconta la storia della nostra città, non si avventuri in questa improbabile strada.

Va stigmatizzato l’assurdo atteggiamento del Signor Sindaco, il quale nella replica, anziché cercare un punto di incontro con l’opposizione e con i gusti e i bisogni della città, si lasciava andare in insulti e invettive gratuite verso la città e i consiglieri presenti, tutto sotto gli occhi di una presidenza inerme nella difesa della dignità del Consiglio Comunale, basti ricordare che per replicare all’accusa di cattiva gestione delle risorse economiche, sperperate in attività lontane dal gradimento e dal diletto della città, affermava senza remore e con disprezzo che se hai palmesi non piace il jazz è un problema loro; dando quindi conferma che lo stesso organizza attività Kulturali per il proprio diletto e per quello dei suoi accoliti, quindi non per la città non per i palmesi.

In un momento storico in cui alla città mancano beni e servizi di prima necessità sarebbe stato opportuno proporre al Consiglio e alla Città, un programma limitato alla sola settimana dell’otto settembre, senza avventurarsi in improponibili quanto inopportune feste settembrine che nulla hanno a che spartire con la nostra patrona.

Nella seduta il sindaco a pure respinto la proposta fatta del Consigliere Pace a nome di tutta l’opposizione di rinunciare a favore dei festeggiamenti a quattro mesi di stipendi e gettoni di presenza da parte sia del consiglio comunale che della Giunta e del Sindaco.

Per concludere la colpa dell’interruzione di questa secolare tradizione ricade su un sindaco e su una coalizione che non solo è incapace di governare, ma ha anche l’arroganza di continuare ad occupare la sua carica in modo indegno e improduttivo.

L’unica azione politica che il sindaco può vantare negli ultimi due anni della sua amministrazione è il rimpasto e lo spartizione delle poltrone per cercare l’utopica conservazione di uno schieramento allo sbando.

 

CHI È CAUSA DEL SUO MALE PIANGA SE STESSO.

 

I consiglieri Comunali di Centro Destra:

U.D.C.

A.N.

F.I..

M.P.A.

INDIPENTENTI

Giuseppe Vinciguerra

Luca Salvato

Angelo Cottitto

Angelo Falco

Carmelo Adamo

Giuseppe Lentini

 

 

Vincenzo Pace

Rosario Bonfanti

 

 

 

Calogero Lauricella

Luciano Ietro

 

 

 

 

Palma di Montechiaro, cell: 328/6573125

e-mail: coordinamento@forzagiovanipalma.it

 

 

 

]]>
Angelo Cottitto e Stefano Castellino =28Forza Italia Palma di Montechiaro=29: Lettera Virtuale al Duca Santo=2C atto di condanna verso la classe politica immobile di fronte al decadimento della citt=C3=A0? Wed, 29 Aug 2007 13:30:00 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/forza_italia/42944.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/forza_italia/42944.html Forza Italia Palma di Montechiaro Forza Italia Palma di Montechiaro  
 
 

Il Gruppo Consiliare

Palma di Montechiaro

 

Lettera aperta al Santo Duca Giulio Tomasi

2007, 29 Agosto

 

  


 

Eccellentissimo Signor Duca di Palma,

Illustre Principe,

 

scriviamo alla sua Eccellentissima per esprimerLe tutto il nostro dolore e la nostra disperazione per come si è trasformata la sua amata Palma, la nostra amata Palma.
Dopo 370 anni, la città, che Ella ha voluto come nuova Gerusalemme è completamente invasa dal degrado.
I monumenti rimasti, sfuggiti alla furia distruttrice dell’abusivismo, tollerato e protetto da una classe dirigente indegna della sua bellissima Terra, sono abbandonati a se stessi senza che nessuna delle autorità dello Stato Repubblicano Italiano faccia nulla per conservare queste nostre meraviglie, che un Suo discendente ha immortalato nel romanzo “Il Gattopardo”.
Con enorme nostalgia e dolore, ricordiamo il Suo progetto di Palma Terra Santa, Palma Nuova Gerusalemme.
Illustre Principe, Lei ci lasciò una città meravigliosa, una città vocata e dedicata a Nostro Signore;  noi l’abbiamo deturpata ed offesa nella sua dignità,  riempiendola di sangue, lacrime, omicidi e malgoverno; altresì completato da un invadente processo di scristianizzazione silenziosa.
Pochi giorni fa, quasi a suggellare questa inarrestabile decadenza, è crollato parte del cornicione della Chiesetta dedicata a Santa Rosalia ai piedi della Chiesa Madre.
Chiesa Madre già offesa profondamente, dopo che ignoti, qualche tempo prima si erano permessi di bruciarne il portane laterale.
Adesso Eccellenza, dopo che nel 1800 i suoi discendenti abbandonarono Palma non preservandone la continuità religiosa ed amministrativa, e con l’avvento della Repubblica, non abbiamo ne principi ne baroni ne nobili, e per scegliere chi governa la città, la regione, la nazione, si effettuano le elezioni, che dovrebbe dare al popolo la possibilità di eleggere liberamente i propri rappresentanti per amministrare in maniera costruttiva la cosa pubblica.
Peccato che ciò avvenga con grosse difficoltà visto che l’elezioni sono state quasi sempre gestite dai Pupari, nuovi improvvisati ed indegni signori.
Molti nostri concittadini palesando l'interesse del bene collettivo, vanno alla ricerca solo della soddisfazione del loro  piccolo bisogno, del loro  piccolo “favore”, non comprendendo che è proprio questo a renderli schiavi: misera ricompensa per la perdita della libertà, annullando ogni aspettativa di miglioramento per il futuro della città.
Tale affermazione, Principe, poggia le sue fondamenta sull'atteggiamento tipico del nostro popolo, le cui grida, le cui lamentele sono perenni ed affondano le radici nella sua storia, popolo incapace di addurre rimedio alcuno alle problematiche sollevate.
Non è sicuramente l'ingegno ad essere deficitario, ma è quella giusta mistura di superbia e pigrizia a bloccarne l'azione.
Questo atteggiamento favorisce l'azione dei nuovi “signorotti”, che con fili invisibili gestiscono il nostro vivere quotidiano.
In questa panoramica diventa ancor più sofferente la Sua mancanza, la sua vicinanza al popolo di Palma, il suo sincero contatto casa per casa, carpendone i bisogni e le loro aspirazione, lenendone ove possibile il dolore.
Agli occhi di taluni moderni intellettuale il Suo attaccamento alla Fede, il portare Cristo nel cuore e nell’azione sia della sua vita privata che pubblica, investendo il proprio patrimonio, viene ahimè considerata follia.
Eccellenza perdoni questa offesa gratuita, nessun  come sua Altezza ha mai fatto tanto per Palma,  e se questa era follia, benedetta sia questa follia.
Questo quadro genera una situazione di apparente tranquillità, di millantata sicurezza, che ha consentito come detto:
. La distruzione della Città Santa: ciò che non fu possibile neanche ai saraceni è stato consentito ai nuovi
“barbari”, amici degli amici.
. La cancellazione di ogni sorta di Diritto: ciò che è garantito dallo Stato Italiano e dalle sue leggi diventa
concessione straordinaria del presunto “signore”, incompetente di turno.
Principe una volta questa Terra partoriva Santi, oggi partorisce solo distruzione, violenza e miope oscurantismo intellettuale.
Pensi che l’odierno Sindaco con relativa giunta, sono immobili ad osservare il decadimento di Palma; addirittura si arriva al paradosso, per il ripristino del portone della Chiesa Madre, la giunta ha donato 500€,  adducendo come motivazione la mancanza di fondi del bilancio comunale, invece si prendente una variazione di bilancio che porti migliaia di euro per festeggiare la nostra Patrona, custodita nella Chiesa Madre, con eventi che nulla hanno di cristiano.
Buongusto imporrebbe che una parte di quegli emolumenti fosse destinata alla ricostruzione artistica del portone del Tempio dato alle fiamme, e se il cantante che si esibisce l’8 settembre è ormai una piacevole consuetudine questo non giustifica che nell’organizzare degli eventi si debba completamente dimenticare la Festeggiata, cancellandola addirittura dai pubblici manifesti, come testimoniano le precedenti edizioni.
In questa situazione noi popolo di Palma come dobbiamo comportarci?
Quale azione intraprendere?
Ci dica Principe, possiamo ancora sopportare dolore su dolore?
L'unica soluzione possibile che ci viene in mente è una forte presa di coscienza di tutta la società civile palmese.
Solo un Suo intervento potrà salvarci dall’imminente distruzione.
Illumini le menti di amministratori e funzionari locali, provinciali, regionali e nazionali per salvare quello che di bello è rimasto e donare a Palma nuovo splendore.
Interceda affinché a Palma rifiorisca quell’ardore religioso andato ormai quasi completamente perduto.

 


 

 

 

 

 

I Suoi devotissimi

 

Capo Gruppo Consiliare Angelo Cottitto

 

Coord. Giov. Stefano Castellino

 

 

Palma di Montechiaro, 92020 Via  F.Cangiamila  n° 33 0 cell: 328/6573125

e-mail: coordinamento@forzagiovanipalma.it

 

 

 

]]>
Angelo Cottitto e Stefano Castellino =28Forza Italia Palma di Montechiaro=29: Lettera Virtuale al Duca Santo=2C atto di condanna verso la classe politica immobile di fronte al decadimento della citt=C3=A0? Wed, 29 Aug 2007 12:49:00 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/forza_italia/42942.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/forza_italia/42942.html Forza Italia Palma di Montechiaro Forza Italia Palma di Montechiaro  
 

Il Gruppo Consiliare

Palma di Montechiaro

 

Lettera aperta al Santo Duca Giulio Tomasi

2007, 29 Agosto

 

  

Eccellentissimo Signor Duca di Palma,

 

Illustre Principe,

 

scriviamo alla sua Eccellentissima per esprimerLe tutto il nostro dolore e la nostra disperazione per come si è trasformata la sua amata Palma, la nostra amata Palma.

Dopo 370 anni, la città, che Ella ha voluto come nuova Gerusalemme è completamente invasa dal degrado.

I monumenti rimasti, sfuggiti alla furia distruttrice dell’abusivismo, tollerato e protetto da una classe dirigente indegna della sua bellissima Terra, sono abbandonati a se stessi senza che nessuna delle autorità dello Stato Repubblicano Italiano faccia nulla per conservare queste nostre meraviglie, che un Suo discendente ha immortalato nel romanzo “Il Gattopardo”.

Con enorme nostalgia e dolore, ricordiamo il Suo progetto di Palma Terra Santa, Palma Nuova Gerusalemme.

Illustre Principe, Lei ci lasciò una città meravigliosa, una città vocata e dedicata a Nostro Signore;  noi l’abbiamo deturpata ed offesa nella sua dignità,  riempiendola di sangue, lacrime, omicidi e malgoverno; altresì completato da un invadente processo di scristianizzazione silenziosa.

Pochi giorni fa, quasi a suggellare questa inarrestabile decadenza, è crollato parte del cornicione della Chiesetta dedicata a Santa Rosalia ai piedi della Chiesa Madre.

Chiesa Madre già offesa profondamente, dopo che ignoti, qualche tempo prima si erano permessi di bruciarne il portane laterale.

Adesso Eccellenza, dopo che nel 1800 i suoi discendenti abbandonarono Palma non preservandone la continuità religiosa ed amministrativa, e con l’avvento della Repubblica, non abbiamo ne principi ne baroni ne nobili, e per scegliere chi governa la città, la regione, la nazione, si effettuano le elezioni, che dovrebbe dare al popolo la possibilità di eleggere liberamente i propri rappresentanti per amministrare in maniera costruttiva la cosa pubblica.

Peccato che ciò avvenga con grosse difficoltà visto che l’elezioni sono state quasi sempre gestite dai Pupari, nuovi improvvisati ed indegni signori.

Molti nostri concittadini palesando l'interesse del bene collettivo, vanno alla ricerca solo della soddisfazione del loro  piccolo bisogno, del loro  piccolo “favore”, non comprendendo che è proprio questo a renderli schiavi: misera ricompensa per la perdita della libertà, annullando ogni aspettativa di miglioramento per il futuro della città.

Tale affermazione, Principe, poggia le sue fondamenta sull'atteggiamento tipico del nostro popolo, le cui grida, le cui lamentele sono perenni ed affondano le radici nella sua storia, popolo incapace di addurre rimedio alcuno alle problematiche sollevate.

Non è sicuramente l'ingegno ad essere deficitario, ma è quella giusta mistura di superbia e pigrizia a bloccarne l'azione.

Questo atteggiamento favorisce l'azione dei nuovi “signorotti”, che con fili invisibili gestiscono il nostro vivere quotidiano.

In questa panoramica diventa ancor più sofferente la Sua mancanza, la sua vicinanza al popolo di Palma, il suo sincero contatto casa per casa, carpendone i bisogni e le loro aspirazione, lenendone ove possibile il dolore.

Agli occhi di taluni moderni intellettuale il Suo attaccamento alla Fede, il portare Cristo nel cuore e nell’azione sia della sua vita privata che pubblica, investendo il proprio patrimonio, viene ahimè considerata follia.

Eccellenza perdoni questa offesa gratuita, nessun  come sua Altezza ha mai fatto tanto per Palma,  e se questa era follia, benedetta sia questa follia.

Questo quadro genera una situazione di apparente tranquillità, di millantata sicurezza, che ha consentito come detto:

. La distruzione della Città Santa: ciò che non fu possibile neanche ai saraceni è stato consentito ai nuovi

“barbari”, amici degli amici.

. La cancellazione di ogni sorta di Diritto: ciò che è garantito dallo Stato Italiano e dalle sue leggi diventa

concessione straordinaria del presunto “signore”, incompetente di turno.

Principe una volta questa Terra partoriva Santi, oggi partorisce solo distruzione, violenza e miope oscurantismo intellettuale.

Pensi che l’odierno Sindaco con relativa giunta, sono immobili ad osservare il decadimento di Palma; addirittura si arriva al paradosso, per il ripristino del portone della Chiesa Madre, la giunta ha donato 500€,  adducendo come motivazione la mancanza di fondi del bilancio comunale, invece si prendente una variazione di bilancio che porti migliaia di euro per festeggiare la nostra Patrona, custodita nella Chiesa Madre, con eventi che nulla hanno di cristiano.

Buongusto imporrebbe che una parte di quegli emolumenti fosse destinata alla ricostruzione artistica del portone del Tempio dato alle fiamme, e se il cantante che si esibisce l’otto settembre è ormai una piacevole consuetudine questo non giustifica che nell’organizzare degli eventi si debba completamente dimenticare la Festeggiata, cancellandola addirittura dai pubblici manifesti, come testimoniano le precedenti edizioni.

In questa situazione noi popolo di Palma come dobbiamo comportarci?

Quale azione intraprendere?

Ci dica Principe, possiamo ancora sopportare dolore su dolore?

L'unica soluzione possibile che ci viene in mente è una forte presa di coscienza di tutta la società civile palmese.

Solo un Suo intervento potrà salvarci dall’imminente distruzione.

Illumini le menti di amministratori e funzionari locali, provinciali, regionali e nazionali per salvare quello che di bello è rimasto e donare a Palma nuovo splendore.

Interceda affinché a Palma rifiorisca quell’ardore religioso andato ormai quasi completamente perduto.

 

 

 

 

 

I Suoi devotissimi

 

Capo Gruppo Consiliare Angelo Cottitto

 

Coord. Giov. Stefano Castellino

 

 

Palma di Montechiaro, 92020 Via  F.Cangiamila  n° 33 0 cell: 328/6573125

e-mail: coordinamento@forzagiovanipalma.it

 

 

 

]]>
PALMA DI MONTECHIARO: MANIFESTO A FIRMA DI FORZA ITALIA, M.P.A., ALLEANZA NAZIONALE, U.D.C., ED INDIPENTENTI CONTRO LA GIUNTA E LA MAGGIORANZA DI CENTRO SINISTRA! Sat, 07 Jul 2007 23:00:00 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/forza_italia/41302.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/forza_italia/41302.html Forza Italia Palma di Montechiaro Forza Italia Palma di Montechiaro  

Eccovi copia del MANIFESTO

A FIRMA DI FORZA ITALIA, M.P.A., ALLEANZA NAZIONALE, U.D.C., ED INDIPENTENTI CONTRO LA GIUNTA E LA MAGGIORANZA DI CENTRO SINISTRA,

affisso per le vie della città di Palma di Montechiaro.

         

Il Coordinatore Cittadino Giovanile FORZA ITALIA                                       

            Stefano Castellino                                                

Palma di Montechiaro, 92020 Via  F.Cangiamila  n° 330

            e-mail: coordinamento@forzagiovanipalma.it                         

 

 TESTO DEL MANIFESTO:

 

LA VERGOGNA SIETE VOI !!!!

 

Il vostro manifesto, rappresenta una falsa e strumentale speculazione politica, degna della peggiore amministrazione che palma abbia mai avuto.

 

PALMESI!!!

 

Questa è la verità

 

Il bilancio, contrariamente a quanto è stato scritto dai signori “COMUNISTI nel loro indegno e falso manifesto, è stato votato all’unanimità perché ritenuto da loro stessi equilibrato e idoneo alle esigenze della collettività.

 

L’incoerenza dei signori “COMUNISTI” e dei “FALSI PRETI” (mischiando il falso con il profano), nel bilancio precedente, avevano decurtato fondi alla scuola, al sociale ed alle infrastrutture, per pagare onerose parcelle agli amici avvocati, anch’essi “COMUNISTI”.

 

I nostri emendamenti avevano come obiettivo (e così è stato), di ridurre le spese inutili, spregiudicate e impopolari che questi pseudo-amministratori hanno irresponsabilmente fatto in questi anni, portando il paese al disastro economico-sociale e aumentando le tasse con la reintroduzione dell’addizionale IRPEF (che noi faticosamente avevamo abolito).

 

Quindi, cari concittadini, quando si ha la responsabilità di amministrare un comune, bisogna avere al dignità e la correttezza di dire la verità, ma soprattutto di essere moralmente inclini nel rispettare il programma che si sottopone ai cittadini al momento della campagna elettorale, invece, questi signori “COMUNISTI” tutto sono tranne che moralmente inclini e corretti nei vostri confronti, che in questi ultimi anni (dal 1995 ad oggi) hanno visto un costante declino e la continua fuga dei giovani all’estero perché senza prospettiva di lavoro.

 

 

SIAMO STANCHI DELLA LORO INCOMPETENZA ED ARROGANZA: ANDATE A CASA!!!!

 

LIBERATE PALMA DA UN SINDACO CHE E’ UN VERO E PROPRIO CANCRO PER LO SVILUPPO DELLA CITTA’

 
 
 

Adamo

Carmelo

(Ind)

Bonfanti Rosario(Ind)

Cottitto Angelo

F.I.

Falco

Angelo

M.P.A.

Ietro

Luciano

(Ind)

 

 

 

 

 

Lauricella Calogero

(M.P.A)

Lentini

Giuseppe

U.D.C.

Pace

Vincenzo

M.P.A.

Salvato

Luca

A.N.

Vinciguerra Giuseppe

U.D.C.

]]>
Palma di Montechiaro, Forza Italia, U.D.C., M.P.A. A.N. ed Indipententi: Lo S.D.I. si avventura in un terreno minato, per difendere l'indifendibile: l'amministrazione Gallo. Fri, 22 Jun 2007 20:49:00 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/forza_italia/40729.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/forza_italia/40729.html Forza Italia Palma di Montechiaro Forza Italia Palma di Montechiaro  
 

Lo S.D.I. si avventura in un terreno minato, per difendere l’indifendibile: l’amministrazione Gallo.

 

L’analisi politica e amministrativa dello S.D.I. di Palma di Montechiaro, che come obiettivo avere l’utopica difesa di un’amministrazione indifendibile, ovviamente contiene delle gravi inesattezze, ci soffermeremo su alcune in particolare.

Gli esponenti dello S.D.I sostengono che in due anni molto è stato fatto per lo sviluppo della città, peccato che nessuno se ne sia accorto.

Allo stesso tempo si imputa allo Stato e alla Regione una decurtazione dei fondi, effettivamente su questo punto siamo d’accordo il governo Prodi affama il Sud ed in particolare la Sicilia perché AZZURRA, ma va anche segnalata la mancanza e la scadenza di progettualità dell’amministrazione.

Il massimo, gli amici socialisti, lo raggiungono quando si avventurano nel P.R.G.,  attestandosi la paternità di uno strumento fortemente osteggiato dal Sindaco Gallo e dall’Unione, ricordiamo le parole di fuoco dell’attuale capo dell’amministrazione contro il commissario La Mattina, vero autore del P.R.G., inoltre l’Unione non ha nemmeno voluto votare la presa d’atto delle controdeduzione del  C.R.U. adducendo fantomatiche incompatibilità.

Il ritardo nell’approvazione delle controdeduzione del  C.R.U. ha contribuito alla decurtazione dei fondi del Contratto di Quartiere II.

Passiamo ora all’apologia della gestione dei rifiuti, parlano di miglioramenti della situazione, l’unico cambiamento è il seguente con il vecchio CDA della Dedalo la città era invivibile, secondo l’Unione, adesso con il nuovo CDA, con il Sindaco Vice Presidente della Dedalo la città è pulita, chiedano ai nostri concittadini quando si avventurano alla ricerca del cassonetto perduto, o quando le passeggiate vengono interrotte dall’attraversamento di grossi roditori.

Sulle iniziative culturali è meglio calare un velo pietoso, inutile ricordare le gravi assenze ad eventi seri che hanno dato lustro alla città, preferendo invece incoraggiare una strana forma di cultura, come l’esibizione, per fortuna scongiurata, del gruppo anarchico delinquenziale dei 99 posse per la festa della nostra Patrona. Per non parlare della gravissima gestione della procedura del Castello, ancora in un punto morto, e che rischia di pesare in modo gravissimo sul bilancio comunale, altro che telefonate da ridurre, si rischia di pagare migliaia se non milioni di euro….

Per chiudere lo S.D.I sostiene che parte della burocrazia comunale ancora oggi rappresenta

un ostacolo che rallenta la vita economica del paese e che rende impraticabile lo stato di

diritto dei cittadini, ci chiediamo cosa aspetta l’amministrazione e questa maggioranza ad intervenire in modo forte e risolutivo, o si tratta del solito capro espiatorio.

Se ciò non bastasse per giustificare un totale fallimento amministrativo, basta chiedere ai vostri stessi compagni di viaggio, una maggioranza che scricchiola e fa acqua da tutte le parti, eravate partiti in 12 consigliere vedremo in quanti rimarrete, in quanti saranno disposti a perdere la faccia per difendere le poltrone, ai posteri l’ardua sentenza….

 

Palma di Montechiaro, lì 22/06/2007                 

Il Capogruppo consiliare Forza Italia                              Il Coordinatore Giovanile Forza Italia

              Cottitto Angelo                                                                        Stefano Castellino                                                                           

 

                                                      CONSIGLIERI COMUALI COFIRMATARI

U.D.C

M.P.A.

A.N.

Indipendenti

Vinciguerra

Giuseppe

Falco

Angelo

Salvato

Luca

Bonfanti

Rosario

 

 

 

 

Lentini

Giuseppe

Pace

Vincenzo

 

Ietro

Luciano

 

 

 

 

 

Lauricella

Calogero

 

Adamo

Carmelo

                                                                                          

                                                     

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Palma di Montechiaro, 92020 Via  F.Cangiamila  n° 33 0 cell: 328/6573125

e-mail: coordinamento@forzagiovanipalma.it

 

 

 

]]>
F.I. CON L'UNIONE IL PAESE È ORMAI NEL BARATRO: Giugno 2007 il Ministro dei Beni Culturali (D.S.) da e poi ritira patrocinio a mostra blasfema che si doveva tenere a Bologna; Giugno 2006 Sindaco di Palma (D.S.) nega patrocinio a convegno sulla Famigli Wed, 20 Jun 2007 10:49:00 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/forza_italia/40593.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/forza_italia/40593.html Forza Italia Palma di Montechiaro Forza Italia Palma di Montechiaro  
 
 
 

Palma di Montechiaro

 

F.I. CON L’UNIONE IL PAESE È ORMAI NEL BARATRO:

Giugno 2007 il Ministro dei Beni Culturali (D.S.) da e poi ritira patrocinio a mostra blasfema che si doveva tenere a Bologna;

Giugno 2006 Sindaco di Palma (D.S.) nega patrocinio a convegno sulla Famiglia Cristiana

 

Il sottoscritto Stefano Castellino e tutto il gruppo che ho l’onore di rappresentare,

sentiamo il dovere morale di urlare tutto il nostro ORRORE di fronte a quanto accaduto ed a quanto di ancor più grave poteva accadere.

Il Ministero guidato dall’On. Melandri, ha pensato bene di patrocinare una mostra, che si doveva tenere a Bologna, dal titolo che per disgusto e mortificazione non vogliamo nemmeno riportare. Dopo le feroci critiche il patrocinio è stato ritirato.

È inutile che il Ministro sostenga che il patrocinio era gratuito, non importa!

Si è rischiato di apporre il simbolo della Repubblica Italiana, su un’iniziativa che offende credenti e non credenti, offende la Madre di Dio, La Nostra Vergine Maria.

Vorremmo capire con quale leggerezza sono vagliati i progetti al Ministero?

Vorremmo capire, ma orami è utopia, lo stato di confusione culturale e morale in cui versa l’Unione?

E pensare che in questa stessa Italia, in Sicilia, a Palma di Montechiaro, circa un anno fa, il Sindaco della città del Gattopardo, compagno di partito del Ministro on. Giovanna Melandri, ha negato ad un’associazione locale il PATROCINIO, anch’esso GRATUITO, per un convegno dal titolo "L'AVVENIRE DELL'UMANITÀ PASSA ATTRAVERSO LA FAMIGLIA"…

Siamo di fronte all’assurdo, offendere la Madonna, la Religione Cristiana è concesso ed addirittura si può rischiare di avere il patrocinio da parte di un Ministero della nostra Repubblica, difendere la famiglia, e i valori cristiani, attraverso un convegno che ha per titolo una frase del defunto Santo Padre Papa Giovani Paolo II, non si riceve il patrocinio del Sindaco di un comune della nostra Italia.

Ci chiediamo come ciò possa accadere?

Ci chiediamo come chi si professa Cristiano, o laico di buon senso, possa ancora convivere in questa coalizione di centro sinistra, in questo governo, che ha come unico progetto politico la distruzione di quei valori assoluti ed eterni che sono il fondamento di ogni società sana.

Con la speranza che questa armata brancaleone vada presto a casa ed arrechi meno danno possibile alla nostra Patria.

Palma di Montechiaro, lì 19/06/2007

         

Il Coordinatore Cittadino Giovanile                                          

            Stefano Castellino                                                                         

 

 

Palma di Montechiaro, 92020 Via  F.Cangiamila  n° 33 0 cell: 328/6573125

e-mail: coordinamento@forzagiovanipalma.it

 

 

 

]]>
Forza Italia: Sdegno per l'ennesimo attentato incendiario a Palma di Montechiaro Thu, 07 Jun 2007 13:00:00 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/forza_italia/40086.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/forza_italia/40086.html Forza Italia Palma di Montechiaro Forza Italia Palma di Montechiaro  
 

Il Gruppo Consiliare

Palma di Montechiaro

Forza Italia:

SOLIDARIETA’ PER L’ATTENTATO INCENDIARIO AI DANNI DELLLA PANINERIA AMBULANTE!

 

I sottoscritti, Angelo Cottitto e Stefano Castellino, e tutto il gruppo che ci onoriamo di rappresentare, abbiamo appreso che nella notte si è verificato un nuovo attentato incendiario nella nostra cittadina.

Il grave gesto è stato compiuto contro l’attività ambulante dei coniugi Calogero e Teresa Condello.

Calogero dopo 32 anni di emigrazione in Germania, ha deciso di tornare a vivere nella sua amata città, continuando la sua passione ed il suo lavoro, la cucina.

Diverse volte abbiamo chiacchierato amabilmente con l’amico Lillo, gustando le varie specialità teutoniche, si poteva notare come questo nostro concittadino avesse lasciato l’efficientissima Germania per poter ritornare ad abbracciare al sua Terra.

L’amore che è possibile leggere nei suoi occhi, per il nostro mare, i nostri monumenti, le nostre campagne è assai raro riscontrarlo in chi abitando da sempre a Palma ha ormai perso questo ardore.

Adesso il sogno di Lillo è stato distrutto dalle fiamme e da una mentalità chiusa e barbara che purtroppo continua ad imperversare nella nostra cittadina, come testimoniato anche da altri vile e gravissimi gesti, quali: l’incendio del portone della Chiesa Madre e delle autovetture di una nostri vigili urbani.

É nostro dovere abbracciare Lillo e la sua famiglia, non facendoli sentire soli ed abbandonati o ancor peggio rifiutati.

Dobbiamo porre in essere quanto necessario affinché non si infranga il suo sogno.

Dobbiamo aiutare Lillo a ripartire!

Dobbiamo testimoniarli l’affetto della parte sana ed onesta della città.

È nostro dovere aiutare Lillo e Teresa ad acquistare un nuovo mezzo per far ripartire la loro attività.

Siamo sicuri che il nostro invito verrà accolto dal Sindaco, dalla giunta e dall’intero consiglio comunale.

Se non riusciamo in questo intento non solo perde Lillo, ma tutta la città, tutti noi perdiamo la dignità di essere umani, perché non abbiamo accolto un nostro fratello che tornava a casa dopo anni di sacrifici e lontananza.

DIMOSTRIAMO che Palma, la vera Palma non abbandona mai i suoi figli.

LILLO E TERESA NON SIETE SOLI! SIAMO CON VOI!

 

         

Il Coordinatore Cittadino Giovanile                                        Il Capo Gruppo Consiliare        

            Stefano Castellino                                                                         Angelo Cottitto      

 

 

Palma di Montechiaro, 92020 Via  F.Cangiamila  n° 33 0 cell: 328/6573125

e-mail: coordinamento@forzagiovanipalma.it

 

 

 

]]>