Comunicati.net - Comunicati pubblicati - RCS Communication Comunicati.net - Comunicati pubblicati - RCS Communication Sun, 16 Jun 2019 23:48:11 +0200 Zend_Feed_Writer 1.12.20 (http://framework.zend.com) http://comunicati.net/utenti/25134/1 Quando il web gratifica l'esperienza del medico. Parla il Dott. Angelo Sorge Tue, 30 Oct 2018 15:16:44 +0100 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/comuni/campania/500164.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/comuni/campania/500164.html RCS Communication RCS Communication Una storia di gratificazione professionale e un ottimo esempio di come il rapporto medico-paziente può trarre beneficio anche dal web. Il Dott. Angelo Sorge, Responsabile Day Surgery Ospedale San Giovanni Bosco e Docente Scuola di riferimento nazionale Sic Chirurgia della parete addominale, ha trovato in rete la testimonianza di un paziente operato tempo prima per ernia inguinale presso il suo reparto. "Questa è la mia esperienza, il cui bilancio è stato ad oggi fortunatamente positivo", scrive l'utente su Herniasurgery.it, che evidenzia la professionalità del chirurgo e del personale del reparto.

Il Dott. Sorge, che per la sua tecnica chirurgica ha ricevuto il Premio Buona Sanità nel 2017, ci ha parlato della sua attività professionale e della sua soddisfazione nel leggere online la testimonianza del suo paziente:

"La Day Surgery dell’ospedale San Giovanni Bosco di Napoli ha altissimi volumi con indici qualitativi ai valori massimi. Da oltre tre anni risulta al primo posto in Italia per gradimento dell’utenza (vedi QSalute) e tratta pazienti provenienti da tutte le regioni d’Italia risultando uno dei rari esempi di inversione della migrazione passiva in Campania.

È uno dei due Day Surgery in Campania a modello autonomo come prevede la normativa vigente con personale, posti letto e sale operatorie dedicate. Ospita un hernia center che rappresenta un centro di formazione europeo per la tecnologia autofissante nei difetti di parete.

Per caso navigando in rete mi sono imbattuto in questo sito indipendente, un blog nel quale pazienti affetti da ernia inguinale si scambiano pareri e consigli tra loro. Leggere così bene da un paziente fuori regione parole tanto edificanti mi ha rincuorato e mi ha fatto pensare che tutti i miei sacrifici e quelli dei miei collaboratori non sono andati sprecati".

RCSSALUTE

]]>
Carenza medici di Medicina Generale. Le proposte di SIGM al Ministro Sat, 27 Oct 2018 18:29:22 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/499305.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/499305.html RCS Communication RCS Communication Dichiarazione della Dott.ssa Annalisa Napoli, medico in Formazione di Medicina Generale

Lo scorso 22 ottobre una delegazione del Dipartimento di Medicina Generale (SIMeG) del Segretariato Italiano Giovani Medici (SIGM) è stata ricevuta presso gli uffici tecnici del Ministero della Salute per discutere in merito alle proposte, in via di elaborazione da parte del Ministero, in tema di carenza dei medici di famiglia e di riforma delle Cure Primarie. E’ stato consegnato in tale occasione un documento relativo all’evoluzione dellaFormazione Specifica in Medicina Generale alla luce della prevista carenza di Medici di Medicina Generale.

Tra le proposte portate all’attenzione del Ministero risultano:

  • L’istituzione della Scuola di Specializzazione in Medicina Generale, di Comunità e di Cure Primarie;
  • L’inquadramento della Medicina Generale in base alla definizione europea (Wonca);
  • Il superamento delle incompatibilità che attualmente sussistono durante il corso di formazione;
  • La creazione nelle Aziende Sanitarie dei Dipartimenti Integrati Universitari di Cure Primarie definiti di concerto tra il Ministero della Salute ed il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca;
  • Attivazione del percorso di formazione part-time per i corsisti per far fronte alla carenza di medici di Medicina Generale.

Il nostro Dipartimento si riserva di esprimere la propria posizione non appena sarà possibile prendere visione della proposta del Ministero, auspicando che possano essere prese in considerazione le posizioni delle realtà giovanili non sindacalizzate che si riconoscono nei principi culturali della Medicina Generale e delle Cure Primarie.

Fonte: Rcs Salute

]]>
Aggressioni a medici. Quici (Cimo): “Strumenti ci sono, usiamoli” Sat, 27 Oct 2018 18:27:14 +0200 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/campania/499304.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/campania/499304.html RCS Communication RCS Communication Per affrontare la crescita vertiginosa di atti di violenza nei confronti del personale sanitario, fenomeno che nell'ultimo anno ha assunto una dimensione drammatica, il primo passo è la rigorosa applicazione degli strumenti normativi esistenti, che attualmente sembrano essere rimasti lettera morta nell'organizzazione delle aziende sanitarie. Lo ha affermato oggi Guido Quici, Presidente Nazionale del sindacato dei medici CIMO, in occasione del convegno promosso dal Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC) presso la Camera dei Deputati sul tema delle aggressioni nella sanità e sulla nuova proposta di legge contro la violenza e le molestie nei luoghi di lavoro.

Secondo CIMO è necessaria l'immediata e inderogabile applicazione degli strumenti a disposizione, rendendo ad esempio obbligatoria la Raccomandazione n.8 del Ministero della Salute. E ancora, attuando tassativamente sia l'art. 2087 del Codice Civile, che obbliga i datori di lavoro a misure per la tutela dell'integrità fisica e la personalità morale dei lavoratori, sia il decreto legislativo 81/08, art.3, che indica gli obblighi contrattuali del datore di lavoro in termini di salute e sicurezza, incluso il documento di valutazione dei rischi.

A tal proposito, lo scorso maggio CIMO aveva inviato formale diffida alle aziende sanitarie affinché rendessero noti i rispettivi piani per la sicurezza. Infine, si aggiunga l'articolo 70 del codice deontologico della professione medica secondo il quale "il medico deve esigere da parte della struttura in cui opera ogni garanzia affinché le modalità del suo impegno e i requisiti degli ambienti di lavoro non incidano negativamente sulla qualità e la sicurezza del suo lavoro", per il quale è fondamentale il ruolo degli Ordini Professionali dei medici.

Fonte: Rcs Salute

]]>
Scuola Medica Salernitana. Miele ai giovani: Sappiate cogliere ogni opportunità Sat, 27 Oct 2018 18:25:51 +0200 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/campania/499301.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/campania/499301.html RCS Communication RCS Communication Una delle eccellenze di cui si sono pregiate le Giornate della Scuola Medica Salernitana è stata rappresentata dal Prof. Lucio Miele, Direttore del Dipartimento di Genetica della Lousiana School Univeristy, intervenuto con una relazione dal titolo “Bloccare l’infiammazione per migliorare l’immunoterapia del cancro”.

L’immunoterapia dei tumori - ha spiegato il Professore - è la nuova frontiera del progresso del trattamento dei tumori. L’infiammazione cronica è uno dei fattori che compromette l’immunoterapia, ed è causata nell’organismo da fattori quali obesità e diabete. Ridurre l’infiammazione cronica nel corso dell’immunoterapia può migliorare la risposta immunitaria ai tumori. Ciò è possibile con interventi farmacologici, ma anche con interventi sullo stile di vita che riducano lo stato dell’infiammazione”.

Il Prof. Lucio Miele, che esercita la professione a New Orleans, ci racconta di essersi trasferito in America negli anni 80, quando cominciò a lavorare per il National Institute. Pur avendo inizialmente previsto che questa esperienza negli Stati Uniti sarebbe durata solo per un breve tempo, il professore lavora di fatto in America da 32 anni. “Quello che dico spesso ai miei studenti è: non abbiate un piano fisso. Abbiate degli obiettivi, ma siate pronti a prendere al volo le opportunità che si presentano. Quello che io sapevo di voler fare era la ricerca medica di livello mondiale. Come e dove si sarebbero presentate le opportunità per raggiungere questo scopo l’ho scoperto solo più avanti. Il mio messaggio per i giovani italiani è l’adattabilità: sappiate cosa volete, ma non cercate di ottenerlo con un piano rigido”.

Fonte: Rcs Salute

]]>
Campania - Cancro, dati allarmanti. Per le cure si fugge al Nord Thu, 25 Oct 2018 15:41:08 +0200 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/comuni/campania/498946.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/comuni/campania/498946.html RCS Communication RCS Communication
Campania - Cancro, dati allarmanti. Per le cure si fugge al Nord

“I numeri del cancro in Italia 2018” è il volume edito da Aiom e Airtum
che riporta i dati aggiornati sullo sviluppo della malattia. Numeri che
non fanno di certo sorridere, soprattutto il Sud. Dai dati emerge
infatti che la Campania è la regione con uno dei più alti tassi di
mortalità per tumore in Italia: circa 30.000 nuovi casi all'anno, di cui
circa 3.500 al polmone.

La terra dei fuochi produce morte. E pure se le eccellenze sanitarie in
questo settore non mancano dalle nostre parti, i cittadini cercano
altrove la salvezza. Alimentando quella fuga, spesso ingiustificata,
verso altre regioni, in cerca di cure migliori. Un fenomeno in aumento,
quella della mobilità sanitaria passiva per la Campania. Si conta che
ben il 25% degli ammalati di cancro vadano a curarsi fuori regione.

Un fenomeno frutto di cattiva organizzazione sanitaria da una parte, ma
anche di scelte da parte di ammalati incamminati verso improbabili
viaggi della speranza. Solo da poco, anche in Campania, si è dato vita
ad un’organizzazione dell’offerta di cure che punta a offrire servizi
sempre più efficienti e all’altezza della sfida. La nascita della Rete
oncologica campana (Roc), si punta a fornire un percorso assistenziale
sempre più efficiente, organizzato e non dispersivo per il cittadino.

Si conta di arginare la fuga verso il Nord offrendo innovazione,
integrazione, efficienza e razionalizzazione delle strutture del
territorio: la rete prevede un centro di coordinamento, una cabina di
regia regionale e un nuovo software che permetterà di accettare in
maniera rapida i pazienti nelle varie strutture ospedaliere e
universitarie, e fornire risposte e assistenza in tempi rapidi e certi.

Fonte: RCS Salute


]]>