Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Celebrity Centre Firenze Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Celebrity Centre Firenze Fri, 05 Jun 2020 12:32:41 +0200 Zend_Feed_Writer 1.12.20 (http://framework.zend.com) http://comunicati.net/utenti/24075/1 Tesla, l’Ecstasy potenziata che arriva dall’Olanda Thu, 04 Jun 2020 13:31:37 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/643073.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/643073.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze A Sanremo 2019 ci furono un sacco di polemiche attorno alla canzone “Rolls Royce”, brano che allude chiaramente a un tipo dello stupefacente Ecstasy, chiamato appunto Rolls Royce.

Ecco che un nuovo tipo di Ecstasy è stato nominato “Tesla”, dal nome delle note e costose auto elettriche americane. Si tratta di una pasticca arancione di forma triangolare, con contenuto di MDMA (la sostanza chimica stupefacente contenuta nell’Ecstasy) doppio rispetto alla media. Gli effetti indesiderati possono essere convulsioni, spasmi, allucinazioni, aumento eccessivo della temperatura. A volte la reazione può essere così potente e inaspettata da provocare la morte alla prima assunzione.

Da dove arrivano le spedizioni di Ecstasy? Dall’Olanda naturalmente, non c’è da stupirsi se una gran parte del traffico di droga verso l’Italia arriva proprio dal paese dove è stata parzialmente legalizzata la marijuana. Ha fatto scalpore il caso di una coppia Austriaca che aveva ordinato dei vestiti su Internet da un rivenditore olandese, gli è stato consegnato un grosso pacco contenente 25.000 pasticche di Tesla! Per un valore di mercato di circa 500.000 euro, destinate in Scozia e per errore recapitate a Linz.

Come difendere i nostri giovani dal mercato criminale degli stupefacenti, sempre attivo nel creare nuove e pericolose sostanze tossiche? La prima arma, oltre al contrasto del traffico internazionale, è la prevenzione.

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o se ne promuova l’uso. I giovani devono conoscere la dura verità: dove gira la droga, c’è spesso crimine e perversione sessuale.

Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti e degli psicofarmaci. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia di ragazzi toscani delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard

]]>
Dove nascondere la droga? Nel biberon del bambino! Thu, 04 Jun 2020 13:24:09 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/643069.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/643069.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze È noto che la droga non porta a comportamenti responsabili, non ci si deve quindi stupire se una madre arriva a concepire come nascondiglio per la cocaina il biberon del figlio. Nell’episodio in questione, avvenuto nei dintorni di Bologna, la donna e due uomini che erano con lei hanno aggredito i militari dell’Arma che sono finiti in ospedale con 7gg di prognosi.

Questa notizia fa da spunto per una riflessione sugli effetti collaterali del consumo di droga casalingo. Le vittime del traffico della droga sono infatti sempre di più i bambini e gli animali domestici. Per fare un esempio in Colorado, da quando la marijuana è stata legalizzata, sono aumentati moltissimo i ricoveri e i decessi di bambini e cani che avevano ingerito per errore torte, cioccolatini e altro cibo con alto contenuto di THC (la sostanza allucinogena e fortemente tossica contenuta nella cannabis).

Tutti questi comportamenti irresponsabili discendono da una mancata educazione e informazione dei giovani: nessun ragazzo si imbarcherebbe mai in una avventura così rischiosa come il consumo di marijuana o altre droghe se fosse veramente consapevole dei pericoli, certi, a cui va incontro.

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Un ragazzo informato, che pensa con la sua testa, pretenderà che gli sia dato un aiuto sincero, reale e naturale, senza ricorrere a droghe e farmaci dannosi. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti e degli psicofarmaci. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia e migliaia di ragazzi delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard

]]>
Amnesia, la nuova marijuana Thu, 04 Jun 2020 13:15:18 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/643067.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/643067.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze Da sempre si beve alcool per “dimenticare” i problemi. Ecco che nuovo tipo di marijuana, detta “Amnesia”, causa vere e proprie amnesie oltre che problemi neurologici inaspettati per una varietà della cannabis. L’Amnesia viene infatti “potenziata” con aggiunta di metadone, eroina o altre sostanze chimiche di sintesi, e questo la rende assai più pericolosa.

Come per la maggior parte delle nuove droghe, il pericolo maggiore deriva dal fatto che non si può mai sapere che cosa ci mettono dentro. Ciò che è chiaro è che lo scopo di produttori, trafficanti e spacciatori è quello di creare nuovi clienti per le droghe che a loro piace davvero vendere: oppiacei, cocaina e sostanze sintetiche. Non si fanno molti soldi con la marijuana, la criminalità usa la marijuana solo come droga di passaggio a buon mercato per traghettare chi ne diventa dipendente verso sostanze molto più potenti, pericolose e redditizie.

È però da notare che la marijuana, anche quando assunta senza aggiunte di altre sostanze, può causare perdita di memoria. Questo è quanto risulta da nuovi studi pubblicati su JAMA (The Journal of the American Medical Association): persone di mezza età che hanno fumato marijuana ogni giorno per cinque anni o più, hanno avuto risultati peggiori in test di memoria sulle parole rispetto a coloro che non fumano spinelli. Più erba fumavano, più scarsa era la loro capacità di ricordare parole.

Molte persone fumano erba per rilassarsi e dimenticare i loro problemi, ma decine di studi dimostrano che chi fuma spesso sperimenta problemi di memoria a breve termine. La marijuana è particolarmente dannosa per le funzioni mnemoniche che vengono usate per la concentrazione e l'apprendimento. Si tratta della memoria che ci consente di ricordare un numero di telefono, eseguire l'aritmetica a mente o di tenere a mente una serie di indicazioni mentre stiamo viaggiando.

Come evitare che i nostri giovani cadano nell’errore di fidarsi dei media che promuovono la cannabis, dei siti internet che decantano le qualità della marijuana, degli spacciatori in cerca di nuovi clienti o persino dei loro amici più grandi che la sanno lunga?

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o se ne promuova l’uso. I giovani devono conoscere la dura verità: dove gira la droga, c’è spesso crimine e perversione sessuale.

Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti e degli psicofarmaci. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia di ragazzi toscani delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard

]]>
A Memphis si muore più di overdose che di coronavirus Thu, 04 Jun 2020 12:57:04 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/643059.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/643059.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze Mentre la gente di Memphis (Missouri) sta a casa per il lockdown, e se esce sta bene attenta ad indossare la mascherina, nessuno parla delle morti per overdose di droga. Una crisi continua a dimenticata, vittime dell’abuso di stupefacenti legali e illegali.

Nella contea di Shelby, quasi interamente occupata dalla città di Memphis (650.000 abitanti) ci sono stati 750 casi di overdose nella settimana dal 15 al 21 marzo, di cui 102 sono risultate fatali. Il direttore dei servizi sanitari della contea ha dichiarato: “Abbiamo avuto più morti per overdose che per COVID-19”.

Un’associazione di nome STOP (Street Team for Overdose Prevention, Squadra Stradale per la Prevenzione delle Overdose) cerca di fronteggiare la crisi distribuendo kit con dosi di Naloxone (detto anche Narcan), l’antidoto per le overdose da oppiacei come l’eroina, la morfina o il micidiale Fentanyl. L’associazione STOP facilita anche la sostituzione degli aghi usati con aghi nuovi, per prevenire le infezioni da HIV e altre malattie.

Sebbene queste politiche di “riduzione del danno” possano salvare, sul momento, qualche vita umana, di sicuro non risolvono il problema. Chi esce vivo da un overdose sta per entrare in una dolorosa crisi di astinenza che lo porterà certamente a nuove dosi di droga e, se non sarà attento e fortunato, a nuove e potenzialmente letali overdose.

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Un ragazzo informato, che pensa con la sua testa, pretenderà che gli sia dato un aiuto sincero, reale e naturale, senza ricorrere a droghe e farmaci dannosi. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti e degli psicofarmaci. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia e migliaia di ragazzi delle scuole medie inferiori e superiori.

 

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard

]]>
Anche a Washington si combatte per i Diritti Umani Thu, 28 May 2020 13:52:52 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/641332.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/641332.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze Il tasso di omicidi della capitale USA, Washington, è più che raddoppiato in soli quattro anni, spingendo i leader cittadini a definire la situazione come "emergenza". Tuttavia, l'arresto dei trasgressori non è sufficiente, dato che la metà di quelli che vengono rilasciati finisce di nuovo dietro le sbarre entro tre anni. Questi ex carcerati spesso non riescono a trovare un alloggio o un lavoro, così ritornano al crimine e alla prigione.

Ma ora c’è Travis Ellis, un ministro cristiano di 30 anni, artista hip-hop e appassionato di diritti umani. Ellis trascorso la sua adolescenza tra droghe, bande e criminalità quando. Ma tutto si interruppe a 18 anni, quando un'esperienza di pre-morte lo portò al ricovero in uno stato vegetativo.

Grazie all’intervento del vescovo Dwayne E. Stewart, Travis è diventato ministro nel 2008 dedicando la sua vita ad aiutare gli altri ad abbandonare la vita di strada. Ellis ha dichiarato: "Faccio quello che faccio solo per essere d’esempio per qualcun altro: sento il desiderio di ispirare".

Nel 2015, Ellis ha conosciuto i materiali di Youth for Human Rights (YHRI, Gioventù per i Diritti Umani), opuscoli e video che si adattano perfettamente alla sua missione. Lui e il suo team hanno iniziato a concentrarsi sugli ex carcerati, aiutandoli non solo ad acquisire le competenze necessarie per ottenere un lavoro e trovare un alloggio, ma anche a ricostruire la loro salute emotiva, mentale e sociale.

Un diritto umano chiave che sottolinea nei seminari che tiene, è l'articolo 3 della Dichiarazione universale dei diritti umani, "Il diritto alla vita". L'articolo 2, "Non discriminare", è importante, poiché solo il 10% della popolazione di Washington è nera, ma i neri rappresentano l'89% di coloro che vengono rilasciati dal carcere. Ellis presenta anche l'articolo 26, "Diritto all'istruzione", aiutando gli ex carcerati a ottenere l'istruzione di cui hanno bisogno per lavorare con profitto. "Sento di essere riuscito a farli integrare nella loro comunità dopo essere stati assenti per molti anni", afferma Ellis.

Nel 2018, il team di Ellis ha aiutato l'ufficio del sindaco a sviluppare il “Pathways Program”, un corso di 12 settimane per gli ex carcerati. Hanno inoltre sviluppato un corso per giovani in libertà vigilata. Organizzano anche campi estivi in ​​collaborazione con la DC Housing Authority, e collaborano con “Cure the Streets” per aiutare chi vive in strada.

Per quanto riguarda coloro che stanno partecipando al programma Pathways, il tasso usuale di recidiva del 60% crolla al 6% percento tra coloro che si diplomano!

Ha già toccato la vita di 10.000 tra giovani e adulti in vari quartieri di Washington, e anche negli stati del Maryland e della Virginia.

“Uniti per i Diritti Umani” e “Gioventù per i Diritti Umani” sono programmi sostenuto dalla Chiesa di Scientology, fondata da L. Ron Hubbard. Sono attivi a livello internazionale organizzando convegni (il più recente a New York nel Palazzo di Vetro della Nazioni Unite) e lezioni sui Diritti Umani nelle scuole elementari, medie e superiori, allo scopo di diffondere la conoscenza della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo approvata dall’ONU nel 1948.

Il fondatore della Chiesa di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “I Diritti Umani devono essere resi una realtà, non un sogno idealistico".

]]>
Il 16esimo Summit Internazionale per i Diritti Umani 2019 Thu, 28 May 2020 13:38:05 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/641328.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/641328.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze Speranze e risultati concreti sono stati i temi comuni che sono stati trattati nella sessione di apertura del 16° Vertice Internazionale Annuale sui Diritti Umani, trasmesso in diretta dalla Conference Room 4 del quartier generale delle Nazioni Unite a New York. Hanno partecipato ospiti provenienti da 78 nazioni, il vertice è durato tre giorni e si è concentrato sulle comunità che lavorano per sradicare le violazioni dei diritti umani attraverso l'istruzione sulla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani delle Nazioni Unite (UDHR).

L'ingrediente chiave del vertice annuale sono stati i 51 giovani che hanno viaggiato da 40 nazioni per rappresentare i loro paesi. Questi delegati hanno acquisito conoscenze concrete per affrontare le questioni relative ai diritti umani tramite l'istruzione. Sono venuti a interagire con diplomatici e dignitari che a loro volta hanno condiviso la loro esperienza e conoscenza da una prospettiva di politica internazionale.

I giovani delegati sono stati selezionati in base ai loro risultati nella risoluzione di conflitti, nella promozione della parità di genere, nella lotta alla tratta di esseri umani e ad altre gravi violazioni dei diritti umani.

In un videomessaggio ai giovani, il premio Nobel per la pace José Manuel Ramos-Horta, ex presidente di Timor Est, li ha esortati a continuare la loro missione per trasformare i diritti umani in realtà. Gli strumenti pratici per raggiungere tale obiettivo sono stati al centro di un seminario di formazione tenuto presso lo Harlem Community Center della Chiesa di Scientology.

Il vertice di quest'anno è stato sponsorizzato dalla Missione Permanente di El Salvador presso le Nazioni Unite e dalle Missioni Permanenti del Ghana, della Repubblica di Gambia, della Repubblica di Moldavia e della Sierra Leone. Altri co-sponsor erano l'Unione Internazionale delle Camere di commercio e dell'Industria, il Dipartimento dei Diritti Umani della Chiesa di Scientology Internationale, il Karna Positive Trust of Nepal, la Commissione Nazionale per i Diritti Umani del Messico, la Fondazione argentina per la Democrazia Internazionale Argentina, Arte e cultura per i Diritti dell’Uomo in Italia e African Diaspora Foundation negli Stati Uniti.

 “Uniti per i Diritti Umani” e “Gioventù per i Diritti Umani” sono programmi sostenuto dalla Chiesa di Scientology, fondata da L. Ron Hubbard. Sono attivi a livello internazionale organizzando convegni (il più recente a New York nel Palazzo di Vetro della Nazioni Unite) e lezioni sui Diritti Umani nelle scuole elementari, medie e superiori, allo scopo di diffondere la conoscenza della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo approvata dall’ONU nel 1948.

 

Il fondatore della Chiesa di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “I Diritti Umani devono essere resi una realtà, non un sogno idealistico".

]]>
I diritti umani in viaggio per i sette mari con Maersk Thu, 28 May 2020 13:28:45 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/verdi/641324.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/verdi/641324.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze Maersk spedisce in 121 paesi del mondo, ognuno con la sua diversa situazione politica e sociale, ecco che i diritti umani sono diventati una delle principali aree di interesse dell'azienda.

È una società danese di trasporto e logistica internazionale, la più grande compagnia di spedizioni di container al mondo sia per dimensioni della flotta che per capacità di carico, lavora in 343 porti di tutto il mondo. La compagnia ha a che vedere con la più ampia varietà possibile di persone provenienti da culture, etnie, religioni e lingue diverse. Il loro sito web recita: “Maersk rispetta i diritti umani di tutti coloro che sono interessati alla nostra attività. Ci impegniamo costantemente per evitare di causare o contribuire a impatti negativi sulle persone, sia nella nostra azienda, che nella nostra catena di approvvigionamento o nelle comunità in cui operiamo."

Un funzionario di Maersk stava cercando un modo per educare i propri oltre 60.000 dipendenti sui diritti umani: trovò i materiali educativi di “United for Human Rights” (Uniti per i Diritti Umani), che si sono rivelati una miniera d'oro. Maersk ha incorporato il documentario “La Storia dei Diritti Umani” nel nuovo corso online obbligatorio per i propri dipendenti, che tratta i diritti umani, i diritti del lavoro e un programma ONU per le imprese che adottano politiche sostenibili e socialmente responsabili. Da quando hanno lanciato il corso in 8 lingue, il 66 percento dei loro dipendenti con accesso a un computer ha completato la formazione. Maersk ha scritto di aver scelto il documentario perché "mostra persone provenienti da tutto il mondo con background diversi" e "indica chiaramente da dove provengono i diritti umani".

“Uniti per i Diritti Umani” e “Gioventù per i Diritti Umani” sono programmi sostenuto dalla Chiesa di Scientology, fondata da L. Ron Hubbard. Sono attivi a livello internazionale organizzando convegni (il più recente a New York nel Palazzo di Vetro della Nazioni Unite) e lezioni sui Diritti Umani nelle scuole elementari, medie e superiori, allo scopo di diffondere la conoscenza della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo approvata dall’ONU nel 1948.

Il fondatore della Chiesa di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “I Diritti Umani devono essere resi una realtà, non un sogno idealistico".

]]>
Alla Camera dei Deputati il premio “Eroi per i Diritti Umani” Thu, 28 May 2020 12:31:58 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/641306.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/641306.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze Arte e Cultura per i Diritti Umani in Italia, ha organizzato un evento presso la Camera dei Deputati italiana, una delle tante attività educative per le quali al gruppo è stato conferito il premio “Youth for Human Rights Hero”. Negli anni scorsi migliaia di giovani hanno firmato le bandiere dei diritti umani che lo scomparso alpinista Daniele Nardi ha poi portato sulle montagne più alte nelle sue spedizioni.

I premi “Hero for Youth for Human Rights” celebrano coloro il cui coraggio e determinazione hanno aumentato la consapevolezza dei diritti umani nelle rispettive nazioni e comunità.

Quest'anno, tra le quattro persone onorate del premio c'era il Presidente di Arte e Cultura in Italia Maria Elena Martini, che ha ricevuto il premio sia per se stessa che in memoria del compianto alpinista e attivista per i diritti umani, Daniele Nardi. Anche l’attrice indiana Sheena Chohan e l'attivista statunitense Travis Ellis sono stati premiati nella stessa occasione.

Sheena Chohan è Ambasciatrice della Gioventù per i diritti umani nell'Asia meridionale dal 2011, informa le persone attraverso i media e le attività in tutta la regione, in particolare in India e Bangladesh. Attraverso seminari, ha insegnato direttamente a oltre 7000 giovani sul soggetto dei loro diritti umani e ne ha informati milioni attraverso radio, giornali e media online, guadagnando il soprannome di "Human Rights Girl".

“Uniti per i Diritti Umani” e “Gioventù per i Diritti Umani” sono programmi sostenuto dalla Chiesa di Scientology, fondata da L. Ron Hubbard. Sono attivi a livello internazionale organizzando convegni (il più recente a New York nel Palazzo di Vetro della Nazioni Unite) e lezioni sui Diritti Umani nelle scuole elementari, medie e superiori, allo scopo di diffondere la conoscenza della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo approvata dall’ONU nel 1948.

Il fondatore della Chiesa di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “I Diritti Umani devono essere resi una realtà, non un sogno idealistico".

]]>
Perché un tossicodipendente non ascolta Thu, 21 May 2020 13:55:31 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/639538.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/639538.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze La principale arma che si ha per far sì che un tossicodipendente accetti di essere aiutato è la comunicazione, o meglio “vera comunicazione”. Tutto ciò che include accuse, imposizioni, ricatti, recriminazioni, aggressività, sarcasmo, ironia, frecciatine, mancate risposte, afflizione, mutismo, ecc. non è vera comunicazione! Sarà solo uno scontro che avrà come unico effetto far allontanare la persona, e diventerà via via sempre più difficile parlare con lui.

Ma qual è il vero motivo per cui un tossicodipendente a volte non ascolta? Se la persona è ancora sotto l’effetto della droga, la persona “non è lì”. Non ascolterà veramente ciò che gli viene detto perché sarà ancora impegnata ad osservare le strane immagini mentali che la droga ha fatto affiorare nella sua mente, in maniera più o meno consapevole.

Avete mai avuto l’impressione che una persona vi stava guardando ma eravate come «trasparente» e non ascoltava una sola parola di quello che dicevate?

La droga non permette alla persona di concentrarsi sull’ambiente circostante e sulla conversazione. La droga risucchia l’attenzione della persona da qualche altra parte, impedendo vere percezioni, in maggiore o minore misura. Questo è vero per tutte le droghe, alcol, marijuana, eroina, psicofarmaci, ecc.

Quindi, se volete che un tossicodipendente vi ascolti, la regola numero uno è: aspettate che sia completamente sobrio.

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Un ragazzo informato, che pensa con la sua testa, pretenderà che gli sia dato un aiuto sincero, reale e naturale, senza ricorrere a droghe e farmaci dannosi. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti e degli psicofarmaci. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia e migliaia di ragazzi delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard

]]>
Perché le droghe sono chiamate “sostanze stupefacenti”? Thu, 21 May 2020 13:48:10 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/639535.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/639535.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze Come tante parole italiane, “stupefacente” ha più di un significato. “Sono stato al cinema, gli effetti speciali del film erano stupefacenti!” Questo è il più comune, ma ce n’è un altro:

Stupefacente viene dal Latino:

STUPOR = stordimento, intontimento,

FACENTE = che rende in un certo modo

Stupefacente significa quindi «che rende stupido». Le droghe rendono le persone stupide. Chi ha coniato il termine era ben consapevole che una persona sotto l’effetto di oppio, cocaina, marijuana, alcol o qualsiasi altra droga usata da secoli o millenni, aveva l’effetto di instupidire la persona. Spesso passava dopo un po’, ma assunzione dopo assunzione l’effetto “stupefacente” diveniva progressivo e permanente.

Provate a parlare con un ragazzo in una discoteca che è sotto l’effetto dell’ecstasy, provate a guardare come si muove chi è sotto l’effetto dell’LSD, provate a ottenere una risposta sensata da chi è sotto l’effetto dell’eroina, provate a far risolvere un problemino matematico a chi si è appena fumato uno spinello di quelli buoni, provate a chiedere a un ubriaco perché è andato a sbattere contro il muro, provate a chiedere a chi si è fatto di crystal meth perché si è ferito con un coltello.

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Un ragazzo informato, che pensa con la sua testa, pretenderà che gli sia dato un aiuto sincero, reale e naturale, senza ricorrere a droghe e farmaci dannosi. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti e degli psicofarmaci. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia e migliaia di ragazzi delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard

]]>
Come reagire quando un tossicodipendente chiede soldi Thu, 21 May 2020 13:39:51 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/639534.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/639534.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze Quando il bisogno di droga diventa pressante, si ha bisogno di tanti soldi. Alcuni tossicodipendenti chiedono i soldi a genitori o parenti, altri rubano in casa. Finanziare» un tossicodipendente equivale ad aiutarlo a distruggersi, diventando complice della sua corsa verso il declino fisico e mentale, o peggio della sua morte.

Ecco alcuni consigli su come comportarsi:

1.       Mettete i soldi al sicuro in casa

2.       Evitate che possa usare carte di credito collegate a conti familiari

3.       Fate capire che si è disposti aiutarlo, ma che si desidera sapere come i soldi vengono spesi

4.       Tenete il conto dei soldi già dati (data, quantità, motivo)

5.       Non siate ingenui, fate domande e investigate, controllate se possibile

6.       Imponetegli gentilmente una certa autodisciplina sulla gestione delle proprie finanze

Tutto questo va accompagnato, evidentemente, da un’azione appropriata per dar sì che il tossicodipendente comprenda cosa gli sta succedendo e cosa sta facendo a se stesso, in modo che possa accettare aiuto sincero. Mancare di fare questo potrebbe spingerlo verso il commettere crimini.

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o se ne promuova l’uso. I giovani devono conoscere la dura verità: dove gira la droga, c’è spesso crimine e perversione sessuale.

Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti e degli psicofarmaci. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia di ragazzi toscani delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard

]]>
Come parlare a un tossicodipendente Thu, 21 May 2020 13:31:19 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/639530.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/639530.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze Se a volte non è facile parlare con le persone sobrie, figuriamoci con chi assume di regola sostanze tossiche che alterano il modo di pensare e di agire. Rimanere in buoni rapporti con un tossicodipendente è sicuramente una sfida, che però può essere vinta se ci si attiene a delle regole dettate dal buon senso, evitando di lasciarsi trascinare dalle emozioni. Ecco alcuni consigli:

1)      Nessuno scontro: create una situazione piacevole, mettete l’altra persona a proprio agio, in un luogo tranquillo, in un momento tranquillo, quando lui è tranquillo.

2)      Nessuna accusa: chi si droga sa già che sta sbagliando! Non c’è nessun bisogno di ricordarglielo. Se gli viene indicato in maniera diretta, si metterà sulla difensiva e la comunicazione diventerà un contrasto. E probabilmente a quel punto non vorrà più ascoltare, o se ne andrà.

3)      Discutere il futuro: il tossicodipendente sa che è peggiorato, ma vive per lo più alla giornata e non pensa al futuro. L’unico futuro concepito è la prossima dose. Quindi fatelo pensare al futuro, così che possa «aver paura di peggiorare ulteriormente». Nel momento in cui lo realizza veramente, sarà un grande progresso!

4)      Flusso e riflusso: è fondamentale non sopraffarlo con una spinta continua. La tecnica del «flusso e riflusso» è come le onde del mare: un giorno si parla di droga, la volta successiva si parla di altro, poi ancora si parla di droga e così via. Non mollate, ma dategli respiro e lasciatelo riflettere! Non vi aspettate che, improvvisamente dopo la prima discussione, si «illumini» e decida di cambiare vita. Ci vorrà tempo e sforzo costante.

5)      Coinvolgete altre persone: non essere la sola persona che parla con lui di droga, della sua vita, del suo futuro. Un ragazzo potrebbe parlare più liberamente con il fratello o con qualcuno che non sia della famiglia. Ma mai tutti insieme, si sentirà sbagliato e sotto attacco! Parlateci sempre uno alla volta.

Con tanta pazienza e persistenza, senza mai sgarrare, si riuscirà a creare una situazione di ascolto e collaborazione, che alla fine porterà a un cambiamento positivo. Ma non bisogna credere che ciò avvenga troppo velocemente! La verità è che il tossicodipendente sa di avere un problema, e se si è coraggiosi abbastanza da non mollare mai nonostante le difficoltà, alla fine accetterà di ricevere aiuto.

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o se ne promuova l’uso. I giovani devono conoscere la dura verità: dove gira la droga, c’è spesso crimine e perversione sessuale.

Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti e degli psicofarmaci. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia di ragazzi toscani delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard

]]>
Rave ed Ecstasy, un binomio inscindibile Thu, 14 May 2020 13:51:32 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/637522.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/637522.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze È noto che la droga circola nelle discoteche di tutto il mondo, ma la grande maggioranza dei ragazzi che le frequentano se ne tengono alla larga e si limitano al bicchierino incluso nel biglietto. La scena cambia radicalmente nei “Rave”: grandi raduni, spesso clandestini, in spazi aperti o capannoni abbandonati, a base di musica a volume esagerato e ritmo ossessivo. Nei rave la quasi totalità dei partecipanti fa uso di droga, ritenuta necessaria per godersi al massimo lo sballo e non sentire la stanchezza per molte ore.

C’è un legame stretto, strutturale e causale, tra i rave e la droga. Ecco un breve estratto dal libro “Trance formation” di Robyn Silvan: “La ripetizione è primariamente importante, è ipnotica e dà dipendenza. Con un impianto di amplificazione adeguato la musica è così forte che puoi sentirla in ogni parte del corpo. …la combinazione sinergica di musica da ballo elettronica ed Ecstasy è stata storicamente una delle chiavi catalizzatrici della scena dei rave... Negli anni, la musica rave si è gradualmente evoluta in una scienza auto-consapevole per intensificare le sensazioni dell’Ecstasy. I produttori di musica House e Tecno hanno sviluppato un repertorio determinato dalla droga, di effetti, tessiture e ritmi che sono espressamente progettati per scatenare il formicolio impetuoso che attraversa il corpo “Ecstatico”.

Capito? I creatori di musica ossessiva sanno bene che chi li ascolta fa uso di droghe e si adoperano per esaltare le loro sensazioni! Ma a quale prezzo?

Ecco l’esperienza di Anna: “Sono passati sette anni dalla mia prima volta con l’Ecstasy, ma la peggiore esperienza è recente. A un Rave comprai l’Ecstasy da uno spacciatore nuovo, ma non mi sballavo neanche un po’, allora sono tornata in bagno per sniffare ancora. Mentre tornavo alla tenda del Rave, ha fatto effetto tutto insieme! Era come se la mia anima fosse stata risucchiata via dal fondo del mio corpo. Ho chiesto a un mio amico che mi soffiasse fumo di sigaretta in bocca, mi dava sollievo, alla fine è uscito tutto (il vomito). I miei amici mi giravano le spalle e dicevano agli altri «oh, va tutto bene ragazzi!». Sono così assuefatta che non posso più sballarmi. Come puoi fare un dosaggio quando non hai idea di cosa ti stai ficcando nel tuo naso sanguinante mentre sei inginocchiata sulla carta igienica bagnata di chissà che cosa?”

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o se ne promuova l’uso. I giovani devono conoscere la dura verità: dove gira la droga, c’è spesso crimine e perversione sessuale.

Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti e degli psicofarmaci. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia di ragazzi toscani delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard

]]>
Mischiare alcol e droghe è una pessima idea Thu, 14 May 2020 13:41:30 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/637515.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/637515.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze  

L’alcol è legale e spesso non viene percepito come droga. L’uso normale e lecito che moltissimi ne fanno, in piccole dosi e a scopo ricreativo e sociale, porta a pensare che un po’ di più non faccia chissà quanto male. Se poi si aggiunge all’alcol qualche altra sostanza stupefacente… ci si trova a sperimentare una vera e propria roulette russa all’interno del corpo e della mente.

ALCOL + COCAINA: Mix comune e particolarmente pericoloso: aumenta il rischio di infarto e morte improvvisa. Le due droghe interagiscono per produrre una sostanza altamente tossica nel fegato chiamata cocaetilene. Può aumentare gli effetti dell'alcol, e rafforzare l’azione della cocaina. È anche più probabile diventare aggressivi con il cocaetilene nel sangue. Il cocaetilene impiega più tempo a essere espulso dal corpo rispetto all'alcool o alla cocaina, sottoponendo il cuore e il fegato a un periodo più lungo di stress. La miscelazione di alcol e cocaina può essere fatale fino a 12 ore dopo l'assunzione.

ALCOL + MARIJUANA: I risultati, sia fisici che psicologici, possono essere imprevedibili. Avere alcol nel sangue può potenzialmente indurre il corpo ad assorbire il la sostanza psicoattiva (THC) più velocemente. Questo può portare alla cannabis ad avere un effetto molto più forte di quello che avrebbe normalmente. Fisicamente, puoi provare vertigini, nausea e vomito. Gli effetti psicologici includono panico, ansia o paranoia. Skunk, una varietà più forte di cannabis, può comportare rischi ancora maggiori, perché può contenere anche il triplo di THC. C'è anche un grave rischio a lungo termine per la tua salute. La cannabis viene solitamente fumata con il tabacco, che può causare il cancro. Tabacco e alcool lavorano insieme per danneggiare le cellule del corpo, moltiplicando il danno. L'alcol rende più facile per la bocca e la gola assorbire le sostanze chimiche cancerogene nel tabacco.

ALCOL + ECSTASY: È possibile che l'alcol attenui lo sballo dell’Ecstasy. Ma il giorno dopo, quando "scendi", ci si sente molto peggio se hai anche bevuto alcolici. Una sbornia grave è uno degli effetti collaterali più lievi della combinazione di questi farmaci, ma insieme possono essere mortali. L‘Ecstasy disidrata, lo stesso vale per l'alcol. C’è rischio di surriscaldarsi e diventare pericolosamente disidratato combinando le due droghe. L'alcol è coinvolto nella maggior parte dei decessi correlati all'ecstasy, molti dei quali sono dovuti al colpo di calore dopo che le persone hanno ballato per lunghi periodi di tempo in club caldi senza sostituire i liquidi persi bevendo acqua. E, come con molte altre combinazioni, è probabile avere nausea e vomito.

ALCOL + AMFETAMINE: Gli effetti delle anfetamine, chiamati anche «speed», sono molto simili a una scarica di adrenalina. Quando lo prendi, la tua respirazione, la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca accelerano. Come l‘Ecstasy, anche lo speed può aumentare la temperatura corporea e causare disidratazione, che aumenta quando si aggiunge l'alcol. Poiché lo speed aumenta la pressione all’interno del cuore, se aggiungi alcol, quella pressione può essere fatale. L'alcol può intensificare le emozioni e far perdere le inibizioni. Potresti finire per comportarti in un modo che rimpiangi seriamente. Sotto l'influenza dello speed potresti sentirti più sicuro o energetico, ma puoi facilmente diventare ansioso, paranoico o aggressivo, in particolare quando metti l'alcool nel mix. Mescolando le due droghe puoi bere quantità pericolose senza accorgertene.

ALCOL+ EROINA: L'alcol con eroina è una delle combinazioni più pericolose di droghe. L'eroina rallenta la frequenza cardiaca e la respirazione. In combinazione con un sedativo come l'alcool, si sta praticamente raddoppiando il rischio di overdose. Circa tre quarti delle persone che muoiono per overdose di eroina, avevano bevuto alcolici.

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Un ragazzo informato, che pensa con la sua testa, pretenderà che gli sia dato un aiuto sincero, reale e naturale, senza ricorrere a droghe e farmaci dannosi. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti e degli psicofarmaci. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia e migliaia di ragazzi delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard

 

]]>
LSD e psicosi Thu, 14 May 2020 13:32:59 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/637496.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/637496.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze L’LSD è una sostanza stupefacente allucinogena, creata dalla Sandoz Farmaceutica nel 1938 in Svizzera. Fu largamente usata in esperimenti psichiatrici negli anni ’40, ’50 e ’60: c’è un’ampia letteratura che narra della sperimentazione in ambito psichiatrico, chiusa finalmente nel 1967 quando l’LSD è stato dichiarato illegale.

Lo stupefacente era destinato ad allungare la lista dei farmaci scartati e dimenticati dalla “scienza” quando lo psicologo di Harvard Timothy Leary si mise a promuovere l’LSD con libri, dibattiti e conferenze. Sosteneva che l’assunzione di LSD modificherebbe positivamente i comportamenti di chi assume la droga. Data la passione di Leary per molti altri stupefacenti, fu condannato a 30 anni di carcere per crimini di droga, fuggì dagli Stati Uniti ma fu individuato e arrestato all’estero nel 1965. Evaso dal carcere si rifugio in Algeria, ma fu poi ricatturato in Svizzera. Si deve indubbiamente a lui la grande diffusione che l’LSD ha avuto nella cultura giovanile, e degli incalcolabili danni in fatto di vite umane e sanità mentale nei decenni successivi.

La CIA e le forze armate USA pensavano all’LSD come una potenziale arma chimica e iniziarono a sperimentarla dal 1951. Si diceva l’LSD “era capace di rendere interi gruppi di persone, incluse forze militari, indifferenti all’ambiente ed alle situazioni, interferendo con la pianificazione ed il giudizio e creando perfino apprensione, confusione incontrollabile e terrore”.

Tra gli effetti dell’LSD si annoverano: schizofrenia acuta, paranoia, psicosi prolungate o intermittenti, aggressività, violenza, idee suicide, crisi di panico, ansia cronica, convulsioni, crisi epilettiche.

Eco un breve resoconto di un ragazzo che ha rischiato la vita grazie all’LSD: “Ho iniziato a provare paranoia, sentivo che i miei amici stavano complottando di fare qualcosa, forse perfino di uccidermi. Sono corso nella stanza del mio amico, ho spalancato la porta e mi sono buttato di sotto. Fortunatamente il mio amico viveva al piano terra. Ho corso attraverso un’area boscosa verso un ponte. Sentivo voci che mi dicevano che avrei avuto un attacco di cuore e sarei morto. Questa non fu la fine. Anni dopo, stavo correndo e all’improvviso, bam, ho avuto un flashback del momento in cui stavo correndo nel mio trip. Ho cominciato ad avere un brutto attacco di panico e ho sentito le voci che mi dicevano che stavo per avere un attacco di cuore e che sarei morto.”

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Un ragazzo informato, che pensa con la sua testa, pretenderà che gli sia dato un aiuto sincero, reale e naturale, senza ricorrere a droghe e farmaci dannosi. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti e degli psicofarmaci. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia e migliaia di ragazzi delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard

]]>
Le allucinazioni devastanti della Ketamina: il “K-Hole” Thu, 14 May 2020 12:27:23 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/637437.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/637437.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze La Ketamina è nata come farmaco anestetico veterinario e pediatrico, è noto che ha effetti allucinogeni e analgesici. Il farmaco di norma è in forma liquida iniettabile, ma come stupefacente circola spesso in forma di polvere bianca cristallina, da sniffare o ingerire.

Gli effetti allucinatori della Ketamina sono molto particolari: provoca una dissoluzione dell’ambiente circostante, delle sensazioni fisiche e dei pensieri. La percezione del tempo e dello spazio cambia a tal punto di dare l’illusione della levitazione. A dosaggi elevati, si sperimentano esperienze del tutto particolari: si tratta del “K-Hole” (il “buco” della Ketamina).

Il K-Hole consiste in esperienze extracorporee: si ha la sensazione di uscire dal proprio corpo, ci si vede dall’alto o da dietro mentre si svolgono le azioni della propria vita. Si può sperimentare anche la «near death experience» (esperienza vicina alla morte), che consiste spesso nel noto “viaggio verso la luce”.

Il tutto sarebbe persino interessante… se gli effetti sul corpo e sulla mente non fossero devastanti. Spesso l’esperienza del K-Hole è di per sé terrorizzante, molti raccontano di aver temuto di non essere più in grado di rientrare nel proprio corpo perché morti o perché sbattuti permanentemente fuori. Si tratta di una sensazione che causa successivamente incubi e sofferenza fisica e mentale duratura.

Ecco l’esperienza di un ragazzo che, non conoscendo le conseguenze, ha deciso di assumere Ketamina:

“Dopo aver sniffato strisce di Ketamina, all'improvviso mi stavo guardando mentre compravo droga da uno sconosciuto. Ero in piedi sul cemento a circa tre metri dietro di me. Mi sono visto tornare alla mia macchina e andare via. Mi sono visto sniffare la prima striscia di droga e mi vergognavo. Ho avuto le allucinazioni più intense che abbia mai avuto tra tutte le droghe che ho provato. Nella mia mente, ero impegnato ad esplorare i mondi più folli che avessi mai immaginato, ma in realtà sono stato 40 minuti a faccia in giù in un campo. Il mio universo era sottosopra. Pensavo che il mondo normale fosse scomparso per sempre e VERAMENTE pensavo di essere morto. Ho cercato di raggiungere la mia ragazza in qualunque universo in cui galleggiavo e mi sono davvero arrabbiato perché pensavo di non vederla mai più. L'ultima parte (probabilmente 3 minuti, ma erano 5 ore nella mia mente) è stata un inferno vivente. Non ne potevo uscire. Non sono riuscito a camminare neppure un metro senza aiuto per un po’ di tempo. E ci sono voluti mesi per uscire da questo incubo, per placare i brutti ricordi e i flashback.”

Altri effetti collaterali: capacità motorie ridotte, movimenti scoordinati, insensibilità al dolore, vertigini, paralisi, crisi epilettiche, coma, ansia e depressione, malfunzionamento cerebrale (memoria, apprendimento, percezione).

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o se ne promuova l’uso. I giovani devono conoscere la dura verità: dove gira la droga, c’è spesso crimine e perversione sessuale.

Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti e degli psicofarmaci. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia di ragazzi toscani delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard

]]>
Le crisi di astinenza da psicofarmaci Thu, 07 May 2020 13:29:22 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/635712.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/635712.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze È difficile capire fino in fondo cosa possa comportare una crisi di astinenza. E non stiamo parlando so di eroina, alcool, cocaina o qualche altra maledetta droga da strada. Ecco l’esperienza di chi ha sperimentato una crisi di astinenza da “psicofarmaci”, che sono tra le droghe più potenti e pericolose.

-------------

"Inizieremo a ridurre il tuo Lexapro", ha detto il mio psichiatra al primo appuntamento, era un lunedì. Per coloro che non lo sanno, Lexapro è un antidepressivo molto forte. E questo processo di riduzione del farmaco si chiama svezzamento. “Diminuirai la dose per 7 giorni, poi ci vorranno altri 7 giorni alternati a giorni alterni. Dopo di che non ne prenderai più. “

La prima settimana andava bene. Un po'di nausea, quasi impercettibile, poi vertigini. Seconda settimana, le vertigini peggiorarono, ma potevo ancora camminare.

Poi venne il giorno in cui smisi davvero di prendere il farmaco. Era l'ultima pillola. Ricordo esattamente il momento. Ho guardato la pillola e ho pensato: "È l'ultimo giorno, mi sbarazzerò di te". L'ho ingoiato e ed è andato tutto liscio fino al fine settimana.

Non sono riuscita ad alzarmi dal letto. Il mio letto era bagnato. Ero tutto bagnato, avevo sudato tutta la notte. Ho sollevato la testa, ho cercato di alzarmi e poi sono caduto di lato. Totale disperazione. Ho provato a camminare dritto ma poi ho capito che stavo sbattendo contro le pareti e le porte dell'armadio.

Quindi è iniziata la confusione mentale. Sono andato a fare colazione. Prima ho messo dei bicchieri nel congelatore, ho aperto i cassetti e ho dimenticato cosa stavo facendo, ho saltato i pasti, non riuscivo a ricordare di mangiare. Poi disperazione, nausea, vertigini così forti che la mia testa si muoveva insieme al mio corpo. Ho provato a camminare ma il mio corpo stava zigzagando. Guidare è stato un errore enorme. Hai mai guidato ubriaco? Immagina una vertigine molto peggiore perché è molto più angosciante, sei completamente consapevole di tutto ciò che sta accadendo e non c'è nulla che tu possa fare al riguardo.

Le vertigini continuano, sensazione di malessere e vomito, perdita completa dell'appetito. Cominciarono le bizzarre oscillazioni dell'umore. Sono solo e leggo, ecco una crisi d'ansia, i miei occhi si riempiono di lacrime, nodo alla gola, ma sto lavorando. Cosa posso fare? La gente non capirà. Quindi, resisto, per ore.

Quando arriva il momento tornare a casa corro verso l'ascensore, in lacrime, e l'angoscia aumenta. Le mie mani erano bagnate e le gambe tremavano così tanto che non so nemmeno come stavo in piedi. Ma non riuscivo ancora a piangere, i colleghi di lavoro erano con me in ascensore.

Corsi alla macchina, entrai, chiusi a chiave la porta e scoppiai. Distrutto, come mai prima d'ora. Piansi e piansi, singhiozzando, riuscivo a malapena a respirare. La cosa peggiore era che non riuscivo nemmeno a capire perché stavo piangendo, non riuscivo a trovare un motivo.

Era il giorno della terapia. Quando sono arrivato, l'ho appena guardata e sono crollato.

"Ma perché sei così, cosa è successo?"

"Non ne ho idea, non riesco a smettere di piangere"

Abbiamo parlato per un po'e, come alcuni di voi sanno, dopo queste crisi ci si intorpidisce, succhiano tutta l'energia dal proprio corpo. Non ho potuto rispondere a parole, movimenti, niente.

Tutto quello che stavo pensando in quel momento era se quello stato in cui mi trovavo fosse la mia vera personalità. La mia personalità senza farmaci, come vivrei senza il trattamento psichiatrico. E questo mi ha spaventato a un livello che non riesco nemmeno a spiegare.

Non ricordo nemmeno cosa ci siamo detti in quella seduta. So solo che una volta finita ero più tranquillo, sono salito in macchina e sono tornato a casa automaticamente. Ora sono sdraiato sul mio letto con angoscia, pensando a quanto durerà ancora questa disperazione.

E ciò che veramente mi dispera è se questo è il vero me! La versione senza farmaci.

-------------

È importante capire che questa persona, prima di cominciare ad assumere la droga, cioè lo psicofarmaco, non stava così male! La “cura” lo aveva semplicemente peggiorato. Riusciva a “tirare avanti” solo drogandosi, solo assumendo uno stupefacente da una boccetta con tanto di foglietto illustrativo. Tolta la droga, tolta la sostanza che leniva il dolore, la vita è diventata un inferno molto peggiore del problema che si voleva risolvere.

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Un ragazzo informato, che pensa con la sua testa, pretenderà che gli sia dato un aiuto sincero, reale e naturale, senza ricorrere a droghe e farmaci dannosi. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti e degli psicofarmaci. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia e migliaia di ragazzi delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard

]]>
Droga, morte, sesso e politica Thu, 07 May 2020 13:19:18 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/635704.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/635704.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze La droga, il crimine e la perversione sessuale sono un trio letale che a volte si aggira nei piani alti della politica e del potere economico. Le storie di Ed Buck e Terry Bean sono accomunate da tutti questi fattori.

 

Ed Buck, 65 anni, è un uomo d’affari e noto attivista LGBT, grande finanziatore delle campagne elettorali di Barack Obama, Hillary Clinton, governatori e sindaci. Nella casa di Ed Buck, a Hollywood, si sono verificati recentemente nel giro di pochi mesi ben tre casi di overdose di droga, di cui due fatali. Entrambe le vittime erano prostituti afroamericani, che partecipavano a festini-orge a base di droga nella villa del business man. Durante la perquisizione della casa è stato trovato, oltre a varie sostanze stupefacenti, un vero arsenale per il consumo degli stessi.

Nel diario di uno dei due deceduti, si legge: “Sono diventato dipendente dalla droga. Ed Buck è colui che devo ringraziare. Mi ha dato la mia prima iniezione di Crystal Meth”. Il Crystal Meth è una metamfetamina, una droga devastante che dà una fortissima dipendenza fin dalla prima assunzione. Questo spiegherebbe perché Ed Buck avrebbe dato quella dose: rendendo la persona schiava della droga, poteva assicurarsi facilmente prestazioni sessuali in cambio dello stupefacente, un “trucco” molto usato da spacciatori e pedofili.

Terry Bean è un imprenditore del settore immobiliare, pioniere del movimento LGBT, grande finanziatore di Barack Obama, Bill Clinton e Al Gore. È stato arrestato con accusa di sodomia minorile nei confronti di due minori, un 15enne e di un 16enne. In uno dei casi alla vittima era stato somministrato alcol e droga, il ragazzo poi tentò il suicidio e fu ricoverato in ospedale psichiatrico. Nell’altro caso è coinvolto anche il 25enne fidanzato di Bean, condannato per possesso e traffico di droga.

Queste due storie di alto bordo ricordano il nostrano caso di Luca Varani, ucciso da due “amici” dopo averlo attirato a un festino a base di droga e sesso. La droga è quasi sempre presente nelle situazioni più degradate con protagonisti menti criminali che hanno in mente sesso, dolore e a volte morte.

La giustizia deve fare il suo corse e fare sì che queste persone dai comportamenti criminali e perversi vengano fermate. Ma come prevenire che i ragazzi cadano nelle loro grinfie? Come prevenire che la droga possa venire usata come “esca” per rovinare giovani vite?

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o se ne promuova l’uso. I giovani devono conoscere la dura verità: dove gira la droga, c’è spesso crimine e perversione sessuale.

Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti e degli psicofarmaci. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia di ragazzi toscani delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard

]]>
Droga e pedofilia Thu, 07 May 2020 12:04:13 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/635652.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/635652.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze A Saronno un uomo, 49enne, è stato arrestato e accusato di spaccio di droga, detenzione di materiale pedopornografico, violenza sessuale su minori e induzione alla prostituzione minorile. La detenzione e lo spaccio di droga non è un dato affatto casuale in casi come questi. È evidente che non tutti i pedofili si drogano, ma è tuttavia comune che ne facciano un uso diverso, funzionale alla realizzazione delle loro perversioni sessuali.

Il criminale in questione costringeva ragazzini adolescenti a prestazioni sessuali in cambio di droga. Li adescava dentro il suo negozio, e poi prometteva dosi di marijuana se accettavano di essere vittima dei suoi abusi sessuali.

La giustizia deve fare il suo corse e fare sì che queste persone dai comportamenti criminali e perversi vengano fermate. Ma come prevenire che i ragazzi cadano nelle loro grinfie? Come prevenire che la droga possa venire usata come “esca” per rovinare giovani vite?

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o se ne promuova l’uso. I giovani devono conoscere la dura verità: dove gira la droga, c’è spesso crimine e perversione sessuale.

Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti e degli psicofarmaci. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia di ragazzi toscani delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard

]]>
Come parlare a un tossicodipendente Thu, 07 May 2020 11:55:56 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/635645.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/635645.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze Se utilizzata correttamente, la comunicazione è lo strumento giusto che può aiutare un familiare o una persona cara che è dipendente da droghe e alcol. Purtroppo, parlare di droga non è sempre semplice.

Ecco alcuni suggerimenti:

-          Mettere a proprio agio: nonostante si possa avere addosso tanta rabbia e litigi alle spalle, è necessario capire che solo una comunicazione calma e ragionata, che faccia sentire l’altra persona a proprio agio, avrà speranze di successo. Un attacco diretto, una posizione conflittuale, provocherà una reazione uguale e contraria, nessuna collaborazione. Il tossicodipendente sa già che sta sbagliando, non c’è nessun bisogno di ricordaglielo!

-          Parlare del futuro e delle conseguenze: questa è una preoccupazione che accomuna il familiare e il tossicodipendente, cosa succederà in futuro? Come sarà la sua salute? Come si evolveranno le relazioni familiari? Il tossicodipendente ha paura di peggiorare, sa che può andare ancora più giù nella china. Spesso ci si droga per dimenticare il passato, e l’unico futuro che si concepisce è il procurarsi la prossima dose. Mettere l’attenzione sul futuro a lungo temine sarà di grande beneficio.

-          Non arrendersi mai: è ingenuo pensare che al primo tentativo si abbiamo un immediato e definitivo successo, specialmente se la tossicodipendenza è ormai di lunga data. È necessario mantenere la calma e riproporre la comunicazione sull’onda dell’aiuto più e più volte, a giorni alterni per concedergli di respirare. Il tossicodipendente, piano piano, comincerà a riflettere.

-          Cercare alleati: è importante non essere l’unica persona che parla con il tossicodipendente. Più sono le persone che cercano di aiutarlo, nel modo corretto, più la persona sentirà che non è solo e che potrà farcela a passare indenne dal percorso, spesso molto doloroso, per abbandonare le sostanze stupefacenti.

Recuperare un tossicodipendente, salvargli letteralmente la vita, non è semplice. E a volte non ci si riesce. La soluzione per la società deve assolutamente includere la prevenzione, per evitare che si arrivi alla tossicodipendenza in primo luogo.

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Un ragazzo informato, che pensa con la sua testa, pretenderà che gli sia dato un aiuto sincero, reale e naturale, senza ricorrere a droghe e farmaci dannosi. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti e degli psicofarmaci. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia e migliaia di ragazzi delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard

]]>