Comunicati.net - Comunicati pubblicati - ComunicaTeatro Comunicati.net - Comunicati pubblicati - ComunicaTeatro Sun, 21 Jan 2018 13:30:51 +0100 Zend_Feed_Writer 1.11.10 (http://framework.zend.com) http://comunicati.net/utenti/23885/1 Che casino... la memoria Fri, 19 Jan 2018 14:49:41 +0100 http://comunicati.net/comunicati/arte/teatro/466571.html http://comunicati.net/comunicati/arte/teatro/466571.html ComunicaTeatro ComunicaTeatro E’ stato lo spettacolo che ha accompagnato il pubblico nel nuovo anno e ora dal 24 al 28 gennaio torna in scena al Teatro L’Aura ‘Che casino… la memoria’, diretto da Rossella Serrato con protagonisti Helene Olivi Borghese, Marco Lupi, Michele Carnevale e Laura Monaco. Un tuffo nel passato nell’immediato dopoguerra.

Siamo nel 1948, immediatamente dopo la guerra mondiale e poco prima del boom economico: è il momento della ricostruzione, del cambiamento, della speranza.

Le case chiuse esistono ancora esistono e la nostra storia si ambienta qui, proprio in un casino.

Una tenutaria dall’aria austera, una prostituta e un femminiello si muovono nello spazio chiuso cercando di portare avanti un’attività che però da anni sembra avere misteriosamente un solo cliente… perché?

La maîtresse cerca di spiegare il mestiere ai due giovani sottoposti, attenti ascoltatori.

E se il femminiello in realtà nascondesse altre mire?

I ricordi spesso sfuggono, altre volte si cancellano per non farsi travolgere e riuscire ad andare avanti nella vita.

Ma a volte i ricordi ci vengono prepotentemente a cercare e nemmeno un’amnesia riesce a fermarli. Ma non è proprio questo il bello della vita?

Uomini che ricercano compagnia o…
Chi sarà questo cliente esclusivo?

Una commedia di situazione dai risvolti imprevisti vi terrà incollati alla poltrona tra risate e ricordi di un’epoca diversa.

CHE CASINO… LA MEMORIA
con Helene Olivi Borghese, Marco Lupi, Michele Carnevale e Laura Monaco
Regia: Rossella Serrato

Teatro L’Aura
vicolo di Pietra Papa, 64
dal 24 al 28 gennaio
dal giovedì al sabato alle ore 21.00 domenica alle ore 18.00
Biglietti Intero 13.00 + 2.00 (tessera associativa)
Ridotto 10.00 + 2.00 (tessera associativa)
Info e prenotazioni 0683777148 – 346 470 3609
oppure nuovoteatrolaura@gmail.com

]]>
SI FA COSI' Fri, 19 Jan 2018 10:17:45 +0100 http://comunicati.net/comunicati/arte/teatro/466548.html http://comunicati.net/comunicati/arte/teatro/466548.html ComunicaTeatro ComunicaTeatro Movimento Comico 

presenta  

Si fa così 

scritto, diretto e interpretato da Fabio Cicchiello 

 Teatro Lo Spazio 

21 e 28 gennaio ore 21.00

 

Dopo il grande successo di pubblico del debutto, “Si fa cosi” torna in scena al Teatro Lo Spazio di Roma il 21 e 28 gennaio alle ore 21.00. Già autore ed interprete di “Opinioni di un Uomo Comune”, Fabio Cicchiello torna a teatro con un nuovo monologo, scritto e diretto dallo stesso Cicchiello.


Si fa così” sembra essere un motto molto diffuso, tutti sanno come si fanno le cose tranne il protagonista di questo monologo comico scritto ed interpretato da Fabio Cicchiello. In scena solo due sedie, la prima, dedicata ad uno psicologo, è decisamente più comoda della seconda sulla quale siede un paziente desideroso di conoscere se stesso. Dopo aver scoperto la propria essenza, il nostro eroe rimane decisamente deluso e si lascia andare al racconto delle sfide di una vita, partendo da quelle grandi come la paternità, per arrivare a quelle più piccole come la scelta delle zucchine al mercato. Ne viene fuori uno spaccato di vita sincero ed esilarante nel quale l’unica salvezza è rappresentata dalla resa gioiosa ed incondizionata. Arrendersi ai fatti della vita in questo caso non è un atto di codardia ma di coraggio, un’audacia che viene premiata con un’esplosione di tenerezza. 


Ancora una volta Movimento Comico (www.movimentocomico.it) racconta piccole grandi storie cariche di umanità e risate perché il comico possa essere ancora una volta un salvagente nei mari più impetuosi.

 

Movimento Comico

La missione di Movimento Comico è diffondere l’immagine e la cultura del comico in tutte le sue forme ed espressioni. Per noi il comico è un amore grande, un amore salpato molti anni fa da una scuola di teatro per approdare oggi nelle scuole, nei teatri, nelle piazze e in tutti quei luoghi dove riusciamo a portare il sorriso. Crediamo fortemente che ridere sia un antidoto contro la sofferenza e la noia. Una medicina universale, senza scadenza perché “le cose conquistate con un sorriso rimangono per sempre”. (Gandhi)

 

 

Si fa così

Scritto diretto e interpretato da Fabio Cicchiello

Aiuto regia: Anna Rizzi 

Foto e grafica: Andrea Agates e Nando Scalamandrè

Produzione: Movimento Comico (www.movimentocomico.it)

 

Teatro Lo Spazio

Via Locri 42/44 Roma

21 e 28  gennaio ore 21.00

Biglietti: Intero 12€ - Ridotto 10€ + tessera associativa di 3€

Info e prenotazioni: 06.77076486 - www.teatrolospazio.it

 

]]>
Professione napoletani Wed, 17 Jan 2018 15:30:08 +0100 http://comunicati.net/comunicati/arte/teatro/466299.html http://comunicati.net/comunicati/arte/teatro/466299.html ComunicaTeatro ComunicaTeatro Dopo il successo dello scorso novembre, torna al Piccolo Teatro Il Salotto di Pulcinella la travolgente allegria di Lucia Cassini. L'artista, attrice napoletana con una spiccata verve comica, omaggia Dino Verde, drammaturgo, paroliere e scrittore italiano autore di grandi successi come Piove (Ciao Ciao Bambina) e Resta cu' mme entrambi scritti per Domenico Modugno.

Professione Napoletani” torna a Roma nel piccolo salotto del Rione Monti il 19 e 20 gennaio 

 

La possibilità di lavorare con un maestro come Dino Verde ha rappresentato un percorso della vita mia artistica di grande importanza”, spiega Lucian Cassini. “Il suo ricordo mi resterà per sempre nel cuore”.

Lo spettacolo oltre a presentare i brani che lo hanno reso celebre parlerà di Dino Verde come uomo. I suoi lavori sono stati sempre solidamente strutturati sull’individuo alle prese con la società, sul rapporto tra la pluralità dei suoi personaggi e le necessità dell’uomo di emergere come singolo con desideri, bisogni, necessità, speranze.

Mi piace ricordare Dino Verde come autore regista, ma anche interprete, assieme abbiamo calcato le tavole del palcoscenico e sempre con me resterà, ovunque ci sarà un sipario da sollevare”

 

LUCIA CASSINI

Attrice napoletana comica, ha lavorato con tantissimi comici e attori da Carlo Dapporto a Walter Chiari da Pippo Franco a Leo Gullotta, da Gianfranco D'angelo a Enrico Beruschi e tanti altri. Popolare nel teatro comico italiano ha iniziato la sua carriera in Rai e fatto trasmissioni sulle reti Mediaset. Seguita e guidata da Angelo Fusco, Dino Verde, Don Lurio, Alfonso Guadagni, Castellacci e Pingitore. Ha girato più di 30 film e varie serie tv e fiction. Ha vinto l'oscar delle regioni come “Totò in gonnella”





Piccolo Teatro Il Salotto Di Pulcinella

via Urbana, 11 - Roma

19 e 20 gennaio 

ore 20.30

tel. 06 48.23.339 - cell. 347.7327033 - email: info@ilsalottodipulcinella.com 

Spettacoli con degustazione menù completo:

h. 20.30 – Euro 25

]]>
2 donne in fuga... Wed, 17 Jan 2018 15:28:08 +0100 http://comunicati.net/comunicati/arte/teatro/466298.html http://comunicati.net/comunicati/arte/teatro/466298.html ComunicaTeatro ComunicaTeatro Un testo di successo, in Francia, soprattutto a Parigi. Due attrici grandiose che lo reciteranno come fosse stato scritto per loro. Questo è 2 Donne in Fuga... tratto da Le fuggitive di Pierre Palmade e Christophe Duthuron, per l’adattamento di Mario Scaletta e la regia di Nicasio Anzelmo, che sarà in scena dal 19 al 28 gennaio al Teatro Nuovo di Milano, e che vede protagoniste due grandissime donne, Iva Zanicchi e Marisa Laurito.

Due donne si incontrano di notte su una strada statale mentre fanno l'autostop. Entrambe fuggono dalla loro vita, Margot da 30 anni di vita di casalinga, moglie e madre repressa, Claude dalla casa di riposo il BAOBAB dove il figlio l'ha parcheggiata dopo la morte del marito. L'incontro suscita le battute più divertenti, per il luogo e l'ora equivoci . 

Claude ha un temperamento forte e, nonostante l'età, non si lascia intimidire da Margot, più giovane ma anche più sprovveduta. E' l'inizio di un'avventura che vede le due donne viaggiare in autostop, interpretando una commedia dalle battute felici che non sono mai fini a se stesse ma servono a costruire con ironia i caratteri diversissimi delle due donne.

Così mentre la progressione narrativa della commedia, sviluppata per brevi scene autonome, eleganti e funzionali, vede le due donne avventurarsi in situazioni diversissime (dalla strada provinciale al cimitero, dalla fattoria alla casa di estranei nella quale entrano come due ladre...), dalle quali scaturiscono battute e situazioni divertentissime, ogni scena aggiunge un tassello alla vita e alla psicologia delle due protagoniste mostrando allo spettatore il nascere di una vera amicizia. 

Si ride di gusto per l'ironia e l'arguzia delle battute e si sorride nel riconoscere, nelle due protagoniste, alcuni aspetti della nostra vita, a volte pavida, altre volte più temeraria, in un riuscito equilibrio tra commedia e vita (vera), niente affatto retorico. Uno spettacolo perfetto, da vedere e portare nel cuore per il resto della vita. 

 

Teatro Nuovo di Milano

Piazza San Babila

Da venerdì 19 a domenica 28 gennaio 2018.

Dal martedì al sabato ore 20,45 – domenica ore 15:30 – sabato 20 gennaio doppia replica ore 15:30 e 20:45

www.teatronuovo.it

 

]]>
DISAGIO Wed, 17 Jan 2018 14:00:03 +0100 http://comunicati.net/comunicati/arte/teatro/466286.html http://comunicati.net/comunicati/arte/teatro/466286.html ComunicaTeatro ComunicaTeatro Arriva al Teatro Cometa Off di Roma dal 24 al 28 gennaio, Disagio lo spettacolo che vede in scena Serafino Iorli scritto e diretto da Lamberto Carrozzi.

A casa di Fortunato fervono i preparativi per l’imminente arrivo di Rocco. Tutto dovrà essere perfetto poiché da questo incontro dipende il suo futuro, una promessa di felicità, la fuga verso un riscatto a lungo atteso.

La posta messa in gioco da Fortunato è quindi molto alta, forse un po’ troppo per il suo precario equilibrio psichico, per chi, come lui, si è gradualmente segregato in casa accumulando oggetti e illusioni come barriera contro la realtà, sua eterna nemica.

Infatti, quando per Fortunato iniziano a presentarsi le prime difficoltà, anche le aspettative di una notte indimenticabile rischiano di volgere inesorabilmente all’isteria. La serata più importante della sua vita è presto in pericolo e per salvarla, Fortunato, dovrà affrontare un intero condominio inferocito e tutti i fantasmi del suo passato, ma pur di avere Rocco è pronto a far scorrere il sangue.

 

 

DISAGIO

scritto e diretto da Lamberto Carrozzi

con Serafino Iorli

sound designer Mohammed Ozu

Teatro Cometa Off

via Luca Della Robbia 47

dal 24 al 28 gennaio 

ore 21.00 - domenica ore 18.00

info 0657284637 – cometa.off@cometa.org

www.cometaoff.it

Biglietti 10€

]]>
Italian Style Burlesque Show Tue, 16 Jan 2018 14:10:10 +0100 http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/466146.html http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/466146.html ComunicaTeatro ComunicaTeatro Domenica 21 gennaio al Teatro Portaportese, dopo la pausa natalizia, ritorna BurlAsque Upload, prodotto da Lizzy Brown che ne cura anche la direzione artistica. Dopo i primi quattro appuntamenti, che hanno visto alternarsi sul palco sempre nuovi artisti, anche lo show di gennaio vede in scena due nuove star del Burlesque.

Italian Style Burlesque Show” avrà l’onore e il privilegio di ospitare due grandi nomi Internazionali del Burlesque Italiano, due Ladies, due artiste meravigliose, Albadoro Gala e Scarlett Martini, scortate e sostenute da un cavaliere, un Mago in tutti i sensi, Magic Dorian con la partecipazione straordinaria del migliore Azzurro Fumo per l’occasione Stage Manger di eccellenza. 

L’evento è straordinario per gli amanti del genere. Le due artiste, infatti, non si sono mai esibite insieme sullo stesso palco, due stili diversi ognuno col suo fascino unico. 

Cinquantacinque kg di curve, performer frizzante di un burlesque autentico come la sua fisicità burrosa, Albadoro Gala si ispira alle eccellenze italiane: l’arte, la musica, il design e la buona cucina. Da cinque anni rappresenta il corpo e l'anima del Caput Mundi International Burlesque Award, di cui è producer e direttore artistico. Grazie al suo Festival, che quest'anno si svolgerà il 9-10 febbraio presso Roma Eventi a Piazza di Spagna, giungono nella capitale i nomi più importanti del panorama del burlesque mondiale. Vincitrice di molteplici riconoscimenti a livello mondiale, quali il Munich Burlesque Festival come special guest nel 2013 e il New York Burlesque Festival per la categoria Golden Pasties, nel 2013 e 2014. Inoltre nel 2015 è nata anche la sua linea di accessori e costumi di scena burlesque che porta il nome: Baci di Gala e nel 2016 la sua scuola di burlesque lo Studio Gala.www.albadorogalaburlesque.com

Scarlett Martini burlesque perfomer che gioca col fuoco! Uno stile a tratti insolente e sensuale, classico ed ironico condito da atmosfere oscure e misteriose.
Da quattro anni è presente nella Burlesque TOP 50 by XXI Century Burlesque ed è stata considerata la migliore performer in Italia e la seconda in Europa. Si è esibita in tutto il mondo è ha condiviso il palco con i migliori artisti in Giappone, Canada e Stati Uniti. 2009-2016 Headliner nei maggiori Festival del mondo Montreal, Helsinki, Parigi, Amsterdam, Londra, Ginevra, Vienna, Dublino, Barcellona, Berlino, Palermo, Como Lake. Nel 2015 ha fondato la sua scuola di burlesque la Rome Burlesque School. 
www.scarlettmartini.com

Ad accompagnarle in questa serata è l'esperto dell’elegante arte della manipolazione, Dario Galati. Magic Dorian sotto ai riflettori, nasce nella provincia di Lecce e a 7 anni, quando unnlontano parente gli regala la scatola magica, lui si innamora di questo gioco e continua ad usarlo anche dopo l’entusiasmo dei primi giorni. Con dedizione inizia ad occuparsi e interessarsi della magia cercando di emulare da solo i prestigiatori più famosi, cosicché Alexander, SIlvan e Paviato diventano i suoi, personalissimi, eroi. È giovane ma sa come dirigere al meglio uno show. Del resto il gioco di prestigio, per lui, è come una partitura: “Le tecniche sono le note e le diverse note fanno la melodia, l’illusionista la esegue secondo la propria sensibilità e le diverse situazioni”. Instancabile seduttore magico del pubblico: “Perchè le mani non devono mai perdere di scioltezza”, industriandosi tra i classici mille lavori e le performance da illusionista destinate ai più piccoli e a quelli già cresciuti che, a certe cose, credono di non credere più. Tanti spettacoli e collaborazioni al suo attivo “illusionistico”. www.magicdorian.com

Infine con loro Azzurro Fumo in via del tutto eccezionale nel ruolo di Stage Manager colui senza il quale nulla si muove, niente viene coordinato, sistemato e adeguato affinchè lo show si svolga al meglio. Svampito e caotico, dai molteplici personaggi, del panorama burlesque italiano. 



BurlAsque Upload 

Italian Style Burlesque Show” 

Teatro Portaportese di Roma

Domenica 21 gennaio ore 21.30

 Info/prenotazioni tel 065812395 (dalle 18 alle 20) https://www.facebook.com/BurlAsqueUp/ https://www.facebook.com/teatroportaportese/ teatroportaportese@gmail.com burlasqueupload@mail.com

Biglietti: Spettacolo + tessera 20 

Spettacolo 18€ (se tessera già in possesso)

]]>
Sulle Spine Tue, 16 Jan 2018 14:07:28 +0100 http://comunicati.net/comunicati/arte/teatro/466144.html http://comunicati.net/comunicati/arte/teatro/466144.html ComunicaTeatro ComunicaTeatro Sulle Spine il “noir psicologico a tinte comiche” scritto da Daniele Falleri torna in scena al Teatro Belli di Roma dal 18 al 28 gennaio dal giovedì alla domenica. Ad interpretare questa tragedia da ridere è Urbano Barberini attore di grande spessore teatrale diretto dallo stesso autore, darà vita a questa pièce teatrale che ha già conquistato, nelle precedenti messe in scena, pubblico e critica.

In Sulle Spine si parte da spunti di realtà oggettivamente drammatici raccontati attraverso il filtro di un’ironia schietta e travolgente. La trama si dipana attraverso situazioni probabili, ma imprevedibili tanto da spiazzare continuamente lo spettatore con una serie di colpi di scena che fanno assumere alla storia una parvenza di thriller. Silio, aspirante attore, ex-adolescente bullizzato sessualmente incerto, dopo aver trascorso l’intera vita alla ricerca continua di un affetto negato decide di prendere in pugno la situazione e di forzare gli eventi a suo favore. Guidato da una lucida follia, modifica i destini della propria famiglia passando indenne attraverso situazioni ai limiti dell’attacco cardiaco.
Gli eventi evocano episodi di cronaca drammaticamente attuali, tra gli altri la piaga adolescenziale del bullismo. 

Quali ripercussioni può avere sulla vita di un adulto la ferita mai rimarginata di vessazioni subìte da bambino? Vittime e carnefici vivranno eternamente sulle spine o riusciranno a spuntarle?

Confidando fermamente nella capacità terapeutica del teatro, i minorenni che si presenteranno al botteghino dichiarandosi pubblicamente “bulli” usufruiranno di una riduzione del 50% sul prezzo del biglietto.

Il testo è stato pubblicato dalla Casa Editrice TITIVILLUS con una brillante prefazione di Franca Valeri che ha affermato che “SULLE SPINE è uno spettacolo molto comico e molto crudele, molto quotidiano e abbastanza surreale per privilegiare nello spettatore il divertimento come sarebbe la formula della vera comicità̀ teatrale”. Non solo la signora del teatro italiano ha apprezzato il testo di Falleri con l’interpretazione di Barberini ma anche altri personaggi come Giuseppe Patroni Griffi il quale ha affermato: “È stata una rivelazione. Recita in inglese? Dove mi trovo, a Shaftesbury? In uno di quei teatri? Sì, perché́ Barberini ha un modo non “italiano” di porsi di fronte al personaggio, lo affronta dall’interno fino ad un eventuale “tic” necessario. È un modo così personale di essere quello o quell’altro che suscita sbalordimento per la sua originalità̀ e un’ammirazione curiosa che ti porta al più̀ indiscusso entusiasmo.” 

La colonna sonora dello spettacolo include la canzone originale “Sulle spine” scritta ed interpretata da Donatella Rettore.

Il testo “Sulle spine” è stato tradotto in lingua inglese, francese e ceca. Nel 2012 è stato rappresentato a Londra presso l’Istituto di Cultura Italiano e la prossima stagione teatrale andrà in scena a Praga nella traduzione di Hana Balbelli.

Sulle Spine 
di Daniele Falleri 
con Urbano Barberini e Sergio Valastro
diretto da Daniele Falleri

Teatro Belli
Piazza Sant’Apollonia, 11/A – 00153 Roma
dal 18 al 28 gennaio 2018
dal giovedì al sabato ore 21.00 – domenica ore 17.30 
info: + 39 06 58 94 875 – info@teatrobelli.it – www.teatrobelli.it
biglietti: intero 18 € – ridotto 13 € 

]]>
Pane, latte e lacrime Fri, 12 Jan 2018 17:49:55 +0100 http://comunicati.net/comunicati/arte/teatro/465737.html http://comunicati.net/comunicati/arte/teatro/465737.html ComunicaTeatro ComunicaTeatro Dal 18 al 28 gennaio è in scena al Teatro Marconi di Roma Pane, Latte e Lacrime. Il testo, scritto da Veronica Liberale e diretto da Cristiana Vaccaro, vede sul palco Franco Barbero, Camilla Bianchini, Antonia di Francesco, Veronica Liberale, Francesca Pausilli, Giada Prandi, Andrea Venditti. 

La condizione della donna negli anni di guerra, la maternità, la sopravvivenza, sono questi i principali temi trattati dallo spettacolo che ha già debuttato al Teatro Trastevere  all’interno della rassegna-concorso Roma Comic Off, vincendo il Premio de’ Servi e il Premio Marconi.  Un affresco della vita dei quartieri popolari negli anni quaranta e della società italiana durante il fascismo e la guerra. 

 

Ambientato a Roma nel popolare quartiere San Lorenzo, nei giorni che precedono il  tragico bombardamento del 19 luglio 1943, il testo trae ispirazione e nello stesso tempo vuole omaggiare la grande Commedia all’italiana. Partendo dalla lezione del neorealismo, il lavoro coniuga i contenuti comici-brillanti con una satira di costume a volte amara, in grado di far ridere e riflettere nello stesso tempo.

E’ una commedia corale, uno spaccato di vita di alcuni san lorenzini costretti dalla guerra  a rimettere in discussione le proprie vite, alla vigilia di un evento che cambierà totalmente la storia di un quartiere e dei suoi abitanti. 

Pane, latte e lacrime è anche storia di amore, amicizia, ironia, incoscienza e saggezza, in un periodo in cui i rioni romani rappresentavano tutti una grande famiglia, ed è soprattutto storia di donne. Eroine che escono dalle mura domestiche, dove la società le aveva relegate, per affrontare il mondo, consegnandosi alla storia di un piccolo quartiere, microcosmo dell’umanità intera.

Un tributo sincero e sentito a tutti i caduti delle guerre e alla nostra memoria storica.

Lo spettacolo ha debuttato il 16 e il 17 settembre 2017 al Teatro Trastevere, all’interno della rassegna-concorso Roma Comic Off, vincendo il Premio de’ Servi e il Premio Marconi.

 

La storia.

Ci troviamo a piazzale del Verano, dove Alvise Trevisan, un distinto signore del nord, da tutto il quartiere chiamato con il rispettoso appellativo di “dottore” per i suoi modi eleganti, il suo garbo e la sua cultura, aspetta davanti al suo banco preferito di fiori l’arrivo delle sue proprietarie. Ed è questa piazza dove “le urla dei fiorai s’incontrano a mezz’aria col silenzio dei morti del Verano”, lo scenario dove si svolge la commedia umana e dove incontriamo i suoi protagonisti. Insieme ad Alvise conosciamo Umberto, custode del cimitero e dei segreti più reconditi del quartiere, emblema pittoresco di un’umanità pigra e indolente e quintessenza della romanità; la sora Assunta, fioraia pungente, sarcastica e disillusa e Angeletta, la pazza del quartiere, grottesca, tragica e poetica, in grado di dire e fare cose straordinarie. Troviamo poi Iole, madre di sette figlie, con il marito antifascista in carcere, costretta a diventare capo-famiglia e a gestire questioni e decisioni importanti, stretta tra una cognata vedova, apparentemente superficiale e vanitosa-Franca- e una figlia ribelle e determinata- Firmina.

L’arrivo di una lettera dal carcere indirizzata a Iole, contenente un messaggio cifrato, darà l’avvio a una serie di accadimenti, che porterà i protagonisti a vivere questi ultimi giorni prima del bombardamento, rimettendo in discussione la loro vita, le loro scelte, i loro ideali, fino al tragico epilogo, che consegnerà per sempre un quartiere e i suoi abitanti alla storia del nostro paese.

PANE, LATTE E LACRIME 
di Veronica Liberale
regia di Cristiana Vaccaro
con: Franco Barbero, Camilla Bianchini, Antonia di Francesco, Veronica Liberale, Francesca Pausilli, Giada Prandi, Andrea Venditti

Teatro Marconi
dal 18 al 28 gennaio
viale Guglielmo Marconi 698e

tel. 065843554
info@teatromarconi.it
Biglietti. Intero 24€

Ridotto 20€

]]>
Il Padrone Wed, 10 Jan 2018 18:40:42 +0100 http://comunicati.net/comunicati/arte/teatro/465446.html http://comunicati.net/comunicati/arte/teatro/465446.html ComunicaTeatro ComunicaTeatro IL PADRONE

(L’ebreo – premio ETI AGIS 2007)

di Gianni Clementi

con Paola Tiziana Cruciani e Paolo Triestino

e con Bruno Conti

 

scene Francesco Montanaro 

costumi Lucrezia Farinella luci Barittoni/Nigro

 

regia Paolo Triestino

 

TEATRO NINO MANFREDI 

DAL 16 AL 28 GENNAIO 

 

E' in scena al Teatro Nino Manfredi di Ostia, dal 16 al 28 gennaio, lo spettacolo Il Padrone di  Gianni Clementi che, ancora una volta, indirizza la sua fertile penna verso gli anni ’50, quando il boom era ancora lontano e la guerra ancora vicina e lo fa strizzando l'occhio alla commedia. 

Una coppia, non più giovane, si ritrova, a seguito delle leggi razziali, a disporre di un patrimonio non suo. Il padrone del titolo, l’ebreo, ovvero il legittimo proprietario, potrebbe tornare da un momento all’altro, anche se tutto, Storia o semplice ragione, fanno presumere il contrario. E così…

Due attori di lunga militanza “clementiana”, Paola Tiziana Cruciani e Paolo Triestino, insieme a Bruno Conti, ci racconteranno questa storia davvero inconsueta, esilarante e cattiva, poetica e graffiante e che ci farà riaprire gli occhi su pagine della nostra storia a volte dimenticate.

 

Il padrone
di Gianni Clementi
con Paola Tiziana Cruciani e Paolo Triestino 
e con Bruno Conti
scene Francesco Montanaro 
costumi Lucrezia Farinella 
luci Barittoni/Nigro

Teatro Nino Manfredi
via del Pallottini 10
16, 17, 18, 19, 20, 23, 25, 26 gennaio ore 21.00
21, 24, 28 gennaio ore 17.30
27 gennaio ore 17.30 e 21.00
biglietti intero: € 26 Platea, € 22 Galleria
ridotto: € 22 Platea, € 20 Galleria

]]>
Si fa così Wed, 10 Jan 2018 18:23:54 +0100 http://comunicati.net/comunicati/arte/teatro/465441.html http://comunicati.net/comunicati/arte/teatro/465441.html ComunicaTeatro ComunicaTeatro Dopo “Opinioni di un Uomo Comune” Fabio Cicchiello torna a teatro con un nuovo monologo: “Si fa cosi”. Lo spettacolo, scritto e diretto dallo stesso Cicchiello, è in scena al Teatro Lo Spazio di Roma il 14, 21 e 28 gennaio alle ore 21.00. 


Si fa così” sembra essere un motto molto diffuso, tutti sanno come si fanno le cose tranne il protagonista di questo monologo comico scritto ed interpretato da Fabio Cicchiello. In scena solo due sedie, la prima, dedicata ad uno psicologo, è decisamente più comoda della seconda sulla quale siede un paziente desideroso di conoscere se stesso. Dopo aver scoperto la propria essenza, il nostro eroe rimane decisamente deluso e si lascia andare al racconto delle sfide di una vita, partendo da quelle grandi come la paternità, per arrivare a quelle più piccole come la scelta delle zucchine al mercato. Ne viene fuori uno spaccato di vita sincero ed esilarante nel quale l’unica salvezza è rappresentata dalla resa gioiosa ed incondizionata. Arrendersi ai fatti della vita in questo caso non è un atto di codardia ma di coraggio, un’audacia che viene premiata con un’esplosione di tenerezza. 

Ancora una volta Movimento Comico (www.movimentocomico.it) racconta piccole grandi storie cariche di umanità e risate perché il comico possa essere ancora una volta un salvagente nei mari più impetuosi.

 

Movimento Comico

La missione di Movimento Comico è diffondere l’immagine e la cultura del comico in tutte le sue forme ed espressioni. Per noi il comico è un amore grande, un amore salpato molti anni fa da una scuola di teatro per approdare oggi nelle scuole, nei teatri, nelle piazze e in tutti quei luoghi dove riusciamo a portare il sorriso. Crediamo fortemente che ridere sia un antidoto contro la sofferenza e la noia. Una medicina universale, senza scadenza perché “le cose conquistate con un sorriso rimangono per sempre”. (Gandhi)

 

 

SI fa così

Scritto diretto e interpretato da Fabio Cicchiello

Aiuto regia: Anna Rizzi 

Foto e grafica: Andrea Agates e Nando Scalamandrè

Produzione: Movimento Comico (www.movimentocomico.it)

Teatro Lo Spazio

Via Locri 42/44 Roma

14, 21 e 28  gennaio ore 21.00

Biglietti: Intero 12€ - Ridotto 10€ + tessera associativa di 3€

Info e prenotazioni: 06.77076486 - www.teatrolospazio.it

]]>
MUSICA E PAROLE Tue, 09 Jan 2018 20:23:47 +0100 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/varie/465327.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/varie/465327.html ComunicaTeatro ComunicaTeatro Riparte la programmazione al Piccolo Teatro Il salotto di Pulcinella che, con il nuovo anno, continua a regalare al suo pubblico altre serate imperdibili all’insegna della musica e della buona cucina napoletana.

 

Il 12 gennaio alle ore 20.30 saranno in scena Gino Auriuso e Sandro Scapicchio con lo spettacolo Musica e parole.

Roma e Napoli, due universi culturali molto affini, due letterature e tessuti sociali che diversi e distanti lo sono solo all'apparenza. 

 

Lo spettacolo vuole unire queste due culture simili per teatralità, musica, ironia e poesia. 

Un mix, per quanto possibile, una parte di repertorio immenso che appartiene a queste due grandi città e che i due artisti, Sandro Scapicchio e Gino Auriuso, sviscerano sul palco alternando emozioni e risate, musica e teatro. 

Un recital che è anche un omaggio ad alcuni di quei grandi e immensi personaggi che hanno reso immortale questo repertorio, romani e napoletani sia autori che interpreti di tante vere e proprie perle.

 

IL SALOTTO DI PULCINELLA
via Urbana, 11 - 00184 Roma
12 gennaio ore 20.30
tel. 06 48.23.339 - cell. 347.7327033 - email: info@ilsalottodipulcinella.com
Spettacoli con degustazione menù completo: h. 20.30 – Euro 25

]]>
NYMPHOMANIAC Tue, 09 Jan 2018 20:06:15 +0100 http://comunicati.net/comunicati/arte/teatro/465322.html http://comunicati.net/comunicati/arte/teatro/465322.html ComunicaTeatro ComunicaTeatro Dal 10 al 14 gennaio il Teatro L’aura, diretto da Laura Monaco, ospiterà un nuovo spettacolo di Alex Cantarelli dal titolo Nymphomaniac, che vede protagonista Annabella Calabrese. 

 

Ispirato al noto film di Lars von Trier, il testo racconta in prima persona le vicende di una giovane ragazza affetta da ipersessualità. Il testo teatrale però, pur prendendo le mosse dall’idea del film, se ne distacca completamente, creando una storia avvincente, punteggiata di profonde riflessioni, con tinte inquietanti e noir, in un assetto scenico molto contemporaneo.

La scena è bianca, avvolta dalle lenzuola, come poco prima di un trasloco, di un forte cambio della vita.

 

“Siamo affannati per colpa del desiderio, che è una cosa del corpo. Il corpo non ragiona. Il corpo vuole o non vuole. Ed il corpo non ha un grande significato, o meglio, è importante sì, ma assume il significato che vogliamo dargli noi. Io non riuscivo a dare alcun significato a ciò che voleva il mio corpo. Ero, lo scoprii solo molto tempo dopo, una sorta di asceta.”

 

Nel testo si rincorrono citazioni colte, gag letterarie e una sottile intensa interpretazione della protagonista che restituisce il senso di una vita con tutte le le sue incertezze e le sue vorticose mutazioni.

 

“Mio padre aveva sempre metafore molto ardite, e storie da raccontare. Tutta la mia immaginazione nasce da lui. L’immaginazione è una voce perversa che ti dice di indagare. Che le cose non sono come si mostrano in modo pressochè evidente. Per me fu una grossa spinta a cercare quello che gli uomini avevano sotto i loro vestiti.”

 

Alex Cantarelli è nato a Roma nel 1970 da genitori mantovani. Laureato in Filosofia, si occupa dal 1995 di teatro e danza. Autore teatrale, regista e musicista, ha diretto cinquanta spettacoli in bilico tra corpo e parola. Ha pubblicato una raccolta di racconti dal titolo “2142”, presentati al Salone del Libro di Torino 2014. Ha lavorato, tra gli altri, con Gabriele Salvatores, Giorgio Barberio Corsetti, Luis Bacalov, Roberto Abbondanza, Davide Cavuti. Nel 2016 ha scritto assieme a Stuart Kauffman una serie tv con produzione internazionale dal titolo “The Stones would weep” e tenuto numerosi seminari di Scrittura teatrale collaborativa e creativa in ambito universitario. (www.alexcantarelli.com)

 

 

NYMPHOMANIAC

Scritto e diretto da Alex Cantarelli

Con Annabella Calabrese

 

Teatro L'Aura

vicolo di Pietra Papa, 64

dal 10 al 14 gennaio

dal giovedì al sabato alle ore 21.00 domenica alle ore 18.00

Biglietti Intero 13.00 + 2.00 (tessera associativa)

Ridotto 10.00 + 2.00 (tessera associativa)

Info e prenotazioni 0683777148 - 346 470 3609

oppure nuovoteatrolaura@gmail.com

]]>
Mi ricordo di te Mon, 08 Jan 2018 21:11:18 +0100 http://comunicati.net/comunicati/arte/teatro/465196.html http://comunicati.net/comunicati/arte/teatro/465196.html ComunicaTeatro ComunicaTeatro Compagnia della Farsa – Produzioni Capsa Service

presenta 

MI RICORDO DI TE

di Stefano Terrabuoni

diretto da  Luca Pennacchioni

Con  Claudia Spedaliere, Gabriele Marconi, Gianni Mirizzi, Laura Mannino, Valentina Mauro

alla fisarmonica Gianni Mirizzi

 

Ar.Ma Teatro – Roma

dal 12 al 14 e dal 19 al 21 gennaio 

ore 21. domenica ore 18 

 

Mi ricordo di te, è con questo spettacolo che Daria Veronese direttrice dell' Ar.Ma Teatro inaugura il 2018. In scena, dal 12 al 21 gennaio, solo dal venerdì alla domenica, la Compagnia della Farsa e Capsa Service producono il testo di Stefano Terrabuoni diretto da Luca Pennacchioni con Claudia Spedaliere, Gabriele Marconi, Gianni Mirizzi, Laura Mannino,Valentina Mauro e il M° Gianni Mirizzi alla fisarmonica.

Si sta per festeggiare la promozione di Filippo e la sua casa quanto la sua splendida moglie Erminia, sono pronti per l’occasione. La tavola è imbandita e gli amici più cari stanno arrivando, nulla sembra poter turbare o scalfire il clima di serenità che pervade la casa. All’improvviso l’amnesia, Filippo non riconosce più i suoi amici, non li ricorda, come non ricorda gli aneddoti che gli vengono raccontati, si ritrova a piangere della perdita di persone di cui non ricorda nemmeno di aver partecipato al funerale. Come se non bastasse emergono particolari della sua vita imbarazzanti e molto pericolosi, che rischiano di compromettere il suo matrimonio. Gabriele Marconi si calerà nel ruolo del protagonista, accompagnato da Valentina Mauro che interpreterà la moglie Erminia. Claudia Spedaliere, Laura Mannino e Gianni Mirizzi vestiranno rispettivamente i panni di Margherita, Adele e Claudio, gli amici invitati alla festa.

Questa commedia, scritta da Stefano Terrabuoni è tratta dal suo romanzo “Mi ricordo di Te”. L’opera dai ritmi già molto serrati e dagli innumerevoli spunti comici, nella regia di Luca Pennacchioni, viene arricchita dalle atmosfere create dalla fisarmonica del maestro Gianni Mirizzi , questa volta nella doppia veste di attore e musicista, e da una precisa volontà registica di adattare il testo in base alle caratteristiche e peculiarità della compagnia. Questo ha dato vita ad uno spettacolo fresco, veloce ed estremamente divertente con la brillantezza ed il giusto ritmo che solo una compagnia eterogenea ed estremamente affiatata riesce a dare. 

Mi ricordo di te

Scritto da: Stefano Terrabuoni

Regia di: Luca Pennacchioni

Con: Claudia Spedaliere, Gabriele Marconi, Gianni Mirizzi, Laura Mannino,Valentina Mauro

Scenografia: Luca Pennacchioni

Fisarmonica: Gianni Mirizzi

Disegno luci: Massimo Sugoni

Costumi: Fjorilda Dyli

Tecnico audio-luci Giampaolo Amico

Fotografie di scena: Agnese Ruggeri 

Organizzazione: Daria Veronese

Produzione: Compagnia della Farsa e Capsa Service

 

Ar.Ma Teatro

via Ruggero di Lauria, 22 Roma

Dal 12 al 14 e dal 19 al 21 Gennaio 2018 

ore 21.00, domenica ore 18.00.

Biglietto: Intero 15 €, Ridotto su prenotazione 12 €, 

Info e prenotazioni: 06 3974 4093 

mail : info@capsaservice.it 

www.compagniadellafarsa.com

]]>
Giorgio Montanini in Eloquio di un perdente Fri, 05 Jan 2018 18:12:32 +0100 http://comunicati.net/comunicati/arte/teatro/464893.html http://comunicati.net/comunicati/arte/teatro/464893.html ComunicaTeatro ComunicaTeatro AltraScena Art Management presenta

GIORGIO MONTANINI 

in 

ELOQUIO DI UN PERDENTE

 

Domenica 14 gennaio Giorgio Montanini, il rappresentante italiano della stand up comedy in Italia, torna a Roma al Teatro Brancaccio con Eloquio di un perdente, il suo nuovo spettacolo satirico.

Il comedian più irriverente del panorama italiano, l'unico che ha portato la sua dissacrante comicità senza censure in tv, torna quest'anno con un nuovo live. 

Niente orpelli scenici, nessuno specchio per le allodole. Sul palco, con il Nemico Pubblico nazionale, Giorgio Montanini rispetta rigorosamente le caratteristiche della satira e le celebra una per una. Un mix di riflessioni dalla comicità tagliente per smontare tutti i luoghi comuni e le certezze che accomunano il nostro benpensante Paese. Montanini, con la sua stand up comedy, spara sul buonismo degli italiani e lo distrugge. Una satira feroce, politicamente scorretta che caratterizza tutti gli spettacoli del comico più sagace e sferzante della nuova scena comica. 

Cos’è il centro? Connotazione geografica a parte, il centro rappresenta, nell’immaginario comune, il fulcro. Il cuore. L'equilibrio. La stabilità. La sicurezza. Il giusto. Quando l’immaginario si concretizza e cresce attraverso convenzioni, luoghi comuni e sovrastrutture sociali, chi ci assicura che quello sia veramente il centro?

Nel film “Matrix” gli uomini vivevano una vita apparentemente reale, credevano fermamente in quello che vedevano. In realtà erano addormentati e vegetavano in uno stato comatoso indotto. Indotto dalle macchine che li sfruttavano e se ne servivano come fonte di energia e sostentamento. Noi ci siamo mai chiesti se ciò che diamo per assodato essere giusto, sia giusto veramente. Sia giusto per tutti e non solo per pochi. Ci siamo mai chiesti se, i parametri utilizzati per definire il “giusto”, non vengano redatti definiti e diffusi proprio da quei pochi? Sappiamo cosa sia la pazzia, di cosa aver paura, cosa sia l’estremismo perche’ ne siamo consapevoli o perche’ ce l’hanno detto? Se siamo consapevoli allora la nostra specie è fottuta, fottuta, già estinta. Se ce l’hanno detto e scopriamo che non è vero, come accade Matrix e niziamo la rivoluzione.

Nel suo settimo monologo, Giorgio Montanini rispetta rigorosamente le caratteristiche della satira e le celebra una per una. Schernisce il potere moderno, mai così spietato ma allo stesso tempo quasi infantile, autolesionista-goffo-bulimico. Contemporaneamente non si esime dall’assumersi le responsabilità individuali e non risparmia nulla al pubblico. Lo ammonisce e lo esorta a prendere coscienza che, per quanto paradossale, il potere e quindi il destinatario delle invettive, siamo noi.

Dopo il successo del Tour di Per quello che vale, spettacolo che ha registrato continui sold out nei più prestigiosi teatri italiani, Giorgio Montanini è pronto per un nuovo live show. 

 

Giorgio Montanini

Nel 2011 ha portato in scena in diversi teatri italiani il suo primo spettacolo dal titolo Nibiru e, negli anni successivi, Un uomo qualunque. Nel 2013, nel programma di Rai2 #Aggratis!, è stato ospite fisso, nonché autore dei testi della trasmissione. Nel 2014 è stato il protagonista assoluto di Nemico Pubblico su Rai 3, la sua prima trasmissione televisiva, che ha ripreso nel 2016. Ha riscosso grande successo di pubblico su Sky (Comedy Central) con Stand Up Comedy, un programma innovativo che ha portato nel 2014 e 2015 la stand up comedy in tv insieme ad altri comici. Sempre nel 2014, su Rai 3, ha curato la copertina satirica del talk show Ballarò, in sostituzione di Maurizio Crozza. Ha partecipato al programma di Rai2 Nemo Nessuno Escluso eha continuato a riempire i più grandi teatri italiani con Liberaci dal Bene, Per quello che vale. Eloquio di un perdente è il suo nuovo monologo satirico

 

TEATRO BRANCACCIO

via Merulana 244 – ROMA

Info e prenotazioni: 06.80687231

Prenotazioni: https://tinyurl.com/y9f5helm

ELOQUIO DI UN PERDENTE

Una produzione AltraScena www.altrascena.com

14 gennaio 2018 ore 21.00

Biglietti da 19 a 29 euro

]]>
Il Testimone di Nozze Thu, 28 Dec 2017 11:34:15 +0100 http://comunicati.net/comunicati/arte/teatro/464034.html http://comunicati.net/comunicati/arte/teatro/464034.html ComunicaTeatro ComunicaTeatro  

 

È Il testimone di nozze il titolo con il quale Felice Della Corte, direttore del Teatro Marconi di Roma, ha deciso di chiudere il 2017. Scritto da Jean-Luc Lemoine lo spettacolo sarà in scena dal 28 dicembre al 7 gennaio. Sul palco diretti da Felice Della Corte e Siddhartha Prestinari saranno in scena Maria Vittoria Argenti e Massimo Ceccovecchi insieme ai due registi.

 

Il testimone di nozze non è solo lo spettacolo in scena durante il periodo natalizio ma accompagnerà il pubblico nel 2018. La sera del 31 dicembre infatti saranno proprio questi attori a dare il benvenuto al nuovo anno e brinderanno con il pubblico con spumante, panettone e mini catering preparato dal bistrot del Teatro Marconi.

 

Sulle note della classica commedia francese, fatta di humor, ritmo e suggestioni agrodolci si muovono Benny e Lili che, dopo 17 anni di convivenza, decidono di sposarsi ed hanno l'infelice idea di invitare a cena un “carissimo” amico, Thomas, che non vedono da molto tempo a causa della separazione dalla sua donna, grande amica della coppia. Quest'ultimo si presenta, in veste di futuro testimone di nozze, con la sua nuovissima fiamma, Elynea. In questo scenario di tensione ed imbarazzi, una cena prematrimoniale che non sarà mai consumata, diverrà un concentrato di veleni, di amicizie tradite, di sordide e vigliacche strategie e di perfidi inganni. Tra imprevedibili confessioni e sorprendenti conclusioni, i nostri protagonisti scopriranno la colpevolezza dove sembrava regnare la sicurezza e la lealtà dove imperava la finzione.

 

 

IL TESTIMONI DI NOZZE

Di Jean – Luc Lemoine

con Felice Della Corte, Siddhartha Prestinari,

Maria Vittoria Argenti e Massimo Ceccovecchi

regia di Felice Della Corte, Siddhartha Prestinari

Teatro Marconi

viale Guglielmo Marconi 698e

tel 065943554

info@teatromarconi.it

Biglietti

Intero 24€ - Ridotto 20€

Under 25 9€

Per il 31 dicembre 65€ - Under 19 - 40€

 

 

]]>