Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Gatti Ragdoll Silmarilions Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Gatti Ragdoll Silmarilions Fri, 03 Jul 2020 22:26:29 +0200 Zend_Feed_Writer 1.12.20 (http://framework.zend.com) http://comunicati.net/utenti/21019/1 Il gatto Ragdoll, compagno ideale per le persone anziane Sun, 26 Apr 2020 09:15:28 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/632528.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/632528.html Gatti Ragdoll Silmarilions Gatti Ragdoll Silmarilions I benefici della pet-therapy sono ormai noti: con il suo affetto incondizionato e la sua rassicurante presenza, un piccolo amico a quattro zampe aiuta a combattere ansia, depressione e altri malesseri psicofisici più rapidamente ed efficacemente di molte terapie.

Per questo, la vicinanza di un cane o di un gatto viene raccomandata in modo particolare agli anziani. La terza età è un momento delicato: non si è più impegnati con i figli e il lavoro, aumentano i problemi di salute che limitano la normale operatività; si è più soggetti alle malinconie, al senso di vuoto e alla solitudine.

In questo contesto, l'arrivo di un animale domestico può cambiare di molto la vita e renderla più bella. Meglio ancora se il peloso in questione è un gatto Ragdoll.

Il gatto Ragdoll, compagno ideale per le persone anziane

Questa splendida razza è stata selezionata nel secolo scorso da un'allevatrice americana che, attraverso vari incroci, ne ha eliminato del tutto alcune spiccate prerogative feline, come l'eccessiva indipendenza e l'aggressività.

Oltre ad essere un gatto di rara bellezza, il Ragdoll vanta una straordinaria bontà e una capacità di legarsi al padrone che non ha nulla da invidiare a quella del cane.

La sua intelligenza, il suo carattere estremamente docile e una totale fiducia nel "suo" umano lo rendono la "dolce metà" perfetta per la persona anziana. Costantemente bisognoso del contatto fisico, il Ragdoll è disposto a tutto pur di compiacere il suo migliore amico: per questo, impara ad ubbidire con grande rapidità.

E' molto sensibile, quindi attenti a non offenderlo con toni bruschi e rimproveri, a non trascurarlo e a non lasciarlo solo. La sua giornata-tipo? Naturalmente, in braccio al suo amatissimo umano, fra coccole e parole dolci.

Per ulteriori informazioni >>

]]>
A casa per il Coronavirus, i giochi che puoi fare con il tuo gatto Tue, 21 Apr 2020 09:13:19 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/631102.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/631102.html Gatti Ragdoll Silmarilions Gatti Ragdoll Silmarilions Chi ha un gatto ha sempre una marcia in più. Ciò è particolarmente vero in questo periodo, nel quale tutti noi siamo costretti a rivedere il nostro stile di vita a causa dell'emergenza Coronavirus. Tra le mura domestiche, il micio ci conforta con la sua rassicurante compagnia, il suo costante affetto e la sua inesauribile energia: per trarre il massimo beneficio dalla sua vicinanza, quindi, via libera a coccole e giochi creativi.

Giocare insieme, in particolare, rappresenta un ottimo antistress, nonché il miglior modo per rinsaldare il vostro legame. Non importa che il tuo micio abbia o no un nutrito corredo di giocattoli: il gatto è un animale che gioca praticamente con tutto, a condizione, naturalmente, di saper stimolare nella maniera giusta le sue naturali predisposizioni. Nell'attività ludica, il piccolo felino sfoga il bisogno istintivo di cacciare e stanare le prede: i giochi più coinvolgenti per lui, quindi, sono quelli che simulano queste situazioni. E non preoccuparti se il tuo micio dispone di pochi giocattoli: puoi creargliene di nuovi tu stesso, in modo facile e veloce.

A casa per il Coronavirus, i giochi che puoi fare con il tuo gatto

Ecco qualche esempio:

- la pallina brillante di alluminio. Tutti i gatti ne vanno pazzi, e sarebbero capaci di giocarci per ore. Appallottola un pezzetto di alluminio da cucina e lancialo al tuo peloso; se non disponi di questo materiale, puoi realizzare la pallina con un semplice foglietto di carta, sarà ugualmente apprezzata;

- piccole prede da rincorrere. Lega all'estremità di una cordina un pezzo di carta, una striscia di stoffa o un cerchietto di plastica (come quelli che sigillano i tappi delle bottiglie): dopodichè, trascina l'oggetto in giro per casa, variando la velocità e consentendo al tuo gatto di acchiapparlo di tanto in tanto. Puoi anche creare un percorso mettendo sul vostro cammino degli ostacoli che il tuo piccolo amico dovrà saltare o evitare e che renderanno la caccia più appassionante;

- topini da stanare. Il gatto adora scovare gli oggetti nascosti: puoi mettere alcune palline (o altri giocattoli) dentro una scatola di cartone o un sacchetto di carta; oppure, nascondere l'estremità di un bastoncino (ottimi quelli con le piume reperibili in commercio, ma va bene anche un vecchio cucchiaio di legno) sotto un cuscino o una coperta, facendola "affacciare" lentamente a intervalli regolari.

A molti gatti piace giocare a nascondino, esattamente come ai bambini: accucciati dietro una porta o un mobile e poi chiama il micio sottovoce. Recentemente, la tecnologia ha conquistato anche il mondo felino: esistono delle apposite app, infatti, che simulano il passaggio di pesciolini o altre prede sullo schermo dello smartphone o del tablet. Ogni volta che il gatto colpisce la preda, il punteggio cresce. Al vincitore, naturalmente, coccole e bocconcini a volontà.

Per saperne di più >>

]]>
Gatti Ragdoll, perché è meglio adottarne due Thu, 21 Nov 2019 11:31:53 +0100 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/607969.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/607969.html Gatti Ragdoll Silmarilions Gatti Ragdoll Silmarilions I veri amanti dei gatti difficilmente resistono alla tentazione di adottarne più di uno. Ciò è vero in particolare per i proprietari di Ragdoll.

Con la sua dolcezza e la sua straordinaria capacità di dare amore, questo gatto crea legami talmente forti e profondi da cambiare completamente la quotidianità dei suoi umani: un vero e proprio "compagno per la vita", in grado di rischiarare anche i momenti più tristi e di colmare qualsiasi vuoto affettivo.

E allora viene spontaneo chiedersi: ma se un solo Ragdoll riesce a dare così tanto, quanto sarebbe bello averne due? Non ti resta che scoprirlo. Condividere la vita con due Ragdoll è una continua fonte di splendide sorprese, a cominciare dall'ingresso del secondo micio.

Dolcissimo e ben disposto verso tutti, il tuo Ragdoll accoglierà il nuovo arrivato con grande serenità, facendolo sentire subito a casa.

Gatti Ragdoll, perché è meglio adottarne due

Com'è nella natura di questa razza, i due pelosi si legheranno presto di un'affettuosa amicizia che li porterà a trascorrere molto tempo insieme, condividendo giochi, coccole e sonnellini. Non dovrai più preoccuparti se devi uscire: il tuo piccolo amico non resterà più da solo.

Due Ragdoll, doppia dose di affetto per te e per i tuoi familiari; e, per i tuoi bimbi, un meraviglioso compagno in più con cui giocare. Per quanto riguarda l'aspetto "impegnativo", cambia molto poco: prendersi cura di uno o due Ragdoll è esattamente lo stesso.

Dovrai solo raddoppiare la quantità di cibo e il numero delle ciotole, delle copertine e dei giochini. Un accorgimento davvero importante che dovrai adottare riguarda l’aspetto psicologico: il Ragdoll è estremamente suscettibile, quindi non dovrai assolutamente far sentire trascurato l'uno o l'altro dei due mici.

Ciò vale soprattutto per il "vecchio" Ragdoll, che potrebbe sentirsi "messo da parte", specie nei primi giorni dell'inserimento.

Per scongiurare questa eventualità, ripartisci sempre in modo equo coccole e attenzioni. Ricorda che i Ragdoll non hanno uno spiccato senso del pericolo, e possono farsi male facilmente: tieni d'occhio i tuoi due piccoli amici mentre giocano e corrono per casa, eliminando dalla loro portata tutti i possibili fattori di rischio.

Per saperne di più >>

]]>
La gestazione del gatto, le visite veterinarie Mon, 14 Oct 2019 17:09:01 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/602919.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/602919.html Gatti Ragdoll Silmarilions Gatti Ragdoll Silmarilions Nei gatti, la gravidanza ha una durata che può variare, a seconda della razza e del caso particolare, dai 58 ai 70 giorni.

Durante questo arco di tempo, la futura mamma deve essere gestita con pochi ma importanti accorgimenti: la gravidanza non è una malattia, quindi uno stravolgimento totale delle abitudini può risultare non solo inutile ma anche nocivo.

La gatta potrà, se lo desidera, giocare e correre a suo piacimento; solo negli ultimi giorni sarà opportuno impedirle di uscire, in modo da evitare che partorisca lontana da casa.

La dieta dovrà essere ben digeribile ma allo stesso tempo molto ricca di nutrienti, in modo da sostenere sia il suo organismo, sia la formazione dei feti.

Estremamente importanti saranno le visite ostetriche, allo scopo di monitorare l'andamento della gestazione e accertare, in ogni momento, che la micia e i suoi cuccioli stiano bene.

Tra le pratiche veterinarie di questa delicata fase, l'esame ecografico occupa un ruolo di primo piano.

Nell'ambito della diagnostica per immagini, infatti, questa rappresenta attualmente la procedura più efficace e sicura: consente infatti di rilevare alcune importanti informazioni sullo stato di salute della madre e del feto senza ripercussioni negative sulla salute di entrambi.

La prima visita dovrà essere effettuata non appena si sospetta lo stato di gravidanza: i sintomi "rivelatori" sono in genere vomito, leccamento eccessivo delle parti intime, stanchezza, nervosismo, fusa molto frequenti e prolungate.

Palpandole il ventre, il veterinario potrà confermare se davvero la tua piccola amica è incinta.

La gestazione del gatto, le visite veterinarie

Dopo ciò, la diagnosi precoce ecografica aiuterà a stimare l'età dei feti e a prevedere la data del parto; durante tutto il periodo della gestazione, verrà stabilito un calendario di visite ambulatoriali nelle quali si potrà seguire ecograficamente lo sviluppo dei piccoli.

L'ecografia rivela i feti già a partire dalla seconda settimana; dopo tre settimane è possibile percepirne il battito cardiaco.

Una gatta in buona salute e con una gravidanza normale può partorire tranquillamente a casa in piena autonomia; in quel caso, basta metterle a disposizione una cuccia grande e morbida e starle accanto per tutta la durata del parto.

Se durante il travaglio dovessero insorgere difficoltà o complicazioni, rivolgiti tempestivamente al veterinario, che potrà intervenire con un cesareo d'urgenza.

Qualora lo reputasse opportuno, il veterinario potrebbe consigliare direttamente un cesareo programmato presso la sua struttura.

Il ruolo del veterinario nella salute della tua gatta non si esaurisce con la gravidanza: dosaggi ormonali e strisci vaginali, infatti, sono i periodici controlli di routine che ogni gatta non sterilizzata dovrebbe sempre fare.

Oltre a valutare l'andamento dell'ovulazione e a prevenire varie problematiche concernenti la salute del sistema riproduttore, infatti, queste procedure contribuiscono ad una maggiore serenità durante lo stato di gravidanza.

Per saperne di più >>

]]>
Ragdoll, una delle razze feline più adatte alla vita in famiglia Mon, 23 Sep 2019 16:16:23 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/598826.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/598826.html Gatti Ragdoll Silmarilions Gatti Ragdoll Silmarilions Il Ragdoll può essere considerato il gatto domestico per eccellenza: socievole e amante del contatto, possiede un temperamento dolcissimo che lo rende il compagno ideale per ogni essere umano e per ogni contesto familiare.

Docile, mite e assolutamente non aggressivo, questo splendido micio dagli occhi blu intenso si lega strettamente ai suoi familiari umani, condividendone ogni momento e partecipando a tutte le loro attività.

Non ama la solitudine: non è quindi consigliabile adottarlo se si prevede di lasciarlo da solo per gran parte della giornata.

Nessun problema, invece, se in casa c'è sempre qualcuno, di qualsiasi ambiente familiare si tratti: il Ragdoll, infatti, ha costantemente bisogno di una compagnia che lo rassicuri e lo faccia sentire amato. Attenzione, quindi: mai rimproverarlo o trattarlo con indifferenza, ne soffrirebbe moltissimo.

E' molto importante rivolgersi a lui (o lei) con un tono di voce dolce e pacato, non lesinando mai coccole e complimenti.

Ragdoll, una delle razze feline più adatte alla vita in famiglia

Il Ragdoll adora stare in braccio, abbandonandosi in totale fiducia; se vi sedete in poltrona a leggere o a guardare la tv, state pur certi che dopo qualche istante lui si accoccolerà sulle vostre ginocchia.

Se invece siete indaffarati nelle faccende di casa, lo vedrete seguirvi da una stanza all'altra senza perdervi mai di vista.

Insomma, non è esagerato dire che il Ragdoll vive in totale simbiosi con i suoi umani. Curioso, paziente e giocherellone, è il compagno perfetto per i bambini di ogni età, con i quali può essere lasciato in sicurezza dato che non è minimamente aggressivo.

Parimenti, è il quattrozampe ideale per le famiglie senza figli: con il suo carattere amorevole fino alla dipendenza, è in tutto e per tutto un "bimbo" peloso da coccolare e curare.

Per la sua straordinaria capacità di legarsi e di offrire ininterrottamente compagnia e conforto, il Ragdoll è un amico prezioso per tutte le persone che soffrono la solitudine o che, per problemi fisici o emotivi, necessitano di un sostegno psicologico importante; non a caso, questa razza è fra le più coinvolte nelle sedute di pet therapy.

E se in famiglia c'è già un altro gatto, oppure un cane? No problem: il Ragdoll va d'accordo proprio con tutti.

Per saperne di più sul gatto Ragdoll >>

]]>
Libretto e passaporto, i documenti per viaggiare con il tuo gatto Thu, 25 Jul 2019 15:35:43 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/584237.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/584237.html Gatti Ragdoll Silmarilions Gatti Ragdoll Silmarilions Esattamente come per gli esseri umani, la legge prevede una speciale "burocrazia" per i gatti che viaggiano.

Se hai deciso di portare il tuo gatto in viaggio con te, quindi, ricorda di controllare prima di tutto l'idoneità del primo, fondamentale documento che lo riguarda: il libretto delle vaccinazioni (o libretto sanitario).

Questo libretto contiene la registrazione di tutti i vaccini effettuati: viene quindi rilasciato dal veterinario, che provvederà ad aggiornarlo ogni volta che il tuo micio viene sottoposto a piani vaccinali, operazioni chirurgiche e altri particolari trattamenti medici.

Per poter essere in regola con le normative vigenti in merito al trasporto degli animali domestici, il libretto sanitario deve attestare l'avvenuta vaccinazione di base ( nel caso del gatto la trivalente, che comprende le profilassi contro gastroenterite virale, rinotracheite e calicivirosi).

Attenzione alle scadenze dei richiami: la copertura di un vaccino, infatti, è pienamente garantita solo se vengono rispettate le date stabilite.

Libretto e passaporto, i documenti per viaggiare con il tuo gatto

Se il tuo micio non ha ancora effettuato questi piani vaccinali o i relativi richiami alla scadenza, quindi, prima di partire dovrai portarlo in ambulatorio per provvedere di conseguenza.

A seconda della vostra zona di destinazione, il veterinario potrà stabilire la necessità di somministrare anche uno o più vaccini facoltativi, come la clamidiosi, la leucemia felina oppure l'antirabbica (indispensabile in alcune località italiane considerate "a rischio").

Se viaggiate fuori dai confini del territorio italiano, al libretto sanitario deve essere aggiunto un altro documento: il Passaporto Europeo per animali da compagnia.

Rilasciato dalla ASL, questo Passaporto specifico per gatti serve innanzitutto a dimostrare che il gatto è regolarmente vaccinato contro la rabbia: la profilassi antirabbica, infatti, è obbligatoria in molti paesi esteri.

Oltre a questa attestazione, il Passaporto contiene tutti i dati utili ad identificare l'animale (nome, età, sesso, razza, colore e aspetto del manto, numero del microchip); in caso di viaggi nei paesi extraeuropei, potrà riportare anche gli estremi di alcuni certificati particolari, come quello di buona salute del gatto.

Per maggiori informazioni >>

]]>
Tu e il tuo gatto in vacanza insieme, quello che devi sapere Tue, 23 Jul 2019 15:48:40 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/583301.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/583301.html Gatti Ragdoll Silmarilions Gatti Ragdoll Silmarilions Il gatto, animale domestico per eccellenza, può rivelarsi uno splendido compagno di viaggio. Basta attrezzarsi nel modo giusto e osservare alcune semplici ma fondamentali regole per assicurare a te e al tuo piccolo amico un viaggio sereno, dalla trasferta al rientro a casa.

Prima di partire, porta il micio in ambulatorio per una visita di controllo e per verificare l'avvenuta effettuazione di tutti i vaccini di base; il veterinario procederà ai richiami eventualmente mancanti e, qualora lo ritenga necessario, anche alle vaccinazioni facoltative (come l'antirabbica, obbligatoria in alcune zone d'Italia e all'estero).

Se il tuo gatto è un soggetto irrequieto o delicato, inoltre, il veterinario potrà prescriverti un farmaco o un integratore contro ansia e malesseri da viaggio. Non dimenticare i documenti: in Italia, il gatto deve sempre essere accompagnato dal suo libretto delle vaccinazioni aggiornato, mentre all'estero avrà bisogno anche di uno specifico Passaporto Europeo, da richiedere presso la ASL.

Tu e il tuo gatto in vacanza insieme, quello che devi sapere

Assicurati che la struttura alberghiera da te scelta accetti gli animali da compagnia, così da evitare imprevisti difficilmente gestibili.

Qualsiasi sia il mezzo sul quale viaggerete, il tuo piccolo amico dovrà restare sempre chiuso in un trasportino omologato: in treno, aereo o nave, ogni compagnia segue un suo protocollo, per cui sarà opportuno informarsi sulla relativa normativa prima della partenza.

Per assicurare al tuo micio il massimo comfort, aggiungi alla tua valigia un piccolo bagaglio appositamente per lui con tutti gli oggetti e i prodotti di utilizzo quotidiano: ciotole, spazzola, antiparassitario, salviettine detergenti, shampoo, lettiera, cuscino, una copertina leggera, traversine igieniche, giochini, una buona scorta dei soliti crocchini e di cibo umido.

Fallo viaggiare a stomaco vuoto per evitare disturbi intestinali; posiziona il suo trasportino in un angolo riparato dal sole e mantieni il suo corpo ben idratato (magari inumidendogli spesso il pelo con uno spruzzatore pieno d'acqua minerale) per scongiurare i colpi di calore.

Sia in viaggio che durante il soggiorno, è importante che il tuo piccolo amico si senta al sicuro quindi non trascurarlo e non lasciarlo mai per troppo tempo da solo. Buone vacanze!

Per saperne di più >>

]]>
Il gatto e i parassiti, come affrontare l'arrivo del caldo Tue, 21 May 2019 16:14:23 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/557282.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/557282.html Gatti Ragdoll Silmarilions Gatti Ragdoll Silmarilions Con il caldo, i parassiti del gatto diventano più numerosi e insidiosi: in più, la loro pericolosità è accentuata dal fatto che le belle giornate consentono al peloso di passare molto tempo all'aria aperta.

Non sono solo pulci e zecche a minacciarlo; il rischio infestazione viene anche da quei vermi e da quei batteri che, una volta ingeriti, si annidano nell'intestino causando patologie e disturbi molto gravi.

Negli ambienti domestici, l'uso regolare di detergenti igienizzanti consente di contenere significativamente i fattori di contaminazione, ma come proteggere il tuo piccolo amico da tutti gli attacchi esterni?

Semplice: con un'adeguata prevenzione e un controllo costante.

I prodotti antiparassitari - specie quelli in spot on o collare - forniscono un efficace scudo contro pulci e zecche, svolgendo una doppia azione: mentre tengono lontani gli insetti adulti, uccidono tutte le larve e le uova già presenti.

Il gatto e i parassiti, come affrontare l'arrivo del caldo

Affinché questi prodotti possano espletare al meglio la loro efficacia, però, è necessario ripeterne periodicamente l'applicazione.

Contro i parassiti intestinali, invece, la lotta è molto più impegnativa: i patogeni e le loro uova, infatti, vengono rilasciati nell'ambiente esterno tramite le feci di altri animali già infestati. Il tuo micio, quindi, può contrarli praticamente ovunque: basta il semplice contatto della zampa con un terreno infetto.

A volte, addirittura, le uova dei parassiti intestinali si attaccano alle nostre scarpe, ed è quindi molto facile diffonderli nell'ambiente domestico.

Oltre alle consuete misure di igiene, è quindi importante controllare che il gatto non frequenti zone "a rischio" con residui fecali di altri animali; è inoltre opportuno accertarsi che non mangi prede vive (topi, uccelli), la cui carne cruda rappresenta il veicolo preferenziale per le tenie e per altre tipologie di patogeni.

Se sospetti che il tuo micio sia stato infestato (notando, ad esempio, la presenza di vermi nelle feci oppure un forte malessere intestinale) contatta immediatamente il veterinario, che potrà prescriverti il farmaco vermifugo più adeguato al caso.

Ulteriori informazioni >>

]]>
La dieta del gatto in età avanzata Thu, 21 Feb 2019 17:48:15 +0100 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/526733.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/526733.html Gatti Ragdoll Silmarilions Gatti Ragdoll Silmarilions L'alimentazione del gatto anziano deve possedere alcuni requisiti imprescindibili, in modo da assicurare al suo organismo il giusto sostegno nel pieno rispetto di alcune criticità.

In età avanzata, le funzioni vitali diventano meno efficienti: è quindi necessario somministrare al gatto un alimento leggero e bilanciato, nel quale una spiccata digeribilità si unisca ad un dosaggio adeguato di proteine e sali minerali.

Questi nutrienti, infatti, non devono assolutamente mancare: le proteine e gli aminoacidi sono fondamentali per il cuore e i muscoli, mentre i sali minerali supportano la salute del sangue, delle ossa, dei denti e dell'apparato respiratorio; per non appesantire i reni e la digestione, però, è fondamentale fornirli in misura moderata.

E' preferibile, in tal senso, privilegiare fonti proteiche leggere come il pollo e il tacchino. Attenzione anche all'apporto calorico: dopo i 7 anni di età, infatti, il gatto diventa sempre più sedentario, e un'assunzione eccessiva di carboidrati può facilmente causare sovrappeso, diabete e obesità.

Una piccola quantità di riso o di patate, fonti caloriche ad elevata tollerabilità, assicureranno al tuo "vecchietto" la dose ideale di energia quotidiana. Importantissime le vitamine (gruppo B, A, E, C) dall'azione antiossidante, immunorinforzante e protettiva.

La dieta del gatto in età avanzata

Le articolazioni sono tra le parti del corpo che risentono maggiormente del trascorrere del tempo: per rinforzarle e proteggerle, integra l'alimento del tuo gatto anziano con calcio, vitamina D e condroprotettori (Glucosamina e Solfato di Condroitina).

Molto utili anche gli acidi grassi essenziali Omega 3 e Omega 6, che migliorano la funzionalità cardiaca e aiutano a tenere sotto controllo i livelli di colesterolo; in più, questi nutrienti favoriscono il mantenimento di una cute sana e di un pelo folto e lucente.

Il gatto anziano manifesta spesso problemi intestinali (transito irregolare, cattiva digestione, meteorismo, stipsi, alito cattivo): per fornire al suo colon le necessarie difese, arricchisci la sua dieta di fibre e di fermenti prebiotici.

Oltre a favorire la regolarità intestinale, questi nutrienti mantengono il sistema digestivo in una condizione di benessere ottimale.

Per saperne di più >>

]]>
L'arrivo di un gatto Ragdoll in casa, consigli utili Thu, 18 Oct 2018 11:20:44 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/497487.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/497487.html Gatti Ragdoll Silmarilions Gatti Ragdoll Silmarilions Ogni volta che adottiamo un nuovo amico a quattro zampe, predisporre adeguatamente il nostro ambiente domestico ci aiuta ad accoglierlo nel migliore dei modi.

Questo accorgimento è particolarmente importante quando ci accingiamo a condividere la nostra vita con un gatto Ragdoll.

Questa razza, infatti, possiede caratteristiche del tutto singolari rispetto a tutto il resto della popolazione felina: il Ragdoll non è assolutamente aggressivo, e instaura con il padrone un rapporto affettivo molto stretto.

L'arrivo di un gatto Ragdoll in casa, consigli utili

Sensibile e delicato, è sempre bisognoso di attenzioni e coccole, e ama trascorrere la sua giornata insieme (e soprattutto in braccio) al suo "umano".

Se lasciato solo, rimproverato o trascurato si chiude in sé stesso e manifesta un evidente dispiacere: è quindi fondamentale trattarlo sempre in modo amorevole e rispettoso.

Oltre alla mancanza di aggressività, a fare del Ragdoll un gatto fuori dal comune è uno scarso senso del pericolo: il rischio di incidenti, quindi, è sempre in agguato.

Per questo, prima dell'arrivo del micio, è opportuno togliere dalla sua portata tutti gli oggetti, i mobili e gli ostacoli con cui potrebbe ferirsi.

Attenzione soprattutto a finestre, porte, scale e balconi, che devono essere protetti con reti o barriere. Le cadute, in particolare, possono risultare insidiose anche da un'altezza insignificante: il Ragdoll, infatti, non possiede la capacità tipicamente felina di girarsi prontamente per atterrare in piedi.

E' quindi molto importante controllare che non salga sui mobili e mantenere una presa salda quando lo si tiene in braccio.

Per il resto, non ti rimane che allestire un bel corredino con tutto l'occorrente: ciotole, cesta con cuscino e copertina, giochini, cassettina igienica.

Scegli con cura il cibo: orientati su crocchette e umido di alta qualità per mantenere il tuo Ragdoll nelle condizioni di salute ottimali.

Ulteriori informazioni sul gatto Ragdoll >>

]]>
Le principali malattie del gatto - Leucemia felina Tue, 18 Sep 2018 11:55:44 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/492177.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/492177.html Gatti Ragdoll Silmarilions Gatti Ragdoll Silmarilions La FELV è una forma di cancro tra le più comuni nei gatti, analizziamo come si contrae e quali sono le cure adatte

Malattia grave come negli umani, la Leucemia felina risulta molto frequente nei gatti e presenta cause differenti. Se risulta più facile per il gatto contrarla, sarà anche più semplice diagnosticarla repentinamente. Questo tipo di malattia non si cura, ma è possibile tenere a bada i sintomi, arginandoli con cure palliative e garantendo all'amico a quattro zampe una vita dignitosa. 

La FELV o Leucemia felina è una malattia contagiosa che colpisce il sistema immunitario, provocando una forte riduzione dei globuli bianchi e innescando pericolose conseguenze che vanno a minacciare gli altri organi. Se negli umani la Leucemia è un tumore, nei felini essa è da attribuirsi a un retrovirus che si insedia nelle cellule, riproducendo tante copie di sè. Ciò spiega come il sistema immunitario sia ingannato da questo virus e non consideri le cellule malate. 

Le principali malattie del gatto - Leucemia felina

A seconda delle tappe della malattia e del manifestarsi della sintomatologia, riscontriamo uno stadio transitorio, dormiente e conclamato. La mancanza di appetito, la perdita di peso possono essere dei campanelli di allarme della presenza della malattia. Mucose pallide, linfonodi gonfi e febbre sono sintomi che si ricollegano anche all'anemia, ecco perchè bisogna fare degli esami approfonditi rivolgendosi a un veterinario competente. Un prelievo di sangue serve a diagnosticare la positività o la negatività al virus.

Diagnosticata la patologia, il gatto potrà vivere dignitosamente anche altri 5-6evitare anni, aiutato dalle terapie impartitegli dal veterinario e somministrategli dai padroni. L'utilizzo di farmaci antiretrovirali hanno manifestato buoni risultati, anche se risultano molto costosi. Un occhio all'alimentazione, evitando di impartire al micio cibi crudi, rifuggendo dalle punture di pulci, serve a prevenire probabili infezioni scatenate dalle difese immunitarie basse. 

La Leucemia felina sembra che colpisca in particolar modo i gatti giovani. I soggetti più a rischio sono i mici che rientrano tra le 8 e le 9 settimane d'età. Anche i gatti che vivono in gruppo, quelli randagi che vivono all'aperto hanno più possibilità di ammalarsi. Il vaccino anti-FELV esiste ed è protettivo per l'80% dei casi. Esso non rientra nei vaccini obbligatori quindi spetta ai padroni degli amici a quattro zampe richiederlo se il gatto è FELV negativo.

]]>
La nascita del gattino, tutto quello che devi sapere Thu, 09 Aug 2018 19:38:46 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/488574.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/488574.html Gatti Ragdoll Silmarilions Gatti Ragdoll Silmarilions La gestazione del gatto può durare dai 64 ai 70 giorni: solitamente, la futura mamma gatta vive questo periodo in piena serenità e autonomia, ma la vicinanza e l'affetto dell'essere umano possono rappresentare un supporto davvero prezioso.

Accorgersi che la gatta è incinta non è sempre facile, se non quando la gravidanza è in stato avanzato; tuttavia, nelle prime settimane di gestazione è possibile notare alcuni segnali "sospetti" con i quali la gatta manifesta le nausee, come l'inappetenza, i frequenti rigurgiti e il vomito.

Verso il trentesimo giorno, il pancione è già evidente: la gatta si muove sempre meno e trascorre gran parte della sua giornata a riposo.

Già in questa fase potrebbero verificarsi frequenti sbalzi di umore, con repentini passaggi da una grande irrequietezza al forte bisogno di coccole e rassicurazioni.

Il ruolo del proprietario, quindi, è assolutamente cruciale per creare nella micia una condizione di serenità e di equilibrio.

Da evitare tutti i repentini cambi di abitudini: la gatta non va stressata con un atteggiamento iperprotettivo, nel tentativo di tutelarne la salute.

Lasciarla correre e giocare a suo piacimento, se le va, può solo farle bene; l'unica restrizione che è giusto imporle consiste nell'evitare di farla uscire negli ultimi giorni di gestazione, per scongiurare il rischio che partorisca lontano da casa.

La nascita del gattino, tutto quello che devi sapere

Altro accorgimento altamente raccomandato riguarda l'alimentazione: in questa delicata fase della sua vita, la gatta ha bisogno di un cibo molto più nutriente.

In commercio esistono apposite formule per gatte in gravidanza e allattamento, ma può andar bene anche un alimento completo per gattini.

Fin dalle primissime settimane di gestazione, il veterinario deve essere il punto di riferimento fondamentale: regolari visite di controllo, unite agli esami più adeguati (come l'ecografia) serviranno ad accertare che tutto proceda bene.

Il parto del gatto è un momento emozionante, che di solito avviene rapidamente e senza particolari complicazioni: la gatta partorisce senza alcun bisogno di supporto e recide da sola il cordone ombelicale, pulendo i suoi piccoli e allattandoli immediatamente con il colostro.

Nonostante questa piena autonomia, potrebbero comunque verificarsi evenienze tali da richiedere l'aiuto del proprietario e del veterinario: la gatta, quindi, non va mai lasciata sola durante il parto.

Il suo corpo secerne una quantità di latte sufficiente a nutrire tutti i cuccioli, ma questa produzione è fortemente limitata nel tempo.

Mamma gatta infatti, può allattare i suoi piccoli fino ai 40-60 giorni di vita, dopodiché le sue mammelle non secernono più latte.

Nel periodo dell'allattamento, le poppate hanno una durata di circa 20 minuti e sono molto frequenti: per questo, la gatta deve essere nutrita in modo adeguato, aumentando il numero dei pasti giornalieri (fino a 5) e somministrandole un alimento altamente specifico.

Per saperne di più >>

]]>
Lo svezzamento di un gatto: quali sono i passaggi fondamentali Tue, 20 Mar 2018 15:36:18 +0100 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/473843.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/473843.html Gatti Ragdoll Silmarilions Gatti Ragdoll Silmarilions Per tantissimi animali lo svezzamento è un passaggio molto importante il quale rappresenta una sorta di rituale, un frangente in cui l'esemplare acquisisce una notevole dose di autonomia.

Anche per il gatto lo svezzamento ha una grandissima importanza ed è molto utile, da questo punto di vista, fornire dei suggerimenti.

Ovviamente nei primi giorni di vita il gattino si alimenta attraverso la suzione del latte dalla mammella della mamma; molte persone dunque si chiedono quando deve avvenire il fatidico passaggio dall'allattamento all'alimentazione in ciotola.

Premesso che non si può fornire un'indicazione temporale estremamente precisa, si può affermare che può essere sicuramente una buona idea quella di iniziare lo svezzamento a circa 4 settimane dalla nascita.

Il passaggio dal latte materno al cibo propriamente inteso deve necessariamente avvenire in maniera graduale, di conseguenza nel momento in cui il gattino abbandona il latte della madre deve consumare un sostituto del latte.

É molto importante sottolineare che in questa fase si deve impiegare un sostituto del latte della mamma gatta, e non del comune latte vaccino: quest'ultima bevanda infatti viene digerita con grande difficoltà dai gattini e potrebbe causar loro dei problemi non indifferenti.

Lo svezzamento del gatto

In questo passaggio il gattino abbandona la mammella della mamma per iniziare ad alimentarsi autonomamente da una ciotola, ed essendo questo uno step di indiscussa delicatezza è importante procedere sempre con grande cautela.

Bisogna evitare forzature, come ad esempio l'azione di avvicinare la testa del gattino al contenuto della ciotola, allo stesso modo è necessaria molta cautela nell'allontanare il gattino dalla sua mamma: le gatte infatti, nelle prime settimane di vita dei loro piccoli, sono estremamente protettive, senza trascurare il fatto che potrebbero soffrire un distaccamento brusco.

Quando il gattino ha imparato definitivamente a nutrirsi dalla ciotola è possibile iniziare a proporgli del mangime vero e proprio: se ci si chiede dopo quanto tempo conviene compiere questo step, può essere una buona indicazione quella di attendere 8 o 10 settimane dalla nascita.

Nel caso in cui il gattino presenti alcune difficoltà nella deglutizione, può essere utile sminuzzare il cibo o comunque renderlo il più morbido possibile.

Ovviamente è fondamentale la qualità del mangime che viene proposto al gattino: in questa fase hanno una grandissima importanza le proteine, le quali contribuiscono in modo determinante ad una crescita rapida e sana, ragion per cui bisogna prediligere i mangimi proteici.

In commercio sono disponibili diversi mangimi che le varie case produttrici formulano appositamente per i cuccioli: facendo riferimento alle proposte delle migliori aziende del settore, può essere sicuramente possibile garantire al gattino un'alimentazione di gran qualità in grado di contribuire in maniera determinante alla sua crescita.

]]>
Patologie del gatto: quali sono più comuni Thu, 22 Feb 2018 05:17:02 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/470674.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/470674.html Gatti Ragdoll Silmarilions Gatti Ragdoll Silmarilions Il gatto è un animale molto forte e resistente, tuttavia ovviamente la possibilità che possa essere interessato da malattie non è remota.

Le patologie che possono riguardare il gatto sono diverse: alcune si manifestano in modo chiaro e inequivocabile, e questo consente di decifrarne senza problemi i sintomi, altre sono invece più subdole.

Quali sono dunque le malattie più frequenti tra i gatti?

Sicuramente sono potenzialmente molto pericolose le malattie virali, per molte delle quali si raccomanda vivamente un vaccino specifico.

Tra queste è possibile menzionare la panleucopenia, la rinotracheite felina, l'immunodeficienza felina, la leucemia felina, malattie che richiedono delle soluzioni terapeutiche piuttosto differenti l'una dall'altra.

Gli esemplari femmina possono essere interessati da malattie dell'utero, come ad esempio la metrite e la piometra, oppure dal temuto tumore della mammella, il quale nella grande maggioranza dei casi si presenta, purtroppo, in forma maligna.

Gli occhi e le orecchie possono essere interessati da problemi specifici: le orecchie sono "a rischio" soprattutto per gli esemplari che affrontano dei combattimenti con altri esemplari, oppure per l'insinuarsi di corpi estranei al loro interno.

Malattie del gatto e vaccinazioni

Problema piuttosto comune riguardante l'orecchio del gatto è inoltre l'acariasi, dovuta alla presenza di acari che arrecano all'esemplare un forte fastidio localizzato che si manifesta in modo piuttosto chiaro.

Per quel che riguarda gli occhi le patologie presentano dei sintomi ben evidenti, come è il caso della congiuntivite, la quale implica un arrossamento dell'occhio oppure un'evidente dilatazione della pupilla: in questi casi l'utilizzo di specifici antinfiammatori è in genere sufficiente per recuperare una condizione di piena normalità.

I gatti sono piuttosto soggetti a malattie cardiache, anche in età ancora giovanissima, e tra queste vanno menzionate le cardiomiopatie.

Le cardiomiopatie primarie hanno cause sconosciute, quelle secondarie sono legate soprattutto a infezioni, processi tossici o a problematiche di natura metabolica.

Le terapie riguardanti i problemi cardiaci possono essere variegate, di conseguenza è importantissimo attenersi scrupolosamente a quanto suggerito dal veterinario a seguito di un'attenta visita.

Tra le malattie della pelle più comuni nel gatto si possono citare l'acne felina, la dermatosi miliare, l'eczema e l'alopecia, la quale consiste nella formazione di anomale chiazze sulla peluria, dunque i suoi sintomi possono essere riscontrati con buona facilità.

Tra le principali patologie del gatto non possono che rientrare anche quelle parassitarie, legate all'indesiderata presenza di pulci e zecche.

]]>
Caratteristiche nutritive delle crocchette per cani Prolife Sensitive Fri, 22 Dec 2017 11:38:06 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/463487.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/463487.html Gatti Ragdoll Silmarilions Gatti Ragdoll Silmarilions Esattamente come per gli esseri umani, anche per i cani non è affatto insolito che possano insorgere, magari in maniera improvvisa, delle intolleranze alimentari o delle allergie.

Nella maggior parte dei casi, queste allergie si manifestano rispetto ad alimenti da sempre presenti nel menù del cane, ma che improvvisamente non vengono più assimilati nel modo corretto.

I sintomi sono piuttosto riconoscibili e simili a quelli che si verificano per gli umani: prurito, vomito, difficoltà respiratorie, eccessiva lacrimazione, digestione difficoltosa, eccetera.

Evitare semplicemente l’alimento incriminato potrebbe non bastare, né servirebbe somministrare banalmente un alimento alternativo cui il cane non è allergico. A

nzi, molti veterinari sconsigliano la somministrazione continuativa di un altro alimento perché pare possa addirittura, nel lungo periodo, far insorgere nuove intolleranze.

Per fortuna esistono delle linee di alimenti specifici, come la linea di crocchette Prolife Sensitive in vendita su Pet Shop Store alimentianimalionline.it , in grado di sopperire completamente al problema.

Questa gamma offre infatti una grande varietà di scelta in base alla taglia del cane, ma soprattutto alla tipologia di intolleranza.

La scelta infatti può variare se il cane è particolarmente sensibile a livello gastro-enterico, piuttosto che per i casi in cui si verifichino manifestazioni cutanee, oculari e auricolari legate all’intolleranza.

I componenti alimentari presenti nelle crocchette prolife sensitive sono selezionati per sopperire anche ad esigenze diverse come aiutare il cane a mantenere il peso forma, ridurre il cattivo odore di urine e feci e ridurre i fenomeni di flatulenza.

Sono disponibili gusti differenti in modo da garantire una dieta più equilibrata possibile ed adatta alle esigenze dei nostri piccoli amici a quattro zampe.

Tra le linee più acquistate su Pet Shop Store alimentianimalionline.it , la Prolife Puppy Sensitive Mini Lamb & Rice , perfetta per cagnolini di piccola taglia e la Prolife Sensitive Pork & Rice, formulato per le esigenze nutrizionali del cane adulto che abbia sviluppato anche sensibilità digestive, articolari o cutanee.

]]>
Le principali malattie dei gatti, sintomi, cure e prevenzione Thu, 21 Dec 2017 11:08:16 +0100 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/463361.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/463361.html Gatti Ragdoll Silmarilions Gatti Ragdoll Silmarilions Cosa è bene sapere quando si ha un gatto in casa? In primo luogo per proteggere la sua salute e quella delle persone che vivono con lui è necessario conoscere le malattie del gatto, o almeno quelle che più frequentemente possono colpirlo.

Rinotracheite felina

Tra i problemi che possono presentarsi vi è la rinotracheite felina, o semplicemente influenza. Questa può essere causata da diversi batteri o virus e il contagio può avvenire attraverso le ciotole, se in condivisione, il cibo, o semplicemente tramite uno starnuto. Fortunatamente gatto ed essere umano non possono trasmettersi l'influenza. Se il micio di casa presenta starnuti, occhi che lacrimano, tosse più o meno forte è il caso di portarlo dal veterinario, in questo modo è possibile avere una corretta diagnosi e una terapia per curarlo.

Fortunatamente per molte malattie del gatto è possibile applicare un piano vaccinale, ecco perché è consigliato fin dall'ingresso del gatto in casa portarlo dal veterinario per visite di routine. Già ad otto/nove settimane di vita si può vaccinare il gatto attraverso il trivalente: un unico vaccino per rinotracheite, panleucopenia, o gastroenterite virale, molto pericolosa per il gatto, e contro calicivirosi.

Leucemia felina o FeLV

Un'altra malattia frequente nel gatto è la leucemia felina o FeLV, anche contro questa è però possibile eseguire un vaccino. La leucemia felina è molto pericolosa in quanto va ad abbassare le difese immunitarie, spesso però ci si accorge della malattia quando è già in stato avanzato, inoltre ancora non è stata trovata una cura efficace, ecco perché il vaccino è consigliato.

Toxoplasmosi

Tra le malattie del gatto è impossibile dimenticare la toxoplasmosi. In questo caso a causare i problemi alla salute del gatto è un parassita presente nelle carni di molti animali che sono facili prede dei gatti, ad esempio topi, uccelli, insetti. Se il gatto vive in appartamento il rischio è minore, mentre se esce anche in giardino aumenta.

Purtroppo per la toxoplasmosi non c'è vaccino quindi è molto importante osservare i comportamenti del gatto e recarsi dal veterinario alle prime avvisaglie sintomatologiche. Se il gatto è inappetente o mostra problemi respiratori è bene stare all'erta e andare dal veterinario.

La toxoplasmosi si cura con gli antibiotici, ma è necessario non sottovalutare il fatto che può essere trasmessa anche all'uomo, ciò avviene attraverso verdure non lavate bene e quindi con il parassita oppure attraverso le feci del gatto. Proprio per questo è bene anche evitare il contatto diretto con queste.

Clamidiosi

Infine, è bene non sottovalutare il rischio che il gatto possa contrarre la clamidiosi, patologia che può colpire le vie respiratorie, l'apparato digerente e genitale. Anche in questo caso il vaccino può scongiurare il pericolo.

]]>
Caratteristiche nutritive degli alimenti per cani e gatti Acana Sun, 26 Nov 2017 11:52:27 +0100 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/460727.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/460727.html Gatti Ragdoll Silmarilions Gatti Ragdoll Silmarilions Chi ama cani e gatti vuole dare loro sempre il meglio e per questo ci sono i prodotti Acana disponibili su Pet Shop Store di alimentianimalionline.itAcana è un'azienda leader nella produzione di cibo per animali e la ragione del successo è nelle filosofia adottata nella produzione di alimenti.

Il punto forte è la produzione di alimenti per cani e gatti, come le crocchette Acana, Biologicamente Appropriati. Cosa vuol dire? Nel tempo l'uomo ha cercato di modificare la dieta degli amici a quattro zampe rendendola simile a quella umana, ma il cane è un discendente del lupo, mentre il gatto deriva dal gatto africano selvatico, pur essendo state prodotte diverse razze, l'alimentazione base per essere appropriata deve rispettare quella degli antenati.

Alimenti per cani e gatti Acana sono realizzati con grandi quantità di carne fresca

Alimenti per cani e gatti Acana sono realizzati con grandi quantità di carne fresca

Gli alimenti per cani e gatti Acana sono realizzati con grandi quantità di carne fresca, vi è una buona varietà di ingredienti e viene limitata la quantità di carboidrati e altri ingredienti con un elevato indice glicemico. In ogni confezione c'è la proporzione di elementi dei diversi animali, ovvero vi è carne, fegato, cuore, rene, cartilagine, proprio come un animale cacciato in natura dal cane o dal gatto. Ovviamente tutti gli ingredienti sono di prima qualità e proprio per questo è possibile trovarli su Pet Shop Store di alimentianimalionline.it. Gli stessi arrivano da allevamenti selezionati e da pesca sostenibile, il pollame utilizzato è allevato a terra e le uova deposte al nido. Il risultato è un prodotto gustoso, gradito dagli animali, ma soprattutto sano, in grado di far fronte alle esigenze nutrizionali degli amici a quattro zampe.

Le crocchette Acana sono prodotte tenendo in considerazione anche le diverse esigenze nutrizionali, ecco perché ci sono i prodotti specifici per i cuccioli e alimenti con una sola fonte proteica pensati per cani con intolleranze o con difficoltà digestive magari legate all'età. Le crocchette per cuccioli contengono pollo, platessa, uova deposte a terra, carni bianche, quindi ingredienti leggeri, ma ricchi di proteine.

Crocchette per gatti Acana su Pet Shop Store

Per i cani che fanno molto sport il prodotto adatto sono le crocchette Sport & Agility che contengono le giuste proporzioni di proteine e grassi per cani con una vita intensa, ad esempio quelli che guidano greggi o semplicemente amano correre in giardino o sono portati agli allenamenti di agility dog. Altrettanto variegata è la linea di alimenti per gatti con prodotti specifici per evitare l'obesità anche in gatti che stanno in casa tutto il giorno e quindi si muovono poco. 

]]>
L’insufficienza renale nel gatto, cause, sintomi e rimedi Mon, 20 Nov 2017 06:19:48 +0100 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/459972.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/459972.html Gatti Ragdoll Silmarilions Gatti Ragdoll Silmarilions Con il termine insufficienza renale cronica viene definita una patologia che colpisce i gatti, e si manifesta attraverso una serie di lesioni irreversibili ai reni.

Tali lesioni impediscono all'organo di portare a termine il suo compito principale, ossia filtrare le tossine dall'organismo ed espellerne mediante l'urina.

Gli amici a quattro zampe che vengono colpiti da tale malattia, sottoposti a specifici trattamenti, possono vedere sparire, o attenuarsi, alcuni dei sintomi presenti, primo tra tutti la disidratazione.

Insufficienza renale del gatto

Tuttavia, la funzione renale non potrà tornare alla normalità. Allo stesso tempo, le cure sono fondamentali per evitare che la situazione peggiori ulteriormente, tanto da stabilizzarsi per settimane o, addirittura per mesi, fino al momento in cui si verificherà un inevitabile decadimento.

L'insufficienza renale del gatto non si manifesta ad un'età precisa, pur risultando più probabile con il trascorrere del tempo. 

Anche i cuccioli possono esserne colpiti. Le cause sono molteplici, comprendendo infezioni virali (ma anche batteriche e parassitarie), alterazioni a livello vascolare e neoplasie. Proprio per questo, il proprietario deve fare particolarmente attenzione ad improvvisi cambiamenti nel comportamento dell'animale.

Nelle fasi iniziali della malattia la sete tende ad aumentare, portando il micio a fare pipì con maggiore frequenza. Il gatto spesso appare anche più debole e affaticato, presenta feci scure o, comunque, alterate, ha ulcere in bocca e tende a pulirsi con minore attenzione.

Osservando la cute, quest'ultima può apparire disidratata. In seguito l'animale può mostrarsi restio a mangiare, rifiutando le pappe somministrate fino ad allora. Alimentandosi sempre meno si passerà all'anoressia vera e propria.

Con l'avanzare dell'insufficienza renale il micio si mostra indifferente in merito a quanto lo circonda, non mostrando alcun interesse per il cibo. Nelle fasi terminali le crisi convulsive, determinate dall'accumulo di sostanze tossiche, e il coma, sono gli eventi che precedono la morte.

Un approfondimento diagnostico permette, tramite esami appositi, di stabilire con certezza la presenza di insufficienza renale. Normalmente vengono effettuate analisi delle urine ed esami radiologici, ecografici e bioptici.

Tali esami consentono di individuare eventuali altre malattie dovute al proliferare delle sostanze tossiche (i reni non sono in grado di eliminarle) nell'organismo.

Una volta ottenuti i risultati, e verificata la gravità della situazione, il veterinario deciderà il trattamento (è possibile ricorre alla fluido-terapia e terapie antibiotiche di supporto), indicando al proprietario una specifica dieta da far seguire al gatto.

]]>
L’alimentazione del gatto ragdolls dal cucciolo all'adulto Sat, 21 Oct 2017 04:20:54 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/456642.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/456642.html Gatti Ragdoll Silmarilions Gatti Ragdoll Silmarilions La crescita del ragdoll va di pari passo con l'evoluzione dell'alimentazione. Ricordiamo che sono gatti a crescita lenta e che come tale hanno bisogno di essere alimentati con cibi più proteici ed energici fino a quasi due anni, per poi gradualmente passare a una dieta più equlibrata di proteine grassi e carboidrati e ricca di amminoacidi essenziali, in modo tale da garantire completezza nutrizionale per una buona crescita e un altrettanto buona e forte salute. 

alimentazione gatto ragdoll dal cucciolo all'adulto

I ragdoll vengono spesso sterilizzati (nel caso delle femmine) e castrati (nel caso dei maschi); queste asportazioni chirurgiche comportano degli squilibri ormonali e metaboliche che ricordano molto la menopaura e l'andropausa umana. Ciò comporta l'aumento dell'appetito e di conseguenza del peso, e a un impigrirsi del gatto che passerà meno tempo a giocare e al movimento, che, in una sorta di circolo vizioso, comporta un aumento del peso. Ed è qui che, sempre a partire da oltre l'anno e mezzo, si può cominciare a somministrare al nostro amico a quattro zampe cibo delle linee light (definite "STERILIZED") di qualità premium.

Questi croccantini (o statolette) hanno un diverso apporto di grassi e carboidrati, che vengono ridotti al minimo indispensabile, ma dove aumentano i livelli di minerali come calcio, potassio, magnesio e cloro, secondo le necessità nutrizionali.

Non bisogna però commettere l'errore di mantenere la stessa dieta al nostro ragdoll per tutta la vita; infatti intorno agli 8-10 anni il felino va considerato anziano e bisogna quindi adeguare la sua alimentazione. E' opportuno cominciare a somministrare la linea Senior o Mature, più indicata alle sue esigenze nutrizionali; questa linea è ricca di sali minerali, ma povera di proteine e fosforo, per ridurre al minimo il sovraccarico renale.

Tra i 2 e gli 8 anni il ragdoll, calmo gatto d'appartemento, può essere alimentato con la linea Indoor, che apporta tutti i nutrimenti necessarie alla salute del felino, limitandone però l'apporto calorico mantenendo il metabolismo attivo e evitando l'aumento del peso; il ragdoll è di fatto un gatto pigro che consuma meno energie di una gatto europeo che vive in giardino o in un ambiente misto.

]]>
Un gatto diverso dagli altri: il Ragdoll Thu, 31 Aug 2017 12:45:17 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/448597.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/448597.html Gatti Ragdoll Silmarilions Gatti Ragdoll Silmarilions Quando si acquista un gatto di razza è sempre bene ricordare che questi animali sono selezionati in modo da manifestare un carattere ben preciso e specifico.

Informazione sul gatto Ragdoll

Nel caso dei gatti Ragdoll stiamo parlando di animali molto docili e miti, tanto da essere scambiati addirittura per pigroni leggermente sciocchi. In realtà sono gatti molto intelligenti, che però tendono a fidarsi ciecamente di ciò che sta loro intorno, non avendo l'istinto guardingo e sospettoso che manifestano altri gatti.

Questo significa che il comportamento del proprietario dovrà seguire l'indole del Ragdoll per evitare che incappi in spiacevoli incidenti.

Meglio quindi evitare di lasciare l'animale da solo per lunghi periodi di tempo, soprattutto quando è cucciolo: la solitudine lo farà intristire e potrebbe anche portare l'animale a manifestare vere e proprie patologie scatenate da questo.

Buona norma è anche predisporre una zona tutta per lui in casa, o anche in giardino, controllando però che non abbia accesso al giardino dei vicini o alla strada: il Ragdoll è fiducioso e poco attento, cosa che lo può far andare incontro ad un cane ostile o ad una strada trafficata senza alcun tipo di remora o timore.

Questi gatti tendono a crescere molto, fino agli 8 kg per i maschi, ai 5 kg per le femmine; hanno quindi bisogno di uno spazio adeguato, anche nella lettiera, che dovrà essere sempre pulita e profumata: il Ragdoll non ama l'incuria e soprattutto una lettiera sporca.

Il pelo è lungo o semilungo e va curato in modo adeguato, soprattutto nel periodo della muta. Conviene quindi abituarsi a spazzolarlo almeno un paio di volte a settimana, frequenza che si abbrevia fino a più volte al giorno nel periodo primaverile ed estivo.

Niente paura, il Ragdoll adora le coccole, quindi questo tipo di assiduità nella pulizia del pelo rinsalderà il rapporto tra il gatto e il proprietario, evitando anche che si formino fastidiosi boli di pelo nello stomaco.

Questi animali spesso sviluppano patologie a livello renale, conviene quindi effettuare periodicamente i controlli suggeriti dal veterinario, per evitare che un piccolo problema diventi una malattia seria e pericolosa nell'arco di un breve periodo di tempo.

Un gatto sano ha anche un peso corretto; solitamente questi animali non amano abbondare con il cibo, ma con il Ragdoll ci si deve aspettare un gatto goloso, che ama mangiare qualsiasi cosa, soprattutto il cibo secco e quello fresco.

Per questo motivo è bene evitare gli eccessi e anche la fornitura di cibo a volontà.

]]>