Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Maria Gabriella Ferrazza Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Maria Gabriella Ferrazza Wed, 05 Aug 2020 18:30:48 +0200 Zend_Feed_Writer 1.12.20 (http://framework.zend.com) http://comunicati.net/utenti/18228/1 L’esperto risponde Tue, 24 Mar 2020 19:10:16 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/625840.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/625840.html Maria Gabriella Ferrazza Maria Gabriella Ferrazza  

COME MEGLIO INTERPRETARE ALCUNE DISPOSIZIONI PRESE DAL GOVERNO DURANTE L’EMERGENZA CORONAVIRUS (COVID19)

 

Abbiamo ritenuto urgente porre alcune domande ad uno dei nostri Avvocati di riferimento: l’Avvocato Maria Livia Ferrazza (Foro di Roma).

 

Avvocato Ferrazza buongiorno,

la ringraziamo per aver voluto rispondere ai nostri quesiti. Visto il momento nel quale viviamo le poniamo alcune domande finalizzate a chiarire i dubi di alcuni imprenditori.

 

D:. Quali sono, per Decreto, le iniziative che un’azienda deve prendere per mantenere un ambiente conforme alle normative?

R:. Il 14 marzo 2020 è stato sottoscritto un protocollo condiviso tra Confidustria, Confapi, Confartigianato e le maggiori sigle sindacali, per la regolazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro che riassumo brevemente

Le informazioni che è stato ritenuto opportuno rendere note nei posti di lavoro:

Viene indicato di affiggere un Avviso all’ingresso del posto di lavoro con riportate le indicazioni fornite dalle autorità sanitarie al fine di contenimento del Cronavirus;

1) obbligo di stare a casa con febbre oltre 37,5 o con altri sintomi influenzali; comunicarlo subito alle autorità competenti, ove tali sintomi si manifestino sul luogo di lavoro;

2) obbligo di dichiarare se si è stati in contatto nei 15 giorni precedenti con persone poi risultate positive al coronavirus;

3) obbligo di rispettare le distanze di sicurezza tra le persone ( m 1,00)

4) obbligo di mantenere una rigorosa pulizia delle mani.

Debbono essere inoltre stabilite le modalità di ingresso sul luogo di lavoro: dovranno essere applicare modalità di ingresso sul luogo di lavoro che evitino assembramenti o comunque contatti ravvicinati sempre ed in ogni occasione debbono essere rispettate le distanze di sicurezza tra le persone, stessa modalità dovranno essere applicate per le uscite dal luogo di lavoro.

Determinazione delle modalità di contatti con i fornitori: a secondo delle dimensioni dell’azienda dovranno essere individuate accessi dedicati per i fornitori esterni, ed ridotto o meglio evitato l’ingresso nei luoghi di lavoro ai visitatori. Se la dimensione dell’azienda non permette accessi dedicati allo scarico e al carico della merce, dovranno essere indicate con tempistiche definite e rese note le modalità di carico e scarico della merce sempre nel rispetto delle distanze di sicurezza tra le persone.

Osservanza scrupolosa dell’igiene delle mani: il datore di lavoro dovrà mettere a disposizione dei dipendenti idonei mezzi detergenti per la pulizia delle mani (acqua e sapone detergente e se possibile gel alcolici disinfettanti).

Ausili di protezione ( mascherini guanti ecc) : dove non sia possibile mantenere le distanze di sicurezza sopra prima indicate è necessario ed indispensabile l’uso di mascherine guanti e occhiali, cuffie e camici e comunque ausili di protezione in assenza dei quali si rende impossibile la prosecuzione dell’attività lavorativa.

Spazi comuni: dovrà essere controllato l’accesso agli spazi comuni ( mense spogliatoi ecc) dovrà essere prevista una buona ventilazione degli ambienti, permessa una sosta per un tempo ridotto e con rispetto delle distanze di sicurezza in assenza l’accesso dovrà essere contingentato.

Smartworking: chiusura dei reparti non produttivi e applicazione dello smartworking o comunque a distanza ove possibile.

Creazione di turni di lavoro: sempre nell’obiettivo principale di ridurre i contatti e creare gruppi di individui a distanza ravvicinata prevedere l’ applicazione di turni di lavoro.

Blocco a riunioni e trasferte: vanno sospese e annullate tutte le riuioni di lavoro, le trasferte, i corsi di formazione se non fruibili a distanza.

Ammortizzatori sociali: utilizzare le ferie e/o ammortizzatori sociali nell’ipotesi in cui non si possa rispettare le disposizioni precedenti.

Cosa fare nel caso di presenza all’interno del posto di lavoro di una persona con sintomi influenzali: innanzi tutto la persona che accusa sintomi influenzali dovrà comunicarlo immediatamente al superiore che dovrà provvedere ad isolarla immediatamente ed isolare le persone che ne sono state a contatto, avvisare immediatamente le autorità sanitarie ( numeri di emergenza Covid 19) offrendo inoltre massima collaborazione con le autorità sanitarie.

 

D:.il datore di lavoro pubblico o privato è obbligato a fornire a tutti i lavoratori la strumentazione necessaria a svolgere la prestazione lavorativa in modalità agile?

R.: Sono strumenti di lavoro e pertanto così come vengono forniti in azienda debbono essere forniti per il lavoro a distanza. Nella particolarità del lavoro a distanza comunque si dovrà far riferimento alla normativa vigente, si tenga presente che la particolare condizione di urgenza che stiamo vivendo ha reso applicabile in misura generale lo smartworking anche a quei CCNL che non lo prevedano al suo interno. Il DL n. 18 del 17.3.2020 all’art. 64 ha previsto inoltre un credito di imposta alle imprese per l’anno fiscale 2020 del 50% per le spesa di sanificazione degli ambienti di lavoro e degli strumenti di lavoro per un massimo di € 20.000,00.

 

D.: Cosa è previsto per le mansioni che non rientrano tra le prestazioni essenziali e che non possono adottare le modalità di lavoro agile, nell’ipotesi in cui tali soggetti abbiano esaurito le ferie maturate al 12 marzo 2020?

R.:E’ stata ampliata a larga scale l’applicazione della Cassa In Deroga; l’art 22 del decreto ha previsto la cassa in deroga per tutte quelle attività lavorative che non possano proseguire l’attività a causa del coronavirus anche per le imprese con un solo dipendente; la durata della sospensione non può essere superiore alle 9 settimane, la domanda si presenta all’INPS

c’è un tetto di spesa per cui verrà erogata sino al raggiungimento dello stesso.

 

D.: Lo svolgimento di lavori urgenti di riparazione della propria abitazione, rientrano tra le attività da sospendere per decreto?

R.: No, rimangono autorizzate le prosecuzione delle attività artigianali. E’ chiaro che il lavoratore dovrà in tal caso adottare tutte le precauzioni più idonee, quali mascherine, guanti, tute da lavoro, occhiali ed evitare sempre ove possibile contatti ravvicinati, si tenga presente a tal proposito è prevista la prosecuzione dell’attività lavorativa delle istallazioni e manutenzioni degli impianti di riscaldamento e condizionamento. E’ chiaro che nell’ambito di un criterio di opportunità ed urgenza chi stava effettuando lavori di riparazione della propria abitazione e/o condominio al momento dell’insorgenza della crisi sanitaria debba e possa portarli a termine, ma rinviare l’inizio dei lavori di chi ne aveva programmato l’inizio ma che non rivestano i caratteri dell’urgenza. Ricordare sempre che siamo in un periodo emergenziale.

 

D.: in caso di violazione delle norme, quali sono le sanzioni previste per le aziende?

R.: Sono previste sanzioni nei primi decreti, ma esclusivamente per le attività con obbligo di chiusura, ed altre so che se ne stanno prevedendo, comunque la mancata osservanza delle norme dettate - visto che riguardano la tutela della salute - che è il più alto valore protetto, comporta gravi responsabilità penali e civili. Quest’ultime nei confronti del lavoratore che dovesse avere dei danni dall’inosservanza delle norme.

 

D.: Quali sono le misure di sostegno finanziario alle imprese ed ai lavoratori dipendenti adottate dal Governo?

R.: Il decreto legge 18/2020, detto decreto” Cura Italia” di marzo, prevede tre linee di intervento a favore delle imprese:

1) nuova cassa integrazione ordinaria ma conteggiata oltre i limiti di legge;

2) fondo di integrazione salariale rafforzato per aziende con piu di 5 dipendenti , anche per chi utilizza assegni di solidarietà;

3) cassa integrazione in deroga per le aziende senza limitazioni nel numero di dipendenti;

 

1) Per periodi decorrenti dal 23 febbraio 2020 al mese di agosto 2020 per il personale alla data del 23 febbraio 2020, anche se non hanno raggiunto 90 giorni di anzianità, le imprese che nell’anno 2020 debbono sospendere o ridurre l’attività lavorativa per l’emergenza COVID-19, possono presentare domanda di trattamento ordinario di integrazione salariale o di accesso all’assegno ordinario con causale “emergenza COVID-19.

2) Le imprese che sono iscritte al Fondo di integrazione salariale, che al 23 febbraio 2020 hanno in corso un assegno di solidarietà, possono presentare domanda di concessione dell’assegno ordinario che sostituisce l’assegno di solidarietà. La concessione può riguardare anche la totale copertura dell’orario di lavoro.

3) Le Regioni e le Province autonome possono riconoscere ai datori di lavoro privati di tutti i settori non coperti dalle disposizioni di sostegno al reddito non rientranti nelle precedenti previsioni, tranne il lavoro domestico.

I trattamenti di cassa integrazione salariale in deroga, per la durata della sospensione del rapporto di lavoro debbono essere adottati con accordo sindacale che può essere concluso anche con modalità a distanza . L’accordo non è richiesto per le aziende che occupano meno di 5 dipendenti.

Debbo fare una precisazione che trovandoci in una situazione emergenziale, mai conosciuta e vissuta dalla maggior parte di noi, le normative si susseguono ad una velocità inusuale e che qualche cosa potrebbe cambiare o stare per cambiare nel momento che stiamo parlando

 

 

( MG Ferrazza ODG Roma n. 147811)

 

]]>
IVECO STRALIS: UN ALTRO GRANDE AUTOMEZZO AL SERVIZIO DEI NOSTRI CLIENTI Fri, 14 Feb 2020 12:31:16 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/620269.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/620269.html Maria Gabriella Ferrazza Maria Gabriella Ferrazza La competitività  delle aziende si è sempre giocata su una molteplicità di fattori. Il terzo millennio, però, è caratterizzato da un innalzamento delle aspettative di servizi a corollario del core business per il quale ci si rivolge all’azienda. Con questo non vogliamo certo dire, ad esempio, che l’impeccabile verniciatura ottenibile nei nostri stabilimenti non sia di primaria importanza. Lo è, ma come evidenziano le più approfondite analisi di customer satisfaction il trasporto e, conseguentemente, la velocità di ritiro e consegna dei materiali è un fattore competitivo molto importante per i nostri clienti.

Ed è così che, fedeli al nostro impegno di migliorare costantemente il servizio, la nostra flotta di trasporti si è potenziata. Tra pochi giorni un grande mezzo IVECO STRALIS andrà ad affiancare il nostro già nutrito parco automezzi. 12 metri di lunghezza, 2,550 metri di larghezza e quasi 160 quintali  di portata consentiranno di trasportare anche “manufatti” di grandissime dimensioni (non dimentichiamo che siamo tra le poche aziende del settore, nel Lazio, ad aver un impianto che arriva a sostenere misure fino a 14 metri di lunghezza).

Ecco cosa dice la Casa produttrice di questo mastino dei trasporti, vanto di una ricerca ingegneristica meccanica all’avanguardia: “Il camion STRALIS alza la posta in gioco nella produttività e nella redditività con un pacchetto completo che comprende caratteristiche, tecnologie e servizi all’avanguardia, progettati su misura per qualsiasi attività di trasporto​.


STRALIS si presenta con un design completamente rinnovato dell’intera catena cinematica, dal motore ai pneumatici; vanta una nuova architettura del sistema elettrico ed elettronico, il cambio migliore della sua categoria, un nuovo assale e nuove sospensioni posteriori, offre inoltre le funzioni predittive con tecnologia GPS di ultima generazione e caratteristiche specificamente progettate per aumentare il risparmio carburante e la sostenibilità.

Tutte le novità e i miglioramenti realizzati puntano a ottimizzare produttività e redditività nelle situazioni reali di trasporto.”

Insomma dopo aver ottenuto nuove certificazioni, aver selezionato le migliori materie prime possibili, lavorare costantemente sul benessere collettivo un plus in più per sceglierci. Un programma trasporti più efficace e, ci auguriamo più efficiente.

Buon lavoro e grazie dell’attenzione a tutti voi.  

 

 Maria Gabriella Ferrazza

]]>
2019 UN ANNO IMPEGANTIVO! MA LA PROFESSIONALITA’ E LA SCELTA DELLA QUALITA’ PREMIANO Mon, 30 Dec 2019 15:31:23 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/613395.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/613395.html Maria Gabriella Ferrazza Maria Gabriella Ferrazza  

E sì, la fine dell’anno porta, inevitabilmente, la voglia di guardare al futuro valutando l’importanza delle azioni passate.

 

Il 2019 è stato per la nostra azienda un anno veramente impegnativo. Le azioni nelle quali è stata maggiormente impegnata Tecnologie Galvaniche Innocenti sono tutte tese a migliorare la qualità, a snellire i processi, a far comprendere ai propri clienti cosa significhi per un’azienda come la nostra lavorare al top della qualità nella massima sicurezza. Ed infatti, abbiamo deciso di affrontare il percorso di rispetto di severe norme per ottenere le certificazioni ISO 14001,  che certifica le procedure atte a rispettare nel miglior modo possibile l’ambiente, e ISO 45001 che certifica le procedure atte a migliorare la sicurezza sul lavoro di tutte le maestranze impegnate in azienda, oltre a tutti i clienti e visitatori che per qualunque motivo entrino nell’area aziendale.

E l’impegno è stato premiato. La nostra azienda ha aumentato il fatturato in modo sostanziale e migliorato e snellito i processi di produzione.

Tutto questo, in un mercato di riferimento nel quale la competitività non può e non deve mettere in discussione la durata del risultato finale, l’estetica, il rispetto ecologico, la sicurezza sia di chi opera per realizzare il prodotto, sia di chi il prodotto lo userà.

Ma tutto questo, se non si valuta con attenzione la componente del costo del servizio, può sfuggire e forse ancora oggi ci sono imprenditori che valutano il preventivo sulla base del costo finale e non sugli ingredienti totali dell’offerta.

Cosa stiamo programmando per il 2020? Una customer sactisfation basata su una maggiore comunicazione con il cliente per permettere di comprendere tutte le sfaccettature dei processi da noi effettuati. E non è un compito facile.

Ai nostri clienti possiamo sempre assicurare la massima attenzione e una grande tenacia.

Tantissimi auguri per un magnifico 2020 all’insegna sì della serenità e della salute ma anche ricco di soddisfazioni professionali.

Maria Gabriella Ferrazza

]]>
TECNOLOGIE GALVANICHE INNOCENTI OTTIENE ANCHE LE CERTIFICAZIONI ISO 14001 PER L’AMBIENTE E ISO 45001 PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI. Mon, 07 Oct 2019 16:04:09 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/602008.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/602008.html Maria Gabriella Ferrazza Maria Gabriella Ferrazza Come può un’azienda già certificata 9001 dal 2005 per la qualità, aumentare la propria credibilità sul mercato senza ricorrere ad autoreferenzialismi? Ottenendo altre certificazioni! Ed è quello che ha fatto la nostra azienda. Ha affrontato un percorso di rispetto di severe norme ed ha ottenuto le certificazioni ISO 14001 che certifica le procedure atte a rispettare nel miglior modo possibile l’ambiente, e ISO 45001 che certifica le procedure atte a migliorare la sicurezza sul lavoro di tutte le maestranze impegnate in azienda, oltre a tutti i clienti e visitatori che per qualunque motivo entrino nell’area aziendale.

Ma entriamo più nel dettaglio di questi provvedimenti: la UNI EN ISO 14001 è uno standard internazionale per guidare le aziende attraverso un processo di miglioramento continuo delle performance ambientali e l’introduzione di un sistema gestionale. E’ un sistema volontario che definisce come sviluppare un efficace sistema di gestione ambientale. Nel nostro settore è fondamentale applicare tutte le procedure che prevengano impatti negativi sull’ambiente e la certificazione ISO 14001 assicura utenti e autorità del nostro controllo sugli agenti inquinanti. La norma ISO 45001 nasce per proteggere dipendenti e visitatori da incidenti e malattie legate al lavoro. E’ stata sviluppata per mitigare tutti i fattori che possono causare danni irreparabili a dipendenti e aziende. I suoi standard sono il risultato di un grande sforzo da parte di un comitato di esperti di gestione delle salute e della sicurezza che hanno esaminato attentamente una serie di altri approcci alla gestione del sistema tra cui ISO 9001 E ISO 14001.

In pratica, oggi, TECNOLOGIE GALVANICHE INNOCENTI applica tutte le procedure atte a garantire la qualità, a prevenire l’inquinamento e a favorire la massima sicurezza possibile per lavoratori e utenti dell’azienda.

 Maria Gabriella Ferrazza

]]>
Metalli protetti dalla corrosione Tue, 02 Jul 2019 17:41:04 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/575660.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/575660.html Maria Gabriella Ferrazza Maria Gabriella Ferrazza In TGI sappiamo come proteggere per lunghissimo tempo i metalli.

 

Corrosione: “fenomeno chimico che provoca il graduale deterioramento di una sostanza solida, per lo più un metallo, per effetto di agenti esterni”.

Questa la definizione che riporta l’enciclopedia Treccani e che ci torna utile per parlare di un fenomeno che può danneggiare seriamente i manufatti in metallo. Infatti la maggior parte dei metalli reagisce alterandosi e arrugginendo per effetto dell’umidità e dell’ossigeno dell’aria.

Non tutti i metalli, ovviamente, reagiscono allo stesso modo alle sostanze ossidanti. Alcuni di essi, come ad esempio l’oro, si combinano con molta difficoltà con gli altri elementi grazie alla loro inerzia chimica e in virtù di ciò vengono definiti nobili.

Altri metalli, ad esempio l’alluminio, reagiscono facilmente con l’ossigeno, ma lo strato di ossido che si forma è di natura molto compatta e finisce per costituire una barriera protettiva, arrestando di fatto il processo corrosivo. Il ferro, invece, reagisce immediatamente all’ossigeno e ad altre sostanze ossidanti e non forma una barriera protettiva, anzi se non si interviene il processo di corrosione prosegue fino al completo consumo della materia.

Nella nostra azienda conosciamo bene l’andamento comportamentale dei metalli nei confronti degli agenti esterni e quindi adottiamo tutte le pratiche per difendere il ferro dai processi corrosivi. La protezione contro la corrosione offerta dalla vernice può essere espletata in vari modi. Le vernici contenenti un’elevata percentuale di zinco offrono una rilevante protezione catodica quando applicate su substrati ferrosi.

Per assicurarci la massima durata dei prodotti vernicianti scegliamo i migliori esistenti a livello mondiale (non esageriamo: è proprio così). Il ciclo completo di lavorazione a cui sottoponiamo i prodotti comprendente il lavaggio industriale o la sabbiatura, l’applicazione di un fondo e la finitura a polvere o liquida garantisce una totale protezione ai manufatti non trattati.

 

]]>
LO STAFF DI TECNOLOGIE GALVANICHE INNOCENTI FESTEGGIA Wed, 05 Jun 2019 15:38:40 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/565593.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/565593.html Maria Gabriella Ferrazza Maria Gabriella Ferrazza

Matrimonio in casa Innocenti: Cristiana, sabato 8 giugno convolerà a nozze con Juri Petitti

 

Che la gestione delle risorse umane in TGI sia estremamente importante, lo abbiano ribadito più volte. La nostra è una azienda human oriented. L’orientamento alla partecipazione globale delle risorse umane a tutta la gestione aziendale è per noi cosa indispensabile per assicurare la qualità totale che è il nostro fiore all’occhiello. Conseguenza di questa gestione attenta alle necessità e alle aspirazione di tutti è anche una forte partecipazione dell’azienda agli eventi famigliari del personale. Si respira, quindi, un clima di festa in azienda: sabato 8 giugno, Cristiana Innocenti, la secondogenita della famiglia, convolerà a nozze con Juri Petitti. Tutto il personale ha partecipato al rinfresco per augurare agli sposi ogni felicità. Cristiana è molto apprezzata in azienda per il suo modo di fare pratico e spigliato e sempre attento alle necessità delle maestranze. Cristiana, infatti, laureata in economia aziendale, si occupa tra l’altro di tutto il settore finanziario dell’azienda ma anche degli acquisti del materiale di consumo del personale. Una occasione, quella del matrimonio di Cristiana, per ribadire l’unione del personale di TGI.

Maria Gabriella Ferrazza]]>
CASA: ELEMENTI ESTERNI IN FERRO? LA MANUTENZIONE NE GARANTISCE UNA LUNGHISSIMA DURATA Fri, 17 May 2019 09:53:45 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/554921.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/554921.html Maria Gabriella Ferrazza Maria Gabriella Ferrazza La primavera è il momento migliore dell’anno per prenderci cura degli elementi in ferro esterni alla nostra abitazione. Per quanto riguarda gli elementi asportabili, quali le cancellate, le persiane e i portoni, forse è bene pensare ad un intervento veramente efficace che preservi il ferro per lunghissimo tempo dagli agenti atmosferici e dall’ usura.

Il ferro, praticamente eterno, in realtà ha bisogno di una costante manutenzione per preservare la sua integrità e, il colore, con il quale abbelliamo questi elementi è una componente importante anche per la protezione.

Chiaro è che lo strato di vernice che copre gli elementi deve essere integro e non presentare graffi o scalfiture che permettono la formazione della ruggine, per questo i semplici interventi di verniciatura a pennello molto spesso risultano di breve durata e inefficaci in termini di protezione.

Se desideriamo la massima efficacia e un risultato duraturo e di grande impatto cromatico, dobbiamo procedere in modo professionale e l’unico iter da seguire è quello che prevede un ciclo di sabbiatura, l’applicazione di un fondo e l’applicazione di una vernice di finitura.

Il ciclo è composto da tre trattamenti separati che conferiscono al materiale un’elevata difesa contro gli agenti atmosferici, prolungandone la conservazione nel tempo. Questo processo consiste in un trattamento di sabbiatura a cui segue l’applicazione del fondo più la finitura a polvere.

Il ciclo di sabbiatura viene effettuato per eliminare qualsiasi residuo di ruggine o vernice sul manufatto. Il buon risultato di un rivestimento protettivo dipende in grandissima parte dalla sua capacità di aderire alla superficie su cui è applicato, per questo motivo occorre ripulirla da tutto ciò che è estraneo alla sua natura. Il trattamento consiste in un procedimento meccanico di erosione attraverso un getto di graniglia di acciaio o di sabbia abrasiva, ottenendo così un insieme di micro cavità e protuberanze che permettono e garantiscono un facile ancoraggio alle vernici.

La fase successiva è l’applicazione della vernice di fondo a cui segue una cottura in forno che consente di sigillare la superficie, creando una base di massimo ancoraggio per l’applicazione di finitura.

Il trattamento di verniciatura consente di personalizzare il materiale con la possibilità di scegliere tra una vasta gamma di colori ottenendo un risultato cromatico eccezionale, sia che si scelga una finitura lucida, opaca o bucciata.

Maria Gabriella Ferrazza

]]>
VERNICIATURA PERFETTA: UNA QUESTIONE DI PROCESSO E DI QUALITA’ DEL MATERIALE UTILIZZATO Mon, 08 Apr 2019 09:22:12 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/539013.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/539013.html Maria Gabriella Ferrazza Maria Gabriella Ferrazza  

Mantenere uno standard di qualità elevato nel processo di verniciatura comporta la massima attenzione in tutte le fasi che caratterizzano il processo.

Le fasi di pretrattamento, anche quelle che possono sembrare banali, fanno l’effettiva differenza per ottenere una verniciatura di altissima qualità.

La prima fase è il carico dei pezzi. E’ l’attenzione che si pone nel porre il materiale sulla linea che consente all’oggetto da trattare di essere curato per ogni centimetro della sua superficie. Per questo motivo il materiale deve essere provvisto di fori che permettono un corretto aggancio sulla linea e sono indispensabili per far defluire correttamente i liquidi usati nella fase di pretrattamento.

Si procede poi con l’operazione di sgrassaggio effettuata con prodotti decapanti acidi. Questi prodotti assicurano la corretta rimozione delle incrostazioni e di altri contaminanti delle superfici metalliche ed inoltre attivano la superficie per prepararla al successivo trattamento di lavaggio. Il lavaggio viene effettuato con acqua demineralizzata e quindi priva di sali minerali, calcare e gas. Garantisce quindi una perfetta pulizia prima di passare alla fase di fosfodecapaggio. Questo processo viene utilizzato per disossidare le superfici ferrose e costituisce un vero e proprio trattamento e non un semplice decapaggio. Il fosfodecapaggio ha un costo un po’ più elevato ma lascia sulla superficie del ferro uno strato di fosfato che previene efficacemente il fenomeno del flash rusting (aggressione immediata della ruggine) e costituisce, quindi, una buona base per la verniciatura successiva. Ma le operazioni di pretrattamento non sono ancora terminate. Il materiale viene sottoposto ad una ulteriore fase di lavaggio con acqua demineralizzata. Viene poi inviato alla fase di asciugatura utilizzando un forno che opera con l’emissione di aria calda. Terminata questa fase si procede con un minuzioso controllo per accertarsi che il materiale consenta una perfetta aderenza della vernice. Il ciclo si conclude per la verniciatura liquida con una fase di essiccamento dopo il trattamento. La vernice a polvere necessita invece di un ulteriore fase detta di polimeraizzazione: si tratta di una passaggio del materiale in forni ad una temperatura che varia tra i 180°e i 200°. Questo processo assicura che la vernice sia durevole nel tempo.

 Maria Gabriella Ferrazza

]]>
LA FORMAZIONE MANAGERIALE COME LEVA DELLA MOTIVAZIONE Fri, 15 Mar 2019 15:09:59 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/533071.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/533071.html Maria Gabriella Ferrazza Maria Gabriella Ferrazza

Si è svolto presso la sede della nostra Azienda il 22 febbraio ultimo scorso, il corso di formazione manageriale “Saper Vendere: una questione di organizzazione ed eccellente comunicazione.”. Partecipanti al corso, tutto il personale commerciale della Tecnologie Galvaniche Innocenti e ospiti graditi tutto il personale commerciale della ARS FUMI: azienda leader nella fornitura e assistenza per l’istallazione e manutenzione di condotte fumarie. Estendere l’invito al personale di vendita di un’altra azienda non è solo un atto di cortesia verso un cliente/ fornitore al quale va la nostra stima. La collaborazione e l’interazione in aula tra personale che è sempre “on the road” per presentare il proprio prodotto, ha consentito la realizzazione di esercitazioni veramente esemplificative dei processi di comunicazione. Il corso si è svolto in modalità full immersion ed è stato realizzato dalla Ferrazza Consulting, consulenze di direzione permanente della TGI. La formazione manageriale è considerata da entrambe le Aziende come un elemento imprescindibile di crescita ed è una costante in Tecnologie Galvaniche Innocenti per aumentare la motivazione, la preparazione, il senso di autostima di tutto il personale. La formazione manageriale consente anche un confronto tra il personale dell’Azienda e la quarta generazione Innocenti che si affaccia al mondo del lavoro tramite esperienze nei nostri uffici. Le giovani ragazze Innocenti (Fabiana e Cristiana) svolgono già permanente attività in TGI e lo fanno con estrema umiltà ed impegno.

Chiunque sia interessato alla formazione manageriale ci chieda pure informazioni saremo lieti di condividere i nostri percorsi con i nostri clienti.

 

Maria Gabriella Ferrazza

]]>
Tecnologie Galvaniche Innocenti: numeri per conoscerci. Mon, 18 Feb 2019 12:50:29 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/525493.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/525493.html Maria Gabriella Ferrazza Maria Gabriella Ferrazza Una delle molte complessità legate all’attività di marketing è quella di avere una comunicazione corretta per far conoscere l’azienda. Si rischia sempre di risultare o altisonanti o troppo poveri di informazione. Noi, in questa news letter di febbraio abbiamo scelto di comunicare attraverso i numeri: numeri che se ben letti possono dare una visione oggettiva della nostra azienda. Ma non solo, a nostro avviso, fanno leggere il lavoro di attenzione alla qualità che ci caratterizza. Iniziamo quindi questo, speriamo interessante, viaggio nei nostri numeri.

Ci piace riaffermare che abbiamo vernici di  colori che possono accontentare praticamente tutte le esigenze. Sono infatti 769 tra colori base ed effetti cromatici. Gli effetti cromatici sono tantissimi e quindi basta chiedere: un effetto mat, oppure lucido, o effetto marmo o bucciato e tanto altro. Nel 2018 sono stati 55.000 i kg. di vernice usata per ottenere la finitura migliore possibile. E per consegnare il nostro materiale con la massima sicurezza abbiamo consumato 1.356 metri di pellicola e 114 metri di pluriball. Questo per accontentare 181 clienti di cui 65 acquisiti con soddisfazione nel 2018. Abbiamo emesso 3090 bolle di consegna. Ore e ore di lavoro del nostro personale istruito a rispettare i protocolli di qualità della nostra certificazione.

E questi sono i dati inerenti alla verniciatura, per quanto riguarda il decapaggio e la passivazione abbiamo trattato circa 110.000 kg. di acciaio.

Questi i nostri numeri per farci conoscere da un punto di vista oggettivo ma per quanto riguarda i nostri rapporti con tutti i clienti dell’azienda: dai committenti al personale interno non ci interessano i numeri conta solo il rapporto umano. Quest’ultimo sempre basato sul rispetto, la lealtà, l’educazione, la correttezza e ultima ma non meno importante la professionalità.

Noi ci auguriamo, in questi primi mesi dell’anno, di aver scattato, attraverso i numeri, una fotografia della nostra azienda con diverse sfumature di colore e allora grazie ancora della vostra cortese attenzione. 

 

 Maria Gabriella Ferrazza

 

]]>
SI E’ SPENTO GIUSEPPE INNOCENTI Wed, 17 Oct 2018 14:36:04 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/497296.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/497296.html Maria Gabriella Ferrazza Maria Gabriella Ferrazza Addio ad un pioniere delle Galvanica nel Lazio

SI E’ SPENTO GIUSEPPE INNOCENTI

Fondatore delle aziende Trattamenti Galvanici industriali e Tecnologie Galvaniche Innocenti.

 

Chi ha conosciuto Giuseppe Innocenti ricorda un uomo dal carattere forte sempre pronto a dire “pane al pane e vino al vino”. Era fatto così: diretto, assertivo, senza peli sulla lingua ma con un grande senso religioso e, pur se con modi burberi, sempre pronto a comprendere il prossimo.

Ieri ci ha lasciato: alle 15,00 del 16 ottobre 2018, presso l’ospedale di Tor Vergata a Roma si è spento Giuseppe Innocenti, classe 1937 circondato dall’affetto della moglie Giuliana, dai figli e dai nipoti.

Da tempo affetto da una malattia degenerativa si è, fino alla fine, interessato alle aziende di famiglia dirette rispettivamente dalla figlia Barbara Innocenti e da suo marito (Trattamenti Galvanici Industriali in Morena –RM-) e dal figlio, Leonardo Innocenti (Tecnologie Galvaniche Innocenti in Anagni -FR-).

La sua storia professionale è esemplare: nel 1948, suo padre Luca fonda il primo laboratorio di pulitura di metalli nel cuore di Roma. Abituato dal periodo bellico ai sacrifici dal ’48 al ’69 sviluppa l’attività coinvolgendo Giuseppe che nel ’69 decide di ampliare l’impresa famigliare approfondendo i processi per la nichelatura e trattare, sempre più, i trattamento galvanici. 

Affascinato dal risultato che attraverso il trattamento galvanico si può ottenere sviluppa altissime competenze per migliorare le caratteristiche dei manufatti (resistenza alla corrosione o proprietà elettriche, meccaniche e ottiche). Nel 1985, con l’aiuto del figlio Leonardo, fonda un nuovo stabilimento ad Anagni destinato a sviluppare nuove tecnologie di trattamenti sugli acciai e con un settore specializzato nella verniciatura sia a polvere che liquida su qualsiasi supporto di base (ferro, legno, plastica, ecc.).

Negli anni ha affiancato i figli nella direzione aziendale affrontando crisi economiche e faticosi processi innovativi. La sua determinazione, il suo coraggio e la fede sono stati un esempio per tutti i collaboratori delle aziende, che lo ricordano con affetto e stima.

Bisognava frequentarlo un po’, Giuseppe Innocenti, per scoprire sotto quella superficiale ruvidezza caratteriale un uomo profondamente buono e onesto.

Addio Giuseppe, non ti dimenticheremo.  

 

Maria Gabriella Ferrazza

]]>
Oltre alla verniciatura la passivazione dell’acciaio inox Wed, 26 Sep 2018 13:52:45 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/493203.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/493203.html Maria Gabriella Ferrazza Maria Gabriella Ferrazza TECNOLOGIE GALVANICHE INNOCENTI ALL’AVANGUARDIA NEI TRATTAMENTI GALVANICI SUPERFICIALI

Trattiamo acciaio inox, ferro, plastica e legno

 

Tecnologie Galvaniche Innocenti ha da tempo ampliato la rosa dei suoi servizi. Questo non significa che la verniciatura a polvere o liquida, su ferro plastica e legno non sia costantemente controllata. Lo garantisce la nostra certificazione, che assicura processi di alta qualità.

I servizi sono stati ampliati inserendo già dalla scorso anno il decapaggio e la passivazione su acciaio inox. Ma come si effettua questo trattamento? Partiamo da alcune considerazioni: la resistenza alla corrosione degli acciai inox (ma anche di altri metalli) dipende in gran parte dalle condizioni superficiali del metallo. In particolare dalla presenza o meno di ossidi, definiti come costituenti dello strato passivo. Le modifiche superficiali che avvengono sull’ acciaio inox sono definite come “fenomeni di passivazione”.

La passivazione che noi effettuiamo, è un fenomeno di natura chimica. Questo può rallentare o impedire completamente la reazione di corrosione dei materiali metallici. Tale fenomeno favorisce la sigillatura della superficie trattata e avviene immergendo, in una soluzione acida, i pezzi da passivare. Le dimensioni massime che possiamo trattare in fase di passivazione sono: 4 mt x 2,30 mt x 0,60 mt con pesi fino a 1.000 kg.

Alcune aziende operanti a livello mondiale ci hanno inserito nel loro albo fornitori. Questo è stato ottenuto superando tutti i test relativi ai processi qualitativi normati internazionalmente. La nostra customer satisfaction è alta e questo ci riempie di orgoglio.

Tutto questo può essere da noi offerto con la massima competitività in termini di prezzi e questo è un buon motivo per rivolgersi a noi per tutte le esigenze di verniciatura e passivazione.    

Maria Gabriella Ferrazza]]>
Oltre alla verniciatura la passivazione dell’acciaio inox Wed, 26 Sep 2018 13:52:43 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/493202.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/493202.html Maria Gabriella Ferrazza Maria Gabriella Ferrazza TECNOLOGIE GALVANICHE INNOCENTI ALL’AVANGUARDIA NEI TRATTAMENTI GALVANICI SUPERFICIALI

Trattiamo acciaio inox, ferro, plastica e legno

 

Tecnologie Galvaniche Innocenti ha da tempo ampliato la rosa dei suoi servizi. Questo non significa che la verniciatura a polvere o liquida, su ferro plastica e legno non sia costantemente controllata. Lo garantisce la nostra certificazione, che assicura processi di alta qualità.

I servizi sono stati ampliati inserendo già dalla scorso anno il decapaggio e la passivazione su acciaio inox. Ma come si effettua questo trattamento? Partiamo da alcune considerazioni: la resistenza alla corrosione degli acciai inox (ma anche di altri metalli) dipende in gran parte dalle condizioni superficiali del metallo. In particolare dalla presenza o meno di ossidi, definiti come costituenti dello strato passivo. Le modifiche superficiali che avvengono sull’ acciaio inox sono definite come “fenomeni di passivazione”.

La passivazione che noi effettuiamo, è un fenomeno di natura chimica. Questo può rallentare o impedire completamente la reazione di corrosione dei materiali metallici. Tale fenomeno favorisce la sigillatura della superficie trattata e avviene immergendo, in una soluzione acida, i pezzi da passivare. Le dimensioni massime che possiamo trattare in fase di passivazione sono: 4 mt x 2,30 mt x 0,60 mt con pesi fino a 1.000 kg.

Alcune aziende operanti a livello mondiale ci hanno inserito nel loro albo fornitori. Questo è stato ottenuto superando tutti i test relativi ai processi qualitativi normati internazionalmente. La nostra customer satisfaction è alta e questo ci riempie di orgoglio.

Tutto questo può essere da noi offerto con la massima competitività in termini di prezzi e questo è un buon motivo per rivolgersi a noi per tutte le esigenze di verniciatura e passivazione.    

Maria Gabriella Ferrazza]]>
Oltre alla verniciatura la passivazione dell’acciaio inox TECNOLOGIE GALVANICHE INNOCENTI ALL’AVANGUARDIA NEI TRATTAMENTI GALVANICI SUPERFICIALI Trattiamo acciaio inox, ferro, plastica e legno Wed, 26 Sep 2018 13:52:19 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/493201.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/493201.html Maria Gabriella Ferrazza Maria Gabriella Ferrazza Tecnologie Galvaniche Innocenti ha da tempo ampliato la rosa dei suoi servizi. Questo non significa che la verniciatura a polvere o liquida, su ferro plastica e legno non sia costantemente controllata. Lo garantisce la nostra certificazione, che assicura processi di alta qualità.

I servizi sono stati ampliati inserendo già dalla scorso anno il decapaggio e la passivazione su acciaio inox. Ma come si effettua questo trattamento? Partiamo da alcune considerazioni: la resistenza alla corrosione degli acciai inox (ma anche di altri metalli) dipende in gran parte dalle condizioni superficiali del metallo. In particolare dalla presenza o meno di ossidi, definiti come costituenti dello strato passivo. Le modifiche superficiali che avvengono sull’ acciaio inox sono definite come “fenomeni di passivazione”.

La passivazione che noi effettuiamo, è un fenomeno di natura chimica. Questo può rallentare o impedire completamente la reazione di corrosione dei materiali metallici. Tale fenomeno favorisce la sigillatura della superficie trattata e avviene immergendo, in una soluzione acida, i pezzi da passivare. Le dimensioni massime che possiamo trattare in fase di passivazione sono: 4 mt x 2,30 mt x 0,60 mt con pesi fino a 1.000 kg.

Alcune aziende operanti a livello mondiale ci hanno inserito nel loro albo fornitori. Questo è stato ottenuto superando tutti i test relativi ai processi qualitativi normati internazionalmente. La nostra customer satisfaction è alta e questo ci riempie di orgoglio.

Tutto questo può essere da noi offerto con la massima competitività in termini di prezzi e questo è un buon motivo per rivolgersi a noi per tutte le esigenze di verniciatura e passivazione.    

 

Maria Gabriella Ferrazza 

]]>
Oltre alla verniciatura la passivazione dell’acciaio inox TECNOLOGIE GALVANICHE INNOCENTI ALL’AVANGUARDIA NEI TRATTAMENTI GALVANICI SUPERFICIALI Trattiamo acciaio inox, ferro, plastica e legno Wed, 26 Sep 2018 13:51:47 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/493200.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/493200.html Maria Gabriella Ferrazza Maria Gabriella Ferrazza Tecnologie Galvaniche Innocenti ha da tempo ampliato la rosa dei suoi servizi. Questo non significa che la verniciatura a polvere o liquida, su ferro plastica e legno non sia costantemente controllata. Lo garantisce la nostra certificazione, che assicura processi di alta qualità.

I servizi sono stati ampliati inserendo già dalla scorso anno il decapaggio e la passivazione su acciaio inox. Ma come si effettua questo trattamento? Partiamo da alcune considerazioni: la resistenza alla corrosione degli acciai inox (ma anche di altri metalli) dipende in gran parte dalle condizioni superficiali del metallo. In particolare dalla presenza o meno di ossidi, definiti come costituenti dello strato passivo. Le modifiche superficiali che avvengono sull’ acciaio inox sono definite come “fenomeni di passivazione”.

La passivazione che noi effettuiamo, è un fenomeno di natura chimica. Questo può rallentare o impedire completamente la reazione di corrosione dei materiali metallici. Tale fenomeno favorisce la sigillatura della superficie trattata e avviene immergendo, in una soluzione acida, i pezzi da passivare. Le dimensioni massime che possiamo trattare in fase di passivazione sono: 4 mt x 2,30 mt x 0,60 mt con pesi fino a 1.000 kg.

Alcune aziende operanti a livello mondiale ci hanno inserito nel loro albo fornitori. Questo è stato ottenuto superando tutti i test relativi ai processi qualitativi normati internazionalmente. La nostra customer satisfaction è alta e questo ci riempie di orgoglio.

Tutto questo può essere da noi offerto con la massima competitività in termini di prezzi e questo è un buon motivo per rivolgersi a noi per tutte le esigenze di verniciatura e passivazione.    

Maria Gabriella Ferrazza]]>
LA PERFEZIONE NELLA VERNICIATURA ANCHE NELLE GRANDI DIMENSIONI Wed, 21 Mar 2018 16:49:42 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/474015.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/474015.html Maria Gabriella Ferrazza Maria Gabriella Ferrazza Un processo minuzioso che se spiegato fa meglio comprendere la nostra idea di qualità

 

 

Tecnologie Galvaniche Innocenti ha tra i suoi tanti punti di forza la dotazione di numerosi impianti tra i quali quello, che può supportare elementi sottoposti al processo di verniciatura con una lunghezza fino a 14 metri con una portata in termini di peso di ben 5.000 kg.

La dimensione non è il solo unico punto di forza di questo imponente impianto. Dal suo processo si può passare sia al procedimento di verniciatura liquida, sia a quello di verniciatura a polvere. Ma passiamo ad analizzare le varie fasi, che caratterizzano il processo di lavorazione dei materiali prima di arrivare alla verniciatura. Sono infatti questi processi a garantire l’alta qualità delle verniciatura. L’attenzione e la professionalità con cui le fasi di pretrattamento vengono svolte fanno l’effettiva differenza per ottenere una verniciatura di altissima qualità.

La prima fase è il carico dei pezzi. Una fase che potrebbe sembrare banale, ma non è così. Infatti è proprio l’attenzione con cui i pezzi vengono posti sulla linea, che garantisce all’oggetto da trattare di essere perfettamente curato per ogni centimetro della sua superfice. Proprio per questo scopo il materiale deve avere dei fori che permettano un corretto aggancio sulla linea. Inoltre essi sono indispensabili per far defluire correttamente i liquidi usati nella fase di pretrattamento.

Si passa poi all’operazione di sgrassaggio dove vengono utilizzati prodotti decapanti acidi, che rimuovono le incrostazioni e altri contaminanti dalle superfici metalliche. I prodotti attivano la superficie per prepararla al successivo trattamento di lavaggio e forniscono una leggera incisione per una migliore adesione.

Il lavaggio è effettuato con acqua demineralizzata, che per sua natura è priva di sali minerali, calcare e gas e garantisce una perfetta pulizia per passare alla fase di fosfodecapaggio.

Questo processo viene utilizzato per disossidare le superfici ferrose e costituisce un vero e proprio trattamento e non un semplice decapaggio. Ha un costo abbastanza elevato, ma lascia sulla superfice del ferro, uno strato di fosfato, che rappresenta una discreta protezione contro il flash rusting (aggressione immediata della ruggine) e costituisce, quindi, una buona base per la verniciatura successiva.

Ma dobbiamo ancora effettuare alcune operazioni per garantire una perfetta verniciatura. Il materiale viene, quindi, sottoposto ad un’ ulteriore fase di lavaggio con acqua demineralizzata. Successivamente il materiale viene inviato alla fase di asciugatura utilizzando un forno, che opera con aria calda.

Prima di procedere alla verniciatura vera e propria, cha sia liquida o a polvere i pezzi devono essere minuziosamente controllati per accertarsi, che il materiale consenta una perfetta aderenza della vernice.

Il ciclo si conclude per la verniciatura liquida con una fase di essiccamento dopo il trattamento. La verniciatura a polvere necessita di un’ulteriore fase detta di polimerizzazione: il materiale viene posto in forni ad una temperatura, che varia dai 180° ai 220°. Tale processo consente alla vernice di essere resistente e quindi durevole nel tempo.

 

Con questo articolo abbiamo voluto, semplicemente, sottolineare quanto sia importante per noi porre la massima attenzione su ogni fase di lavorazione. Siamo consapevoli, che quanto detto verrà interpretato non in senso autocelebrativo, ma con lo spirito di servizio, che ci contraddistingue.

 Maria Gabriella Ferrazza

]]>
LA PERFEZIONE NELLA VERNICIATURA ANCHE NELLE GRANDI DIMENSIONI Wed, 21 Mar 2018 16:49:40 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/474014.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/474014.html Maria Gabriella Ferrazza Maria Gabriella Ferrazza Un processo minuzioso che se spiegato fa meglio comprendere la nostra idea di qualità

 

 

Tecnologie Galvaniche Innocenti ha tra i suoi tanti punti di forza la dotazione di numerosi impianti tra i quali quello, che può supportare elementi sottoposti al processo di verniciatura con una lunghezza fino a 14 metri con una portata in termini di peso di ben 5.000 kg.

La dimensione non è il solo unico punto di forza di questo imponente impianto. Dal suo processo si può passare sia al procedimento di verniciatura liquida, sia a quello di verniciatura a polvere. Ma passiamo ad analizzare le varie fasi, che caratterizzano il processo di lavorazione dei materiali prima di arrivare alla verniciatura. Sono infatti questi processi a garantire l’alta qualità delle verniciatura. L’attenzione e la professionalità con cui le fasi di pretrattamento vengono svolte fanno l’effettiva differenza per ottenere una verniciatura di altissima qualità.

La prima fase è il carico dei pezzi. Una fase che potrebbe sembrare banale, ma non è così. Infatti è proprio l’attenzione con cui i pezzi vengono posti sulla linea, che garantisce all’oggetto da trattare di essere perfettamente curato per ogni centimetro della sua superfice. Proprio per questo scopo il materiale deve avere dei fori che permettano un corretto aggancio sulla linea. Inoltre essi sono indispensabili per far defluire correttamente i liquidi usati nella fase di pretrattamento.

Si passa poi all’operazione di sgrassaggio dove vengono utilizzati prodotti decapanti acidi, che rimuovono le incrostazioni e altri contaminanti dalle superfici metalliche. I prodotti attivano la superficie per prepararla al successivo trattamento di lavaggio e forniscono una leggera incisione per una migliore adesione.

Il lavaggio è effettuato con acqua demineralizzata, che per sua natura è priva di sali minerali, calcare e gas e garantisce una perfetta pulizia per passare alla fase di fosfodecapaggio.

Questo processo viene utilizzato per disossidare le superfici ferrose e costituisce un vero e proprio trattamento e non un semplice decapaggio. Ha un costo abbastanza elevato, ma lascia sulla superfice del ferro, uno strato di fosfato, che rappresenta una discreta protezione contro il flash rusting (aggressione immediata della ruggine) e costituisce, quindi, una buona base per la verniciatura successiva.

Ma dobbiamo ancora effettuare alcune operazioni per garantire una perfetta verniciatura. Il materiale viene, quindi, sottoposto ad un’ ulteriore fase di lavaggio con acqua demineralizzata. Successivamente il materiale viene inviato alla fase di asciugatura utilizzando un forno, che opera con aria calda.

Prima di procedere alla verniciatura vera e propria, cha sia liquida o a polvere i pezzi devono essere minuziosamente controllati per accertarsi, che il materiale consenta una perfetta aderenza della vernice.

Il ciclo si conclude per la verniciatura liquida con una fase di essiccamento dopo il trattamento. La verniciatura a polvere necessita di un’ulteriore fase detta di polimerizzazione: il materiale viene posto in forni ad una temperatura, che varia dai 180° ai 220°. Tale processo consente alla vernice di essere resistente e quindi durevole nel tempo.

 

Con questo articolo abbiamo voluto, semplicemente, sottolineare quanto sia importante per noi porre la massima attenzione su ogni fase di lavorazione. Siamo consapevoli, che quanto detto verrà interpretato non in senso autocelebrativo, ma con lo spirito di servizio, che ci contraddistingue.

 Maria Gabriella Ferrazza

]]>
LA PERFEZIONE NELLA VERNICIATURA ANCHE NELLE GRANDI DIMENSIONI Wed, 21 Mar 2018 16:49:38 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/474013.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/474013.html Maria Gabriella Ferrazza Maria Gabriella Ferrazza Un processo minuzioso che se spiegato fa meglio comprendere la nostra idea di qualità

 

 

Tecnologie Galvaniche Innocenti ha tra i suoi tanti punti di forza la dotazione di numerosi impianti tra i quali quello, che può supportare elementi sottoposti al processo di verniciatura con una lunghezza fino a 14 metri con una portata in termini di peso di ben 5.000 kg.

La dimensione non è il solo unico punto di forza di questo imponente impianto. Dal suo processo si può passare sia al procedimento di verniciatura liquida, sia a quello di verniciatura a polvere. Ma passiamo ad analizzare le varie fasi, che caratterizzano il processo di lavorazione dei materiali prima di arrivare alla verniciatura. Sono infatti questi processi a garantire l’alta qualità delle verniciatura. L’attenzione e la professionalità con cui le fasi di pretrattamento vengono svolte fanno l’effettiva differenza per ottenere una verniciatura di altissima qualità.

La prima fase è il carico dei pezzi. Una fase che potrebbe sembrare banale, ma non è così. Infatti è proprio l’attenzione con cui i pezzi vengono posti sulla linea, che garantisce all’oggetto da trattare di essere perfettamente curato per ogni centimetro della sua superfice. Proprio per questo scopo il materiale deve avere dei fori che permettano un corretto aggancio sulla linea. Inoltre essi sono indispensabili per far defluire correttamente i liquidi usati nella fase di pretrattamento.

Si passa poi all’operazione di sgrassaggio dove vengono utilizzati prodotti decapanti acidi, che rimuovono le incrostazioni e altri contaminanti dalle superfici metalliche. I prodotti attivano la superficie per prepararla al successivo trattamento di lavaggio e forniscono una leggera incisione per una migliore adesione.

Il lavaggio è effettuato con acqua demineralizzata, che per sua natura è priva di sali minerali, calcare e gas e garantisce una perfetta pulizia per passare alla fase di fosfodecapaggio.

Questo processo viene utilizzato per disossidare le superfici ferrose e costituisce un vero e proprio trattamento e non un semplice decapaggio. Ha un costo abbastanza elevato, ma lascia sulla superfice del ferro, uno strato di fosfato, che rappresenta una discreta protezione contro il flash rusting (aggressione immediata della ruggine) e costituisce, quindi, una buona base per la verniciatura successiva.

Ma dobbiamo ancora effettuare alcune operazioni per garantire una perfetta verniciatura. Il materiale viene, quindi, sottoposto ad un’ ulteriore fase di lavaggio con acqua demineralizzata. Successivamente il materiale viene inviato alla fase di asciugatura utilizzando un forno, che opera con aria calda.

Prima di procedere alla verniciatura vera e propria, cha sia liquida o a polvere i pezzi devono essere minuziosamente controllati per accertarsi, che il materiale consenta una perfetta aderenza della vernice.

Il ciclo si conclude per la verniciatura liquida con una fase di essiccamento dopo il trattamento. La verniciatura a polvere necessita di un’ulteriore fase detta di polimerizzazione: il materiale viene posto in forni ad una temperatura, che varia dai 180° ai 220°. Tale processo consente alla vernice di essere resistente e quindi durevole nel tempo.

 

Con questo articolo abbiamo voluto, semplicemente, sottolineare quanto sia importante per noi porre la massima attenzione su ogni fase di lavorazione. Siamo consapevoli, che quanto detto verrà interpretato non in senso autocelebrativo, ma con lo spirito di servizio, che ci contraddistingue.

 Maria Gabriella Ferrazza

]]>
Tecnologie Galvaniche Innocenti: ricerchiamo nuovi obiettivi di crescita quantitativa e qualitativa Mon, 05 Feb 2018 10:16:08 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/468586.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/468586.html Maria Gabriella Ferrazza Maria Gabriella Ferrazza Per un’azienda il cui core business è fortemente legato al fattore impiantistico, la crescita dei servizi è particolarmente complicata. Certo è che un’azienda non può fermarsi di fronte all’importanza che gli impianti hanno sulla produzione. La nostra azienda ha scelto di operare nel modo più determinato possibile per apportare innovazione ai propri programmi di crescita.

Le direzioni che seguiamo sono sostanzialmente due: l’evoluzione dei processi di verniciatura che già con la fine dell’anno passato si sono ampliati dirigendosi verso la più ampia scelta di materiali di supporto su cui effettuare la verniciatura. Oggi, oltre al ferro, che costituisce l’80% delle nostre lavorazioni, siamo in grado di trattare con risultati eccellenti il legno, la plastica, l’alluminio e l’acciaio. Un altro processo attivato che ci vede in pole position tra le azienda del settore è il decapaggio e passivazione su acciaio inox. Un altro punto di forza della nostra azienda sono senza dubbio i 52 colori di vernice sempre a magazzino. Ovviamente, su precisa richiesta possiamo variare all’infinito la nostra offerta sempre utilizzando vernici di altissima qualità, che ci fanno distinguere nel mercato di riferimento.

crescita

Ma il 2018 ci ha spronato a fare nuovi passi avanti. Questa volta verso la possibile espansione territoriale. Già da anni serviamo alcune azienda che hanno sede in Abruzzo e in Umbria, abbiamo quindi deciso di rendere più strutturato il nostro lavoro in quelle regioni. Un nuovo funzionario di vendita visiterà tutti i potenziali clienti di quelle regioni. Un programma settimanale di ritiri e consegne vedrà i nostri camion al servizio delle aziende che vorranno sceglierci.

Queste per il momento le iniziative del 2018. Non ci fermeremo certo qui e ci auguriamo che l’offerta di verniciatura su una più vasta quantità di supporti, sproni i nostri clienti, che lo ritengano utile, ad ampliare la loro gamma di servizi offerti.

 

Noi continuiamo ad impegnarci per cercare sempre di dare l’altissima qualità che ci contraddistingue.

Maria Gabriella Ferrazza

]]>
IL MARKETING COME STRUMENTO DI SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Mon, 04 Dec 2017 10:49:50 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/461458.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/metallurgia_e_siderurgia/461458.html Maria Gabriella Ferrazza Maria Gabriella Ferrazza Marketing oriented: ovvero orientamento al mercato di riferimento. Un termine a cui i media ci hanno abituato e di cui, forse, non cogliamo tutte le implicazioni. Ma cosa vuol dire, oggi, essere realmente una azienda “marketing oriented”?

Certo non è sola massima attenzione al cliente e uso sapiente di tutti i mezzi di comunicazione, così come non è soltanto porre grande attenzione alla qualità. Marketing oriented, oggi, è soprattutto cogliere tutte le sfaccettature del mercato di riferimento.

Tecnologie Galvaniche Innocenti sta impegnando molte energie per dare il massimo delle risposte a tutti i clienti, con diverse esigenze e diverse tipologie di prodotti. Ed è così che la nostra Azienda si sta cimentando sulle grandissime dimensioni ma anche su interventi su oggetti di uso quotidiano. Questi ultimi risentono delle influenze dei designer che vogliono rinnovare oggetti che non possono essere modificati nella loro struttura già perfetta.

Tutto questo senza trascurare il nostro core business fatto di manufatti in ferro e acciaio di tantissime tipologie.

Abbiamo voluto illustrare tutto questo anche attraverso la realizzazione del nostro calendario del 2018 che riporta una serie di foto esplicative di tutte le lavorazioni che abbiamo eseguito e stiamo eseguendo presso il nostro stabilimento.

I riconoscimenti stanno arrivando dai nostri clienti storici e da multinazionali per le quali abbiamo superato tutte le severe richieste di idoneità.

Ma con questa breve news di fine anno vogliamo cogliere l’occasione per ringraziare tutti i nostri clienti che da anni si rivolgono a noi e sui quali contiamo e ai quali vogliamo dire: si, siamo marketing oriented e quindi i nostri clienti sono il patrimonio aziendale di cui ci prendiamo più cura.

 

Maria Gabriella Ferrazza

]]>