Comunicati.net - Comunicati pubblicati - marketing-seo.it Comunicati.net - Comunicati pubblicati - marketing-seo.it Mon, 08 Mar 2021 02:31:31 +0100 Zend_Feed_Writer 1.12.20 (http://framework.zend.com) http://comunicati.net/utenti/17675/1 Come scegliere le placche per interni e dove comprarle Tue, 02 Mar 2021 15:52:14 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/materie_plastiche_e_gomma/692811.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/materie_plastiche_e_gomma/692811.html marketing-seo.it marketing-seo.it Quando si parla di placche per interni ci si riferisce alle mascherine che servono ad incorniciare interruttori e prese di corrente.  

Quindi le sono delle semplici mascherine meramente funzionali? No, perché le placche per interni non sono tutte uguali e la loro scelta può sicuramente influenzare tutto l'ambiente, per questo è importante sceglierle con cura. Ecco quindi una guida alla scelta di placche per interni.

Placche elettriche: cosa sono

Le placche elettriche sono le mascherine che racchiudono gli interruttori ed i dispositivi che usiamo per comandare l'impianto elettrico. Fanno, in pratica, da contorno, da cornice agli interruttori della luce o alle prese della corrente.

La loro funzione non è solo di proteggere le prese, ma anche quella di individuare le prese stesse senza fatica ed armonizzare lo stile estetico nel suo insieme.

Come scegliere le placche per interni

Ci sono diverse tipologie di placche elettriche per interni, scegliere non è semplice e per farlo occorre avere le idee chiare. La scelta non si limita nel loro essere un componente dell'illuminazione ma, si estende anche a livello estetico, in quanto segue lo stile dell'arredo della casa.

Nella scelta delle placche per interni è dunque  importante orientarsi per placche che siano in grado di adattarsi al colore delle pareti ed allo stile d'arredo.

Prima di scegliere, occorre considerare il numero di placche che vi occorrono e l'adeguata compatibilità: ogni placca deve  corrispondere alla sua scocca e deve tener conto del numero di prese.

È consigliabile  acquistare contemporaneamente le placchette ed il supporto, cosi da non avere disarmonie nell'arredo. La scelta può essere fatta in continuità con lo stile della casa o in contrasto, in base alle proprie esigenze.

È molto importante tenere presente  lo stile di arredo: arredamento classico, moderno, urban, contemporaneo, ogni stile ha possibilità di scelta della sua placchetta adatta.

Generalmente, le placche per interni sono uguali in tutta la casa, ma non si tratta di una scelta obbligata. È infatti possibile, pur optando per una stessa linea di placche per interni, scegliere colori e  finiture diverse in base alle caratteristiche della stanza.

Per quel che riguarda la forma, ci si può orientare per un design asciutto, squadrato e spigoloso, oppure optare per forme più arrotondate e morbide.

Ci sono poi placche che vanno bene ovunque, in qualsiasi ambiente, con qualsiasi stile, che si possono definire neutre, basiche. La scelta è quindi davvero vastissima. Vediamo alcune opzioni

Placche tradizionali

Le placche tradizionali sono le più diffuse, tra queste spiccano quelle realizzate in materiali plastici (i tecnopolimeri) che sono anche le più economiche. Il vantaggio è proprio quello del costo ma anche quello della grande varietà di stili, colori e finiture.

Si tratta di placche che costano poco e che rendono molto. Si può optare per placche lucide, opache, satinate, trattate, di svariati colori e di diverse forme.

 Ci sono placche raso muro o a rilievo, tutte hanno un effetto diverso che varia anche in base al colore: a contrasto o uniforme con il colore della parete.

Tra le placche più diffuse troviamo le placche in vetro, perfette per gli ambienti contemporanei e moderni, quelle in legno o in metallo, quelle colorate, perfette per le camerette dei bambini, disponibili anche con luce integrata per avere la lucina anche durante la notte.

Ci sono poi le placche con bordi fluorescenti, visibili al buio, perfetti per avere visibilità anche al buio. Sono disponibili anche placche raffinate e preziose realizzate in eleganti e luccicanti cristalli svarowsky, in pietra o addirittura in pelle o placcate in oro o argento.

Chi ama il green apprezzerà le placche in materiali ecologici come il sughero o il bamboo.

Placche  ad incasso

Le placche ad incasso consentono di avere la placca filo muro. Si tratta di una soluzione perfetta per le case moderne e gli stili minimal.

 Placche touch 

Le placche touch sono quelle perfette per le case smart, dove la tecnologia e la domotica primeggiano. Una casa moderna e tecnologica sarà perfettamente completata con le placche touch.  È sufficiente sfiorarle per farle funzionare.

Anche tra le placche touch c'è una vasta possibilità di scelta: dalle placche raso muro a interruttori senza placca, a placche che ricordano delle vere e proprie cornici, a placche profilate con led o con bordi fluorescenti.

 Dove acquistare le placche per interni

Le placche per interni possono essere acquistate nei negozi che trattano materiali elettrici oppure, on line in uno dei tanti negozi dedicati alla vendita di materiale elettrico.

Questa ultima modalità è sicuramente quella che presenta più vantaggi. Vediamo quali:

§  è l'opzione più pratica perché può essere fatta comodamente da casa con qualche clic

§  consente di scegliere tra una scelta vastissima, certamente maggiore rispetto a quella disponibile nei negozi tradizionali.

§  permette di valutare attentamente e con calma i diversi modelli, le diverse marche, di leggere anche recensioni di clienti che hanno già acquistato

§ è conveniente: comprare on line conviene, si risparmia in termini di tempo e di denaro.

§  on line ci sono spesso offerte molto vantaggiose

§  consente di fare la ricerca per marchio, per modello, per materiale, per tecnologia

Per acquistare le placche per interni si può quindi navigare in qualche portale che vende materiale elettrico e scegliere il modello facendo attenzione ad inserire le misure adatte.

 Quanto costano le placche per interni?

Il prezzo delle placche per interni è variabile in base al modello. Le placche per interni si possono acquistare nei negozi specializzati oppure on line. La grande varietà di prezzi cambia in base al modello, al tipo  di materiale, alle caratteristiche tecniche ed al design. Tra i migliori prodotti n commercio si cono le placche bticino living, da sempre garanzia di qualità e versatilità e di facile installazione.

Le placche più convenienti sono indubbiamente quelle realizzate in plastica, alcuni prezzi  partono da pochi euro l’una. Ovviamente il costo sale quando si passa a materiali più pregiati.
Ma la vera differenza di prezzo è data soprattutto dal livello di tecnologia: più il livello di tecnologia sale, più sale il prezzo.

]]>
Rimedi naturali contro il mal di testa Sat, 27 Feb 2021 22:53:36 +0100 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/692231.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/692231.html marketing-seo.it marketing-seo.it Il mal di testa è un dolore che può essere percepito nella zona della fronte, ai lati del cranio o nella parte posteriore. In Italia, le cafalee colpiscono in media 26 milioni di persone, specialmente nella fascia d’età che oscilla tra i 30 ed i 50 anni.

Non sempre è consigliato assumere antidolorifici, specialmente senza aver consultato uno specialista, spesso è sufficiente affidarsi a rimedi naturali in grado di alleviare il dolore.

In molti sono scettici sull’efficacia di questi strumenti, tuttavia, secondo molti esperti alcuni rimedi naturali possono essere un’ottima arma anche per questa patologia comune. Sul sito https://cliccanotizie.it/ potete trovare alcune informazioni utili ad approfondire l’argomento.

Impacchi freddi

Gli impacchi freddi sono uno dei metodi più efficaci per curare il mal di testa. Il ghiaccio è infatti un vasocostrittore, capace di ridurre il dolore e alleviare le infiammazioni. Si possono applicare dei cubetti di ghiaccio sulla fronte, sugli occhi o sulle tempie specialmente se si hanno delle forti pulsazioni.

In alternativa, si possono utilizzare le tavolette fredde oppure una busta di piselli, o ancora delle fettine di patate crude ben fredde, che hanno un’azione antiinfiammatoria grazie all’amido.

Ancora, si possono usare asciugamani imbevuti in acqua fredda o maschere fredde acquistabili in farmacia. È importante, però, applicare il corpo freddo per un lasso di tempo di dieci minuti alla volta, poiché si rischia di peggiorare il dolore oppure di ustionare la cute.

Oli essenziali

Gli oli essenziali, specialmente quelli di erbe balsamiche, aiutano ad alleviare mal di testa e cefalee dovute all’ansia, allo stress ed al mancato riposo.

L’olio di menta, ad esempio, è un toccasana in caso di affaticamento psichico, mentre quello di lavanda agisce come un tonico e sedativo per l’organismo. Si possono applicare direttamente sulle tempie, oppure aggiunti ad un bagno caldo, o, ancora, inalati tramite suffumigi.

Alimenti contro il mal di testa

Non tutti lo sanno ma anche gli alimenti possono svolgere un ruolo importante nella lotta al mal di testa. Assolvono sicuramente a tale funzione i vegetali ricchi di magnesio e potassio, specialmente in caso di mal di testa associati al ciclo mestruale.

Le mandorle e le albicocche secche, ad esempio, forniscono all’organismo un buon apporto di potassio. Lo zenzero, invece, è una radice dalle potenti proprietà antidolorifiche, da assumere sotto forma di tisana calda.

Altri alimenti da consumare per alleviare le cefalee sono gli spinaci, la lattuga ed il peperoncino fresco. Un’altra sostanza che, sempre se assunta in piccole dosi, può essere utile a prevenire il mal di testa è sicuramente la caffeina contenuta nel caffè, tè, alcune bibite gassate come la cola ecc.

Essa, infatti riesce a contrastare l’azione di molecole che interagiscono come vasodilatatori dei capillari che si trovano nel cervello che in genere sono associati al mal di testa.

Così come esistono alimenti che possono prevenire o limitare il mal di testa, ci sono alcuni alimenti che accentuano il mal di testa, come gli insaccati, i salumi, ed il pesce affumicato, nonché alimenti che rilasciano grandi quantità di instamina: pomodori, banane, cioccolato, formaggi, agrumi e molti altri alimenti ancora.

]]>
L’identità digitale e la sua importanza per chi è alla ricerca di un lavoro Mon, 22 Feb 2021 11:54:44 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/690711.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/690711.html marketing-seo.it marketing-seo.it L’identità digitale è molto importante per chi oggi è alla ricerca di un impiego. Spesso questa non coincide con quella reale, ma in un mondo sempre più digitalizzato e connesso, a fare la differenza è la reputazione web.

La web reputation è il biglietto da visita di un qualunque brand o di un individuo, l’impressione degli utenti che navigano in rete contribuisce a costruire credibilità e a raggiungere all’eventuale successo personale o aziendale.

I contenuti digitali presenti in rete e facilmente rintracciabili sono in grado di influenzare l’andamento di un’attività economica o di una professione, ma anche le possibilità di accesso al mondo del lavoro.

Avere una cattiva reputazione digitale o non averne una, grava negativamente sull’immagine reale, oggi, non essere in rete vuol dire essere tagliati fuori.

È quindi fondamentale crearsi un’identità digitale chiara, coerente e facilmente consultabile, in modo da poter accrescere la fiducia negli utenti e convertirli in potenziali clienti.

Come l’identità digitale impatta sulla ricerca di un impiego

L’identità digitale e la reputazione digitale hanno acquisito moltissima importanza anche per coloro che sono alla ricerca di un lavoro. Da diversi anni le aziende che assumo personale, oltre al curriculum, si affidano proprio al web, verificando l’identità digitale del candidato.

È necessario prestare molta cura ai propri profili social, esserci in quelli specifici dedicati al lavoro e alla professioni, avere un sito internet o un blog e curare la propria immagine sul web.

Se la propria identità digitale non è ben costruita, l’impressione che si darà è di una persona che non presta cura e attenzione.

L’obiettivo principale dell’identità digitale è proprio quella di creare un’opinione positiva della persona, il suo impatto sulla vita reale può essere molto forte, per cui bisogna gestirla nel miglior modo possibile.

Ogni volta che si posta qualcosa sul web bisogna ricordarsi che è ben visibile a tutti, quindi, bisogna scegliere con cura i contenuti da proporre.

Insieme all’identità digitale sono nate una serie di normative che tutelano i dati personali. È molto frequente assistere a lesioni o anche furto dell’identità digitale, il tutto è ritenuto un crimine e punito con la legge.

Puoi monitorare la tua identità digitale e reputazione tramite diversi metodi, la prima verifica da fare è quella di cercare il proprio nome sui motori di ricerca e scoprire cosa viene detto su di te.

 Altro utilissimo strumento è Google Alert, che ti avvisa quando gli utenti effettuano una menzione online che ti riguarda, permettendoti di sapere cosa dicono di te.

Esistono delle aziende che si occupano di gestire, controllare e migliorare la reputazione online. Se stai cercando un lavoro e vuoi curare la tua identità digitale potresti affidarti a dei professionisti del settore.

Ricorda che la web reputation oggi pesa quanto il tuo curriculum vitae e se stai per candidarti a una posizione lavorativa aperta, la valutazione finale dipenderà anche dalle informazioni su di te presenti online.

]]>
Come risparmiare sul trasporto di moto incidentate Wed, 10 Feb 2021 14:28:12 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/trasporti/688657.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/trasporti/688657.html marketing-seo.it marketing-seo.it Se sei un motociclista e sei stato coinvolto in un incidente stradale, ti sarai sicuramente trovato a chiederti cosa fare con la tua due ruote sinistrata.

Può capitare che la moto sia parzialmente danneggiata o completamente distrutta e in questi casi chiedersi se ripararla, venderla o vendere solo alcune parti ancora intatte, è molto giusto.

La prima cosa da fare è valutare il danno. Dopo un incidente bisogna portare la moto dal meccanico di fiducia per fargli fare un preventivo dei danni subiti e delle spese di riparazione. Se la spesa è molto alta, si possono valutare alcune possibili alternative.

Se la moto è molto danneggiata le opzioni sono due: venderla o demolirla. Pare evidente che la prima opzione è quella che permette di guadagnare dei soldi dal danno subito, utili magari a coprire in parte la spesa per un nuovo acquisto.

In alcuni casi, potrebbe anche essere vantaggioso smontare le parti rimaste intatte e trovare più acquirenti. Questa scelta, se da un lato potrebbero farti guadagnare di più, dall’altro ti impegnano nella ricerca e in tante singole trattative, con un impiego di tempo e di attesa maggiore.

La soluzione più veloce è quella di vendere la moto sinistra a un solo acquirente.  In rete si trovano tantissime aziende che acquistano moto sinistrate, pronte a pagare subito e in contanti. Il modo migliore per guadagnare dalla tua moto incidentata.

Come trasportare la moto incidentata?

Ma come provvedere al trasporto della tua moto incidentata? Hai trovato un acquirente che è pronto a pagare per la tua moto ma devi occuparti tu della consegna, quale soluzione preferire per risparmiare?

Anche in questo caso le possibilità sono diverse. Se possiede un carrello potresti provvedere da solo al trasporto bloccando nel miglior modo la moto per evitare che subisca altri danni.

In alternativa, puoi rivolgerti a un corriere al quale dovrai specificare tutti i danni che la moto presenta o, optare per una ditta di trasporti specializzata nel trasporto di moto incidentate.

Trasportare moto sinistrate richiede la stessa cura e attenzione di quando si trasporta una moto nuova, in quanto l’acquirente dovrà riceverla nelle stesse condizioni mostrate nelle foto che hanno sancito l’accordo.

Sono tutte modalità di trasporto efficiente, ma il risparmio? Nei casi elencati, dovrai sempre spendere una somma di denaro per il trasporto, in alcuni casi, anche importante.

La soluzione più economica è dettata proprio dalle aziende di ritiro e acquisto moto incidentate. Questo tipo di servizio include, non solo il pagamento immediato della moto danneggiata, ma anche il ritiro.

Non dovrai preoccuparti di nulla se non inviare le foto della tua moto sinistrata e aspettare la proposta in denaro. In caso la somma soddisfi le tue richieste, sarà l’azienda acquirente a occuparsi del ritiro e del trasporto della moto senza ulteriori spese a tuo carico.

]]>
Utilizzo e vantaggi del condizionatore d'aria portatile Mon, 08 Feb 2021 21:36:39 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/688097.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/688097.html marketing-seo.it marketing-seo.it Rispetto al passato le temperature estive di oggi sono decisamente più alte, fino, in alcuni casi, a diventare insopportabili. Se una volta era sufficiente usare i ventilatori, oggi diventa quasi indispensabile l'uso del condizionatore. Andiamo a vedere da vicino quali sono i vantaggi del condizionatore.

Vantaggi e svantaggi del condizionatore classico

Il condizionatore permette di mantenere all'interno della propria casa (o del proprio luogo di lavoro) una temperatura gradevole anche quando le temperature esterne superano i 30°C e quando il caldo umido diventa insopportabile.

Il condizionatore classico richiede un’installazione a muro eseguita da professionisti. Per questo motivo non tutti sono disponibili ad installare un condizionatore. Sia per il lavoro in sé (in alcuni casi si tratta di inquilini) che per i costi che può avere.

C'è inoltre da considerare che l’installazione di un condizionatore classico prevede elementi esterni che possono pregiudicare l’estetica di un edificio. Questo diventa un deterrente per molti che, pur desiderando un clima tollerabile in casa, non possono o non vogliono installare un condizionatore classico.

La soluzione arriva dal condizionatore d'aria portatile. Andiamo a vedere nel dettaglio di cosa si tratta

Il condizionatore d'aria portatile, perché sceglierlo

Il condizionatore d'aria portatile presenta diversi vantaggi che lo fanno decisamente preferire rispetto al condizionatore classico.

        è facile da installare

        è più economico rispetto al condizionatore classico

        si sposta facilmente da una stanza all'altra

Condizionatore d'aria portatile: modelli

Si può scegliere tra diversi modelli di condizionatori d'aria portatili: monoblocco o split, solo freddo o a pompa di calore, on-off o inverter.

      Monoblocco o split. La prima scelta è relativa tra i modelli monoblocco o split. Il modello monoblocco è composto da un’unica unità ed è provvisto di un tubo di scarico dell’area calda che deve uscire fuori dall’abitazione, come ad esempio sul balcone o da una finestra. I modelli con split sono invece composti da due parti: quella da cui esce l’area fredda, da posizionare all’interno dell’abitazione, e il condensatore, da porre all’esterno. Il vantaggio è rappresentato dalla potenza e dalla silenziosità.

      Solo freddo o a pompa di calore. I modelli “solo freddo”, raffreddano l’aria in estate; i modelli a pompa di calore, sono in grado anche di riscaldala durante l’inverno.

      On-off o inverter. I condizionatori on-off si spengono e si accendono automaticamente una volta impostata la temperatura. I modelli inverter, invece, hanno una tecnologia modulante che consente al condizionatore di accendersi e di gestire in maniera più graduale ed equilibrata il raffreddamento della stanza.

Grazie ai condizionatori d'aria portatile l'insopportabile afa estiva non sarà più un problema

]]>
Policarbonato trasparente, i vantaggi e i campi di impiego Mon, 01 Feb 2021 12:40:10 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/686553.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/686553.html marketing-seo.it marketing-seo.it Ne siamo letteralmente circondati: lo troviamo nelle nostre abitazioni, sui mezzi di trasporto, in tantissimi oggetti di uso comune, nel luogo di lavoro. È il policarbonato trasparente, andiamo a scoprire cos'è e come si usa.

Che cos’è il policarbonato

Il policarbonato è un polimero che si ottiene dall’acido carbonico. Viene e venduto sotto forma di lastre o di pannelli.

il policarbonato  è disponibile in due tipologie: compatto ed alveolare. Quando si parla di policarbonato trasparente ci si riferisce al  policarbonato compatto che, rispetto al policarbonato alveolare, vanta una maggiore trasparenza. Vediamo nel dettaglio entrambe le tipologie.

Policarbonato alveolare

Il policarbonato alveolare ha una struttura particolare “ad alveoli”, è soprattutto impiegato per la realizzazione di  coperture e tettoie. Il policarbonato alveolare è la tipologia più idonea per  la lavorazione con curvatura a freddo, volta ad aumentare la rigidità gli alveoli e rendere il materiale pronto per la realizzazione di coperture ad uso domestico ed industriale.

Il Policarbonato alveolare ha un'ottima resistenza agli urti, agli agenti atmosferici, si pulisce molto facilmente, quindi anche la manutenzione è minima e semplice.

Policarbonato compatto o policarbonato trasparente

Quando si parla di policarbonato trasparente, ci si riferisce al  policarbonato compatto (PCC).  Si tratta della tipologia di policarbonato che possiede le migliori caratteristiche di trasparenza e di resistenza.

Per queste caratteristiche è la materia plastica più resistente a graffi e urti, ha un’elasticità decisamente superiore alle altre materie plastiche. Il policarbonato trasparente è disponibile in diversi spessori, formati e colori.  Rispetto alle altre materie plastiche, ingiallisce meno. Necessita di  una lavorazione semplificata, si può infatti curvare a freddo vista la grande malleabilità.

Questa sua qualità lo rende adatto per la realizzazione di pensiline, di coperture e di tettoie.  L'industria aereo spaziale lo considera il miglior materiale da usare all’interno degli aerei, per i ridurre il loro peso senza intaccare la sicurezza. Vanta un'eccellente trasmissione luminosa e un'ottima protezione contro gli UV, caratteristiche che rendono il policarbonato compatto particolarmente adatto per la realizzazione di  binari, parti di sedili e lenti. Altro vantaggio è il  bassissimo livello di tossicità che fa si che questo materiali rientri nei requisiti di tossicità previsti dalle compagnie aeree.

Vantaggi del policarbonato trasparente

Il policarbonato trasparente è un prodotto estremamente adattabile e versatile. Il merito è dei tantissimi vantaggi che lo rendono un eccellente sostituto del vetro.

Ecco alcuni dei vantaggi di questo materiale:

                     resistenza meccanica

                     leggerezza

                     resistenza termica

                     capacità di sostenere carichi pesanti e di resistere agli urti

                     elevata lavorabilità

                     ottima trasportabilità

Si tratta di  caratteristiche che rendono il policarbonato trasparente  un materiale perfetto per essere utilizzato in molteplici settori anche molto diversi tra loro: dall'ottica, all'aeronautica passando per il settore edile a quello dei trasporti, a quello dell'elettronica.

Impieghi  del policarbonato trasparente

Il policarbonato trasparente è idoneo per realizzare pannelli,  coperture,  allestimenti outdoor e indoor, mobili,  pensiline, tettoie, oggetti del settore ottico.

La trasparenza è una delle peculiarità del policarbonato compatto, per questa caratteristica si rivela ideale per realizzare finestrature, coperture per terrazzi e verande. Lo si può usare al posto del vetro, rispetto al quale presenta indiscussi vantaggi, in tutti i casi in cui è necessario  filtrare la luce.

]]>
Come scegliere un corso online Fri, 15 Jan 2021 13:05:35 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/tecnologia/683736.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/tecnologia/683736.html marketing-seo.it marketing-seo.it La formazione è fondamentale per la crescita personale, nel corso degli anni le piattaforme di e-learning sono aumentate a dismisura, così come le università, le accademie e i centri di formazione che adottano il sistema dei corsi online.

Grazie all’ampia offerta disponibile, trovare i corsi online più adatti potrebbe sembrare difficile, soprattutto, per chi decide di approcciarsi per la prima volta a questo metodo di formazione.

I corsi sono solitamente suddivisi per categoria o tema per facilitare all’utente la ricerca di quelli più interessanti e idonei alle proprie competenze.

Tutti rilasciano delle certificazioni che possono aprire anche nuovi sbocchi lavorativi e dare un valore aggiunto al proprio CV.

Ma come capire quali sono i corsi digitali più utili per migliorare conoscenze e competenze? Come scegliere un corso online?

Informarsi sui corsi di formazione online

Prima di decidere quale corso online seguire è bene sapere quali sono le opportunità offerte dalla rete. Internet permette di collegarsi con docenti da ogni parte del mondo, non ci si limita a seguire un solo piano di studi con i docenti più vicini.

In pochi click si possono trovare corsi digitali su accademie online, istituti e università e mettersi in contatto con i professori di un certo livello, anche stranieri, per iniziare la formazione.

Alcuni corsi online vengono proposti in modalità on-demand, il che vuol dire che sono sempre disponibili, basta registrarsi, pagare un abbonamento se il corso è a pagamento, scegliere la lezione di interesse in qualunque momento della giornata.

È una modalità di lezione molto richiesta, in quanto permette alle persone di organizzarsi il tempo per studiare, soprattutto, se si sta già lavorando.  

Corsi online gratis o a pagamento?

Altro dubbio frequente è quello della scelta tra corsi online gratuiti e a pagamento, quali sono i migliori? Per dare una risposta, bisogna fare delle considerazioni. Chi ha poco budget a disposizione può iniziare un corso gratuito, cercando di apprendere il più possibile. Di contro, c’è il fatto che è molto difficile che corsi gratuiti rilasciano attestazioni e certificazioni da inserire nel CV.

Possiamo affermare che il corso digitale gratuito può essere un buon inizio per orientarsi nel mondo dell’e-learning e iniziare a comprenderne le opportunità. C’è da dire anche che molti corsi gratis offrono un livello di formazione basica, spesso appena sufficiente, indirizzata solo all’introduzione degli argomenti da trattare con un corso più approfondito.

I corsi a pagamento sono quelli più richiesti perché, oltre a rilasciare certificazioni, hanno un’offerta formativa completa e docenti espertissimi del settore. Chi è alla ricerca di corsi online per migliorare in modo importante conoscenze ed esperienze, dovrebbe preferire un percorso formativo professionale a pagamento.

In rete ci sono numerose possibilità, alcune con prezzi contenuti o offerte esclusive dedicate a studenti, giovani in cerca di lavoro e a persone adulte che vogliono ampliare le proprie conoscenze.

]]>
Illuminazione giardino, consigli utili Mon, 28 Dec 2020 18:21:45 +0100 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/680771.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/680771.html marketing-seo.it marketing-seo.it Il giardino oggi è diventato un proseguo della casa, una zona completamente vivibile giorno e sera,  non solo nella bella stagione ma anche nella stagione fredda, grazie all'avvento di gazebi riscaldati, camini da esterno etc. Per questo la cura dell'arredo giardino oggi è equiparabile a quella dell'arredo interno. E nell'arredo un punto di rilievo è dato dall'illuminazione.

Un bel giardino non è solo un giardino ben curato e ben arredato ma anche ben illuminato. Un giardino correttamente illuminato è un vero e proprio valore aggiunto che, consente di vivere il giardino appieno, conferendogli un'atmosfera unica.

 Come illuminare il giardino

 Ma come illuminare il giardino e l'outdoor in generale? L'illuminazione del giardino deve essere allestita in maniera adeguata affinché possa sfruttare tutte le sue potenzialità. Ogni spazio deve essere ben valorizzato.

 Quando si parla di illuminazione giardini, per prima cosa è importante avere un progetto da seguire, questo indipendentemente dalla grandezza del giardino, dello spazio che si ha a disposizione. Dividendo lo spazio in aree diverse è possibile capire dove e come andare ad intervenire con le luci. L'illuminazione nell'area pranzabile sarà diversa da quella dell'area relax, e ancora diversa da quella della zona ingresso e da quella della zona piscina.  In tal senso si parla di illuminazione funzionale e di illuminazione scenografica.

Se la prima tipologia è pensata per creare luce per necessità, l'altra è un'illuminazione d'effetto mirata a realizzare giochi di contrasto e di atmosfera.  Andiamo a vederle entrambe nel dettaglio.

 Illuminazione funzionale

Quando si progetta l'illuminazione del giardino è sempre bene partire dall'illuminazione funzionale, da quella cioè rivolta alle zone dove la luce serve.  Quindi l'illuminazione del viale di ingresso e di eventuali altri percorsi, l'illuminazione degli ingressi, lilluminazione dei patii, l'illuminazione della zona pranzo. L'illuminazione funzionale è fondamentale, è indispensabile sia per garantire la sicurezza e la visibilità che per consentire di vivere il giardino anche quando fa buio. Come si farebbe a raggiungere il portone di casa dal cancello se non ci fosse l'adeguata illuminazione?

Per l'illuminazione funzionale, quindi per illuminare percorsi, viali, accessi, si può optare per diverse soluzioni: lampade da giardino da terra per i percorsi e faretti incassati in prossimità dei citofoni. Non è importante la potenza della luce ma, è importante che l'illuminazione sia efficace. Un'idea sempre molto apprezzata sono i faretti segna-passo che consentono di vedere chiaramente dove si poggiano i piedi e, nel contempo, arredano efficacemente.

Le soluzioni sono davvero diversificate ed adattabili anche ai diversi stili del giardino e della casa. Ci sono le soluzioni green come le lampade ad energia solare che sono utilissime su due fronti: durante il giorno si caricano e la sera si accendono a costo zero e possono essere installate anche dove non c'è il collegamento con l'impianto elettrico. Ci sono lampade che si accendono al passaggio delle persone e poi si spegono da sole quando non servono.

 

Per  gli ingressi si possono usare lampioni o lampade a parete, anche questi disponibili in diversi stili da adattare in base allo stile della casa.

Le zone pranzabili, i pati, la piscina ed i gazebi vanno illuminate a doc. Si tratta infatti di zone del giardino dove la luce deve essere più intensa (ma non fastidiosa), per consentire di svolgere appieno le diverse attività: cucinare al barbecue, cenare, nuotare. Anche in questo caso il posizionamento delle luci deve essere strategico per non infastidire. Per il tavolo da pranzo è perfetta un'illuminazione centrale sopra il tavolo esattamente come per i tavoli da interno.

La zona dove si cucina (barbecue o forno) deve essere altrettanto adeguatamente illluminata.

Illuminazione scenografica

Una volta organizzata l'illuminazione funzionale si passa a quella “artistica”, volta a creare delle suggestive scenografie nel giardino, ad evidenziare piante, elementi architettonici, vasi. Gli elementi luminosi per questo tipo di illuminazione sono davvero molteplici.

Prima di tutto è bene decidere cosa illuminare e come. In giardino c'è una piscina? C'è un laghetto artificiale? C'è una fontana o una statua? C'è un particolare albero o una particolare pianta? Selezionare gli elementi da illuminare in modo parsimonioso è il primo passo da fare nell'illuminazione scenografica che, ricordiamo, non deve illuminare a giorno ma deve esclusivamente creare un'atmosfera. Ci sono poi elementi che, più di altri, si prestano per essere illuminati. L'acqua, ad esempio, che riflette la luce e crea dei giochi davvero suggesitivi. Per questo motivo, illuminare piscine, laghetti o fontane si rivela sempre un'ottima scelta.

Se decidete di illuminare uno o più alberi è bene scegliere accuratamente la pianta. Ben si prestano ulivi, betulle, conifere. Si può mettere un faretto alla base della pianta in modo tale che illumini la pianta senza abbagliare chi osserva. Ovviamente, è importante un prato perfettamente rasato. Ma anche un roseto, un cespuglio di rose, o un alberello di rose si prestano bene per essere illuminati.

 Come scegliere l'illuminazione per il giardino

La scelta degli elementi luminosi per il giardino non è una scelta semplice, forse proprio per la vastissima gamma di articoli  presenti sul mercato. Nella scelta è importante tenere presente diversi fattori. Vediamoli di seguito

 

                     Risparmio energetico

            Preferire delle luci a LED o ad energia solare è una scelta che nel lungo tempo si rivelerà  vincente. Un risparmio in termini economici e una scelta amica dell'ambiente.

                     Sicurezza

            La sicurezza delle lampade è essenziale, per questo è fondamentale orientarsi per prodotti di qualità, certificati ed acquistati da aziende sicure.

                     Numero delle luci

            Non farsi prendere dall'illuminazione compulsiva è importante. Spesso si tende ad  esagerare e questo è controproducente anche sotto l'aspetto del risultato. Scegliere il giusto numero di elementi è uno dei fattori principali per avere un risultato d'effetto.

                     Lo stile

            Avere le idee chiare sullo stile delle luci è altresì un elmento da tenere presente. Un mix di stili non produce buoni risultati. Mantenere un filone comune sia tra le luci che tra luci e stile d'arredo è un modo per arredare in modo coerente ed efficace. Inoltre, è altresì importante considerare anche la scelta di placche e apparecchi di comando da installare nelle posizioni migliori esternamente o internamente alla casa, come i prodotti Bticino matix, per trovare la soluzione migliori in termini di efficienza ed estetica.

Affidarsi ad un'azienda leder nel settore che possa fornire consigli tecnici e suggerimenti è un ottimo modo per farsi chiarire le idee a proposito di illuminazione del giardino.

]]>
Tragitto casa lavoro, quando spetta il rimborso chilometrico? Thu, 10 Dec 2020 18:36:20 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/677534.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/677534.html marketing-seo.it marketing-seo.it Quando un lavoratore dipendente per motivi aziendali deve spostarsi dall’abituale sede di lavoro per fare delle trasferte, gli spetta un rimborso chilometrico.

Si tratta di una somma che l’azienda versa direttamente in pusta paga, calcolata su criteri precisi per rimborsi tutti i costi sostenuti dal dipendente, un maggiore approfondimento potete trovare su https://www.rimborsichilometrici.it/.

Viene da chiedersi se sia anche previsto un rimborso chilometrico per i dipendenti nel tragitto casa lavoro, vediamo cosa dice la legge.

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea si è pronunciato e ha ribaltato, in parte, le regole applicate in Italia.

Rimborso chilometrico: a chi spetta?

Ogni volta che il lavoratore svolge la sua prestazione lavorativa al di fuori della sede di lavoro indicata nel contratto di assunzione, si parla di trasferta.

Quando un dipendente effettua una trasferta con auto propria o a noleggio, ha diritto al rimborso chilometrico.

La somma si calcola tenendo conto di criteri specifici e va inserita nella busta paga, non è tassata ed è deducibile per l’azienda.

Affinché nasca il diritto di rimborso chilometrico è necessario allontanarsi da lavoro. La legge non fa riferimento all’abitazione del dipendente che, non ha nessuna rilevanza. Il che vuol dire che lo spostamento che il lavoratore fa ogni giorno per raggiungere il luogo di lavoro non è da considerarsi una trasferta e quindi non va rimborsato.

Esiste però un’eccezione, vediamo quale.

Quando viene retribuito il tragitto casa lavoro?

Nella maggior parte dei casi il tragitto casa lavoro non viene retribuito, ma la Corta di giustizia dell’Unione Europea però, con una sentenza del 2015, ha stabilito un’eccezione per i lavoratori privi di sede fissa.

Un esempio? Agenti di commercio e addetti alle consegne. Si tratta di categorie di lavoratori che non hanno nessuna sede abituale di lavoro e, in alcuni casi, nemmeno un itinerario fisso da seguire per svolgere la propria attività.

Ogni giorno cambia il percorso in base alle consegne da effettuare e ai clienti da incontrare. In questi casi, la normativa europea obbliga i datori di lavoro a inserire anche le ore del tragitto casa lavoro e viceversa fra le voci da retribuire nella busta paga. Ricordiamo che prima di questa direttiva europea, la legge italiana non prevedeva questo tipo di obbligo, per tanto non venivano retribuiti i percorsi lavoro casa nemmeno a queste categorie, oggi, invece anche l’Italia si è dovuta adeguare.

Per tanto, chiunque ricopra questi ruolo all’interno di un’azienda dovrà conservare la documentazione anche del tragitto casa lavoro e lavoro casa, come fatture e ricevute dei consumi delle varie trasferte e presentarle all’azienda che sarà tenuta a conteggiarle quando dovrà fare il calcolo del rimborso chilometrico.

Ricordiamo, inoltre, che il calcolo del rimborso chilometrico viene effettuato basandosi sulle tabelle ACI che vengono aggiornate due volte all’anno e che indicano i vari parametri da seguire per effettuare il conteggio e inserire l’importo esatto da rimborsare al dipendente.

]]>
Come disinfettare casa con rimedi naturali Wed, 09 Dec 2020 16:31:03 +0100 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/677274.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/677274.html marketing-seo.it marketing-seo.it L'uso dei detersivi è quasi passato di moda. La sensibilità verso l'ambiente è sempre più spiccata e in molti si stanno orientando verso scelte green anche per quel che concerne le pulizie domestiche. Per pulire la vostra casa potete optare per prodotti naturali che hanno la stessa azione igienizzante dei normali detersivi ma che, diversamente da questi ultimi, non contengono sostanze tossiche. Sono tanti i rimedi che possono essere utilizzati   per lavare pavimenti, per pulire la cucina, per disinfettare il bagno, per disinfettare tutta la casa.

Pulire e disinfettare la casa non è solo un fattore estetico, ma rappresenta una potente arma per evitare allergie, infezioni e altri problemi di salute. Una casa disinfettata è molto meglio vivibile e ci protegge. Scegliere i rimedi naturali per disinfettare la propria casa significa proteggere l'ambiente, noi stessi e anche risparmiare in termini economici. Sono tanti i rimedi naturali per disinfettare la casa come quelli suggeriti da donnaweb.net, vediamone alcuni.

Aceto

L'aceto è un eccellente disinfettante naturale. Si può mescolare  con l'acqua ossigenata, per creare una miscela  in grado di ridurre la carica batterica dei germi e, allo stesso tempo, eliminare e sgrassare le macchie più ostinate. La soluzione è perfetta per pulire il piano cottura e tutte le superfici della cucina.

Limone

Il limone contiene l'acido citrico e funge come antisettico e battericida, è infatti in grado di diminuire la carica batterica dei germi in modo istantaneo, si tratta di  uno dei prodotti naturali migliori per eliminare meglio i germi e i batteri da ogni superficie. Si può usare soprattutto in cucina ed in bagno, in particolare per la rimozione delle macchie di calcare sul piano cottura o sul lavabo. Miscelandolo con l'alcol denaturato igienizza e decontamina  ogni tipo di superficie.

Bicarbonato

Il bicarbonato è un ottimo disinfettante naturale, è in grado di eliminare i batteri,  i cattivi odori e di repellere gli insetti. Si può miscelare con l'acqua per creare una pasta per pulire il forno, oppure con l'aceto per disinfettare le tubature e gli scarichi.

Olio di eucalipto

Anche l'olio di eucalipto può essere usato anche per disinfettare casa in modo naturale. E' in grado di eliminare batteri e germi, allontanare le zanzare e  aromatizzare gli ambienti, lasciando un buon profumo in tutte le camere. Si può usare per lavare piastrelle, pavimenti, superfici lavabili. E' sufficiente diluire 150 ml di eucalipto a ogni litro d'acqua.

Tea tree oil

Il tea tree oil è usato come antibatterico naturale. Sono sufficienti  poche gocce per tenere lontani germi e soprattutto pidocchi, pulci e zecche. Può essere usato  per pulire le zone della casa frequentate da gatti, cani e altri animali domestici. E' sufficiente  aggiungerlo ad ogni tipo di sapone o di detergente "fai da te" per ottenere risultati impeccabili.

Alcol denaturato

L’alcool denaturato a 90°, si può usare, sempre diluito con acqua,  per fare le pulizie in casa. Penetra nei microbi e li distrugge in pochi secondi, è adatto per lavare cucina, per lavare il bagno, i pavimenti (tranne i pavimenti in  cotto ed il parquet), ma occorre fare attenzione a non utilizzarlo vicino a fonti di calore poiché è altamente infiammabile.

Vapore

Anche il vapore è a tutti gli effetti un rimedio naturale per le pulizie domestiche. È l'ideale per sanificare  superfici, pavimenti e tappeti senza usare prodotti che potrebbero provocare allergie, in particolare nei più piccoli. Prima di usarlo su qualsiasi superficie è bene spolverare o aspirare la polvere.

]]>
Traduzione tra il francese e l’italiano, le difficolta più ricorrenti Mon, 30 Nov 2020 23:59:23 +0100 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/675244.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/675244.html marketing-seo.it marketing-seo.it Tradurre non è per niente semplice, sono tante le difficoltà che si incontrano e ci sono errori ricorrenti e molto evidenti. Anche la traduzione italiano francese, due lingue che possono apparire come simili, presentano problemi piuttosto comuni.

 

I più frequenti e anche quelli più evidenti sono quelli morfo-sintattici e quelli di carattere semantico.

 

Nonostante la traduzione da una lingua all'altra abbia problemi soprattutto a livello di stile e di registri di lingua, ci sono degli errori morfo-sintattici  ricorrenti nella traduzione dall'italiano al francese. Vediamo le difficoltà e gli errori più ricorrenti.

 

Gli errori più frequenti sono di omissioni, la terminologia incompatibile, gli usi errati dei tempi verbali, l'uso di elementi sbagliati, gli italianismi. Le due lingue si somigliano parecchio e proprio per questo si è più soggetti ad errori di traduzione. Le difficoltà maggiori si incontrano nella traduzione dall'italiano al francese, molto meno in quella dal francese all'italiano.

 

Gli errori di omissione

 

Nella traduzione italiano-francese possono essere presenti errori di omissione, il “de” in particolare. Ecco qualche esempio

 

"Non ho mangiato pane" tradotto con "Je n'ai pas mangé pain" invece di " Je n'ai pas mangé de pain".

 

"Bei bambini giocavano nel parco"- "Beaux enfants jouaient dans le parc"- "De beaux enfants jouaient dans le parc".

 

Termini incompatibili

 

"Non ero mai andato a Roma"- "Je n'était pas jamais allé a Roma" invece di  "Je 'était jamais allé a Roma ".

 

"Ho sperato di poter venire" -"J'ai espéré de pouvoir venir"  invece di "J'ai espéré pouvoir venir"

 

Uno scorretto ordine sintagmatico

 

"Entra Marco  e mi dice"- "Entre Marc  et me dit" invece di "Marc entre et me dit".

 

"Mi ha detto di non cercare di capire"- "Il m'a dit de ne chercher pas a comprendre" invece di "Il m'a dit de ne pas chercher a comprendre".

 

Elementi sbagliati

 

"Maria e stata molto contenta"- "Marie est été tres contente" invece di "Marie a été tres contente".

 

"Questa storia viene definita"- "Cette histoire vient définie" invece di "Cette histoire est définie".

 

Gli errori di verbi

 

"Se verrò te lo diro"- "Si je viendrai, je te le dirai" invece di "Si je viens, je te le dirai".

 

"Se venissi te lo direi"- "Si je viendrais je te le dirais" invece di "Si je venais je te dirais".

 

"Penso che sia qui"- "Je pense qu'il soit ici" invece di  "Je pense qu'il est ici".

 

Il cambiamento di categoria grammaticale

 

"Non venire domani"-"Ne pas venir demain" invece di "Ne viens pas demain".

 

"Prese l'ombrello e se ne ando"-"Il prit le parapluie et s'en alla"invece di  "Il prit son parapluie et s'en alla".

 

Ci sono poi termini che vengono erroneamente tradotti perché molto somiglianti a parole italiane di significato diverso. Ecco alcuni casi.

 

Ecco alcuni dei casi ricorrenti:

 

"Pourtant" viene spesso tradotto con "Pertanto" invece di "Eppure".

 

"Assez" viene spetto tradotto con "Assai" invece di "Abbastanza".

 

"Fermer" viene spesso tradotto con "Fermare" invece di "Chiudere"

]]>
Come prevenire il nuovo Coronavirus Mon, 30 Nov 2020 18:48:00 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/675216.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/675216.html marketing-seo.it marketing-seo.it L’infezione da Sars-CoV-2 si sta diffondendo molto più velocemente in questa seconda ondata, adottare comportamenti corretti può aiutare a prevenire e bloccare la diffusione. Ma quali sono le regole da mettere in pratica per prevenire il nuovo Coronavirus?

La via di diffusione principale del Covid-19 è quella respiratoria, il coronavirus però, si può trasmettere anche tramite le mani che, possono diventare veicolo del virus che si deposita sugli oggetti toccati.

 Per cui il lavaggio e le disinfezione delle mani sono le due operazioni fondamentali per prevenire l’infezione. Se non si hanno a disposizione acqua e sapone, si possono anche usare dei disinfettanti per mani a base alcolica al 60%.

Togliamo alcuni dubbi in merito alla diffusione del virus all’interno di ambienti chiusi.

Pulire le superfici elimina il coronavirus?

Alcuni studi e dati preliminare suggeriscono che il virus riesce a sopravvivere per alcune ore sulle superfici, per cui, pulirle contribuisce ad eliminarlo.

Starnuto e colpo di tosse, bastano le mani?

No, perché se si è positivi al virus, le mani diventano veicolo di infezione, soprattutto dopo aver tossito o starnutito se, non vengono disinfettate per bene. Se le mani non vengono lavati è probabile contaminare superfici che potrebbero venire a contatto con altre persone, favorendo la trasmissione del virus.

Si consiglia di starnutire all’interno di fazzoletti usa e getta o all’interno del gomito.

Bastano le mascherine per le prevenzione del contagio?

No, le mascherine non sono sufficienti a prevenire il contagio, bisogna anche adottare tutte le misure igieniche di prevenzione.

La mascherina comunque indossata in tutte quelle situazioni in cui si sospetta di aver contratto il coronavirus o se si assiste una persona infetta.

Antivirali e antibiotici sono utili?

 Attualmente non esistono evidenze scientifiche che provino l’efficacia dei farmaci antivirali per la prevenzione al coronavirus. Gli antibiotici sono utili per combattere le infezioni batteriche ma non sono utilizzabili nel caso di infezioni virali come nel caso di quella da covid.

Test antigenici rapidi e sierologici

I test antigenici come il test rapido sars-cov 2 permettono di velocizzare l’individuazione di eventuali persone positive asintomatiche, per questo motivo sono stati adottati come strumento diagnostico di prevenzione in molti luoghi tra cui aeroporti, stazioni e scuole.

Con questi test rapidi è possibile trovare più positivi, grazie a soli 15 minuti di tempo che impiegano a dare il risultato. Con questo strumento diagnostico si punta a rallentare la diffusione del coronavirus, ricordiamo, però che, i test rapidi antigenici dovranno essere sempre seguiti dal tampone molecolare, in quanto unico test attendibile al 100%.

I test sierologici sono capace di trovare nel sangue eventuali anticorpi, questo permette di capire se un individuo è stato a contatto con il virus, ma non riescono indicare se c’è un infezione in atto in quel momento, per cui, anche questi vanno seguiti da un tampone molecolare.

]]>
I test antidroga più utilizzati, quali sono e come funzionano Thu, 26 Nov 2020 21:53:59 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/674609.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/674609.html marketing-seo.it marketing-seo.it I test antidroga sono fondamentali in alcuni ambienti di lavoro, in quanto, la norma ministeriale in materia di medicina sul lavoro, specifica quali sono le categorie che devono essere sottoposte obbligatoriamente al test e come comportarsi in caso di positività. Sono diversi i droga test disponibili, vediamo quali sono i più comuni.

I test antidroga più utilizzati sono dei dispositivi che mediante la saliva o l’urina sono in grado di rilevare la presenza dei metaboliti di sostanze stupefacenti.

Ci sono anche dei test antidroga per superfici e polveri che, tramite l’utilizzo di quest’ultime sono in grado di rilevare se si tratta o meno di sostanze stupefacenti. I test antidroga sono dei test rapidi di facile utilizzo con risultato immediato.

Sono in grado di analizzare le seguenti droghe: cocaina, marijuana, anfetamine, barbiturici, ecstasy,  metadone, metanfetamine, ketamina.

Come funzionano i test antidroga

I test antidroga per le urine, i test antidroga per la saliva e quelli per superfici e polveri, permettono di analizzare una o più combinazioni di sostanze.

Le droghe hanno tempi di permanenza diversi all’interno dell’organismo e sono influenzati dalla massa corporea, dalla tolleranza alla sostanza usata, dalla frequenza di abuso e da tanti altri fattori.

All’interno delle urine, i tempi di permanenza delle sostanze stupefacenti sono più lunghi rispetto alla saliva. Per fare un esempio, se si utilizza un test antidroga con urina, i tempi di permanenza della cocaina sono di 2/4 giorni, quelli della marijuana di 15/30 giorni, mentre  per i test della saliva, calano a 1/3 giorni per la cocaina e 6/12 per la marijuana.

I risultati del test rapido è di 5/10 minuti dal contatto dell’urina o la saliva a seconda del tipo di test scelto. L’interpretazione è molto semplice: trascorso il tempo indicato, compare nella finestra del test la linea di controllo a conferma dell’esecuzione corretta del test.

La comparsa della seconda linea da debole a più marcato è sinonimo di assenza nell’organismo di sostanza stupefacenti, quindi, in caso di positività alla sostanza analizzata, non apparirà nessuna linea sul test.

Sono diversi i tamponi rapidi disponibili, l’azienda italiana Screen Italia Srl ne produce un’ampia gamma, alcuni sono in grado di analizzare una o più combinazioni di sostanze stupefacenti. Sono test da utilizzare nell’ambito della medicina del lavoro.

Ricordiamo che test non è obbligatorio per tutto il personale, il datore di lavoro è tenuto a verificare che le categorie appartenenti alla norma in materia, effettuino periodicamente il test.

]]>
Consigli per arredare la casa con quadri moderni Wed, 18 Nov 2020 12:20:58 +0100 http://comunicati.net/comunicati/arte/varie/672828.html http://comunicati.net/comunicati/arte/varie/672828.html marketing-seo.it marketing-seo.it L’attenzione ai piccoli dettagli fa la differenza quando si tratta di arredare la casa. Per renderla un luogo ospitale è importante riuscire a darle personalità, scegliendo elementi che ne esaltino le caratteristiche e riflettano lo stile di chi ci vive.

Uno dei tanti errori che si fanno in fase di arredamento è quello di investire tanto sul mobilio e prestare meno attenzione agli elementi di arredo, dimenticando le pareti. Il risultato è il creare ambienti spenti e anonimi.

La scelta dei quadri moderni

Sono i quadri l’elemento di arredo per eccellenza delle pareti, un bel quadro moderno è in grado di dare personalità a qualsiasi stanza della casa. Non bisogna preoccuparsi di eccedere con la quantità di quadri e nemmeno con lo stile. Aggiungere degli inserti colorati da volume e movimento alla stanza, ecco perché, quadri, stampe e dipinti di qualunque tipologia dovrebbero sempre essere inseriti all’interno di un ambiente.

Nell’interior design non ci sono delle regole fisse da seguire, ma è necessario fare interventi ragionando per bene su ogni scelta, in modo da avere un risultato eccellente ed armonioso nello sguardo di insieme.

Per la scelta del quadro moderno, si possono fare scelte diverse che portano a risultati diversi. Il primo consiglio è di scegliere i quadri moderni, giocando con i colori presenti nell’ambiente, scegliendo quelli che li riprendono in modo da creare dei rimandi interessanti.

Facendo così è possibile risaltare, ad esempio, il colore della parete o richiamare le tonalità di cuscini, tende o altri elementi che compongono l’arredo. In qualunque caso, il risultato è l’ottenimento di un ambiente armonioso e uniforme.

Creare contrasti

È possibile anche optare per ottenere l’effetto opposto, cercando di creare forti contrasti. Un quadro moderno di grandi dimensioni può contribuire a spezzare l’estetica di una stanza.

Allo stesso modo di un elemento di arredo stravagante e lontano dallo stile generale dell’arredo della stanza, che crea un effetto interessante, anche i quadri moderni possono essere la scelta giusta.

Quadri a tema

Se si scelgono quadri moderni di piccole e medie dimensioni, il dubbio solitamente è legato ai soggetti da selezionare. La strada più semplice è quella di affidarsi a un tema che diventi il filo conduttore di tutto.

Un esempio? Vi piacciono le atmosfere metropolitane? Allora potete applicare alla parete delle foto o dipendi di città famose. Oppure, in alternativa, scegliere quadri che rappresentino le proprie passioni.

Quanti quadri moderni posizionare in casa?

Un altro dubbio molto frequente quando si scelgono i quadri moderni per l’arredamento, è la quantità, spesso si ha paura di esagerare di appendere troppi quadri alle pareti. Ma questo timore va abbandonato.

Riempire le pareti con i quadri può essere la scelta migliore, soprattutto quando la stanza è molto spoglia. Utilizzare questa tipologia di elementi di arredo permette di contrastare il minimalismo sfruttando le pareti. Disponendoli in un certo modo, magari nei punti più alti del soffitto, si possono anche realizzare dei giochi di volume e di prospettiva molto interessanti. Quindi la parola d’ordine è osare e divertirsi.

]]>
Traduzione dall'italiano all'inglese della patente internazionale, perché e quando si richiede? Mon, 09 Nov 2020 19:16:37 +0100 http://comunicati.net/comunicati/arte/varie/671245.html http://comunicati.net/comunicati/arte/varie/671245.html marketing-seo.it marketing-seo.it La patente è un documento molto importante in tutti i paesi del mondo, senza il quale non è possibile guidare l’auto. Per questo motivo è anche uno dei servizi di traduzione più richiesti, ma quando è necessario effettuarla? Facciamo un po’ di chiarezza sulla patente internazionale.

La patente italiana può sempre bastare?

Quando basta la patente italiana? È possibile utilizzarla per guidare in tutti i paesi dell’Unione Europea e negli altri Paesi Europei, ad esclusione della Russia e solo in alcuni extra-europei. Per conoscere tutti i dettagli, vi consigliamo di informavi sulla normativa in vigore in ogni singolo Paese, in quanto, può essere in continuo aggiornamento o soggetta a modifica nel corso del tempo.

Nella maggior parte dei paesi che non aderiscono all’Ue, occorre il permesso internazionale di guida, questo non può essere utilizzato da solo, ma dovrà sempre venir accompagnato dalla patente di guida nazionale in corso di validità.

Tutti i cittadini con patenta di guida rilasciata in uno Stato Estero, possono guidare nel nostro Paese i veicoli per i quali è stata concessa, purché non residenti in Italia da più di un anno.

In caso contrario, dopo un anno di residenza, bisogna chiedere la conversione in patente italiana o, nel caso di Stati appartenenti all’Unione Europea, fare richiesta di riconoscimento di validità.

La conversione consiste nel fare richiesta di una nuova patente italiana corrispondente a quella estera, mentre, il riconoscimento è semplicemente un tagliando che viene applicata sulla patente estera.

Differenza tra conversione e riconoscimento della patente

La differenza tra le due pratiche sta nel fatto che nel momento in cui è emessa la patenta italiana diventa possibile anche ottenere le successive conferme di validità in Italia, mentre nel caso del riconoscimento, le operazioni di rinnovo vanno effettuate nel paese di origine della patente.

Per ottenere la conversione della patente in una patenta valida in Italia, bisogna andare in autoscuola e portare spese di agenzia, la patente estera originale in corso di validità, un documento di identità, la fotocopia autocertificata del permesso di soggiorno, il certificato storico e la traduzione giurata della patente estera più l’attestato di autenticità rilasciato dal consolato ( per gli stati non CE).

Agenzia di traduzione, perché sceglierla?

È importante rivolgersi a un servizio di traduzioni professionale, in quanto bisogna fare la traduzione giurata della patente, in questo caso il traduttore italiano inglese o di altra lingua, deve conoscere la prassi legale.

Per questo motivo non bisogna rivolgersi a traduttori improvvisati, ma preferire delle agenzie di traduzione specializzate che si occupano della traduzione della patente internazionale e che sanno come muoversi per ottenere il documento valido.

I costi della traduzione della patente variano in base all’agenzia di traduzione, in alcuni casi, possono essere elevati, consigliamo di chiedere sempre un preventivo per individuare il servizio col miglior rapporto qualità/prezzo.

]]>
Consigli per un make up perfetto per il viso tondo Tue, 03 Nov 2020 15:34:04 +0100 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/670075.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/670075.html marketing-seo.it marketing-seo.it Un bel viso tondo offre il vantaggio di fare apparire più giovani. Però spesso viene vissuto come un volto poco sensuale. Se si desidera un volto definito ed allungato si può ricorrere al make up. 

Per dare una definizione maggiore e allungare il viso tondo si può procedere in due modi: attraverso le tecniche del contouring, o del  draping adatti, rispettivamente, per chi ha un'età dai 25 anni in e per chi ha una pelle più matura. Le più giovani possono optare per un altra tipologia di trucco. Vediamo nel dettaglio.

Caratteristiche visto tondo

Il viso tondo è il viso senza spigolosità caratterizzato generalmente da guance piene e da zigomi non definiti. Solitamente nel viso tondo anche il mento è arrotondato e lo sviluppo del volto è praticamente pari sia in larghezza che in altezza.

Truccare un viso tondo con il   contouring

Il contouring è una tecnica di trucco oggi entrato nella make-up routine di molte donne. La sua funzione è quella di scolpire i volumi del viso con un gioco di luci ed ombre. Un contouring ben realizzato e con i giusti prodotti è in grado di allungare e definire i visi compresi i visi tondi che sono quelli che, più di altri, necessitano di una definizione.

Attraverso il  contouring si illuminano gli zigomi ed il ponte del naso, si sfinano le guance e si delinea la linea della mandibola. Affinché la tecnica riesca al meglio è necessario che l'effetto sia naturale in quanto il fine del  contouring  è quello di armonizzare i tratti del viso attraverso un sapiente gioco di ombre e punti luce che deve essere pressoché invisibile.

Giocando con i chiaro-scuri si riesce a conferire  tridimensionalità all’ovale. I prodotti specifici attraverso un uso strategico di colori, evidenziano determinate zone e ne mettono in ombra altre, correggendo, smussando ed armonizzando i lineamenti del viso nel viso tondo corre dapprima scurire  le tempie, il profilo del mento ed i contorni dell’ovale e poi illuminare il centro del mento e la zona sotto gli occhi, infine aggiungi il blush in diagonale.  Il tutto dopo aver applicato una base e piuttosto neutra: è sufficiente qualche goccia di fondotinta o BB cream ed un velo di cipria per uniformare l’incarnato.

 Consigli per un make up perfetto per il viso tondo teenager

 Il viso tondo inizia a notarsi con l'avanzare dell'età in quanto da giovanissime tutte tendiamo ad avere il volto più tondo.

Le teenager con il viso tondo possono puntare su un make up fresco e luminoso evidenziando i punti strategici del volto con un correttore luminoso e leggero. Quindi si applica e si sfuma il correttore sul dorso del naso, sotto gli occhi, sugli zigomi, sul mento ed al centro della fronte. Dove generalmente si stende la terra, ossia sotto le guance è bene stendere un velo di cipria.  Un tocco di blush rosato a definire gli zigomi ed ecco che il trucco è completo.

Chi invece il suo visetto tondo lo ama esattamente così come è e non intende definirlo né allungarlo può semplicemente valorizzare gli occhi e limitarsi ad evitare il blush sulle guance per scongiurare il rischio di ottenere l'effetto Heidi.  In alternativa si può valorizzare la bocca.

]]>
Come realizzare una traduzione perfetta tra inglese e italiano Tue, 27 Oct 2020 18:00:02 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/668486.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/668486.html marketing-seo.it marketing-seo.it L’inglese è la seconda lingua più diffusa nel mondo dopo lo spagnolo, ed è quella scelta come universale per permettere la comunicazione tra le diverse nazioni. Per questo motivo è chiaro come la richiesta di traduzione inglese italiano sia molto elevata.

Gli ambiti di richiesta delle traduzioni inglese italiano sono diversi e coprono vari settori, da quelli relativi al business, a quelli legali, passando per lo studio, fino alle traduzioni riservate all’uso personale.

Basti pensare alle aziende che solitamente richiedono la traduzione di testi che vengono utilizzati per le campagne internazionali di marketing, oppure, quelli per la stesura di cataloghi, o per la vendita di prodotti online.

Le maggiori richieste delle traduzioni per uso personale sono destinate a motivi di studio, lavoro, certificazioni anagrafici, oppure contratti legali tra privati o atti di compravendita.

La traduzione inglese italiano, come essere sicuri che sia perfetta?

Una traduzione perfetta dall’inglese all’italiano deve essere perfetta, soprattutto se si tratta di testi che vengono utilizzati in settori istituzionali, commerciali e legali.

In molti ricorrono all’utilizzo di traduttori automatici per avere una traduzione veloce dei testi, ma il risultato è che spesso si ottengono errori e strafalcioni, sia grammaticali che logici.

Cosa fare per ottenere la traduzione perfetta? Se il vostro livello di inglese non è sufficiente, la soluzione migliore è quella di rivolgervi a un’agenzia di traduzioni testi, specializzata anche nella traduzione inglese italiano e italiano inglese.

Ricorrere a dei professionisti è consigliato soprattutto se i testi e i documenti da tradurre servono per finalità importanti come quelli legali e commerciali. All’interno di queste agenzie ci sono traduttori professionisti che possono assicurare una traduzione perfetta di ogni testo.

Che si tratti di traduttori madrelingua o di traduttori professionisti con livello avanzato della lingua, il lavoro finale sarà sempre perfetto e adeguato al contesto in cui andrà utilizzato il documento tradotto.

Cosa offrono le agenzie di traduzione?

Un altro motivo che dovrebbe convincervi a rivolgervi a dei professionisti delle traduzioni è la possibilità di poter tradurre qualunque tipologia di documento. Il lavoro viene eseguito sempre con la massima attenzione, i documenti sono lavorati e tradotti facendo attenzione a ogni minimo dettaglio.

Inoltre, la presenza di traduttori madrelingua di inglese, rende certo che il risultato finale del lavoro di traduzione non abbia errori.

Affinché la traduzione dei documenti sia sempre perfetta, i traduttori eseguono in lavoro in più fasi, nella prima avviene una lettura del testo e una prima fase di traduzione, andando alla ricerca del linguaggio più naturale possibile e la terminologia più adatta.

La fase successiva è controllare, anche attraverso l’uso di software appositi che non ci siano ripetizioni di frasi o forme di traduzione, procedendo all’eventuale correzione e adattamento.

Prima della consegna della traduzione, viene comunque effettuato un ultimo accurato controllo del testo, si tratta di una revisione per verificare che non ci siano imperfezioni.

Questo lavoro effettuato dalle agenzie di traduzione assicura sempre al cliente un risultato perfetto.

]]>
Il video marketing è il futuro della comunicazione aziendale, case di produzione video innovative come Andy El Loco Production diventano decisive Sun, 25 Oct 2020 01:06:49 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/cinema/668152.html http://comunicati.net/comunicati/arte/cinema/668152.html marketing-seo.it marketing-seo.it Oggi sentiamo parlare di video marketing, ovvero, la sponsorizzazione attraverso la produzione e la diffusione di contenuti multimediali sulle piattaforme social e di streaming, i numeri ci dicono che si tratta di uno strumento molto potente per entrare in contatto con i clienti esistenti e trovarne di nuovi.

La realizzazione video assume quindi un’importanza ancora più grande, i contenuti multimediali devono essere implementati in una strategia di marketing digitale e, devono fare la differenza.

I social network permettono ad aziende, professionisti e privati di arrivare a un’amplia platea di pubblico, ogni giorno, veniamo a contatto con centinaia di video caricati sul web, per farsi notare bisogna proporre materiale di qualità e idee nuove.

Il video marketing e le strategie pubblicitarie efficaci

Secondo alcuni studi statistici, i video generano il maggior ROI (ritorno d’investimento), motivo per il quale oltre l’80% dei responsabili marketing di aziende e professionisti hanno deciso di introdurre questo tipo di contenuto nelle strategie pubblicitarie.

Un video è più immediato delle parole, soprattutto se realizzato in modo nuovo, innovativo e con una strumentazione all’avanguardia, in grado di esaltare tutte le potenzialità del soggetto da sviluppare.

Case di produzione video oggi offrono servizi sempre più tecnologici e rivolti al nuovo modo di comunicare attraverso le immagini. Quando si realizza un video non si può non tener conto dei social network, che sia un video aziendale, totalmente promozionale o mirato alla produzione di un videoclip, un documentario o un filmato.

È un dato di fatto che oggi il 96% delle aziende usano i video per fare marketing, che sono in grado di generare più dell’80% di traffico da internet.

L’innovazione della casa di produzione video Andy El Loco Production

Se i social network hanno stravolto il modo di comunicare e pubblicizzare, c’è anche un risvolto negativo che è dovuto a una sorta di omologazione della comunicazione, influenzata soprattutto dalle scelte dei mass media.

Oggi in rete troviamo contenuti visivi molto simili tra di loro, sia nel contenuto che nello stile, riuscire a fare la differenza è molto difficile, la concorrenza è accesa.

Rivolgersi a degli esperti del settore della produzione video come Andy El Loco Production è la scelta migliore per emergere dalla massa con prodotti audiovisivi realizzati guardando al futuro, con strumentazioni all’avanguardia e prospettive che  vogliono superare gli stereotipi comunicativi a cui oggi il pubblico è abituato.

Parliamo di una casa di produzione video nata nella città di Verona, una realtà giovane che punta ad espandersi in tutto il mondo. Il team è composto da professionisti del settore della produzione video e della fotografia, che mettono a disposizione dei clienti professionalità, competenze e una visione nuova sul modo di trasformare le idee in immagini.

Per fare la differenza bisogna avere prospettive diverse, adottare stili sempre nuovi, il team di Andy El Loco Production è pronto a realizzare video, filmati e spot pubblicitari in base alle richieste dei clienti, proponendo una comunicazione vincente, con un occhio di riguardo allo stile e al continuo rinnovamento.

]]>
La produzione e distribuzione dei videoclip musicali è cambiata con social network, dalla casa di produzione Concertone soluzioni al passo coi tempi Wed, 21 Oct 2020 10:53:14 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/world_music/667372.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/world_music/667372.html marketing-seo.it marketing-seo.it Il successo riscosso negli ultimi anni dai social network ha influenzato tutti i settori, in particolare, quello video e musicale grazie a piattaforme come Youtube.

Sono cambiate le modalità di ascolto e di visione dei contenuti audiovisivi, così come la loro distribuzione che oggi avviene in prevalenza attraverso i canali social.

social network hanno acquisito un’importanza rilevante nella commercializzazione della musica, affiancandosi con efficacia ai mezzi di comunicazione tradizionali.

Con questa premessa è chiaro che non è possibile per un cantante non avere un profilo social e un canale Youtube dove caricare i propri videoclip.

Cambia, quindi, il modo di concepire la distribuzione dei contenuti musicali e video, ma anche quella relativa alla loro produzione che, deve tener conto di tutte le piattaforme utilizzate per raggiungere le persone.

È importante utilizzare tutte le strumentazioni tecnologiche per ottenere un prodotto finale di qualità superiore, sia per ciò che riguarda l’audio che il video, che sia adeguato a tutti i canali di distribuzione da utilizzare.

Youtube è il social network più utilizzato per ciò che riguarda la diffusione di video, ed è il primo canale da tenere in considerazione durante la fase di produzione di videoclip musicali.

Quando si deve realizzare un video musicale, oltre a ragionare sulla storia da raccontare, bisogna tener conto anche del target di utenti che si vuole raggiungere, cercando di intercettare il tipo di comunicazione più adatta per rendere quel prodotto virale.

Tutte queste considerazioni non erano presenti quando la distribuzione dei videoclip musicali avveniva tramite televisione, oggi, invece, sono fondamentali, così come lo è scegliere le case di produzioni giuste e al passo coi tempi.

Concertone, la casa discografica indipendente che offre servizi di produzione di videoclip con strumentazioni di ultima generazione

Concertone è una casa discografica e di produzione indipendente, nata dall’idea di Giampaolo Cantini nel lontano 2002, fondata in Italia, si è poi affacciata negli USA con tutti i suoi servizi.

Produttore musicale e filmmaker, la sua passione per la musica e per il cinema lo ha portato in giro per il mondo a collaborare con grandi professionisti. Nel 2015 decide di lanciare il canale Youtube della società e porta avanti con passione il suo lavoro e quello di Concertone.

Il bisogno costante di rinnovo e la continua ricerca delle ultime novità nel campo della musica e della produzione video, hanno portato questa casa discografica a offrire servizi che seguono i tempi moderni, con un occhio di riguardo ai nuovi canali di comunicazione e distribuzione come i social network.

servizi di produzione offerti da Concertone si basano sulla professionalità del team di lavoro e su strumentazioni tecnologiche di ultima generazione per le riprese video con le migliori risoluzioni fino a 4K, tenendo conto anche dei formati necessari per la realizzazione dei videoclip da lanciare sulle varie piattaforme social.

Un servizio come questo è indispensabile per chi vuole emergere e raggiungere rapidamente la visibilità sul mercato musicale e non solo.

]]>
Perché rivolgersi a un produttore musicale? Concertone produce nuovi talenti Fri, 16 Oct 2020 01:35:36 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/varie/666541.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/varie/666541.html marketing-seo.it marketing-seo.it Se sei un musicista o un’artista avrai sicuramente bisogno di un produttore musicale per far conoscere la tua musica e presentarla al pubblico.

La produzione musicale è un processo di sviluppo, creazione e perfezionamento della musica registrata, che si può riferire anche all’intero ciclo di vita del brano, dalla scrittura e composizione, fino alla registrazione, progettazione del suono, mixaggio e mastering.

Grazie allo sviluppo tecnologico degli ultimi anni, chiunque può realizzare un piccolo studio casalingo per iniziare a produrre musica amatoriale, ma per fare la differenza è necessario rivolgersi a un produttore musicale professionista.

Cosa fa un produttore musicale?

La figura del produttore musicale è importantissima per un musicista o cantante che vuole far conoscere la propria musica. A seconda del genere musicale può avere diversi ruoli, nel tradizionale processo di registrazione, agisce come un fosse un regista di un film.

Prende visione del materiale e consiglia artisticamente i musicisti per realizzare al meglio il miglior brano. Durante la sessione di registrazione coordina e fornisce assistenza organizzativa, inoltre, offre input creativi e note sull’esibizione del musicista e sulle scelte tecniche fatte dall’ingegnere del suono.

In base al genere musicale, il produttore assume una quantità di doveri più ampi, ad esempio, nell’R&B e nell’hip-hop si occupa di creare il beat su cui l’artista canta o rappa.

Nel mondo musicale le parole artista e produttore sono spesso intercambiabili, in quanto l’artista spesso autoproduce il proprio materiale.  

La scelta di autoprodurre la propria musica non è da tutti, rivolgersi a un professionista apre più strade e opportunità in quanto, oltre alla produzione, si hanno maggiori possibilità di pubblicizzazione efficace, grazie alle conoscenze che ha nel settore.

Concertone, casa discografica ed editoriale per i nuovi talenti

Concertone è una casa discografica indipendente italiana nata nel 2002 che si occupa di produrre nuovi talenti in tutto il mondo. Il progetto musicale è ideato da Giampaolo Cantini, registra e produttore musicale italiano, che nel 2015 ha anche lanciato il canale Youtube della società.

La società vanta collaborazioni molto prestigiose, soprattutto per ciò che riguarda le colonne sonore, per citarne alcune: Ennio Morricone, Riz Ortolani, Sergio Endrigo, Carlo Siliotto e Francesco Cerasi.

L’esperienza consolidata negli anni, la professionalità e la competenza sono i punti di forza di questa casa discografica che si pone l’obiettivo di essere un punto di riferimento per i nuovi talenti ma anche per gli artisti professionisti.

Concertone offre anche altri servizi: vendita di musica per film, spettacoli, programmi tv e radiofonici, videoclip.

Si tratta di una realtà indipendente in cui lavorano tanti professionisti che possono aiutare chi vuole emergere nel panorama della musica a fare la differenza.  

Se cerchi un produttore musicale, Concertone può essere la casa discografica ideale, poiché mette al centro del suo operato, esperienza, estrema professionalità, e fornisce strumentazione e servizi tecnologici per ottenere prodotti musicali finali di altissima qualità, pronti per essere presentati alle grandi major del settore.

]]>