Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Omnicom PR Group Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Omnicom PR Group Fri, 16 Apr 2021 16:36:52 +0200 Zend_Feed_Writer 1.12.20 (http://framework.zend.com) http://comunicati.net/utenti/14700/1 Slancio alla crescita in Italia: Schur Flexibles Group acquisisce Sidac S.p.A. Tue, 06 Apr 2021 18:18:49 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/700630.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/700630.html Omnicom PR Group Omnicom PR Group L'acquisizione di Sidac S.p.A., eccellenza nelle soluzioni di imballaggio, consente a Schur Flexibles Group di espandere la propria rete sul mercato italiano. Grazie ad una politica di sostenibilità orientata al futuro, il moderno stabilimento di produzione di Forlì integrerà in modo ottimale la strategia di crescita di Schur Flexibles Group in Europa.  

Wiener Neudorf, 6 aprile 2021 - Con un fatturato annuo di circa 34 milioni di Euro nel 2020 e un organico di 120 dipendenti, Sidac S.p.A. è dal 1929 leader nel settore packaging, in particolare nei settori alimentare, bevande, prodotti dolciari e pet food. Il portafoglio prodotti comprende principalmente laminati complessi forniti in rotolo e per buste stand-up utilizzate nel segmento dei cibi pronti e del pet food. Si tratta di un segmento di mercato che, grazie alla riduzione dell'uso di materiale, genera una crescita dinamica, pur mantenendo un alto livello di funzionalità come opzione di imballaggio sostenibile.

Un passo di espansione significativo in un mercato importante

Grazie al suo impianto altamente performante per il recupero di solventi, Sidac adotta un approccio olistico sostenibile tipico di un'economia circolare, caratteristica distintiva anche di Schur Flexibles. Sidac è oggi tra i leader del settore in Italia e vanta una base clienti appetibile e in costante crescita proveniente da diversi segmenti di mercato. Sidac funge quindi da perfetto complemento per Schur Flexibles Group che sviluppa e produce innovazioni per il packaging in una catena di valore totalmente integrata nei 22 stabilimenti di produzione situati in undici paesi europei.

L'Italia è un mercato che sta vivendo una crescita significativa. Con l'acquisizione di Sidac, abbiamo trovato un partner affermato per la nostra espansione sul territorio dove possiamo integrare perfettamente nell'industria alimentare le nostre competenze nel settore delle soluzioni per imballaggi flessibili”, ha commentato Michael Schernthaner, CEO di Schur Flexibles.

Ciò che accomuna le due aziende: capacità innovativa e spirito imprenditoriale

Questa acquisizione apre a Sidac la strada per accedere all'intero mercato europeo. Il gruppo dirigente di Sidac, responsabile del percorso strategico dell'azienda da circa 20 anni, conferma che dall'unione delle forze con Schur Flexibles possano derivare grandi opportunità. “Come parte di un gruppo di successo internazionale, possiamo accrescere la visibilità dei nostri punti di forza e delle nostre competenze sull'intero mercato europeo”, ha commentato Luca Mazzotti, Amministratore Delegato di Sidac. “Siamo felici di poter essere d'ora in poi un partner ancora più forte per i nostri clienti attuali e futuri”.

Le parti hanno concordato di mantenere la riservatezza in merito al prezzo di acquisto.

Informazioni sul Schur Flexibles Group

Con sede a Wiener Neudorf, Austria, Schur Flexibles Group è specializzato in soluzioni di imballaggi alta barriera innovativi, di alta qualità e su misura per l'industria alimentare, farmaceutica e Aroma Protection. Con la sua catena integrata di valore aggiunto - dall'estrusione, alla stampa e alla laminazione fino all'ampia gamma di sacchetti e buste - il Gruppo, fondato nel 2012, genera attualmente un fatturato di circa 520 milioni di euro, rendendola una delle principali aziende europee del settore. Schur Flexibles impiega circa 1.900 dipendenti e conta 22 stabilimenti di produzione in Europa occidentale e orientale, tutti altamente specializzati e leader tecnologici nel proprio settore.

]]>
Berlin Packaging continua la sua espansione in Europa con l’acquisizione di Glass Line Tue, 06 Apr 2021 10:33:49 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/700404.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/700404.html Omnicom PR Group Omnicom PR Group L’integrazione di un’azienda a conduzione familiare rafforza l’operatività in Italia

Berlin Packaging, azienda leader nella fornitura di contenitori e chiusure in vetro, plastica e metallo, ha annunciato oggi l’acquisizione di Glass Line, un fornitore italiano con sede a Savona che offre soluzioni di packaging in vetro e metallo, in particolare per i mercati alimentare e vinicolo. 

Nata dalla passione delle Famiglie Berruti e Loda, Glass Line ha sviluppato relazioni solide con i clienti e ha accumulato una notevole esperienza nel mercato vinicolo e dell’olio di oliva. L’azienda, gestita congiuntamente da Umberto Berruti e Patrizia Zoppi, ha una forte presenza nel nord-ovest della penisola e gestisce due magazzini in Liguria.

“Glass Line è un’azienda straordinaria che non solo condivide l’attenzione di Berlin alla qualità e ai servizi offerti, ma si impegna anche a fondo per soddisfare i propri clienti. Grazie al continuo rafforzamento della nostra presenza nel nord-ovest dell’Italia, siamo in grado di rifornire meglio i clienti di tutte le dimensioni e in tutti i settori della regione”, ha affermato Paolo Recrosio, CEO di Berlin Packaging Europe.

“La nostra famiglia si è occupata dello sviluppo di Glass Line per diversi anni e abbiamo scelto in modo consapevole un partner per aiutarci ad accrescere il nostro business” ha affermato Umberto Berruti, co-leader di Glass Line. “La partnership con Berlin permette a Glass Line di avere un flusso ottimale di idee, innovazione e talento a beneficio dei nostri dipendenti, clienti e fornitori”, ha aggiunto Patrizia Zoppi, co-leader di Glass Line.

Questa è la tredicesima acquisizione conclusa in Europa da Berlin Packaging dal 2016, a riprova del forte impegno dell’azienda nell'offrire soluzioni di packaging in tutti i segmenti del mercato europeo.

“Abbiamo intrapreso partnership di successo con molte aziende a conduzione familiare nel corso della nostra espansione in Europa e apprezziamo la fiducia che Glass Line ha riposto in noi”, ha affermato Bill Hayes, CEO e Presidente di Berlin Packaging.

Glass Line manterrà tutti i suoi dipendenti e le sue sedi e i ruoli direzionali rimarranno invariati, inclusi quelli di Umberto Berruti e Patrizia Zoppi.

 

Berlin Packaging

Berlin Packaging è il maggiore Hybrid Packaging Supplier® a livello mondiale specializzato nella fornitura di packaging e chiusure in vetro, in plastica e in metallo. L’azienda fornisce ogni anno miliardi di articoli a clienti di ogni settore, insieme a servizi di packaging design, finanziamento, consulenza, stoccaggio e logistica. Berlin Packaging riunisce i migliori fornitori di servizi in materia di produzione, distribuzione e incremento della redditività. La sua mission è far crescere i risultati economici dei propri clienti attraverso i propri prodotti e servizi di packaging.

Maggiori informazioni sono disponibili sul sito BerlinPackaging.com.

 

Bruni Glass, a Berlin Packaging Company

Bruni Glass, il maggiore distributore di packaging in Europa, vanta un’esperienza di oltre quarant’anni nella fornitura di contenitori speciali in vetro di alta qualità per i mercati del vino, dei distillati, dei prodotti alimentari, gourmet e home fragrance. Bruni, con Headquarter in Italia e Sedi diffuse in tutta Europa, offre migliaia di prodotti personalizzati oltre ai più comuni prodotti standard. L’azienda vanta un eccellente studio di progettazione, una rete di partner produttivi di alta qualità, un ottimo Team dedicato ai servizi ed è certificata dal CISQ-IMQ (Istituto Italiano del Marchio di Qualità) secondo gli standard ISO 9001.

Visitare il sito BruniGlass.com per ulteriori informazioni.

]]>
Berlin Packaging continua la sua espansione in Europa con l’acquisizione di Glass Line Tue, 06 Apr 2021 10:33:27 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/materie_plastiche_e_gomma/700403.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/materie_plastiche_e_gomma/700403.html Omnicom PR Group Omnicom PR Group L’integrazione di un’azienda a conduzione familiare rafforza l’operatività in Italia

Berlin Packaging, azienda leader nella fornitura di contenitori e chiusure in vetro, plastica e metallo, ha annunciato oggi l’acquisizione di Glass Line, un fornitore italiano con sede a Savona che offre soluzioni di packaging in vetro e metallo, in particolare per i mercati alimentare e vinicolo. 

Nata dalla passione delle Famiglie Berruti e Loda, Glass Line ha sviluppato relazioni solide con i clienti e ha accumulato una notevole esperienza nel mercato vinicolo e dell’olio di oliva. L’azienda, gestita congiuntamente da Umberto Berruti e Patrizia Zoppi, ha una forte presenza nel nord-ovest della penisola e gestisce due magazzini in Liguria.

“Glass Line è un’azienda straordinaria che non solo condivide l’attenzione di Berlin alla qualità e ai servizi offerti, ma si impegna anche a fondo per soddisfare i propri clienti. Grazie al continuo rafforzamento della nostra presenza nel nord-ovest dell’Italia, siamo in grado di rifornire meglio i clienti di tutte le dimensioni e in tutti i settori della regione”, ha affermato Paolo Recrosio, CEO di Berlin Packaging Europe.

“La nostra famiglia si è occupata dello sviluppo di Glass Line per diversi anni e abbiamo scelto in modo consapevole un partner per aiutarci ad accrescere il nostro business” ha affermato Umberto Berruti, co-leader di Glass Line. “La partnership con Berlin permette a Glass Line di avere un flusso ottimale di idee, innovazione e talento a beneficio dei nostri dipendenti, clienti e fornitori”, ha aggiunto Patrizia Zoppi, co-leader di Glass Line.

Questa è la tredicesima acquisizione conclusa in Europa da Berlin Packaging dal 2016, a riprova del forte impegno dell’azienda nell'offrire soluzioni di packaging in tutti i segmenti del mercato europeo.

“Abbiamo intrapreso partnership di successo con molte aziende a conduzione familiare nel corso della nostra espansione in Europa e apprezziamo la fiducia che Glass Line ha riposto in noi”, ha affermato Bill Hayes, CEO e Presidente di Berlin Packaging.

Glass Line manterrà tutti i suoi dipendenti e le sue sedi e i ruoli direzionali rimarranno invariati, inclusi quelli di Umberto Berruti e Patrizia Zoppi.

 

Berlin Packaging

Berlin Packaging è il maggiore Hybrid Packaging Supplier® a livello mondiale specializzato nella fornitura di packaging e chiusure in vetro, in plastica e in metallo. L’azienda fornisce ogni anno miliardi di articoli a clienti di ogni settore, insieme a servizi di packaging design, finanziamento, consulenza, stoccaggio e logistica. Berlin Packaging riunisce i migliori fornitori di servizi in materia di produzione, distribuzione e incremento della redditività. La sua mission è far crescere i risultati economici dei propri clienti attraverso i propri prodotti e servizi di packaging.

Maggiori informazioni sono disponibili sul sito BerlinPackaging.com.

 

Bruni Glass, a Berlin Packaging Company

Bruni Glass, il maggiore distributore di packaging in Europa, vanta un’esperienza di oltre quarant’anni nella fornitura di contenitori speciali in vetro di alta qualità per i mercati del vino, dei distillati, dei prodotti alimentari, gourmet e home fragrance. Bruni, con Headquarter in Italia e Sedi diffuse in tutta Europa, offre migliaia di prodotti personalizzati oltre ai più comuni prodotti standard. L’azienda vanta un eccellente studio di progettazione, una rete di partner produttivi di alta qualità, un ottimo Team dedicato ai servizi ed è certificata dal CISQ-IMQ (Istituto Italiano del Marchio di Qualità) secondo gli standard ISO 9001.

Visitare il sito BruniGlass.com per ulteriori informazioni.

]]>
Morini Rent rinnova le offerte Mobility Wed, 31 Mar 2021 11:52:58 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/trasporti/699072.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/trasporti/699072.html Omnicom PR Group Omnicom PR Group Morini Rent, parte di Avis Budget Group ed azienda specialista del noleggio di auto, veicoli commerciali ed isotermici, rinnova le sue promozioni sulla gamma Mobility Rent per supportare al meglio l’azione dei caregiver e sostenere qualunque necessità di trasporto.

 

Il prorogarsi dello stato di emergenza e delle restrizioni a causa del Covid-19 hanno inciso profondamente sulle attività e sulla quotidianità di tutti, ma hanno rappresentato nuovi e talvolta insormontabili ostacoli per la libertà di movimento di chi ha disabilità motorie. Per questo motivo, nell’ultimo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, in vigore dal 6 marzo, sono state previste disposizione meno restrittive per figure come i caregiver che assistono e supportano le persone affette da disabilità nelle attività sociali, sociosanitarie ed educative.

 

Morini Rent risponde prontamente a queste nuove disposizioni rendendo disponibile al noleggio qualunque veicolo della flotta Mobility, appositamente allestito per il trasporto di una o più persone con disabilità motorie, con una scontistica del 10% sulla tariffa ordinaria. I veicoli della gamma Mobility sono dotati di pianale ribassato e rampa di accesso, gradino laterale e mancorrente auto rientrante: tutto ciò che serve per un viaggio agevole e pratico. Inoltre, il noleggio dei mezzi Mobility rientra in tutte le vantaggiose tariffe a catalogo di Morini Rent come la promozione Pluriflexi, Overnight e Flessibilità.

 

Garantire la vicinanza di familiari ed assistenti sociali accompagnando il paziente disabile in ospedale o a scuola per la didattica in presenza significa garantire libertà e diritti a tutte le persone affette da disabilità motorie.  Un tema verso cui da sempre è sensibile Morini Rent testimoniato non solo dalla propria attività, ma anche dalle numerose iniziative sociali che la vedono coinvolta ogni anno.

La più recente, ormai consolidata negli anni, riguarda il sostegno alla Comunità di Sant'Egidio di Roma dove Morini Rent questo anno ha messo a disposizione due Volkswagen Caddy Maxi della flotta Mobility a supporto delle attività benefiche e no profit della Comunità.

 

Automobili, minibus, veicoli commerciali, automezzi refrigerati o mezzi allestiti per il trasporto di persone con disabilità motorie: tutte le offerte sono disponi su www.morinirent.com

Per maggiori informazioni sul comparto mobility: https://www.morinirent.com/it/flotta-veicoli/mobility/

 

]]>
Nuovi Malware per spiare le vittime, ecco lo Stalkerware! Mon, 15 Mar 2021 11:24:34 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/informatica/information_technology/695717.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/informatica/information_technology/695717.html Omnicom PR Group Omnicom PR Group Il termine Malware è genericamente utilizzato per identificare qualunque tipologia di codice malevole esistente, indipendentemente dalle tecniche utilizzate per diffondere queste minacce ed installarle nei sistemi target o dai danni che provocano. Gli autori dei malware sono spesso interessati esclusivamente ai profitti derivanti dalla vendita dei dati trafugati alle vittime (alle credenziali di accesso a siti e servizi online, ai numeri di carte di credito o alle informazioni riservate utilizzabili successivamente per campagne di profilazione più o meno lecite) o del codice malevolo stesso nel Dark Web. Fin qui i malware sono stati utilizzati esclusivamente in questo senso ma di recente c’è una nuova categoria di malware che preoccupa sempre di più: lo stalkerware.

Si tratta di un tipo di malware che viene installato sullo smartphone della vittima e utilizzato per monitorarne le attività, ad esempio gli spostamenti, i siti web che visita e le persone con cui parla o comunica su WhatsApp. Le versioni più avanzate sono in grado di leggere anche il contenuto dei messaggi di testo e delle e-mail, o di ascoltare e registrare le telefonate.

Una sorta di kit di spionaggio completo, che consente a chi lo utilizza di seguire e tracciare minuziosamente le abitudini e le preferenze della vittima, per questo motivo è stato ribattezzato stalkerware.

Un malware dunque molto intrusivo ed efficiente che può essere controllato da remoto e che permette all’hacker di spiare le vittime in tempo reale, aprendo le porte ad un nuovo mondo di attacchi incrociati tra online e offline. Inoltre, le vittime raramente si rendono conto di avere il telefono infetto e di essere sorvegliate.

Di recente l’opportunità di sfruttare vulnerabilità degli ecosistemi informatici delle aziende ha portato lo stalkerware ad essere utilizzato come parte di un attacco di ingegneria sociale, in cui i cybercriminali cercano di entrare nella rete di un’azienda attraverso uno dei suoi dipendenti. La maggior parte delle infezioni da stalkerware inizia con l’inganno (phishing): la vittima viene raggirata e, senza saperlo, scarica e installa il malware insieme a un altro software o app. La vittima quasi mai, contrariamente al caso dello stalking classico, è conosciuta dall’hacker nonostante spesso venga utilizzato in maniera fittizia proprio la mail o il contatto di un utente noto alla vittima per richiedere l’installazione di una certa app o di accedere in un determinato sito per risolvere un presunto problema.

Una volta installata, l’app infetta apre una backdoor nel telefono consentendo allo stalker digitale di connettersi quando vuole.

Questo tipo di attacco informatico sta diventando sempre più diffuso tanto che nell’ultimo anno si è registrato un incremento del 51% a livello globale

Come rilevare e rimuovere uno stalkerware

Questo tipo di malware è progettato per essere invisibile sui device, in modo che la vittima non noti il minimo cambiamento o indizio di infezione. Molti dei sintomi della presenza di un malware per dispositivi mobili (come popup indesiderati, calo delle prestazioni e surriscaldamento del terminale) non compaiono nel caso di uno stalkerware.

Spesso, le infezioni vengono scoperte durante una scansione programmata alla ricerca di malware, ed è per questo che è così importante installare una suite antimalware sullo smartphone. L’antivirus gratuito per Android di Panda è in grado di rilevare e rimuovere gli stalkerware e altri tipi di malware, ripristinando la privacy e la sicurezza sul telefono.

Infine, Panda Security consiglia in caso individuazione di uno stalkerware sul computer di denunciare il fatto alla polizia, perché potrebbe trattarsi di spionaggio industriale o di vero e proprio stalking, con le conseguenze anche potenzialmente disastrose a cui abbiamo accennato. Anche se non si è avuto un danno effettivo, il cyberstalker è già in possesso di molte informazioni personali e di altri nostri dati, per cui la denuncia è fondamentale per limitare i danni.

Buona navigazione e attenzione agli stalker informatici!

]]>
Scopri come proteggere la tua rete Wi-Fi di casa dai rischi del wardriving Mon, 15 Mar 2021 11:23:34 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/informatica/information_technology/695714.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/informatica/information_technology/695714.html Omnicom PR Group Omnicom PR Group Le origini del wardriving risalgono al cult anni’80 “War Games” con Matthew Broderick, in cui il protagonista effettuava un attacco di wardialing, ovvero chiamava tutti i numeri di telefono in un’area geografica per localizzare i computer presenti. Questo tipo di attacco si è evoluto e ha lasciato posto alla mappatura degli access point, anche detta wardriving che consiste nel localizzare reti wireless vulnerabili in una determinata zona.

 

Questa pratica non è al momento vietata, ma se alla localizzazione di una rete Wi-Fi protetta dovesse conseguire un accesso non consentito, questo costituisce reato.  La connessione a reti non protette invece è una pratica ai limiti della legalità e può comportare reati legati alla privacy.

 

I wardriver utilizzano sia hardware che software per rilevare i segnali Wi-Fi e, una volta localizzate le reti, condividono dati ed info con siti o app che creano mappature digitali delle reti Wi-Fi.

Il wardriving può avere tre obiettivi principali:

 

  • Rubare dati personali e le credenziali di accesso agli account di home banking.
  • Utilizzare le reti per attività criminali in modo che il traffico provenga dalla Wi-Fi hackerata e l’hacker non sia rintracciabile.
  • Trovare le falle di sicurezza di una rete. Gli hacker etici lo fanno allo scopo di migliorare la sicurezza generale delle infrastrutture di rete della comunità.

 

Come prevenire il wardriving

 

Data la relativa semplicità del wardriving, spesso questa viene messa in pratica da appassionati senza fini criminosi e non comporta alcun rischio per i proprietari delle reti. Tuttavia, anche in questi casi i dati pubblicati sulle mappe possono essere utilizzati da altri hacker con obiettivi meno etici per commettere reati online attraverso la rete della vittima o prendendo di mira i suoi dati personali, ad esempio per un attacco ransomware.

 

Per questo motivo, indipendentemente dal tipo di minaccia a cui si è esposti, conviene sempre proteggere la rete Wi-Fi di casa seguendo alcuni semplici consigli elaborati da Panda Security:

 

  • Attivare la crittografia: selezionare il protocollo di sicurezza più impenetrabile tra quelli disponibili per la tua rete, WPA e WPA2 o WEP.
  • Aggiornare la password: cambiare la password predefinita del router e utilizza l’autenticazione a più fattori se disponibile.
  • Aggiungere una rete ospiti: impostare una rete Wi-Fi per gli ospiti è semplice e veloce, e consente di condividere l’accesso con amici, visitatori e dispositivi smart considerati sicuri, escludendo tutti quelli sconosciuti o sospetti.
  • Utilizzare il firewall: ogni firewall attivo è una barriera difensiva in più che hacker e malware dovranno superare se vogliono accedere al tuo sistema. Per questo motivo, oltre a quello del router e del sistema operativo, consigliamo di utilizzare il Firewall Personale di Panda Dome, per aggiungere un livello di protezione in più al sistema.
  • Aggiornare i dispositivi: installare tutti gli aggiornamenti disponibili per non perdere le patch di sicurezza.

 

Il wardriving non è più così diffuso come agli albori di Internet ma rimane una criticità delle reti Wi-Fi.

]]>
Scopri come proteggere la tua rete Wi-Fi di casa dai rischi del wardriving Mon, 15 Mar 2021 11:23:05 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/informatica/information_technology/695712.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/informatica/information_technology/695712.html Omnicom PR Group Omnicom PR Group Le origini del wardriving risalgono al cult anni’80 “War Games” con Matthew Broderick, in cui il protagonista effettuava un attacco di wardialing, ovvero chiamava tutti i numeri di telefono in un’area geografica per localizzare i computer presenti. Questo tipo di attacco si è evoluto e ha lasciato posto alla mappatura degli access point, anche detta wardriving che consiste nel localizzare reti wireless vulnerabili in una determinata zona.

 

Questa pratica non è al momento vietata, ma se alla localizzazione di una rete Wi-Fi protetta dovesse conseguire un accesso non consentito, questo costituisce reato.  La connessione a reti non protette invece è una pratica ai limiti della legalità e può comportare reati legati alla privacy.

 

I wardriver utilizzano sia hardware che software per rilevare i segnali Wi-Fi e, una volta localizzate le reti, condividono dati ed info con siti o app che creano mappature digitali delle reti Wi-Fi.

Il wardriving può avere tre obiettivi principali:

 

  • Rubare dati personali e le credenziali di accesso agli account di home banking.
  • Utilizzare le reti per attività criminali in modo che il traffico provenga dalla Wi-Fi hackerata e l’hacker non sia rintracciabile.
  • Trovare le falle di sicurezza di una rete. Gli hacker etici lo fanno allo scopo di migliorare la sicurezza generale delle infrastrutture di rete della comunità.

 

Come prevenire il wardriving

 

Data la relativa semplicità del wardriving, spesso questa viene messa in pratica da appassionati senza fini criminosi e non comporta alcun rischio per i proprietari delle reti. Tuttavia, anche in questi casi i dati pubblicati sulle mappe possono essere utilizzati da altri hacker con obiettivi meno etici per commettere reati online attraverso la rete della vittima o prendendo di mira i suoi dati personali, ad esempio per un attacco ransomware.

 

Per questo motivo, indipendentemente dal tipo di minaccia a cui si è esposti, conviene sempre proteggere la rete Wi-Fi di casa seguendo alcuni semplici consigli elaborati da Panda Security:

 

  • Attivare la crittografia: selezionare il protocollo di sicurezza più impenetrabile tra quelli disponibili per la tua rete, WPA e WPA2 o WEP.
  • Aggiornare la password: cambiare la password predefinita del router e utilizza l’autenticazione a più fattori se disponibile.
  • Aggiungere una rete ospiti: impostare una rete Wi-Fi per gli ospiti è semplice e veloce, e consente di condividere l’accesso con amici, visitatori e dispositivi smart considerati sicuri, escludendo tutti quelli sconosciuti o sospetti.
  • Utilizzare il firewall: ogni firewall attivo è una barriera difensiva in più che hacker e malware dovranno superare se vogliono accedere al tuo sistema. Per questo motivo, oltre a quello del router e del sistema operativo, consigliamo di utilizzare il Firewall Personale di Panda Dome, per aggiungere un livello di protezione in più al sistema.
  • Aggiornare i dispositivi: installare tutti gli aggiornamenti disponibili per non perdere le patch di sicurezza.

 

Il wardriving non è più così diffuso come agli albori di Internet ma rimane una criticità delle reti Wi-Fi.

]]>
Sony Professional e Centro Sperimentale di Cinematografia, Scuola Nazionale di Cinema collaborano per fornire lo stato dell'arte della formazione cinematografica Tue, 09 Mar 2021 16:48:44 +0100 http://comunicati.net/comunicati/arte/cinema/694519.html http://comunicati.net/comunicati/arte/cinema/694519.html Omnicom PR Group Omnicom PR Group

Milano, 9 marzo 2021 : Con il suo approccio multidisciplinare agli studi afferenti al mondo della produzione cinematografica e una lunga storia di eccellenza, il Centro Sperimentale di Cinematografia (CSC), con sede principale a Roma, è uno dei più prestigiosi Istituti di formazione per il cinema in Italia e nel mondo. Sony Professional e CSC hanno recentemente stretto una partnership per sostenere lo sviluppo di competenze per il cinema digitale, con l’acquisizione di un sistema di ripresa Sony VENICE finalizzato a dotare gli studenti di tecnologie all'avanguardia, da utilizzare nell’ambito del percorso didattico e dei relativi progetti di produzione.

Da sempre all'avanguardia nel formare i professionisti del cinema, Il CSC ha voluto nuovamente investire nelle più recenti tecnologie affinché gli studenti, una volta iniziata la loro carriera professionale, possano beneficiare di una approfondita conoscenza degli strumenti tecnici e delle possibilità creative da essi rese disponibili. Il corso di fotografia cinematografica ha visto avvicendarsi personalità di primaria importanza, quali: il tre volte premio Oscar Vittorio Storaro; il vincitore dei BAFTA Giuseppe Rotunno; l’autore della fotografia cinematografica e capostipite di IMAGO Luciano Tovoli.

Adriano De Santis, Direttore e Preside della Scuola Nazionale di Cinema, ha dichiarato: "Al CSC, ci impegniamo continuamente per offrire la migliore qualità di insegnamento e formazione per il cinema a ciascuno dei nostri studenti. Il progetto di partnership tecnologica con Sony Professional ci consentirà di perfezionare la nostra offerta formativa per sviluppare al meglio le competenze e conoscenze delle future generazioni di professionisti e mantenere la reputazione del CSC ai massimi livelli nel mondo".


 

Giuseppe Lanci, Direttore artistico del corso di fotografia, ha commentato: "Nel mio ruolo, sono costantemente impegnato nella valutazione dello stato dell'arte della tecnologia per offrire agli studenti esperienza pratica con gli strumenti che troveranno poi sul set. Con questo obiettivo, ho accolto con favore l'acquisizione di VENICE, avendo anche osservato il suo percorso evolutivo e l’ampia adozione nelle più prestigiose produzioni internazionali."

VENICE è infatti diventata una delle prime scelte per i progetti cinematografici digitali. Ad oggi, è stata utilizzata per la realizzazione di innumerevoli produzioni per le sale, la TV e lo streaming, tra cui il ritorno di Sophia Loren sul grande schermo con "The Life Ahead", "The Plot Against America" di HBO, "Devs" di FX.

L'impegno continuo di Sony nello sviluppo di tecnologie al servizio della creatività cinematografica  è testimoniato anche dalla collaborazione con Technicolor e con i suoi pluripremiati color scientists nella creazione di una nuova libreria di look per VENICE, disponibile online per i creativi che desiderano accedere agevolmente ad alcuni tra i più iconici look di Technicolor ispirati alla loro importante eredità cinematografica.

L'acquisizione di Sony VENICE da parte di CSC è stata supportata anche da Trans Audio Video Srl, partner di Sony Professional in Italia. Il CEO, Marco Brighel, ha commentato: "Siamo orgogliosi di essere coinvolti con Sony e CSC nella realizzazione di un progetto che mira a favorire la formazione dei professionisti del futuro.”

La partnership tra Sony Professional e CSC avrà anche lo scopo di facilitare una maggiore convergenza tra la tecnologia e le sue applicazioni. Un piano di attività tutoriale, tecnica e operativa, consentirà a Sony di interagire in modo costruttivo con i docenti del CSC - professionisti esperti dell'industria cinematografica - e gli studenti, al fine di comprendere più approfonditamente le istanze di innovazione e rispondere alle necessità dettate da nuove tendenze e modelli produttivi.

Benito Mari, Country Sales Manager Sony Professional Solutions Europe, ha commentato: "Grazie alla collaborazione con il Centro Sperimentale di Cinematografia, Sony Professional viene a riaffermare la sua missione di voler interagire con i reali utilizzatori delle nostre tecnologie. In questo senso, il bacino di studenti di una scuola di così alto profilo potrà indubbiamente creare un notevole valore aggiunto da portare sino alle nostre funzioni di pianificazione e sviluppo della line-up per l'industria cinematografica."

 

-ENDS-

 

Informazioni su Sony Corporation

Sony Corporation è un'azienda dedicata all'intrattenimento creativo con una solida base tecnologica. Dal gioco ai servizi di rete passando per la musica, le immagini, l'elettronica, i semiconduttori e i servizi finanziari, l'obiettivo di Sony è veicolare emozioni grazie alla potenza di creatività e tecnologia.

 

Per ulteriori informazioni, visita: http://www.sony.net/

 

Informazioni su Sony Professional Solutions

Sony Professional Solutions è parte di Sony Corporation ed è nata per aiutare i professionisti a vivere a fondo la propria visione, liberando la straordinaria potenza delle immagini. Forte di una combinazione vincente di tecnologia innovativa ed esperienza nel settore, Sony collabora con le società operanti in una vasta gamma di mercati, tra cui media e broadcast, sport, healthcare, corporate, education e teatro, per fornire soluzioni di punta e rivoluzionarie per i clienti. Grazie a oltre 40 anni di esperienza e a una rete fidata di partner tecnologici affermati, la vasta gamma di conoscenze, prodotti e servizi di Sony offre valore alle aziende e fornisce informazioni, formazione e ispirazione ai loro clienti.

 

Maggiori informazioni sono disponibili all'indirizzo http://pro.sony.eu 

 

Per ulteriori informazioni

Contattare l’ufficio stampa di Sony Professional Solutions Europe all'indirizzo press.europe@sony.com

 

]]>
Sony Professional e Centro Sperimentale di Cinematografia, Scuola Nazionale di Cinema collaborano per fornire lo stato dell'arte della formazione cinematografica Tue, 09 Mar 2021 16:46:45 +0100 http://comunicati.net/comunicati/arte/cinema/694518.html http://comunicati.net/comunicati/arte/cinema/694518.html Omnicom PR Group Omnicom PR Group

Milano, 9 marzo 2021 : Con il suo approccio multidisciplinare agli studi afferenti al mondo della produzione cinematografica e una lunga storia di eccellenza, il Centro Sperimentale di Cinematografia (CSC), con sede principale a Roma, è uno dei più prestigiosi Istituti di formazione per il cinema in Italia e nel mondo. Sony Professional e CSC hanno recentemente stretto una partnership per sostenere lo sviluppo di competenze per il cinema digitale, con l’acquisizione di un sistema di ripresa Sony VENICE finalizzato a dotare gli studenti di tecnologie all'avanguardia, da utilizzare nell’ambito del percorso didattico e dei relativi progetti di produzione.

Da sempre all'avanguardia nel formare i professionisti del cinema, Il CSC ha voluto nuovamente investire nelle più recenti tecnologie affinché gli studenti, una volta iniziata la loro carriera professionale, possano beneficiare di una approfondita conoscenza degli strumenti tecnici e delle possibilità creative da essi rese disponibili. Il corso di fotografia cinematografica ha visto avvicendarsi personalità di primaria importanza, quali: il tre volte premio Oscar Vittorio Storaro; il vincitore dei BAFTA Giuseppe Rotunno; l’autore della fotografia cinematografica e capostipite di IMAGO Luciano Tovoli.

Adriano De Santis, Direttore e Preside della Scuola Nazionale di Cinema, ha dichiarato: "Al CSC, ci impegniamo continuamente per offrire la migliore qualità di insegnamento e formazione per il cinema a ciascuno dei nostri studenti. Il progetto di partnership tecnologica con Sony Professional ci consentirà di perfezionare la nostra offerta formativa per sviluppare al meglio le competenze e conoscenze delle future generazioni di professionisti e mantenere la reputazione del CSC ai massimi livelli nel mondo".


 

Giuseppe Lanci, Direttore artistico del corso di fotografia, ha commentato: "Nel mio ruolo, sono costantemente impegnato nella valutazione dello stato dell'arte della tecnologia per offrire agli studenti esperienza pratica con gli strumenti che troveranno poi sul set. Con questo obiettivo, ho accolto con favore l'acquisizione di VENICE, avendo anche osservato il suo percorso evolutivo e l’ampia adozione nelle più prestigiose produzioni internazionali."

VENICE è infatti diventata una delle prime scelte per i progetti cinematografici digitali. Ad oggi, è stata utilizzata per la realizzazione di innumerevoli produzioni per le sale, la TV e lo streaming, tra cui il ritorno di Sophia Loren sul grande schermo con "The Life Ahead", "The Plot Against America" di HBO, "Devs" di FX.

L'impegno continuo di Sony nello sviluppo di tecnologie al servizio della creatività cinematografica  è testimoniato anche dalla collaborazione con Technicolor e con i suoi pluripremiati color scientists nella creazione di una nuova libreria di look per VENICE, disponibile online per i creativi che desiderano accedere agevolmente ad alcuni tra i più iconici look di Technicolor ispirati alla loro importante eredità cinematografica.

L'acquisizione di Sony VENICE da parte di CSC è stata supportata anche da Trans Audio Video Srl, partner di Sony Professional in Italia. Il CEO, Marco Brighel, ha commentato: "Siamo orgogliosi di essere coinvolti con Sony e CSC nella realizzazione di un progetto che mira a favorire la formazione dei professionisti del futuro.”

La partnership tra Sony Professional e CSC avrà anche lo scopo di facilitare una maggiore convergenza tra la tecnologia e le sue applicazioni. Un piano di attività tutoriale, tecnica e operativa, consentirà a Sony di interagire in modo costruttivo con i docenti del CSC - professionisti esperti dell'industria cinematografica - e gli studenti, al fine di comprendere più approfonditamente le istanze di innovazione e rispondere alle necessità dettate da nuove tendenze e modelli produttivi.

Benito Mari, Country Sales Manager Sony Professional Solutions Europe, ha commentato: "Grazie alla collaborazione con il Centro Sperimentale di Cinematografia, Sony Professional viene a riaffermare la sua missione di voler interagire con i reali utilizzatori delle nostre tecnologie. In questo senso, il bacino di studenti di una scuola di così alto profilo potrà indubbiamente creare un notevole valore aggiunto da portare sino alle nostre funzioni di pianificazione e sviluppo della line-up per l'industria cinematografica."

 

-ENDS-

 

Informazioni su Sony Corporation

Sony Corporation è un'azienda dedicata all'intrattenimento creativo con una solida base tecnologica. Dal gioco ai servizi di rete passando per la musica, le immagini, l'elettronica, i semiconduttori e i servizi finanziari, l'obiettivo di Sony è veicolare emozioni grazie alla potenza di creatività e tecnologia.

 

Per ulteriori informazioni, visita: http://www.sony.net/

 

Informazioni su Sony Professional Solutions

Sony Professional Solutions è parte di Sony Corporation ed è nata per aiutare i professionisti a vivere a fondo la propria visione, liberando la straordinaria potenza delle immagini. Forte di una combinazione vincente di tecnologia innovativa ed esperienza nel settore, Sony collabora con le società operanti in una vasta gamma di mercati, tra cui media e broadcast, sport, healthcare, corporate, education e teatro, per fornire soluzioni di punta e rivoluzionarie per i clienti. Grazie a oltre 40 anni di esperienza e a una rete fidata di partner tecnologici affermati, la vasta gamma di conoscenze, prodotti e servizi di Sony offre valore alle aziende e fornisce informazioni, formazione e ispirazione ai loro clienti.

 

Maggiori informazioni sono disponibili all'indirizzo http://pro.sony.eu 

 

Per ulteriori informazioni

Contattare l’ufficio stampa di Sony Professional Solutions Europe all'indirizzo press.europe@sony.com

 

]]>
Sicurezza e protezione dei dati: OVHcloud estende a tutte le offerte cloud le certificazioni ISO 27001 e ISO 27701 Tue, 09 Mar 2021 15:12:16 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/informatica/information_technology/694458.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/informatica/information_technology/694458.html Omnicom PR Group Omnicom PR Group Il leader europeo del cloud ribadisce il suo impegno a fornire soluzioni cloud che assicurino la massima sicurezza per i suoi servizi e nuove garanzie sulla privacy dei dati per i clienti.

 

Milano, 9 marzo 2021 – OVHcloud ha annunciato oggi di aver ottenuto nuove certificazioni in materia di sicurezza delle informazioni e privacy dei dati, segnando così una nuova fase nella sua più ampia politica di certificazione e impegno nei confronti dei clienti.

Le nuove certificazioni ISO/IEC 27001 e ISO/IEC 27701 si applicano alla maggior parte delle soluzioni cloud, OVHcloud ha ulteriormente consolidato il proprio set di strumenti al fine di rafforzare la fiducia dei clienti nella sicurezza della propria infrastruttura. L’ambito delle certificazioni copre i seguenti prodotti:

  • Public Cloud: Compute, Storage (blocchi, oggetti, archivio, snapshot, backup di istanze), Managed Kubernetes Service, Database Cloud, Data Processing, ML serving e AI Training.
  • Hosted Private Cloud Premier, Managed Bare Metal, Server Bare Metal, NAS, Backup storage, Logs Data Platform e Trusted Exchange.

Per questi prodotti e per tutti i sistemi informativi di supporto, OVHcloud ha implementato un Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni (ISMS) e un Sistema di Gestione delle Informazioni Personali (PIMS) valutati da un revisore esterno nell'ambito di un audit approfondito. Questo audit ha portato all'ottenimento di:

  • Certificazione secondo lo standard ISO/IEC 27001 integrato dai requisiti della ISO/IEC 27017, specifici per la sicurezza dei servizi cloud e ISO/IEC 27018 relativa ai requisiti di protezione dei dati personali. Questa certificazione consente a tutte le organizzazioni e ai loro team DevOps di implementare servizi nell'ambiente di OVHcloud secondo i più elevati standard di sicurezza.

 

  • Certificazione secondo lo standard ISO/IEC 27701, per spiegare come i dati personali ospitati dai propri clienti sulle soluzioni OVHcloud siano specificatamente protetti. Questa recente certificazione (2019), che riguarda ancora pochi player, si basa su uno standard globale che riflette la maggior parte dei requisiti del Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati (GDPR) in modo standardizzato.

 

Secondo lo studio IDC FutureScape "Worldwide Cloud 2021 Predictions", oltre l'80% delle aziende che valutano i servizi cloud per workload sensibili in termini di privacy imporrà la protezione della sovranità sui dati e la capacità di controllare i processi corrispondenti nelle aree geografiche interessate.

OVHcloud si impegna da molti anni per migliorare costantemente la sicurezza dei propri sistemi informativi. Nel 2013, il leader europeo del cloud ha ottenuto la certificazione ISO 27001 per la sua soluzione Hosted Private Cloud e nel 2019 per i server Bare Metal Cloud.

 

In qualità di cloud provider, OVHcloud ha anche adottato un approccio multi-locale alla compliance: in Francia, ha ottenuto l'approvazione di sicurezza ANSSI[1] per la sua qualifica SecNumCloud all'inizio del 2021 ed ha esteso l'ambito della sua certificazione di hosting dei dati sanitari HDS per includere servizi di Public Cloud che potrebbero essere utilizzati per ospitare questa tipologia di dati. In altri paesi OVHcloud sta sviluppando una roadmap su misura per le normative locali, come C5 in Germania (BSI Cloud Computing Compliance Controls Catalog), AGID in Italia (Agenzia per l'Italia Digitale) e ENS in Spagna (Esquema Nacional de Seguridad).

 

"La nostra politica di certificazione è guidata e modellata dai requisiti di sicurezza dei nostri clienti", afferma Sylvain Rouri, Chief Sales Officer di OVHcloud. "Siamo lieti di offrire alle organizzazioni del settore pubblico e privato un portafoglio di soluzioni cloud certificate, in modo che possano ospitare i loro dati su infrastrutture che garantiscono il massimo livello di sicurezza e protezione dei dati".

 

"Questa doppia certificazione, che si applica alla maggior parte dei nostri prodotti cloud, è un passo importante nel nostro approccio alla sicurezza. Fornisce un framework di gestione virtuoso per garantire che siano prese in considerazione buone pratiche di sicurezza e protezione dei dati personali e per migliorare la trasparenza per i nostri clienti", afferma Julien Levrard, Chief Information Security Officer di OVHcloud.

XMCO ha supportato questo approccio come revisore interno del sistema di gestione di OVHcloud. L'audit di certificazione esterno è stato condotto dal Laboratoire National de Métrologie et d'Essais (LNE).

Per ulteriori informazioni sulla politica di conformità e certificazione di OVHcloud: https://www.ovhcloud.com/it/enterprise/certification-conformity/

 

Chi siamo

OVHcloud è un provider globale e il leader europeo del cloud che gestisce 400.000 server nei propri 32 data center in 4 continenti. Da 20 anni il Gruppo si avvale di un modello integrato che fornisce il pieno controllo della catena del valore, dalla progettazione dei propri server alla gestione dei data center fino all'orchestrazione della propria rete in fibra ottica. Questo approccio unico permette a OVHcloud di coprire, in modo indipendente, l'intero spettro di casi d'uso per i 1,6 milioni di clienti in oltre 140 Paesi. OVHcloud offre ai clienti soluzioni di ultima generazione che combinano prestazioni elevate, prezzi prevedibili e piena sovranità dei dati per sostenere la loro crescita incondizionata.



[1] Agenzia nazionale francese per la sicurezza dei sistemi informativi.

]]>
Sicurezza e protezione dei dati: OVHcloud estende a tutte le offerte cloud le certificazioni ISO 27001 e ISO 27701 Tue, 09 Mar 2021 15:11:54 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/informatica/information_technology/694457.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/informatica/information_technology/694457.html Omnicom PR Group Omnicom PR Group Il leader europeo del cloud ribadisce il suo impegno a fornire soluzioni cloud che assicurino la massima sicurezza per i suoi servizi e nuove garanzie sulla privacy dei dati per i clienti.

 

Milano, 9 marzo 2021 – OVHcloud ha annunciato oggi di aver ottenuto nuove certificazioni in materia di sicurezza delle informazioni e privacy dei dati, segnando così una nuova fase nella sua più ampia politica di certificazione e impegno nei confronti dei clienti.

Le nuove certificazioni ISO/IEC 27001 e ISO/IEC 27701 si applicano alla maggior parte delle soluzioni cloud, OVHcloud ha ulteriormente consolidato il proprio set di strumenti al fine di rafforzare la fiducia dei clienti nella sicurezza della propria infrastruttura. L’ambito delle certificazioni copre i seguenti prodotti:

  • Public Cloud: Compute, Storage (blocchi, oggetti, archivio, snapshot, backup di istanze), Managed Kubernetes Service, Database Cloud, Data Processing, ML serving e AI Training.
  • Hosted Private Cloud Premier, Managed Bare Metal, Server Bare Metal, NAS, Backup storage, Logs Data Platform e Trusted Exchange.

Per questi prodotti e per tutti i sistemi informativi di supporto, OVHcloud ha implementato un Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni (ISMS) e un Sistema di Gestione delle Informazioni Personali (PIMS) valutati da un revisore esterno nell'ambito di un audit approfondito. Questo audit ha portato all'ottenimento di:

  • Certificazione secondo lo standard ISO/IEC 27001 integrato dai requisiti della ISO/IEC 27017, specifici per la sicurezza dei servizi cloud e ISO/IEC 27018 relativa ai requisiti di protezione dei dati personali. Questa certificazione consente a tutte le organizzazioni e ai loro team DevOps di implementare servizi nell'ambiente di OVHcloud secondo i più elevati standard di sicurezza.

 

  • Certificazione secondo lo standard ISO/IEC 27701, per spiegare come i dati personali ospitati dai propri clienti sulle soluzioni OVHcloud siano specificatamente protetti. Questa recente certificazione (2019), che riguarda ancora pochi player, si basa su uno standard globale che riflette la maggior parte dei requisiti del Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati (GDPR) in modo standardizzato.

 

Secondo lo studio IDC FutureScape "Worldwide Cloud 2021 Predictions", oltre l'80% delle aziende che valutano i servizi cloud per workload sensibili in termini di privacy imporrà la protezione della sovranità sui dati e la capacità di controllare i processi corrispondenti nelle aree geografiche interessate.

OVHcloud si impegna da molti anni per migliorare costantemente la sicurezza dei propri sistemi informativi. Nel 2013, il leader europeo del cloud ha ottenuto la certificazione ISO 27001 per la sua soluzione Hosted Private Cloud e nel 2019 per i server Bare Metal Cloud.

 

In qualità di cloud provider, OVHcloud ha anche adottato un approccio multi-locale alla compliance: in Francia, ha ottenuto l'approvazione di sicurezza ANSSI[1] per la sua qualifica SecNumCloud all'inizio del 2021 ed ha esteso l'ambito della sua certificazione di hosting dei dati sanitari HDS per includere servizi di Public Cloud che potrebbero essere utilizzati per ospitare questa tipologia di dati. In altri paesi OVHcloud sta sviluppando una roadmap su misura per le normative locali, come C5 in Germania (BSI Cloud Computing Compliance Controls Catalog), AGID in Italia (Agenzia per l'Italia Digitale) e ENS in Spagna (Esquema Nacional de Seguridad).

 

"La nostra politica di certificazione è guidata e modellata dai requisiti di sicurezza dei nostri clienti", afferma Sylvain Rouri, Chief Sales Officer di OVHcloud. "Siamo lieti di offrire alle organizzazioni del settore pubblico e privato un portafoglio di soluzioni cloud certificate, in modo che possano ospitare i loro dati su infrastrutture che garantiscono il massimo livello di sicurezza e protezione dei dati".

 

"Questa doppia certificazione, che si applica alla maggior parte dei nostri prodotti cloud, è un passo importante nel nostro approccio alla sicurezza. Fornisce un framework di gestione virtuoso per garantire che siano prese in considerazione buone pratiche di sicurezza e protezione dei dati personali e per migliorare la trasparenza per i nostri clienti", afferma Julien Levrard, Chief Information Security Officer di OVHcloud.

XMCO ha supportato questo approccio come revisore interno del sistema di gestione di OVHcloud. L'audit di certificazione esterno è stato condotto dal Laboratoire National de Métrologie et d'Essais (LNE).

Per ulteriori informazioni sulla politica di conformità e certificazione di OVHcloud: https://www.ovhcloud.com/it/enterprise/certification-conformity/

 

Chi siamo

OVHcloud è un provider globale e il leader europeo del cloud che gestisce 400.000 server nei propri 32 data center in 4 continenti. Da 20 anni il Gruppo si avvale di un modello integrato che fornisce il pieno controllo della catena del valore, dalla progettazione dei propri server alla gestione dei data center fino all'orchestrazione della propria rete in fibra ottica. Questo approccio unico permette a OVHcloud di coprire, in modo indipendente, l'intero spettro di casi d'uso per i 1,6 milioni di clienti in oltre 140 Paesi. OVHcloud offre ai clienti soluzioni di ultima generazione che combinano prestazioni elevate, prezzi prevedibili e piena sovranità dei dati per sostenere la loro crescita incondizionata.



[1] Agenzia nazionale francese per la sicurezza dei sistemi informativi.

]]>
Berlin Packaging continua la sua espansione nel Regno Unito con l’acquisizione di Roma International PLC Fri, 05 Mar 2021 10:33:59 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/693604.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/693604.html Omnicom PR Group Omnicom PR Group L’acquisizione amplia l’offerta di prodotti per la cosmesi e la cura personale di Berlin Packaging

 

MILANO (4 marzo 2021) - Berlin Packaging, azienda leader a livello mondiale nel packaging  ibrido, ha annunciato oggi l’acquisizione di Roma International, azienda di riferimento per la fornitura di bottiglie, vasetti e chiusure per prodotti esclusivi per la cosmesi e la cura personale.

 

Fondata nel 1965, Roma International ha iniziato la sua attività come fornitore di boccette di smalto, ampliando poi la sua offerta con contenitori e chiusure per profumi, prodotti per la pelle, aromaterapia e altri prodotti per la cura personale. Oggi Roma International offre una vasta gamma di bottiglie e vasetti in vetro e plastica, pompette, spray, tappi e altre chiusure, oltre a prodotti su misura e con design personalizzati destinati ai brand di lusso e a clienti di alto profilo.

 

“L’acquisizione di Roma International permetterà a Berlin Packaging di espandere ulteriormente la  sua gamma di prodotti per il packaging nei settori della cosmesi e della cura personale” ha dichiarato Paolo Recrosio, CEO di Berlin Packaging Europe. “Sono anche molto entusiasta del fatto che l’azienda abbia una vasta conoscenza del settore e relazioni consolidate con clienti del settore beauty; questo permetterà al nostro gruppo di creare opportunità di business importanti”.

 

“Entrare a far parte del gruppo Berlin Packaging offre grandi  opportunità  a Roma International  e sono certo che i nostri dipendenti, clienti e fornitori ne trarranno notevoli benefici” ha dichiarato Steve Excell, Managing Director di Roma International. “Sono molto orgoglioso  di aver  guidato,  promosso e sviluppato Roma International per 30 anni, e di accogliere la prossima generazione della mia famiglia nell’azienda. Sono felice di aver avuto questa opportunità di unire la mia azienda con il maggiore fornitore di packaging ibridi a livello mondiale e con tutte le sue risorse e competenze”.

 

Si tratta della dodicesima acquisizione di Berlin Packaging dal 2016 in Europa, a riprova del forte impegno dell’azienda nell’offrire soluzioni di packaging in tutti i segmenti del mercato europeo.

 

“Acquisizioni mirate, come quella di Roma International, ci permettono in definitiva di crescere più velocemente in modo organico in Europa” ha dichiarato Bill Hayes, CEO e Presidente di Berlin Packaging. “Siamo entusiasti di poter ampliare le nostre capacità nel settore della cosmesi e della cura personale e mettere a frutto le competenze di Roma International in questi mercati verticali all’interno del nostro gruppo”.

 

Berlin Packaging

Berlin Packaging è il maggiore Hybrid Packaging Supplier® a livello mondiale specializzato nella fornitura di packaging e chiusure in vetro, in plastica e in metallo. L’azienda fornisce ogni  anno miliardi di articoli a clienti di ogni settore, insieme a servizi di packaging design, finanziamento, consulenza, stoccaggio e logistica. Berlin Packaging riunisce i migliori fornitori  di servizi in materia  di produzione, distribuzione e incremento della redditività. La sua mission è far crescere i risultati economici dei propri clienti attraverso i propri prodotti e servizi di packaging.

Maggiori informazioni sono disponibili sul sito BerlinPackaging.com

 

Bruni Glass, a Berlin Packaging Company

Bruni Glass, il maggiore distributore di packaging in Europa,  vanta un’esperienza di oltre  quarant’anni nella fornitura di contenitori speciali in vetro di alta qualità per i mercati del vino, dei distillati, dei prodotti alimentari, gourmet e home fragrances. Bruni, con Headquarter in Italia e Sedi diffuse in tutta Europa, offre migliaia di prodotti personalizzati oltre ai più comuni prodotti standard. L’azienda vanta un eccellente studio di progettazione,  una  rete  di partner  produttivi  di alta  qualità, un ottimo team dedicato ai servizi ed è certificata dal CISQ-IMQ (Istituto Italiano del Marchio di Qualità) secondo gli standard ISO 9001.

Visitare il sito BruniGlass.com per ulteriori informazioni.

 

 

Per ulteriori informazioni:

Press Office – Omnicom PR Group Italia

Barbara Papini, barbara.papini@omnicomprgroup.com +39 335 6113555

Ilaria Sala, ilaria.sala@omnicomprgroup.com +39 335 8112968

 

Berlin Packaging

Elena Franzetti, Elena.Franzetti@BruniGlass.com +39 02 48436611 +39 3401204145

Julie Saltzman, Julie.Saltzman@BerlinPackaging.com +1 312 869 7554 per il Nord America.

]]>
Produrre in pandemia: /‘aut/ studio di Milano, in precedenza nota come Longhys, distribuisce più di 500 eventi grazie al servizio di produzione live cloud-based di Sony Wed, 03 Mar 2021 10:55:56 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/informatica/information_technology/693032.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/informatica/information_technology/693032.html Omnicom PR Group Omnicom PR Group

Milano, 3 marzo/‘aut/ studio, specialista negli eventi digitali, ha prodotto con successo oltre 500 eventi online e webinar grazie al servizio di produzione live nativo per il cloud di Sony, Virtual Production.

Il servizio cloud Virtual Production ha permesso ad /‘aut/ studio di distribuire eventi online di alta qualità a un pubblico internazionale da q ualsiasi luogo, riducendo al minimo la necessità di personale e apparecchiature di produzione presso le aziende dei clienti. Durante la pandemia di COVID-19, il personale ha lavorato alla produzione di eventi da casa, dato che bastava un browser Web per mixare sorgenti delle telecamere, clip video preregistrate, audio, titoli e grafica da remoto tramite l'interfaccia intuitiva di Virtual Production.

Lo specialista nel settore della produzione di eventi di Milano è in rapida crescita e vanta una clientela in espansione che si affida ad /‘aut/ studio per la fornitura di webinar, presentazioni e copertura online degli eventi dal vivo in modo professionale e impeccabile. Le produzioni vengono solitamente trasmesse in streaming live e on-demand tramite i siti Web dei clienti o tramite le piattaforme social, tra cui Facebook e YouTube.

"Virtual Production è al centro di quello che facciamo, ha rivoluzionato il nostro modo di lavorare", ha dichiarato Fabio Semino, CTO di /‘aut/ studio. "Il 2020 è stato un anno impegnativo per molti motivi. Nonostante questo, siamo riusciti a realizzare con successo più di 500 eventi per i nostri clienti con l'aiuto di Virtual Production. E il 2021 si prefigura come un anno molto impegnativo, con numerosi progetti di alto profilo".

 

"Virtual Production è estremamente facile da usare e non richiede alcuna formazione", ha commentato Fabio Semino. "Grazie a questa soluzione, attualmente distribuiamo un numero elevato di eventi online per i nostri clienti".

 

Eventi internazionali con traduzione multilingua da remoto

Virtual Production ha inoltre permesso ad /‘aut/ studio di offrire ai propri clienti la traduzione multilingua in tempo reale degli eventi online come servizio aggiuntivo di valore. Come ha spiegato Fabio Semino:

"Nell'autunno 2020 abbiamo utilizzato Virtual Production per creare eventi online con distanziamento sociale in remoto per Vinitaly, un'importante fiera del vino e dei distillati che si tiene a Verona. Per eventi internazionali di questo tipo, solitamente in loco è disponibile il servizio interprete multilingue in tempo reale. Con Virtual Production siamo riusciti a includere commenti dal vivo da parte degli interpreti che lavoravano da casa". La funzione di commento di Virtual Production ha permesso agli interpreti che lavoravano da casa di aggiungere traduzioni del feed audio allo streaming live in tempo reale.

Informazioni su Virtual Production

Virtual Production è il servizio nativo per il cloud di Sony che consente ai creatori di contenuti di produrre eventi online impeccabili di qualità professionale da qualsiasi luogo, senza la necessità di trasportare hardware di produzione e numerose troupe in un'altra sede.  Virtual Production di Sony è un servizio unico a costi contenuti, flessibile e facile da configurare offerto con tariffa a consumo.  Lo switching e il mixing delle immagini e dei suoni acquisiti con le telecamere sul posto possono essere eseguiti su cloud da un operatore in qualsiasi località remota tramite un dispositivo connesso a Internet. Poiché molte aziende e strutture di produzione in tutta Europa sono in lockdown, Virtual Production offre un modo agile per creare contenuti di qualità e interagire con il pubblico in tutto il mondo.

"Con l'avvento della pandemia di COVID-19, molte organizzazioni hanno cercato nuovi modi efficaci per interagire con i clienti e il pubblico," ha commentato Norbert Paquet, Head of Media Solutions. "Nella situazione attuale che vede restrizioni prolungate sui viaggi internazionali e le riunioni fisiche, Virtual Production riduce gli ostacoli alla fornitura di eventi online di qualità professionale ovunque, con un uso più agile delle risorse. Come dimostrato da /‘aut/ studio con la realizzazione di centinaia di progetti di successo distribuiti ai clienti, creare contenuti straordinari non richiede il trasporto di troupe di produzione e apparecchiature costose in giro per il mondo."

 

 

-FINE-

Informazioni su Sony Corporation

Sony Corporation è un'azienda dedicata all'intrattenimento creativo con una solida base tecnologica. Dal gioco ai servizi di rete, passando per la musica, le immagini, l'elettronica, i semiconduttori e i servizi finanziari, l'obiettivo di Sony è veicolare emozioni grazie alla potenza di creatività e tecnologia.

Maggiori informazioni sono disponibili all'indirizzo http://www.sony.net/

 

Informazioni su Sony Professional Solutions

Sony Professional Solutions è parte di Sony Corporation ed è nata per aiutare i professionisti a vivere a fondo la propria visione, liberando la straordinaria potenza delle immagini. Forte di una combinazione vincente di tecnologia innovativa ed esperienza nel settore, Sony collabora con le società operanti in una vasta gamma di mercati, tra cui media e broadcast, sport, healthcare, corporate, education e teatro, per fornire soluzioni di punta e rivoluzionarie per i clienti. Grazie a oltre 40 anni di esperienza e a una rete fidata di partner tecnologici affermati, la vasta gamma di conoscenze, prodotti e servizi di Sony offre valore alle aziende e fornisce informazioni, formazione e ispirazione ai loro clienti.

Maggiori informazioni sono disponibili all'indirizzo http://pro.sony.eu

Per ulteriori informazioni, contattare l'ufficio stampa di Sony Professional Solutions Europe: press.europe@sony.com

 

 

 

]]>
Produrre in pandemia: /‘aut/ studio di Milano, in precedenza nota come Longhys, distribuisce più di 500 eventi grazie al servizio di produzione live cloud-based di Sony Wed, 03 Mar 2021 10:55:29 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/informatica/information_technology/693031.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/informatica/information_technology/693031.html Omnicom PR Group Omnicom PR Group

Milano, 3 marzo/‘aut/ studio, specialista negli eventi digitali, ha prodotto con successo oltre 500 eventi online e webinar grazie al servizio di produzione live nativo per il cloud di Sony, Virtual Production.

Il servizio cloud Virtual Production ha permesso ad /‘aut/ studio di distribuire eventi online di alta qualità a un pubblico internazionale da q ualsiasi luogo, riducendo al minimo la necessità di personale e apparecchiature di produzione presso le aziende dei clienti. Durante la pandemia di COVID-19, il personale ha lavorato alla produzione di eventi da casa, dato che bastava un browser Web per mixare sorgenti delle telecamere, clip video preregistrate, audio, titoli e grafica da remoto tramite l'interfaccia intuitiva di Virtual Production.

Lo specialista nel settore della produzione di eventi di Milano è in rapida crescita e vanta una clientela in espansione che si affida ad /‘aut/ studio per la fornitura di webinar, presentazioni e copertura online degli eventi dal vivo in modo professionale e impeccabile. Le produzioni vengono solitamente trasmesse in streaming live e on-demand tramite i siti Web dei clienti o tramite le piattaforme social, tra cui Facebook e YouTube.

"Virtual Production è al centro di quello che facciamo, ha rivoluzionato il nostro modo di lavorare", ha dichiarato Fabio Semino, CTO di /‘aut/ studio. "Il 2020 è stato un anno impegnativo per molti motivi. Nonostante questo, siamo riusciti a realizzare con successo più di 500 eventi per i nostri clienti con l'aiuto di Virtual Production. E il 2021 si prefigura come un anno molto impegnativo, con numerosi progetti di alto profilo".

 

"Virtual Production è estremamente facile da usare e non richiede alcuna formazione", ha commentato Fabio Semino. "Grazie a questa soluzione, attualmente distribuiamo un numero elevato di eventi online per i nostri clienti".

 

Eventi internazionali con traduzione multilingua da remoto

Virtual Production ha inoltre permesso ad /‘aut/ studio di offrire ai propri clienti la traduzione multilingua in tempo reale degli eventi online come servizio aggiuntivo di valore. Come ha spiegato Fabio Semino:

"Nell'autunno 2020 abbiamo utilizzato Virtual Production per creare eventi online con distanziamento sociale in remoto per Vinitaly, un'importante fiera del vino e dei distillati che si tiene a Verona. Per eventi internazionali di questo tipo, solitamente in loco è disponibile il servizio interprete multilingue in tempo reale. Con Virtual Production siamo riusciti a includere commenti dal vivo da parte degli interpreti che lavoravano da casa". La funzione di commento di Virtual Production ha permesso agli interpreti che lavoravano da casa di aggiungere traduzioni del feed audio allo streaming live in tempo reale.

Informazioni su Virtual Production

Virtual Production è il servizio nativo per il cloud di Sony che consente ai creatori di contenuti di produrre eventi online impeccabili di qualità professionale da qualsiasi luogo, senza la necessità di trasportare hardware di produzione e numerose troupe in un'altra sede.  Virtual Production di Sony è un servizio unico a costi contenuti, flessibile e facile da configurare offerto con tariffa a consumo.  Lo switching e il mixing delle immagini e dei suoni acquisiti con le telecamere sul posto possono essere eseguiti su cloud da un operatore in qualsiasi località remota tramite un dispositivo connesso a Internet. Poiché molte aziende e strutture di produzione in tutta Europa sono in lockdown, Virtual Production offre un modo agile per creare contenuti di qualità e interagire con il pubblico in tutto il mondo.

"Con l'avvento della pandemia di COVID-19, molte organizzazioni hanno cercato nuovi modi efficaci per interagire con i clienti e il pubblico," ha commentato Norbert Paquet, Head of Media Solutions. "Nella situazione attuale che vede restrizioni prolungate sui viaggi internazionali e le riunioni fisiche, Virtual Production riduce gli ostacoli alla fornitura di eventi online di qualità professionale ovunque, con un uso più agile delle risorse. Come dimostrato da /‘aut/ studio con la realizzazione di centinaia di progetti di successo distribuiti ai clienti, creare contenuti straordinari non richiede il trasporto di troupe di produzione e apparecchiature costose in giro per il mondo."

 

 

-FINE-

Informazioni su Sony Corporation

Sony Corporation è un'azienda dedicata all'intrattenimento creativo con una solida base tecnologica. Dal gioco ai servizi di rete, passando per la musica, le immagini, l'elettronica, i semiconduttori e i servizi finanziari, l'obiettivo di Sony è veicolare emozioni grazie alla potenza di creatività e tecnologia.

Maggiori informazioni sono disponibili all'indirizzo http://www.sony.net/

 

Informazioni su Sony Professional Solutions

Sony Professional Solutions è parte di Sony Corporation ed è nata per aiutare i professionisti a vivere a fondo la propria visione, liberando la straordinaria potenza delle immagini. Forte di una combinazione vincente di tecnologia innovativa ed esperienza nel settore, Sony collabora con le società operanti in una vasta gamma di mercati, tra cui media e broadcast, sport, healthcare, corporate, education e teatro, per fornire soluzioni di punta e rivoluzionarie per i clienti. Grazie a oltre 40 anni di esperienza e a una rete fidata di partner tecnologici affermati, la vasta gamma di conoscenze, prodotti e servizi di Sony offre valore alle aziende e fornisce informazioni, formazione e ispirazione ai loro clienti.

Maggiori informazioni sono disponibili all'indirizzo http://pro.sony.eu

Per ulteriori informazioni, contattare l'ufficio stampa di Sony Professional Solutions Europe: press.europe@sony.com

 

 

 

]]>
Produrre in pandemia: /‘aut/ studio di Milano, in precedenza nota come Longhys, distribuisce più di 500 eventi grazie al servizio di produzione live cloud-based di Sony Wed, 03 Mar 2021 10:55:02 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/informatica/information_technology/693030.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/informatica/information_technology/693030.html Omnicom PR Group Omnicom PR Group

Milano, 3 marzo/‘aut/ studio, specialista negli eventi digitali, ha prodotto con successo oltre 500 eventi online e webinar grazie al servizio di produzione live nativo per il cloud di Sony, Virtual Production.

Il servizio cloud Virtual Production ha permesso ad /‘aut/ studio di distribuire eventi online di alta qualità a un pubblico internazionale da q ualsiasi luogo, riducendo al minimo la necessità di personale e apparecchiature di produzione presso le aziende dei clienti. Durante la pandemia di COVID-19, il personale ha lavorato alla produzione di eventi da casa, dato che bastava un browser Web per mixare sorgenti delle telecamere, clip video preregistrate, audio, titoli e grafica da remoto tramite l'interfaccia intuitiva di Virtual Production.

Lo specialista nel settore della produzione di eventi di Milano è in rapida crescita e vanta una clientela in espansione che si affida ad /‘aut/ studio per la fornitura di webinar, presentazioni e copertura online degli eventi dal vivo in modo professionale e impeccabile. Le produzioni vengono solitamente trasmesse in streaming live e on-demand tramite i siti Web dei clienti o tramite le piattaforme social, tra cui Facebook e YouTube.

"Virtual Production è al centro di quello che facciamo, ha rivoluzionato il nostro modo di lavorare", ha dichiarato Fabio Semino, CTO di /‘aut/ studio. "Il 2020 è stato un anno impegnativo per molti motivi. Nonostante questo, siamo riusciti a realizzare con successo più di 500 eventi per i nostri clienti con l'aiuto di Virtual Production. E il 2021 si prefigura come un anno molto impegnativo, con numerosi progetti di alto profilo".

 

"Virtual Production è estremamente facile da usare e non richiede alcuna formazione", ha commentato Fabio Semino. "Grazie a questa soluzione, attualmente distribuiamo un numero elevato di eventi online per i nostri clienti".

 

Eventi internazionali con traduzione multilingua da remoto

Virtual Production ha inoltre permesso ad /‘aut/ studio di offrire ai propri clienti la traduzione multilingua in tempo reale degli eventi online come servizio aggiuntivo di valore. Come ha spiegato Fabio Semino:

"Nell'autunno 2020 abbiamo utilizzato Virtual Production per creare eventi online con distanziamento sociale in remoto per Vinitaly, un'importante fiera del vino e dei distillati che si tiene a Verona. Per eventi internazionali di questo tipo, solitamente in loco è disponibile il servizio interprete multilingue in tempo reale. Con Virtual Production siamo riusciti a includere commenti dal vivo da parte degli interpreti che lavoravano da casa". La funzione di commento di Virtual Production ha permesso agli interpreti che lavoravano da casa di aggiungere traduzioni del feed audio allo streaming live in tempo reale.

Informazioni su Virtual Production

Virtual Production è il servizio nativo per il cloud di Sony che consente ai creatori di contenuti di produrre eventi online impeccabili di qualità professionale da qualsiasi luogo, senza la necessità di trasportare hardware di produzione e numerose troupe in un'altra sede.  Virtual Production di Sony è un servizio unico a costi contenuti, flessibile e facile da configurare offerto con tariffa a consumo.  Lo switching e il mixing delle immagini e dei suoni acquisiti con le telecamere sul posto possono essere eseguiti su cloud da un operatore in qualsiasi località remota tramite un dispositivo connesso a Internet. Poiché molte aziende e strutture di produzione in tutta Europa sono in lockdown, Virtual Production offre un modo agile per creare contenuti di qualità e interagire con il pubblico in tutto il mondo.

"Con l'avvento della pandemia di COVID-19, molte organizzazioni hanno cercato nuovi modi efficaci per interagire con i clienti e il pubblico," ha commentato Norbert Paquet, Head of Media Solutions. "Nella situazione attuale che vede restrizioni prolungate sui viaggi internazionali e le riunioni fisiche, Virtual Production riduce gli ostacoli alla fornitura di eventi online di qualità professionale ovunque, con un uso più agile delle risorse. Come dimostrato da /‘aut/ studio con la realizzazione di centinaia di progetti di successo distribuiti ai clienti, creare contenuti straordinari non richiede il trasporto di troupe di produzione e apparecchiature costose in giro per il mondo."

 

 

-FINE-

Informazioni su Sony Corporation

Sony Corporation è un'azienda dedicata all'intrattenimento creativo con una solida base tecnologica. Dal gioco ai servizi di rete, passando per la musica, le immagini, l'elettronica, i semiconduttori e i servizi finanziari, l'obiettivo di Sony è veicolare emozioni grazie alla potenza di creatività e tecnologia.

Maggiori informazioni sono disponibili all'indirizzo http://www.sony.net/

 

Informazioni su Sony Professional Solutions

Sony Professional Solutions è parte di Sony Corporation ed è nata per aiutare i professionisti a vivere a fondo la propria visione, liberando la straordinaria potenza delle immagini. Forte di una combinazione vincente di tecnologia innovativa ed esperienza nel settore, Sony collabora con le società operanti in una vasta gamma di mercati, tra cui media e broadcast, sport, healthcare, corporate, education e teatro, per fornire soluzioni di punta e rivoluzionarie per i clienti. Grazie a oltre 40 anni di esperienza e a una rete fidata di partner tecnologici affermati, la vasta gamma di conoscenze, prodotti e servizi di Sony offre valore alle aziende e fornisce informazioni, formazione e ispirazione ai loro clienti.

Maggiori informazioni sono disponibili all'indirizzo http://pro.sony.eu

Per ulteriori informazioni, contattare l'ufficio stampa di Sony Professional Solutions Europe: press.europe@sony.com

 

 

 

]]>
Berlin Packaging continua la sua espansione in Europa con l’acquisizione di Sodis-Uhart e Audoubert Thu, 18 Feb 2021 15:33:18 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/690208.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/varie/690208.html Omnicom PR Group Omnicom PR Group  

Si amplia l’offerta di packaging in vetro e metallo in Francia

 

 

MILANO, 18 febbraio 2021 - Berlin Packaging, azienda leader a livello mondiale nella fornitura di contenitori e chiusure in vetro, plastica e metallo, ha annunciato l’acquisizione di Sodis-Uhart e Audoubert, due società storiche che offrono soluzioni di imballaggio in vetro e metallo in Francia.

 

Sodis-Uhart è stata fondata nel 1979 a Biarritz come azienda a conduzione familiare e si è ingrandita nel 2015 con l’acquisizione di Audoubert, con sede a Tolosa, dando vita a un vero e proprio hub del packaging in vetro e metallo nel sud della Francia. Le due società offrono un’ampia gamma di componenti per imballaggio e contenitori in vetro e metallo e vantano oltre 9.000 metri quadrati di magazzino in posizione strategica per servire al meglio i propri clienti.

 

“Insieme a Audoubert, Sodis-Uhart amplierà in modo significativo il portafoglio prodotti di Berlin Packaging, soprattutto nel settore alimentare,” ha dichiarato Paolo Recrosio, CEO di Berlin Packaging Europe. “Inoltre, entrambe le società hanno relazioni solide con clienti e fornitori, che ci aiuteranno a proseguire la nostra espansione, specialmente in Francia e nelle zone confinanti della Spagna.” 

 

“Il nostro sodalizio con Berlin Packaging rappresenta il culmine di un’avventura familiare iniziata nel 1979 con un solo dipendente. Siamo orgogliosi dei traguardi raggiunti e crediamo fermamente che questa operazione non rappresenti una fine, ma un nuovo inizio, che ci permetterà di arricchire il resto di Berlin Packaging con l’esperienza che abbiamo maturato nel sud della Francia e consentirà ai nostri clienti e dipendenti di godere appieno delle opportunità offerte da un’azienda globale”, hanno affermato Dominique Uhart, Direttore di Sodis-Uhart, e Michel Uhart, Direttore di Audoubert.

 

L’acquisizione di Sodis-Uhart e Audoubert è l’undicesima operazione di questo genere conclusa in Europa da Berlin Packaging dal 2016, a riprova del forte impegno dell’azienda nell'offrire soluzioni di packaging in tutti i segmenti del mercato europeo.

 

“Ampliare la nostra presenza in Europa si conferma un obiettivo prioritario anche nel 2021”, ha spiegato Bill Hayes, CEO e Presidente di Berlin Packaging. “Acquisizioni mirate come quella di Sodis-Uhart e della sua controllata, Audoubert, rappresentano per noi un canale importante per realizzare i piani di crescita strategica dell’azienda in Europa.”

 

 

Berlin Packaging  

Berlin Packaging è il maggiore Hybrid Packaging Supplier® a livello mondiale specializzato nella fornitura di packaging e chiusure in vetro, in plastica e in metallo. L’azienda fornisce ogni anno miliardi di articoli a clienti di ogni settore, insieme a servizi di packaging design, finanziamento, consulenza, stoccaggio e logistica. Berlin Packaging riunisce i migliori fornitori di servizi in materia di produzione, distribuzione e incremento della redditività. La sua mission è far crescere i risultati economici dei propri clienti attraverso i propri prodotti e servizi di packaging.

 

Maggiori informazioni sono disponibili sul sito BerlinPackaging.com. 

 

Bruni Glass, a Berlin Packaging Company

Bruni Glass, il maggiore distributore di packaging in Europa, vanta un’esperienza di oltre quarant’anni nella fornitura di contenitori speciali in vetro di alta qualità ai mercati del vino, dei distillati, dei prodotti alimentari e gourmet. Bruni, con sede centrale in Italia e centri diffusi in tutta Europa, offre centinaia di prodotti personalizzati oltre ai più comuni prodotti standard. L’azienda vanta un eccellente studio di progettazione, una rete di partner produttivi di alta qualità, un ottimo team dedicato ai servizi ed è certificata dal CISQ-IMQ (Istituto Italiano del Marchio di Qualità) secondo gli standard ISO 9001.

 

Visitare il sito BruniGlass.com. per ulteriori informazioni.

 

 

Per ulteriori informazioni:

Press Office – Omnicom PR Group Italia

Barbara Papini, barbara.papini@omnicomprgroup.com +335 6113555

Ilaria Sala, ilaria.sala@omnicomprgroup.com   +39 335 8112968

 

Berlin Packaging

Elena Franzetti, Elena.Franzetti@BruniGlass.com +39 02 48436611 +39 3401204145

Julie Saltzman, Julie.Saltzman@BerlinPackaging.com +1 312 869 7554 per il Nord America.

 

]]>
OVHcloud lancia Bare Metal Essentials per supportare le PMI nei loro progetti cloud Wed, 17 Feb 2021 16:08:24 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/informatica/information_technology/689992.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/informatica/information_technology/689992.html Omnicom PR Group Omnicom PR Group Con il continuo aumento del lavoro da remoto e il boom dei servizi online, le aziende sono diventate sempre più consapevoli della necessità di accelerare la loro transizione al cloud. Sebbene i vantaggi di tale strategia - risparmio di tempo, maggiore produttività, riduzione dei costi operativi, ecc ... - siano chiaramente identificabili, l'implementazione di queste soluzioni rimane ancora una sfida importante per le imprese nel breve, medio e lungo periodo. La transizione deve essere eseguita su un'infrastruttura flessibile e facile da gestire, per mantenere le competenze tecniche concentrate sul valore aggiunto dell'azienda.

 

Per supportare in modo efficace e sostenibile tutte le piccole e medie imprese nei loro progetti cloud, OVHcloud ha sviluppato l'offerta Managed Bare Metal Essentials:

• Infrastruttura completa e pronta all'uso - server dedicati Bare Metal, spazio storage datastore dedicato, licenze di rete e virtualizzazione - ospitata nei data center di OVHcloud

• OVHcloud supporta l'automazione, l'orchestrazione e la gestione dell'infrastruttura 24 ore su 24, 7 giorni su 7

• Tecnologia di virtualizzazione VMware, che consente al cliente di dimensionare e gestire le virtual machine in modo semplice, all'interno della configurazione di un data center Hosted Private Cloud.

“Fornire un accesso affidabile al cloud per le piccole e medie imprese”

Managed Bare Metal Essentials è quindi la migliore alternativa per le aziende che desiderano accedere a un ambiente cloud scalabile e dedicato con risorse garantite e con elevata disponibilità, un budget controllato e un servizio che consenta loro di concentrarsi sul proprio core business.

"Questa nuova offerta è la risposta di OVHcloud per le aziende di tutti i settori, dalle piccole alle medie imprese, che sentono anche la necessità di accedere a un ambiente cloud sicuro e scalabile con risorse dedicate. Con Managed Bare Metal Essentials, offriamo ai clienti un servizio che racchiude i vantaggi di un cloud affidabile e pronto per l'uso, senza concessioni su prestazioni o disponibilità”, ha commentato John Gazal, VP Southern Europe & Brazil di OVHcloud.

]]>
Safer Internet Day: Panda Security rivela quali sono i malware più pericolosi e come difendersi. Wed, 10 Feb 2021 15:17:39 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/informatica/information_technology/688667.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/informatica/information_technology/688667.html Omnicom PR Group Omnicom PR Group Mai come nel 2021, dopo l’enorme crescita di cyberattacchi legati alla pandemia di Covid-19 registrata lo scorso anno, il tema dell’uso sicuro di Internet per bambini e adulti assume un’importanza fondamentale. 

 

Secondo la Polizia Postale i cyberattacchi in Italia nel 2020 sono aumentati del 353%, mentre il Rapporto Clusit 2020 evidenzia come gli attacchi a tema Covid-19 siano stati condotti nel 61% dei casi con campagne di “Phishing” e “Social Engineering”, anche in associazione a “Malware” (21%), colpendo tipicamente i cosiddetti “bersagli multipli” (64% dei casi): si tratta di attacchi strutturati per danneggiare rapidamente e in parallelo il maggior numero possibile di persone ed organizzazioni. Gli esperti Clusit rilevano che le tecniche di attacco quali SQLi, DDoS, Vulnerabilità note, Account cracking, Phishing e Malware rappresentano il 76% del totale, e la tendenza non mostra inversioni rispetto ai semestri precedenti.

 

Proprio per questa ragione Panda Security ha preso in esame le 4 tipologie di malware più diffuse e pericolose, suggerendo come difendersi attraverso semplici passi,

 

1. Ransomware

Il ransomware è un piccolissimo virus informatico, tanto letale quanto semplice, che codifica i file presenti nel dispositivo infettato. Una volta criptato, il computer diventa inutilizzabile perché il sistema operativo e i software non possono più accedere ai dati.

Se il tuo PC è stato infettato e criptato da un malware, sullo schermo vedrai un messaggio (la parte del ricatto vero e proprio di questo attacco informatico) in cui viene ti offerta la chiave di decrittazione dei file, ovviamente a pagamento. Spesso, questo viene chiesto in Bitcoin o altre criptovalute, perché impediscono il tracciamento dei pagamenti.

Di solito, come spiega anche la polizia postale, pagare il riscatto non è una buona idea, perché non si ha nessuna garanzia che, una volta pagato, l’hacker invii la chiave di decriptazione. L’unica arma davvero sicura contro i ransomware è avere sempre un backup aggiornato dei file sul computer. In questo modo, non solo ti assicuri di non dover pagare il riscatto, ma in più ti permette di ripristinare tutti i dati, cosa che a volte non è possibile con la chiave di decodifica perché i ransomware non funzionano molto bene.

2. Trojan

I famosi, famosissimi cavalli di Troia, conosciuti fin dagli albori di Internet, che prendono il nome dall’astuto marchingegno con cui Ulisse riuscì a espugnare le forti difese dei troiani con l’inganno. Ed è proprio su questo, l’inganno, che si regge la similitudine alla base del nome di questo virus.

Una volta installato, il trojan aspetta di essere attivato, proprio come i soldati che si nascosero all’interno della grande statua di legno.

 

Questa macrocategoria di malware può fare molte cose, come cancellare o danneggiare i dati, installare una backdoor nel sistema per consentire l’accesso agli hacker, installare altri malware o spiare la connessione al servizio di banking online (trojan bancario), tanto per citarne alcune.

Inoltre, oggi i trojan sono il metodo più utilizzato per infettare i computer e connetterli alle botnet, le famose reti di computer zombie controllare da remoto. Queste reti vengono utilizzate per lanciare attacchi DDoS (Distributed Denial of Service) o per rubare direttamente dati dai computer.

 

3. Spyware

Le reti e i sistemi informatici di oggi sono molto sicuri e per un hacker non è più così facile come venti anni fa rubare le password di un utente. Inoltre, anche quando una banda di cybercriminali riesce a violare un database di credenziali di accesso (nome utente e password), di solito può farci ben poco, perché la maggior parte utilizza protocolli di crittografia avanzati e potenti. Ecco allora che gli hacker hanno inventato uno stratagemma differente per aggirare il problema della crittografia, gli spyware.

Una volta installato, questo tipo di malware registra vari tipi di informazioni, dai dati sul funzionamento del sistema fino a ciò che viene digitato sulla tastiera. Esistono addirittura spyware così avanzati da ricostruire informazioni sul sistema in base ai suoni emessi dai componenti hardware. Poi, lo spyware approfitta della connessione a Internet per inviare i dati rubati al criminale che lo controlla da remoto.

L’hacker in questione, grazie a particolari software sviluppati ad hoc, è in grado di ricostruire i dati originali, ad esempio le parole o le frasi digitate. Tra queste, cercherà quelle compatibili con le credenziali di accesso e violerà gli account della vittima.

4. Worm

I worm (letteralmente vermi), sono virus pensati per infettare un computer e replicarsi su tutti i sistemi che incontrano, diffondendo al massimo l’infezione, ad esempio all’interno della rete aziendale o tra gli utenti di un servizio basato sul web a cui è connesso uno degli end point infetti. Questo significa anche che l’infezione può estendersi rapidamente dal proprio computer desktop al portatile e altri dispositivi connessi alla rete Wi-Fi di casa.

Le versioni più complete e avanzate di worm sono in grado di accedere alla rubrica di indirizzi e-mail del programma di posta elettronica per “farsi spedire” ad altre persone e così continuare a diffondersi. Il più delle volte, l’infezione in sé non comporta danni per il computer o perdite di dati, ma può essere rilevato a causa di un rallentamento generale del sistema.

L’obiettivo dei worm è diffondersi il più possibile e poi inoculare altri virus o malware (payload). Ad esempio, il famoso MyDoom riuscì a infettare milioni e milioni di computer in tutto il mondo, utilizzandoli per inviare e-mail di spam.

Come proteggersi dai 4 malware più dannosi

I malware appena descritti possono causare danni di entità variabile, da piccole perdite di dati o cali delle prestazioni generali del dispositivo fino alla compromissione completa di tutto il materiale salvato. In ogni caso, non bisogna mai sottovalutare le infezioni da malware, per quanto modeste o contenute esse siano.

Il modo migliore in assoluto per proteggerti da questi tipi di malware è installare un antivirus potente, che soddisfi due esigenze fondamentali: rilevare i virus in base alle informazioni del proprio database e riconoscere potenziali minacce attraverso l’analisi di piccole parti dei file sul computer (analisi euristica).

Inoltre, dato che l’organizzazione è una parte importantissima nella prevenzione delle infezioni, è importanti dotarsi di altre funzionalità utili: password manager, pulizia del PC, VPN, parental control, protezione Wi-Fi, antifurto, vaccino USB e molto altro ancora. Una serie di requisiti e funzionalità coperte, ad esempio, da Panda Dome.

La guerra contro il malware si combatte su più fronti e mai come oggi è necessario farsi trovare preparati.

Buona navigazione sicura oggi e per tutti i giorni dell’anno.

]]>
Come difendere le password dalle minacce tecnologicamente più avanzate secondo Panda Security Wed, 10 Feb 2021 13:31:21 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/informatica/information_technology/688640.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/informatica/information_technology/688640.html Omnicom PR Group Omnicom PR Group Lo sviluppo della tecnologia, oltre a migliorare la quotidianità della vita, fornisce involontariamente strumenti ai cybercriminali per ottenere illecitamente le credenziali di accesso degli utenti, rendendo poco sicure le password prescelte. È dunque diventato indispensabile dotarsi di strumenti di sicurezza efficaci che proteggano i nostri dati di accesso.

Infatti, di recente, la richiesta di creazione della password è cambiata, con l’obiettivo di garantirne una complessità maggiore e di conseguenza una maggiore difficoltà di individuazione dai parte dei malintenzionati. Ovviamente la complessità è un concetto relativo in base alla tecnologia che si ha a disposizione, ad esempio se si ha la possibilità di utilizzare, in luogo di un normale pc, un supercomputer (per non parlare di computer quantistici come quello creato da Google, destinati a rivoluzionare il concetto stesso di cybersicurezza). La maggior parte degli hacker non ha a disposizione un supercomputer, ma ha moltissimi altri strumenti che rendono la violazione delle password un’operazione relativamente semplice. Parliamo principalmente di violazione degli account online, cloud computing e ingegneria sociale, che ora esamineremo più da vicino.

Violazione degli account

La prima parte di questa equazione è rappresentata dai data breach. I cracker procedono acquistando grandi elenchi di credenziali di accesso rubate a siti web di grandi dimensioni, come un social media. Tuttavia, le password degli utenti non vengono salvate come testo semplice, ma criptate tramite un algoritmo di hash. Per questo motivo, il cracker può acquistare illegalmente un enorme elenco di password sottoposte a hashing. Da un hash è impossibile risalire alla password ma è possibile confrontarlo con il database di credenziali fino a trovare corrispondenze (anche parziali) e da lì ricostruire la password originale. Per fare questo, esistono software molto semplici, reperibili anche su Internet, ma affinché il processo non duri troppo tempo è necessaria molta potenza di calcolo.

Cloud computing

Per aumentare la potenza di calcolo, gli hacker se non possono utilizzare una rete di supercomputer, possono noleggiare i sistemi di Amazon AWS, IBM, Microsoft Azure o altre reti di cloud computing. In questo modo hanno accesso a strumenti informatici potentissimi, cha cambiano completamente le regole del gioco.

Alcuni di questi servizi enterprise sono pensati per lavorare con grandi volumi di dati e questo è il caso di chi ha a disposizione un database di credenziali sottoposte ad hashing da confrontare con gli hash prodotti dal software. Nonostante tutto, anche disponendo di una grande potenza di calcolo, questa metodologia di attacco non è abbastanza efficiente da sola. Bisogna ridurre il limite di possibilità, o meglio concentrarsi sugli account più facili da violare, ed è qui che sfortunatamente entra in gioco il fattore umano.

Social engineering e password deboli

Eccoci arrivati all’ultimo elemento della nostra equazione: ridurre le possibilità concentrandosi sugli account meno protetti. Come abbiamo visto in questo articolo sulle password peggiori di tutti i tempi, nel mondo ci sono ancora tantissime persone che utilizzano credenziali facili da indovinare, e questo non riguarda solo profili di social network di utenti inesperti, ma anche gli account dei dipendenti delle aziende più grandi del mondo.  A questo dato possiamo poi aggiungere un’altra debolezza umana: riutilizzare la stessa password per molti account o, nella migliore delle ipotesi, diverse varianti della stessa password principale. Per aiutarvi nella scelta di credenziali complesse e sicure, è sempre consigliato l’utilizzo di un password generator.

Se l’account da estrapolare, invece di appartenere ad uno sconosciuto utente appartenesse ad una determinata persona, sarebbe possibile utilizzare tecniche di spear phishing e ingegneria sociale per risalire ad informazioni personali, su cui normalmente si basa la maggior parte delle password. Con questi dati è possibile costruire una sorta di dizionario che guiderà il processo di password cracking, limitando le opzioni da scandagliare.

Soluzione: accesso sicuro e password manager

Considerata la quantità e la qualità degli strumenti informatici a disposizione degli hacker e la semplicità delle credenziali utilizzate da moltissime persone per i propri account online, è necessario prendere sul serio questo argomento e iniziare subito a usare tutti gli strumenti disponibili:

  1. Utilizzare, quando è possibile, l’autenticazione a due fattori e strumenti di autenticazione più sicuri rispetto alle password, ad esempio l’accesso tramite impronta digitale o scanner facciale.
  2. Per quanto riguarda le password, utilizzare un password manager sicuro, ovvero un programma che salva tutte le nostre credenziali. In questo modo non dovremo ricordare tutte le password e potremo utilizzare combinazioni alfanumeriche e di caratteri molto complicate.
  3. Infine, per gli account più sensibili, controllare i nostri indirizzi email sul sito Have I been pwned, per sapere se e quando le nostre credenziali hanno fatto parte di un data breach. In caso positivo e recente, e solo in questa circostanza, aggiorneremo la password corrispondente per evitare problemi in futuro con l’account compromesso.

La sicurezza delle password è un concetto in divenire: una password efficace oggi, domani potrebbe essere troppo debole. Per questo ti invitiamo a seguirci e continuare a informarti sulle ultime notizie di cybersicurezza e sul mondo digitale.

Buona navigazione e buona gestione delle password!

]]>
Applicazioni in "autoscaling": una scelta di business e tecnologica Fri, 29 Jan 2021 15:53:43 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/informatica/information_technology/686275.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/informatica/information_technology/686275.html Omnicom PR Group Omnicom PR Group Il punto di Emmanuel Becker, Managing Director Italy di Equinix & John Gazal, Vice Presidente South Europe e Brasile di OVHcloud

In un contesto economico, per poter rilanciare la crescita, è necessario innovare. In ambito tecnologico, le innovazioni di "processo", come il multicloud o il Cloud ibrido (l'alleanza del Cloud e delle soluzioni "locali") contribuiscono a rendere un’azienda più efficiente e flessibile. Ma in un'economia incentrata sulle esigenze dei clienti, le innovazioni dovrebbero dettare le scelte delle infrastrutture. Ciò significa ripensare al modo in cui vengono sviluppate le applicazioni che sostengono questi prodotti e servizi. Nuove applicazioni intelligenti, in grado di effettuare l’"autoscaling", ovvero, la scalabilità automatica della propria infrastruttura, rendono possibili nuovi modelli tecnologici e di business.

Cliente e applicazione al centro della riflessione

Il dibattito su come sviluppare le applicazioni non è più riservato ai soli sviluppatori e responsabili delle infrastrutture. Viviamo in un mondo "incentrato sul cliente", in cui le funzionalità e l'ergonomia delle applicazioni non dovrebbero più dipendere dalla scelta dell'infrastruttura, ma direttamente dalle esigenze dei clienti.

Ad esempio, con un'infrastruttura privata, le reti e un Cloud "on premise", un'azienda rivendica una competenza tecnica, fiscale e di sicurezza. Ma questo scenario limita l’agilità e la creatività degli sviluppatori di applicazioni. L’introduzione di funzionalità o l'implementazione dell'applicazione in nuove aree geografiche richiederanno infatti l'adeguamento dell'infrastruttura e delle reti. Le collaborazioni o le alleanze con altri attori richiederanno la condivisione dei dati e l'interconnessione dei sistemi. I vincoli di sicurezza, di eterogeneità degli ambienti e semplicemente di budget, possono frenare la volontà di collaborazione dell'azienda con il proprio ecosistema.

Cosa succede se questa impostazione di pensiero viene invertita, e viene data priorità alle applicazioni e ai servizi? I team si potranno concentrare sul front-end e sull’esperienza del cliente, e come rendere un’nuova offerta più attrattiva e un’applicazione più responsive. In questo modo, l'azienda acquisisce gli strumenti che le consentono di innovare testando nuove offerte e applicazioni, concentrandosi sul suo core business e sul profitto.

Applicazioni in grado di effettuare "autoscaling", nuovo stato dell'arte tecnologica

Il mercato dell’infrastruttura ha raggiunto una nuova fase di trasformazione che consente alle applicazioni di consumare "back end" in base alle esigenze.

Il riferimento riporta chiaramente ai picchi stagionali dell'e-commerce, ma anche, nell’attuale contesto di pandemia, all'adattamento dei prodotti e dei servizi all'evoluzione dei nostri stili di vita. Nessuno prima d’ora avrebbe immaginato la collaborazione tra le aziende specializzate in materiali o chimica per produrre mascherine o gel idroalcolici? Un paragone dell'attuale scenario potrebbe essere raffigurato da un "perno permanente".

Questo cambiamento di paradigma è possibile grazie allo sviluppo di applicazioni distribuite e intelligenti, in grado di effettuare "autoscaling" in tempo reale, per adattare la loro dimensione al comportamento degli utenti e ottimizzare i costi delle infrastrutture nel modello di pagamento a consumo. Possono anche essere spostate da un ambiente all'altro, cioè tra infrastrutture private o pubbliche, o con un approccio "multi-cloud", in particolare in base a criteri geografici per la localizzazione e la sovranità dei dati.

Una "portabilità" e una "reversibilità" rese possibili dall'avvicinamento di container e microservizi, in quanto l'applicazione integra tutti gli elementi necessari al suo funzionamento (linguaggi di programmazione, framework, librerie...). I meccanismi di automatizzazione, come gli orchestratori Kubernetes, liberano i team tecnici di (quasi) tutti i task associati alla creazione e all'evoluzione di un'infrastruttura informatica. Si tratta di un elemento importante che, unitamente alla protezione fisica delle apparecchiature o all’adeguamento delle norme di sicurezza, deve facilitare la decisione di affidare i propri dati e applicazioni a soggetti in grado di industrializzare le infrastrutture digitali. E infine permettere ai clienti di focalizzarsi totalmente sulla loro crescita e la loro capacità di innovare.

Più connettività e meno latenza per liberare l'innovazione

Questa nuova generazione di applicazioni "autoscale" non potrebbe esistere senza una connettività diretta tra i diversi attori dell'infrastruttura. Le piattaforme di interconnessione, presenti nei principali poli di attività economica di tutto il mondo, permettono alle aziende di connettere direttamente le proprie applicazioni a migliaia di provider Cloud e API. Il tutto nel rispetto degli standard di sicurezza e dei relativi audit.

Questa rete globale e questa connessione diretta in fibra ottica permettono oggi di immaginare applicazioni Cloud ultra-performanti per il gaming, l’IoT e l’e-Health, in tempo reale senza latenza.

La tecnologia di interconnessione e di ibridazione e le competenze sono già disponibili e possono rendere possibile la realizzazione di queste applicazioni. Ora la sfida principale consiste nell’individuare modalità flessibili affinché tutto ciò sia possibile.

]]>