Comunicati.net - Comunicati pubblicati - LP Press Comunicati.net - Comunicati pubblicati - LP Press Mon, 17 Jun 2019 05:27:00 +0200 Zend_Feed_Writer 1.12.20 (http://framework.zend.com) http://comunicati.net/utenti/14032/1 CS Tribes, spettacolo Flic con regia di Stevie Boyd Tue, 11 Jun 2019 12:00:14 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/567713.html http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/567713.html LP Press LP Press Buongiorno,
grazie per l'attenzione e per l'aiuto che ci potrete dedicare a diffondere le info


COMUNICATO STAMPA

“TRIBES”
Spettacolo finale degli allievi iscritti al primo anno del “Corso biennale di formazione per l’artista di circo contemporaneo” della FLIC Scuola di Circo di Torino

Regia di Stevie Boyd
Evento presentato in collaborazione con la Fondazione Piemonte Dal Vivo

14 giugno alle ore 19:00 e 15 giugno 2019 alle ore 21:30
Spazio FLIC, via Niccolò Paganini 0/200, Torino | www.flicscuolacirco.it

Tribes è una creazione con regia di Stevie Boyd e con in scena i 18 allievi del primo anno del “Corso Biennale di Formazione per l’Artista di Circo Contemporaneo” della FLIC Scuola di Circo provenienti da Canada, Cile, Danimarca, Ecuador, Francia, Spagna, Svizzera, USA e da diverse regioni d’Italia.
Tra gli attrezzi e le discipline utilizzate nello spettacolo ci sono acrobatica a terra, danza, equilibrismo, bicicletta acrobatica, cerchio aereo, cinghie aeree, corda aerea, corda molle, giocoleria, palo cinese, roue cyr, ruota tedesca, scala acrobatica, trapezio e verticalismo.


BIGLIETTI:
Biglietti € 10,00 intero e € 5 ridotto.
Prenotazioni allo 011530217 o via e-mail a booking@flicscuolacirco.it da lunedì a venerdì ore 8 > 18



Le stagioni di spettacolo della FLIC Scuola di Circo terminano sempre dedicando ampio spazio agli allievi, attraverso la presentazione di creazioni personali e di spettacoli di fine corso diretti da registi esperti.

Venerdì 14 e sabato 15 giugno 2019 viene presentato TRIBES, spettacolo con regia di Stevie Boyd e in scena i 18 allievi del primo anno del “Corso Biennale di Formazione per l’Artista di Circo Contemporaneo” provenienti da Canada, Cile, Danimarca, Ecuador, Francia, Spagna, Svizzera, USA e da diverse regioni d’Italia.
Gli eventi vengono presentati in collaborazione con la Fondazione Piemonte dal Vivo e gli appuntamenti sono per le ore 19:00 di venerdì 14 giugno e per le ore 21:30 di sabato 15 giugno allo Spazio FLIC di via Niccolò Paganini 0/200 a Torino. I biglietti sono di euro 10 l’intero e euro 5 il ridotto prenotabili al numero di telefono 011530217 o scrivendo a booking@flicscuolacirco.it

TRIBES rappresenta per gli allievi del primo anno un ulteriore momento di confronto con il pubblico, oltre a quelli che hanno avuto durante la stagione grazie ai Circo in Pillole e ad altre iniziative.
È il loro primo studio collettivo guidato da Stevie Boyd, direttore artistico della FLIC.
Gli studenti hanno lavorato inizialmente in piccoli gruppi, utilizzando input creativi per creare materiale fisico da utilizzare nello spettacolo, per poi entrare tutti insieme in una settimana di intensiva di creazione.

Il regista racconta che “Tribes farà entrare il pubblico in un mondo delicato, pieno di divertimento e giochi, dove tutto non è come sembra con un gruppo variegato e curioso che scopre relazioni e interazioni tra loro e il loro mondo. Da un primo momento di innocenza, con ordine e giochi infantili, nel corso del tempo il loro mondo cambia per scoprire qualcosa che è più primitivo, più oscuro e malvagio. Vedremo insieme quale sarà il risultato delle interazioni tra essi e i loro giochi, come verranno creati nuovi equilibri e da quale parte starà il pubblico alla fine del gioco…”

Tra gli attrezzi e le discipline utilizzate nello spettacolo ci sono acrobatica, danza, equilibrismo, bicicletta acrobatica, cerchio aereo, cinghie aeree, corda aerea, corda molle, giocoleria, palo cinese, roue cyr, ruota tedesca, scala acrobatica, trapezio, verticalismo.

Di seguito i nomi dei 18 allievi con specialità e provenienze:
- Ávila Arias Jose Ignacio – corda aerea - Cile,
- Beltrami Maddalena – cinghie aeree - Italia (Toscana),
- Castiglia Nina – palo cinese - Italia (Sicilia),
- Conti Pietro  - verticali - Italia (Liguria),
- Crowden Sonny – cerchio aereo - Svizzera,
- Daviault Simone – ruota tedesca - Canada,
- Genevet Thomas – roue cyr - Francia,
- Girardi Francesco - giocoleria – Italia (Lombardia),
- Hewusz Julie – scala acrobatica - Francia,
- Jensen Thomas Grahndin – giocoleria - Danimarca,
- Laso Toro Anaflavia – palo cinese - Ecuador,
- Levrat Julie – trapezio - Svizzera,
- Morandi Morgana – cerchio aereo – Italia (Emilia),
- Notò Mora Aina – verticali - Spagna,
- Roach Meara – trapezio - USA,
- Stellino Roberto – corda molle - Italia (Sicilia),
- Thomer Marion – bicicletta acrobatica - Francia,
- Vos Mano – roue cyr - Svizzera.

Stevie Boyd – breve biografia
Stevie ha iniziato la sua formazione artistica a Galway nel 2004, lavorando e facendo volontariato con varie organizzazioni artistiche della città tra le quali Galway Community Circus e Macnas. Dopo un periodo in Spagna, dove si è avvicinato per la prima volta all'acrobatica aerea, è tornato a lavorare con GCC, dove ha incontrato la compagnia Fidget Feet. Qui ha iniziato un percorso di formazione dedicato al circo a tempo pieno, prima con Fidget Feet e poi con i loro insegnanti invitati come Fred Deb 'e Sarah Poole.
Da lì, Stevie si è trasferito in Italia dove diplomandosi alla FLIC nel 2014. Dopo aver completato la sua formazione, ha iniziato a lavorare per varie compagnie, teatri, opere ed eventi in Italia, Francia, Germania, Repubblica Ceca e Portogallo, come il Teatro alla Scala di Milano, la Fondazione Carla Fendi, il Teatro del Sole, la Reggia di Venaria Reale, l'Armamaxa Teatro, l'ACTI Teatro, il Collettivo 320Chili, la Camara Boreal, la Kleinkunstriesen. Ha co-fondato due progetti collettivi dal 2013, il Collettivo SAK e la compagnia DueDa con la quale porta in scena attualmente lo spettacolo “Diverged”.
Stevie ha continuato ad allenarsi e a studiare le creazioni circensi con vari registi come Roberto Magro, Firenza Guidi, Alexandre del Perugia, Simon McBurney e nel 2018 ha conseguito un diploma in Circus Dramaturgy presso le scuole di circo del CNAC e dell'ESAC.
Dal 201 Stevie ha condotto numerosi workshop in Italia, in Francia, e dal 2014 insegna tecnica aerea (trapezio, cerchio, corde, funi e cinghie) al corso professionale della FLIC. Nel 2018 è diventato uno dei primi istruttori qualificati in acrobatica aerea in Italia per la Federazione Ginnastica Italiana. Dal 2016 ha iniziato a curare regie per diversi spettacoli della FLIC - Da Lola (2019), Moonlight Swing (2018), Identities (2018), Passaggi (2017), _working_title (2017), Cotillion (2016) - e nel 2018 è stato nominato direttore artistico della scuola.


IL “CORSO BIENNALE DI FORMAZIONE PER L’ARTISTA DI CIRCO CONTEMPORANEO”
Il programma di studi del Corso Biennale mira a dare all’allievo una solida formazione sulle materie fondamentali del circo contemporaneo, l’apprendimento delle basi delle discipline caratterizzanti, la seguente determinazione della propria specializzazione e una formazione di base sulle nozioni teoriche che contribuiscono a rendere completa la figura dell’artista del settore.
Il Corso si sviluppa in più di 3000 ore di lezione ed è basato su un piano di studi consolidato che prevede 7 ore di lezione quotidiane, dal lunedì al venerdì a frequenza obbligatoria.
Una parte importante del corso è costituita da stage intensivi di specializzazione della durata di una settimana ognuno, non solo sulle discipline circensi ma anche sulla danza nelle sue forme più contemporanee, sulla recitazione e sulla musica, che vengono periodicamente realizzati con insegnanti altamente qualificati.
Tutti gli allievi hanno la possibilità di cimentarsi periodicamente davanti a un pubblico grazie a “Circo in Pillole”, la rassegna tirocinio organizzata per permettere di sviluppare ed allenare la relazione con il palcoscenico.
Durante il biennio la FLIC dà inoltre la possibilità agli allievi di partecipare a grandi eventi e di entrare nei cast di importanti spettacoli grazie a collaborazioni varie con teatri, fondazioni e professionisti dello spettacolo dal vivo.
Il percorso formativo del primo anno prevede: miglioramento della preparazione fisica generale e specifica, un corretto apprendimento delle basi dell'acrobatica a terra, studio della danza classica e contemporanea, lezioni di attore di circo; lavoro sul collettivo scenico a partire dal movimento di creazione corale con l'aiuto di insegnanti e registi, scelta della specialità che approfondiranno nel corso del II anno.



NEL CS IN ALLEGATO ULTERIORI INFORMAZIONI DI APPROFONDIMENTO SULL’ORGANIZZAZIONE E SUGLI SPAZI UTILIZZATI

Ufficio Stampa Lp Press
Luigi Piga – cell. 3480420650
Email:  luigipiga@lp-press.com

]]>
CS Serata Decaleva il 13 giugno per i Giovedì sotto le Stelle a Carmagnola Mon, 10 Jun 2019 11:55:45 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/567110.html http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/567110.html LP Press LP Press COMUNICATO STAMPA

Al via i GIOVEDÌ SOTTO LE STELLE di Carmagnola
con la serata DECALEVA


13 giugno ed 2019 – dalle ore 20:00
Varie location del centro storico di CARMAGNOLA (TO)

Prende il via la storica kermesse estiva di eventi, intrattenimenti e proposte culinarie a Carmagnola con la prima edizione della Decaleva dedicata principalmente alle leve dal 1990 al 2000 ma aperta a tutte le persone di qualsiasi età con offerte gastronomiche e dj-set dalle ore 23 con Dj Matrix.
I Giovedì sotto le Stelle continueranno con piacevoli serate con negozi aperti, musica, ballo, spettacoli, animazioni e intrattenimenti rivolti a tutte le fasce di età, degustazioni e menù speciali, la prima edizione della Decaleva dedicata alle leve dal 1991 al 2000, la 3^ edizione del Festival Folk, le serata Bimbi in Piazza, American Style, Musica & Fashion, Bikers e la 13^ edizione del The Giorgione Day con sfilate di auto e moto d’epoca e spettacoli circensi per vivere in maniera divertente e frizzante  il centro di Carmagnola nei giovedì sera d’estate.





Torna anche nel 2019 la storica kermesse Giovedì sotto le Stelle che tra il 13 giugno e il 25 luglio proporrà sette piacevoli giovedì sera a Carmagnola (TO) con negozi aperti, musica, balli, spettacoli, animazioni e intrattenimenti rivolti a tutte le fasce di età, degustazioni e menù speciali, la serata Decaleva con il festeggiamento delle leve dal 1991 al 2000, la 3^ edizione del Festival Folk, le serate Bimbi in Piazza, American Style, Musica & Fashion, Bikers e la 13^ edizione del The Giorgione Day con sfilate di auto e moto d’epoca e spettacoli circensi che faranno vivere in maniera divertente e frizzante il centro di Carmagnola.
Le serate si svolgeranno Lungo l’asse di Via Valobra e il 25 luglio in Borgo Vecchio e Via Chiffi, con numerosi esercizi commerciali che partecipano attivamente nell’organizzazione delle proposte.

Giovedì 13 giugno si inizia con la prima edizione della Decaleva, iniziativa con la quale si festeggeranno dieci leve carmagnolesi contemporaneamente, quelle dal 1991 al 2000, ognuna delle quali avrà un tavolo riservato per la cena in una zona specifica della città. 
A partire dalle 20:00 i partecipanti potranno prendere posto nella loro tavolata per degustare piatti proposti da bar e ristoranti locali, per poi dare inizio alle 22:00 al dj-set in Piazza Martiri che avrà come ospite il celebre Dj Matrix.
La serata è organizzata dalla Consulta Giovanile Carmagnolese, con la collaborazione dell’Ascom, del Comune di Carmagnola e dell’Informagiovani e Lavoro.

L'evento e le offerte gastronomiche sono però aperte a tutte le persone di qualsiasi età.
Oltre ai tavoli delle 11 leve ci saranno tavoli liberi per tutti coloro che vorranno approfittare delle offertissime gastronomiche a 5 euro al piatto (in alternativa a un piatto si potranno prendere 1 o 2 bevande) con listino piatti e bevande presnete in ogni tavolo.
La cena ha un costo di 15 euro e per prenotare e avere maggiori informazioni è possibile rivolgersi a Sara (3465226146) e ad Anita (3889565599), oppure consultare la pagina facebook  giovedisottolestelle.
Tutti coloro che faranno la preiscrizione avranno anche un pacchetto con maglietta della leva, un bicchiere e tre ticket da 5 euro per piatti e bevande.

I Giovedì sotto le Stelle proseguiranno poi sino al 25 luglio 2019.


La cena ha un costo di 15 euro e per prenotare e avere maggiori informazioni è possibile rivolgersi a Sara (3465226146) e ad Anita (3889565599), oppure consultare le pagine della Consulta Giovanile Carmagnolese su Facebook, su Instagram e sul sito dell’Informagiovani e Lavoro di Carmagnola.

Nella serata di giovedì 20 giugno ci sarà la terza edizione del Festival Folk di Carmagnola che viene riproposto dopo il grande successo della prime due edizioni. Il Festival si svolgerà in diverse location del centro storico, tra Via Valobra e Piazza Martiri, con la partecipazione di gruppi musicali che proporranno il genere folk in diverse sfumature. A partire dalle ore 21, lungo le vie e nelle piazze limitrofe alle esibizioni, vari locali e ristoranti proporranno cucina tipica con aperitivi, apericene, cene, cibo da passeggio e after dinner per un divertimento legato alle tradizioni. La serata viene organizzata con il prezioso sostegno di Pasta Berruto che gestirà le degustazioni e regalerà dei buoni sconto per l’acquisto dei suoi prodotti.
Si esibiranno i gruppi folk Simone Campa e La Paranza del Geco, I Rivaival, i Cel Dobèrt e inoltre, in piazza Manzoni ci sarà una jam session aperta a tutti coloro che suonano uno strumento e che avranno voglia di cimentarsi in gruppi improvvisati di musica folk.
La Paranza del Geco è la più importante compagnia artistica del nord Italia attiva nella rappresentazione e nella salvaguardia delle tradizioni popolari musicali e coreutiche dell’Italia del Sud: un laboratorio artistico unico nel suo genere, ormai solido punto di riferimento della scena torinese, attivo in Italia ed all’estero dal 1999. Fondata da Simone Campa, attuale direttore artistico e musicista della compagnia, oggi conta tra le sue fila una trentina di artisti tra musicisti, cantanti, percussionisti, attori, danzatori, performers ed artisti di strada. Con i suoi spettacoli ripropone l’atmosfera delle più coinvolgenti feste popolari del sud, garantendo performance di altissimo valore culturale, grazie all’approfondito lavoro di ricerca e alla grane esperienza.
I Rivaival nascono nel 2008 tra le fila della Filarmonica Rivese (di Riva presso Chieri), da un'idea di Paolo Torta e Gabriele Bosco. Fin dall'inizio l'intento del gruppo è stato quello di unire le sonorità dei canti ancestrali piemontesi a quelle della musica moderna e da questo connubio è nato il loro sound ricco di richiami a molteplici culture e tradizioni. La formazione attuale è composta da Marco Fasano, Gianni Melis, Giovanni Strasly, Daniela Lorusso, Paolo Torta, Gabriele Bosco e Vik Noello.
I Cél Dobért nascono dal recente incontro di 5 musicisti provenienti da formazioni musicali diverse che spaziano dal rock al jazz, dalla musica classica al folk-occitano. Tutti i componenti provengono da Savigliano (CN) e hanno un'età compresa tra i 19 e i 24 anni. La band propone un lavoro originale in cui sperimenta sulla musica tradizionale utilizzando strumenti moderni. Batteria, chitarra e basso elettrico si fondono quindi tra le note di flauto traverso e ottavino e le corde della ghironda.
Oltre ai concerti si potranno trovare artigiani di pregio che daranno mostra dei loro metodi di lavoro e metteranno in vendita le loro creazioni. Ci sarà Romina Dogliani con i suoi feltri naturali, pezzi unici realizzati con l'antica tecnica dell'infeltrimento della lana grazie al solo uso di acqua e sapone fatto in casa come avveniva nelle officine di Pompei e nelle botteghe medioevali o rinascimentali di tutta Europa, le ceramiche di Solelò realizzate da Lorenza Bessone e esibizioni artistiche di sculture realizzate con motosega a cura di artisti che da semplici tronchi di legno tireranno fuori delle vere e proprie opere d’arte.

Il 27 giugno viene organizzata Bimbi in piazza, serata che intende riconsegnare le vie e le piazze della città a bambini e ragazzi, mettendole in sicurezza e permettendo che si possa giocare in strada come si faceva un tempo. Ci sarà un’ampia proposta di animazioni e eventi con spettacoli, truccabimbi, gonfiabili, musica live, esibizioni di ginnastica, di danza e menù bimbi proposti da molti locali.

Giovedì 4 luglio viene organizzata la serata American Style e l’11 luglio la serata Musica e Fashion, serate a tema con animazioni ed eventi ispirati allo stile statunitense e alla moda.

Giovedì 18 luglio sarà dedicata soprattutto ai motori ed al circo contemporaneo con la 12^ edizione del The Giorgione Day, memorial in onore di Giorgio Burzio, giovane carmagnolese scomparso nel 2006 e grande appassionato di rally e automobilismo in genere. Per ricordarlo, la famiglia e l’Associazione sportiva “Energia & Fantasia” organizzano annualmente un raduno con numerose auto (d’epoca, storiche e da rally) e moto (Harley Davidson, Vespe, cross) che sfileranno in centro e in alcuni borghi carmagnolesi, per rientrare alla fine in centro e dare il via agli spettacoli di arti circensi a cura dell’Associazione “Fuma ca ‘nduma”.

Il ricco programma si concluderà il 25 luglio con la Serata Bikers, altro appuntamento in cui i motori saranno tra i protagonisti con decine di bikers in una grande festa di musica e balli nel nucleo storico della città.


I Giovedì sotto le Stelle sono organizzati dall’Ufficio Commercio e Manifestazioni del Comune di Carmagnola in collaborazione con Pro Loco, Ascom, Confesercenti, associazione Officina Carmagnola, e con il contributo economico del Comune, di Pasta Berruto, della BCC di Casalgrasso e Sant’Albano Stura, della Reale Mutua agenzia di Carmagnola e con la compartecipazione delle Associazioni di categoria in una formula collaudata che nelle passate edizioni ha fatto registrare una grande affluenza di pubblico e numerosi apprezzamenti da parte dei visitatori.



INFORMAZIONI PER IL PUBBLICO:
ASCOM Carmagnola  Tel. 011 9720295 – Cell. 3358045842  - E Mail  - carmagnola@ascomtorino.it

UFFICIO STAMPA Lp Press
Luigi Piga - Cell. 3480420650
Email. luigipiga@lp-press.com

]]>
CS OH, creazioni finali terzo anno FLIC Scuola di Circo Thu, 06 Jun 2019 11:29:20 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/565926.html http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/565926.html LP Press LP Press COMUNICATO STAMPA


OH
Progetti artistici finali degli allievi iscritti al terzo anno della FLIC Scuola di Circo di Torino


7 e 8 giugno 2019 – ore 21:30
Spazio FLIC, via Niccolò Paganini 0/200, Torino

Biglietti euro 10,00 intero e euro 5 ridotto
Informazioni per il pubblico e prenotazioni allo 011530217 o scrivendo a booking@flicscuolacirco.it 
www.flicscuolacirco.it


Il Terzo anno di ricerca artistica individuale è il corso riservato a ragazzi con una buona preparazione di base, ideato per aiutarli a realizzare un loro progetto artistico di alta qualità.
Gli allievi sono 17, provengono da Argentina, Australia, Brasile, Cile, Francia, Germania, Italia, Messico, Uruguay e presentano i loro progetti artistici finali singolarmente o in coppia, in due serate in cui si potrà ammirare il risultato di un intenso anno di scuola di circo contemporaneo.
Tra gli attrezzi e le tecniche utilizzate ci sono acrobatica, equilibrismo, cerchio e corda aerea, giocoleria, hula hoop, mano a mano, roue Cyr, palo cinese, trapezio e verticalismo.



Le stagioni di spettacolo della FLIC Scuola di Circo terminano sempre dedicando ampio spazio agli allievi, attraverso la presentazione di creazioni personali e di spettacoli di fine corso diretti da registi di grande esperienza.

Venerdì 7 e sabato 8 giugno 2019 vengono presentate due serate dal titolo OH con le presentazioni dei progetti artistici finali degli allievi iscritti al terzo anno, il corso riservato a ragazzi con una buona preparazione di base e ideato per aiutarli a realizzare un loro progetto artistico di alta qualità.
Le creazioni vengono presentate alle ore 21:30 nello Spazio FLIC di via Niccolò Paganini 0/200 a Torino (ingresso euro 10 intero, euro 5 ridotto) in due eventi nei quali si potrà ammirare il risultato di un intenso anno di scuola di circo contemporaneo svolto da 17 ragazzi giunti a Torino da diverse parti del mondo e dell’Italia per continuare a coltivare il loro sogno: diventare artisti professionisti nel settore del circo contemporaneo o dello spettacolo dal vivo in genere.

L’obiettivo di tutti i docenti che hanno contribuito alla formazione di questo gruppo è stato quello di integrare il patrimonio artistico già in possesso dei ragazzi con le competenze che sono riusciti ad apprendere, o a migliorare, nell’anno intensivo di lavoro.
Per i ragazzi si tratta di lavorare molto sulla struttura globale della performance con l’obiettivo di apprendere le basi di un processo di creazione nell’ambito delle arti circensi e di esprimere la loro sensibilità ed il loro sguardo sul mondo attraverso la loro arte. Le creazioni di fine corso si pongono anche l’obiettivo di fornire agli allievi un’ulteriore possibilità di sperimentare in maniera professionale le tre fasi in cui si articola uno spettacolo circense - la ricerca, la creazione e la messa in scena – insieme al cast della FLIC composto da docenti, registi, coreografi, scenografi e tecnici.

Tra gli attrezzi e le tecniche utilizzate dai ragazzi del terzo anno ci sono acrobatica, equilibrismo, cerchio e corda aerea, giocoleria, hula hoop, mano a mano, roue Cyr, palo cinese, trapezio e verticalismo.

Gli allievi sono 17, provengono da Argentina, Australia, Brasile, Cile, Francia, Germania, Italia, Messico, Uruguay e presentano i loro progetti artistici finali singolarmente o in coppia (mano a mano).

QUESTI DI SEGUITO SONO I LORO NOMI, CON SPECIALITA' E PAESE DI ORIGINE:
- Elia Bruno - roue cyr – Italia (Cuneo),
- Stefano Nicolas Camerati De La Barra - corda aerea - Cile,
- Vittorio Catelli Lasagni - palo cinese - Italia (Emilia),
- Maria Florencia De Simone - corda aerea - Argentina,
- Simone Di Biagio - giocoleria - Italia (Roma),
- Viola Dix – equilibrismo con rola bola - Germania,
- Fabricio Fernandez Rodino - mano a mano- Uruguay,
- Ambar Giselle Isopi Urtubia - cerchio aereo - Cile,
- Loana Nataly La Rosa Corbalan - mano a mano - Uruguay,
- Lucia Melisa Mayo - trapezio - Argentina,
- Andrea Satie Nohara - verticalismo - Brasile,
- Gustavo Antonio Pereyra Castaneda - verticalismo e hula hoop - Messico,
- Benjamin Prince - mano a mano - Australia,
- Luca Sartor - palo cinese - Italia (Veneto),
- Madelaine Sherry - mano a mano - Australia,
- Joanna Van Schrick - roue cyr - Francia
- Donatella Zaccagnino - corda aerea - Italia (Basilicata)

IL “TERZO ANNO DI RICERCA ARTISTICA INDIVIDUALE”
Il programma pedagogico del 3° anno attende la scrittura e creazione di un progetto personale. L’allenamento è strutturato seguendo una linea più autonoma rispetto al biennio, tuttavia si continua il lavoro di base di preparazione fisica e di studio delle varie materie quali l’acrobatica, la danza, l’attore di circo e la propria disciplina circense. La partecipazione al terzo anno non implica necessariamente l’aver frequentato il biennio formativo, si rivolge a coloro che hanno già iniziato a lavorare su un progetto personale e che intendono svilupparlo in maniera professionale sotto la guida di docenti esperti.



INFORMAZIONI DI APPROFONDIMENTO SULL’ORGANIZZAZIONE E SUGLI SPAZI

LA FLIC SCUOLA DI CIRCO
Progetto della Reale Società Ginnastica di Torino avviato nel 2002, la FLIC è diventata in pochi anni una delle scuole di circo contemporaneo più rinomate d’Europa. Recentemente ha ottenuto il miglior punteggio in assoluto da parte del Mibac tra i progetti di formazione circense presentati per l’assegnazione del FUS ed ha vinto il bando “Artisti nei territori” per le residenze artistiche promosse da Regione Piemonte.
In questa stagione gli allievi FLIC sono 81, hanno età comprese tra i 18 e i 31 anni e provengono per il 65% dall’estero, di cui più della metà da paesi extra-europei. Compresa l’Italia, con ragazzi di diverse regioni, gli allievi giungono da 22 diverse nazioni: Argentina, Australia, Belgio, Brasile, Cile, Canada, Colombia, Danimarca, Ecuador, Francia, Germania, Grecia, Inghilterra, Israele, Italia, Lituania, Messico, Serbia, Spagna, Svizzera, Uruguay e USA.

LA REALE SOCIETÀ GINNASTICA
La Reale Società Ginnastica, società sportiva più antica d’Italia che il 17 marzo 2019 ha festeggiato i suoi 175 anni di attività, ha sede in via Magenta 11 a Torino in una storica palazzina di 2500 mq.
Edificata nel 1851 su progetto dell'ing. Domenico Regis, la struttura consta di 9 palestre distribuite su quattro piani, dispone di una grande dotazione di attrezzature all’avanguardia e recentemente si è rinnovata il look, sia all’interno che all’esterno, con nuove decorazioni e pannellature riportanti bellissime immagini artistiche sulla sua storia, risaltate su via Magenta e via Massena da una apposita illuminazione notturna.

LO SPAZIO FLIC
Lo Spazio FLIC è il nuovo spazio che la Reale Società Ginnastica ha dedicato al progetto FLIC scuola di circo dall’inizio del 2016 per sviluppare l’attività di formazione ma anche attività di produzione e creazione artistica, situato in un ex hangar industriale del quartiere periferico Barriera di Milano, all’interno dell’area denominata Bunker, un tempo sede dello Scalo Ferroviario Vanchiglia dismesso dagli anni Ottanta, esempio vivo di recupero di spazi industriali dismessi e loro declinazione in chiave artistico culturale e sportiva.
Lo Spazio è un open space di 700mq, dotato di tutti i confort e di tutte le attrezzature necessarie all’allenamento di numerose discipline  quali tecniche aeree, trapezio e corda ballant, palo cinese, equilibrismo, ruota tedesca, giocoleria, roue Cyr, verticali e mano a mano.


Ufficio Stampa Lp Press
Luigi Piga – cell. 3480420650
Email:  luigipiga@lp-press.com

]]>
CS OH, creazioni finali terzo anno FLIC Scuola di Circo Mon, 03 Jun 2019 09:55:11 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/563836.html http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/563836.html LP Press LP Press COMUNICATO STAMPA


OH
Progetti artistici finali degli allievi iscritti al terzo anno della FLIC Scuola di Circo di Torino


7 e 8 giugno 2019 – ore 21:30
Spazio FLIC, via Niccolò Paganini 0/200, Torino

Biglietti euro 10,00 intero e euro 5 ridotto
Informazioni per il pubblico e prenotazioni allo 011530217 o scrivendo a booking@flicscuolacirco.it 
www.flicscuolacirco.it


Il Terzo anno di ricerca artistica individuale è il corso riservato a ragazzi con una buona preparazione di base, ideato per aiutarli a realizzare un loro progetto artistico di alta qualità.
Gli allievi sono 17, provengono da Argentina, Australia, Brasile, Cile, Francia, Germania, Italia, Messico, Uruguay e presentano i loro progetti artistici finali singolarmente o in coppia, in due serate in cui si potrà ammirare il risultato di un intenso anno di scuola di circo contemporaneo.
Tra gli attrezzi e le tecniche utilizzate ci sono acrobatica, equilibrismo, cerchio e corda aerea, giocoleria, hula hoop, mano a mano, roue Cyr, palo cinese, trapezio e verticalismo.



Le stagioni di spettacolo della FLIC Scuola di Circo terminano sempre dedicando ampio spazio agli allievi, attraverso la presentazione di creazioni personali e di spettacoli di fine corso diretti da registi di grande esperienza.

Venerdì 7 e sabato 8 giugno 2019 vengono presentate due serate dal titolo OH con le presentazioni dei progetti artistici finali degli allievi iscritti al terzo anno, il corso riservato a ragazzi con una buona preparazione di base e ideato per aiutarli a realizzare un loro progetto artistico di alta qualità.
Le creazioni vengono presentate alle ore 21:30 nello Spazio FLIC di via Niccolò Paganini 0/200 a Torino (ingresso euro 10 intero, euro 5 ridotto) in due eventi nei quali si potrà ammirare il risultato di un intenso anno di scuola di circo contemporaneo svolto da 17 ragazzi giunti a Torino da diverse parti del mondo e dell’Italia per continuare a coltivare il loro sogno: diventare artisti professionisti nel settore del circo contemporaneo o dello spettacolo dal vivo in genere.

L’obiettivo di tutti i docenti che hanno contribuito alla formazione di questo gruppo è stato quello di integrare il patrimonio artistico già in possesso dei ragazzi con le competenze che sono riusciti ad apprendere, o a migliorare, nell’anno intensivo di lavoro.
Per i ragazzi si tratta di lavorare molto sulla struttura globale della performance con l’obiettivo di apprendere le basi di un processo di creazione nell’ambito delle arti circensi e di esprimere la loro sensibilità ed il loro sguardo sul mondo attraverso la loro arte. Le creazioni di fine corso si pongono anche l’obiettivo di fornire agli allievi un’ulteriore possibilità di sperimentare in maniera professionale le tre fasi in cui si articola uno spettacolo circense - la ricerca, la creazione e la messa in scena – insieme al cast della FLIC composto da docenti, registi, coreografi, scenografi e tecnici.

Tra gli attrezzi e le tecniche utilizzate dai ragazzi del terzo anno ci sono acrobatica, equilibrismo, cerchio e corda aerea, giocoleria, hula hoop, mano a mano, roue Cyr, palo cinese, trapezio e verticalismo.

Gli allievi sono 17, provengono da Argentina, Australia, Brasile, Cile, Francia, Germania, Italia, Messico, Uruguay e presentano i loro progetti artistici finali singolarmente o in coppia (mano a mano).

QUESTI DI SEGUITO SONO I LORO NOMI, CON SPECIALITA' E PAESE DI ORIGINE:
- Elia Bruno - roue cyr – Italia (Cuneo),
- Stefano Nicolas Camerati De La Barra - corda aerea - Cile,
- Vittorio Catelli Lasagni - palo cinese - Italia (Emilia),
- Maria Florencia De Simone - corda aerea - Argentina,
- Simone Di Biagio - giocoleria - Italia (Roma),
- Viola Dix – equilibrismo con rola bola - Germania,
- Fabricio Fernandez Rodino - mano a mano- Uruguay,
- Ambar Giselle Isopi Urtubia - cerchio aereo - Cile,
- Loana Nataly La Rosa Corbalan - mano a mano - Uruguay,
- Lucia Melisa Mayo - trapezio - Argentina,
- Andrea Satie Nohara - verticalismo - Brasile,
- Gustavo Antonio Pereyra Castaneda - verticalismo e hula hoop - Messico,
- Benjamin Prince - mano a mano - Australia,
- Luca Sartor - palo cinese - Italia (Veneto),
- Madelaine Sherry - mano a mano - Australia,
- Joanna Van Schrick - roue cyr - Francia
- Donatella Zaccagnino - corda aerea - Italia (Basilicata)

IL “TERZO ANNO DI RICERCA ARTISTICA INDIVIDUALE”
Il programma pedagogico del 3° anno attende la scrittura e creazione di un progetto personale. L’allenamento è strutturato seguendo una linea più autonoma rispetto al biennio, tuttavia si continua il lavoro di base di preparazione fisica e di studio delle varie materie quali l’acrobatica, la danza, l’attore di circo e la propria disciplina circense. La partecipazione al terzo anno non implica necessariamente l’aver frequentato il biennio formativo, si rivolge a coloro che hanno già iniziato a lavorare su un progetto personale e che intendono svilupparlo in maniera professionale sotto la guida di docenti esperti.



INFORMAZIONI DI APPROFONDIMENTO SULL’ORGANIZZAZIONE E SUGLI SPAZI

LA FLIC SCUOLA DI CIRCO
Progetto della Reale Società Ginnastica di Torino avviato nel 2002, la FLIC è diventata in pochi anni una delle scuole di circo contemporaneo più rinomate d’Europa. Recentemente ha ottenuto il miglior punteggio in assoluto da parte del Mibac tra i progetti di formazione circense presentati per l’assegnazione del FUS ed ha vinto il bando “Artisti nei territori” per le residenze artistiche promosse da Regione Piemonte.
In questa stagione gli allievi FLIC sono 81, hanno età comprese tra i 18 e i 31 anni e provengono per il 65% dall’estero, di cui più della metà da paesi extra-europei. Compresa l’Italia, con ragazzi di diverse regioni, gli allievi giungono da 22 diverse nazioni: Argentina, Australia, Belgio, Brasile, Cile, Canada, Colombia, Danimarca, Ecuador, Francia, Germania, Grecia, Inghilterra, Israele, Italia, Lituania, Messico, Serbia, Spagna, Svizzera, Uruguay e USA.

LA REALE SOCIETÀ GINNASTICA
La Reale Società Ginnastica, società sportiva più antica d’Italia che il 17 marzo 2019 ha festeggiato i suoi 175 anni di attività, ha sede in via Magenta 11 a Torino in una storica palazzina di 2500 mq.
Edificata nel 1851 su progetto dell'ing. Domenico Regis, la struttura consta di 9 palestre distribuite su quattro piani, dispone di una grande dotazione di attrezzature all’avanguardia e recentemente si è rinnovata il look, sia all’interno che all’esterno, con nuove decorazioni e pannellature riportanti bellissime immagini artistiche sulla sua storia, risaltate su via Magenta e via Massena da una apposita illuminazione notturna.

LO SPAZIO FLIC
Lo Spazio FLIC è il nuovo spazio che la Reale Società Ginnastica ha dedicato al progetto FLIC scuola di circo dall’inizio del 2016 per sviluppare l’attività di formazione ma anche attività di produzione e creazione artistica, situato in un ex hangar industriale del quartiere periferico Barriera di Milano, all’interno dell’area denominata Bunker, un tempo sede dello Scalo Ferroviario Vanchiglia dismesso dagli anni Ottanta, esempio vivo di recupero di spazi industriali dismessi e loro declinazione in chiave artistico culturale e sportiva.
Lo Spazio è un open space di 700mq, dotato di tutti i confort e di tutte le attrezzature necessarie all’allenamento di numerose discipline  quali tecniche aeree, trapezio e corda ballant, palo cinese, equilibrismo, ruota tedesca, giocoleria, roue Cyr, verticali e mano a mano.


Ufficio Stampa Lp Press
Luigi Piga – cell. 3480420650
Email:  luigipiga@lp-press.com

]]>
CS Audizioni circo contemporaneo - Ragazzi da tutto il mondo a Torino per coltivare un sogno Thu, 30 May 2019 12:53:46 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/562207.html http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/562207.html LP Press LP Press In allegato trovate il comunicato stampa e un altro documento di approfondimento.
Grazie per l'attenzione e per l'aiuto che potrete darci a diffondere l'informazione


COMUNICATO STAMPA

AUDIZIONI FLIC SCUOLA DI CIRCO PER LA STAGIONE 2019-2020
Tanti giovani da tutto il mondo in arrivo a Torino per coltivare un sogno:
diventare artisti di circo contemporaneo


9, 10, 11 e 12 luglio 2019
presso la FLIC Scuola di Circo della Reale Società Ginnastica, Via Magenta 11, TORINO

Audizioni di accesso alla FLIC Scuola di Circo di Torino, una delle scuole del settore più rinomate in Europa che nel 2018 ha ottenuto il miglior punteggio in assoluto da parte del Mibac tra i progetti di formazione circense.
Nella stagione in corso gli allievi iscritti ai corsi professionali della FLIC sono stati 81, con età comprese tra i 18 e i 31 anni e provenienti per il 65% dall’estero, da 22 diverse nazioni.

 

Si svolgono dal 9 al 12 luglio 2019 nella sede di via Magenta 11 a Torino le audizioni per il 18° anno del “Corso di Formazione per l’Artista di Circo Contemporaneo” della FLIC Scuola di Circo, progetto della Reale Società Ginnastica avviato nel 2002, che ad oggi prevede tre programmi formativi: Biennio, Terzo anno di ricerca Artistica e Mise à Niveau.
Un impegnativo provino di 4 giorni per provare ad accedere ad uno dei corsi di formazione più qualificati del settore e per coltivare un sogno che è diventato realtà per molti ex-allievi della FLIC.

Moduli sulle iscrizioni e maggiori informazioni sul percorso formativo sono reperibili in:
http://www.flicscuolacirco.it/formazione-professionale

Ogni anno presentano le loro candidature tanti giovani provenienti da tutta Italia e da molti paesi dell’estero.
Per le audizioni dello scorso anno sono giunti a Torino 140 giovani candidati provenienti da 27 nazioni e nella stagione che sta volgendo al termine gli allievi iscritti ai corsi professionali della FLIC sono stati 81, con età comprese tra i 18 e i 25 anni e provenienti per il 65% dall’estero, di cui più della metà da paesi extra-europei. Compresa l’Italia gli attuali allievi giungono da 22 diverse nazioni: Argentina, Australia, Belgio, Brasile, Cile, Canada, Colombia, Danimarca, Ecuador, Francia, Germania, Grecia, Inghilterra, Israele, Italia, Lituania, Messico, Serbia, Spagna, Svizzera, Uruguay e USA.

Dati che rappresentano un grande motivo di soddisfazione per l’intero staff della FLIC e che certificano ulteriormente l’importanza che il centro di formazione torinese ha assunto nel settore del circo contemporaneo in ambito mondiale, rappresentando spesso l’Italia nel mondo e ricevendo importanti riconoscimenti per la qualità della sua formazione e per lo stile proprio con il quale interpreta le ultime tendenze sullo sviluppo del nuovo circo.
Importanza e valenza che a livello nazionale vengono confermate nel 2018 dal miglior punteggio in assoluto ottenuto da parte del Mibac tra i progetti di formazione circense presentati per l’assegnazione del FUS e dalla selezione da parte della Regione Piemonte come luogo di residenza artistica per il bando “Artisti nei territori”.

Un altro indice della qualità del lavoro svolto nelle ultime stagioni è dato dal fatto che sempre più allievi del secondo anno vengono selezionati per proseguire la formazione in alcune delle migliori università internazionali di circo contemporaneo e danza: l’École de cirque de Québec in Canada, il CNAC - Centre national des arts du cirque di Châlons-en-Champagne, la Académie Fratellini di Parigi e Le Lido - centre des arts du cirque de Toulouse in Francia, la Doch - University of Dance and Circus di Stoccolma,  l’ESAC - Ecole Supérieure des Arts du Cirque di Bruxelles, e la SEAD - Salzburg Experimental Academy of Dance.

La FLIC è stata fondata nel 2002 dalla Reale Società Ginnastica di Torino ed è diventata una delle scuole più rinomate d’Europa dal punto di vista didattico ma anche artistico e culturale.
Ad oggi la FLIC ha formato circa 430 allievi, l’80% dei quali lavora nell’ambito del circo contemporaneo e dello spettacolo dal vivo in genere con alcuni che fanno parte di grandi compagnie tra le quali Cirque du Soleil, Compagnie du Hanneton di James Thierre, No Fit State Circus ed altre.

Con i suoi corsi la FLIC trasmette i fondamenti della formazione professionale circense.
In aggiunta al consolidato “Corso Biennale di Formazione per l’Artista di Circo Contemporaneo”  e al “Terzo anno di Ricerca Artistica Individuale”, dedicato alla realizzazione del proprio progetto artistico, da quattro stagioni è stato aggiunto l’anno propedeutico chiamato “Mise à Niveau” e  dedicato alla preparazione tecnico artistica di ragazzi non ancora pronti per affrontare al meglio un percorso formativo professionale.


APPROFONDIMENTI SUI CORSI
Il programma di studi del Corso Biennale mira a dare all’allievo una solida formazione sulle materie fondamentali del circo contemporaneo, l’apprendimento delle basi delle discipline caratterizzanti, la seguente determinazione della propria specializzazione e una formazione di base sulle nozioni teoriche che contribuiscono a rendere completa la figura dell’artista del settore.
Il Corso si sviluppa in più di 3000 ore di lezione ed è basato su un piano di studi consolidato che prevede 7 ore di lezione quotidiane, dal lunedì al venerdì a frequenza obbligatoria.
Una parte importante del corso è costituita da stage intensivi di specializzazione della durata di una settimana ognuno, non solo sulle discipline circensi ma anche sulla danza nelle sue forme più contemporanee, sulla recitazione e sulla musica, che vengono periodicamente realizzati con insegnanti altamente qualificati.
Tutti gli allievi avranno la possibilità di cimentarsi periodicamente davanti a un pubblico grazie a “Circo in Pillole”, la rassegna tirocinio organizzata per permettere di sviluppare ed allenare la relazione con il palcoscenico.
Durante il biennio la FLIC dà inoltre la possibilità agli allievi di partecipare a grandi eventi e di entrare nei cast di importanti spettacoli grazie a collaborazioni varie con teatri, fondazioni e professionisti dello spettacolo dal vivo.

IL PRIMO ANNO
Il percorso formativo del primo anno prevede: miglioramento della preparazione fisica generale e specifica, un corretto apprendimento delle basi dell'acrobatica a terra, studio della danza classica e contemporanea, lezioni di attore di circo; lavoro sul collettivo scenico a partire dal movimento di creazione corale con l'aiuto di insegnanti e registi, scelta della specialità che approfondiranno nel corso del II anno.


IL SECONDO ANNO
Il percorso formativo del secondo anno prevede che l’allievo inizi la ricerca artistica rispetto alla tecnica del proprio attrezzo circense, che si definisce metaforicamente come "ricerca della propria casa". Ciascun allievo è spinto a cercare un modo proprio di usare, vivere e percepire lo strumento. Inoltre si confronta con la creazione e rappresentazione, tracciando le basi per il progetto artistico personale. In parallelo prosegue lo studio e l’approfondimento della preparazione fisica, acrobatica, danza e attore

IL TERZO ANNO DI RICERCA ARTISTICA INDIVIDUALE
Il programma pedagogico del terzo anno prevede uno studio approfondito della disciplina circense scelta, arricchito da lezioni di preparazione fisica, acrobatica, danza e attore. L’obiettivo finale è la ricerca artistica individuale che attende la scrittura e creazione di un progetto artistico personale con il supporto artistico e tecnico di esperti del settore.

Il CORSO MISE À NIVEAU
La missione della Mise à Niveau è quella di strutturare un lavoro sulle basi di: preparazione fisica, acrobatica a terra, danza classica e contemporanea e lezioni di attore di circo e teatro.
Viene posta l’attenzione al lavoro individuale per far sì che l’allievo possa prepararsi per affrontare al meglio un percorso formativo di circo contemporaneo fornendo tutti gli strumenti necessari ad intraprendere un percorso professionale specializzante presso altri centri di formazione circense.


informazioni di approfondimento in
http://www.flicscuolacirco.it/formazione-professionale/



Uffico Stampa Lp Press
Luigi Piga - cell. 3480420650
Email. luigipiga@lp-press.com

]]>
CS OH, creazioni finali terzo anno FLIC Scuola di Circo Wed, 29 May 2019 10:56:51 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/560974.html http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/560974.html LP Press LP Press Buongiorno,
le fotografie in allegato le disponiamo anche in risoluzione maggiore.
Grazie per il tempo e lo spazio che ci potrete dedicare. Luigi Piga


COMUNICATO STAMPA

OH
Progetti artistici finali degli allievi iscritti al terzo anno della FLIC Scuola di Circo di Torino


7 e 8 giugno 2019 – ore 21:30
Spazio FLIC, via Niccolò Paganini 0/200, Torino

Biglietti euro 10,00 intero e euro 5 ridotto
Informazioni per il pubblico e prenotazioni allo 011530217 o scrivendo a booking@flicscuolacirco.it 
www.flicscuolacirco.it


Il Terzo anno di ricerca artistica individuale è il corso riservato a ragazzi con una buona preparazione di base, ideato per aiutarli a realizzare un loro progetto artistico di alta qualità.
Gli allievi sono 17, provengono da Argentina, Australia, Brasile, Cile, Francia, Germania, Italia, Messico, Uruguay e presentano i loro progetti artistici finali singolarmente o in coppia, in due serate in cui si potrà ammirare il risultato di un intenso anno di scuola di circo contemporaneo.
Tra gli attrezzi e le tecniche utilizzate ci sono acrobatica, equilibrismo, cerchio e corda aerea, giocoleria, hula hoop, mano a mano, roue Cyr, palo cinese, trapezio e verticalismo.



Le stagioni di spettacolo della FLIC Scuola di Circo terminano sempre dedicando ampio spazio agli allievi, attraverso la presentazione di creazioni personali e di spettacoli di fine corso diretti da registi di grande esperienza.

Venerdì 7 e sabato 8 giugno 2019 vengono presentate due serate dal titolo OH con le presentazioni dei progetti artistici finali degli allievi iscritti al terzo anno, il corso riservato a ragazzi con una buona preparazione di base e ideato per aiutarli a realizzare un loro progetto artistico di alta qualità.
Le creazioni vengono presentate alle ore 21:30 nello Spazio FLIC di via Niccolò Paganini 0/200 a Torino (ingresso euro 10 intero, euro 5 ridotto) in due eventi nei quali si potrà ammirare il risultato di un intenso anno di scuola di circo contemporaneo svolto da 17 ragazzi giunti a Torino da diverse parti del mondo e dell’Italia per continuare a coltivare il loro sogno: diventare artisti professionisti nel settore del circo contemporaneo o dello spettacolo dal vivo in genere.

L’obiettivo di tutti i docenti che hanno contribuito alla formazione di questo gruppo è stato quello di integrare il patrimonio artistico già in possesso dei ragazzi con le competenze che sono riusciti ad apprendere, o a migliorare, nell’anno intensivo di lavoro.
Per i ragazzi si tratta di lavorare molto sulla struttura globale della performance con l’obiettivo di apprendere le basi di un processo di creazione nell’ambito delle arti circensi e di esprimere la loro sensibilità ed il loro sguardo sul mondo attraverso la loro arte. Le creazioni di fine corso si pongono anche l’obiettivo di fornire agli allievi un’ulteriore possibilità di sperimentare in maniera professionale le tre fasi in cui si articola uno spettacolo circense - la ricerca, la creazione e la messa in scena – insieme al cast della FLIC composto da docenti, registi, coreografi, scenografi e tecnici.

Tra gli attrezzi e le tecniche utilizzate dai ragazzi del terzo anno ci sono acrobatica, equilibrismo, cerchio e corda aerea, giocoleria, hula hoop, mano a mano, roue Cyr, palo cinese, trapezio e verticalismo.

Gli allievi sono 17, provengono da Argentina, Australia, Brasile, Cile, Francia, Germania, Italia, Messico, Uruguay e presentano i loro progetti artistici finali singolarmente o in coppia (mano a mano).

QUESTI DI SEGUITO SONO I LORO NOMI, CON SPECIALITA' E PAESE DI ORIGINE:
- Elia Bruno - roue cyr – Italia (Cuneo),
- Stefano Nicolas Camerati De La Barra - corda aerea - Cile,
- Vittorio Catelli Lasagni - palo cinese - Italia (Emilia),
- Maria Florencia De Simone - corda aerea - Argentina,
- Simone Di Biagio - giocoleria - Italia (Roma),
- Viola Dix – equilibrismo con rola bola - Germania,
- Fabricio Fernandez Rodino - mano a mano- Uruguay,
- Ambar Giselle Isopi Urtubia - cerchio aereo - Cile,
- Loana Nataly La Rosa Corbalan - mano a mano - Uruguay,
- Lucia Melisa Mayo - trapezio - Argentina,
- Andrea Satie Nohara - verticalismo - Brasile,
- Gustavo Antonio Pereyra Castaneda - verticalismo e hula hoop - Messico,
- Benjamin Prince - mano a mano - Australia,
- Luca Sartor - palo cinese - Italia (Veneto),
- Madelaine Sherry - mano a mano - Australia,
- Joanna Van Schrick - roue cyr - Francia
- Donatella Zaccagnino - corda aerea - Italia (Basilicata)

IL “TERZO ANNO DI RICERCA ARTISTICA INDIVIDUALE”
Il programma pedagogico del 3° anno attende la scrittura e creazione di un progetto personale. L’allenamento è strutturato seguendo una linea più autonoma rispetto al biennio, tuttavia si continua il lavoro di base di preparazione fisica e di studio delle varie materie quali l’acrobatica, la danza, l’attore di circo e la propria disciplina circense. La partecipazione al terzo anno non implica necessariamente l’aver frequentato il biennio formativo, si rivolge a coloro che hanno già iniziato a lavorare su un progetto personale e che intendono svilupparlo in maniera professionale sotto la guida di docenti esperti.



INFORMAZIONI DI APPROFONDIMENTO SULL’ORGANIZZAZIONE E SUGLI SPAZI

LA FLIC SCUOLA DI CIRCO
Progetto della Reale Società Ginnastica di Torino avviato nel 2002, la FLIC è diventata in pochi anni una delle scuole di circo contemporaneo più rinomate d’Europa. Recentemente ha ottenuto il miglior punteggio in assoluto da parte del Mibac tra i progetti di formazione circense presentati per l’assegnazione del FUS ed ha vinto il bando “Artisti nei territori” per le residenze artistiche promosse da Regione Piemonte.
In questa stagione gli allievi FLIC sono 81, hanno età comprese tra i 18 e i 31 anni e provengono per il 65% dall’estero, di cui più della metà da paesi extra-europei. Compresa l’Italia, con ragazzi di diverse regioni, gli allievi giungono da 22 diverse nazioni: Argentina, Australia, Belgio, Brasile, Cile, Canada, Colombia, Danimarca, Ecuador, Francia, Germania, Grecia, Inghilterra, Israele, Italia, Lituania, Messico, Serbia, Spagna, Svizzera, Uruguay e USA.

LA REALE SOCIETÀ GINNASTICA
La Reale Società Ginnastica, società sportiva più antica d’Italia che il 17 marzo 2019 ha festeggiato i suoi 175 anni di attività, ha sede in via Magenta 11 a Torino in una storica palazzina di 2500 mq.
Edificata nel 1851 su progetto dell'ing. Domenico Regis, la struttura consta di 9 palestre distribuite su quattro piani, dispone di una grande dotazione di attrezzature all’avanguardia e recentemente si è rinnovata il look, sia all’interno che all’esterno, con nuove decorazioni e pannellature riportanti bellissime immagini artistiche sulla sua storia, risaltate su via Magenta e via Massena da una apposita illuminazione notturna.

LO SPAZIO FLIC
Lo Spazio FLIC è il nuovo spazio che la Reale Società Ginnastica ha dedicato al progetto FLIC scuola di circo dall’inizio del 2016 per sviluppare l’attività di formazione ma anche attività di produzione e creazione artistica, situato in un ex hangar industriale del quartiere periferico Barriera di Milano, all’interno dell’area denominata Bunker, un tempo sede dello Scalo Ferroviario Vanchiglia dismesso dagli anni Ottanta, esempio vivo di recupero di spazi industriali dismessi e loro declinazione in chiave artistico culturale e sportiva.
Lo Spazio è un open space di 700mq, dotato di tutti i confort e di tutte le attrezzature necessarie all’allenamento di numerose discipline  quali tecniche aeree, trapezio e corda ballant, palo cinese, equilibrismo, ruota tedesca, giocoleria, roue Cyr, verticali e mano a mano.


Ufficio Stampa Lp Press
Luigi Piga – cell. 3480420650
Email:  luigipiga@lp-press.com

]]>
CS Vindicta Carmagnolensis - 1 e 2 giugno manifestazione storica a Carmagnola Tue, 28 May 2019 11:55:11 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/560516.html http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/560516.html LP Press LP Press COMUNICATO STAMPA
con gentile richiesta di pubblicazione


VINDICTA CARMAGNOLENSIS – La storia secondo noi…
Manifestazione storica con sfilate in costumi d’epoca, sbandieratori e rappresentazione teatrale

II edizione - 1 e 2 giugno 2019
nel centro storico di CARMAGNOLA (TO) | Evento gratuito

sabato 1° giugno
- ore 21:00 Sfilata in costumi d’epoca nelle vie del centro storico
- ore 21:30 Rappresentazione teatrale “L’esodo da Carmagnola” nel Cortile del Municipio

domenica 2 giugno
- ore 15:30 Sfilata in costumi d’epoca nelle vie del centro storico
- ore 16:30 Esibizione sbandieratori di Villastellone in Piazza Sant’Agostino
- ore 17:00 Gioco de “La Vendetta” in Piazza Sant’Agostino

Seconda edizione della manifestazione storica che affonda le radici nelle vicende di Francesco Bussone, meglio conosciuto come “Il Conte Carmagnola”, costruendo un’immaginaria vendetta della sua uccisione con una grande rappresentazione teatrale ed il divertente gioco del “dunk tunk”, proponendo anche sfilate di decine di fuguranti in costumi d’epoca e spettacolari esibizioni di sbandieratori.



Sabato 1 e domenica 2 giugno 2019 si svolge nel centro storico di Carmagnola la seconda edizione di “VINDICTA CARMAGNOLENSIS – La storia secondo noi…”, manifestazione storica organizzata dall’Ufficio Manifestazioni del Comune di Carmagnola in collaborazione con la Pro Loco, il Gruppo Teatro Carmagnola, l’associazione 7DSenior e il Gruppo Palio Borgo San Giovanni.

La Vindicta Carmagnolensis affonda le proprie radici nelle vicende di Francesco Bussone, meglio conosciuto come “Il Conte Carmagnola”, celebre personaggio carmagnolese che nel 1432 venne giustiziato a Venezia, accusato di tradimento dal Senato del Doge.  A partire da questo evento storico, la manifestazione propone sfilate in costumi d’epoca e un’esibizione degli sbandieratori di Villastellone, con una rappresentazione teatrale intitolata “L’esodo da Carmagnola” ed il gioco “dunk tunk” che costruiscono un’immaginaria vendetta dell’uccisione del Conte.

Questa la trama dell’immaginaria ricostruzione:
Il Marchese Ludovico II nel 1479 aveva ulteriormente inasprito le tasse per finanziare le opere di consolidamento dei bastioni, delle fortificazioni e delle mura della città, ed i carmagnolesi, diventati sempre più poveri, decisero di abbandonare la Carmagnola, rifugiandosi presso le antiche mura del Molinasso.
Per riconquistare i carmagnolesi e cercare farli tornare in città, concede loro la possibilità di uccidere un suo prigioniero, membro del Consiglio dei Dieci di Venezia, responsabili della decapitazione del Carmagnola.
I carmagnolesi decidono di non giustiziare il consigliere veneziano, ma piuttosto di schernirlo e sbeffeggiarlo in pubblica piazza, ottenendo così la loro vendetta per la tragica sorte del loro concittadino.


La rappresentazione teatrale “L’esodo da Carmagnola”, a cura di Gruppo Teatro Carmagnola, associazione 7DSenior e Gruppo Palio Borgo San Giovanni, mette in scena questa trama insieme ad altre vicende, come quelle di Guiduccio, cavaliere del Marchese imprigionato nelle segrete del castello, del giovane Federico, minacciato di morte da un energumeno, e della bella Matilde, sposa e madre felice che, insidiata dalle attenzioni di un cavaliere falsamente convinto dell'irresistibilità del proprio fascino, rischia il disonore.

La Vendetta Carmagnolese si consumerà domenica 2 giugno, ultimo evento della manifestazione in programma dalle ore 17 in Piazza Sant’Agostino, con i vendicatori che cercheranno di far cadere il consigliere veneziano nella vasca piena d’acqua di un “dunk tunk”, gioco nel quale si fa cascare il malcapitato in una tinozza colpendo con una pallina un bersaglio che fa aprire la botola sulla quale è seduto.
I vendicatori, rappresentanti dei borghi San Giovanni, Castello, Salsasio, San Bernardo, San Michele e Santa Rita, cominceranno a scagliare le loro palline da una distanza di venti metri che si ridurrà gradualmente sino al raggiungimento dell’obiettivo.


La manifestazione intende quindi simulare, in maniera divertente, l’episodio immaginario della “vendetta dei carmagnolesi” attraverso l’umiliazione del senatore veneziano in pubblica piazza.
L’intenzione dell’amministrazione comunale è quella di recuperare la tradizione e la memoria storica di alcuni eventi, seppur con una buona dose di fantasia, per riscoprire il senso di appartenenza alle radici storiche della Città.

L’Assessore Massimiliano Pampaloni dichiara: “La Vindicta Carmagnolensis è un simpatico sfottò nei confronti di Venezia che oltraggiò la nostra città giustiziando il Bussone nel 1432: si manda a fare un bagno uno dei Senatori veneziani che condannò a morte il condottiero tramite un gioco di abilità. Sarà divertente vedere insieme quale Borgo “vendicherà” il condottiero Francesco Bussone quest’anno”.


IL PROGRAMMA DELLE DUE GIORNATE
Sabato 1° giugno la manifestazione inizierà alle ore 21 con una grande sfilata di numerosi figuranti in costumi d’epoca che partirà dalla Società Operaia di Mutuo Soccorso "Francesco Bussone", in via Valobra 143, e proseguirà in Piazza Garavella, Via Santorre di Santarosa, Via Bobba e ai Giardini del Castello, per terminare alle ore 21:30 nel Cortile del Municipio dove avrà inizio larappresentazione teatrale “L’esodo da Carmagnola”.
Domenica 2 giugno la sfilata in costumi d’epoca sarà più lunga, inizierà alle ore 15:30 dal Cortile del Municipio e proseguirà in Via Bobba, Viale Garibaldi, Via Dante, Viale Ex Internati, Piazza Martiri e Via Valobra, terminando alle ore 16:30 in Piazza Sant’Agostino, dove avrà inizio l’esibizione degli sbandieratori di Villastellone e alle ore 17 il gioco finale della Vindicta Carmagnolensis con il "dunk tunk".


LE TAVERNE - PUNTI RISTORO CON PIATTI TIPICI DELLA CUCINA PIEMONTESE

In occasione della manifestazione il centro storico Città di Carmagnola diventerà un grande ristorante sotto le stelle grazie ai punti di ristorazione chiamati “Taverne”,  dove si potranno degustare piatti tipici della cucina piemontese.



INFORMAZIONI PER IL PUBBLICO:
Ufficio Manifestazioni del Comune di Carmagnola
Tel. 011.9724222/270 – cell. 3343040338  -  Email  cultura@comune.carmagnola.to.it


UFFICIO STAMPA LP PRESS
Luigi Piga - Cell. 3480420650
Email. luigipiga@lp-press.com

]]>
CS Giovedì sotto le Stelle a Carmagnola dal 13 giugno Mon, 27 May 2019 10:34:15 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/559634.html http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/559634.html LP Press LP Press COMUNICATO STAMPA

Tornano i GIOVEDÌ SOTTO LE STELLE a Carmagnola
Storica kermesse estiva di eventi, intrattenimenti e proposte culinarie

Piacevoli serate con negozi aperti, musica, ballo, spettacoli, animazioni e intrattenimenti rivolti a tutte le fasce di età, degustazioni e menù speciali, la prima edizione della Decaleva dedicata alle leve dal 1991 al 2000, la 3^ edizione del Festival Folk, le serata Bimbi in Piazza, American Style, Musica & Fashion, Bikers e la 13^ edizione del The Giorgione Day con sfilate di auto e moto d’epoca e spettacoli circensi per vivere in maniera divertente e frizzante  il centro di Carmagnola nei giovedì sera d’estate.

Tra il 13 giugno ed il 25 luglio 2019 – dalle ore 21:00
Lungo l’asse di Via Valobra e il 25 luglio in Borgo Vecchio e Via Chiffi a CARMAGNOLA (TO)



Torna anche nel 2019 la storica kermesse Giovedì sotto le Stelle che tra il 13 giugno e il 25 luglio proporrà sette piacevoli giovedì sera a Carmagnola (TO) con negozi aperti, musica, balli, spettacoli, animazioni e intrattenimenti rivolti a tutte le fasce di età, degustazioni e menù speciali, la serata Decaleva con il festeggiamento delle leve dal 1991 al 2000, la 3^ edizione del Festival Folk, le serate Bimbi in Piazza, American Style, Musica & Fashion, Bikers e la 13^ edizione del The Giorgione Day con sfilate di auto e moto d’epoca e spettacoli circensi che faranno vivere in maniera divertente e frizzante il centro di Carmagnola.
Le serate si svolgeranno Lungo l’asse di Via Valobra e il 25 luglio in Borgo Vecchio e Via Chiffi, con numerosi esercizi commerciali che partecipano attivamente nell’organizzazione delle proposte.

Giovedì 13 giugno si inizia con la prima edizione della Decaleva, iniziativa con la quale si festeggeranno dieci leve carmagnolesi contemporaneamente, quelle dal 1991 al 2000, ognuna delle quali avrà un tavolo riservato per la cena in una zona specifica della città. La leva del 1991 sarà in Largo Vittorio Veneto, la 1992 in Piazza Verdi, la 1993 in zona San Rocco, le 1994 e 1995 in Piazza Sant'Agostino, le 1996 e 1997 in Piazza Garavella, le 1998 e 1999 in Piazza Martiri angolo via Rossini e la 2000 in Piazza Manzoni.
A partire dalle 20:00 i partecipanti potranno prendere posto nella loro tavolata per degustare piatti proposti da bar e ristoranti locali, per poi dare inizio alle 22:00 al dj-set in Piazza Martiri che avrà come ospite il celebre Dj Matrix.
La serata è organizzata dalla Consulta Giovanile Carmagnolese, con la collaborazione dell’Ascom, del Comune di Carmagnola e dell’Informagiovani e Lavoro.
La cena ha un costo di 15 euro e per prenotare e avere maggiori informazioni è possibile rivolgersi a Sara (3465226146) e ad Anita (3889565599), oppure consultare le pagine della Consulta Giovanile Carmagnolese su Facebook, su Instagram e sul sito dell’Informagiovani e Lavoro di Carmagnola.

Nella serata di giovedì 20 giugno ci sarà la terza edizione del Festival Folk di Carmagnola che viene riproposto dopo il grande successo della prime due edizioni. Il Festival si svolgerà in diverse location del centro storico, tra Via Valobra e Piazza Martiri, con la partecipazione di gruppi musicali che proporranno il genere folk in diverse sfumature. A partire dalle ore 21, lungo le vie e nelle piazze limitrofe alle esibizioni, vari locali e ristoranti proporranno cucina tipica con aperitivi, apericene, cene, cibo da passeggio e after dinner per un divertimento legato alle tradizioni. La serata viene organizzata con il prezioso sostegno di Pasta Berruto che gestirà le degustazioni e regalerà dei buoni sconto per l’acquisto dei suoi prodotti.
Si esibiranno i gruppi folk Simone Campa e La Paranza del Geco, I Rivaival, i Cel Dobèrt e inoltre, in piazza Manzoni ci sarà una jam session aperta a tutti coloro che suonano uno strumento e che avranno voglia di cimentarsi in gruppi improvvisati di musica folk.
La Paranza del Geco è la più importante compagnia artistica del nord Italia attiva nella rappresentazione e nella salvaguardia delle tradizioni popolari musicali e coreutiche dell’Italia del Sud: un laboratorio artistico unico nel suo genere, ormai solido punto di riferimento della scena torinese, attivo in Italia ed all’estero dal 1999. Fondata da Simone Campa, attuale direttore artistico e musicista della compagnia, oggi conta tra le sue fila una trentina di artisti tra musicisti, cantanti, percussionisti, attori, danzatori, performers ed artisti di strada. Con i suoi spettacoli ripropone l’atmosfera delle più coinvolgenti feste popolari del sud, garantendo performance di altissimo valore culturale, grazie all’approfondito lavoro di ricerca e alla grane esperienza.
I Rivaival nascono nel 2008 tra le fila della Filarmonica Rivese (di Riva presso Chieri), da un'idea di Paolo Torta e Gabriele Bosco. Fin dall'inizio l'intento del gruppo è stato quello di unire le sonorità dei canti ancestrali piemontesi a quelle della musica moderna e da questo connubio è nato il loro sound ricco di richiami a molteplici culture e tradizioni. La formazione attuale è composta da Marco Fasano, Gianni Melis, Giovanni Strasly, Daniela Lorusso, Paolo Torta, Gabriele Bosco e Vik Noello.
I Cél Dobért nascono dal recente incontro di 5 musicisti provenienti da formazioni musicali diverse che spaziano dal rock al jazz, dalla musica classica al folk-occitano. Tutti i componenti provengono da Savigliano (CN) e hanno un'età compresa tra i 19 e i 24 anni. La band propone un lavoro originale in cui sperimenta sulla musica tradizionale utilizzando strumenti moderni. Batteria, chitarra e basso elettrico si fondono quindi tra le note di flauto traverso e ottavino e le corde della ghironda.
Oltre ai concerti si potranno trovare artigiani di pregio che daranno mostra dei loro metodi di lavoro e metteranno in vendita le loro creazioni. Ci sarà Romina Dogliani con i suoi feltri naturali, pezzi unici realizzati con l'antica tecnica dell'infeltrimento della lana grazie al solo uso di acqua e sapone fatto in casa come avveniva nelle officine di Pompei e nelle botteghe medioevali o rinascimentali di tutta Europa, le ceramiche di Solelò realizzate da Lorenza Bessone e esibizioni artistiche di sculture realizzate con motosega a cura di artisti che da semplici tronchi di legno tireranno fuori delle vere e proprie opere d’arte.

Il 27 giugno viene organizzata Bimbi in piazza, serata che intende riconsegnare le vie e le piazze della città a bambini e ragazzi, mettendole in sicurezza e permettendo che si possa giocare in strada come si faceva un tempo. Ci sarà un’ampia proposta di animazioni e eventi con spettacoli, truccabimbi, gonfiabili, musica live, esibizioni di ginnastica, di danza e menù bimbi proposti da molti locali.

Giovedì 4 luglio viene organizzata la serata American Style e l’11 luglio la serata Musica e Fashion, serate a tema con animazioni ed eventi ispirati allo stile statunitense e alla moda.

Giovedì 18 luglio sarà dedicata soprattutto ai motori ed al circo contemporaneo con la 12^ edizione del The Giorgione Day, memorial in onore di Giorgio Burzio, giovane carmagnolese scomparso nel 2006 e grande appassionato di rally e automobilismo in genere. Per ricordarlo, la famiglia e l’Associazione sportiva “Energia & Fantasia” organizzano annualmente un raduno con numerose auto (d’epoca, storiche e da rally) e moto (Harley Davidson, Vespe, cross) che sfileranno in centro e in alcuni borghi carmagnolesi, per rientrare alla fine in centro e dare il via agli spettacoli di arti circensi a cura dell’Associazione “Fuma ca ‘nduma”.

Il ricco programma si concluderà il 25 luglio con la Serata Bikers, altro appuntamento in cui i motori saranno tra i protagonisti con decine di bikers in una grande festa di musica e balli nel nucleo storico della città.


La kermesse è organizzata dall’Ufficio Commercio e Manifestazioni del Comune di Carmagnola in collaborazione con Pro Loco, Ascom, Confesercenti, associazione Officina Carmagnola, e con il contributo economico del Comune, di Pasta Berruto, della BCC di Casalgrasso e Sant’Albano Stura, della Reale Mutua agenzia di Carmagnola e con la compartecipazione delle Associazioni di categoria in una formula collaudata che nelle passate edizioni ha fatto registrare una grande affluenza di pubblico e numerosi apprezzamenti da parte dei visitatori.

Commenta l’Assessore Gian Luigi Surra: “grazie all'impegno del gruppo di lavoro la manifestazione migliora di anno in anno, sia come numero di esercizi commerciali coinvolti che per la qualità degli intrattenimenti offerti, grazie anche agli sponsor.  Operando in questo modo sicuramente la partecipazione dei cittadini sarà numerosa”



INFORMAZIONI PER IL PUBBLICO:
ASCOM Carmagnola  Tel. 011 9720295 – Cell. 3358045842  - E Mail  - carmagnola@ascomtorino.it

UFFICIO STAMPA Lp Press
Luigi Piga - Cell. 3480420650
Email. luigipiga@lp-press.com

]]>
CS OH, creazioni finali terzo anno FLIC Scuola di Circo Thu, 23 May 2019 17:05:21 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/559318.html http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/559318.html LP Press LP Press Buongiorno,
le fotografie in allegato le disponiamo anche in risoluzione maggiore.
Grazie per il tempo e lo spazio che ci potrete dedicare. Gigi Piga


COMUNICATO STAMPA

OH
Progetti artistici finali degli allievi iscritti al terzo anno della FLIC Scuola di Circo di Torino


7 e 8 giugno 2019 – ore 21:30
Spazio FLIC, via Niccolò Paganini 0/200, Torino

Biglietti euro 10,00 intero e euro 5 ridotto
Informazioni per il pubblico e prenotazioni allo 011530217 o scrivendo a booking@flicscuolacirco.it 
www.flicscuolacirco.it


Il Terzo anno di ricerca artistica individuale è il corso riservato a ragazzi con una buona preparazione di base, ideato per aiutarli a realizzare un loro progetto artistico di alta qualità.
Gli allievi sono 17, provengono da Argentina, Australia, Brasile, Cile, Francia, Germania, Italia, Messico, Uruguay e presentano i loro progetti artistici finali singolarmente o in coppia, in due serate in cui si potrà ammirare il risultato di un intenso anno di scuola di circo contemporaneo.
Tra gli attrezzi e le tecniche utilizzate ci sono acrobatica, equilibrismo, cerchio e corda aerea, giocoleria, hula hoop, mano a mano, roue Cyr, palo cinese, trapezio e verticalismo.



Le stagioni di spettacolo della FLIC Scuola di Circo terminano sempre dedicando ampio spazio agli allievi, attraverso la presentazione di creazioni personali e di spettacoli di fine corso diretti da registi di grande esperienza.

Venerdì 7 e sabato 8 giugno 2019 vengono presentate due serate dal titolo OH con le presentazioni dei progetti artistici finali degli allievi iscritti al terzo anno, il corso riservato a ragazzi con una buona preparazione di base e ideato per aiutarli a realizzare un loro progetto artistico di alta qualità.
Le creazioni vengono presentate alle ore 21:30 nello Spazio FLIC di via Niccolò Paganini 0/200 a Torino (ingresso euro 10 intero, euro 5 ridotto) in due eventi nei quali si potrà ammirare il risultato di un intenso anno di scuola di circo contemporaneo svolto da 17 ragazzi giunti a Torino da diverse parti del mondo e dell’Italia per continuare a coltivare il loro sogno: diventare artisti professionisti nel settore del circo contemporaneo o dello spettacolo dal vivo in genere.

L’obiettivo di tutti i docenti che hanno contribuito alla formazione di questo gruppo è stato quello di integrare il patrimonio artistico già in possesso dei ragazzi con le competenze che sono riusciti ad apprendere, o a migliorare, nell’anno intensivo di lavoro.
Per i ragazzi si tratta di lavorare molto sulla struttura globale della performance con l’obiettivo di apprendere le basi di un processo di creazione nell’ambito delle arti circensi e di esprimere la loro sensibilità ed il loro sguardo sul mondo attraverso la loro arte. Le creazioni di fine corso si pongono anche l’obiettivo di fornire agli allievi un’ulteriore possibilità di sperimentare in maniera professionale le tre fasi in cui si articola uno spettacolo circense - la ricerca, la creazione e la messa in scena – insieme al cast della FLIC composto da docenti, registi, coreografi, scenografi e tecnici.

Tra gli attrezzi e le tecniche utilizzate dai ragazzi del terzo anno ci sono acrobatica, equilibrismo, cerchio e corda aerea, giocoleria, hula hoop, mano a mano, roue Cyr, palo cinese, trapezio e verticalismo.

Gli allievi sono 17, provengono da Argentina, Australia, Brasile, Cile, Francia, Germania, Italia, Messico, Uruguay e presentano i loro progetti artistici finali singolarmente o in coppia (mano a mano).

QUESTI DI SEGUITO SONO I LORO NOMI, CON SPECIALITA' E PAESE DI ORIGINE:
- Elia Bruno - roue cyr – Italia (Cuneo),
- Stefano Nicolas Camerati De La Barra - corda aerea - Cile,
- Vittorio Catelli Lasagni - palo cinese - Italia (Emilia),
- Maria Florencia De Simone - corda aerea - Argentina,
- Simone Di Biagio - giocoleria - Italia (Roma),
- Viola Dix – equilibrismo con rola bola - Germania,
- Fabricio Fernandez Rodino - mano a mano- Uruguay,
- Ambar Giselle Isopi Urtubia - cerchio aereo - Cile,
- Loana Nataly La Rosa Corbalan - mano a mano - Uruguay,
- Lucia Melisa Mayo - trapezio - Argentina,
- Andrea Satie Nohara - verticalismo - Brasile,
- Gustavo Antonio Pereyra Castaneda - verticalismo e hula hoop - Messico,
- Benjamin Prince - mano a mano - Australia,
- Luca Sartor - palo cinese - Italia (Veneto),
- Madelaine Sherry - mano a mano - Australia,
- Joanna Van Schrick - roue cyr - Francia
- Donatella Zaccagnino - corda aerea - Italia (Basilicata)

IL “TERZO ANNO DI RICERCA ARTISTICA INDIVIDUALE”
Il programma pedagogico del 3° anno attende la scrittura e creazione di un progetto personale. L’allenamento è strutturato seguendo una linea più autonoma rispetto al biennio, tuttavia si continua il lavoro di base di preparazione fisica e di studio delle varie materie quali l’acrobatica, la danza, l’attore di circo e la propria disciplina circense. La partecipazione al terzo anno non implica necessariamente l’aver frequentato il biennio formativo, si rivolge a coloro che hanno già iniziato a lavorare su un progetto personale e che intendono svilupparlo in maniera professionale sotto la guida di docenti esperti.



INFORMAZIONI DI APPROFONDIMENTO SULL’ORGANIZZAZIONE E SUGLI SPAZI

LA FLIC SCUOLA DI CIRCO
Progetto della Reale Società Ginnastica di Torino avviato nel 2002, la FLIC è diventata in pochi anni una delle scuole di circo contemporaneo più rinomate d’Europa. Recentemente ha ottenuto il miglior punteggio in assoluto da parte del Mibac tra i progetti di formazione circense presentati per l’assegnazione del FUS ed ha vinto il bando “Artisti nei territori” per le residenze artistiche promosse da Regione Piemonte.
In questa stagione gli allievi FLIC sono 81, hanno età comprese tra i 18 e i 31 anni e provengono per il 65% dall’estero, di cui più della metà da paesi extra-europei. Compresa l’Italia, con ragazzi di diverse regioni, gli allievi giungono da 22 diverse nazioni: Argentina, Australia, Belgio, Brasile, Cile, Canada, Colombia, Danimarca, Ecuador, Francia, Germania, Grecia, Inghilterra, Israele, Italia, Lituania, Messico, Serbia, Spagna, Svizzera, Uruguay e USA.

LA REALE SOCIETÀ GINNASTICA
La Reale Società Ginnastica, società sportiva più antica d’Italia che il 17 marzo 2019 ha festeggiato i suoi 175 anni di attività, ha sede in via Magenta 11 a Torino in una storica palazzina di 2500 mq.
Edificata nel 1851 su progetto dell'ing. Domenico Regis, la struttura consta di 9 palestre distribuite su quattro piani, dispone di una grande dotazione di attrezzature all’avanguardia e recentemente si è rinnovata il look, sia all’interno che all’esterno, con nuove decorazioni e pannellature riportanti bellissime immagini artistiche sulla sua storia, risaltate su via Magenta e via Massena da una apposita illuminazione notturna.

LO SPAZIO FLIC
Lo Spazio FLIC è il nuovo spazio che la Reale Società Ginnastica ha dedicato al progetto FLIC scuola di circo dall’inizio del 2016 per sviluppare l’attività di formazione ma anche attività di produzione e creazione artistica, situato in un ex hangar industriale del quartiere periferico Barriera di Milano, all’interno dell’area denominata Bunker, un tempo sede dello Scalo Ferroviario Vanchiglia dismesso dagli anni Ottanta, esempio vivo di recupero di spazi industriali dismessi e loro declinazione in chiave artistico culturale e sportiva.
Lo Spazio è un open space di 700mq, dotato di tutti i confort e di tutte le attrezzature necessarie all’allenamento di numerose discipline  quali tecniche aeree, trapezio e corda ballant, palo cinese, equilibrismo, ruota tedesca, giocoleria, roue Cyr, verticali e mano a mano.


Ufficio Stampa Lp Press
Luigi Piga – cell. 3480420650
Email:  luigipiga@lp-press.com

]]>
CS Libro Società Ginnastica al Circolo dei Lettori Mon, 20 May 2019 10:20:59 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/557340.html http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/557340.html LP Press LP Press COMUNICATO STAMPA
con gentile richiesta di pubblicazione e/o diffusione

PRESENTAZIONE DEL LIBRO “REALE SOCIETÀ GINNASTICA DI TORINO 1844-2019” AL CIRCOLO DEI LETTORI DI TORINO

23 maggio 2019 alle ore 21:00
Circolo dei Lettori, Via Giambattista Bogino 9, TORINO
Ingresso libero

Il libro realizzato e presentato in occasione del 175° anniversario della Reale Società Ginnastica di Torino, celebrato il 17 marzo scorso, viene presentato al Circolo dei Lettori di Torino con la presenza dei due autori Fabrizio Turco e Antonella Beggiato, del presidente Emanuele Lajolo di Cossano e di Mauro Berruto, commissario tecnico della Nazionale Italiana di Pallavolo dal 2010 al 2015.
La società sportiva più antica del nostro Paese, fondata esattamente 17 anni prima dell’Unità d’Italia (17 marzo 1861), viene raccontata da questo volume storico-fotografico edito da Priuli & Verlucca con l’utilizzo di bellissime e rare immagini d’epoca



Il 17 marzo 2019 si è celebrato il 175° anniversario della Reale Società Ginnastica di Torino, fondata il 17 marzo 1844, esattamente 17 anni prima della proclamazione dell’Unità d’Italia avvenuta il 17 marzo 1861.

Per questa speciale ricorrenza è stato realizzato e presentato “Reale Società Ginnastica di Torino 1844-2019”, volume storico-fotografico edito da Priuli & Verlucca, che verrà presentato nuovamente il 23 maggio 2019 alle ore 21:00 al Circolo dei Lettori di Torino (via Giambattista Bogino 9) ad ingresso libero.

Sul piano sportivo e agonistico La Reale Società Ginnastica è stata insignita dal C.O.N.I. della Stella e del Collare d’Oro al merito sportivo, ha vinto 7 medaglie d’oro alle Olimpiadi, 14 medaglie d’oro ai Campionati Europei ed altri titoli internazionali, oltre 150 Scudetti Tricolore, tra cui quello vinto nel rugby (unico nella storia dello sport piemontese) ed ha partecipato, 121 anni fa, al primo campionato italiano di calcio che disputò l’8 maggio 1898 al Velodromo Umberto I di Torino insieme alle squadre F.C. Torinese, Internazionale e Genoa.

Il libro racconta i 175 anni di storia di questo grande progetto, dalle guerre risorgimentali ai giorni nostri, con bellissime immagini di archivio e con testi del giornalista Fabrizio Turco per ciò che riguarda la storia della Società e di Antonella Beggiato per la più recente storia della FLIC Scuola di Circo.
Durante gli interventi dei due autori, del presidente della Reale Società Ginnastica Emanuele Lajolo di Cossano e di Mauro Berruto, commissario tecnico della Nazionale Italiana di Pallavolo dal 2010 al 2015, verranno proiettate le bellissime fotografie contenute nel volume ed alcuni brevi video.

Il libro mette in risalto, oltre all’aspetto prettamente sportivo, diverse curiosità, cenni storici ed eventi che legano inscindibilmente la storia di questa Società alla storia dello sport, ma anche alla storia della Città di Torino, dell’intera Nazione e dello sviluppo del nostro tessuto sociale.

Il racconto non poteva non partire dalla felice intuizione di Rodolfo Obermann di costituire una “società libera di ginnasti”. Torino era allora capitale del Regno di Sardegna e la società sportiva più antica del nostro Paese fu fondata dallo svizzero Obermann, dal conte Ernesto Ricardi di Netro e da altre illustri personalità torinesi.
Obermann era un ginnasta di Zurigo molto famoso che fu chiamato in Italia appositamente dal Generale Cesare Saluzzo, su ordine del Re Carlo Alberto di Savoia, allo scopo di insegnare la ginnastica agli allievi dell'Accademia Militare. Da quel momento la Società Ginnastica, che acquisirà il titolo di "Reale" nel 1933 per volere di Vittorio Emanuele III, ha dato inizio alla pratica sportiva nel nostro Paese e a 175 anni di storia costellati di partecipazioni e vittorie ad alcuni tra i più importanti avvenimenti sportivi, nazionali e internazionali.

Procedendo nella lettura si trovano informazioni sul logo concesso dal Re Carlo Alberto, con motto e sigillo di Amedeo VI di Savoia (il Conte Verde) raffigurante un leone con cimiero e la scritta “je atans mo anstre” (tendo al mio astro), ancora oggi ben visibile sullo scudo nell'atrio di via Magenta e sul frontone d'ingresso.

Si racconta poi della prima sede nella palazzina di Villa Glicini al Parco del Valentino e del passaggio nel 1866 all’attuale palazzina, edificata nel 1851 su progetto dell'ing. Domenico Regis nella strada che allora si chiamava Contrada delle Ginnastica, del decisivo impegno profuso per l’introduzione della ginnastica obbligatoria nelle scuole nel 1878 grazie alla dedizione del ministro della pubblica istruzione Francesco De Sanctis, socio della Società Ginnastica, del lavoro per la predisposizione dei programmi ufficiali di educazione fisica e del ruolo svolto sul piano sociale per l’ammissione della donna nel mondo dell’attività fisica con la fondazione della Scuola Magistrale Femminile nel 1866 grazie all’impegno del presidente Ernesto Riccardo di Netro.

Nella parte curata da Fabrizio Turco trovano ancora spazio il romanzo “Amore e Ginnastica” che Edmondo De Amicis le dedicò nel 1892, della nascita dell’ISEF, del canottaggio, del calcio, del rugby, dello scherma e del basket, del legame con Gabriele D’Annunzio (del quale in Società è custodita una fotografia autografata) e con altri uomini illustri, fino alla storia più recente con i successi nazionali e internazionali di vari atleti tra i quali Veronica Servente nella ginnastica artistica (medaglia d’oro nel volteggio ai Giochi del Mediterraneo del 1993, partecipazione alle Olimpiadi di Barcellona nel 1992 entrando nella storia come la più giovane atleta italiana alle Olimpiadi) e Claudio Zanoni con numerosi titoli europei e italiani nello Iaido.

L’ultima parte del libro è dedicata ai giovani e promettenti atleti di oggi e alla FLIC Scuola di Circo, diventata in pochi anni una realtà importante e stimata in ambito internazionale.
Progetto della Reale Società Ginnastica di Torino avviato nel 2002, la FLIC è diventata in pochi anni una delle scuole di circo contemporaneo più rinomate d’Europa. Recentemente ha ottenuto il miglior punteggio in assoluto da parte del Mibac tra i progetti di formazione circense presentati per l’assegnazione del FUS ed ha vinto il bando “Artisti nei territori” per le residenze artistiche promosse da Regione Piemonte.
In questa stagione gli allievi FLIC sono 81, hanno età comprese tra i 18 e i 31 anni e provengono per il 65% dall’estero, di cui più della metà da paesi extra-europei. Compresa l’Italia, con ragazzi di diverse regioni, gli allievi giungono da 22 diverse nazioni: Argentina, Australia, Belgio, Brasile, Cile, Canada, Colombia, Danimarca, Ecuador, Francia, Germania, Grecia, Inghilterra, Israele, Italia, Lituania, Messico, Serbia, Spagna, Svizzera, Uruguay e USA.

Ufficio Stampa Lp Press
Luigi Piga - mob. 3480420650
Email: luigipiga@lp-press.com

]]>
CS 70^ Fiera Nazionale del Peperone di Carmagnola - Un colorato mondo di sapori ed eventi con una mostra speciale per i 70 anni Fri, 17 May 2019 12:30:19 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/556618.html http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/556618.html LP Press LP Press Buongiorno,
inviamo le prime informazioni sulla 70^ Fiera del Peperone di Carmagnola.
Grazie per il tempo e lo spazio che ci potrete dedicare


COMUNICATO STAMPA
con gentile richiesta di pubblicazione e/o diffusione


FIERA NAZIONALE DEL PEPERONE
“Peperò” | 70^ edizione

dal 30 agosto all’8 settembre 2019 a Carmagnola (TO)
Tutti gli eventi sono gratuiti tranne le cene e le degustazioni del Salone Antichi Bastioni
www.fieradelpeperone.it


Arriva al prestigioso traguardo dei 70 anni la Fiera Nazionale del Peperone di Carmagnola, la più grande manifestazione fieristica italiana dedicata a un prodotto agricolo che propone 10 giorni di eventi gastronomici, culturali ed artistici per tutti i sensi e per tutte le età.
Ci sarà “Il Foro Festival”, evento collaterale con concerti di artisti di fama nazionale in una grande arena allestita per 5000 spettatori, teatro e cabaret, l’Accademia San Filippo con talk food, seminari d’assaggio e show-cooking con il giornalista Paolo Massobrio, la storica Piazza dei Sapori, una grande vetrina dei prodotti e delle attività del territorio, cene e degustazioni a tema, iniziative solidali, area bimbi, mostre, convegni, la grande rassegna commerciale e altro ancora…



Dal 30 agosto all’8 settembre 2019 si svolge la 70^ edizione della “Fiera Nazionale del Peperone di Carmagnola - Peperò”, una delle più grandi e qualificate manifestazioni italiane nel settore dell’enogastronomia, la più grande dedicata a un prodotto agricolo, che ogni anno propone 10 giorni di eventi gastronomici, culturali, artistici, sportivi ed esperienze creative e coinvolgenti per tutti i sensi e per tutte le fasce di età.

In un’enorme area espositiva di circa 18.000 mq i visitatori troveranno concerti, teatro e cabaret, la storica Piazza dei Sapori ed altre aree enogastronomiche, la rassegna commerciale con più di 200 espositori, l’Accademia di San Filippo con talk food, seminari d’assaggio, show-cooking e altri eventi con il giornalista Paolo Massobrio, una grande vetrina dei prodotti e delle attività del territorio, la tradizionale Festa di Re Peperone e la Bela Povronera con sfilata di centinaia di personaggi in costumi d’epoca, Bambini in Fiera con attività e spettacoli in un’area dedicata, cene e degustazioni a tema nel Salone Antichi Bastioni, iniziative solidali, mostre, convegni, esibizioni sportive, ecc…

Un importante evento collaterale è “Il Foro Festival”, manifestazione che dallo scorso anno propone concerti con artisti di fama nazionale in una grande arena allestita per accogliere 5000 spettatori all’interno del Foro Boario di Piazza Italia. I concerti saranno a pagamento ed i nomi degli ospiti verranno annunciati entro il mese di giugno.

La Fiera quest’anno festeggia l'importante traguardo dei 70 anni con un premio giornalistico internazionale e con una grande mostra che ripercorre il suo cammino, in una città ricca di storia che offrirà la sua consueta ospitalità in un affascinante e variopinto spettacolo di mercati, iniziative ed eventi.
La partecipazione al premio giornalistico è gratuita, la deadline è fissata al 31 luglio e maggiori informazioni sono reperibili nel sito www.comune.carmagnola.to.it
La mostra verrà inaugurata il 4 luglio nei locali del bellissimo castello che ospita palazzo comunale e sarà fruibile fino a settembre. Nel percorso musivo si potranno conoscere tante curiosità, trovare i manifesti – dal primo ciclostilato della rassegna del 1949 a quello del 1951 disegnato dal pittore Mario Cavazza – vedere uno splendido repertorio fotografico che documenta i 70 anni di questa grande manifestazione popolare e tante ricette, come quelle vagliate nel 1965 dall’allora direttrice de La Cucina Italiana Anna Gosetti della Salda e le idee geniali del ristoratore Renato Dominici che, tra gli anni Novanta e i primi Duemila ideò la Piazza dei Sapori per portare in fiera, accanto al peperone, i migliori prodotti tipici del territorio torinese.

Da nove anni la kermesse viene riconosciuta ufficialmente come Manifestazione Fieristica di Livello Nazionale e nelle ultime edizioni ha registrato un crescente successo con oltre 250.000 visitatori ogni anno e una grande ricaduta economica sul territorio, stimata in 25 milioni di euro negli ultimi 5 anni di rilevazione, dal 2014 al 2018, da una qualificata ricerca universitaria
È anche una delle più grandi manifestazioni urbane in Italia, con vie e piazze che vengono trasformate nell’aspetto e nel nome e con una attenta ricerca sulla qualità e sul legame coi territori che permette di proporre le migliori eccellenze nazionali ed accontentare tutti i gusti.

Per i più piccoli e per le famiglie viene proposto Bambini in Fiera con ampi spazi allestiti nei Giardini Unità d’Italia e con il palco Pepper Magic Show che propone spettacoli ogni sera con teatro, magia, baby dance, ecc…

Tra le iniziative solidali ci saranno cene con ricavato devoluto in beneficenza e l’iniziativa “Carmagnola, la Città, il Mondo”, esposizione di artigianato a cura di associazioni locali per i loro progetti nelle aree più bisognose del mondo.

Tutti gli eventi sono gratuiti tranne le cene e le degustazioni a tema organizzate nel Salone Antichi Bastioni ed i concerti del collaterale “Il Foro Festival”.


I protagonisti principali saranno però, come sempre, il Peperone, la Città di Carmagnola, il gusto e la cucina.

Il Peperone si potrà acquistare e gustare nelle sue quattro note tipologie morfologiche riconosciute dal consorzio dei produttori - il quadrato, il corno di bue, il trottola e il tomaticot- che, raccolti manualmente dalla fine di luglio rispettando un severo disciplinare di produzione, sono apprezzati in tutta Italia per caratteristiche uniche di qualità e genuinità che si prestano alle più svariate preparazioni. Per tradizione, nella prima domenica della Fiera viene organizzato il Concorso Mostra/Mercato del Peperone riservato ai produttori locali con gli eccezionali vincitori che vengono battuti all’asta per beneficenza.
Molti eventi, mostre ed allestimenti puntano a far conoscere e valorizzare il grande patrimonio architettonico e culturale di una città ricca di storia, di mercati e di manifestazioni tradizionali legate alla cultura popolare locale.

Le cene e le degustazioni a tema nel Salone Antichi Bastioni, momenti conviviali con portate raffinate preparate con prodotti di eccellenza del territorio, vengono riproposte sulla scia del successo riscosso nelle ultime due edizioni. Le cene e le degustazioni sono a pagamento e prevedono serate con ricavato da devolvere in beneficenza.

Il Paniere dei prodotti tipici della Provincia di Torino, con una selezione dei migliori produttori locali, sarà nel Salone Fieristico Agroalimentare di Piazza Italia insieme a un’altra novità dell’edizione: una grande vetrina dei prodotti e delle attività del territorio curata dall’Ufficio Agricoltura del Comune in collaborazione con la giornalista Renata Cantamessa, il Consorzio del Peperone, la Coldiretti, la CIA di Torino (Confederazione Italiana Agricoltori), la Società Orticola di Mutuo Soccorso Domenico Ferrero e diverse altre associazioni e ditte del territorio.


CHI ORGANIZZA LA 70^ FIERA NAZIONALE DEL PEPERONE

La Fiera Nazionale del Peperone è organizzata dal Comune di Carmagnola in collaborazione con la Pro Loco.
La gestione e la ricerca degli espositori sono a cura dell’agenzia Totem di Chiavari (GE) che, insieme all’Associazione Nazionale La Compagnia dei Sapori, collabora per il sesto anno al progetto di innovazione della storica manifestazione.



INFORMAZIONI PER IL PUBBLICO:
Ufficio Manifestazioni del Comune - Tel. 011.9724222/270 – cell. 3343040338

UFFICIO STAMPA LP
Luigi Piga - Cell. 3480420650 - Email. luigipiga@lp-press.com

]]>
CS WAY OUT Flic, gli elaborati circensi finali degli allievi iscritti al secondo Thu, 16 May 2019 11:59:21 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/556224.html http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/556224.html LP Press LP Press Con i Way Out si possono vedere i frutti di due intensi anni di scuola di circo contemporaneo riassunti all’interno di brevi e intense creazioni circensi.
Grazie per l'attenzione e lo spazio che ci potrete dedicare. Luigi Piga


COMUNICATO STAMPA
con gentile richiesta di pubblicazione


WAY OUT
I progetti artistici finali degli allievi iscritti al secondo anno del “Corso biennale di formazione per l’artista di circo contemporaneo” curato dalla FLIC Scuola di Circo di Torino


17 e 18 maggio 2019 – ore 21:30
Spazio FLIC, via Niccolò Paganini 0/200, Torino
Biglietti € 10,00 intero e € 5 ridotto
Informazioni per il pubblico e prenotazioni allo 011530217 o scrivendo a booking@flicscuolacirco.it 
www.flicscuolacirco.it


Il frutto di due intensi anni di scuola di circo contemporaneo riassunto all’interno di un elaborato circense.
Gli allievi sono 20, provengono da Belgio, Cile, Francia, Italia, Germania, Israele, Lituania, Svizzera e presentano i loro progetti artistici finali singolarmente o in coppia, ognuno con la propria disciplina, in due serate in cui si potrà ammirare la qualità tecnica e recitativa che hanno sin qui acquisito.



Le stagioni di spettacolo della FLIC Scuola di Circo terminano sempre dedicando ampio spazio agli allievi, attraverso la presentazione di creazioni personali e di spettacoli di fine corso diretti da registi di grande esperienza.
Venerdì 17 e sabato 18 maggio 2019, alle ore 21:30 nello Spazio FLIC di via Niccolò Paganini 0/200 a Torino, vanno in scena i Way Out, le presentazioni dei progetti artistici finali degli allievi iscritti al secondo anno del “Corso biennale di formazione per l’artista di circo contemporaneo”.

I 20 allievi hanno sviluppato i loro elaborati finali in maniera semi-autonoma, cercando un modo proprio di avvicinarsi alla disciplina scelta e costruendo la base di un progetto artistico più ampio che verrà sviluppato in futuro.
Metà degli artisti presenterà le performance il 17 maggio e l’altra metà il 18 maggio, in due serate in cui il frutto di due intensi anni di scuola, svolti in più di 3000 ore di lezione, si vedrà riflesso dentro una creazione circense personale o di coppia. Gli allievi si confrontano con la scena, ognuno con il proprio attrezzo, con la propria tecnica e con il proprio mondo, e il pubblico potrà ammirare la grande qualità acquisita da questi giovani artisti provenienti da diverse parti del mondo.

I 20 ragazzi del secondo anno sono stati scelti tra le oltre 100 richieste pervenute due anni fa, provengono da Belgio, Cile, Francia, Italia, Germania, Israele, Lituania e Svizzera e hanno età comprese tra i 19 e i 24 anni.

QUESTI DI SEGUITO SONO I LORO NOMI CON TITOLO DEL PROGETTO, SPECIALITA' E PAESE DI ORIGINE:
- Lara Brandstetter in "Blow my mind" - trapezio fisso - Grermania,
- Martina Monnicchi in "Mar" - corda aerea - Italia,
- Caroline Mas in "Panorama" - verticali - Francia,
- Alessandro Travelli in "The end" - verticali - Italia,
- Magdalena Hidalgo Witker (Cile) e Nicolas Raphael Moreno (Francia) in "Incidente" - mano a mano
- Costanza Nazal Galanti in “La mia compagnia e la mia solitudine” – acrodanza – Cile,
- Federica Pini Sandrelli in “Furor” - trapezio ballant - Italia,
- Camille Guichard (Francia) e Džiugas Kunsmanas (Lituania) in “In lavoro” – mano a mano,
- Alain Joseph Matthey De L'Endroit in “Indeciso” - sedia acrobatica - Svizzera,
- Cecilia Stock in “Perché in realtà per lei la cosa più difficile non era tenersi in equilibrio, e nemmeno dominare la paura, e tantomeno camminare su quella fune infinita, su quel filo di musica intervallata da vertigini abbacinanti. La cosa più difficile, quando avanzava nella luce del mondo, era di non tramutarsi in fiocco di neve” - corda molle - Germania,
- Jessica Ramon in “Calamità” - palo cinese - Italia,
- Stav Zelniker in “Volare come un piccione nel cielo del Bunker “ - trapezio ballant - Israele,
- Chiara Cardona in”Alterazioni” - verticali - Italia,
- Jef Everaert in “Il cardo Muto” - roue cyr - Belgio,
- Quentin Dubot in “Promesso, è l’ultima” - palo cinese - Francia,
- Marianna Molino in “Rambazamba” - cerchio aereo - Italia,
- Davide Tubertini in “lascia andare” - roue cyr – Italia,
- Elie Chategnier in “Aïn” – Verticali – Francia,
- Giovanni Zuffi in “Giovanni fa cerchio” - cerchio aereo - Italia

IL BIENNIO PROFESSIONALE DELLA FLIC
Il programma di studi del “Corso Biennale di Formazione per l’Artista di Circo Contemporaneo” mira a dare all’allievo una solida formazione sulle materie fondamentali del circo contemporaneo per poi determinare la propria specializzazione e una formazione di base sulle nozioni teoriche che contribuiscono a rendere completa la figura dell’artista. Il Corso si sviluppa in un periodo di due anni, in più di 3000 ore di lezione, ed è basato su un piano di studi consolidato che prevede sette ore di lezione quotidiane, dal lunedì al venerdì a frequenza obbligatoria.
Una parte importante del corso è costituita da stage intensivi di specializzazione della durata di una settimana ognuno, non solo sulle discipline circensi ma anche sulla danza nelle sue forme più contemporanee, sulla recitazione e sulla musica, che vengono periodicamente realizzati con insegnanti altamente qualificati.
Tutti gli allievi hanno anche la possibilità di cimentarsi periodicamente grazie a “Circo in Pillole”, la rassegna tirocinio organizzata per permettere di sviluppare ed allenare la relazione con il pubblico e con il palcoscenico.
Durante il biennio la FLIC dà inoltre la possibilità agli allievi di partecipare a grandi eventi e di entrare nei cast di importanti spettacoli organizzati direttamente dalla Scuola o in collaborazioni con prestigiosi teatri, fondazioni, registi e professionisti dello spettacolo dal vivo.
In aggiunta al corso biennale la FLIC propone in ogni stagione anche il “Terzo anno di Ricerca Artistica Individuale”, dedicato alla realizzazione del proprio progetto artistico, e l’anno propedeutico chiamato “Mise à Niveau”, dedicato alla preparazione tecnico artistica di ragazzi non ancora pronti ad affrontare un percorso professionale



NEL CS ALLEGATO TROVATE ANCHE INFORMAZIONI DI APPROFONDIMENTO SULLA FLIC E SULLO SPAZIO FLIC

Ufficio Stampa Lp Press
Luigi Piga – cell. 3480420650
Email:  luigipiga@lp-press.com

]]>
CS Libro Reale Società Ginnastoca il 23 maggio al Circolo dei Lettori Wed, 15 May 2019 09:30:30 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/555833.html http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/555833.html LP Press LP Press COMUNICATO STAMPA
con gentile richiesta di pubblicazione e/o diffusione

PRESENTAZIONE DEL LIBRO “REALE SOCIETÀ GINNASTICA DI TORINO 1844-2019” AL CIRCOLO DEI LETTORI DI TORINO

23 maggio 2019 alle ore 21:00
Circolo dei Lettori, Via Giambattista Bogino 9, TORINO
Ingresso libero

Il libro realizzato e presentato in occasione del 175° anniversario della Reale Società Ginnastica di Torino, celebrato il 17 marzo scorso, viene presentato al Circolo dei Lettori di Torino con la presenza dei due autori Fabrizio Turco e Antonella Beggiato, del presidente Emanuele Lajolo di Cossano e di Mauro Berruto, commissario tecnico della Nazionale Italiana di Pallavolo dal 2010 al 2015.
La società sportiva più antica del nostro Paese, fondata esattamente 17 anni prima dell’Unità d’Italia (17 marzo 1861), viene raccontata da questo volume storico-fotografico edito da Priuli & Verlucca con l’utilizzo di bellissime e rare immagini d’epoca



Il 17 marzo 2019 si è celebrato il 175° anniversario della Reale Società Ginnastica di Torino, fondata il 17 marzo 1844, esattamente 17 anni prima della proclamazione dell’Unità d’Italia avvenuta il 17 marzo 1861.

Per questa speciale ricorrenza è stato realizzato e presentato “Reale Società Ginnastica di Torino 1844-2019”, volume storico-fotografico edito da Priuli & Verlucca, che verrà presentato nuovamente il 23 maggio 2019 alle ore 21:00 al Circolo dei Lettori di Torino (via Giambattista Bogino 9) ad ingresso libero.

Sul piano sportivo e agonistico La Reale Società Ginnastica è stata insignita dal C.O.N.I. della Stella e del Collare d’Oro al merito sportivo, ha vinto 7 medaglie d’oro alle Olimpiadi, 14 medaglie d’oro ai Campionati Europei ed altri titoli internazionali, oltre 150 Scudetti Tricolore, tra cui quello vinto nel rugby (unico nella storia dello sport piemontese) ed ha partecipato, 121 anni fa, al primo campionato italiano di calcio che disputò l’8 maggio 1898 al Velodromo Umberto I di Torino insieme alle squadre F.C. Torinese, Internazionale e Genoa.

Il libro racconta i 175 anni di storia di questo grande progetto, dalle guerre risorgimentali ai giorni nostri, con bellissime immagini di archivio e con testi del giornalista Fabrizio Turco per ciò che riguarda la storia della Società e di Antonella Beggiato per la più recente storia della FLIC Scuola di Circo.
Durante gli interventi dei due autori, del presidente della Reale Società Ginnastica Emanuele Lajolo di Cossano e di Mauro Berruto, commissario tecnico della Nazionale Italiana di Pallavolo dal 2010 al 2015, verranno proiettate le bellissime fotografie contenute nel volume ed alcuni brevi video.

Il libro mette in risalto, oltre all’aspetto prettamente sportivo, diverse curiosità, cenni storici ed eventi che legano inscindibilmente la storia di questa Società alla storia dello sport, ma anche alla storia della Città di Torino, dell’intera Nazione e dello sviluppo del nostro tessuto sociale.

Il racconto non poteva non partire dalla felice intuizione di Rodolfo Obermann di costituire una “società libera di ginnasti”. Torino era allora capitale del Regno di Sardegna e la società sportiva più antica del nostro Paese fu fondata dallo svizzero Obermann, dal conte Ernesto Ricardi di Netro e da altre illustri personalità torinesi.
Obermann era un ginnasta di Zurigo molto famoso che fu chiamato in Italia appositamente dal Generale Cesare Saluzzo, su ordine del Re Carlo Alberto di Savoia, allo scopo di insegnare la ginnastica agli allievi dell'Accademia Militare. Da quel momento la Società Ginnastica, che acquisirà il titolo di "Reale" nel 1933 per volere di Vittorio Emanuele III, ha dato inizio alla pratica sportiva nel nostro Paese e a 175 anni di storia costellati di partecipazioni e vittorie ad alcuni tra i più importanti avvenimenti sportivi, nazionali e internazionali.

Procedendo nella lettura si trovano informazioni sul logo concesso dal Re Carlo Alberto, con motto e sigillo di Amedeo VI di Savoia (il Conte Verde) raffigurante un leone con cimiero e la scritta “je atans mo anstre” (tendo al mio astro), ancora oggi ben visibile sullo scudo nell'atrio di via Magenta e sul frontone d'ingresso.

Si racconta poi della prima sede nella palazzina di Villa Glicini al Parco del Valentino e del passaggio nel 1866 all’attuale palazzina, edificata nel 1851 su progetto dell'ing. Domenico Regis nella strada che allora si chiamava Contrada delle Ginnastica, del decisivo impegno profuso per l’introduzione della ginnastica obbligatoria nelle scuole nel 1878 grazie alla dedizione del ministro della pubblica istruzione Francesco De Sanctis, socio della Società Ginnastica, del lavoro per la predisposizione dei programmi ufficiali di educazione fisica e del ruolo svolto sul piano sociale per l’ammissione della donna nel mondo dell’attività fisica con la fondazione della Scuola Magistrale Femminile nel 1866 grazie all’impegno del presidente Ernesto Riccardo di Netro.

Nella parte curata da Fabrizio Turco trovano ancora spazio il romanzo “Amore e Ginnastica” che Edmondo De Amicis le dedicò nel 1892, della nascita dell’ISEF, del canottaggio, del calcio, del rugby, dello scherma e del basket, del legame con Gabriele D’Annunzio (del quale in Società è custodita una fotografia autografata) e con altri uomini illustri, fino alla storia più recente con i successi nazionali e internazionali di vari atleti tra i quali Veronica Servente nella ginnastica artistica (medaglia d’oro nel volteggio ai Giochi del Mediterraneo del 1993, partecipazione alle Olimpiadi di Barcellona nel 1992 entrando nella storia come la più giovane atleta italiana alle Olimpiadi) e Claudio Zanoni con numerosi titoli europei e italiani nello Iaido.

L’ultima parte del libro è dedicata ai giovani e promettenti atleti di oggi e alla FLIC Scuola di Circo, diventata in pochi anni una realtà importante e stimata in ambito internazionale.
Progetto della Reale Società Ginnastica di Torino avviato nel 2002, la FLIC è diventata in pochi anni una delle scuole di circo contemporaneo più rinomate d’Europa. Recentemente ha ottenuto il miglior punteggio in assoluto da parte del Mibac tra i progetti di formazione circense presentati per l’assegnazione del FUS ed ha vinto il bando “Artisti nei territori” per le residenze artistiche promosse da Regione Piemonte.
In questa stagione gli allievi FLIC sono 81, hanno età comprese tra i 18 e i 31 anni e provengono per il 65% dall’estero, di cui più della metà da paesi extra-europei. Compresa l’Italia, con ragazzi di diverse regioni, gli allievi giungono da 22 diverse nazioni: Argentina, Australia, Belgio, Brasile, Cile, Canada, Colombia, Danimarca, Ecuador, Francia, Germania, Grecia, Inghilterra, Israele, Italia, Lituania, Messico, Serbia, Spagna, Svizzera, Uruguay e USA.

Ufficio Stampa Lp Press
Luigi Piga - mob. 3480420650
Email: luigipiga@lp-press.com

]]>
CS Vindicta Carmagnolensis - 1 e 2 giugno manifestazione storica a Carmagnola Tue, 14 May 2019 11:23:14 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/555778.html http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/555778.html LP Press LP Press COMUNICATO STAMPA
con gentile richiesta di pubblicazione


VINDICTA CARMAGNOLENSIS – La storia secondo noi…
Manifestazione storica con sfilate in costumi d’epoca, sbandieratori e rappresentazione teatrale

II edizione - 1 e 2 giugno 2019
nel centro storico di CARMAGNOLA (TO) | Evento gratuito

sabato 1° giugno
- ore 21:00 Sfilata in costumi d’epoca nelle vie del centro storico
- ore 21:30 Rappresentazione teatrale “L’esodo da Carmagnola” nel Cortile del Municipio

domenica 2 giugno
- ore 15:30 Sfilata in costumi d’epoca nelle vie del centro storico
- ore 16:30 Esibizione sbandieratori di Villastellone in Piazza Sant’Agostino
- ore 17:00 Gioco de “La Vendetta” in Piazza Sant’Agostino

Seconda edizione della manifestazione storica che affonda le radici nelle vicende di Francesco Bussone, meglio conosciuto come “Il Conte Carmagnola”, costruendo un’immaginaria vendetta della sua uccisione con una grande rappresentazione teatrale ed il divertente gioco del “dunk tunk”, proponendo anche sfilate di decine di fuguranti in costumi d’epoca e spettacolari esibizioni di sbandieratori.



Sabato 1 e domenica 2 giugno 2019 si svolge nel centro storico di Carmagnola la seconda edizione di “VINDICTA CARMAGNOLENSIS – La storia secondo noi…”, manifestazione storica organizzata dall’Ufficio Manifestazioni del Comune di Carmagnola in collaborazione con la Pro Loco, il Gruppo Teatro Carmagnola, l’associazione 7DSenior e il Gruppo Palio Borgo San Giovanni.

La Vindicta Carmagnolensis affonda le proprie radici nelle vicende di Francesco Bussone, meglio conosciuto come “Il Conte Carmagnola”, celebre personaggio carmagnolese che nel 1432 venne giustiziato a Venezia, accusato di tradimento dal Senato del Doge.  A partire da questo evento storico, la manifestazione propone sfilate in costumi d’epoca e un’esibizione degli sbandieratori di Villastellone, con una rappresentazione teatrale intitolata “L’esodo da Carmagnola” ed il gioco “dunk tunk” che costruiscono un’immaginaria vendetta dell’uccisione del Conte.

Questa la trama dell’immaginaria ricostruzione:
Il Marchese Ludovico II nel 1479 aveva ulteriormente inasprito le tasse per finanziare le opere di consolidamento dei bastioni, delle fortificazioni e delle mura della città, ed i carmagnolesi, diventati sempre più poveri, decisero di abbandonare la Carmagnola, rifugiandosi presso le antiche mura del Molinasso.
Per riconquistare i carmagnolesi e cercare farli tornare in città, concede loro la possibilità di uccidere un suo prigioniero, membro del Consiglio dei Dieci di Venezia, responsabili della decapitazione del Carmagnola.
I carmagnolesi decidono di non giustiziare il consigliere veneziano, ma piuttosto di schernirlo e sbeffeggiarlo in pubblica piazza, ottenendo così la loro vendetta per la tragica sorte del loro concittadino.


La rappresentazione teatrale “L’esodo da Carmagnola”, a cura di Gruppo Teatro Carmagnola, associazione 7DSenior e Gruppo Palio Borgo San Giovanni, mette in scena questa trama insieme ad altre vicende, come quelle di Guiduccio, cavaliere del Marchese imprigionato nelle segrete del castello, del giovane Federico, minacciato di morte da un energumeno, e della bella Matilde, sposa e madre felice che, insidiata dalle attenzioni di un cavaliere falsamente convinto dell'irresistibilità del proprio fascino, rischia il disonore.

La Vendetta Carmagnolese si consumerà domenica 2 giugno, ultimo evento della manifestazione in programma dalle ore 17 in Piazza Sant’Agostino, con i vendicatori che cercheranno di far cadere il consigliere veneziano nella vasca piena d’acqua di un “dunk tunk”, gioco nel quale si fa cascare il malcapitato in una tinozza colpendo con una pallina un bersaglio che fa aprire la botola sulla quale è seduto.
I vendicatori, rappresentanti dei borghi San Giovanni, Castello, Salsasio, San Bernardo, San Michele e Santa Rita, cominceranno a scagliare le loro palline da una distanza di venti metri che si ridurrà gradualmente sino al raggiungimento dell’obiettivo.


La manifestazione intende quindi simulare, in maniera divertente, l’episodio immaginario della “vendetta dei carmagnolesi” attraverso l’umiliazione del senatore veneziano in pubblica piazza.
L’intenzione dell’amministrazione comunale è quella di recuperare la tradizione e la memoria storica di alcuni eventi, seppur con una buona dose di fantasia, per riscoprire il senso di appartenenza alle radici storiche della Città.

L’Assessore Massimiliano Pampaloni dichiara: “La Vindicta Carmagnolensis è un simpatico sfottò nei confronti di Venezia che oltraggiò la nostra città giustiziando il Bussone nel 1432: si manda a fare un bagno uno dei Senatori veneziani che condannò a morte il condottiero tramite un gioco di abilità. Sarà divertente vedere insieme quale Borgo “vendicherà” il condottiero Francesco Bussone quest’anno”.


IL PROGRAMMA DELLE DUE GIORNATE
Sabato 1° giugno la manifestazione inizierà alle ore 21 con una grande sfilata di numerosi figuranti in costumi d’epoca che partirà dalla Società Operaia di Mutuo Soccorso "Francesco Bussone", in via Valobra 143, e proseguirà in Piazza Garavella, Via Santorre di Santarosa, Via Bobba e ai Giardini del Castello, per terminare alle ore 21:30 nel Cortile del Municipio dove avrà inizio larappresentazione teatrale “L’esodo da Carmagnola”.
Domenica 2 giugno la sfilata in costumi d’epoca sarà più lunga, inizierà alle ore 15:30 dal Cortile del Municipio e proseguirà in Via Bobba, Viale Garibaldi, Via Dante, Viale Ex Internati, Piazza Martiri e Via Valobra, terminando alle ore 16:30 in Piazza Sant’Agostino, dove avrà inizio l’esibizione degli sbandieratori di Villastellone e alle ore 17 il gioco finale della Vindicta Carmagnolensis con il "dunk tunk".


LE TAVERNE - PUNTI RISTORO CON PIATTI TIPICI DELLA CUCINA PIEMONTESE

In occasione della manifestazione il centro storico Città di Carmagnola diventerà un grande ristorante sotto le stelle grazie ai punti di ristorazione chiamati “Taverne”,  dove si potranno degustare piatti tipici della cucina piemontese.



INFORMAZIONI PER IL PUBBLICO:
Ufficio Manifestazioni del Comune di Carmagnola
Tel. 011.9724222/270 – cell. 3343040338  -  Email  cultura@comune.carmagnola.to.it


UFFICIO STAMPA LP PRESS
Luigi Piga - Cell. 3480420650
Email. luigipiga@lp-press.com

]]>
CS WAY OUT - Elaborati circensi finali alla FLIC Scuola di Circo Tue, 14 May 2019 10:29:21 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/555619.html http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/555619.html LP Press LP Press Buongiorno,
inviamo informazioni sulle creazioni che gli allievi del secondo anno della FLIC presentano al termine del loro percorso biennale.
Grazie per l'attenzione che ci potrete dedicare. Luigi Piga


COMUNICATO STAMPA
con gentile richiesta di pubblicazione


WAY OUT
I progetti artistici finali degli allievi iscritti al secondo anno del “Corso biennale di formazione per l’artista di circo contemporaneo” curato dalla FLIC Scuola di Circo di Torino


17 e 18 maggio 2019 – ore 21:30
Spazio FLIC, via Niccolò Paganini 0/200, Torino
Biglietti € 10,00 intero e € 5 ridotto
Informazioni per il pubblico e prenotazioni allo 011530217 o scrivendo a booking@flicscuolacirco.it 
www.flicscuolacirco.it


Il frutto di due intensi anni di scuola di circo contemporaneo riassunto all’interno di un elaborato circense.
Gli allievi sono 20, provengono da Belgio, Cile, Francia, Italia, Germania, Israele, Lituania, Svizzera e presentano i loro progetti artistici finali singolarmente o in coppia, ognuno con la propria disciplina, in due serate in cui si potrà ammirare la qualità tecnica e recitativa che hanno sin qui acquisito.



Le stagioni di spettacolo della FLIC Scuola di Circo terminano sempre dedicando ampio spazio agli allievi, attraverso la presentazione di creazioni personali e di spettacoli di fine corso diretti da registi di grande esperienza.
Venerdì 17 e sabato 18 maggio 2019, alle ore 21:30 nello Spazio FLIC di via Niccolò Paganini 0/200 a Torino, vanno in scena i Way Out, le presentazioni dei progetti artistici finali degli allievi iscritti al secondo anno del “Corso biennale di formazione per l’artista di circo contemporaneo”.

I 20 allievi hanno sviluppato i loro elaborati finali in maniera semi-autonoma, cercando un modo proprio di avvicinarsi alla disciplina scelta e costruendo la base di un progetto artistico più ampio che verrà sviluppato in futuro.
Metà degli artisti presenterà le performance il 17 maggio e l’altra metà il 18 maggio, in due serate in cui il frutto di due intensi anni di scuola, svolti in più di 3000 ore di lezione, si vedrà riflesso dentro una creazione circense personale o di coppia. Gli allievi si confrontano con la scena, ognuno con il proprio attrezzo, con la propria tecnica e con il proprio mondo, e il pubblico potrà ammirare la grande qualità acquisita da questi giovani artisti provenienti da diverse parti del mondo.

I 20 ragazzi del secondo anno sono stati scelti tra le oltre 100 richieste pervenute due anni fa, provengono da Belgio, Cile, Francia, Italia, Germania, Israele, Lituania e Svizzera e hanno età comprese tra i 19 e i 24 anni.

QUESTI DI SEGUITO SONO I LORO NOMI CON TITOLO DEL PROGETTO, SPECIALITA' E PAESE DI ORIGINE:
- Lara Brandstetter in "Blow my mind" - trapezio fisso - Grermania,
- Martina Monnicchi in "Mar" - corda aerea - Italia,
- Caroline Mas in "Panorama" - verticali - Francia,
- Alessandro Travelli in "The end" - verticali - Italia,
- Magdalena Hidalgo Witker (Cile) e Nicolas Raphael Moreno (Francia) in "Incidente" - mano a mano
- Costanza Nazal Galanti in “La mia compagnia e la mia solitudine” – acrodanza – Cile,
- Federica Pini Sandrelli in “Furor” - trapezio ballant - Italia,
- Camille Guichard (Francia) e Džiugas Kunsmanas (Lituania) in “In lavoro” – mano a mano,
- Alain Joseph Matthey De L'Endroit in “Indeciso” - sedia acrobatica - Svizzera,
- Cecilia Stock in “Perché in realtà per lei la cosa più difficile non era tenersi in equilibrio, e nemmeno dominare la paura, e tantomeno camminare su quella fune infinita, su quel filo di musica intervallata da vertigini abbacinanti. La cosa più difficile, quando avanzava nella luce del mondo, era di non tramutarsi in fiocco di neve” - corda molle - Germania,
- Jessica Ramon in “Calamità” - palo cinese - Italia,
- Stav Zelniker in “Volare come un piccione nel cielo del Bunker “ - trapezio ballant - Israele,
- Chiara Cardona in”Alterazioni” - verticali - Italia,
- Jef Everaert in “Il cardo Muto” - roue cyr - Belgio,
- Quentin Dubot in “Promesso, è l’ultima” - palo cinese - Francia,
- Marianna Molino in “Rambazamba” - cerchio aereo - Italia,
- Davide Tubertini in “lascia andare” - roue cyr – Italia,
- Elie Chategnier in “Aïn” – Verticali – Francia,
- Giovanni Zuffi in “Giovanni fa cerchio” - cerchio aereo - Italia

IL BIENNIO PROFESSIONALE DELLA FLIC
Il programma di studi del “Corso Biennale di Formazione per l’Artista di Circo Contemporaneo” mira a dare all’allievo una solida formazione sulle materie fondamentali del circo contemporaneo per poi determinare la propria specializzazione e una formazione di base sulle nozioni teoriche che contribuiscono a rendere completa la figura dell’artista. Il Corso si sviluppa in un periodo di due anni, in più di 3000 ore di lezione, ed è basato su un piano di studi consolidato che prevede sette ore di lezione quotidiane, dal lunedì al venerdì a frequenza obbligatoria.
Una parte importante del corso è costituita da stage intensivi di specializzazione della durata di una settimana ognuno, non solo sulle discipline circensi ma anche sulla danza nelle sue forme più contemporanee, sulla recitazione e sulla musica, che vengono periodicamente realizzati con insegnanti altamente qualificati.
Tutti gli allievi hanno anche la possibilità di cimentarsi periodicamente grazie a “Circo in Pillole”, la rassegna tirocinio organizzata per permettere di sviluppare ed allenare la relazione con il pubblico e con il palcoscenico.
Durante il biennio la FLIC dà inoltre la possibilità agli allievi di partecipare a grandi eventi e di entrare nei cast di importanti spettacoli organizzati direttamente dalla Scuola o in collaborazioni con prestigiosi teatri, fondazioni, registi e professionisti dello spettacolo dal vivo.
In aggiunta al corso biennale la FLIC propone in ogni stagione anche il “Terzo anno di Ricerca Artistica Individuale”, dedicato alla realizzazione del proprio progetto artistico, e l’anno propedeutico chiamato “Mise à Niveau”, dedicato alla preparazione tecnico artistica di ragazzi non ancora pronti ad affrontare un percorso professionale



NEL CS ALLEGATO TROVATE ANCHE INFORMAZIONI DI APPROFONDIMENTO SULLA FLIC E SULLO SPAZIO FLIC

Ufficio Stampa Lp Press
Luigi Piga – cell. 3480420650
Email:  luigipiga@lp-press.com

]]>
CS Fine settimana di Circo a Torino con la FLIC, spettacoli e Festa dell'Acrobatica Thu, 09 May 2019 11:30:24 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/554085.html http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/554085.html LP Press LP Press Buongiorno,
inviamo informazioni sugli eventi che la FLIC Scuola di Circo organizza domani, sabato e domenica.
Grazie per il tempo e lo spazio che ci potrete dedicare. Gigi Piga 3480420650


COMUNICATO STAMPA

UN LUNGO FINE SETTIMANA DI CIRCO A TORINO CON SPETTACOLI E FESTA DELL’ACROBATICA DELLA FLIC SCUOLA DI CIRCO
Allo Spazio FLIC lo spettacolo di fine anno del corso Mise à Niveau e la presentazione delle creazioni nate da alcune residenze artistiche ospitate in questa stagione; nella sede di via Magenta la settima Festa dell’Acrobatica

www.flicscuolacirco.it

venerdì 10 maggio 2019 – ore 21:30
“WILD FLOWERS”, spettacolo finale del corso Mise à Niveau – Regia di Teresa Noronha Feio
Spazio FLIC, via Niccolò Paganini 0/200, Torino | Biglietti € 10,00 intero e € 5 ridotto

sabato 11 maggio 2019 – ore 21:30
PROGETTO "SURREALE" - Presentazione delle creazioni nate da alcune residenze artistiche ospitate durante la stagione.
Spazio FLIC, via Niccolò Paganini 0/200, Torino | Biglietti € 10,00 intero e € 5 ridotto

domenica 12 maggio 2019
VII FESTA DELL’ACROBATICA “UNA DOMENICA A TESTA IN GIÙ”
Reale Società Ginnastica di Torino e FLIC Scuola di Circo, via Magenta 11, TORINO | Ingresso gratuito
>  dalle ore 16 alle 19 attività per adulti e ragazzi dai 16 anni di età
>  dalle ore 19 alle 20 "Palco Aperto" con performance e momenti conviviali per un pubblico di tutte le età



Tra la serata di venerdì 10 maggio e la giornata di domenica 12 maggio 2019, la FLIC Scuola di Circo propone un lungo fine settimana di circo contemporaneo a Torino con tre eventi organizzati tra il suo periferico Spazio FLIC di via Paganini e la sede centrale di Via Magenta 11, dimora della Reale Società Ginnastica di cui fa parte.

Venerdì 10 maggio si inizia alle ore 21:30 allo Spazio FLIC con “Wild Flowers”, spettacolo finale del corso Mise à Niveau, l’anno propedeutico che fornisce solide basi tecnico-artistiche necessarie ad affrontare al meglio un percorso formativo professionale di circo contemporaneo. L’ingresso è a pagamento con biglietti interi a € 10 e ridotti a € 5.
Sabato 11 maggio alle ore 21:30 e sempre alla Spazio FLIC, vengono presentate le creazioni nate da alcune residenze artistiche ospitate durante la stagione grazie a "Surreale", progetto a sostegno della produzione e diffusione del circo contemporaneo. L’ingresso è a pagamento con biglietti interi a € 10 e ridotti a € 5.
Domenica 12 maggio è in programma la settima Festa dell’Acrobatica “Una domenica a testa in giù” della stagione, con apertura straordinaria ad ingresso gratuito della storica sede di via Magenta 11 per un pomeriggio di festa, sport e cultura, in cui adulti e ragazzi dai 16 anni di età potranno provare in prima persona il brivido dell’acrobatica e la magia del circo.

Un intenso fine settimana in cui vengono mostrate alcune delle principali attività della FLIC: la formazione degli allievi che si attua anche con la creazione di spettacoli, il sostegno alla creazione di giovani artisti attraverso l’offerta di residenze artistiche e l’offerta di attività gratuite per coloro che desiderano mettersi alla prova e avvicinarsi in maniera divertente al mondo del circo contemporaneo.



INFORMAZIONI DI APPROFONDIMENTO SUGLI EVENTI



“WILD FLOWERS”
spettacolo finale del corso Mise à Niveau – Regia di Teresa Noronha Feio

venerdì 10 maggio 2019 – ore 21:30
Spazio FLIC, via Niccolò Paganini 0/200, Torino | Biglietti € 10,00 intero e € 5 ridotto

La stagione di spettacoli della FLIC Scuola di Circo termina sempre dedicando ampio spazio agli allievi, attraverso la presentazione di creazioni professionali dirette da registi di grande esperienza.
Spettacoli di fine anno in cui poter vedere i risultati del complesso progetto pedagogico della FLIC che da sempre si pone l’obiettivo di fornire agli allievi l’opportunità di fare un’esperienza il più possibile completa, che permetta di sperimentare in maniera professionale le tre fasi in cui si articola uno spettacolo circense: la ricerca, la creazione e il montaggio.

Il primo spettacolo di fine anno, in programma il 10 maggio alle ore 21:30 allo Spazio FLIC, è “Wild Flowers”, creazione diretta da Teresa Noronha Feio con gli allievi del corso “Mise à Niveau”, l’anno propedeutico introdotto tre anni fa per la preparazione tecnico-artistica di ragazzi non ancora pronti ad affrontare al meglio un percorso formativo, con l’obiettivo di metterli in grado di iscriversi al biennio professionale della FLIC o ai corsi di altre scuole.
Per la creazione di Wild Flowers, la regista portoghese ha deciso di lavorare su un’accezione femminile dell’“essere selvaggi”. Il concetto di fiori selvatici viene tradotto in scene in cui la bellezza si presenta nell’assenza di raffinatezza e nel piacere dell’imperfezione. Lo spettacolo che ne deriva è un’indagine sui paesaggi di “crescita spontanea” che prendono spunto dalla gioventù, dalla natura e dal senso di appartenenza alla collettività.

Le discipline e le tecniche utilizzate nello spettacolo sono cerchio aereo, corda aerea, giocoleria, hula hoop, mano a mano, palo cinese, roue Cyr, tessuti aerei, trapezio e verticali.
I 21 allievi iscritti quest’anno al corso “Mise à Niveau” sono: Ivana Martins Andrade dal Brasile, Johan Sebastian Matajudios Rios dalla Colombia, Frederikke Holtmann-Edgø dalla Danimarca, Eloise Bonnaud-Lecoq, Joséphine Lebon e Matis Motteau dalla Francia, Markus Rösch e Sophia Taraman dalla Germania, Faidra Liapi dalla Grecia, Toam Benor da Israele, Luka Petkovic dalla Serbia, Maria Vilar dalla Spagna,  Gian Mattia Baldan, Tommaso Brugiapaglia, Nina Cardona, Vanessa Conte, Ginevra Coppa, Francesca Faletti, Sarah Ferretti, Nastasja Jagodic e Giulia Meoni da diverse regioni d’Italia.

Teresa Noronha Feio coreografa e danzatrice portoghese nata nel 1988, è una delle docenti di danza contemporanea della FLIC. Si è laureata come performer di danza teatro presso la Fontys Dansacademie in Olanda e come danzatrice ha collaborato con diversi artisti e compagnie quali Cie Dogwolf (BE), Einat Tuchman (BE), Loutop cie (CH), Collettivo 320Chili (IT); Il Cantiere - Sara Marasso (IT); Company DOT 504 (CZ), Vânia Gala (Pt, UK) e Ornella D'Agostino (IT).



PROGETTO "SURREALE"
Presentazione delle creazioni nate da alcune residenze artistiche ospitate durante la stagione

sabato 11 maggio 2019 – ore 21:30
Spazio FLIC, via Niccolò Paganini 0/200, Torino | Biglietti € 10,00 intero e € 5 ridotto

“Surreale – residenze di circo contemporaneo 2018-2020” è il nuovo progetto della Reale Società Ginnastica di Torino e della sua FLIC Scuola di Circo a sostegno della produzione e diffusione del circo contemporaneo, sostenuto da Mibac e Regione Piemonte per lo sviluppo di progetti di residenza “Artisti nei territori”.
Un centro internazionale di ricerca dedicato ad artisti provenienti da tutto il mondo, in cui arte e libertà sono i presupposti per dare inizio al lavoro di creazione e sperimentazione. Il nome nasce dall’aggettivo che storicamente accompagna la società ginnastica “Reale” e dalla caratteristica di straordinarietà propria del circo, da cui “surreale”.
Le residenze avviate nel 2018 si dividono in tre macro gruppi; “Artisti che accompagniamo” rivolto a ragazzi che hanno appena terminato una scuola di circo, “Artisti che ci accompagnano” rivolto ad artisti affermati e alle prese con una nuova creazione o a una nuova fase della propria ricerca e “Spazio di libera sperimentazione” rivolto a progetti di ricerca che hanno come fine la sperimentazione di nuove forme e nuovi linguaggi artistici.

Sabato 11 maggio vengono presentati i risultati delle tre residenze artistiche relative al gruppo “Artisti che accompagniamo” con l’ecuadoriana Karla Arevalo e i brasiliani Samuel De Oliveira Reise e Aisha Britto, tutti e tre ex allievi della FLIC, che presenteranno al pubblico il risultato del loro lavoro di creazione svolto allo Spazio FLIC negli ultimi mesi.
Samuel De Oliveira Reise presenterà “Il posto da dove si vede”, creazione nella quale vengono utilizzate le tecniche di acrodanza, palo cinese e manipolazione di oggetti creando un’atmosfera barocca anche attraverso l’uso di alcuni oggetti scenici e di musiche dell’epoca.
Aisha Britto presenterà “Pelle”, frutto della sua ricerca artistica sulla fragilità e sulla forza del corpo femminile a partire dalla pelle e dalla sua interazione di contatto e frizione con diversi materiali, soprattutto con il palo oscillante, attrezzo circense utilizzato dall’artista e con il quale la pelle si rapporta a volte con dolcezza e a volte con violenza.
Karla Arevalo presenterà “Lei-là”, performance con i tessuti aerei nata da un lavoro di ricerca tecnica e artistica basata sull’esplorazione di un corpo che, insieme a vari pezzi di stoffe e tessuti, esplora sé stesso dentro uno spazio tridimensionale con figure poetiche e suggestive che lasciano ampio spazio all’immaginazione dello spettatore.



VII FESTA DELL’ACROBATICA “UNA DOMENICA A TESTA IN GIÙ”
domenica 12 maggio 2019 – dalle ore 16 alle ore 20 - Ingresso gratuito

Domenica 12 maggio 2019 è in programma la settima Festa dell’Acrobatica “Una domenica a testa in giù” della stagione 2018-2019, con apertura straordinaria della Reale Società Ginnastica di Torino e della sua FLIC Scuola di Circo per un pomeriggio di festa, sport e cultura ad ingresso gratuito.

Dalle ore 16 alle ore 19 sono in programma le attività rivolte ad adulti e ragazzi dai 16 anni di età.
Dalle ore 19 alle ore 20 è in programma “Palco Aperto”, esibizioni di circo contemporaneo rivolte ad un pubblico di tutte le età che si concluderanno con un momento conviviale di condivisione e dialogo.

Le Feste dell’Acrobatica hanno accolto centinaia di persone che volevano provare in prima persona il brivido dell’acrobatica e la magia del circo, con molti istruttori disponibili a far praticare acrobatica a terra, a coppie e di gruppo, trampolino elastico, discipline aeree circensi (tessuti, cerchio, corda, trapezio, trapezio ballant), verticali, roue Cyr e palo cinese.

Occasioni speciali da vivere all’interno di un luogo d’eccellenza e con alcuni dei migliori istruttori a livello nazionale, tutti molto esperti, alcuni in possesso della qualifica di formatori nazionali di acrobatica aerea e docenti del “Percorso Formativo di Tecnico Regionale di 2° Livello di Acrobatica Aerea” organizzato dalla Federazione Ginnastica Italiana.
Recentemente, l’acrobatica aerea è entrata infatti a far parte delle discipline riconosciute e praticate dalla FGI grazie alla fondamentale collaborazione della Reale Società Ginnastica, che dal 31 gennaio 2019 dirige all’interno della sua storica sede tutti i moduli del nuovo percorso formativo riconosciuto anche dallo SNaQ – CONI (Sistema Nazionale di Qualifica dei Tecnici Sportivi) e valido e in tutti i paesi europei


Ufficio Stampa Lp Press
Luigi Piga
mob. 3480420650
email. luigipiga@lp-press.com

]]>
CS XXI Veregra Street Festival - Arte e cibo di strada a Montegranaro (FM) dal 21 al 29 giugno Tue, 07 May 2019 15:59:22 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/553261.html http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/553261.html LP Press LP Press Buongiorno, invio informazioni sulla prossima edizione del Veregar Street Festival.
Grazie per il tempo e lo spazio che ci potrete dedicare.  Luigi Piga


COMUNICATO STAMPA
con gentile preghiera di pubblicazione


XXI EDIZIONE DEL VEREGRA STREET FESTIVAL
Festival internazionale dell’arte e del cibo di strada


dal 21 al 29 giugno 2019 a MONTEGRANARO (FM)
> 16 giugno, ANTEPRIMA A MONTEMONACO con evento “Fuori Strada – Artisti marchigiani per i Sibillini” 
> dal 24 al 26 giugno VEREGRA CHILDREN con “Premio Nazionale Otello Sarzi” per bambini, ragazzi e famiglie
> 10 e 11 luglio POETIC INVASION: VETRINA INTERNAZIONALE nelle colline montegranaresi


tutti gli eventi sono gratuiti - www.veregrastreet.it - www.comune.montegranaro.fm.it



LE INFORMAZIONI IN BREVE

Arriva alla ventunesima edizione il Veregra Street Festival, kermesse internazionale dell’arte e del cibo di strada che si svolgerà dal 21 al 29 giugno 2019 a Montegranaro, bella e laboriosa città marchigiana in provincia di Fermo.

Il Veregra Street è uno dei più grandi festival italiani del settore che propone un ricco cartellone in nove intense giornate di incanti, prodigi e stupore con oltre 100 spettacoli delle più varie espressioni di arte urbana in piazze e vicoli del medioevale centro storico, i profumi e le gustosità dello street food di qualità e dei piatti della tradizione marchigiana con la sezione “Veregra Food”, spettacoli e laboratori rivolti a bambini, ragazzi e famiglie con la sezione “Veregra Children” in programma dal 24 al 26 giugno con il “Premio Nazionale Otello Sarzi”, mostre, mercatino artigianale e eventi collaterali organizzati insieme ad associazioni cittadine.

Viene riproposta per il terzo anno consecutivo l’anteprima a Montemonaco “Fuori Strada – Artisti marchigiani per i Sibillini”, evento di solidarietà ed attenzione nei confronti delle popolazioni colpite dal sisma che quest’anno si svolgerà il 16 giugno, e la sezione “PIC Festival” legata al progetto europeo “PIC, Poetic Invasion (of the Cities)” di cui il Comune di Montegranaro è capofila, con spettacoli di compagnie provenienti dal Belgio (nazione ospite per il 2019). La novità di questa edizione è la Vetrina Internazionale delle arti performative, evento legato al progetto “Poetic Invasion”, che si terrà nei casolari delle colline montegranaresi nei giorni 10 e 11 luglio.



GLI APPROFONDIMENTI

L’ANTEPRIMA A MONTEMONACO IL 16 GIUGNO PER LE POPOLAZIONI TERREMOTATE
Per il terzo anno consecutivo viene proposta “Fuori Strada – Artisti marchigiani per i Sibillini”, un’anteprima del festival a Montemonaco in segno di solidarietà e di attenzione per le popolazioni dei Monti sibillini colpite dal sisma dell’ottobre 2016 ed ancora alle prese con grandi problemi.
Quest’anno l’evento si svolgerà domenica 16 giugno e coinvolgerà diversi artisti di strada marchigiani che daranno il loro generoso contributo nel tenere alta l’attenzione su un bellissimo territorio ancora in difficoltà.

GLI SPETTACOLI DEL VEREGRA STREET FESTIVAL
Le compagnie ospiti Veregra Steet Festival sono professioniste, provengono da molte parti del mondo e diverse di loro presentano spettacoli di nuova produzione e/o in prima nazionale.
Per ciò che riguarda le grandi attrattività e gli spettacoli di grande formato sono in programma la compagnia brasiliana Circo No Ato e le tre compagnie catalane Circ Panic, Trespertè e Factoria Circular.
Tra i numerosi ospiti stranieri ci saranno il duo clown Mortelo & Manzani dalla Catalunya, gli Envol Distratto dalla Francia, Sara Twister e Noah Chorny dalla Germania, Keiichi Iwasaki dal Giappone, il Duo Looky da Israele, Pancho Libre dal Messico e la compagnia Vaya dal Portogallo.
Tra le varie proposte italiane verranno presentati due nuovi spettacoli delle compagnie Magda Clan e Duo Linda (composto da Mario Levis e Silvia Martini) coprodotti dal festival in un’azione di sostegno alle creazioni autoctone che il festival attua da sempre.
Come al solito ci saranno anche tanti gruppi musicali che suoneranno in piazze e vicoli della città.

LA SEZIONE VEREGRA CHILDREN CON IL PREMIO NAZIONALE OTELLO SARZI
Da lunedì 24 a mercoledì 26 giugno si svolgerà “Veregra Children”, sezione del festival dedicata a bambini, ragazzi e famiglie con laboratori e spettacoli che si svolgeranno al Teatro La Perla e all’aperto in spazi protetti.
La sezione ospita quest’anno la XXV edizione del Premio Nazionale Otello Sarzi, il più longevo premio italiano destinato a nuove formazioni e a giovani compagnie italiane del teatro per l’infanzia e la gioventù affinché abbiano una grande opportunità di rendere visibile le loro opere agli addetti ai lavori e ad un ampio pubblico. Da quest'anno il Premio intraprende anche un percorso teso alla promozione del teatro di figura, assegnando, in memoria dell’artista e scenografo Paolo De Santi, un Premio allo spettacolo più significativo, presentato anche da compagnie che non siano più giovani, al fine di valorizzare questo genere teatrale a cui Otello Sarzi era particolarmente vicino. 

IL PIC FESTIVAL CON UNA VETRINA INTERNAZIONALE E IL TEATRANDO DI PAGLIA A LUGLIO
Come nella scorsa edizione, ci sarà la sezione “PIC Festival”, questa volta con spettacoli di compagnie provenienti dal Belgio – paese di uno dei partner del progetto e nazione ospite per l’anno 2019 - proposti nell’ambito di “Poetic Invasion of the cities”, progetto europeo multidisciplinare che vede il Comune di Montegranaro capofila accanto a 3 partner Europei: l’associazione Neue Gruppe Kulturarbeit organizzatore del Festival “La Strada”  di Brema (Germania), il Teatrul National Radu Stanca che organizza il “Sibiu Festival Internazionale Del Teatro” di Sibiu (Romania) e l’associazione internazionale Open Street AISBL con sede a Bruxelles in Belgio, che gestisce l’omonimo network composto da più di 300 festival e compagnie di arti di strada di oltre 20 paesi europei.
Il progetto, cofinanziato nell’ambito del programma Creative Europe, ha messo in atto un ambizioso programma di lavoro per il triennio 2017-2020 dedicato alla promozione di spettacoli in spazi non convenzionali, alcuni dei quali di forme d’arte tradizionali (per esempio musica classica e danza classica), con l’obiettivo di renderle maggiormente accessibili ad un ampio e nuovo pubblico che altrimenti non ne usufruirebbe.
Le compagnie belghe che si esibiranno durante il Veregra Street sono i Doble Mandoble e i Sitting Dunk con spettacoli circensi e la Cia Jordi l. Vidal con uno spettacolo di acrobazie, danza e teatro fisico.
Per ciò che riguarda la proposta di arti tradizionali in contesti non convenzionali, vengono coinvolte due formazioni di giovani musicisti del Conservatorio Pergolesi di Fermo.
La sezione PIC Festival prevede questi artisti durante la grande kermesse di Montegranaro ed altri in due importanti appendici: la Vetrina Internazionale Poetic Invasion, organizzata nei giorni 10 e 11 luglio in bellissime location della collina montegranarese con molti artisti provenienti da diversi paesi europei, e la partecipazione al festival Teatrando di Paglia in programma il 12 e 13 luglio nelle colline tra Montegranaro e Monte San Giusto.

IL “VEREGRA FOOD” – STREET FOOD E CIBO DELLA TRADIZIONE LOCALE
Dal 2013 il Festival propone con successo anche la sezione “VEREGRA FOOD” con eccellenze enogastronomiche del cibo della tradizione e del cibo di strada regionale, nazionale e internazionale. Nel centro storico alcune associazioni propongono il cibo della tradizione locale e in via Gramsci viene proposto cibo di qualità su ruote, street food con van e furgoni provenienti da diverse regioni con tante specialità italiane e straniere. Un’iniziativa che ha ampliato il concetto di “cultura di strada” al quale il festival si ispira da sempre e nel quale rientra con importante valenza anche il cibo come elemento fondante dello spirito dei luoghi e delle persone.

GLI EVENTI COLLATERALI
Il Veregra Street Festival coinvolge sempre volontari, associazioni culturali e commercianti che propongono varie iniziative collaterali. Il mercatino artigianale quest’anno si snoderà lungo le vie del centro storico e come sempre verranno organizzate visite guidate ai beni culturali della città.
Montegranaro è anche il centro di una prestigiosa produzione calzaturiera conosciuta in tutto il mondo e in occasione del Festival sarà possibile visitare diversi outlet aziendali.



Il XXI Veregra Street Festival è organizzato dal Comune di Montegranaro con direzione artistica di Giuseppe Nuciari ed il sostegno di MiBACT e Regione Marche.

Informazioni per il pubblico
www.veregrastreet.it - Facebook, Instagram e Twitter
Telefono Ufficio Cultura Comune di Montegranaro: 0734897932



UFFICIO STAMPA LP Press
Luigi Piga |  cell. 3480420650
email: luigipiga@lp-press.com

]]>
CS Eventi FLIC 10-12 maggio, spettacoli e Festa dell'Acrobatica Mon, 06 May 2019 10:58:14 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/552473.html http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/552473.html LP Press LP Press Buongiorno,
inviamo informazioni sugli eventi che la FLIC Scuola di Circo organizza nei giorni 10, 11 e 12 maggio 2019.
Grazie per il tempo e lo spazio che ci potrete dedicare. Gigi Piga 3480420650


COMUNICATO STAMPA

UN LUNGO FINE SETTIMANA DI CIRCO A TORINO CON SPETTACOLI E FESTA DELL’ACROBATICA DELLA FLIC SCUOLA DI CIRCO
Allo Spazio FLIC lo spettacolo di fine anno del corso Mise à Niveau e la presentazione delle creazioni nate da alcune residenze artistiche ospitate in questa stagione; nella sede di via Magenta la settima Festa dell’Acrobatica

www.flicscuolacirco.it

venerdì 10 maggio 2019 – ore 21:30
“WILD FLOWERS”, spettacolo finale del corso Mise à Niveau – Regia di Teresa Noronha Feio
Spazio FLIC, via Niccolò Paganini 0/200, Torino | Biglietti € 10,00 intero e € 5 ridotto

sabato 11 maggio 2019 – ore 21:30
PROGETTO "SURREALE" - Presentazione delle creazioni nate da alcune residenze artistiche ospitate durante la stagione.
Spazio FLIC, via Niccolò Paganini 0/200, Torino | Biglietti € 10,00 intero e € 5 ridotto

domenica 12 maggio 2019
VII FESTA DELL’ACROBATICA “UNA DOMENICA A TESTA IN GIÙ”
Reale Società Ginnastica di Torino e FLIC Scuola di Circo, via Magenta 11, TORINO | Ingresso gratuito
>  dalle ore 16 alle 19 attività per adulti e ragazzi dai 16 anni di età
>  dalle ore 19 alle 20 "Palco Aperto" con performance e momenti conviviali per un pubblico di tutte le età



Tra la serata di venerdì 10 maggio e la giornata di domenica 12 maggio 2019, la FLIC Scuola di Circo propone un lungo fine settimana di circo contemporaneo a Torino con tre eventi organizzati tra il suo periferico Spazio FLIC di via Paganini e la sede centrale di Via Magenta 11, dimora della Reale Società Ginnastica di cui fa parte.

Venerdì 10 maggio si inizia alle ore 21:30 allo Spazio FLIC con “Wild Flowers”, spettacolo finale del corso Mise à Niveau, l’anno propedeutico che fornisce solide basi tecnico-artistiche necessarie ad affrontare al meglio un percorso formativo professionale di circo contemporaneo. L’ingresso è a pagamento con biglietti interi a € 10 e ridotti a € 5.
Sabato 11 maggio alle ore 21:30 e sempre alla Spazio FLIC, vengono presentate le creazioni nate da alcune residenze artistiche ospitate durante la stagione grazie a "Surreale", progetto a sostegno della produzione e diffusione del circo contemporaneo. L’ingresso è a pagamento con biglietti interi a € 10 e ridotti a € 5.
Domenica 12 maggio è in programma la settima Festa dell’Acrobatica “Una domenica a testa in giù” della stagione, con apertura straordinaria ad ingresso gratuito della storica sede di via Magenta 11 per un pomeriggio di festa, sport e cultura, in cui adulti e ragazzi dai 16 anni di età potranno provare in prima persona il brivido dell’acrobatica e la magia del circo.

Un intenso fine settimana in cui vengono mostrate alcune delle principali attività della FLIC: la formazione degli allievi che si attua anche con la creazione di spettacoli, il sostegno alla creazione di giovani artisti attraverso l’offerta di residenze artistiche e l’offerta di attività gratuite per coloro che desiderano mettersi alla prova e avvicinarsi in maniera divertente al mondo del circo contemporaneo.



INFORMAZIONI DI APPROFONDIMENTO SUGLI EVENTI



“WILD FLOWERS”
spettacolo finale del corso Mise à Niveau – Regia di Teresa Noronha Feio

venerdì 10 maggio 2019 – ore 21:30
Spazio FLIC, via Niccolò Paganini 0/200, Torino | Biglietti € 10,00 intero e € 5 ridotto

La stagione di spettacoli della FLIC Scuola di Circo termina sempre dedicando ampio spazio agli allievi, attraverso la presentazione di creazioni professionali dirette da registi di grande esperienza.
Spettacoli di fine anno in cui poter vedere i risultati del complesso progetto pedagogico della FLIC che da sempre si pone l’obiettivo di fornire agli allievi l’opportunità di fare un’esperienza il più possibile completa, che permetta di sperimentare in maniera professionale le tre fasi in cui si articola uno spettacolo circense: la ricerca, la creazione e il montaggio.

Il primo spettacolo di fine anno, in programma il 10 maggio alle ore 21:30 allo Spazio FLIC, è “Wild Flowers”, creazione diretta da Teresa Noronha Feio con gli allievi del corso “Mise à Niveau”, l’anno propedeutico introdotto tre anni fa per la preparazione tecnico-artistica di ragazzi non ancora pronti ad affrontare al meglio un percorso formativo, con l’obiettivo di metterli in grado di iscriversi al biennio professionale della FLIC o ai corsi di altre scuole.
Per la creazione di Wild Flowers, la regista portoghese ha deciso di lavorare su un’accezione femminile dell’“essere selvaggi”. Il concetto di fiori selvatici viene tradotto in scene in cui la bellezza si presenta nell’assenza di raffinatezza e nel piacere dell’imperfezione. Lo spettacolo che ne deriva è un’indagine sui paesaggi di “crescita spontanea” che prendono spunto dalla gioventù, dalla natura e dal senso di appartenenza alla collettività.

Le discipline e le tecniche utilizzate nello spettacolo sono cerchio aereo, corda aerea, giocoleria, hula hoop, mano a mano, palo cinese, roue Cyr, tessuti aerei, trapezio e verticali.
I 21 allievi iscritti quest’anno al corso “Mise à Niveau” sono: Ivana Martins Andrade dal Brasile, Johan Sebastian Matajudios Rios dalla Colombia, Frederikke Holtmann-Edgø dalla Danimarca, Eloise Bonnaud-Lecoq, Joséphine Lebon e Matis Motteau dalla Francia, Markus Rösch e Sophia Taraman dalla Germania, Faidra Liapi dalla Grecia, Toam Benor da Israele, Luka Petkovic dalla Serbia, Maria Vilar dalla Spagna,  Gian Mattia Baldan, Tommaso Brugiapaglia, Nina Cardona, Vanessa Conte, Ginevra Coppa, Francesca Faletti, Sarah Ferretti, Nastasja Jagodic e Giulia Meoni da diverse regioni d’Italia.

Teresa Noronha Feio coreografa e danzatrice portoghese nata nel 1988, è una delle docenti di danza contemporanea della FLIC. Si è laureata come performer di danza teatro presso la Fontys Dansacademie in Olanda e come danzatrice ha collaborato con diversi artisti e compagnie quali Cie Dogwolf (BE), Einat Tuchman (BE), Loutop cie (CH), Collettivo 320Chili (IT); Il Cantiere - Sara Marasso (IT); Company DOT 504 (CZ), Vânia Gala (Pt, UK) e Ornella D'Agostino (IT).



PROGETTO "SURREALE"
Presentazione delle creazioni nate da alcune residenze artistiche ospitate durante la stagione

sabato 11 maggio 2019 – ore 21:30
Spazio FLIC, via Niccolò Paganini 0/200, Torino | Biglietti € 10,00 intero e € 5 ridotto

“Surreale – residenze di circo contemporaneo 2018-2020” è il nuovo progetto della Reale Società Ginnastica di Torino e della sua FLIC Scuola di Circo a sostegno della produzione e diffusione del circo contemporaneo, sostenuto da Mibac e Regione Piemonte per lo sviluppo di progetti di residenza “Artisti nei territori”.
Un centro internazionale di ricerca dedicato ad artisti provenienti da tutto il mondo, in cui arte e libertà sono i presupposti per dare inizio al lavoro di creazione e sperimentazione. Il nome nasce dall’aggettivo che storicamente accompagna la società ginnastica “Reale” e dalla caratteristica di straordinarietà propria del circo, da cui “surreale”.
Le residenze avviate nel 2018 si dividono in tre macro gruppi; “Artisti che accompagniamo” rivolto a ragazzi che hanno appena terminato una scuola di circo, “Artisti che ci accompagnano” rivolto ad artisti affermati e alle prese con una nuova creazione o a una nuova fase della propria ricerca e “Spazio di libera sperimentazione” rivolto a progetti di ricerca che hanno come fine la sperimentazione di nuove forme e nuovi linguaggi artistici.

Sabato 11 maggio vengono presentati i risultati delle tre residenze artistiche relative al gruppo “Artisti che accompagniamo” con l’ecuadoriana Karla Arevalo e i brasiliani Samuel De Oliveira Reise e Aisha Britto, tutti e tre ex allievi della FLIC, che presenteranno al pubblico il risultato del loro lavoro di creazione svolto allo Spazio FLIC negli ultimi mesi.
Samuel De Oliveira Reise presenterà “Il posto da dove si vede”, creazione nella quale vengono utilizzate le tecniche di acrodanza, palo cinese e manipolazione di oggetti creando un’atmosfera barocca anche attraverso l’uso di alcuni oggetti scenici e di musiche dell’epoca.
Aisha Britto presenterà “Pelle”, frutto della sua ricerca artistica sulla fragilità e sulla forza del corpo femminile a partire dalla pelle e dalla sua interazione di contatto e frizione con diversi materiali, soprattutto con il palo oscillante, attrezzo circense utilizzato dall’artista e con il quale la pelle si rapporta a volte con dolcezza e a volte con violenza.
Karla Arevalo presenterà “Lei-là”, performance con i tessuti aerei nata da un lavoro di ricerca tecnica e artistica basata sull’esplorazione di un corpo che, insieme a vari pezzi di stoffe e tessuti, esplora sé stesso dentro uno spazio tridimensionale con figure poetiche e suggestive che lasciano ampio spazio all’immaginazione dello spettatore.



VII FESTA DELL’ACROBATICA “UNA DOMENICA A TESTA IN GIÙ”
domenica 12 maggio 2019 – dalle ore 16 alle ore 20 - Ingresso gratuito

Domenica 12 maggio 2019 è in programma la settima Festa dell’Acrobatica “Una domenica a testa in giù” della stagione 2018-2019, con apertura straordinaria della Reale Società Ginnastica di Torino e della sua FLIC Scuola di Circo per un pomeriggio di festa, sport e cultura ad ingresso gratuito.

Dalle ore 16 alle ore 19 sono in programma le attività rivolte ad adulti e ragazzi dai 16 anni di età.
Dalle ore 19 alle ore 20 è in programma “Palco Aperto”, esibizioni di circo contemporaneo rivolte ad un pubblico di tutte le età che si concluderanno con un momento conviviale di condivisione e dialogo.

Le Feste dell’Acrobatica hanno accolto centinaia di persone che volevano provare in prima persona il brivido dell’acrobatica e la magia del circo, con molti istruttori disponibili a far praticare acrobatica a terra, a coppie e di gruppo, trampolino elastico, discipline aeree circensi (tessuti, cerchio, corda, trapezio, trapezio ballant), verticali, roue Cyr e palo cinese.

Occasioni speciali da vivere all’interno di un luogo d’eccellenza e con alcuni dei migliori istruttori a livello nazionale, tutti molto esperti, alcuni in possesso della qualifica di formatori nazionali di acrobatica aerea e docenti del “Percorso Formativo di Tecnico Regionale di 2° Livello di Acrobatica Aerea” organizzato dalla Federazione Ginnastica Italiana.
Recentemente, l’acrobatica aerea è entrata infatti a far parte delle discipline riconosciute e praticate dalla FGI grazie alla fondamentale collaborazione della Reale Società Ginnastica, che dal 31 gennaio 2019 dirige all’interno della sua storica sede tutti i moduli del nuovo percorso formativo riconosciuto anche dallo SNaQ – CONI (Sistema Nazionale di Qualifica dei Tecnici Sportivi) e valido e in tutti i paesi europei


Ufficio Stampa Lp Press
Luigi Piga
mob. 3480420650
email. luigipiga@lp-press.com

]]>
CS Cité, la città del circo al Teatro Concordia di Venaria Reale il 3 e 4 maggio Thu, 02 May 2019 12:50:15 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/552325.html http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/552325.html LP Press LP Press Buongiorno, inviamo informazioni sulla sesta edizione ella rassegna internazionale di circo al Teatro Concordia di Venaria Reale.
Grazie per l'attenzione, il tempo e lo spazio che ci potrete dedicare.  Luigi Piga


COMUNICATO STAMPA

Cité 2019
VI Rassegna Internazionale di Circo a Teatro con lo spettacolo Midnight Sun della Cie Oktobre in prima nazionale, performance, presentazioni di bandi e progetti, Baladin Food & Beer e dj-set.

3 e 4 maggio 2019
Teatro Concordia, corso Puccini, Venaria Reale (TO)
    - Dalle ore 16:30 - Presentazioni bandi e progetti
    - Dalle ore 18:00 - Esperimenti di Circo con Baladin Food & Beer
    - Alle ore 21:00 - Spettacolo “Midnight Sun” della compagnia Cie Oktobre
    - Dalle ore 23:00 – Dj set con Ava Hangar e Baladin Food & Beer

Riprende vita per il sesto anno una cittadella del circo a Venaria Reale grazie a “Cité”, rassegna internazionale di circo a teatro ideata e diretta dalla FLIC Scuola di Circo di Torino, in collaborazione con Fondazione Piemonte dal Vivo, Fondazione Via Maestra e Teatro Concordia.  Due intense giornate con la compagnia francese Cie Oktobre che presenta due repliche in prima nazionale dello spettacolo Midnight Sun, “esperimenti di circo” degli allievi FLIC, food & beer a cura del birrificio artigianale Baladin, dj set a cura di Ava Hangar, presentazione del bando Surreale e degli artisti selezionati e presentazione del progetto europeo Circus Next.

Presentazioni, performance e dj-set a fruizione gratuita.
Food & beer a pagamento e spettacolo Midnight Sun con ingresso intero di € 13,00 e ridotto di € 10,00.

Programma cronologico e informazioni sulle vendite dei biglietti al fondo del comunicato

www.flicscuolacirco.it



“Cité” è una rassegna internazionale di circo a teatro ideata, organizzata e diretta dalla FLIC Scuola di Circo di Torino in collaborazione con la Fondazione Piemonte dal Vivo e con la Fondazione Via Maestra che cura la programmazione del Teatro Concordia di Venaria Reale, con i patrocini delle Città di Torino e di Venaria Reale, con il sostegno della Regione Piemonte e del Mibac in quanto parte della stagione 2018/2019 della FLIC.

Ispirandosi al significato della parola francese da cui prende il titolo, “Cité” trasforma per due giorni il bellissimo Teatro Concordia in una cittadella del circo, con pubblico, artisti, addetti ai lavori, tecnici e il teatro stesso uniti in un’esperienza coinvolgente e divertente che porta il circo contemporaneo a teatro. Un circo nuovo che si esprime con un linguaggio multidisciplinare in cui l'esibizione fine a sé stessa è sostituita da una ricerca poetica e drammaturgica che si relaziona con altre forme di spettacolo, in particolare con teatro, danza e musica.

La sesta edizione si svolge nei giorni 3 e 4 maggio 2019 con la compagnia francese Cie Oktobre che presenta due repliche in anteprima nazionale dello spettacolo Midnight Sun, precedute da food & beer a cura del birrificio artigianale Baladin e da “esperimenti di circo” degli allievi FLIC, con dj set a cura di Ava Hangar, presentazione del bando Surreale e degli artisti selezionati per nuove residenze di circo allo Spazio FLIC e presentazione del progetto europeo Circus Next.

Due intense giornate in cui trovano spazio tutti i diversi volti della FLIC Scuola di Circo: la formazione degli allievi che si attua anche con la creazione di spettacoli e esibizioni pubbliche, la programmazione di compagnie internazionali con spettacoli di alta qualità, il sostegno alla creazione di giovani artisti attraverso l’offerta di residenze artistiche e la collaborazione con network europei del settore.


Venerdì 3 maggio l’appuntamento è alle ore 16:30 con la presentazione della prima edizione del Bando Surreale, call internazionale per artisti e compagnie ideata e promossa dalla Reale Società Ginnastica di Torino con il suo progetto FLIC Scuola di Circo nell’ambito di “Surreale” – Residenze di Circo Contemporaneo 2018-2020, progetto sostenuto da Mibac e Regione Piemonte per lo sviluppo di progetti di residenza “Artisti nei territori”. Durante l’incontro verranno anche presentati al pubblico gli artisti singoli under 35 e le compagnie professioniste selezionate tra le 43 che hanno presentato domanda di partecipazione.
Dalle ore 18 alle ore 21 gli allievi della FLIC daranno vita a "esperimenti di circo" diretti dai docenti Erika Bettin, Stevie Boyd e Giulio Lanzafame. Saranno momenti liberi e a volte improvvisati, nei quali il pubblico potrà assistere alla commistione di diversi linguaggi artistici che dialogano fra loro e ammirare la qualità tecnica e recitativa acquisita da questi giovani artisti provenienti da 22 diverse nazioni del mondo.
Durante queste performance, l'intero foyer si trasformerà in un animato e divertente "circus pub" in cui si potranno gustare cibo e birre di ottima qualità a cura del birrificio artigianale Baladin.

Food & beer sono a pagamento e il Baladin è uno dei birrifici artigianali più noti e apprezzati d'Italia, avviato a Piozzo (CN) nel 1996 da un’idea di Teo Musso.
Alle ore 21:00 il pubblico verrà accompagnato all’interno della grande sala teatrale per la prima nazionale dello spettacolo “Midnight Sun” della compagnia francese Cie Oktobre, con ingressi da 10 a 13 euro acquistabili il giorno stesso al Teatro Concordia o in prevendita presso lo stesso teatro, alla sede della FLIC in via Magenta 11 a Torino oppure online sul sito del teatro e nel circuito vivaticket.it
Al termine dello spettacolo, dalle ore 23:00 si potrà ballare con dj-set a cura di Ava Hangar, personaggio drag queen dell’artista Riccardo Massidda, e continuare a fruire del Baladin food & beer.

Sabato 4 maggio dalle ore 16:30 alle ore 19 si svolge la presentazione di “Circus Next”, progetto europeo che offre un programma di identificazione e supporto ad artisti emergenti del circo contemporaneo, costituito da una grande piattaforma europea di circa 30 partner in rappresentanza di 17 paesi. Presenterà le proprie attività a riguardo l'associazione culturale Sarabanda di Genova, partner italiano dell’iniziativa che da 18 anni organizza il festival Circumnavigando
Dalle ore 18 si replicherà il programma del sabato con Baladin food & beer, "esperimenti di circo", spettacolo Midnight Sun e dj set a cura di Ava Hangar.



SPETTACOLO “MIDNIGHT SUN” DELLA COMPAGNIA FRANCESE CIE OKTOBRE
3 e 4 maggio 2019 alle ore 21 - ingresso € 13 intero e € 10 ridotto

La compagnia francese Cie Oktobre promuove un circo teatrale di alto livello in un potente universo tragicomico, estetico e magico con ispirazioni al teatro espressionista tedesco e al cinema di Hitchcock e Almodovar.
Midnight Sun vuole rappresentare un’umanità splendida, crudele e assurda con un’esperienza fantastica e inquietante, tra libertà senza limiti e severi codici relazionali, in un dramma composto da commedia e tragedia. Una piccola parte di un’umanità eccentrica che si evolve impunemente all'interno di un sobrio salotto borghese. Una casa degli orrori, ma anche una casa delle meraviglie dove l’umanità è oltraggiosa, con personaggi affascinanti e grotteschi in cui il pubblico può riflettersi e ritrovarsi.
Artisti circensi, attori e danzatori sfidano l’estremo per dare vita ad un circo che gioca con eccezionali acrobazie, teatro, cinema, pittura e elementi di magia che trasportano il pubblico in uno stato sottile di allucinazione, tra comportamenti e eventi che diventano imprevedibili.
Ispirandosi anche alla pittura, Midnight Sun mette in scena un grande affresco amorale e allegro che utilizza solo tre colori: bianco, rosso e nero che esprimono rispettivamente purezza, passione e profondità.
La musica dal vivo viene eseguita con un pianoforte e le discipline circensi utilizzate nello spettacolo sono antipodismo, acrobatica, bicicletta acrobatica, portés acrobatici e trapezio.



IN ALLEGATO IL CS COMPLETO CON MAGGIORI INFORMAZIONI

Ufficio stampa Lp
Luigi Piga
cell. 3480420650
email. luigipiga@lp-press.com


]]>
CS Il ritratto di Dorian Gray con regia di Pino Strabioli - 4 maggio Camaleoontika di Almese Thu, 02 May 2019 10:58:38 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/552270.html http://comunicati.net/comunicati/arte/spettacoli/552270.html LP Press LP Press Gentilissime/i,
invio informazioni sull'ultimo appuntamento della stagione Camaleontika di Almese.
Grazie per l'attenzione. Gigi Piga


COMUNICATO STAMPA

“Il ritratto di Dorian Gray” della compagnia Nuoveforme con regia di Pino Strabioli chiude la V stagione Camaleontika di Almese

Sabato 4 maggio 2019 - ore 21:00
Teatro Magnetto, via Avigliana 17, Almese (TO)
Ingresso intero € 10 – ridotto € 7

Ultimo appuntamento della stagione Camaleontika con il remake de “Il ritratto di Dorian Gray” in cui il regista Pino Strabioli mette in scena un Dorian Gray più grande, un uomo che ha varcato la soglia dei trenta anni con più consapevolezza, più malizia, e qualche capello bianco in più rispetto al ventenne del grande classico di Oscar Wilde. Uno spettacolo che nasce dall’urgenza di indagare sull’intrigante quanto controversa relazione tra giovinezza, bellezza ed eternità.


CAMALEONTIKA 2018/2019 è la quinta stagione di spettacoli del Teatro Magnetto di Almese, comune della bassa Valle di Susa, a cura della compagnia teatrale Fabula Rasa diretta da Beppe Gromi e dell’associazione M.O.V. - Moderne Officine Valsusa, sostenuta del Comune di Almese, dalla Fondazione Piemonte dal Vivo, dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e dalla Regione Piemonte.
Sabato 4 maggio la stagione volge al termine con il remake de “Il ritratto di Dorian Gray” messo in scena dalla compagnia Nuoveforme e con la regia di Pino Strabioli.  Uno spettacolo che nasce dall’urgenza di indagare sull’intrigante quanto controversa relazione tra giovinezza, bellezza ed eternità un Dorian Gray più grande, un uomo che ha varcato la soglia dei trenta anni con più consapevolezza, più malizia, e qualche capello bianco in più rispetto al ventenne del grande classico di Oscar Wilde.

Liberamente ispirato a “Il ritratto di Dorian Gray” di Oscar Wilde, lo spettacolo narra di un giovane di bell’aspetto, Dorian Gray, che arriverà a fare della sua bellezza un rito insano. Egli inizia a rendersi conto del privilegio del suo fascino quando Basil Hallward, un pittore suo amico, gli regala un ritratto da lui dipinto, che lo riproduce nel pieno della gioventù.
Brillante, comico e drammatico, lo show porta con sé tutti gli ingredienti dell’umana natura con una continua interazione tra personaggi reali e proiezioni.

L’adattamento dei testi è di Simone Faraon.
Gli attori in scena sono Simone Faraon, Paolo Mazzini, Yael Sau, Mario Contenti, Lorenzo De Iacovo
Il regista Pino Strabioli è un noto ed apprezzato regista teatrale, attore e conduttore televisivo.

LA PRODUZIONE E LA COMPAGNIA
Lo spettacolo è prodotto da MUSA Produzioni, società che nasce dall’esperienza pluriennale nel campo dello spettacolo maturata attraverso la compagnia NuoveForme di Torino diretta da Sergio Cavallaro e dalle competenze maturate grazie alle prestigiose collaborazioni realizzate dal 2008 ad oggi.
MUSA Produzioni si propone di essere lo strumento attraverso il quale si possano realizzare nuove idee e produzioni sia nell’ambito teatrale che radiofonico, cinematografico, televisivo e letterario. Una bottega produttiva, che oltre a dare continuità a progetti esistenti possa essere al contempo ispiratrice di nuove idee artistiche.
La creazione della compagnia NuoveForme ha risposto al bisogno di sperimentare “nuove forme” di espressione del corpo nella prosa e nel teatro in genere, realizzando spettacoli e percorsi formativi che unissero la danza ed il teatro in maniera armoniosa e brillante.

INFO E PRENOTAZIONI
Fabula Rasa Ass.ne Onlus  -mob. 3348785494- fabulamail@gmail.com

Ufficio Stampa Lp Press
Luigi Piga - cell. 3480420650
email. luigipiga@lp-press.com
]]>