Turismo del Salento: i borghi più caratteristici da visitare

27/dic/2016 17.11.46 WalterW Contatta l'autore

Il turismo salentino si esalta soprattutto nella stagione estiva quando, tra giugno e agosto, tutti i b&b e le case vacanze nel Salento vengono presi d’assalto da visitatori che giungono da ogni parte d’Italia e oltre i confini nazionali. In inverno, invece, le strade si svuotano, le strutture faticano a lavorare, diminuisce vertiginosamente il numero di eventi. Ciò nonostante, il Tacco d’Italia resta una terra interessantissima, attrattiva e seducente e che offre una serie di luoghi di interesse meritevoli di essere scoperti anche lontano dall’estate.

Otranto

Sul versante adriatico, a una quarantina di km da Lecce, sorge forse il più bel borgo della provincia di Lecce. Otranto è un comune da appena 5.000 abitanti, inserito nell’elenco dei borghi più belli d’Italia da parte dell’ANCI. Il luogo offre una serie di attrattive in grado di soddisfare le aspettative di tutti: paesaggi da rimanere senza fiato, arte, storia, suggestioni, racconti. La città fu assediata dall’esercito Turco nel 1480 in quello che passò alla storia come il Martirio di Otranto; oltre 800 idruntini rifiutarono di convertirsi all’Islam e furono trucidati dalle milizie ottomane. L’evento ha segnato la coscienza della cittadinanza, e ancora oggi, se ne avverte la memoria.

Otranto è anche sede del più grande (e misterioso) mosaico pavimentale d’Europa: posta all’interno della Cattedrale, l’opera è un intreccio apparentemente illogico di elementi tratti dal cristianesimo e dalle altre religioni abramitiche, dal paganesimo e dalla superstizione e ancora oggi non è stato possibile darne un’interpretazione convincente.

Il Castello Aragonese che sormonta la città si affaccia sulla costa, stupenda, la più orientale d’Italia; lì, ogni giorno, è possibile salutare il primo sole d’Italia.

Specchia

Scendendo ancora più a sud si giunge e Specchia, altro piccolo e straordinario borgo riconosciuto dall’ANCI. Piccola com’è, a Specchia si respira un’aria solenne, ogni passo si inciampa in un monumento appartenente a uno stile e a un periodo diversi. Una roccaforte dell’arte edilizia che, tra chiese, opere civili e costruzioni, è stata insignita del premio Gioiello d’Italia nel 2013.

Presicce

Presicce è stata inserita nell’elenco ANCI nel 2011. Il comune dista solo pochi km da Specchia ed è nota come “la città degli ipogei” per via dei numerosissimi frantoi sotterranei che sorgono nel paese e nelle immediate vicinanze. A dare ancora più valore al luogo, un’innumerevole quantità di monumenti di tipo religioso, civile e militare, che attraversa per intero tutta la storia del Salento e delle sue dominazioni.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl