PRN: Guggenheim istituisce borsa di conservazione con il sostegno del fiduciario Vladimir Potanin

09/mag/2019 06:40:19 PR Newswire Turismo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 3 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Guggenheim istituisce borsa di conservazione con il sostegno del fiduciario Vladimir Potanin

 
[2019-05-09]
 

Annuncio dato contestualmente alla tavola rotonda sul tema "Preservare il futuro: conservare l'arte contemporanea nell'era digitale" presso la Collezione Peggy Guggenheim di Venezia

VENEZIA, Italia e NEW YORK, 9 maggio 2019 /PRNewswire/ -- A un evento speciale presso la collezione Peggy Guggenheim di Venezia, tenutosi in occasione del vernissage della biennale di Venezia 2019, la fondazione e il museo Solomon R. Guggenheim hanno annunciato l'istituzione di una borsa internazionale di perfezionamento per la conservazione dell'arte moderna e contemporanea, resa possibile da un contributo di Vladimir Potanin, fiduciario del Guggenheim.

Al fine di illustrare la gamma di temi che affronterà l'iniziativa, l'annuncio è stato dato congiuntamente a una tavola rotonda incentrata sul tema: "Preservare il futuro: conservare l'arte contemporanea nell'era digitale", diretta da Lena Stringari, vicedirettore e conservatore capo del museo Solomon R. Guggenheim di New York. La borsa di conservazione Vladimir Potanin consentirà a un eccellente professionista della conservazione di lingua russa di partecipare in modo attivo al lavoro del Guggenheim per un periodo dai dodici ai diciotto mesi, nonché di riflettere, sulla base dell'esperienza diretta, sul ruolo della conservazione in un mondo sempre più globale. Il programma è stato sostenuto e sviluppato congiuntamente alla Fondazione Vladimir Potanin e a Vladimir Potanin, membro del Cda della Fondazione Solomon R. Guggenheim dal 2002 e presi! dente del Consiglio di amministrazione del museo statale dell'Hermitage di San Pietroburgo dal 2003.

Richard Armstrong, direttore del Museo e della Fondazione Guggenheim ha dichiarato: "Iniziative interculturali ambiziose quali la borsa di conservazione Vladimir Potanin ci consentono di garantire che le nuove generazioni si attivino per preservare i beni culturali. Grazie alla generosità e lungimiranza di Vladimir Potanin, questa borsa darà un contribuito significativo alla conservazione a livello internazionale, promuovendo la creazione di borse di studio in nuove aree e la collaborazione tra conservatori, artisti, scienziati e storici, volta all'approfondimento di tematiche complesse legate alla preservazione dei materiali e metodi dell'arte moderna e contemporanea. Siamo grati per la generosità del nostro amico e fiduciario Vladimir Potanin, ma soprattutto per la sua lungimiranza nel riconoscere la fondamentale necessità di questo lavoro".

Vladimir Potanin ha dichiarato: "Ora più che mai vi è una necessità impellente di creare e sostenere piatteforme che sposino creatività e conoscenza, innovazione e beni storici, e creino un dialogo tra culture e comunità. I musei moderni, dediti primariamente alla preservazione e conservazione, devono affrontare temi sociali a livello locale e mondiale e condividere soluzioni al di là dei confini geografici e politici. Il Guggenheim si pone come guida per gli altri musei in termini di prospettiva globale, audacia intellettuale e risultati ottenuti con borse di studio e conservazione. Nessun istituto è in posizione migliore per avviare questa borsa di perfezionamento per l'arte moderna e contemporanea. Sono orgoglioso del fatto che i borsisti della conservazione Vladimir Potanin contribuiranno a queste iniziative essenziali per approfondire le conoscenze nel campo, coltivare nuove talenti e promuovere gli! scambi i nterculturali".

Durante la permanenza presso il Guggenheim di New York, il borsista Potanin contribuirà allo studio continuo della collezione e alla preparazione delle mostre nelle varie fasi di allestimento, lavorando a fianco dell'equipe del museo Guggenheim per apprendere le tecniche di conservazione. Il programma sarà strutturato in modo tale da tenere conto delle priorità del Guggenheim e del museo di origine del borsista, nonché degli interessi e delle conoscenze di quest'ultimo. Il primo borsista, nel 2020, studierà in modo approfondito, a stretto contatto con i conservatori del Guggenheim i dipinti di Vasily Kandinsky nella collezione del museo, per determinare i metodi usati dall'artista e preparare le tele per una mostra itinerante. 

Il dipartimento della conservazione del museo Guggenheim accetta ora le domande per la borsa di conservazione Vladimir Potanin tramite il sito web (www.guggenheim.org/careers); la scadenza è il 15 giugno 2019, con data di inizio prevista nel gennaio 2020.

Sotto la guida di Lena Stringari, il dipartimento della conservazione del Guggenheim collabora con curatori, studiosi, ingegneri, scienziati e artisti a progetti di ricerca artistico-storica e scientifica sulle opere della collezione del museo, mettendo in atto prassi e procedure per garantire la manutenzione e la conservazione delle opere; stabilendo le migliori prassi per la conservazione, il trasporto e il maneggiamento delle opere d'arte, e istituendo progetti volti ad affrontare nuovi temi legati alla conservazione. L'equipe del Guggenheim dedita alla conservazione ha già dato contribuiti importanti nel campo dei supporti tecnologici e ha sviluppato nuove metodologie per il trattamento di opere d'arte non convenzionali e per preservare risorse sia tangibili sia intangibili. Insieme, queste iniziative di ricerca, il trattamento delle opere e i risultati degli studi hanno reso il Guggenheim leader nel campo della conservazione.

La tavola rotonda intitolata "Preservare il futuro: conservare l'arte contemporanea nell'era digitale" è stata moderata da Stringari, la quale ha diretto mostre didattiche, tra cui  Imageless: The Scientific Study and Experimental Treatment of an Ad Reinhardt Black Painting (2008) e Jackson Pollock: Exploring Alchemy (2017). Stringari ha svolto un ruolo fondamentale nella formulazione della Panza Collection Initiative e della Variable Media Initiative presso il Guggenheim. È stata docente a contratto all'Istituto d'arte dell'Università di New York e ha tenuto numerose conferenze sulla conservazione dell'arte contemporanea.

Stringari è stata accompagnata da:

  • Ijsbrand Hummelen, ricercatore senior presso il Laboratorio dei Beni Culturali dell'Ente per il patrimonio culturale dei Paesi Bassi.
  • Dimitri Ozerkov, direttore del Dipartimento d'arte contemporanea del Museo Statale dell'Hermitage di San Pietroburgo e direttore del Progetto per l'arte contemporanea 20/21 dell'Hermitage.
  • Alisa Prudnikova, direttore dello sviluppo regionale di ROSIZO-NCCA (Centro nazionale per l'arte contemporanea) e commissario e direttore artistico della Biennale industriale dell'arte contemporanea degli Urali

La Fondazione Vladimir Potanin
La Fondazione Vladimir Potanin, uno dei maggiori enti privati per la concessione di sovvenzioni in Russia, è stata fondata nel 1999 dall'imprenditore Vladimir Potanin al fine di attuare progetti di lungo periodo di valore sociale in amb! ito di is truzione e cultura.

L'obiettivo della Fondazione è promuovere la collaborazione tra professionisti creativi che svolgono un ruolo fondamentale nella risoluzione di problematiche pubbliche attuali, al fine di sviluppare una cultura di filantropia strategica in Russia. Programmi di formazione congiunti, volti a consolidare alleanze e interazioni in seno alla comunità dei professionisti museali, consentono alla Fondazione di collaborare con istituzioni quali il Trust for Mutual Understanding, la Robert Bosch Stiftung, l'Institut Français de Russie, la Fondazione Caixa, la Saïd Business School dell'Università di Oxford, e altri ancora. Il programma di leadership culturale gestito in partenariato con la galleria Tretyakov di Mosca ha visto la partecipazione di figure di spicco del mondo della cultura, tra cui Eike Schmidt, direttore della Galleria degli Uffizi di Firenze; il cinematografo Alexand! er Sokuro v; Laurence des Cars, direttore del Musée d'Orsay di Parigi; Richard Armstrong, direttore del museo e della fondazione Solomon R. Guggenheim e Alistair Spalding, direttore artistico e direttore generale del teatro londinese Sadler's Wells. Alcuni dei progetti recenti sostenuti dalla Fondazione saranno presentati alla Biennale di Venezia, ivi compreso NEMOSKVA, progetto di cooperazione interregionale nell'ambito dell'arte contemporanea, che allestirà una mostra al BOZAR di Bruxelles, a luglio.

Molti dei progetti e programmi avviati e gestiti dalla fondazione sono stati riconosciuti quali modelli da seguire in Russia, e le tecnologie che hanno sviluppato sono utilizzate estensivamente da altre fondazioni, enti non statali, in ambito di cultura e istruzione. Nell'ultimo ventennio oltre quattrocento musei russi hanno beneficiato del sostegno della fondazione.

Vladimir Potanin
Vladimir Potanin, nato a Mosca, è imprenditore, investitore e filantropo. Nel corso della sua carriera, Potanin ha dedicato parte significativa del proprio tempo e delle proprie risorse a progetti di beneficenza. Per strutturare in modo efficace il proprio operato, nel 1999 crea la Fondazione Vladimir Potanin per promuovere lo sviluppo strategico della filantropia in Russia. Nel 2010 Potanin si impegna pubblicamente a donare la maggior parte del proprio patrimonio a cause filantropiche e nel 2013 diviene il primo grande imprenditore russo a unirsi all'iniziativa Giving Pledge annunciata da Bill Gates e Warren Buffett.

È membro del consiglio di amministrazione della Fondazione Solomon R. Guggenheim dal 2002 e nel 2003 è eletto Presidente del Cda del museo statale dell'Hermitage. Assieme al direttore generale Mikhail Piotrovsky, Potanin istituisce il fondo sovvenzioni del museo statale dell'Hermitage di San Pietroburgo.

Potanin è stato fonte di ispirazione e sostegno per progetti di rilievo che promuovono la cultura russa nel mondo, per esempio l'iniziativa Russian Lounge presso il John F. Kennedy Center for Performing Arts di Washington, D.C., e un'importante mostra intitolata Quando la Russia parlava francese: Parigi - San Pietroburgo 1800â€�“1830 presso l'Hotel des Invalides, Paris (2003). Nel 2005 il museo Solomon R. Guggenheim ha allestito la mostra Russia!, con il sostegno della Fondazione Vladimir Potanin, comprendente 275 capolavori provenienti da collezione del museo statale dell'Hermitage, il museo statale russo di San Pietroburgo, la galleria Tretyakov di Mosca e il museo statale della storia e cultura e sito storico del Cremlino di Mosca.

A riconoscimento del ruolo svolto nella straordinaria donazione collettiva di oltre 250 opere d'arte contemporanea russa e sovietica al Centre Pompidou di Parigi, la Repubblica francese ha insignito Potanin della Légion d'honneur nel 2016.

La Fondazione Solomon R. Guggenheim
La Fondazione Solomon R. Guggenheim, fondata nel 1937, si dedica alla promozione della conoscenza e dell'apprezzamento dell'arte moderna e contemporanea tramite mostre, programmi educativi, iniziative di ricerca e pubblicazioni. La rete internazionale di musei Guggenheim comprende il museo Solomon R. Guggenheim di New York; la Collezione Peggy Guggenheim di Venezia, il Museo Guggenheim di Bilbao e il futuro Guggenheim Abu Dhabi. Nel 2019 il museo Solomon R. Guggenheim, creazione di Frank Lloyd Wright, icona dell'architettura e "tempio dello spirito" in cui arte e architettura radicali si incontrano, compie 60 anni. Per maggiori informazioni sulle iniziative del museo Guggenheim nel mondo visitare guggenheim.org.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl