Il ritorno dello “Zombie”

05/mag/2016 21:49:08 Skema Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Ritorna a Rimini il locale cult degli amanti di “noir”, vampiri e Transilvania. Da domani si torna a Rivazzura per un aperitivo o una cena allo “Zombie”. Luogo pensato e realizzato da “Ice Ferri” e dedicato al maestro dell’horror, Dario Argento

 

www.facebook.com/zombiepub

 

Rimini, 5 maggio 2016 – Avete mai mangiato una piada, comodamente seduti su una bara, davanti a un tavolo in tutto e per tutto simile a una stele funeraria? Non siamo sul set di “The Walking Dead”, uno sei serial TV più seguiti sul pianeta, ma nella sala dello “Zombie”, pub e ristorante creato a Rimini (Rivazzura) da “Ice Ferri” e da domani sera aperto a tutti gli amanti del dark o di emozioni, certamente, da brivido.

 

L’avventura era iniziata nel ’96 a Misano con il primo “Transilvania Horror Kafè”. Il format si era trasformato in una catena di 18 locali di successo, arrivati fino a Barcellona, Amsterdam e Berlino. Una storia conclusasi 4 anni fa e che oggi riparte da Rimini con il suo nuovo capitolo: lo “Zombie”. (Apertura ogni sera da giovedì a domenica).

 

“I Transilavania erano una modello nuovo e diverso di intrattenimento e ospitalità. Dario Argento, il suo cinema, le sue atmosfere erano ispirazione e riferimento delle nostre serate – spiega Ice Ferri, al secolo Umberto Ferri – oggi per molti aspetti sembra di vivere in un mondo ingessato, fermo. Lo Zombie gioca su questa sensazione e tanti  “ex ragazzi” degli anni ’90, che avevano vissuto le serate di Misano e degli altri locali sono già entrati in contatto con noi e aspettano la riapertura di domani. In un sola settimana la nostra nuova pagina Facebook ha già raccolto 500 mi piace”.

 

E l’atmosfera del pub è “chiara” anche sfogliando il menù della sua cucina. Pane arabo, crudo mozzarella e pomodoro, diventano un “Fester” in memoria della “Famiglia Adams”, con peperoni, melanzane e zucchine, un “Mephisto”. Anche il barman, non potrebbe essere altrimenti, non serve “Mojito” ma “Vampirito” e dedica a Dario Argento il suo pezzo forte: il “Suspiria”.

 

 

Per informazioni/prenotazioni : Sabrina 3459433940

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl