La droga causa violenza e disperazione nelle famiglie

31/dic/2020 13:56:15 Celebrity Centre Firenze Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 30 giorni fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Le crisi di astinenza sono terribili, insopportabili: spasmi, dolori, ansia, insonnia, panico, azioni inconsulte, allucinazioni. Possono durare anche più di una settimana. Ovvio che un tossicodipendente, pur di evitare il tormento dell’astinenza, è disposto a tutto pur di farsi un’altra dose.

La cronaca racconta spesso di episodi di violenza legati alla droga, i più eclatanti sono legati alle lotte cruente tra bande rivali di spacciatori che si contendono i quartieri cittadini. Ma la droga genera anche violenza casalinga: specialmente in occasione delle crisi di astinenza, non è infrequente che genitori vengano malmenati e che interi appartamenti vengano messi a soqquadro.

È il caso di una ragazza tossicodipendente di Terni, che durante l’astinenza ha causato una violentissima lite familiare sedata dai Carabinieri intervenuti sul posto. La giovane ha anche strattonato i carabinieri, e nell’appartamento era presente un amico della ragazza, trovato in possesso di metadone e di una siringa, con i chiari segni di una recente iniezione sul braccio.

Possiamo immaginare la disperazione della madre della giovane: minacciata, insultata e costretta ad assistere a scene terribili e devastanti. La droga non distrugge solo le menti e i corpi dei singoli individui, ma anche il benessere e l’integrità delle famiglie.

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga e l’alcool non costituiscano più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o se ne promuova l’uso. Un giovane informato si rifiuterà anche di assumere gli psicofarmaci, in quanto sarà al corrente che si tratta di droghe, altrettanto dannose come quelle spacciate in strada.

Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione: la lotta all’abuso di sostanze stupefacenti è una delle principali campagne sociali della Chiesa. Il fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.”

Giovanni Trambusti

“Un Mondo Libero dalla Droga” Toscana

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl