Il mondo violento, e mortale, dello spaccio di droga

12/mar/2020 12:59:23 Celebrity Centre Firenze Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 30 giorni fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Luigino Moriconi detto “Giggi” era un 52enne romano risucchiato nel giro del traffico di droga, faceva da “pusher” e da palo nella banda del Biondo e di Wolly. In seguito a uno sgarro, fu picchiato con inaudita violenza nel novembre 2019. Dopo mesi di agonia e di coma, è recentemente deceduto per le conseguenze dei traumi subiti. Lo sgarro è una grave imprudenza se si lavora con dei professionisti che incassano 300.000 euro al mese grazie allo spaccio di crack, cocaina, marijuana e hashish.

I metodi mafiosi della banda erano noti da tempo: i clienti venivano derubati se insolventi, i pusher o le vedette pestate se insubordinati. Addirittura un acquirente non solo era stato rapinato perché insolvente, ma era stato poi ricattato e costretto a spacciare per loro conto.

Come contrastare questo mondo di violenza, degrado e morte? Come evitare che i giovani passino dal consumo occasionale a quello abituale o addirittura allo spaccio? Il contrasto delle forze dell’ordine è essenziale, ma sarà vano se non affiancato da una pervasiva opera di prevenzione che faccia da argine per le nuove generazioni.

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Un ragazzo informato, che pensa con la sua testa, pretenderà che gli sia dato un aiuto sincero, reale e naturale, senza ricorrere a droghe e farmaci dannosi. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti e degli psicofarmaci. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia di ragazzi toscani delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl