Droga e suicidio, un binomio tragicamente connesso

13/feb/2020 02:46:08 Celebrity Centre Firenze Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 6 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Emanuele Ghidini, morto suicida nel 2013 dopo aver assunto LSD. Partecipò ad una festa, assunse LSD e comincio a percuotersi la testa con un manubrio da palestra dicendo “Voglio morire”. Di lì a poco, la notte stessa, si suicidò buttandosi in un fiume.

Casi come quello di Emanuele non sono rari, la maggior parte delle droghe (incluso la marijuana attualmente in commercio) causano comportamenti psicotici e aumentano le tendenze suicide.

Da uno studio dell’Università di Manchester, che ha studiato i casi di 145 suicidi di giovani sotto i 20 anni, si apprende che tre quarti dei ragazzi faceva uso di cannabis, e un terzo di loro faceva uso di alcool o altre droghe da strada. Non si contano poi gli psicofarmaci che, nel foglietto illustrativo, dichiarano “Pensieri suicidi” tra gli effetti collaterali: Zarelis, Ritalin, Tofranil, Fluoxetina e molti altri.

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Un ragazzo informato, che pensa con la sua testa, pretenderà che gli sia dato un aiuto sincero, reale e naturale, senza ricorrere a droghe e farmaci dannosi. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti e degli psicofarmaci. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia di ragazzi toscani delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl