La marijuana è una sostanza tossica

03/set/2020 10:13:22 Celebrity Centre Firenze Contatta l'autore

La marijuana è stata etichettata come “droga leggera” per far credere che fosse innocua e che le sue proprietà fossero unicamente positive. Lo scopo è quello di promuoverne l’uso ricreativo di massa, come sta avvenendo in Colorado negli USA. Lungo le strade di tutto lo stato si vedono centinaia di enormi cartelli pubblicitari con slogan promozionali che invitano ad andare a drogarsi nei locali e nei negozi dove, legalmente, si vende lo stupefacente.

La verità sulla marijuana è che si tratta di una sostanza tossica. Se è vero che il sovradosaggio molto raramente porta alla morte, sono invece frequentissimi i ricoveri ospedalieri per “intossicazione da cannabis”. I sintomi di intossicazione acuta sono difficoltà d’attenzione, alterazioni della sfera cognitiva e psicomotoria, euforia, confusione, disorientamento, delirio, variazioni dell’umore, incremento della frequenza cardiaca a riposo, incremento dell’appetito soprattutto verso i cibi al elevato contenuto di zuccheri, tremore. Meno spesso possono comparire cefalea, nausea e vomito. Nei casi peggiori l’intossicazione da marijuana può indurre panico e allucinazioni fino a psicosi acuta e al coma.

L’uso cronico è associato a “ideazione paranoide” e, nei soggetti con età compresa fra 14 e 21 anni, ad un incremento di comportamenti che portano a furto, crimini violenti, suicidio rispetto a chi non ne fa uso. Inoltre, l’uso frequente di Cannabis verso i 14-15 anni comporta un rischio più elevato di ansia verso i 20-21 anni, in particolare nei soggetti di sesso femminile.

Inoltre è stato calcolato che i danni ai bronchi in chi fuma abitualmente 3-4 sigarette di Cannabis (canne o spinelli), siano paragonabili a quelli riscontrati in chi fuma 20 o più sigarette di tabacco. Come se non bastasse, l’abuso id marijuana ha determinato una riduzione del peso degli organi riproduttivi (utero o testicoli).

Il futuro della nostra società dipende interamente dall’educazione che diamo ai giovani. Tale educazione non può non includere una corretta e veritiera informazione sulla droga: è vitale arrivare ai ragazzi prima che gli spacciatori gli raccontino le balle più colossali sulla droga al solo scopo di far soldi o di compromettere il loro futuro. Tutte le droghe sono sostanze tossiche, senza eccezioni. Anche le droghe cosiddette “leggere” sono droghe, sono sostanze tossiche che alterano il funzionamento del corpo e della mente.

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga e l’alcool non costituiscano più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o se ne promuova l’uso. I giovani devono conoscere la dura verità: dove gira la droga, c’è spesso crimine e perversione sessuale.

Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti e degli psicofarmaci. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia di ragazzi toscani delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl