bandiera pace, solidarietà a pacifista per vergognosa sanzione

16/dic/2012 18:35:02 Giovanni Barbera Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Ufficio Stampa Cons. Giovanni Barbera
Presidente del Consiglio del Municipio Roma XVII
componente Consiglio Federazione Sinistra di Roma

Tel: 380 7119234 - E-mail: 
g.barbera67@libero.it

 

COMUNICATO STAMPA

BANDIERA PACE, BARBERA (PRC-FDS):

“SOLIDARIETA’ A PACIFISTA PER VERGOGNOSA SANZIONE"


"Esprimiamo la nostra più sincera solidarietà  a Nella Ginatempo, nota esponente del movimento pacifista, per la vergognosa iniziativa del suo condominio che l’avrebbe multata per aver esposto la bandiera della pace appartenuta a suo marito, l’artista, Melo Franchina, scomparso due anni fa. La motivazione formale è che avrebbe violato il regolamento condominiale. Non sappiamo cosa preveda nello specifico tale regolamento, ma è evidente che tale sanzione non può che essere pretestuosa. La bandiera della pace  rappresenta ormai un simbolo universale ed è difficile pensare che la sua esposizione sul balcone possa giustificare una sanzione, tanto più che quell’immobile fu costruito nei primi del 900 proprio da una cooperativa di lavoratori socialisti che oggi si rivolteranno nella tomba per questo affronto alla loro storia". Lo dichiara Giovanni Barbera, presidente del Consiglio del Municipio Roma XVII e rappresentante del Prc-Fds. “Ha fatto bene Nilla Ginatempo �“ continua Barbera -  a denunciare pubblicamente tale episodio e invitiamo i suoi vicini, ma anche tutti i cittadini romani, ad esporre nuovamente  quella bandiera che in questi anni è stata tragicamente calpestata e insaguinata dai governi che si sono succeduti e dallo stesso presidente della Repubblica, visto che l’art. 11 della nostra Costituzione, che sancisce il ripudio della guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie, è stato violato sistematicamente. Le finte “missioni di pace”, in cui siamo ancora oggi tragicamente coinvolti, lo testimonia clamorosamente”.

 

 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl