GAY PRIDE: Il popolo sovrano richiede al Presidente del Consiglio leggi di uguaglianza e rispetto dei diritti civili.

08/giu/2014 11:36:01 luca pagni Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

GayPride

Anche quest'anno il GAY PRIDE ha colorato le strade di Roma Capitale.

Il popolo sovrano richiede al Presidente del Consiglio leggi di uguaglianza e rispetto dei diritti civili.

Sabato 7 Giugno 2014, il Coordinamento Roma Pride ha lanciato un video per ricordare al Presidente del Consiglio Matteo Renzi gli impegni presi con la comunità Lgbtqi durante le primarie del Partito Democratico e subito prima di sostituire al Governo Enrico Letta.

Passate le campagne elettorali, nell’operato del Governo molte persone non solo omosessuali non trovano più traccia di diritti civili e leggi di uguaglianza. Un atteggiamento in perfetta continuità con quella politica sempre prodiga di parole e di promesse, poi puntualmente disattese, che lo stesso Renzi durante la corsa per la leadership del PD ha più volte stigmatizzato, impegnandosi a imporre i temi dei diritti civili anche alle altre forze di maggioranza.

I cento giorni sono passati e unioni civilistep child adoptionlegge contro omotransfobia e ius soli sono letteralmente scomparsi dall’agenda di Governo e Parlamento. Sono queste le prime promesse non mantenute del Governo Renzi, che sul fronte dei diritti si pone in perfetta continuità col passato. Anche all’indomani della grande affermazione del PD alle elezioni europee, che potrebbero dargli la forza per portare avanti questi temi, Renzi ha rassicurato gli alleati e cancellato i diritti civili dal suo elenco di priorità. Facendo ciò, non solo straccia un impegno, ma dimostra di non aver capito come i diritti, sociali e civili, siano indispensabili alla rinascita economica e civile del nostro Paese.

Non si tratta solo di impegni accantonati. Registriamo infatti dei preoccupanti arretramenti: a quasi 4 mesi dal suo insediamento il Governo non ha ancora assegnato una delega alle pari opportunità, dimostrando una pericolosa assenza di politiche, di idee e di coraggio in un settore in cui l’Italia è notoriamente arretrata. Solo ieri, poi, la ministra dell’istruzione, Stefania Giannini, ha annunciato per settembre la revisione delle linee guida per gli interventi contro omofobia e transfobia nelle scuole, assecondando le richieste restrittive e retrograde delle associazioni integraliste. Una politica che mette a rischio i programmi di educazione alla diversità e di contrasto al bullismo che le associazioni e le scuole portano avanti da decenni con coraggio e scarsi supporti, e che si aggiunge allo stop dato dal Governo proprio all’asse educazione della strategia nazionale contro le discriminazioni affidata all’UNAR.

Gay Pride Cristiani Papa Giovanni Paolo II

 

Siamo stanche e stanche di decenni di promesse che cadono nel vuoto, di impegni non mantenuti, di una politica che mette sempre avanti altre priorità e si dimentica che quando si parla di diritti si parla della vita, dei bisogni e della dignità di milioni di persone.

 

 

Sono le nostre vite ad essere in discussione, non gli equilibri delle maggioranze o gli equilibrismi retorici delle campagne elettorali. La politica non può più giocare a nascondino con i nostri diritti. Come noi deve uscire fuori! Fuori dalle logiche del compromesso al ribasso, fuori nella società che è già cambiata e aspetta risposte.

Gay Pride

Col Roma Pride intendiamo ribadire che i diritti non si concedono, non si regalano e non si dividono. Pretendiamo che ci vengano riconosciuti pienamente e senza formule astruse e incomprensibili, senza istituti ghetto utili solo a ribadire le discriminazioni e una cittadinanza di serie b. Pretendiamo piena uguaglianza, libertà, dignità per le persone LGBTQI.

Queste sono priorità per noi e per il Paese, perché senza diritti e senza uguaglianza non c’è vera democrazia, non esiste una politica credibile e non è possibile neppure una solida e duratura crescita economica che riguardi in modo equo tutte e tutti.

 

 

Gay Pride Luxuria Vendola

 

Anche per questo domani celebreremo il ventennale del Roma Pride al grido di “Adesso fuori i diritti”, slogan che richiama polemicamente il titolo della campagna per le primarie che hanno portato Renzi alla guida del Partito Democratico e a Palazzo Chigi.

 

 

Lo faremo per ricordare a Matteo Renzi gli impegni già disattesi e accantonati, per lanciare un monito a tutta la classe politica che non mantiene le promesse e proprio per questo ha perso di credibilità. Lo faremo soprattutto per ribadire che la dignità e la parità delle persone lesbiche, gay, bisessuali e trans non possono e non devono essere sacrificate sull’altare delle larghe intese e delle opportunità di partito e che noi non ci fermeremo.

 

Gay Pride Ignazio Marino

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl