Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Partiti Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Partiti Sat, 25 Mar 2017 02:50:59 +0100 Zend_Feed_Writer 1.11.10 (http://framework.zend.com) http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/1 La Forza della Verità - Documento Ufficiale n. 216 MAT - Movimento Autonomista Toscano Thu, 23 Mar 2017 10:39:56 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/varie/426267.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/varie/426267.html Movimento Autonomista Toscano Movimento Autonomista Toscano
Si trasmette in allegato il documento in oggetto.



Ringraziando per l'attenzione, si inviano cordiali saluti.

Guglielmo de Marinis
Ufficio Stampa
MAT - Movimento Autonomista Toscano


























]]>
Comunicato stampa - Costituito a Massafra il comitato per Michele Emiliano segretario del PD Mon, 20 Mar 2017 16:32:08 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/pd_partito_democratico/425787.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/pd_partito_democratico/425787.html PD Massafra PD Massafra
PARTITO DEMOCRATICO
Circolo di Massafra

                                                  Agli organi di stampa

Si è costituito a Massafra il comitato elettorale a sostegno della candidatura del presidente Michele Emiliano a segretario nazionale del Partito Democratico.

In prossimità delle primarie del prossimo 30 Aprile, la candidatura del presidente della Regione Puglia è la vera novità politica in questa competizione.

Con Michele Emiliano, perché il cambiamento non lo si può solo annunciare ma lo si deve praticare.

La passione, la competenza e la tenacia dimostrata da Emiliano in questi anni, prima da sindaco della città di Bari e poi da presidente della Regione Puglia, saranno il valore aggiunto per il PD, per un rilancio dell’azione politica del governo nazionale, che punti ancora di più a politiche a sostegno delle fasce più deboli della società, dei lavoratori e delle piccole e medie imprese.

In questi anni abbiamo creduto che Matteo Renzi, nel suo ruolo di segretario, portasse una ventata di novità, con la sua forte leadership, e costruisse un partito aperto e inclusivo.

Dopo quattro anni, di cui molti vissuti con responsabilità di governo, e dopo la bocciatura sia della riforma elettorale che di quella costituzionale con il referendum del 4 dicembre scorso, ci aspettavamo un confronto sui temi più cogenti e di primaria importanza ma non c’è stata alcuna disponibilità del segretario e del suo più stretto “entourage” alla discussione, che invece oggi ci consegnano una Italia e un PD diviso e spaccato.

I circoli, cominciando da quelli della nostra provincia, sono per la maggior parte chiusi perché molti militanti e iscritti si sono allontanati.

Alle tante promesse per la risoluzione dei gravi problemi di Taranto e di tutta la sua provincia, sono solo seguite tante delusioni. Un esempio su tutti la mancata deroga al DM 70 per la fondamentale assunzione di personale medico e infermieristico con la rispettiva erogazione di 50 milioni a copertura delle spese.

Il Partito Democratico, in tutti i territori, deve ritornare ad essere il partito del Noi, abbandonando per sempre le logiche dell’”io”. Un partito plurale ed inclusivo. Un partito che sappia riconoscere gli errori e sappia porvi rimedio.

Pensiamo ad esempio al mondo della scuola, dove la riforma attuata ha garantito tante assunzioni, ma ha di contro, per altri motivi, trovato la ferma opposizione di gran parte di quel mondo.

Riteniamo che il PD debba ripartire dal sud e la candidatura del presidente Emiliano, uomo del sud, deve essere colta come una grande opportunità per il mezzogiorno, affinché le grandi questioni del sud ritornino ad essere una priorità nell’agenda politica del governo nazionale.

Pensiamo che una migliore azione di governo ed una migliore organizzazione del Partito richieda la suddivisione dei ruoli tra Premier e Segretario.

Un segretario che si occupi a tempo pieno della nostra comunità è indispensabile per includere, comprendere, ascoltare, coinvolgere, perché, come dice Michele Emiliano: “Noi non siamo nati per essere il partito dell’establishment, come spesso ci vede il nostro popolo, snaturando la nostra identità. Noi dobbiamo essere il partito della militanza, della strada, del generoso e appassionato attivismo politico, dei circoli aperti al volontariato e all’impegno sociale di tante ragazze e ragazzi, il partito dove formarsi, pensare insieme, essere un cervello collettivo che prende le decisioni importanti: il partito della partecipazione democratica, capace di utilizzare i nuovi strumenti tecnologici, non solo per comunicare, ma per dare vita ad una comunità, ad una rete di circoli e iscritti che, attraverso una piattaforma digitale, possa costantemente essere collegata e consultata.

Abbiamo perseguito la logica dell’uomo solo al comando, della rottura della concertazione e di quella vocazione all’intesa tanto cara ad un padre costituente come Aldo Moro, nella consapevolezza del valore del confronto come punto essenziale per la costruzione di una comunità nazionale.”

Nei prossimi giorni saranno rese note le iniziative che saranno organizzate a sostegno della candidatura del presidente Michele Emiliano.    
Per il comitato
Lasigna Domenico
Cardillo Ida
Mazzarano Michele
Rossi Lanfranco
Tristani Paolo
Mottola Giusy
Notaristefano Patrizia
Caponio Giuseppe
Notaristefano Debora
Annese Antonio
Pelillo Fernando
Salvi Luigi
]]>
COMUNICATO STAMPA Thu, 16 Mar 2017 10:28:59 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/pd_partito_democratico/425338.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/pd_partito_democratico/425338.html PD Massafra PD Massafra Comunicato stampa dei Giovani Democratici di Massafra se ne chiede la diffusione
Distinti saluti

AN

I conti non tornano al Carnevale massafrese, infatti i punteggi della 64esima edizione sono sbagliati;  un ulteriore brutta figura per l’amministrazione Quarto. Il clamoroso errore emerge analizzando i dati diffusi dal Comune, dove i punteggi delle classifiche sono errati, di conseguenza è sbagliata l’attribuzione dei premi.
Il punteggio secondo il bando dell’edizione del 2017, scaturisce per l'80% dalla valutazione di un'apposita giuria di esperti e per il 20%  dalla giuria popolare, ovvero con i "mi piace"  sulla pagina ufficiale "Carnevale di Massafra" su Facebook. Dal bando è chiaro che il voto della giuria degli esperti vale quatto volte quello della giuria popolare; invece analizzando la classifica ufficiale la valutazione è stravolta. In diversi casi il voto della giuria vale meno della metà del voto degli esperti. Infatti ci sono stati casi in cui delle performance premiate dalla giuria si sono trovate stranamente infondo alla classifica.  Inoltre risulta ovvio che la somma massima che si può raggiungere è 100, mentre le classifiche sono piene di punteggi iperbolici che arrivano quasi a toccare  quota 300. 
L’errore è banale ma non per questo meno grave. Le incongruenze riguardano il voto via Facebook, infatti nelle classifiche si è fatto semplicemente il 20% del totale dei “mi piace” e poi è stato sommato all’ 80% dei punteggi dati dalla giuria tecnica. Questa è un operazione senza un significato logico poiché si sono sommate due cose diverse fra loro. I voti delle due giurie, dovevano essere dapprima omogeneizzati e ripartiti, solo in seguito sommati.
L'errore della definizione del voto della giuria popolare ha distorto in particolare il risultato della classifica dei gruppi mascherati e per questo la classifica va totalmente riscritta.
Infatti come riferito dall'assessore Bommino, durante la cerimonia di premiazione del 12 marzo, il vincitore è il gruppo PETER PAN E L’ISOLA CHE NON C’È… I BAMBINI NON SI TOCCANO di Amici del Carnevale di Lizzanello che totalizza 247 punti. Questo punteggio risulta "dopato" perché il gruppo salentino ha  una sola valutazione ottenuta  dalla giuria degli esperti, rispetto alle due degli altri gruppi, ma  a quei voti sono stati sommati 208 voti che provengono dall'errore di valutazione del 20%. L'errore diventa quindi fondamentale per l'attribuzione della vittoria.  Per cui la classifica diramata dal Comune non può essere corretta per via dell'errore. La classifica, secondo noi,  corretta dovrebbe essere: 1° 80 VOGLIA DI FITNESS di Gamarro Giuseppe 2° SCACCO MATTO AL RE di Termite Nadia 3° PETER PAN E L’ISOLA CHE NON C’È… I BAMBINI NON SI TOCCANO di Amici del Carnevale di Lizzanello 4° CIRCA PANZA VACAND di Carone Luigi e 5° TRA IL FUTURO E IL PRESENTE, IL PASSATO È PIÙ DIVERTENTE di Gianfreda Antonio. 
Fortunatamente nelle altre categorie tutti i  primi classificati, nonostante l’errore,  non cambiano, perché il loro successo è stato netto ed hanno saputo convincere esperti e pubblico. Il problema si riscontra nel concorso per le vetrine originali  dove, ad esclusione del primo posto, la classifica va rivista. 
Risulta  fondamentale correggere quest’errore tempestivamente perché si tratta di un concorso a premi in denaro e il Comune deve ricompensare i gruppi in base alla postazione raggiunta. Ovviamente la classifica deve essere prima corretta.
Noi dei Giovani Democratici abbiamo corretto le classifiche (in allegato) con un algoritmo, riportando i valori fino al terzo decimale,  e le abbiamo inviate al Comune. Come per il bilancio partecipato, dove abbiamo prontamente evidenziato che  era possibile “taroccare” il voto on line con e-mail false, abbiamo subito denunciato questo nuovo errore nella classifica della 64esima edizione del Carnevale massafrese  sempre spinti dal principio di trasparenze e onestà.

Giovani Democratici di Massafra
]]>
PORTUENSE INCENDIO BARACCA NOMADI, GARIPOLI (FDI): RESPONSABILIT E SICUREZZA TORNINO AD ESSER PRIORITA' Wed, 15 Mar 2017 13:02:18 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/alleanza_nazionale/425212.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/alleanza_nazionale/425212.html Valerio Garipoli Valerio Garipoli
Più volte anche in questa consiliatura - continua Garipoli - abbiamo chiesto al Presidente Torelli, alla Giunta Municipale, al Segretariato Sociale e ai Gruppo XI e XII Polizia Locale di monitorare l'area di riferimento - che confina appunto con il Municipio XII - mettendo in essere tutte le azioni volte allo sgombero definitivo delle baracche abusive dei senza fissa dimora.

L'amministrazione e Maggioranza M5S municipio XI - ribadisce Garipoli - sembra davvero aver sottovalutato questa volta la situazione definendola per di più (così la risposta in Aula di Consiglio dell'Assessore alle Politiche Sociali e dell'Integrazione Marina Voudouri ad una interrogazione del 27.9.2016 prot. n. 79941 del sottoscritto come Capogruppo di Fratelli d'Italia) non prioritaria ed emergenziale. Tale però non è sembrata visto il rogo divampato ieri nelle baracche a causa della mancanza di qualsiasi sistema di sicurezza.

La tragedia annunciata - conclude Garipoli - non può che rammaricare per la morte del cittadino romeno, ma non può far perdere di vista la reale situazione emergenziale delle baraccopoli e degli insediamenti abusivi di rom, sinti e caminanti su tutto il territorio municipale. Serve una chiara politica di sgomberi e chiarezza governativa sul piano dell'integrazione affinché ogni episodio non diventi una tragedia ed una criticità sociale e di ordine pubblico.


]]>
Sierrasil Canada is a successful common supplement that is clinically demonstrated to bolster joint wellbeing. Thu, 09 Mar 2017 13:39:33 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/la_sinistra_l_arcobaleno/424548.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/la_sinistra_l_arcobaleno/424548.html Vitasave Vitasave Sierrasil is a pure all natural powder which has got minerals like calcium, iron and other traces which are vital in our bodies. Sierrasil is known for ease of joint and muscle aches, reduce of stiffness and helps to prevent cartilage breakdown which is associated with exercise and movements. It also has healthy promoting detoxifying properties since it is rich with clay mineral structures. This is why it is recommended to those who wants to renew and improve joint flexibility and their mobility and the comfort.

Sierrasil Canada is therefore known for supply of body with a vital mineral which are required for thousands daily biological functions like energy production , cell formation , nerve transmission blood formation and even regulation of alkaline-acid balance hence you find that minerals are required in our bodies in overall structure and functioning. In those people with joint problem sierrasil will work as a natural anti-inflammatory to curtail cartilage breakdown and ease the muscle stiffness.

It is also used in promoting of healthy in general, like in gastrointestinal tract to those with digestive syndrome, acidic reflux diverticulitis, flatulence, diarrhea, constipation and bad breath. Most of have tangible benefits within a period of two weeks on a daily basis dosage program.

Sierrasil is suitable for both stand alone supplement and a program component, and it issued with complementary like glucosamine. Sierrasil formula can be taken with water for at least half an hour or an hour before or after a meal or any other beverage. This can also be followed by drinking a minimum of 8 glasses of water per day as it will support a multiple health benefits of the sierrasil joint formula.

About Vitasave

Vitasave is one of the finest and most popular online supplement stores. It is an online stop for all healthy supplements for longer and healthier living. For pregnant women they should consult with physician before using this or dietary supplement. Either you are not allowed to use it if the inner seal is missing or broken. These supplements are available at vitasava.ca for those who require them they can purchase from online where they are offered at a discount plus free shipping to the owners destination.

Vitasave

106 – 375 Lynn Avenue

North Vancouver, British Columbia

CANADA, V7J 2C4

1-888-958-5405

info@vitasave.ca

https://www.vitasave.ca/

]]>
Coordinamento Donne Democratiche su l'8 Marzo e in ricordo di Paola Clemente Mon, 06 Mar 2017 15:34:56 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/pd_partito_democratico/424050.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/pd_partito_democratico/424050.html PD Massafra PD Massafra
Agli organi di stampa

In occasione dell'8 marzo all'amministrazione comunale di Massafra  vogliamo chiedere di dedicare uno spazio pubblico alla memoria di una nostra conterranea, Paola Clemente, donna, madre e lavoratrice, uccisa dal caporalato.

Paola Clemente, 49 anni, era una bracciante di San Giorgio Jonico e la sua storia non è dissimile da quella di tante altre sue colleghe, nostre concittadine che ogni giorno ripetono le stesse litanie.  Bisogna fermarsi un attimo ad ascoltare la sua storia perché, purtroppo, ha un tragico epilogo.
Come le altre è una storia di ordinaria schiavitù, accaduta nella Puglia della pizzica e delle "chiangaredde", delle masserie di lusso per i vip, delle affollatissime discoteche sulle spiagge, ma finisce un 13 luglio al Sud, con un infarto letale alla fine di un'estenuante giornata di acinellatura sotto i 42 gradi di un "tendone".
Ma oggi Paola ha ricevuto giustizia.
I suoi sfruttatori, per la prima volta per un reato di questo tipo, sono in carcere grazie  alla L 199/2016 contro il Caporalato,
recentissima vittoria di civiltà!
Dovremmo dedicare questo 8 marzo a Lei e alle sue 40.000 colleghe pugliesi che, in un circolo vizioso di sfruttamento difficile da interrompere, migrano ancora quotidianamente da un campo all'altro della nostra lunga regione.
Per dare un senso a quel "sacrificio" che toglie la vita, gli affetti e il futuro, perché non ci sia un'altra estate di drammi  e perchè il lavoro, ancora oggi, piuttosto che liberare, non uccida le donne come alla "Triangle" nel 1911!

Che si ispiri a una "rivoluzione" come quella del febbraio (marzo per il nostro calendario) di 100 anni fa, in Russia, quando operaie e madri di famiglia scesero in piazza contro la guerra.
Chiedevano pane, pace per i loro figli e diritti per se stesse, sfidando polizia e esercito.
Poco dopo lo Zar abdicò e fu arrestato.
Una  rivoluzione nata a marzo non poteva che avere volti femminili: tra la folla c’erano femministe liberali e bolsceviche, operaie e intellettuali, maestre, aristocratiche, mogli dei soldati, e tante «donne affamate che chiedevano pane»
Che siano queste "eroine" il riferimento del nostro 8 marzo, per portare avanti la "rivoluzione" di civiltà che solo le donne possono fare perché esse "erediteranno la terra" ed essendo più attrezzate a cogliere le opportunità che hanno di fronte, la renderanno un posto migliore.

Debora Notaristefano, Coordinamento Donne Democratiche
Ida Cardillo, Consigliere Comunale PD
]]>
MAGLIANA GARIPOLI (FDI): INTERROGAZIONE SULLO "SKATE PARK" IN LARGO COLLODI Mon, 06 Mar 2017 15:25:26 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/alleanza_nazionale/424045.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/alleanza_nazionale/424045.html Valerio Garipoli Valerio Garipoli
Nel 2013 infatti - continua Graipoli - a Largo Collodi alla Magliana nasceva sotto la Presidenza di Gianni Paris del PD il primo “Skate Park” progettato e realizzato dal Municipio XI. I lavori di predisposizione e gli arredi urbani acquistati per l’installazione della pista sono costati circa 60.000 euro. L’opera pubblica, per di più, non è mai figurata in bilancio poiché le risorse necessarie vennero reperite dalla manutenzione ordinaria a disposizione degli uffici tecnici del Municipio XI.

Questo spazio - ribadisce Garipoli - dove risultano le seguenti strutture: 4 rampe "bank" (di cui una parabolica), 1 pedana gradonata "stepcurb", 2 rampe "kicker", 2 barre "flat rail e un materasso antiurto, nasceva come occasione per i giovani e i cittadini di tutta la città di incontrarsi, divertirsi e cimentarsi in questa attività sportiva.

Nulla di tutto questo vedendo la recinzione e pavimentazione divelta e le scritte sulle strutture stesse. Per di più risultano rifiuti ed un certo stato d’abbandono e degrado.

Fratelli d'Italia - conclude Garipoli - con un 'interrogazione chiede all'attuale Presidente Torelli se non intenda far intervenire gli uffici con un provvedimento di urgenza al fine di programmare la ricognizione patrimoniale della seguente aree verde e ludica (P-8252-AA) al fine di predisporre le risorse necessarie alla sua manutenzione. Chiediamo inoltre di comunicare ai cittadini attraverso un report le attività sin qui svolte per capirne le reali esigenze ed opportunità sul territorio municipale. E' giusto che ognuno si assuma le proprie responsabilità nella gestione delle risorse, affinché a pagare non siano sempre i cittadini con i soldi pubblici.








Inviato da iPhone
]]>
Leading Kitchen Equipment Supplier Offers Quality Commercial Products Fri, 03 Mar 2017 10:04:06 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/udc/423739.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/udc/423739.html aldisrou aldisrou For those in the market for new, state-of-the-art commercial kitchen supplies, one of the leading companies is Scots Ice Australia. Selling professional catering equipmentat affordable prices, Scots Ice Australia ensures that you get the highest quality products for affordable prices.

Scots Ice Australia prides themselves on selling world leading brands such as Scotsman Ice Systems, Firex, Baron Professional Cooking Equipment, Polaris Refrigeration and much more. When starting a business, you need many different types of commercial kitchen supplies. This is why Scots Ice Australia provides you with the most reliable products.

Moduline has a wide range of professional catering equipment made in Italy. This brand continues to update their products to meet the needs of the ever changing food industry.

Scotman Ice Systems provides state-of-the-art ice machines. These machines are sold around the world. Scots Ice offers a wide range of Scotsman ice machines to choose from.

The staff at Scots Ice Australia can help you choose the best machines for your business. They have the knowledge and experience to guide you to the right commercial kitchen supplies. They ensure that you get quality products for your budget. They also offer service throughout the country in the event you have an issue with your machine. Contact them today to learn more.

About Scots Ice Australia

Scots Ice Australia is one of the leading commercial kitchen suppliesprovider. They offer a wide range of leading brands in professional catering equipmentincluding refrigeration, ice machines, fryers, dish washers and much more. Scots Ice Australia ensures that you are getting high quality products for affordable prices. If you are interested in learning more about Scots Ice Australia or to view their products, visit their website at ScotsIce.com.au.

Contact Us:

Scots Ice Australia

Unit 5/175-179 James Ruse Drive
ROSEHILL NSW 2142
Entrance via Grand Avenue North
1800 222 460

Fax: (02) 9638 5277

info@scotsice.com.au

http://www.scotsice.com.au/

]]>
MIS TOSCANA Thu, 02 Mar 2017 23:31:26 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/varie/423686.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/varie/423686.html M.I.S. TOSCANA M.I.S. TOSCANA La segreteria regionale del MIS Toscana esprime solidarietà al Segretario Nazionale Raffaele Bruno per il vile attacco ricevuto dai delinquenti dei centri sociali. Ci attendiamo una ferma condanna non solo dalle istituzioni politiche ma anche dagli organi di giustizia.
Il Segretario Regionale
Avv. Marco Tarelli

]]>
PALME IN PIAZZA DUOMO Mon, 27 Feb 2017 19:02:33 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/lega_nord/423091.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/lega_nord/423091.html PALME IN PIAZZA DUOMO PALME IN PIAZZA DUOMO

Palme in piazza Duomo: Da un cittadino bolognese che ama Milano e detesta la mancanza di decoro ed il cattivo gusto.

 

Mi chiedo cosa possa essere passato per la mente di colui che ha autorizzato questo “Nobel” del cattivo gusto. Immagino con rammarico lo stupore degli milanesi quando, passando per la “Loro Piazza” si sono ritrovati come per incanto a Khartum.

 

Ora, le palme di per se sono bellissime piante ma, culturalmente, non hanno nulla, assolutamente nulla a che vedere con una città mittle europe come Milano. Un giardino tropicale collocato nella piazza simbolo della città. Ma chi ha preso questa sciagurata decisione ? La giunta comunale ? il Sindaco ? Starbuks ? Chiunque sia stato è giusto che si renda conto che ora ha il 70% dei cittadini contro. Quindi, che si tratti di voti persi o di  disaffezione al famoso brand americano di caffè, mi viene da pensare che non sia stata una buona idea.

 

Ma ora veniamo all’auspicata soluzione.  Cosa faranno i cittadini milanesi di buon senso ? Quelle palme ovviamente devono sparire, senza gesti dissennati, senza gesti sconsiderati, senza vandalismi inutili come appiccare il fuoco durante la notte ma devono sparire. In maniera ragionevole e civile, i cittadini milanesi devono trovare il modo di far tornare quelle palme da dove sono arrivate. 

 

E giusto per chiarire, è Il tiglio l’albero adeguato alla latitudine di una città mittle europea come Milano.

 

Un abbraccio a tutti i milanesi.

 

Massimo V.

]]>
MUNICIPIO XI, GARIPOLI - ROCCA (FDI): CONTESTAZIONE AL SINDACO PER CASE AI ROM. PRIMA GLI ITALIANI Tue, 21 Feb 2017 18:40:51 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/alleanza_nazionale/422323.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/alleanza_nazionale/422323.html Valerio Garipoli Valerio Garipoli

Oggi pomeriggio il Gruppo di Fratelli d'Italia in Municipio XI ha contestato presso la Sala del Consiglio in Via Mazzacurati 75  a Corviale la presenza del Sindaco Raggi e dell'Assessore alla Persona Scuola e Comunità Solidale Laura Baldassarre nell'incontro di ascolto sul nuovo Piano Sociale Cittadino sulla tematica Rom, Sinti e Caminanti, così in una nota Valerio Garipoli e Federico Rocca rispettivamente Capogruppo e Responsabile Enti Locali di Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale Circoli Patria e Libertà.

La protesta - continuano Garipoli e Rocca - si è articolata su un riferimento ben preciso come la Delibera n.117 del 16 dicembre 2016 che sancisce la chiusura de campi nomadi e l'inclusione delle popolazioni Rom, Sinti e Caminanti predisponendo tra gli assi le linee d'intervento n.2 e n.4 in riferimento al lavoro ed occupazione e all'accesso all'abitazione.

Al Sindaco Raggi - ribadiscono Garipoli e Rocca - abbiamo ricordato inoltre come molte famiglie italiane e romane (circa 10.000) sono ancora in emergenza abitativa ed in graduatoria in attesa di un alloggio popolare in base alle domande presentate al 31 dicembre 2013 e come l'Ater (L'Agenzia Territoriale per l'Edilizia Residenziale di Roma Capitale) sia ancora commissariato senza esser più in grado di gestire la dinamica degli alloggi, dei servizi e la reale esigenza dei cittadini italiani. Per di più soltanto una sanatoria della Regione Lazio (ultima con Legge Regionale n. 27 del 28/12/2006) sarebbe in grado di colmare i vuoti e le anomalie anche delle situazioni di illegalità e di morosità incolpevole.

Siamo sempre più convinti - continuano Garipoli e Rocca - che il percorso d'integrazione sia abbastanza complicato senza aver risolto prima le criticità e le difficoltà dei nuclei familiari e cittadini italiani e romani ancora in attesa di risposte per quanto riguarda il diritto alla casa e al lavoro. La politica assistenzialista da una parte e la logica senza organizzazione degli sfratti dall'altra stanno portando la città alla deriva sociale ed ad una guerra tra poveri.  Alla chiusura dei Villaggi della Solidarietà deve seguire un attenta verifica anagrafica, patrimoniale (con presentazione iSEE), economica e giurisprudenziale dei nomadi tale da sancire soltanto alla fine dell'iter amministrativo chi possa davvero esser in grado di stare sul territorio nazionale, chi sostare temporaneamente in apposite piazzole delimitate e chi deve far ritorno nel paese d'origine.  

Il sistema di assegnazione delle case popolari a Roma è capitolato oramai da tempo - concludono Garipoli e Rocca - e la giunta Raggi non sembra avere la capacità necessarie per gestire la crisi. Le istituzioni sono pressoché inesistenti e troppo lontane dai cittadini italiani che spesso si trovano costrette a vivere in situazioni drammatiche e paradossali.







Inviato da iPhone
]]>
Comunicato stampa dei Giovani Democratici di Massafra Sun, 19 Feb 2017 11:39:12 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/pd_partito_democratico/421966.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/pd_partito_democratico/421966.html PD Massafra PD Massafra


Comunicato stampa dei  Giovani Democratici di Massafra se ne chiede la pubblicazione

AN



Bilancio partecipato, ancora intoppi dopo una settimana non si conoscono ancora i vincitori. 

L'amministrazione Quarto si è dimenticato del Bilancio Partecipato “La Massafra che vuoi Tu! Mettici le Idee”, la votazione si è conclusa il 12 febbraio e dopo una settimana non si conoscono ancora i progetti vincitori. Ci chiediamo il perchè di questo ritardo che mina la credibilità e la trasparenza di tutto il progetto. Delusi i tanti cittadini che hanno partecipato e votato al concorso, che si chiedono che fine faranno le loro idee e dove sia finito il loro voto.

L'amminstrazione sta facendo un pasticcio sul bilancio partecipato, un'iniziativa copiata da altri comuni senza però capire concretamente finalità e metodologie.

Noi GD, da subito, abbiamo voluto vederci chiaro sulla proposta, vista la mancanza di fondi e modalità non inclusive . 

L'amministrazione ha sbagliato le modalità di voto, corrette solo grazie alla segnalazione dei Giovani Democratici; ha sbagliato nel non includere tutti i cittadini, anzi ha escluso i tanti cittadini che non hanno la connessione internet; ha sbagliato perchè non ha detto quali somme destinare per i progetti, per poi far ammettere al sindaco che le risorse non saranno sufficienti.

Ed ora continua a sbagliare non comunicando i risultati della votazione popolare del Bilancio Partecipato alimentando il dubbio e la sfiducia.

Chiediamo all'amministrazione che sia subito data notizia dell'esito della consultazione del concorso “La Massafra che vuoi Tu! Mettici le Idee”, iniziato il 23 gennaio, poi sospesa e ripresa il 25 gennaio, e conclusa il 12 febbraio.

Inoltre chiediamo che nel conteggio dei voti si tenga conto solo del parere dei cittadini di Massafra dai 16 anni in su. Per la trasparenza si chiede che i voti e i votanti siano resi pubblici, il tutto sempre, nel rispetto della privacy.

Infine chiediamo che i progetti più votati siano realizzati.


Giovani Democratici di Massafra

]]>
Comunicato stampa e proposta del PD di Massafra su Carnevale Tue, 14 Feb 2017 08:40:05 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/pd_partito_democratico/421245.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/pd_partito_democratico/421245.html PD Massafra PD Massafra
PARTITO DEMOCRATICO
Circolo di Massafra

                                                  Agli organi di stampa

Un Consiglio Comunale senza idee e prospettive sul Carnevale.
Ieri 13 Febbraio 2017 si è celebrato una assemblea del Consiglio Comunale di Massafra per discutere del Carnevale. Non è stato presentato neanche un ordine del giorno della maggioranza che individuasse le linee guida per il futuro della manifestazione. L'unico documento è stato presentato dal Partito Democratico con una proposta programmatica per trasformare il Carnevale in un evento che duri tutto l'anno. Dalla creazione della Fondazione del Carnevale alla realizzazione della Cittadella, dalla scuola della cartapesta ai capannoni per la realizzazione dei carri allegorici.

Ecco il documento con la nostra proposta:


PER LA RIFONDAZIONE DEL CARNEVALE DI MASSAFRA

Il Carnevale di Massafra è l'evento più importante per la nostra città. Ha una storia consolidata nelle vite dei cittadini, ma è anche attrazione e punto di riferimento per i paesi limitrofi.
Pensiamo che il Carnevale debba svolgersi nel periodo pre-quaresimale e non è assolutamente rinviabile ad altri periodi dell'anno, dove ne perderebbe il senso storico-culturale legato alla nostra tradizione. Comprendiamo le difficoltà della nuova amministrazione che dopo pochi mesi dall'insediamento e sopratutto dopo anni di disastri delle amministrazioni precedenti non ha avuto il tempo e il coraggio per cambiare rotta, ma auspichiamo che sia solo un periodo di transizione e che si comincino a fare i primi passi
verso un cambiamento e una rivoluzione radicale.
Arrivati alla 64° edizione, possiamo dire che il Carnevale di Massafra oggi deve principalmente il suo successo solo nella forza e nel radicamento popolare. Diversamente da altri carnevali, qui il pubblico è il primo protagonista ed è coinvolto direttamente durante le sfilate dei carri allegorici.
Il Carnevale di oggi, di certo, è decisamente cambiato. Non è più, infatti, legato alla semplice voglia di divertimento e di spensieratezza, alla rivendicazione sociale o culturale.
Essendosi moltiplicate le possibilità di divertimento, il Carnevale ha dovuto trasformarsi, aggiornarsi fino a diventare un vero e proprio evento capace di soddisfare ogni tipo di palato.
Una manifestazione così complessa richiede una macchina organizzativa capace di auto alimentarsi e, addirittura, di sfruttare l’evento come fonte economica.
Non si è riusciti finora a dare alla manifestazione un carattere nazionale tale da poter identificare la cittadina con il suo carnevale come avviene a Viareggio, Cento, Putignano, Acireale e Sciacca.
Ciò che dovrebbe essere il marchio, l’immagine della nostra città, sembra essere nascosto, occultato.
È chiaro che l'impegno che bisogna assumersi nei prossimi anni sul Carnevale deve essere quello di farlo diventare anche attrazione turistica per tutto l'arco dell'anno.
Nel Piano Strategico del Turismo della Regione Puglia (Progetto Puglia 365), Massafra deve portare le sue migliori risorse, come il suo Carnevale e la civiltà rupestre.
Anche la Regione Puglia ha già dimostrato negli anni scorsi di tenere
particolarmente alla nostra manifestazione contribuendo attivamente alle spese dello stesso.
Pertanto, il nostro Carnevale non può e non deve essere visto solo come un periodo dell'anno o come un mezzo per attrazione turistica, ma deve diventare un bene comune della nostra città, da proteggere e valorizzare.
Per questo, uno dei primi obbiettivi da raggiungere è: FUORI LA POLITICA DAL CARNEVALE, istituendo la Fondazione del Carnevale di Massafra che dovrà:
· programmare ed organizzare gli eventi carnevaleschi e le manifestazioni collaterali;
· ricercare le risorse economiche pubbliche e private per continuare a far vivere il Carnevale;
· promuovere a carattere nazionale il nostro Carnevale;
· lavorare tutto l'anno per l'organizzazione delle sfilate dei carri allegorici;
· utilizzare bandi pubblici per l'affidamento per la realizzazione degli eventi con l'obiettivo di far vivere il Carnevale durante tutto l'anno;
· organizzare gli eventi affidandosi a professionisti dello spettacolo, coordinati da un direttore artistico di rilievo nazionale;
· individuare ed intercettare le risorse economiche utili per dare una risposta definitiva alla domanda di realizzazione di strutture permanenti per il lavoro dei maestri cartapestai.
L'idea di istituire una fondazione nasce dalla natura stessa del Carnevale e dalla sua importanza. La tradizione e la cultura di questo evento, che è nel sangue dei massafresi e che li vede tutti protagonisti, fa pensare che sia necessario preservarne
anche la sua storia lunga già più di mezzo secolo che lo fa collocare tra i Carnevali Storici d'Italia.
Inoltre abbiamo molti altri esempi di fondazioni in Puglia a dimostrazione che, se ben gestite, possono dare risultati straordinari e riuscire a cogliere risorse che difficilmente il Comune o qualsiasi altro ente riuscirebbe ad ottenere.
Oggi tutti dobbiamo concorrere perché il nostro Carnevale si rialzi e trovi la sua strada. L'interesse delle forze politiche e sociali presenti nel nostro territorio deve andare in questa direzione e lasciare che la gestione venga affidata a professionisti. La politica deve intervenire solo come attività di controllo e non di gestione.
La Fondazione, autonoma da qualsiasi interesse particolare, deve creare un percorso di crescita del nostro Carnevale, programmando i prossimi cinque-dieci anni di investimenti specifici.
Innanzitutto nella realizzazione dei capannoni e della Cittadella del Carnevale.
Programmando gli eventi principali nel periodo del Carnevale, (prima dell'inizio della Quaresima) con la sfilata dei carri allegorici in primis, la realizzazione dei capannoni diventa indispensabile non solo per la realizzazione dei fantastici carri di cartapesta, ma anche per la loro conservazione durante tutto l'anno per eventuali sfilate estive.
La Cittadella del Carnevale deve diventare anche sede del Museo dove i cittadini e i turisti possano venire a conoscere la storia del carnevale oltre che ad ammirare i carri allegorici in competizione durante l'anno.
Compito del Comune di Massafra deve essere quello di individuare attraverso i mezzi urbanistici adeguati, quali il PUG, dei luoghi idonei per la realizzazione di tali strutture per le finalità indicate.
Pensiamo che ad esempio sia indispensabile creare una struttura nei pressi dell'Istituto Agrario “Mondelli” per implementare una scuola della cartapesta dove far crescere nuove generazioni di maestri cartepestai. Pensiamo che ad esempio sia necessario realizzare la Cittadella del Carnevale con i relativi capannoni in una zona
limitrofa alla città, in modo da essere facilmente raggiungibile dal centro, come nei pressi delle zone Masonghia e Parco di Guerra.
Valutiamo che dopo qualche mese di governo della città, la nuova amministrazione poteva mettere in atto i primi passi di questo progetto, invece si è lasciato coinvolgere dalle solite dinamiche che hanno distrutto sempre più il Carnevale negli ultimi 20 anni.
Confidiamo in un cambio di rotta repentino, perché già dal prossimo anno, nel 2018, si possano vedere i primi frutti di questo cambiamento sul Carnevale.
Il Carnevale è di tutti i massafresi, non di una sola parte. Farlo diventare grande sarà la più grande opera culturale che questa città possa mai realizzare.

Domenico Lasigna - Coordinatore PD Massafra
Ida Cardillo - Consigliere Comunale PD.


]]>
Comunicato stampa PD Massafra su Punto di Primo Intervento Wed, 08 Feb 2017 12:20:15 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/pd_partito_democratico/420688.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/pd_partito_democratico/420688.html PD Massafra PD Massafra

PARTITO DEMOCRATICO

Circolo di Massafra


Agli Organi di Stampa


Il Punto di Primo Intervento non chiuderà!

Il Sindaco Quarto si occupasse dei problemi quotidiani dei Massafresi invece di farsi trascinare in scurrili strumentalizzazioni sulla sanità. Si occupi dei problemi di igiene urbana e dell'incuria che è sotto gli occhi di tutti i cittadini, soprattutto di quelli che hanno creduto nel cambiamento e ora sono profondamente delusi. Anziché polemizzare con la Regione, dica invece alla Regione quali progetti di bonifica ambientale è in grado di proporre per accaparrarsi i finanziamenti messi a disposizione per i comuni che detengono discariche di rifiuti. Quarto dica come sull'emergenza ambientale che riguarda la nostra città, farà seguire i fatti alle roboanti parole della campagna elettorale.

Se intende affrontare seriamente nel merito i problemi sanitari del nostro territorio, studiasse i provvedimenti ministeriali che impongono i tagli prima di avventurarsi in polemiche con il Presidente della Regione Michele Emiliano.

Poi se vuole proprio approfondire la logica dei tagli degli anni passati, chiedesse a qualche suo improvvido alleato che gli spiegherà con quale criterio il loro "compagno di brigata" Tommaso Fiore ha deciso di chiudere l'ospedale di Massafra.

E prima di allora chiedesse a qualche "camerata di avventura" presente nella sua maggioranza per capire perché l'allora Presidente Fitto investì su Castellaneta e non su Massafra. Il Sindaco Quarto, avendo nella sua maggioranza l'intero arco costituzionale, può sapere cosa  hanno deciso sull'ospedale di Massafra negli ultimi 15 anni.

A Quarto diamo un consiglio spassionato: ognuno facesse il suo dovere di amministratore. Noi confidiamo che, come ha annunciato il Consigliere regionale Michele Mazzarano, il PPI non chiuda e anzi il presidio territoriale di Massafra possa crescere a partire dalla realizzazione del cosiddetto 'Ospedale di Comunità' grazie all'investimento di 1,5 milioni della Regione che sta consentendo i lavori di ristrutturazione in corso. Siamo certi che proprio una struttura di degenza territoriale aperta giorno e notte potrà consentire di derogare alle disposizioni ministeriali e lasciare il nostro PPI h24 e con l'attuale dotazione organica.



Coordinamento PD Massafra

]]>
Comunicato stampa GD Massafra Mon, 06 Feb 2017 23:53:53 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/pd_partito_democratico/420467.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/pd_partito_democratico/420467.html PD Massafra PD Massafra
Comunicato stampa dei  Giovani Democratici di Massafra se ne chiede la diffusione
Grazie
Distinti saluti

AN

Nel corso dell’ultimo consiglio comunale del 30 gennaio il sindaco, incalzato dal nostro consigliere comunale Ida Cardillo, ha dovuto ammettere  diverse verità sul Bilancio Partecipato. Verità che non piaceranno ai cittadini e a quanti si sono messi in gioco nel concorso d’idee.
Il primo cittadino ha affermato che le risorse economiche per il  Bilancio Partecipato sono poche e che l’amministrazione non ha una soluzione per permettere a tutti i cittadini di partecipare alla votazione.Sulle risorse economiche per realizzare i progetti non è stata fornita nessuna cifra. Facendo una  simulazione, nel caso vincessero le idee più costose, bisognerà trovare circa 100 mila euro. Quindi i progetti vincitori potrebbero non essere realizzati per carenza di fondi oppure si dovrà ricorrere, come affermato dal primo cittadino,  ad un non ben precisato progetto di finanza o a delle sponsorizzazioni. Nessuna di queste ipotesi era contemplata nel bando di partecipazione  e comunque non sono in linea con l’idea di bilancio partecipato. 
A questo, si aggiunge che nella votazione che si conclude il 12 febbraio, sono esclusi i cittadini che non hanno una connessione internet. E’ paradossale che un’iniziativa, diffusa in tutto il mondo, con il fine di includere e stimolare la cittadinanza,  non sia accessibile a tutti. Si discrimina una parte della popolazione che però con  le sue tasse  contribuisce al bilancio comunale. I dati 2014 dell’ISTAT indicano che l’Italia è agli ultimi posti  tra i paesi europei per la diffusione di Internet. La media nazionale dice che solo 6 persone su 10 sono connesse  alla rete.  In una situazione del generare come si può prevedere di fare una votazione, dove sono in ballo soldi pubblici,  solo ed esclusivamente on-line? 
Si esclude invece di includere. Un atteggiamento del genere va anche contro l’articolo 3 della Costituzione italiana.
Come Giovani Democratici da subito abbiamo puntualizzato come il sistema del Bilancio Partecipato fosse facilmente  raggirabile per cui un progetto poteva essere votato innumerevoli volte da una sola persona inventando innumerevoli identità virtuali. Siamo soddisfatti del fatto che l`amministrazione abbia recepito il nostro suggerimento per rendere il voto univoco e non l'ennesima truffa. Continuiamo, come ha già fatto il PD in consiglio comunale,  a chiedere di risolvere gli altri  problemi del Bilancio Partecipato e indicare quante risorse si intendono stanziare.

Giovani Democratici di Massafra
]]>
Comunicato stampa su Consiglio Comunale del 30 gennaio e bocciatura emendamento del PD Tue, 31 Jan 2017 10:30:48 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/pd_partito_democratico/419734.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/pd_partito_democratico/419734.html PD Massafra PD Massafra
PARTITO DEMOCRATICO
Circolo di Massafra

Agli organi di stampa


“Non c'è nulla di più diseguale che far parti uguali fra diseguali”.
Bocciato dalla maggioranza emendamento che introduceva il tetto di 10.000 euro di ISEE per usufruire delle agevolazioni delle legge n.255 del 2016 (così detta legge per la rottamazione delle cartelle)
.
Tale legge, che ha abolito anche Equitalia, ha esteso la rottamazione delle sanzioni e degli interessi di mora relativi ai tributi locali (per tutte quelle cartelle notificate dal 2000 al 2016) anche a quei Comuni che gestivano le riscossioni direttamente o tramite altri concessionari (con ingiunzioni di pagamento), previa approvazione di un regolamento che ne definisca le modalità.
Nel corso dell’assemblea del Consiglio Comunale di Massafra di lunedì 30 gennaio, in fase di approvazione di tale regolamento, la Consigliera Comunale Ida Cardillo del Partito Democratico ha proposto l'inserimento di un emendamento per impedire che tale esenzione possa essere utilizzata dai "soliti" furbetti per evitare di pagare il dovuto, usufruendo così di un vero e proprio condono.
L'emendamento proponeva l'introduzione di un limite di 10.000 euro di ISEE per i beneficiari, garantendo le fasce medio-basse per l'utilizzo delle agevolazioni fiscali e permettendo il recupero di quanto dovuto da chi ha sempre avuto la capacità di pagare ma che non l'ha voluto mai fare per astuzia e non per impossibilità.
La rottamazione incrinerebbe l’esistente rapporto di fiducia tra il Comune e i cittadini e le imprese, che deve fondarsi sulla certezza del diritto, fomentando i comportamenti illeciti.
Invece oggi, con la bocciatura dell'emendamento con giustificazioni rocambolesche, si è persa una occasione per aumentare i diritti di chi ha più subito la crisi economica di questi anni e per garantire il principio della giustizia sociale riportando al centro gli ideali della sinistra.
Se è stato giusto abolire Equitalia, non lo è stato abolire l'equità.

Domenico Lasigna, Coordinatore PD Massafra
Ida Cardillo, Consigliere Comunale PD
]]>
Cialis bestellen verbessert Aufrichtung und lässt einen erfolgreichen sexuellen Verkehr erzielen. Sat, 28 Jan 2017 15:45:04 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/sinistra_critica/419556.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/sinistra_critica/419556.html Pol Hartman Pol Hartman Cialis (Tadalafil) - gegen Impotenz und Erektionsstörungen.
Cialis ® ist ein Medikament für die Behandlung von Impotenz (erektile Dysfunktion).
Es ist gut verträglich und weist aufgrund seiner ähnlichkeit mit Viagra ® auch ein ähnliches Wirkungs- und Nebenwirkungsprofil auf. Auch Kontraindikationen und Arzneimittelwechselwirkungen sind weitgehend ähnlich.
Die Zulassung von Cialis erfolgte auf der Grundlage von über 60 umfassenden Studien mit mehr als 4.000 Personen. Durchschnittlich 81 % der Männer mit Potenzproblemen berichteten in diesen Studien über verbesserte Erektionen mit dem Potenzmittel Cialis.

]]>
COMUNICATO STAMPA - No alle larghe intese, costruire un nuovo centrosinistra Thu, 26 Jan 2017 14:08:52 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/pd_partito_democratico/419285.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/pd_partito_democratico/419285.html PD Massafra PD Massafra PARTITO DEMOCRATICO
Circolo di Massafra

Agli organi di stampa

Diciamo no ad ogni forma di 'larghe intese' alla Provincia. Sosteniamo le posizioni del coordinatore provinciale del Pd Costanzo Carrieri impegnato a ricostruire il centrosinistra in Terra jonica. 
Ricostruire un alleanza simile a quella che governa la Regione Puglia per il nostro territorio è un percorso complesso che non ammette deroghe. Solo una coalizione per il cambiamento può battere le forze dell'antipolitica che molti danni procurerebbero alle nostre comunità. La logica delle larghe intese rappresenterebbero invece  nuovo vento nelle vele delle forze antisistema. 
È inammissibile che per un Ente inutile e senza capacità finanziarie, che desta solo particolari attenzioni da soggetti portatori di interessi in materia ambientale, si adottino formule politiche dannose per il territorio.
Ma un nuovo centrosinistra jonico, a nostro avviso, si può costruire se le amministrazioni civiche di recente elezione sposano questo progetto, abbandonando logiche divisive e autoreferenziali.
A questo proposito fa riflettere proprio quanto accaduto a Massafra nelle recenti elezioni provinciali.
Il nuovo sindaco della nostra città prima ha promosso la candidatura della dott.ssa Castellano, consigliera della sua maggioranza, in una sedicente lista alternativa di centrosinistra la cui sperimentazione ha prodotto scarsi risultati; poi ha assistito all'affronto che esponenti della sua maggioranza votassero candidati del centrodestra. 
Ricordiamo che se tutti i consiglieri della maggioranza  che ha vinto le recenti elezioni massafresi fossero stati leali con la collega consigliera, la dott.ssa Castellano sarebbe stata sicuramente eletta.
L'esito di tale strategia orchestrata o subita da Quarto e i suoi consiglieri politici è che Massafra è ora rappresentata in Provincia da un esponente del vecchio centrodestra di Tamburrano. 
Per il nuovo sindaco di Massafra si tratta di un vero 'capolavoro politico' che lo indebolisce vistosamente anche nella sua capacità di amministrare. 
Quando non si ha la forza di lavorare per l'unità delle forze alternative al centrodestra perseguendo risultati di piccolo cabotaggio e sostenendo logiche di divisione anziché di unità, si va incontro, come in questo caso, a pessimi risultati.
Noi siamo alternativi al centrodestra e a quello che ha prodotto in questa città.
Anche il Sindaco Quarto deve assumersi questa responsabilità.
Chi vuole continuare a fare la politica dei due forni continui pure a scherzare sulla pelle dei propri concittadini.
Noi siamo stanchi dei giochi della vecchia politica. 
Il bene comune dei cittadini è l'unico nostro fine.

per il Coordinamento del Circolo PD di Massafra
Domenico LASIGNA
338.9865796

]]>
EMERGENZA ABITATIVA TRULLO, GARIPOLI (FDI): PRIORITÀ AGLI ITALIANI DISAGIATI Tue, 24 Jan 2017 16:20:09 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/alleanza_nazionale/419056.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/alleanza_nazionale/419056.html Valerio Garipoli Valerio Garipoli

Inviato da iPhone

(Inizio messaggio inoltrato)

Da: valerio garipoli <valeriogaripoli@yahoo.it>
Data: 24 gennaio 2017 16:12:20 CET
A: valerio garipoli <valeriogaripoli@yahoo.it>
Oggetto: I: EMERGENZA ABITATIVA TRULLO, GARIPOLI (FDI):  PRIORITÀ AGLI ITALIANI DISAGIATI
Rispondi a: valerio garipoli <valeriogaripoli@yahoo.it>



--- Mar 24/1/17, valerio garipoli <valeriogaripoli@yahoo.it> ha scritto:

Da: valerio garipoli <valeriogaripoli@yahoo.it>
Oggetto: EMERGENZA ABITATIVA TRULLO, GARIPOLI (FDI):  PRIORITÀ AGLI ITALIANI DISAGIATI
A: v.garipoli@confcommercio.lt.it
Data: Martedì 24 gennaio 2017, 16:11
Situazione difficile e paradossale
quella avvenuta nella giornata di ieri durante l’ennesimo
sgombero di una coppia di giovani romani a Montecucco al
Trullo in Via G. Porzio 120, così in una nota Valerio
Garipoli Capogruppo di Fratelli d'Italia  e Vice Presidente
Commissione Affari Generali in Municipio Roma XI.

Fermo restando lo stato di diritto e la necessità di
doversi mettere in regola con le normative vigenti -
continua Garipoli - trovo assurdo constatare che la
questione dell’emergenza abitativa in Municipio Roma XI
stia generando una vera e propria divisione, lotta e
contrasto sociale tra poveri tale da creare alta tensione.

E' opportuna una forte presa di posizione da parte del
Sindaco Raggi sull'emergenza abitativa e sulla questione
dell'edilizia residenziale pubblica - conclude Garipoli -
per quanto riguarda le graduatorie, le assegnazioni e le
decadenze. A tal proposito abbiamo interrogato il Presidente
del Municipio Roma XI e l'Assessore Stefano Lucidi affinché
si possa predisporre quanto prima un tavolo di confronto con
il Dipartimento Politiche Sociali, Sussidiarietà e Salute e
il Dipartimento Politiche Abitative di Roma Capitale,
l’Ater (Azienda territoriale per l'edilizia residenziale
pubblica della provincia di Roma) e la Regione Lazio
finalizzato alla risoluzione della criticità e dei tanti
casi ancora insoluti. Nella stessa abbiamo infine richiesto
di indicare i nuclei familiari italiani come scelta
prioritaria, a parità di disagio, per l’assegnazione di
alloggi popolari;
]]>
Il Futuro ha ripreso il Cammino. Il PCI di Cori ha festeggiato i 96 anni del Partito Comunista Italiano Mon, 23 Jan 2017 16:28:46 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/varie/418895.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/varie/418895.html comune di cori comune di cori  

 

C’era anche la sezione di Cori intitolata ad ‘Enrico Berlinguer’ alla manifestazione nazionale di sabato organizzata per il 96° anniversario del Partito Comunista Italiano. Nell’anno del centenario della Rivoluzione d’Ottobre, le compagne e i compagni provenienti da tutta Italia si sono dati appuntamento a Livorno, dove iniziò la storia del PCI il 21 Gennaio 1921.

Un lungo corteo ha attraversato nel pomeriggio le strade della città. È partito dal Teatro San Marco, dove il PCI fu fondato da Antonio Gramsci, Amedeo Bordiga e gli altri componenti dell’ala di sinistra del PSI, quella che si riconosceva nel Comintern, nei 10 punti del Programma di Milano e nella necessità di costituire un vero Partito di classe.

Sul palco di piazza Attias ha parlato, tra gli altri, il Segretario Nazionale Mauro Alboresi, che ha anticipato le prossime mobilitazioni per la riduzione dell’orario e dell’età di lavoro, per la completa gratuità dell’istruzione e della sanità pubblica. Sono queste le priorità politiche per i comunisti, per i quali al primo posto ci sono i diritti del popolo e la loro effettività.

Con questa iniziativa, alla quale ha partecipato anche FGCI - Federazione Giovanile Comunista Italiana, il PCI ha dato prova della sua vitalità e presenza su tutto il territorio nazionale. Ha dimostrato che è ancora viva la prospettiva comunista e le istanze da cui nacque. Oltre a riaffermare i diritti del lavoro, il progetto punta alla rottura dell’Ue e dell’euro e alla sovranità nazionale.

Marco Castaldi

Addetto Stampa & OLMR

 

 

 

]]>