MODENA, GIOVANE UCCISO DAL COMPAGNO. ARCIGAY: "SESSUOFOBIA E OMOFOBIA SONO ARMI FUORI CONTROLLO"

28/nov/2017 14:52:22 Arcigay Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 6 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
MODENA, GIOVANE UCCISO DAL COMPAGNO. ARCIGAY: "SESSUOFOBIA E OMOFOBIA SONO ARMI FUORI CONTROLLO"
28 novembre 2017 - "Abbiamo appreso con dolore e rabbia dell'omicidio del giovane Leo e delle circostanze terribili che gli inquirenti stanno portando alla luce in queste ore": lo dichiara Gabriele Piazzoni, segretario nazionale di Arcigay. "Nel racconto della vicenda finora emerso - prosegue - sembra verificarsi lo spaventoso effetto delle pulsioni omofobe e sessuofobe che da sempre denunciamo. Una cultura che trasforma la sessualità e l'orientamento sessuale in fatti infamanti, mette armi pericolose nelle mani dei malintenzonati, dei violenti, degli irresponsabili, degli immaturi. A qualcuno non sembrerà vero di poter utilizzare questo crimine per rinvigorire l'odio verso la comunità straniera, ma nonostante sia certamente necessario riflettere e farsi carico del portato omofobo di alcune culture, è la stessa cronaca a contraddire clamorosamente queste letture: poche ore prima del delitto di Modena, di porn revenge, cioè di ricatti legati a foto hard, moriva suicida un'altra ragazza a Porto Torres, in un contesto degenerato che ha che fare soltanto con la nostra cultura. I discorsi sulla  sessualità consapevole, sugli orientamenti sessuali e sulle pratiche sessuali sono ancora tabù nel nostro Paese: la tv marchia i "baci gay" coi bollini rossi, le rappresentazioni delle relazioni tra persone dello stesso sesso sui media generalisti raccolgono proteste iraconde, i laboratori nelle scuole che cercano di trattare questi temi contano più nemici che alleati. Eppure è proprio questo stigma, cioè il voler bollare la sessualità, specie quella tra persone dello stesso sesso, come sbagliata e inopportuna, a fornire ai violenti la loro arma mortale e ad innescare spirali che in questo caso hanno portato addirittura all'omicidio. Dal canto nostro, trasmettiamo tutta la nostra vicinanza tanto alla famiglia e agli amici di Leo, quanto a chi voleva bene a Michela, la giovane morta suicida in Sardegna. La rabbia che queste morti ci suscita ci motiva a un impegno ancora più tenace nella nostra decennale battaglia per la liberazione sessuale di tutte e tutti", conclude Piazzoni. 

--

Ufficio stampa Arcigay   - Vincenzo Branà  (348.6839779 - 338.1350946)


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl