CS UxU: IUS SOLI, PASSO NECESSARIO PER LA BUONA CONVIVENZA

18/lug/2017 14.15.02 AMSI- CO-Mai - Uniti per Unire Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 3 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Gentili colleghi,

vi trasmetto il Comunicato Stampa redatto con il contributo dei Membri di Uniti per Unire, con preghiera di divulgare per dire: "Ius Soli passo necessario per la buona convivenza da approvare con largo consenso".
Vi ringrazio dell'attenzione e della collaborazione.
Cordialmente,
Elena Rossi
Responsabile Comunicazione e Rapporti Esterni 

 
333 25 90 836



Buona immigrazione (Uniti per Unire e Amsi ): "Ius Soli passo necessario per  la buona convivenza da approvare con largo consenso. Basta con le strumentalizzazioni e le delusioni politiche"

Svoltasi a Roma la Riunione del Ufficio di Presidenza di Uniti per Unire  (UxU) e i delegati delle associazioni, comunità  e Confederazioni aderenti (AMSI, UMEM, Emergenza Sorrisi, Co-mai e #Cristianinmoschea, Emergenza Sorrisi  e tanti altri a livello nazionale) con il coinvolgimento dei professionisti delle diverse Professioni e dei diversi Paesi.

In Italia cresce la polemica circa il ddl che modificherebbe lo ius sanguinis  o "diritto di sangue" a favore dello ius soli temperato e dello ius culturae. L'argomento è particolarmente sentito dal Movimento Internazionale UNITI per UNIRE, dalle associazioni e comunità aderenti che lo pongono al centro della discussione su "Sanità, immigrazione e IUS SOLI" nel corso di un incontro-dibattito organizzato a Roma dall'Ufficio di Presidenza Uniti per Unire, in collaborazione con l'Associazione Medici di Origine Straniera in Italia AMSI, le Comunità del Mondo Arabo in Italia (Co-mai) e la Confederazione Unione Medica Euro Mediterranea - UMEM. Ad emergere dai delegati che appartengono ai diversi Paesi del Mondo e che professano le diverse religioni, è la volontà di sostenere con forza una cittadinanza globale, che non faccia sentire nessuno escluso e di difendere il diritto alla salute universale che si costruisce con la diffusione della conoscenza e con la cooperazione internazionale.

Apre i lavori il Prof. Foad Aodi, Focal Point per l'Integrazione in Italia per l'Alleanza delle Civiltà UNAoC e in qualità di Fondatore di AMSI e Uniti per UNIRE: "Sono grato a questa squadra multiculturale che si è rafforzata ulteriormente con le  nostre  Confederazioni Internazionale UMEM,  #Cristianinmoschea e i numerosi dipartimenti e che vuole difendere la buona integrazione, il diritto alla vita, alla salute "universale" e il dialogo Interreligioso. Siamo tutti figli di una sola umanità - aggiunge - e proprio per questo dobbiamo assicurare a tutti i loro diritti. Diciamo Sí allo ius soli temperato che è il primo passo per facilitare l'integrazione degli stranieri, per farli sentire parte di questo Paese e per aiutarli a costruirlo e a combattere la crisi d'identità dei nostri giovani stranieri, per non farli sentire giovani di serie B. Diciamo basta alle strumentalizzazioni e alle delusioni politiche, siamo stanchi di sentire proporre lo ius soli da anni senza approvarlo nel concreto; serve un largo consenso e serve anche il coinvolgimento delle comunità straniere, come chiediamo ormai dal 2000 tramite il progetto Buona Immigrazione ".
Massimo Sabatini, Portavoce di UMEM e Membro dell'Esecutivo Fimmg Roma, sottolinea come "sia fondamentale il rispetto delle differenze e la diffusione della cultura della conoscenza anche per i medici di famiglia. In tal senso ribadisce la volontà di offrire ad UMEM e a UNITI per UNIRE il suo sostegno".
La Dr.ssa Federica Battafarano, Portavoce di Uniti per Unire e Assessore Della Cultura  presso il Comune di Cerveteri, dichiara: "Il Movimento Uniti per Unire, insieme alle Confederazioni Internazionali continuerà a dare il suo contributo per avvicinare sempre di più i cittadini alla vita politica, per sensibilizzare e collaborare con le Istituzioni, avanzando delle proposte concrete e ascoltando la voce di tutti".
Mentre viene arricchito il Manifesto #Sanitàemulticulturalismo che presenta le proposte redatte con il contributo di tutti i Professionisti della Sanità italiani e di origine straniera, il dibattito cresce con le dichiarazioni di:
Suzanne Diku (Congo), rappresentante dell'Ufficio Presidenza Amsi e di UXU  e Presidente dell'Associazione Tam Tam d'Afrique; Natalia De Magistre, (Argentina) psicologa presso UNICEF e coordinatrice del Dipartimento Giovani UxU; Kami Paknegad (Iran) Segretario Generale di AMSI; Badia Rami (Marocco), Coordinatrice del Dipartimento Donne delle Co-mai e Presidente dell'Associazione Maraa; Luciano La Gamba, Presidente Associazione Sindacato Emigrati ed Immigrati e tanti altri ancora.
L'incontro si conclude con l'elezione  dell'oculista, Dr. Daniele Di Clemente, a Vice Presidente di UMEM affiancato al Dr. Gianfranco Saturno, di professione fisioterapista.
"Sono grato di questo incarico prestigioso. Ci impegneremo insieme a restituire forza e dignità a tutti i sanitari anche attraverso il forte impulso della tutela legale ed economica, tutelando medici e pazienti e potenziando i rapporti con medici e altri professionisti  tra i diversi albi professionali": lo dichiara Di Clemente.
Da parte sua, il Dr. Saturno si definisce "onorato della nomina prestigiosa che porterà avanti con l'augurio di intensificare sempre e sempre di più la collaborazione dei professionisti italiani e di origine straniera con un arricchimento comune, come facciamo da anni con i corsi d'aggiornamento professionale AMSI".
Infine, i partecipanti hanno nominato all'unanimità socio onorario di UXU e UMEM Khalil Altoubat, recentemente scomparso  per un malore improvviso.


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl