CS Prigionieri Palestinesi (Mai Alkaila e Foad Aodi)

10/mag/2017 14.35.03 AMSI- CO-Mai - Uniti per Unire Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 30 giorni fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Gentili colleghi,

a nome delle Comunità de Mondo Arabo in Italia (Co-mai),
trasmetto il Comunicato che segue: la condizione dei detenuti palestinesi nelle carceri israeliane non può essere ignorata.
Speriamo ci aiuterete a divulgare  e approfondire.
Grazie della collaborazione e della disponibilità.

Cordialmente,

Elena Rossi

Responsabile Comunicazione e Rapporti esterni

333 25 90 836 




Prigionieri palestinesi, (Mai Alkaila e Foad Aodi):  "La denuncia del silenzio dei media italiani e l'appello di solidarietà nel rispetto dei diritti umani"

Nonostante comunicati e dichiarazioni ufficiali continuino a tentare di riavviare il processo di pace israelo-palestinese (e solo una settimana fa Donald Trump ha ricevuto il Presidente palestinese Abu Mazen alla Casa Bianca, comunicandogli che c’erano “ottime possibilità d'un accordo di pace tra Israele e uno Stato, presto indipendente, chiamato Palestina"), l'impressione prevalente è che tale processo sia destinato a  restare a lungo incagliato: come si trova, in sostanza, da poco dopo l'assassinio di Ytzhak Rabin (novembre 1995), e il successivo incagliarsi degli accordi di Oslo e Washington del 1992-'93. In una Conferenza stampa, svoltasi nella sede dell'Ambasciata a Roma, l'Ambasciatrice palestinese in Italia Mai Alkaila ha denunciato la difficile situazione in cui si trovano attualmente gli oltre 1.800 palestinesi detenuti nelle carceri israeliane. Per un pieno riconoscimento dei loro diritti, e la piena applicazione delle convenzioni internazionali che tutelano i detenuti, i prigionieri palestinesi stanno conducendo uno sciopero della fame arrivato ormai al 24simo giorno, ed entrato - ha precisato l'Ambasciatrice - "in una fase molto critica, pericolosa per la loro salute, e tale da mettere a repentaglio la loro vita". Foad Aodi, Presidente delle Comunità del Mondo Arabo in Italia (Co-mai),  e del Movimento internazionale "Uniti per Unire", ha denunciato inoltre il silenzio dei media italiani su questi temi, e ha chiesto al Governo Gentiloni d'inviare una commissione nazionale parlamentare e sanitaria in Israele, proprio per verificare la condizione dei detenuti palestinesi. "La loro non è una battaglia politica, è una battaglia universale per i diritti umani nelle carceri" - ha sottolineato Aodi - "battaglia che, senza qui entrare nel merito della complessa situazione del conflitto israelo-palestinese, va sostenuta per una semplice, quanto giusta, esigenza di civiltà, umana e giuridica".   




blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl