Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Società civile Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Società civile Fri, 24 Jan 2020 04:15:02 +0100 Zend_Feed_Writer 1.12.20 (http://framework.zend.com) http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/1 Proposto ad Albenga il test antidroga per gli amministratori comunali Thu, 23 Jan 2020 13:15:24 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/616895.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/616895.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze Può un amministratore pubblico essere un tossicodipendente? Come un autista di autobus deve essere sobrio al volante, e nessuno si scandalizzerebbe se fosse sottoposto a test, anche chi è stato scelto per guidare una comunità dovrebbe farlo senza essere sotto l’effetto di stupefacenti. Il testo della mozione afferma che i rappresentanti dei cittadini devono essere “di riferimento in termini di correttezza nei comportamenti sia in ambito pubblico che privato”, e che le loro scelte “devono essere conseguenti ad una amministrazione buona, lucida ed equilibrata”.

Se la mozione venisse approvata, e se altri comuni e altre istituzioni decidessero di emulare l’iniziativa di Albenga, potremmo veramente parlare di una rivoluzione copernicana, di un vero punto di svolta. Gli amministratori darebbero il buon esempio ai cittadini, dimostrando non solo di essere puliti, ma di essere “dalla parte giusta”, ovvero da quella di chi combatte la diffusione, la promozione, l’uso e lo spaccio delle sostanze stupefacenti. Al contrario, non sono poche le amministrazioni comunali che hanno dato il loro appoggio a manifestazioni che invece tendono alla creazione del consenso riguardo all’uso di droga (Rimini, Parma, Torino, Forlì, Pisa in passato e molti altri).

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisca più una piaga sociale. Una società dove gli amministratori diano il buon esempio, dove le scuole facciano una adeguata prevenzione, dove i media non approvino o promuovano l’uso di stupefacenti.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti, incluso le droghe da stupro. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia di ragazzi toscani delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard

]]>
Giovani spacciatori davanti a scuola, un pericolo da non sottovalutare Thu, 23 Jan 2020 13:09:23 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/616892.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/616892.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze Si sa che i ragazzi tendono a fidarsi dei propri coetanei più che degli adulti, ecco perché uno spacciatore di 17 anni può risultare particolarmente pericoloso. Spesso infatti, a convincere i giovani a cominciare a drogarsi, non sono spacciatori professionisti sconosciuti, ma proprio i loro amici, magari di un anno o due più grandi, che “la sanno lunga” per quanto riguarda lo sballarsi con sostanze stupefacenti.

Nel caso di Olbia, il ragazzo era davanti ai cancelli del Liceo Scientifico Mossa, in attesa di smerciare dosi di marijuana in un luogo dove era sicuro di trovare giovani clienti.

Non bisogna sottovalutare la marijuana: spesso definita a torto “droga leggera”, oltre a gravi danni alla salute fisica e mentale, statisticamente sembra favorire la transizione a droghe ancora più pericolose. Infatti, ben il 62% chi ha cominciato ad abusare di cannabis prima dei 15 anni, è passato successivamente alla cocaina, e il 54% ha fatto uso di altre droghe. Inoltre, dopo l’alcool, la marijuana è la droga più frequentemente trovata nel sangue di chi è stato coinvolto in incidenti stradali mortali.

Dato che media, vip, serie tv e cinema molto spesso raccontano tutta un’altra storia sugli effetti della marijuana, classificandola come “leggera”, “innocua”, “curativa”, ecc., ecco che si comprende come sia vitale informare i giovani sui reali effetti della cannabis.

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Un ragazzo informato, che pensa con la sua testa, pretenderà che gli sia dato un aiuto sincero, reale e naturale, senza ricorrere a droghe e farmaci dannosi. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti e degli psicofarmaci. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia di ragazzi toscani delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard

]]>
La droga può causare la perversione del ruolo genitoriale Thu, 23 Jan 2020 12:53:48 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/616882.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/616882.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze Dalla recente cronaca di gennaio 2020:

-          Rimini, una madre porta la droga al figlio in carcere (cocaina e hashish, un pastore tedesco l’ha annusata in tempo);

-          Lecco, una madre accompagna il figlio 30enne a comprare cocaina ed eroina;

-          Arezzo, a una madre di un bambino di 4 anni vengono sequestrati 100.000 euro di cocaina, viene arrestata e i poliziotti giocano con il bimbo mentre la zia viene a prenderlo;

-          Una futura mamma, tossicodipendente e all’ottavo mese, viene sorpresa con dosi di eroina e confessa di spacciare per guadagnarsi da vivere;

-          Imperia, un giovane fermato dalla polizia per possesso di droga manda un sms alla madre chiedendole di buttare via tutto il resto (marijuana, hashish e bilancini);

-          Cerignola, 25enne arrestato mentre cedeva hashish, la madre in casa si disfà del resto buttandolo ne water.

Dato che tutte queste notizie sono relative ai primi venti giorni del mese corrente, se ne deduce che i casi di complicità e collaborazione tra giovani spacciatori e i propri genitori siano tutt’altro che infrequenti. Questi episodi fanno riflettere sullo stato di degradazione della famiglia moderna, che pare passata dal “tollerare” un figlio tossicodipendente, al dare man forte al figlio spacciatore. Non ci stupirebbe lo scoprire, riguardo a questi casi di cronaca, che anche il genitore faccia uso di droga, o quantomeno ne abbia fatto uso in passato.

Qui siamo di fronte a un vero tradimento del dovere educativo. Ecco che il ruolo della scuola diventa vitale: se alcuni genitori non educano correttamente i figli, che almeno le istituzioni cerchino di prevenire il fenomeno. Purtroppo ci sono ancora scuole che non includono nei loro programmi delle serie iniziative volte all’informazione dei giovani sul tema degli stupefacenti.

L’associazione “Un Mondo Libero dalla Droga” si propone di aiutare le scuole a fare prevenzione sull’abuso di droghe, alcool e farmaci. I volontari effettuano lezioni e conferenze ai ragazzi, e molte scuole adottano la campagna portando avanti loro stesse i programmi di prevenzione grazie ai materiali educativi dell’associazione. Tutti gli interventi dei volontari sono a titolo assolutamente gratuito, come pure la fornitura di opuscoli, manuali, video.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. La campagna è del tutto laica, l’associazione organizza anche eventi pubblici nei quali vengono distribuiti opuscoli su tutti i più comuni tipi di droghe ai cittadini. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia di ragazzi toscani delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard

]]>
Latina: instillare i valori morali universali Thu, 23 Jan 2020 12:53:42 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/616881.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/616881.html Riforme Sociali Riforme Sociali I volontari di “La Via della Felicità” di Latina si sono dedicati ad  un’attività di promozione di valori morali attrarverso la diffusione de i 21 precetti scritti nell’omonimo libro. L’obiettivo è il recupero dei  valori morali univesali.

 

Latina  22 Gennaio 2020 – I volontari della sezione di Latina di La Via della Felicità Internazionale hanno distribuito gratuitamente la versione opuscolo del libro “La Via della Felicità” ai propri concittadini. . Le persone che hanno ricevuto l’opuscolo possono visionare i 21 precetti scritti dal filosofo ed umanitario L. Ron Hubbard per colmare il vuoto morale in una società sempre più materialistica. I precetti rappresentano un codice morale praticabile da persone di qualsiasi razza, colore o credo, animate dal desiderio di migliorare le vite di coloro che li circondano.

Usato già da aziende e governi in più nazioni del mondo la fondazione internazionale della “Via della Felicità” mette a disposizione ulteriori strumenti che affiancano l’opuscolo: il DVD “La via della felicità” che, con una serie di minispot e piccoli documentari mette in vita i 21 precetti che formano il principi del libro. Tre programmi da svolgere a lungo termine: uno studiato per il settore scolastico, che da allo studente i principi di base per il rispetto del prossimo, dei propi compagni e dell’ambiente, facendo da complemento al programma scolastico prevenendo eventuali episodi di bullismo, piaga molto diffusa nelle scuole negli ultimi tempi. Il programma per persone in detenzione, ripristinando il rispeto di se, delle leggi, e del vivere civile. Ed infine un programma per le aziende, per incentivare all’onestà, la produttività e portando armonia e fiducia nel contesto lavorativo. Quello di questo week end è l’ennesimo passo per costruire, man mano, quel senso di convivenza e fiducia tanto cercato dalle persone di buona volontà nella comunità

“La Via della Felicità” infatti è un vero e proprio codice morale fondato sul buon senso. Pubblicato nel 1981, allo scopo di fermare il declino morale della società e ripristinare nel mondo l’integrità e la fiducia. La fondazione “La Via della Felicità” ha anche prodotto 21 minispot che mettono in vita i contenuti di questo prezioso opuscolo, spot che vanno in onda in diverse emittenti del territorio romano e della provincia.

 

 

 

 

 

]]>
Lo scopo é raggiungere i ragazzi prima degli spacciatori Thu, 23 Jan 2020 12:47:09 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/616874.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/616874.html Riforme Sociali Riforme Sociali Roma 22 gennaio 2020 E’ stato dimostrato in modo conclusivo che quando i giovani vengono informati in merito alla verità sulla droga, sottoforma di correttte informazioni di cos’è e cosa fa, il tasso di consumo cala proporzionalmente.

Si erge come prova che l’arma più efficace nella lotta contro l’abuso di droga sta nell’educare.

Ed è su questo principio che si sono fatte lezioni agli studenti di un istituto superiore stavolata di Roma Nord. La Fondazione per Un Mondo Libero dalla Droga fornisce materiali educativi sulla droga che producono risultati, inoltre lavora dovunque con chiunque voglia aiutare i giovani. Diverse le Associazioni capitoline che hanno cominciato ad utilizzare i materiali educativi del programma “La Verità sulla Droga” messi a disposizione gratuitamente. Inoltre gli insegnanti di alcuni istituti scolastici della zona Appio-Tuscolano nei prossimi giorni verranno formati sul programma così che venga usato con i propri studenti.

I materiali educativi “ La Verità sulla Droga” sono stati ideati per poter venire insegnato con facilità in qualsiasi ambiente scolastico tant’è che il Kit Edicativo comprende un completo curriculum con Guida per l’Insegnante, di facile uso; ausili audiovisivi, incluso il pluripremiato documentario La Verità sulla Droga: Persone reali, Storie Reali, e 24 set opuscoli “La Verità sulla Droga”, ognuno dei quali contiene 14 opuscoli sulle droghe più comunemente usate.

Sia l’esperienza sia i sondaggi mostramo che gli adolescenti e i giovani prestano molto più ascolto ai propri coetanei. Per cui il messaggio centrale del nostro programma viene fornito da giovani che hanno provato sulla propria pelle la tossicodipendenza e che sono sopravvissuti per raccontarci la loro storia.

La Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga è un programma internazionale di prevenzione alla droga no-profit, patrocinato con orgoglio dalla Chiesa di Scientology e dagli Scientologist di tutto il mondo.

www.noalladroga.it

]]>
Passare dalla marijuana a droghe più pericolose: mito o realtà? Thu, 23 Jan 2020 12:45:16 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/616873.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/616873.html Celebrity Centre Firenze Celebrity Centre Firenze Analizziamo qualche dato statistico per mettere un po’ di ordine sul soggetto della marijuana e del passaggio alle droghe pesanti:

-          Il 70% dei tossicodipendenti ha cominciato dalla marijuana;

-          Chi usa la marijuana, ha il triplo della probabilità di fare uso di eroina in futuro;

-          Un terzo di chi usa marijuana, fa uso di altre sostanze stupefacenti.

Ognuno può trarre da questi dati le sue personali conclusioni. Questi dati sono stati forniti dal dipartimento USA di “Health nd Human Services”, relativi al 2013.

Il motivo per cui dalla marijuana è facile passare ad altre droghe, ci viene spiegato nella sua semplicità da uno studente del terzo anno di scuola superiore, tossicodipendente, che ovviamente cuole rimanere anonimo: “c’è chi si accontenta di fumare erba (marjuana), chi fumo (hashish) e chi non si accontenta più e per ‘steccarsi’ ha bisogno di qualcosa di più pesante e l’eroina è sicuramente la più utilizzata. E’ normale che molti arrivino ad usare qualcosa di più potente: se uno è abituato a fumarsi canne dalla mattina alla sera, come fanno in molti, prima o poi ha bisogno di qualcosa di più perché finisce per abituarsi e non sente più l’effetto che sentiva le prime volte”.

Lo studente continua: “A scuola da me siamo in molti a fumare (droghe) durante il giorno, lo si fa per strada, nei bagni di scuola, a casa, da soli o con amici. Io mi faccio solo canne e quando sono proprio tante arrivo ad un massimo di 5 o 6 al giorno e 10 al fine settimana, ma ci sono ragazzi che ne fumano tranquillamente più di 20 al giorno. Non riescono a stare senza. Questi è logico che prima o poi passino a qualcosa di più pesante.”

La marijuana contiene molte sostanze dannose e tossiche, la più nota è il THC, un allucinogeno. Le statistiche e le ricerche scientifiche (King’s College Londra e altri) parlano chiaro: il consumo giornaliero di cannabis comporta un rischio di psicosi tre volte superiore a chi non la usa. E se il THC, l’allucinogeno contenuto nella cannabis, è sopra il 10% (lo è quasi sempre), il rischio di psicosi è di cinque volte superiore.

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale nessuno debba mettere a rischio la propria vita: né i trafficanti né gli utilizzatori. Lo scopo ultimo è che la droga non costituisca più una piaga sociale.

Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Un ragazzo informato, che pensa con la sua testa, consapevole dei rischi che corre, non accetterà di provare droghe per quanto siano falsamente etichettate come “light”.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia di ragazzi toscani delle scuole medie inferiori e superiori.

 

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard

]]>
Atti di violenza gratuita e psicofarmaci.... c’è un legame ???? Thu, 23 Jan 2020 12:41:18 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/616872.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/616872.html Riforme Sociali Riforme Sociali Nella frazione della capitale “Mostacciano” ,  i volontari romani del CCDU raggiungono ancora oltre 300 persone  informandole  sugli effetti nocivi degli psicofarmaci grazie ai preziosi opuscoli che ne denunciano i rischi.

 

Il costante ed importantissimo lavoro che il CCDU ed i suoi volontari stanno facendo è  finalizzato alla difesa dei Diritti Umani nel campo della Salute Mentale.

Le funzioni del CCDU sono unicamente quelle di fungere da organo di controllo, scoprendo e denunciando pubblicamente le violazioni psichiatriche dei Diritti Umani nel campo della Salute Mentale.

Proposito che si ottiene anche offrendo  a polizia, insegnanti e giudici una copia gratuita di un convincente nuovo report sul comune denominatore scoperto in molti casi di sparatorie di massa: l’uso di farmaci psicotropi. Il report è intitolato: "I farmaci psichiatrici creano violenza e suicidi - sparatorie nelle scuole e altri atti inspiegabili di violenza" e fornisce informazioni su ben 30 studi in cui viene evidenziato il legame tra varie categorie di farmaci psicotropi (antidepressivi, antipsicotici, psicostimolanti, stabilizzatori dell’umore e sedativi ipnotici) e gli effetti avversi che possono includere ostilità, mania, aggressione, autolesionismo e idee suicide-omicide.

Il report contiene dettagli su oltre sessanta casi di sparatorie, pugnalate e altri atti di violenza gratuita commessi da persone che si trovavano sotto l’effetto di farmaci psicotropi, o ne sperimentavano crisi da astinenza. Secondo Jan Eastgate, presidente del CCHR Int, “Lo scopo di questo report è di aiutare insegnanti, legislatori e polizia a comprendere la natura del legame nascosto esistente tra l’uso di farmaci psicotropi e gli atti di violenza e suicidio. Fatti, statistiche, studi e opinioni di esperti mostrano il preoccupante legame tra l’aumento di atti di violenza inspiegabili e l’aumento di prescrizioni e uso di farmaci psicotropi.” 

I farmaci psicotropi creano dipendenza, suicidio e violenza in una certa percentuale degli individui che ne fanno uso. Questo è un fatto comprovato, e le disastrose conseguenze sono sotto gli occhi di tutti. Siccome ci sono molte vite a rischio, è importante informare le persone che siano in grado di fare qualcosa. 

Il CCDU non sostiene che tutti gli assassini violenti abbiano agito sotto l’effetto di psicofarmaci, o in astinenza da essi, ma questo legame emerge con sempre maggiore frequenza quando s’indaga sul retroterra dell’assassino. E’ dunque lecito chiedersi se la cura abbia fallito o se, piuttosto, non sia stata la cura stessa a far precipitare la situazione verso la distruzione di sé e altri.                                                                                                                                 Alcune delle raccomandazioni contenute nel report includono:

·         Commissioni d’inchiesta a livello legislativo per chiarire la correlazione fra trattamenti psichiatrici e violenza e suicidio

·         Test tossicologici obbligatori sugli autori di sparatorie di massa o simili atti di violenza “inspiegabili”, i cui risultati confluiscano in una base dati accessibile a polizia, magistrati ecc.

Secondo Jan Eastgate, presidente del CCHR:“L’informazione in questo report non ha lo scopo di giustificare i crimini violenti e assolvere il colpevole, ma dimostrare come ci sia oggi un tipo di comportamento violento che 50 anni fa non esisteva. Dopo tutto questi farmaci sono detti psicoattivi proprio perché agiscono sulla mente: il CCDU vuole solo informare le autorità e tutte le persone coinvolte sulle possibili conseguenze di quest’azione sulla psiche."

Con questo in mente, nel 1969 gli Scientologist fondarono il Citizens Commission on Human Rights (CCHR, in Italia CCDU, Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani), un ente di tutela che indaga ed espone le violazioni psichiatriche dei diritti umani. Oggi il CCHR è una forza a livello mondiale che lavora attivamente per eliminare i trattamenti brutali, le pratiche criminali e le violazioni dei diritti umani nel campo della salute mentale. Ha contribuito a far promulgare più di 150 leggi che proteggono le persone da pratiche abusanti e coercitive nel campo della salute mentale.

]]>
Il gruppo locale del CCDU celebrerà il Giorno della Memoria nella Chiesa di Scientology di Ro Thu, 23 Jan 2020 12:20:37 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/616854.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/616854.html Riforme Sociali Riforme Sociali La Chiesa di Scientology e i volontari di Roma del Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani per educare ai diritti umani in occasione nel Giorno della Memoria.

 

Roma, 22 gennaio 2020 –La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell'abbattimento dei cancelli di Auschwitz, "Giorno della Memoria", al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.
In occasione del "Giorno della Memoria" di cui all'articolo 1, sono organizzati cerimonie, iniziative, incontri e momenti comuni di narrazione dei fatti e di riflessione, in modo particolare nelle scuole di ogni ordine e grado, su quanto è accaduto al popolo ebraico e ai deportati militari e politici italiani nei campi nazisti in modo da conservare nel futuro dell'Italia la memoria di un tragico ed oscuro periodo della storia nel nostro Paese e in Europa, e affinché simili eventi non possano mai più accadere.

 

A tal proposito la Chiesa di Scientology di Roma e i volontari della capitale del Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani celebreranno  questa ricorrenza con un incontro Domenica 26 gennnaio 2020.

 

Presso l’Auditorium della chiesa in via della Maglianella, attraverso opere letterarie e manifestazioni teatrali , si sensibilizzerà il tema e l’importanza di educare ai diritti umani battendosi contro le torture dei nostri giorni.

 

Tra gli ospiti di questo incontro il poeta Antonio Damiano che interpreterà alcune delle sue poesie sugli orrori dell’Olocausto. Anche il monologo dell’attrice Paola Galligani che reciterà un pezzo sul soggetto..

 

Non poteva mancare l’impegno della chiesa di Scientology su questo  tema sociale dal momento che gli Scientologist aderiscono  al Codice di uno Scientologist impegnandosi a: “… condannare e fare ogni cosa in mio potere per abolire qualsiasi abuso commesso ai danni della vita e dell’umanità.” e a “sostenere quegli sforzi davvero umanitari nel campo dei diritti dell’uomo.”

 

 

]]>
I precetti di “La Via della Felicità” a Cornelia e Battistini Thu, 23 Jan 2020 12:12:52 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/616845.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/616845.html Riforme Sociali Riforme Sociali Oltre 500  le persone raggiunte nei giorni scorsi dai volontari romani di “ La Via della felicità” con la distribuzione gratuita dell’omonimo libretto.

Lo scopo è  ricordare che il rispetto dei principi morali universali è il principale strumento per un futuro all’insegna della felicità. Le persone che verranno raggiunte avranno modo di conoscere  i 21 precetti scritti dal filosofo ed umanitario L. Ron Hubbard per colmare il vuoto morale in una società sempre più materialistica. I precetti rappresentano un codice  praticabile da persone di qualsiasi razza, colore o credo, animate dal desiderio di migliorare le vite di coloro che li circondano.

“La Via della Felicità” infatti è un vero e proprio codice morale fondato sul buon senso. Pubblicato nel 1981, allo scopo di fermare il declino morale della società e ripristinare nel mondo l’integrità e la fiducia. La fondazione “La Via della Felicità” ha anche prodotto 21 minispot che mettono in vita i contenuti di questo prezioso opuscolo, spot che vanno in onda in diverse emittenti del territorio romano e della provincia.

Usato già da aziende e governi in più nazioni del mondo la fondazione internazionale della “Via della Felicità” mette a disposizione ulteriori strumenti che affiancano l’opuscolo: il DVD “La via della felicità” che, con una serie di minispot e piccoli documentari mette in vita i 21 precetti che formano il principi del libro. Tre programmi da svolgere a lungo termine: uno studiato per il settore scolastico, che da allo studente i principi di base per il rispetto del prossimo, dei propi compagni e dell’ambiente, facendo da complemento al programma scolastico prevenendo eventuali episodi di bullismo, piaga molto diffusa nelle scuole negli ultimi tempi. Il programma per persone in detenzione, ripristinando il rispetto di se, delle leggi, e del vivere civile. Ed infine un programma per le aziende, per incentivare all’onestà, la produttività e portando armonia e fiducia nel contesto lavorativo. Quello di questi giorni è l’ennesimo passo per costruire, man mano, quel senso di convivenza e fiducia tanto cercato dalle persone di buona volontà nella comunità.

 

 

 

 

 

]]>
OTTIMA COLLABORAZIONE TRA DICO NO ALLA DROGA ED AVIS Wed, 22 Jan 2020 17:13:05 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/616776.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/616776.html Chiesa di Scientology della città di Pordenone Chiesa di Scientology della città di Pordenone  

Pordenone. Sabato 18 gennaio alle ore 16 presso la sala T. Degan della Bibliotaca Civica si è tenuto l’evento “Sprecare una vita o Donare una vita?”

 

Ha aperto l’evento Carmelo Agostini, referente di Avis (associazione volontari italiani sangue) per il Friuli Venezia Giulia.

Il sig. Agostini ha messo l’attenzione sulla necessità di avere nuovi donatori perchè la richiesta di sangue per interventi o situazioni di emergenza aumentano, mentre i donatori iniziano a diminuire creando così un problema che si fa sempre maggiore.

Questo problema è creato dal fatto che le persone dopo i 65/70 anni non sono più idonee alla donazione, mentre moltissimi ragazzi pregiudicano la loro possibiltà a donare a causa di un passato di droghe.

Per questo motivo poi è intervenuto Alberto Spessotto, incaricato della campagna Dico No Alla Droga per Pordenone.

Il sig. Spessotto ha sottolineato l’importanza di informare i ragazzi fornando loro dati corretti, affinchè possano prendere decisioni consapevoli e vivere in salute, liberi dalle droghe.

A seguire, è i presenti hanno potuto ascoltare Alessio Manarin, ragazzo intervenuto per dare la propria testimonianza da ex tossicodipendente.

 

I partecipanti, visto il forte interesse per gli argomenti, hanno fatto moltissime domande ai relatori ed al termine della conferenza hanno potuto ritirare il materiale informativo gratuito dell’associazione Dico No alla Droga come DVD ed opuscoli, avendo così l’opportunità di dare il proprio contributo nel fare prevenzione ai ragazzi.

 

Questo è stato solo il primo evento di una bellissima collaborazione, nata tra le sezioni di Pordenone di Avis e Dico No alla Droga, che sicuramente continueerà al fine di rendere la nostra area un luogo più sano per le nuove generazioni e con più propensione ad aiutare il prossimo.

 

Dico No alla Droga e’ un’associazione non a scopo di lucro che fornisce informazioni basate sui fatti in merito alla droga, affinche’ le persone possano prendere decisioni consapevoli e vivere libere dalla droga.

 

L’associazione si ispira alle opere del filosofo ed umanitario L. Ron Hubbard e tra i maggiori sostenitori di essa c’è la Chiesa di Scientology che da oltre 30 anni dà vita a manifestazioni volte a sensibilizzare i giovani sugli effetti dannosi della droga.

 

Per ulteriori informazioni: www.diconoalladroga.org – FB: Dico No Alla Droga Pordenone

@page { margin: 2cm } p { margin-bottom: 0.25cm; direction: ltr; color: #000000; line-height: 120%; text-align: left; orphans: 0; widows: 0 } p.western { font-family: "Times New Roman", serif; font-size: 12pt; so-language: en-US } p.cjk { font-family: "SimSun", "方正书宋_GBK"; font-size: 12pt; so-language: zh-CN } p.ctl { font-family: "Times New Roman", serif; font-size: 10pt; so-language: hi-IN } a:link { color: #0000ff; text-decoration: none }]]>
Milano, ANMVI al Sindaco Sala: via le sanzioni ai Veterinari Wed, 22 Jan 2020 13:51:09 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/616761.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/616761.html ANMVI ANMVI

E-mail  inviata dai servizi telematici di ANMVI / EV. Il tuo programma di posta la visualizza male? Guardala on-line



ANMVI

L’emanando regolamento milanese è punitivo. Via l’obbligo di affiggere l’avviso di sanzioni.

ANMVI AL SINDACO GIUSEPPE SALA: VIA LE SANZIONI AI VETERINARI

Profondo disappunto per la mancanza di considerazione dei Veterinari liberi professionisti: il nostro compito è di educare non di denunciare i proprietari.  Il possesso responsabile di un animale è un fatto di cultura non di sanzioni. 

(Cremona, 22 gennaio 2020)- Via la multa -da 40 a 240 euro- ai Medici Veterinari se, nella loro struttura di cura, non appendono un cartello intimante il pubblico l'obbligo di identificazione di cani, gatti e furetti . “E’ una regola che non può essere condivisa né accolta": lo scrive il Presidente di ANMVI Lombardia, Francesco Orifici, in una lettera al Sindaco di Milano Giuseppe Sala, all'Assessora Roberta Guaineri e al Presidente del Consiglio comunale Lamberto Bertolè.

Oggetto della nota inviata oggi a Palazzo Marino è l'emanando Regolamento Comunale per la tutela animale che - salvo auspicate modifiche- obbliga le strutture veterinarie private ad affiggere, pena sanzioni, un avviso sull'obbligatorietà dell'identificazione di cani, gatti e furetti. In discussione non è il microchip obbligatorio: "Chi scrive è fra i componenti della Commissione randagismo della Regione Lombardia ed è stato tra i fautori dell’obbligo di microchip anche dei gatti, vigente dal 1 gennaio 2020 su tutto il territorio lombardo- fa notare Orifici. Ma il regolamento regionale, fra i più innovativi del Paese, "non contiene alcuna previsione vessatoria e “poliziesca” come quella che il Comune di Milano si appresta invece a varare a carico dei professionisti".

La lettera ribadisce che non può essere accettata nemmeno la norma che vorrebbe i professionisti milanesi “delatori” dei loro clienti-proprietari (art. 6, punto 3), in caso di rifiuto della microchippatura da parte di questi ultimi. "L’identificazione, se erogata dai llpp, è una prestazione libero-professionale (non un LEA) che le parti hanno il diritto e la libertà di pattuire"- si fa notare. Anzi, "imporre al proprietario cliente il “ricatto” della segnalazione coatta rappresenta una grave violazione del rapporto fiduciario con il Medico Veterinario curante. Il solo effetto che si otterrebbe, sarebbe potenzialmente dissuasivo e depressivo del possesso responsabile".

La segnalazione alla ATS per mancata microchippatura comporta una multa, a carico del proprietario, da 40 a 240 euro".

Orifici ricorda anche quanto evidenziato a tutti i candidati durante gli incontri elettorali: "i Medici Veterinari danno già, gratuitamente, un notevole supporto all’Amministrazione nel reperire e nel riconsegnare cani vaganti ai loro proprietari, con notevole risparmio per il Comune; inoltre, i Medici Veterinari llpp ricoprono un ruolo di educazione capillare e quotidiano, indispensabile anche sotto il profilo dell’igiene urbana e della sicurezza pubblica. Il Regolamento in oggetto, dovrebbe semmai valorizzarli e coinvolgerli nella formazione al corretto rapporto uomo-animale (Patentino)".

La richiesta alle autorità cittadine e di modificare il Regolamento, rimuovendo entrambe le disposizioni: cartello sanzionabile e denuncia del proprietario. Eventualmente, le si trasformi in raccomandazione, ma sempre "eliminando ogni sanzione a carico del Medico Veterinario".

Ufficio Stampa ANMVI - Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani- 0372/40.35.47

 



iBOX DEM

]]>
Il Search Fund Legacy Partners raccoglie 400mila euro di capitale e avvia la ricerca di una PMI da acquisire Wed, 22 Jan 2020 10:26:23 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/616708.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/616708.html ESCP EUROPE ESCP EUROPE Guidato da Riccardo Triolo, è sostenuto da un gruppo di 21 investitori italiani ed esteri
 
 
 
]]>
23 gennaio-Novi Ligure, Giorgio Temporelli:"Da Molare al Vajont.Storie di dighe" Dal Vajont al resto d'Italia: costruirle e gestirle in sicurezza-ERGA Wed, 22 Jan 2020 08:37:56 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/616689.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/616689.html basicterzosettore basicterzosettore

COMUNICATO STAMPA ERGA EDIZIONI
 

DIGHE: dal Vajont al resto d'Italia, come costruirle e gestirle
per essere al sicuro?
La superficialità, gli interessi, l’incapacità o la cattiva volontà da parte dell’uomo
di interpretare i segnali della natura sono state le vere cause
dei disastri studiati in questo volume.


Il 23 gennaio 2020, alle 18 presso la Galleria "Pagetto Arte"
di via Girardengo a Novi Ligure

presentazione di 

"Da Molare al Vajont - Storie di dighe"

di Giorgio Temporelli

 

Quando si parla di incidenti associati alle dighe, la me­moria collettiva torna al Vajont, a quei tragici accadimenti che il 9 ottobre 1963 provocarono, in pochi minuti, la morte di circa 2000 persone nonché ingenti danni materiali.

Catastrofi similari, forse meno note, sono accadute in altri luoghi e in altri tempi, provocando l’allagamento dei terri­tori a valle degli sbarramenti e perdite di vite umane.

Limi­tandoci all’Italia e al territorio prossimo ai suoi confini, pos­siamo citare i disastri del Gleno (Bergamo, 1923), di Molare (Alessandria, 1935), di Fréjus (Costa Azzurra, 1959) e della Val di Stava (Trento, 1985).  

Il presente libro per la prima volta riunisce tutti questi accadimenti. Il lavoro, frutto di indagini bibliografi­che e di inchieste sul campo, presso le località oggetto della trattazione, contiene, oltre alla cronistoria degli eventi, note sull’impatto ambientale, sulla progettazione, la messa in opera e la corretta gestione delle diverse tipologie di diga.

In appendice è presente uno spazio dedicato agli incontri con alcuni superstiti e sopravvissuti del Vajont: una testimonian­za umana preziosa, che in qualche modo controbilancia gli approfondimenti tecnici presenti nel libro.  L’intento dell’opera è fornire un’analisi oggettiva delle cau­se che hanno determinato i vari incidenti.  Le dighe consentono alla comunità di disporre di un’impor­tante riserva di acqua potabile e di energia, ma come tutti gli impianti tecnologici possono rappresentare un fattore di rischio.

Da un esame approfondito degli argomenti trattati si evince che la natura non è stata la principale attrice. Gli eventi alluvionali che hanno accompagnato la maggior parte di questi episodi non bastano, da soli, a giustificare quanto accaduto. Spesso l’acqua è solo apparentemente colpevole: le vere cause sono da ricercarsi nella superficialità, negli interessi, nell’incapacità o cattiva volontà da parte dell’uomo di inter­pretare i segnali della natura.  

Ci auguriamo che la storia dei passati errori possa essere utilizzata come uno strumento di conoscenza per evitare di commetterne in futuro.
 

Giorgio Temporelli - Da Molare al Vajont - Storie di dighe 
216 pagine - € 21,00 - ISBN 978-88-8163-653-2
Erga edizioni - Genova

Erga edizioni - Mura delle Chiappe 37/2 - 16136 Genova Tel. 010 8328441
Mail edizioni@erga.it    Catalogo e recensioni on line www.erga.it   Distribuzione nazionale CDA Bologna
Seguici su Facebook: facebook.com/ErgaEdizioni  o su Twitter: twitter.com/ergaedizioni






This email was sent to pubblica@comunicati.net
why did I get this?    unsubscribe from this list    update subscription preferences
Carla Scarsi · via xxv aprile 105 · pieve ligure, GE 16031 · Italy

Email Marketing Powered by Mailchimp
]]>
23 gennaio- A Genova Rivarolo Marina Savoia presenta "Noi che guardavamo a sinistra e respiravamo aria di solidarietà" di Milvia Moretti -  Erga ediz. Wed, 22 Jan 2020 08:21:41 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/616684.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/616684.html basicterzosettore basicterzosettore

COMUNICATO STAMPA ERGA EDIZIONI

Si parla di scrittura, di vita e di partigiani il 23 Gennaio 2020 alle 16.30

nella Sala Tramontana della Biblioteca Cervetto di via Jori a Genova Rivarolo,

dove Marina Savoia presenta

Noi che guardavamo a sinistra e respiravamo aria di solidarietà 

Una pagina di vita tra Certosa e Sori
di Milvia Moretti, Erga edizioni




 

Racconti tra Certosa e Sori: Storia di Mi - Bambole in guerra - Mi sono innamorata di te - Cara Arianna
 

“…Sono nata nel 1949 a Genova nel quartiere operaio di Certosa, ricco di stimoli sociali e culturali…

“Oggi Milvia si racconta, per lasciare memoria alla nipote Arianna e alla generazione che verrà, non solo di ciò che ha vissuto, ma anche di quanto ha sognato e fantasticato. Passa insomma le sue storie come il corridore passa il testimone a chi viene dopo e ne prosegue la corsa.  Raccontare allunga la vita e crea continuità. Serve a coltivare la nostra umanità e a condividerla. Perché le storie, anche quelle inventate, parlano di noi e prendono nel tempo la voce di chi ha dato loro ascolto.”

Dalla prefazione di Marina Savoia


Milvia Moretti è nata a Genova nel 1949. Laureata in Lettere con una tesi su cinema e politica, è da sempre impegnata nelle attività di recupero e inserimento delle fasce deboli, ha lavorato per più di vent’anni come educatrice presso l’Istituto dei ciechi David Chiossone, poi nella Provincia di Genova. Negli ultimi dieci anni di attività ha lavorato nella segreteria dell’assessore Giuseppe Piero Fossati. Dal 1995 al 2005 è stata Vicesindaco e Assessore ai Servizi Sociali, Sanità, Politiche del lavoro, Pari opportunità, Solidarietà e Pace del Comune di Sori. In pensione dal 2011, ha continuato ad occuparsi di problematiche sociali. Il suo percorso politico è stato lento ma continuo, molto più istintivo e sociale che politico. Vissuto con il cuore, un percorso personale, pieno di dubbi, talvolta conflittuale, ma rigoroso. Da sempre ama scrivere poesie, poemetti e racconti per mantenere viva la memoria sui temi della Resistenza e della lotta alla criminalità organizzata. Dopo i due libri “Piccola Storia di Mi” “La Casa Vicino al fiume”, ha pubblicato per Erga il “Diario segreto di una nonna”.

 

Milvia MorettiNoi che guardavamo a sinistra e respiravamo aria di solidarietà,

Erga edizioni, 10 euro, 112 pagine, ISBN 978-88-3298-099-8

Erga edizioni - Mura delle Chiappe 37/2 - 16136 Genova Tel. 010 8328441
Mail edizioni@erga.it    Catalogo e recensioni on line www.erga.it   Distribuzione nazionale CDA Bologna
Seguici su Facebook: facebook.com/ErgaEdizioni  o su Twitter: twitter.com/ergaedizioni






This email was sent to pubblica@comunicati.net
why did I get this?    unsubscribe from this list    update subscription preferences
Carla Scarsi · via xxv aprile 105 · pieve ligure, GE 16031 · Italy

Email Marketing Powered by Mailchimp
]]>
Ripristinare la propria integrità e onestà – una base per vivere una vita di successo Tue, 21 Jan 2020 21:09:28 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/616621.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/616621.html Chiesa di Scientology di Padova Chiesa di Scientology di Padova Iscrizione immediata al corso gratuito on line………. 

 

Oggi più che mai stiamo assistendo ad un degrado incalzante. Ma da dove si potrebbe ripartire?


Ognuno sperimenta dei cambiamenti negativi nella vita che non vorrebbe succedessero. In fondo ogni persona sa che a volte comportarsi in un certo modo, sebbene non danneggi altri, danneggia se stessi. Quindi di cosa stiamo parlando?

Questi scenari, fin troppo comuni, hanno una precisa ragione di essere. 

Non  “accadono per caso” e non sono determinati dal fato. 

L. Ron Hubbard ha accumulato un’enorme quantità di materiale di ricerca che tratta in modo diretto ed esplicito, e risolve le cause, che stanno alla base dell’allontanamento dagli altri e della perdita dell’integrità.  

Egli ha sviluppato anche un metodo preciso con cui aiutare le persone a ritrovare il senso dell’onestà e del rispetto personale. 

I sogni infranti e il rimpianto del passato non devono continuare ad allontanare la gente da una partecipazione attiva nel presente. 

Esiste un preciso meccanismo che spinge la persona a ritirarsi dalle amicizie, dalle conoscenze, dalle famiglie, dai gruppi a cui appartengono e, a dire il vero, dai propri sogni. 

E’ possibile, tuttavia, porre rimedio a situazioni del genere. 

Consulta il sito: www.it.volunteerministers.org,  scegli la lingua che preferisci, puoi avere il corso di “integrità e onestà” gratuitamente on line. 

Si tratta di un modo nuovo di vedere un vecchio problema e questo significa che non dovrete più starvene in disparte a osservare la sofferenza vostra e altrui senza poter far nulla, ma avrete a disposizione gli strumenti che vi consentiranno di risolvere definitivamente quella sofferenza. 

 

Per info: Tiziana Bonazza 049 8756317




 

]]>
Ravenna – Sotto la pioggia, sabato scorso i volontari “Mondo libero dalla droga” distribuiscono centinaia di opuscoli di prevenzione alla droga. Tue, 21 Jan 2020 21:08:33 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/616620.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/616620.html Chiesa di Scientology di Padova Chiesa di Scientology di Padova Oltre ai ragazzi, molti genitori hanno ricevuto copie di opuscoli informativi, che hanno generato un vero interesse per affrontare il tema. 


La nostra soddisfazione è stata anche quella di essere riusciti ad interessare i genitori che “contenti della nostra iniziativa, ci hanno fatto domande ed esortato a continuare, oltre che indicarci altre scuole da sensibilizzare.

Gli l’opuscoli “La Verità sulle Droghe” che sono stati distribuiti gratuitamente danno informazioni reali su effetti sulle Droghe e spiegano perché le persone assumono droga.

Guardando TV e giornali si vedono sempre più ragazzi in giovane età a far uso ti vari tipi di droghe e alcol, noi volontari insistiamo che ci sia più prevenzione e vogliamo dare in nostro contributo e far capire ai ragazzi che non serve nessuna droga per divertirsi.

I più giovani solitamente iniziano a far uso di Marijuana e che ci piaccia o meno spetta a loro prendere una decisione riguardo l’uso di questa sostanza. Quindi cosa sentono in giro? È naturale, “tutti la usano”, non da dipendenza, non fa così tanti danni come l’alcol, non hai la sbornia, è una medicina, ti calma, sballa divertendoti, diventi più creativo quando fumi.

In alcuni di questi slogan, c’è un elemento di verità ma deve essere bilanciato con i danni che la droga fa. Puoi dir loro che la droga potrebbe dare un po’ di calma temporanea ma che questo potrebbe finire con attacchi di panico o nell’abbandono delle mete personali. E’ provato che riduce la capacità di concentrazione, di apprendimento e può portare la persona ad essere più propensa ad avere incidenti.

Il filosofo umanitario L. Ron Hubbard dice: “Le droghe privano la vita delle sensazioni e delle gioie, che sono, comunque, l’unica ragione di vita”.

il nostro scopo è raggiungere i ragazzi prima che lo facciano gli spacciatori.

noalladroga.org


 

]]>
Uniti per dire no alla droga Tue, 21 Jan 2020 21:07:35 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/616619.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/616619.html Chiesa di Scientology di Padova Chiesa di Scientology di Padova  Distribuiti più di 800 opuscoli direttamente agli studenti


Senigallia: All’uscita di un istituto superiore di Senigallia, questa mattina è stata realizzata un’iniziativa di prevenzione dei volontari Mondo libero dalla droga. 

Veramente uno straordinario interesse dei ragazzi per il materiale informativo La verità sulla droga, con particolare interesse di opuscoli che parlano anche della verità sulla Marijuana. 


La necessaria premessa ad ogni prevenzione è l’informazione. Il primo passo per affrontare il mondo della droga è saperne di più. Spesso i ragazzi fanno uso di droghe per due o tre anni prima che i genitori si accorgano di quanto sta avvenendo. Gli insegnanti non sanno di avere in classe degli scolari che usano e, magari, spacciano droghe. Per affrontare un problema, magari, per risolverlo è importante conoscerlo esattamente.


Non è sicuramente nuovo per i volontari Mondo libero dalla droga l’impegno per quanto riguarda la prevenzione alla droga. La novità è il fatto di mettere nelle mani dei giovani materiale con il quale possano decidere con la propria testa, di vivere una vita libera dalla droga. 


Oggi come oggi la droga è molto diffusa tra i giovani, come motivo di svago, ma ciò che probabilmente non sanno, è che invece di provare nuove e maggiori emozioni, proprio a causa delle droghe non riusciranno più a provare quelle emozioni che sono comunque l’unica ragione della vita. - come osservò l’umanitario L. Ron Hubbard


La nuova campagna prevede un kit di 13 opuscoli e 16 spot educativi tradotti in più di 20 lingue sulle principali droghe attualmente in uso: Ecstasy, Cocaina, Marijuana, Alcool, la Cocaina, Crack, da droga dei bambini (Ritalin), Metanfetamine, Eroina, LSD, Antidolorifici (Ossicodone), con il messaggio: “Scopri la verità sulla droga”. 


Lo scopo dell’iniziativa è di dare potere di scelta ai giovani e agli adulti fornendo loro fatti concreti sulle droghe, così che possano prendere una decisione fondata, dicendo no alla droga e aiutando gli altri a fare lo stesso. Per ulteriori informazioni www.noalladroga.it.




    

]]>
Riflessioni sull'origine dell'Olocausto Mon, 20 Jan 2020 21:24:48 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/616353.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/616353.html Affari Pubblici Novara Affari Pubblici Novara

In commemorazione del 27 gennaio (giornata internazionale delle vittime dell’Olocausto) la Chiesa di Scientology di Novara vuole ricordare le origini dello sterminio di massa noto come “Shoah” (distruzione, apocalisse).

Una domanda che spesso ci si pone quando si parla di Olocausto è: "Ma possibile che nessuno lo sapesse o che tutti fossero d'accordo?". Se è verosimile ritenere che l'opinione pubblica potesse ignorare le dimensioni effettive del fenomeno o i particolari più agghiaccianti, è però doveroso denunciare il lento ma inesorabile lavoro d'indottrinamento eseguito dagli eugenetici che, sostenuti da eminenti psichiatri, hanno creato quell'humus culturale in cui le idee di purezza razziale e di "soppressione della vita indegna di essere vissuta" potevano proliferare ed essere accettate come necessarie verità scientifiche.

L'eugenetica - dal greco "buona nascita" - prese piede sulla scia delle teorie darwiniane verso la fine del XIX secolo. All'inizio del Novecento, spinta con forza anche dalla Fondazione Rockefeller, l'eugenetica si diffuse sempre più. L'idea di "sopravvivenza del più forte" fu dapprima usata per impedire che i deboli procreassero e, in seguito, per giustificare la soppressione della "vita indegna di essere vissuta".

In seguito fu sufficiente sviluppare un'intensa campagna antisemita, stigmatizzando gli ebrei come appartenenti a una razza inferiore, e il gioco era fatto: il concetto di razza inferiore germogliò con vigore in questo substrato culturale imbevuto di pseudoscienza eugenetica, fornendo la base di consenso allo sterminio.

Il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani (CCDU) è stato formato dalla Chiesa di Scientology e dallo scrittore-psichiatra Thomas Szasz, nel 1969. Si adopera per denunciare le violazioni psichiatriche dei diritti umani nel campo della salute mentale. Da un singolo ufficio, è cresciuto fino a diventare un potente network che difende i diritti umani internazionali, formato da 250 sezioni in 34 nazioni. La sede centrale è a Los Angeles, California, dove si trova il Museo “Psichiatria: Un’Industria di Morte”, cronaca di una storia sconvolgente di brutalità psichiatriche, dagli orrori del primo manicomio alla sperimentazione nel campo di concentramento di Dachau, passando per gli enormi, osceni, profitti provenienti dalla vendita di psicofarmaci ai bambini.


Fonte: https://www.ccdu.org/comunicati/riflessioni-sulle-origini-olocausto

 
 
--
Ufficio Affari Pubblici
Chiesa di Scientology di Novara
Via G. Visconti 1 - 28100 Novara
Cell: 371 3613824
]]>
Cs: Il Gruppo Playgolf54 gestirà il Golf dell'Isola di Albarella, sinergia per promuovere sport, turismo e ambiente Mon, 20 Jan 2020 12:56:36 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/616277.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/616277.html Studio MeMo Studio MeMo

Alla cortese attenzione della Redazione

 

Comunicato Stampa

Il Gruppo Playgolf54 gestirà il Golf dell’Isola di Albarella,
sinergia per promuovere sport, turismo e ambiente

 

Con il nuovo anno ha inizio anche la nuova sinergia fra il Gruppo PlayGolf54 e il Golf di Albarella.

Alle 54 buche del Golf della Montecchia, del Golf Frassanelle e del Galzignano Terme Golf Course di Padova si aggiungeranno quindi le 18 del golf interno all’Isola di Albarella, un affascinante percorso tra mare, spiaggia e laguna, progettato nel 1972 dall’architetto inglese John Harris.

Si ufficializza così la collaborazione tra il gruppo guidato dalla direzione del Golf della Montecchia e il Gruppo Marcegaglia, che ad Albarella ha realizzato il suo primo grande investimento turistico.

Il circuito veneto si afferma tra i maggiori di tutto il nord Italia, non solo per le opportunità e i servizi offerti a soci, ospiti e turisti, ma anche per i valori che continuerà a promuovere, in primis l’attenzione all’ambiente e a una gestione dei percorsi e delle strutture all’insegna dell’ecosostenibilità, impegno che negli anni è stato più volte premiato e riconosciuto a livello internazionale.

“Le sinergie e le relazioni che matureranno grazie a questa operazione, permetteranno al golf dell’isola e al turismo, che attorno ad esso gravita, di acquisire un peso sempre maggiore sul piano nazionale e internazionale - commenta Paolo Casati Presidente di PlayGolf54 - I soci avranno accesso a un ventaglio sempre più ampio di opportunità per godere del loro sport preferito nelle quattro meravigliose location tra Colli Euganei e Isola di Albarella. Elemento comunque principale della nostra iniziativa sarà di impostare tutte le azioni ai moderni dettami dell’eco-compatibilità, i nostri professionisti sono esperti del settore, come anche il nuovo direttore Stefano Boni’.

Altro aspetto fondamentale per PlayGolf54 è la sua Montecchia Golf Academy formata da maestri esperti e coinvolgenti anche con i ragazzi. Il gruppo infatti promuove il golf fra i giovani, con grandi soddisfazioni legate a una attivissima junior team con oltre 150 atleti dai 6 ai 20 anni, protagonista dell’International U.S. Kids Venice Open e dalla quale hanno preso il via nuovi campioni Pro, portavoce per tutti l’esordiente all’European Tour, vincitore del Magical Kenya Open, Guido Migliozzi.  L’MGA sarà attiva con tutto il suo programma anche ad Albarella.

Tutte le novità sono state presentate in un incontro che si è svolto al ristorante La Barca di Albarella ufficializzando che dal 31 gennaio quindi, i soci del Golf Club Albarella diventeranno soci di PlayGolf54. Nulla cambia, invece, per quanto riguarda la gestione del Golf Hotel **** e del ristorante della struttura, che continuano a rimanere in capo ad Albarella srl.

“Una decisione che dimostra la grande attenzione e la volontà di continuare a investire sull’Isola di Albarella - commenta Mauro Rosatti, direttore generale di Albarella Srl - Il gruppo Marcegaglia crede nello sviluppo di questa realtà e nella sua crescita attraverso l’eccellenza in ambito sportivo e la sua valorizzazione grazie alla collaborazione con partner di alto prestigio come il Gruppo PlayGolf54, una rete territoriale importante”.

Le attività cominceranno subito, già nei prossimi mesi il Golf di Albarella sarà protagonista di gare e clinique  internazionali.

 

 

Play Golf 54 | Montecchia Golf Academy  Via Montecchia, 12 | Selvazzano Padova Tel. 049.8055550

Ufficio Stampa Studio MeMo Monya Meneghini dir. 338.8166555 ufficiostampa@studiomemo.net

 

 

 

]]>
cs - Il problema delle semine alessandrine di pianura Mon, 20 Jan 2020 11:42:02 +0100 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/616271.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/616271.html Cia Alessandria Cia Alessandria

Gentili colleghi

in allegato, una nota stampa sullo stato delle semine in provincia di Alessandria, con qualche problema legato al maltempo e alle alluvioni dei mesi scorsi.

Grazie, buon lavoro

Genny Notarianni

 

 

Il problema delle semine alessandrine di pianura

Terreni in sofferenza, la provincia è indietro rispetto alle altre piemontesi

 

Gli imprenditori agricoli alessandrini cercano di riparare al danno causato dal maltempo prolungato del mese di ottobre e novembre, compromettendo le tradizionali semine autunnali come quelle del frumento, orzo, loietto, e triticale, ma il risultato è ancora incerto.

Come riferito dai responsabili tecnici Cia Alessandria, fino all’inizio dello scorso mese di dicembre, solamente il 40% dei terreni era stato seminato e la situazione è migliorata solo verso il periodo natalizio e nella prima quindicina di gennaio, quando gli imprenditori hanno intensificato gli sforzi per procedere ove possibile con le operazioni di semina.

Spiega la consulente tecnica Cia Alessandria Valentina Natali: “Gli agricoltori ripongono fiducia nelle condizioni climatiche e nella ripresa dei terreni, ma in questo momento non possiamo sapere quale sarà l’esito del raccolto. Nei terreni allagati è difficile entrare per effettuare le necessarie operazioni colturali mentre, dove si è già seminato, i germogli e le piantine rischiano di soffocare per la troppa acqua, motivo per il quale si evidenziano anche forti ingiallimenti.

Le zone del Casalese e quelle collinari hanno avuto molte meno difficoltà rispetto alle pianure alessandrine nel periodo ideale delle semine, motivo per il quale non sono rimasti indietro come noi e sono riusciti a seminare quasi la totalità prevista. Le zone più svantaggiate sono l’Alessandrino, il Vogherese, il Novese e l’Ovadese.

La provincia di Alessandria, riguardo alle semine, è quella più indietro di tutti, Cuneo e Torino sono riusciti a compensare nella seconda decade di dicembre.

In questo momento sono tutti impegnati nelle semine del frumento tenero (varietà alternative) ma, come commenta ancora Natali “è consigliabile ripiegare sull’orzo o sul grano duro perché per il frumento tenero è ormai tardi per ottenere buoni risultati con semine cosi tardive. Anche se sono utilizzate varietà alternative, ovvero quelle varietà nelle quali si ha la capacità della pianta di rispondere alle variazioni di temperatura e numero di ore di luce, passando dalla attività vegetativa a quella riproduttiva senza aver bisogno del processo di vernalizzazione siamo troppo avanti con il periodo”.

Se chi non ha ancora seminato non dovesse riuscire a farlo nei prossimi giorni, dovrà per forza ripiegare su colture primaverili, con l’incognita di una resa minore e un punto interrogativo sulla richiesta di mercato, con un comprensibile aggravio sia dei costi, sia dei danni. 

 

 

http://comunicati.net/allegati/220396/cs3_semine.docimage003.png@01D37A7F.A8968B70

 

Genny Notarianni
Ufficio stampa e Relazioni esterne | Cia - Agricoltori Italiani Alessandria

Via G. Savonarola, 29 – 15121 Alessandria
Tel +39 0131 1961339 | Fax +39 0131 41361 | Mobile + 39 345 4528770

e-mail g.notarianni@cia.it | sito web www.ciaal.it

_________________

 

http://comunicati.net/allegati/220396/cs3_semine.docimage004.png@01D37A7F.A8968B70 http://comunicati.net/allegati/220396/cs3_semine.docimage005.png@01D37A7F.A8968B70 http://comunicati.net/allegati/220396/cs3_semine.docimage006.png@01D37A7F.A8968B70 http://comunicati.net/allegati/220396/cs3_semine.docimage007.png@01D37A7F.A8968B70

 

 

--
Hai ricevuto questo messaggio perché sei iscritto al gruppo "stampa Cia Alessandria" di Google Gruppi.
Per annullare l'iscrizione a questo gruppo e non ricevere più le sue email, invia un'email a stampa-cia-alessandria.mailing+unsubscribe@cia.it.
Per visualizzare questa discussione sul Web, visita https://groups.google.com/a/cia.it/d/msgid/stampa-cia-alessandria.mailing/023001d5cf7e%2440581140%24c10833c0%24%40cia.it.
]]>