Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Società civile Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Società civile Wed, 26 Sep 2018 01:32:26 +0200 Zend_Feed_Writer 1.12.20 (http://framework.zend.com) http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/1 La Via della Felicità corre nella StraBergamo 2018 Mon, 24 Sep 2018 22:04:28 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/492860.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/492860.html Scientology Brescia Scientology Brescia Diffondere i valori fondamentali come l'elemento davvero determinante per una vita all'insegna della felicità. Questo è l'obbiettivo che i volontari bergamaschi del gruppo "La Via della felicità" vogliono raggiungere. Per questo hanno partecipato alla Strabergamo del 2018 diffondendo i famosi 21 precetti basati esclusivamente sul buon senso.

Partecipare ad un evento gioioso.

Anche quest'anno un gruppo di 100 volontari sostenitori della campagna "La Via della Felicità" ha corso nella Strabergamo 2018 e si è collocato al 5° posto come gruppo più numeroso. 
L'obiettivo dei volontari è quello di promuovere e diffondere la cultura del rispetto dei valori più tradizionali. Essi sono il vero fondamento del vivere comune ed in armonia per ogni popolo, razza o fede.
La partecipazione alla Strabergamo ha voluto sottolineare questo aspetto in un ambito festoso e di partecipazione.

Ha preso parte all'evento l'ultra-maratoneta Simone Leo testimonial de "La Via della Felicità". Simone ha corso tutte le gare più dure nel mondo con percorsi oltre i 200 km non stop.
Nel luglio di quest'anno ha partecipato la durissima gara "BadWater" di 217 Km non-stop che parte dalla "Valle della morte" ad 85m sotto il livello del mare fino ai 2530 m del Monte Whitney scavalcando tre catene montuose.
Simone ad ogni gara espone il vessillo de "La Via della Felicità", che porta sempre con orgoglio proprio per promuovere i precetti della campagna.

La moralità e la felicità.

Il rispetto dei precetti che "La Via della Felicità" illustra e che sono ampiamente condivisi, non deve costituire un obbligo. Essi costituiscono piuttosto un lusso che la persona saggia si concede. Il loro rispetto costituisce la strada per una vita in cui si possa godere della fiducia e della stima delle persone.
Con questi obiettivi la campagna “La via della felicità” promuove tali valori. Il libretto contiene ventuno precetti basati esclusivamente sul buon senso, pienamente condivisibili, indipendentemente da razza, colore o credo. Essi favoriscono il manifestarsi di gentilezza, onestà e rispetto nella vita.

Il testo costituisce un codice morale, non religioso, ed è stato scritto da L. Ron Hubbard, fondatore di Scientology. La sua prima pubblicazione risale al 1981 e il suo scopo è quello di arrestare il declino morale nella società e ripristinare integrità e fiducia nell’uomo.

La Via della Felicità, ora pubblicato in 112 lingue, ha portato calma in comunità lacerate dalla violenza, pace in zone devastate dalla guerra civile e rispetto di sé a milioni di individui, nelle scuole, nelle prigioni, nelle chiese e nei centri giovanili e comunitari.

I volontari si sono ispirati alle parole di L. Ron Hubbard: “un essere è di valore solo nella misura in cui può essere utile agli altri”.

Dal sito della campagna: "laviadellafelicita.org" è possibile richiedere un kit informativo gratuito.

]]>
NEL QUARTIERE SANT'ORSOLA A SASSARI SI FA PREVENZIONE ALLA DROGA Mon, 24 Sep 2018 15:51:17 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/492812.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/492812.html CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI  

 

Dopo Carbonazzi ora è il turno del quartiere Sant'Orsola a Sassari, ad essere interessato alle iniziative di prevenzione alle droghe dei volontari di Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga e della Chiesa di Scientology, che nella serata di sabato 22 settembre hanno distribuito centiania di opuscoli "la verità sulla droga" nelle strade del rione. Nel popoloso quartiere all'estrema periferia nord di Sassari vanta numerose opere pubbliche incompiute, i lavori di urbanizzazione e i servizi sono a dir poco scadenti. I centri di aggregazione per i giovani sono inesistenti e i ragazzi, non avendo punti di riferimento nella società, sono facili prede degli spacciatori che promettono l'elisir della vita attraverso la droga. Si potrebbe dire che sia la situazione fotocopia di tante altre periferie di grandi città dove i problemi si accumulano e le popolazioni vivono in condizioni urbane e sociali, ad essere benevoli, poco dignitose.

Ma i volontari conoscono molto bene l'inganno nascosto in questo messaggio e, consapevoli che solo l'informazione può salvare i ragazzi da questo pericolo sempre in agguato, lavorano costantemente con lo scopo di arrivare prima dei pusher e strapparli così dalle loro mani.

"Le droghe sono l'elemento più distruttivo presente nella nostra cultura attuale" scriveva il filosofo L. Ron Hubbard, e lo sono ancora di più nelle realtà in cui al degrado sociale e umano si aggiunge anche quello che inevitabilmete la droga porta con sè.

Info: www.it.drugfreeworld.org

 

]]>
Proroga termini premio giornalistico “Finanza per il Sociale” ABI - FEDUF - FIABA | Giornalist i praticanti e allievi scuole di giornalismo o master riconosciuti dall’Ordine dei Giornalisti Mon, 24 Sep 2018 14:01:19 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/492843.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/492843.html FIABA ONLUS FIABA ONLUS Prorogati i termini del premio giornalistico “Finanza per il Sociale”

Se non leggi correttamente questo messaggio, clicca qui

Image

 COMUNICATO STAMPA

 

Premio ABI - FEDUF �“ FIABA “Finanza per il Sociale”

tempo fino al 15 novembre per partecipare

 

Tema del concorso, le sfide dell’educazione finanziaria a sostegno della ripresa.

L’iniziativa, che si rivolge ai giornalisti praticanti e allievi delle scuole di giornalismo,
ha il patrocinio dell'Ordine Nazionale dei Giornalisti
e si inserisce nell’ambito del “Mese dell’Educazione Finanziaria”

 

Prorogati i termini per concorrere al Premio ABI-FEDUF-FIABA “Finanza per il sociale”. Con elaborati pubblicati o trasmessi entro il 15 novembre, si potrà partecipare alla quarta edizione del premio “Finanza per il sociale”, l’iniziativa per giovani studenti in giornalismo, promossa da ABI (Associazione Bancaria Italiana), FEDUF (Fondazione per l’Educazione Finanziaria e al Risparmio) e FIABA (Fondo Italiano Abbattimento Barriere Architettoniche).

 

Il premio si inserisce così nell’ambito del “Mese dell’Educazione Finanziaria”, l’iniziativa promossa dal Comitato per la programmazione e il coordinamento delle attività di educazione finanziaria che si svolgerà per tutto il mese di ottobre. Il premio ha ricevuto il patrocinio dell'Ordine Nazionale dei Giornalisti.

 

L’iniziativa punta a sostenere l’impegno nel raccontare l’importanza della cultura finanziaria per il Paese. Destinatari del concorso i giornalisti praticanti e allievi delle scuole di giornalismo, interessati a cogliere le sfide del giornalismo economico, in un momento storico in cui l’adeguata informazione e formazione finanziaria costituiscono un autentico servizio per lo sviluppo di competenze imprescindibili. L’iniziativa, promossa nell’ambito della XVI edizione del FIABADAY �“ Giornata Nazionale per l’Abbattimento delle Barriere Architettoniche, rientra nell’ambito dell’impegno pluriennale del mondo bancario sui temi dell’inclusione finanziaria e sociale.

 

Particolare attenzione è rivolta quest’anno all’inclusione finanziaria dei cittadini in situazioni di fragilità sociale. Tema del premio della quarta edizione è infatti “Il ruolo dell’educazione finanziaria e al risparmio come strumento di inclusione sociale. Sfide e prospettive formative per le fasce più vulnerabili della popolazione”. Il rafforzamento delle competenze finanziarie di tutte le fasce della popolazione, a partire da quelle più vulnerabili, può contribuire a rafforzare la capacità di fronteggiare situazioni complesse e di esclusione sociale, e di investire nel futuro. Favorire l’inclusione finanziaria significa sostenere opportunità di crescita e di sviluppo e, al tempo stesso, quella sostenibilità economica e sociale che è fondamento della ripresa.

 

Modalità di partecipazione

Sarà premiato il migliore articolo o servizio audio/video che abbia affrontato il tema del concorso. Informazioni e strumenti utili per sviluppare gli elaborati potranno essere reperiti consultando il sito www.curaituoisoldi.it, il nuovo portale sull’educazione finanziaria realizzato da FEDUF in collaborazione con le Associazioni dei consumatori. L’elaborato vincitore sarà pubblicato sul sito dell’ABI www.abi.it, sul sito www.curaituoisoldi.it di FEDUF, e sul sito di FIABA www.fiaba.org.

 

La partecipazione è gratuita. Possono concorrere i praticanti e gli allievi delle scuole di giornalismo o master riconosciuti dall’Ordine dei Giornalisti, autori di articoli in lingua italiana o di servizi radiotelevisivi sul tema in concorso. Possono concorrere anche elaborati firmati da più autori. Con la proroga dei termini, ogni concorrente, o gruppo di concorrenti, potrà partecipare con un solo articolo/servizio, pubblicato o trasmesso nel periodo compreso tra il 1° novembre 2017 e il 15 novembre 2018.

 

L’elaborato in concorso dovrà essere spedito entro il 22 novembre 2018 per e-mail, indicando come oggetto la dicitura “Premio Finanza per il Sociale IV Edizione” a ufficiostampa@fiaba.org o per posta all’indirizzo FIABA �“ Premio Giornalistico “Finanza per il Sociale”, Piazzale degli Archivi, n. 41, 00144 Roma. In caso di spedizione a mezzo posta farà fede la data del timbro postale. Gli elaborati dovranno comunque pervenire entro e non oltre il 29 novembre 2018.

 

Per maggiori informazioni riguardanti le modalità di partecipazione è possibile consultare e/o scaricare il bando di concorso con relativo regolamento dal sito internet www.abi.it e www.fiaba.org o richiederle ai seguenti contatti: la Segreteria Organizzativa del Premio al numero 06 43400800, e-mail ufficiostampa@fiaba.org; l’ufficio Rapporti con la stampa dell’ABI e-mail salastampa@abi.it; l’Ufficio Stampa FEDUF e-mail stampa@feduf.it    

Facebook
 
Twitter
 
YouTube
 
Instagram
 
LinkedIn
 

Email inviata con   MailUp
Cancella iscrizione  |  Invia a un amico
Ricevi questa email perché ti sei registrato sul nostro sito e hai dato il consenso a ricevere comunicazioni email da parte nostra.
FIABA Onlus, info@fiaba.org Piazzale degli archivi, 41, Roma, IT
www.fiaba.org 0643400800
]]>
28-29 settembre 2018 - BOOK PRIDE - 3 eventi per 30 autori ERGA Edizioni a Palazzo Ducale di Genova Mon, 24 Sep 2018 02:08:52 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/492733.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/492733.html basicterzosettore basicterzosettore
View this email in your browser

COMUNICATO STAMPA ERGA EDIZIONI
ERGA EDIZIONI CON UNO STAND al BOOK PRIDE
a PALAZZO DUCALE di GENOVA

“3 GIORNI DI EVENTI CON OLTRE 30 NOSTRI AUTORI E AUTRICI”

 

Al BOOK PRIDE di Genova Erga Edizioni, che il prossimo anno compie 55 anni, scalda i motori. Sarà presente con uno stand nel cortile di Palazzo Ducale, esponendo oltre 250 titoli.  
Organizza tre eventi tematici che coinvolgono con performance un pubblico di grandi e piccoli. I temi saranno: 1) presentare i libri di narrativa, 2) libri da cantare e giocare con i bambini e 3) la lingua e l’ambientazione genovese.
 
1) 28 settembre h 19 - UNA PAGINA STRAPPATA DAL MIO LIBRO - Performance di autori e autrici, con parole, canti e musica - Salone del Minor Consiglio - Conduce Mike Lorefice
 
2) 29 settembre h 17 - STORIE ERGA DA GIOCARE E DA CANTARE - Laboratorio di narrazione per bambini dai 2 ai 12 anni �“ Conduce Fiorella Colombo
 
3) 29 settembre 2018 h 19 - "CONTA ARREGORDI IN SCE-O FÎ DA MEM�-IA (Conta i ricordi sul filo della memoria) -
Salone del Minor Consiglio - Conduce Carla Scarsi
 
 
Marco Merli, editore di Erga assieme ai suoi fratelli Enrico e Fabio, dichiara: “Abbiamo creato degli eventi corali, in cui i protagonisti sono le nostre autrici e i nostri autori di romanzi e poesie e racconti per bambini. Il nostro percorso viene da oltre 50 anni di attività sempre in mano alla stessa famiglia, che ci ha permesso di continuare il rapporto storico con la città ed i suoi autori, mantenendo  un catalogo di testi su Genova e la Liguria, affiancato da collane nazionali di manualistica e  saggistica, arte e narrativa. Dal 1954 mio padre Marcello Merli e ora noi figli portiamo avanti questa meravigliosa avventura che già nel 1989 ci ha portato alla distribuzione nazionale senza perdere di vista la nostra terra. La donazione alla “A Compagna” del nostro archivio storico ha sancito il valore del nostro catalogo di oltre 2500 titoli, mentre la scomparsa di un autore storico come il prof. Amedeo Benedetti ha interrotto la pubblicazione della collana da lui diretta su figure internazionali degli ultimi 50 anni e sul loro linguaggio, collana che presentiamo in toto allo stand. Per il BOOK PRIDE realizziamo tre appuntamenti a tema, dedicati il 28 settembre alle 19  ai nostri romanzi, il 29 settembre alle 17 ai nostri libri per i bambini e per la scuola, e alle 19 un grande affresco della città e della Liguria”.
 
A seguire le schede dei tre eventi.
 
Per contatti stampa: Carla Scarsi 340 9126893
 
 
Erga edizioni - Mura delle Chiappe 37/2 �“ 16136 Genova - Tel 010 8328441 �“ Mail edizioni@erga.it
Catalogo e recensioni on line www.erga.it  - Facebook: www.facebook.com/ErgaEdizioni
Twitter: twitter.com/ergaedizioni - Instagram: www.instagram.com/ergaedizioni

 


28 settembre 2018 h 19
UNA PAGINA STRAPPATA DAL MIO LIBRO
Performance di autori e autrici, con parole, canti e musica
Salone del Minor Consiglio

Conduce Mike Lorefice
 
Presentare un libro è il mestiere degli editori e di chi ne fa la promozione.
Ma come lo farebbe un autore o un’autrice?
Quale voce darebbe alle sue pagine scritte?
Ogni autore descriverà la propria opera nei tre minuti, presenterà il suo libro, si presenterà al pubblico, strappando simbolicamente una pagina del proprio libro che leggerà, canterà, reciterà.
Una sfida quindi, ma anche un “nuovo” libro pieno di sorprese, indimenticabile per i lettori presenti, scritto a più mani, che nascerà in questa giornata e che si rifà alle sperimentazioni dell’Oulipo*.
Presenti: scrittori, scrittrici, poetesse e poeti della casa editrice Erga di Genova.
Mike Lorefice nasce a Genova il 13 febbraio 1990. Nel 2010 pubblica il suo primo romanzo, “Il cielo in rovina” con Erga Edizioni, nel 2012 il secondo, “Apnea notturna”, sempre con Erga Edizioni. Nel 2013 produce il cortometraggio omonimo al suo secondo romanzo, ispirato ad uno dei capitoli dell’opera, presentandolo in diversi festival cinematografici italiani. Dal 2016 è il volto ufficiale nonché il vocalist per le serate di “Sesso, droga e pastorizia”, la social community che ha fatto molto discutere negli ultimi mesi. È fresco di stampa sempre per Erga edizioni il suo “Bolo Isterico”.
Attualmente studia filosofia all'università di Genova e lavora come portiere notturno in un hotel.
 
* OULIPO: era la sigla di Ouvroir de littérature potentielle («Opificio di letteratura potenziale»), un gruppo degli anni ’60 formato da Raymond Queneau e François Le Lionnais, per esplorare le possibilità creative della grammatica applicata alla letteratura. Dell’OULIPO, facevano parte anche Georges PerecItalo CalvinoJacques Roubaud, che utilizzarono formule lessicali, matematiche, alfabetiche, fonetiche, sintattiche.

29 settembre 2018 h17:00-18:30
STORIE ERGA DA GIOCARE E DA CANTARE
Laboratorio per bambini a cura di Fiorella Colombo
 
Un laboratorio di narrazione creativo e colorato, per giocare insieme con Lupo Giulivo e Capra Belarda, Trilli e Capitan Uncino, il Re calzolaio e la principessa, Pasta Gialla e i suoi amici, Zoe la bambola di pezza, Riccardino e la famiglia Spolverino, Giulio e Giulia ... e chi più ne ha più ne metta! (età consigliata dai 2 ai 12 anni)
 
Programma:
17:00-17:30: Lancio del "gioco" narrativo e presentazione di tutti i personaggi delle fiabe che i bambini incontreranno, racconto animato e cantato di ATTENTI AL LUPO E ALLA CAPRETTA mini-spettacolo teatrale
17:30.18:30: il giro dell'oca dei racconti: divisione in 4 piccoli gruppi  per la lettura dei diversi racconti in diversi punti della sala in contemporanea...
18:30: saluto finale con un canto
 
Il magico gioco narrativo, fatto di ascolto ma anche di gioco in prima persona.
Perché le storie dormono dentro i libri, ma appena osiamo aprirne uno... ecco la magia più bella del mondo: tutto si anima, come se fosse vero! Venite allora insieme a noi a "svegliare" tante belle storie, diverse e multiformi, che improvvisamente cominciano ad essere raccontate, animate e cantate, Vivrete nuove avventure insieme a tutti i personaggi che incontrerete! E tornerete a casa più ricchi di prima e.. chi lo sa, magari con una cosa preziosa in più: un libro!
Vai al sito: www.recitarcantando.net/?p=3521
 

Fiorella Colombo è pedagogista, insegnante e counselor, scrittrice per infanzia con Erga Edizioni e Vallardi Industrie Grafiche. Autrice e attrice di teatro per infanzia e teatro ragazzi, ha fondato e dirige la compagnia Liberitutti di Genova, collabora con il Teatro Garage di Genova e con il Teatro Il Sipario Strappato di Arenzano.  Conduce laboratori di teatro educazione. Ha ideato il progetto  Recitarcantando (www.recitarcantando.net).


CONTA ARREGORDI IN SCE-O FÎ DA MEM�-IA
Conta i ricordi sul filo della memoria

Performance di autori Erga nel Salone del Minor Consiglio
Conduce Carla Scarsi
 
Immaginate una serata tra amici, una festa: discorsi, canti, balli e musica. Un qualsiasi momento dove si sta insieme. Una voce incomincia a leggere, un’altra prosegue.
Un racconto e un ascolto corale. Parole ad alta voce per celebrare il tempo che viviamo insieme. In parte in genovese, in questa lingua che sa evocare quel tempo.
Come si faceva una volta. Prima che TV, PC e cellulari ci rinchiudessero nello spazio ristretto del nostro ego.
Presenti: scrittori, scrittrici, poetesse e poeti della casa editrice Erga, che  recitando, cantando, leggendo e ballando ci condurranno, come Alice, nel meraviglioso mondo genovese.
 
Carla Scarsi è nata nel 1960 a Genova in una famiglia di artisti fuori dalla norma. Giornalista, scrittrice, ambientalista, giornalista scientifica nel settore dell'allattamento, Consigliera comunale a Pieve Ligure, Consulente in allattamento, vive a Pieve Ligure, dopo esperienze in diverse case editrici è tornata in Liguria ed è approdata alla Casa editrice Erga. Ha raccontato nel volume Il Paradiso dietro l’angolo (Erga)  un pezzo della storia della sua famiglia. Ha scritto anche i 10 anni di storia degli Amici dell’Acquario (Erga)  e la Guida al Parco culturale Giorgio Caproni.

 
 
ERGA Edizioni al Book Pride Stand n 79-80  
 
Orario: Book Pride sarà aperto
dalle 14 alle 20 di venerdì 28 settembre e
dalle 10 alle 20 di sabato 29 e domenica 30 settembre
Info e programma completo su www.bookpride.net
 
Erga edizioni - Mura delle Chiappe 37/2 - 16136 Genova Tel. 010 8328441
Mail edizioni@erga.it    Catalogo e recensioni on line www.erga.it
Seguici su Facebook: facebook.com/ErgaEdizioni    o su Twitter: twitter.com/ergaedizioni






This email was sent to pubblica@comunicati.net
why did I get this?    unsubscribe from this list    update subscription preferences
Carla Scarsi · via xxv aprile 105 · pieve ligure, GE 16031 · Italy

Email Marketing Powered by MailChimp
]]>
programmare e partecipare al governo del Territorio Incontro sala della Provincia 25 settembre 2018 Sun, 23 Sep 2018 08:26:59 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/492728.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/492728.html ferrovia Civitavecchia Capranica Orte Audizione Ca ferrovia Civitavecchia Capranica Orte Audizione Ca si ringrazia della cortese attenzione. Cordiali saluti 
Raimondo Chiricozzi

"Programmare e partecipare al governo del territorio"

Gli Enti Locali alleati per il rilancio dello sviluppo territoriale

 

(Viterbo - 25 settembre 2018 - ore 11:00) Palazzo della Provincia

 

Premessa

La costruzione di una politica integrata di sviluppo, di contrasto a sprechi e fallimenti di mercato, di azzeramento di procedure inefficaci e superate e di avvio di nuove azioni in materia di governo del territorio, apre al riscatto dell’azione pubblica in funzione del rilancio della crescita, della qualità e della coesione, del miglioramento dei livelli di occupazione e  dell'implementazione dei servizi ai cittadini, attraverso un processo in grado di accompagnare la sostenibilità dei territori  e degli insediamenti, anche con la rivisitazione dei modelli fin qui adottati.

Conferire concretezza a progetti caratterizzati da una logica funzionale ed incisiva, realizzare interventi infrastruttura ed urbani basati su criteri di qualità ed efficacia, devono comportare l'uso di misure ed interventi d'interesse collettivo capaci di accelerare tempi d'attuazione, costruire consenso, valorizzare investimenti che comportino effetti economici rilevanti anche nel breve e medio termine.

Il Territorio ed il paesaggio

Il territorio ed il paesaggio necessitano di una progettualità a 'geometria variabile" aperta a progetti d'area costruiti con una  guida condivisa, accompagnata e valorizzata da una programmazione ed una politica che vede le varie parti, le istituzioni, il mercato, i privati, cercare di trattare m maniera integrata te scelte.

La programmazione di risorse pubbliche è ancora elemento di sistema con cui realizzare interventi che interrompano  processi di pianificazione occasionali ed inefficaci. Valorizzando il ruolo delle risorse pubbliche, che può essere ancora decisivo, si conferma la necessità di aprire ad una programmazione caratterizzata da una  governance orizzontale in grado di sostenere i vari sistemi locali (Regioni - Province - Comuni)

C’è bisogno di una progettualità integrata che faccia emergere equilibri fertili tra rappresentanze che dovrebbero distribuirsi i compiti e fare cooperazione interistituzionale soprattutto attraverso due condizioni di base: più progetti e più coordinamento negli investimenti.

La costruzione di nuovi orientamenti

Occorre costruire e consolidare orientamenti basati su nuovi sistemi di relazioni, di complessità spaziali, di reti fisiche, di interazioni tra i vari sistemi locali "aperti" all'innovazione e a nuove forme programmatorie e regolamentari.

L'elemento della continuità tra i territori e l'oggettivo ingresso delle potenzialità territoriali nel novero dei fattori attestanti il tasso di capacità competitiva tra imprese e tra sistemi economici, mette in primo piano la necessità di elaborare ed attuare regole più congrue rispetto allo scopo.

Per i territori e le città andrà favorita l'applicazione di regole condivise, caratterizzate da un coordinamento dei vari livelli amministrativi utile a rafforzare i legami tra le città ed i territori al fine di condividere le opportunità di sviluppo, a superare tensioni tra interessi diversi, a pervenire all'abbandono di modelli di sviluppo autoreferenziali ed obiettivi divergenti.

In sintesi, occorre elaborare quadri di 'reti intercomunali" su scala territoriale che abbiano come trama di riferimento contenuti e strumenti programmatori condivisibili già dalla scala di singoli programmi locali.

Un appuntamento con il territorio

Di questo si parlerà nell'incontro del 25 settembre 2018 presso la "Sala Consiliare" dell'Amministrazione Provinciale di Viterbo a cui sono chiamati tutti i Sindaci della Provincia ed ai quali, il Presidente Pietro Nocchi, rivolgerà l'invito a partecipare alla messa a punto di un'azione partecipata e condivisa che, attraverso un robusto percorso attuatìvo, potrà contribuire a delineare, costruire ed avviare un concreto "Piano strategico tra Comuni dell'Alto Lazio".

 

 

 

]]>
Al via oggi 22 settembre a Venezia alla Scuola Grande di San Rocco Sat, 22 Sep 2018 17:50:42 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/492715.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/492715.html Mimmo Caiazza Mimmo Caiazza
Al via oggi 22 settembre a Venezia alla Scuola Grande di San Rocco 
 
il 3° Congresso Nazionale A.I.T.E.B.
 
«LA SCIENZA INCONTRA L’ARTE DEL BELLO. L’ESPERIENZA DELLA BELLEZZA»
 
 
 
IL BOTULINO SI CONFERMA IL TRATTAMENTO PIÙ RICHIESTO:
 
NEGLI ULTIMI 20 ANNI NEL MONDO SONO STATE PRODOTTE E UTILIZZATE 80 MILIONI DI FIALE DI BOTULINO
 
 
 
MA CHI RICORRE A QUESTI TRATTAMENTI?
 
 
 
AITEB: PREVALENTEMENTE DONNA, SPOSATA, LIBERA PROFESSIONISTA
 
FRA I 40 E I 50 ANNI SEMPRE PIÙ INFORMATA SUL FARMACO
 
ECCO L’IDENTIKIT!
 
 
 
Venezia, 22 settembre 2018. Donna, fra i 40 e i 50 anni, sposata, libera professionista o impiegata, del Nord (Lombardia) o Centro Italia (Lazio). Diplomata e «attenta», tanto da chiedere sempre più informazioni sul trattamento al quale deve sottoporsi.
 
Non è il risultato di una partita di «Indovina chi», ma l’identikit del paziente che si sottopone a trattamenti di botulino. Il profilo è frutto di un’analisi, di un sondaggio fatto da AITEB tra i propri medici associati e presentata al 3° Congresso Nazionale che si è aperto oggi sabato 22 e che si chiuderà domani domenica 23.
 
 
 
“Il sondaggio - spiega Pierfrancesco Cirillo - Chirurgo Plastico AITEB - conferma che la maggioranza dei medici intervistati ha un numero considerevole di pazienti in trattamento con botulino, quindi la nostra analisi rivela che è la terapia estetica maggiormente praticata. Per quanto la nostra casistica, nonostante i personaggi dello spettacolo da tempo guardati come esempi sia in positivo che in negativo, rappresentano
 
una percentuale assolutamente minoritaria nell’ambito dei pazienti normalmente trattati dai nostri medici e nei nostri studi. Sono parecchi anni ormai che la medicina estetica non rappresenta più una medicina d’élite, un dato su tutti, dal 1998 ad oggi sono state prodotte e utilizzate nel mondo 80 milioni di fiale di botulino.
 
 
 
Oltre il 70% di donne fra i 40 e i 50 anni
 
Entrando nel dettaglio dell’indagine, si può notare come i pazienti uomini nella casistica di AITEB che si sottopongono ad un trattamento con la tossina botulinica siano ancora una minima parte: il 67% dei medici intervistati, infatti, ha trattato sul totale meno del 5% di uomini, dato sovrapponibile alle casistiche internazionali. Allo stesso modo arriva un’indicazione precisa sull’età delle pazienti: 7 su 10 hanno fra i 40 e i 50 anni. Una fascia seguita dai 30-40 anni (2 su 10) e i 50-60 (una su dieci). Marginale, tanto da essere non rilevante dal punto di vista statistico, la percentuale di pazienti sotto i 30 anni (1,46%).
 
 
 
Al medico sempre più domande
 
Un dato interessante è quello sulla «consapevolezza» delle persone che si sottopongono al trattamento con botulino. Il 74,45% dei pazienti, infatti, chiede informazioni approfondite al medico. Una prassi che sono proprio gli stessi camici bianchi a incentivare. La provenienza delle pazienti è ben distribuita sul territorio. Le regioni con più trattamenti sono, nell’ordine, Lombardia, Lazio e Piemonte. Seguite da un gruppo, con percentuali molto simili, che vede insieme Campania, Veneto, Toscana, Liguria ed Emilia Romagna. Per quanto riguarda il titolo di studio, il 62% delle pazienti ha un diploma di scuola superiore, il 38% una laurea.
 
 
 
Dalla professionista alla casalinga
 
Le risposte più varie, però, arrivano alla domanda sulla professione. Se in testa c’è la libera professionista, seguita dall’impiegata, sul terzo gradino del podio si posizionano insegnanti e casalinghe. A seguire arrivano commesse ed estetiste: solo al settimo posto si collocano le persone che lavorano nel mondo dello spettacolo. Quattro su cinque effettuano il trattamento due volte l’anno, spinte dal desiderio di «piacersi di più». E i trattamenti quali sono? In testa c’è il trattamento simultaneo di tutto il terzo superiore: fronte, glabella o ruga del pensatore, contorno occhi, ovvero le “zampe di gallina”.
 
 A seguire il e collo e la regine periorale (il contorno della bocca).
 
 
]]>
INCESSANTE AZIONE DI PREVENZIONE ALLE DROGHE DEI VOLONTARI PER SALVARE VITE UMANE Sat, 22 Sep 2018 16:35:41 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/492711.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/492711.html CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI  

 

Continua incessante l'azione di prevenzione alle droghe dei volontari di Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga e della Chiesa di Scientology in tutta la Sardegna. Le iniziative sono costantemente appoggiate da centinaia di commercianti in tutte le città e paesi dove i volontari operano e i libretti "la verità sulla droga" ormai fanno parte integrante dei banchi di vendita nei loro negozi, a disposizione di tutti i clienti che volessero informarsi su questo importante argomento.

"La collaborazione con le Istituzioni pubbliche, i Dirigenti Scolastici, i volontari di altre associazioni impegnate nel territorio, i commercianti e i comuni cittadini – dichiara il responsabile della Fondazione – è indispensabile affinchè il messaggio di vivere liberi dalla droga passi nella società. Frequentemente incontriamo ragazzi che dichiarano di aver avuto le corrette infoprmazioni attraverso i libretti trovati casualmente nel negozio sotto casa."

I giovani sono bombardati costantemente da falsi messaggi messi ad arte da coloro che sono interessati ai loro soldi, non importa come se li procurano, non certo al loro futuro. Gli adolescenti, alla ricerca di nuove sensazioni, "provano" ciò che incoscenti adulti o il bullo di turno presente nel gruppo, li invitano ad assumere, entrando senza neanche accorgersene in un mondo dal quale spesso non riescono ad uscire.

L'assunzione anche casuale di droga non deve essere un gioco per riempire le serate noiose. Quella volta capitata per caso potrebbe essere l'inizio di tante altre volte, ora non più per caso, che rovinerà loro e le famiglie.

"Le droghe privano la vita delle gioie e delle sensazioni che sono comunque l'unica ragione di vivere" scriveva il filosofo L. Ron Hubbard e i nostri giovani, la colonna portante della società, devono poter sperimentare le emozioni che la vita riserva loro. Ben consapevoli di questo i volontari di scientology e di Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga anche questa settimana saranno in prima fila a dare filo da torcere agli spacciatori a Cagliari, Sassari, Olbia, Nuoro, Quartu Sant'Elena e Ussana dove verranno distribuiti migliaia di libretti contenenti informazioni su tutte le droghe.

 

 

]]>
MAGLIANA, AREA GIOCHI IN BALIA DEI VANDALI GARIPOLI (FDI): IMMEDIATA LA RICHIESTA DI SGOMBERO DEI NOMADI NELL’AREA Sat, 22 Sep 2018 15:38:57 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/alleanza_nazionale/492708.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/alleanza_nazionale/492708.html Valerio Garipoli Valerio Garipoli

MAGLIANA, AREA GIOCHI IN BALIA DEI VANDALI GARIPOLI (FDI): IMMEDIATA LA RICHIESTA DI SGOMBERO DEI NOMADI NELL’AREA 


Assurda nuova situazione di degrado ed insicurezza nell’area giochi sita in Lungotevere della Magliana altezza Pian Due Torri, così in una nota Valerio Garipoli Capogruppo di Fratelli d’Italia e Vice Presidente Commissione Affari Generali in Municipio XI

Immediata la nostra richiesta  - continua Garipoli - al Gruppo XI Marconi della Polizia Locale di sgombero dell’insediamento di nomadi e camper nella limitrofa area parcheggio sita in Lungotevere della Magliana. Nota già protocollata in data 5.9.2018.

L’ennesima richiesta - ribadisce Garipoli- dopo l’ultimo atto vandalico e la presenza di “graffiti” offensivi contro bambini italiani che hanno deturpato le attrezzature ludiche. La medesima area che solo lo scorso 11.9.2018 era stata danneggiata e lesa dalla presenza di escrementi nei giochi poi bonificati dall’intervento dell’ANVVFC Roma Eur

Una denuncia dovuta - in attesa di verifica da parte delle forze dell’ordine - contro il degrado e per la sicurezza anche se ancora non riconducibile ad alcun soggetto specifico. 

Il quartiere e le famiglie di Magliana - conclude Garipoli - meritano però maggior sicurezza e rispetto e soprattutto un clima più sereno nel quale far giocare i propri figli e bambini. La tanto decantata integrazione dei nomadi sembrerebbe sempre più lontana, poco condivisa e giustificata solo dalla sinistra.


1c203532-4da6-4b09-9b62-4480c23b8839.jpeg

]]>
SUCCESSO DEI DIRITTI UMANI NELLA GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA PACE Sat, 22 Sep 2018 15:28:59 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/492706.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/492706.html Chiesa di Scientology della città di Pordenone Chiesa di Scientology della città di Pordenone Ieri, venerdì 21 settembre, in occasione della Giornata Internazionale della Pace i volontari dell’Associazione per i Diritti Umani e la Tolleranza Onlus hanno distribuito oltre 400 opuscoli “Che cosa sono i Diritti Umani?” ai passanti nelle vie del centro di Pordenone e moltissimi si sono dimostrati interessati!

Questo tipo di attività ha lo scopo di promuovere la conoscenza dei 30 Diritti Umani ratificati dall’Onu nel 1948 ed è resa possibile grazie al gruppo locale dell’Associazione ed al Dipartimento per i Diritti Umani della Chiesa di Scientology della città di Pordenone, il cui obbiettivo è racchiuso nelle parole del suo fondatore L. Ron Hubbard: “I Diritti Umani devono diventare una realtà, non un sogno idealistico”.

]]>
I CAGLIARITANI VOGLIONO I DIRITTI UMANI Sat, 22 Sep 2018 14:57:57 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/492705.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/492705.html CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI  

 

 

La prima percezione che arriva ai volontari di Uniti per i Diritti Umani e della Chiesa di Scientology, che nella serata della giornata mondiale per la Pace hanno distribuito centinaia di opuscoli e DVD sulla Dichiarazione Universale, è il grande interesse che traspare nelle persone contattate, sull'argomento dei Diritti Umani.

Forte interesse è stato dimostrato dalle persone contattate di ogni età e ceto sociale, razze e culture, che apprezzando il lavoro dei volontari li hanno invitati a proseguire poichè mai come in questo momento c'è bisogno di farli conoscere e rispettare.

Particolarmente interessante l'incontro con un insegnante di una scuola cagliaritana, che ha invitato i volontari a fare richiesta di collaborazione al dirigente scolastico per fare delle conferenze nelle scuole elementari e medie in cui insegna. "E' fondamentale che questi valori vengano trasmessi sin dalla prima infanzia – ha detto un maestro di una scuola primaria - ed è determinante la stretta collaborazione tra le istituzioni scolastiche e le famiglie il primo e fondamentale punto di partenza per far crescere nei bambini il rispetto di se stessi e degli altri.

L'associazione Uniti per i Diritti Umani e la Chiesa di Scientology sono costantemente impegnati a diffondere nella società i materiali sulla Dichiarazione Universale e attraverso conferenze nelle scuole e manifestazioni pubbliche, contribuiscono affinchè si realizzi ciò che il fondatore della religione di Scientology L. Ron Hubbard auspicava e per cui incitava i suoi seguaci ad impegnarsi: "che i Diritti Umani siano resi una realtà e non un sogno idealistico".

Infvormazioni e materiali di Uniti per i Diritti Umani si possono trovare sul sito:www.unitiperidirittiumani.it

]]>
IL CCDU IN PIAZZA A PORDENONE LEGGE Sat, 22 Sep 2018 14:42:44 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/492703.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/492703.html Chiesa di Scientology della città di Pordenone Chiesa di Scientology della città di Pordenone Domenica 23 settembre il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani Onlus dalle 9 alle 19 in via Mazzini sarà presente con il proprio stand, in occasione della nota manifestazione Pordenone Legge.

Questa attività ha lo scopo di diffondere le giuste informazioni riguardo gli psicofarmaci ed i loro effetti ed in particolar modo durante questa giornata verranno distribuiti volantini che trattano il tema dell’allontanamento ingiustificato dei minori dalle famiglie, purtoppo sempre più frequente.

Il CCDU Onlus è un’organizzazione di volontariato non a scopo di lucro, finalizzata ad investigare e denunciare le violazioni psichiatriche dei Diritti Umani; è stata fondata nel 1979 ed è collegata ideologicamente al CCHR (Citizen Commision on Human Rights) che è stato fondato nel 1969 dalla Chiesa di Scientology e dal Professore Thomas Szasz (professore emerito di psichiatria all’Università di Syracuse, Stato di New York ed autore di fama internazionale).

I volontari si sono ispirati alle parole di L. Ron Hubbard: “Un essere è di valore solo nella misura in cui può essere utile agli altri”.

]]>
La Campania protagonista a Doc Italy Sat, 22 Sep 2018 06:17:31 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/492699.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/492699.html Miss Italia 71a edizione Miss Italia 71a edizione

A Roma, con “…non solo Regione”, il grande evento

Continua, con grande impegno, l’opera meritoria di Tiziana Sirna, ideatrice, realizzatrice e conduttrice del progetto dell’”Associazione Nazionale Doc Italy”. Tanti i successi che l’ANDI, ha messo a segno negli eventi realizzati in questi primi anni di azione (dal luglio 2013), dove con i suoi testimonial, Ambasciatori dei vari settori professionali ed artigianali della vita in Italia e nel mondo, si è riusciti a consolidare i valori e la valenza di un organismo che con la buona volontà di tutti e con una decisa spontaneità di offrire il meglio della propria operosità ed operatività per raggiungere obiettivi significativi alla causa comune ed al prestigio della nostra nazione, ha ormai consolidato le basi per sempre nuove affermazioni. La visibilità e la dedizione a questo impegno che vede protagonista la Sirna, ma anche personaggi come Camilla Nata della Rai e Anthony Peth de La7 che in qualità, oltre che di Ambasciatori, si impegnano volontariamente anche per condurre gli incontri che Tiziana Sirna organizza, sono la testimonianza, unitamente a quella di tanti altri personaggi coinvolti, dei validi obiettivi che l’ANDI propone.

Vedi sito: http://www.associazionenazionaledocitaly.it/site/associazione-andi/.  

Dopo l’ultima manifestazione  “Galà delle Eccellenze Doc Italy”  organizzata presso l’Ambasciata di Bulgaria a Roma, dove è avvenuta l’investitura di S.E. Ambasciatore di Bulgaria Marin Raykov Nikolov, a Gentiluomo di San Silvestro e durante la quale Monsignor Luigi Francesco Casolini di Sersale, Preside del Capitolo della Basilica Cattedrale, Rettore della Chiesa di San Silvestro, ha permesso di stringere un ancor più forte rapporto tra Bulgaria e Associazione Nazionale Doc Italy, mirante a promuove e tutelare il Made in Italy di Eccellenza, sarà il 24 settembre a richiamare iscritti e simpatizzanti del Doc Italy con una nuova kermesse. Infatti, sarà la Campania che giungerà a Roma, con il suo ambasciatore Doc Italy, il giornalista Giuseppe De Girolamo e le sue Eccellenze, nella suggestiva cornice della dimora/museo della Scultrice Internazionale Paola Crema e del Designer Roberto Fallani, dopo la Valle d’Aosta, la cui ambasciatrice è anch’essa una giornalista Ivana Cretier, prima regione scelta da Doc Italy per sposare il progetto di promozione Territoriale “…non solo Regione”. Interverranno grandi nomi del mondo della Pasticceria, dell’Alta Cucina, delle produzioni alimentari, dello Spettacolo, della Moda e dell’Arte, che si alterneranno in “Panettoni Stellati” a favore del Salvamamme. Il progetto Doc Italy “….non solo Regioni”, mira a promuovere le singole Regioni italiane, con i loro territori, i loro tesori, il loro artigianato, i loro usi e costumi, le loro peculiarità la loro identità ed unicità. Un progetto, che vede protagonisti 13 team, composti da 65 eccellenze, che portano alto il nome dell’Italia nel mondo. Tra le eccellenze protagoniste il 24 settembre a rappresentare la Regione dei Colori e dei Sapori, dei Profumi e dei Saperi,  “Campani Doc”: lo Chef Ernesto Lombardo, guru della cucina Monzù, la Stilista Claudia Attianese e la sua campanilista creazione con passamanerie e decori unici ”limoni di Sorrento e nocciole di Boscoreale”, uno straordinario Artista simbolo di Napoli e della Napoletanità  “sorpresa della serata” e sua Eccellenza il Piennolo del Vesuvio, una produzione artigianale dell’Azienda Agricola Terra Viva del Vesuvio di Davide Valletta a Somma Vesuviana, cucinato magistralmente dallo Chef Giuseppe Veltre che unirà in un piatto della tradizione “l’oro rosso del Vesuvio e quello giallo della pasta di Gragnano” del Pastificio De Martino. Eminenze agroalimentari accompagnate da 5 Vini autoctoni dell’azienda Vinicola “Adele Musella” di Marano di Napoli.

L’illustre delegazione campana si fonderà alle Eccellenze laziali con le chicche “Chiodetti Formaggi”, Vini Mazzetti, Frantoio Archibusacci dal 1888, Lamponi dei Monticimini, Acetaia Rinaldi, Miele Antica Fattoria, Creme Spalmabili alla Nocciola Ricercatezze…..e il “Peccato Crusco” del Progetto “l’Italia in un cioccolatino” che vede le 20 regioni italiane rappresentate da 20 eccellenze agroalimentari racchiuse in un cioccolatino d’Autore del Maestro Natalino de Santis, scatole da Collezione del Borgo dei Cartai e Opera Unica del Maestro Roberto Fallani a chiusura dell’ideale connubio tra prodotti tipici di nicchia, maestro cioccolatiere, artigianato e cultura della stampa e il genio di un grande Artista.

Tutto questo, segue l’appena conclusasi manifestazione del giorno 11, nella suggestiva cornice dell’Ambasciata di Bulgaria, che si è aperta con la consegna all’Ambasciatore Marin Raykov Nikolov, di una scultura a lui dedicata, che l’Artista Internazionale Paola Crema, Ambasciatrice Doc Italy per l’Arte, gli ha donato. A seguire, il Maestro Marco Orlandi, Pres. del Borgo dei Cartai e Ambasciatore Doc Italy per la Cultura, ha omaggiato S. E. Maryn Raikov di una copia della “Regola Benedettina Ora et Labora”. E’ iniziato poi un vero viaggio attraverso le Eccellenze guidato dai due volti e cuore di Doc Italy, la giornalista Rai Camilla Nata e l'ancorman Anthony Peth. Partendo da Baragiano "Basilicata" con il suo ”Peperone Crusco” Gliubizzi, si è poi passati alla Campania con la sua “Colatura di Alici di Cetara” della storica azienda Delfino, il Maestro Pizzaiolo Gianni Venturoli, presidente del Gruppo Zazà Napoli, con le “Pizze Fritte Napoletane” e il Maestro Pasticcere casertano Dario Saltarelli, Ambasciatore Del Gusto Doc Italy Campania per la pasticceria e il suo panettone premiato Superior Taste award 3 stelle con la sua “Polakkeria”, poi ancora una lunga sosta nel Lazio con un Virgilio d'eccezione, la “Chef Laura Marciani del Ristorante degli Angeli” che ha magistralmente coordinato lo Chef Edoardo Papa, lo Chef Fabrizio Sepe, lo Chef Simone Loi, il Mastro Gelatiere Valerio Esposito con il suo “Gelato a base di Acqua” e la Mastra Pastaia Angela Fiorini, oltre a “Formaggi Chiodetti” e Radichino dei F.lli Pira, Salumi di “Maiale Nero Reatino” Collemaggiore, le Uova Peppovo, l’olio del “Frantoio Archibugi”, “Zafferano di Nepi” Zafne, i “Lamponi dei Monticimini” e il “Caffè Pefè”. Infine altre regioni hanno completato un quadro italiano di eccellenze, con la Toscana attraverso l'azienda “Boscovivo Tartufi”, passando poi alla Lombardia con i Vini Biologici Padroggi La Piotta, passando per il Piemonte con le “Mele al cartoccio del Maestro Marco Bruno”, attraversando il Friuli Venezia Giulia con il Maestro “Alessandro Rizzo” e la sua “Gubana”, traghettando in Trentino Alto Adige sull’Acqua Plose, dalle Dolomiti alle Alpi con tre tipicità indiscusse la Fontina della “Cooperativa Produttori di Fontina” ed infine i pluripremiati Grosjean Vins e il Maestro Mauro Morandin a tagliare la linea del traguardo con la sua Veneranda". La presidente Sirna, consapevole delle differenze e delle peculiarità che caratterizzano ogni territorio, afferma: “Promuovere Regioni tanto straordinarie, uniche, colorate e Saporite, è un dovere per un'associazione come la nostra, per internazionalizzare non solo la Nazione, ma anche le singole regioni con le loro identità, usi e costumi. Questo è l’obiettivo, che con Doc Italy, ci prefiggiamo di raggiungere”.

Giuseppe De Girolamo

 

]]>
Lunedì 24 l'ex Ministro degli Interni Marco MINNITI a Massafra (TA) Fri, 21 Sep 2018 22:46:26 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/pd_partito_democratico/492693.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/pd_partito_democratico/492693.html PD Massafra PD Massafra
image.png
Agli organi di stampa

Lunedì 24 Settembre p.v., alle ore 19.30, in Piazza Vittorio Emanuele, si terrà una iniziativa dal titolo "L'alternativa progressista ai nazionalismi", nell’ambito della nostra Festa de l’Unità 2018 "Futura". Il Caporedattore della Gazzetta del Mezzogiorno di Taranto Mimmo MAZZA intervisterà l'On.le Ubaldo PAGANO e l'ex Ministro degli Interni Sen. Marco MINNITI.
La Festa è l’occasione giusta per ripartire, aprendo ad un confronto diretto con i territori, con i cittadini e con quanti hanno deciso di votare la destra ed il populismo.
L'esperienza del Sen. Minniti ci permetterà di parlare di immigrazione e sicurezza, che oggi in mano al M5S e alla Lega Nord sono frutto della loro strategia della tensione comunicativa.
Non abbiamo, in questo momento, e neanche tre mesi fa quando questo governo si è insediato, una vera emergenza immigrazione. Niente di paragonabile a quanto accadeva fino al giugno del 2017, quando nel giro di 36 ore arrivarono in Italia ben 26 navi.
Con un’iniziativa molto forte, quel governo fu in grado di arrestare fino all’80 per cento degli arrivi generali e l’85 per cento di arrivi dalla Libia.
Una politica ben precisa che coinvolgeva il rapporto Europa-Africa, con una serie di intese. Ora non esiste alcuna vera tensione immigrazione, ma solo un clima di paura generata ai soli fini elettorali, per nascondere l'inconsistenza delle politiche economiche, che sono in realtà quello che la gente aspetta da questo governo e che è ancora molto lontano dal realizzarsi.
Ma parleremo anche del Partito Democratico e del centro sinistra italiano ed europeo dove, dopo la sconfitta elettorale del 4 marzo e le allarmanti difficoltà che stiamo attraversando, bisogna prendere atto che un ciclo storico si è chiuso.
Vanno ridefiniti un pensiero strategico, la nostra collocazione politica, le forme del partito e il suo rapporto con gli umori più profondi della società italiana, come anche l’organizzazione della partecipazione e della rappresentanza nella democrazia.
Solo ripartendo dai fondamentali possiamo elaborare una nostra idea, definita, rinnovata e rimotivata, del futuro dell’Italia e dell’Europa. Non possiamo farlo da soli ma con un confronto aperto e di merito coinvolgendo i cittadini.
Le due sfide più importanti che ci troviamo davanti sono: il governo dei territori e il futuro dell’Europa.
Da Taranto e dalla Puglia delle storie e tradizioni, ma anche delle infinite contraddizioni, delle ferite ancora aperte, del problema-soluzione Ilva e dell'eterno conflitto salute, ambiente e lavoro, fino ad arrivare all'Europa dei popoli e degli Stati, dei diritti e dei doveri, della libertà e dei muri alzati
.

Domenico Lasigna
Segretario PD di Massafra

In allegato inviamo la locandina dell'evento.  
]]>
3° Congresso Nazionale AITEB Fri, 21 Sep 2018 18:56:56 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/492684.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/492684.html Mimmo Caiazza Mimmo Caiazza  

«LA SCIENZA INCONTRA L’ARTE DEL BELLO. L’ESPERIENZA DELLA BELLEZZA»

 

IL ROSSORE DELLA VAMPATA DELLA MENOPAUSA SI “SPEGNE” ANCHE CON IL BOTULINO

Il farmaco è in grado di ridurre anche del 90% la sudorazione e l’arrossamento (flush) del viso

 

Milano, 21 settembre 2018.  Un colorito acceso del viso può essere piacevole, può regalare al volto un aspetto “sano”, ma non quando il colore è acceso all’eccesso!  Il rossore improvviso (flush) della tipica vampata menopausale e la sudorazione si possono controllare e ridurre anche con iniezioni di botulino. Da almeno una decina d’anni, studi internazionali, tuttora in corso, stanno provando l’efficacia del farmaco iniettabile per “placare” quel rossore che compare all’improvviso nel volto, accompagnato dalla sudorazione che in certi soggetti risultano effetti eccessivi e talvolta imbarazzanti. In questa direzione, i risultati di alcuni studi saranno illustrati del corso del 3° Congresso Nazionale AITEB «La scienza incontra l’arte del bello. L’esperienza della bellezza».

Il” flush” che è alla base della formazione dei capillari del viso e anche del rossore -  spiega Maurizio Benci, dermatologo AITEB -  sta assumendo sempre più rilevanza per i problemi estetici e psicologici che spesso portano con sé. Ci sono casi in cui la donna che ne soffre è refrattaria alla terapia farmacologica e allora, per controllare questi disturbi, si percorre un’altra strada, un’alternativa ai farmaci, quella del microbotulino iniettato in piccole dosi sotto cute sul volto: fronte guance e mento. Vengono eseguite delle iniezioni distanziate un centimetro l’una dall’altra, si può arrivare anche a un centinaio, usando l’anestesia topica (crema). L’azione del botulino si esplica agendo sui mediatori che regolano la vasodilatazione e la vasocostrizione e inibendo i neuromodulatori che causano l’infiammazione. Il farmaco agisce nell’arco di un paio di settimane e il risultato rimane stabile circa quattro mesi. Il rossore e la sudorazione possono ridursi anche del 90%. Se si interviene precocemente il rossore può arrivare a zero. Il trattamento è ripetibile anche tre volte all’anno Si tratta di una tecnica iperspecialistica, di nicchia, che si è dimostrata efficace. Aggiungo che il botulino è un farmaco assolutamente sicuro e l’effetto è totalmente reversibile, ma il trattamento deve essere fatto da medici esperti che conoscono bene il prodotto”. 

Uno studio europeo “Behaviours and attitudes influencing treatment decisions for menopausal symptoms in five European countries”, pubblicato nel 2106  nella rivista Post Reproductive Health, compiuto  su un campione di 3890 donne di età superiore ai 45 anni provenienti da Francia, Germania, Italia, Spagna e Regno Unito,  dimostra che il 67%  delle donne selezionate per lo studio, aveva avuto sintomi (prevalentemente la vampata) e  il 54% di queste aveva assunto medicinali o fitoterapici su prescrizione. Una percentuale alta che indica quanto questo disturbo possa condizionare la vita di una donna in menopausa e quanto sia importante trovare una soluzione che restituisca normalità. Il flush può comunque manifestarsi in situazioni patologiche ma anche fisiologiche come quello  emozionale, sicuramente più frequente.

 

“È probabile che in futuro – conclude Benci - considerata l’efficacia, la sicurezza del farmaco e l’assenza di effetti collaterali, il botulino possa collocarsi tra le terapie di prima scelta per il controllo dei disturbi menopausali che si manifestano con il rossore del volto”.

 

]]>
COMUNICATO STAMPA - Il Consiglio di Stato dà ragione a RenOils Fri, 21 Sep 2018 18:37:42 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/492686.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/492686.html Ufficio Stampa Ufficio Stampa

 

go-400x178

 

IL CONSIGLIO DI STATO DÀ RAGIONE A RENOILS

 

Il Consiglio di Stato dà ragione a RenOils, confermando l’infondatezza del ricorso del Conoe e sollecitando il giudice di primo grado (il Tar Lazio) a fissare rapidamente l’udienza per la definitiva chiusura della vicenda, chiarendo che nel frattempo l’attività di RenOils ha diritto di proseguire senza alcuna limitazione. Il Consiglio di Stato, infatti, ritiene ormai consolidato il passaggio dal monopolio alla concorrenza, con ciò sancendo la fine dell’ormai ingiustificata posizione di dominio e delle connesse rendite di Conoe.

“Questa decisione - sottolinea il Presidente del Consorzio RenOils Ennio Fano - conferma la validità della strada intrapresa e premia gli sforzi e la visioni degli imprenditori che hanno voluto questo Consorzio”.

“Siamo soddisfatti, ovviamente - continua Fano - ma preferiamo concentrarci sulle attività proprie di un consorzio come il nostro, in primo luogo le azioni di analisi e monitoraggio che favoriscano il completo riciclo degli olii esausti, come da indicazione del Ministero dell’Ambiente.”

“Sempre confidando - conclude il Presidente - di poter superare questa fase e collaborare con tutti i soggetti coinvolti, compreso l’altro consorzio, per ottenere i migliori risultati possibili nell’interesse della tutela ambientale nel nostro Paese.

 

 

Ufficio stampa RenOils

Hill+Knowlton Strategies

Agnese D’Anella 06 97799716 �“ agnese.danella@hkstrategies.com

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

]]>
Ricetta veterinaria elettronica dal 1 gennaio 2019 Fri, 21 Sep 2018 17:46:12 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/492679.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/492679.html ANMVI ANMVI

E-mail  inviata dai servizi telematici di ANMVI / EV. Il tuo programma di posta la visualizza male? Guardala on-line



ANMVI

RICETTA VETERINARIA ELETTRONICA DAL 1 GENNAIO 2019

Per il proprietario sarà sempre possibile avere la copia-stampa su carta

della ricetta veterinaria generata elettronicamente

(Cremona, 21 settembre 2018)- Dal 1 gennaio 2019, i Medici Veterinari prescriveranno i farmaci destinati a tutte le specie animali con la ricetta elettronica. Lo prevede il Decreto Milleproroghe, approvato in via definitiva dal Parlamento.

La digitalizzazione della ricetta veterinaria rientra nell’obiettivo di tracciare, all’interno della banca dati informatizzata del Ministero della Salute, tutti i medicinali veterinari autorizzati in commercio e prescritti dai Medici Veterinari.

La digitalizzazione della filiera dei farmaci veterinari risponde anche ad obiettivi di dematerializzazione. E tuttavia, il proprietario del paziente-animale potrà sempre richiedere la copia-stampa cartacea della ricetta veterinaria per il suo animale da compagnia. Ciò che la norma di legge impone, infatti, è che la stessa ricetta sia stata generata dal Medico Veterinario prescrittore all’interno del sistema informatico del Ministero della Salute.

 

Ufficio Stampa ANMVI - Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani- 0372/40.35.47

 



iBOX DEM

]]>
ONDA PRIDE, DOMANI A PALERMO L'ULTIMA PARATA. ARCIGAY: "IL PAESE RESTI MOBILITATO A DIFESA DEI DIRITTI" Fri, 21 Sep 2018 13:34:09 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/492652.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/onlus/varie/492652.html Arcigay Arcigay ONDA PRIDE, DOMANI A PALERMO L'ULTIMA PARATA. ARCIGAY: "IL PAESE RESTI MOBILITATO A DIFESA DEI DIRITTI"
Bologna, 21 settembre 2018 -  È in programma domani, 22 settembre, a Palermo l'ultimo corteo dell'Onda Pride,  la grande mobilitazione dell’orgoglio arcobaleno organizzata da Arcigay in rete con le altre associazioni del movimento lgbti.  Il Palermo  Pride (www.palermopride.it) dà appuntamento alle 15,30 al Foro Italico, nel capoluogo siciliano. Dopo la partenza, il corteo attraverserà la città fino a  raggiungere il Parco delle Albere, dove la festa proseguirà fino a notte inoltrata. "Con il corteo di domani si conclude la nostra stagione dei Pride - commenta Gabriele Piazzoni, segretario nazionale di Arcigay -. da maggio a settembre, abbiamo attraversato le strade e le piazze di 28 città del nostro Paese, riempiendole con centinaia di migliaia di persone. In questi tempi di allarmante oscurantismo, in cui la politica inietta e cavalca la paura della gente, i Pride hanno rappresentato la più imponente mobilitazione a difesa dei diritti di tutti e tutte.  Purtroppo, però, 28 Pride non sono sufficienti a produrre il cambiamento di cui questo paese ha bisogno, né tantomeno a contenere la deriva liberticida che stiamo attraversando. Le navi cariche di migranti bloccate in mezzo al mare, i tentativi di produrre un colpo di spugna legislativo sull'autodeterminazione delle donne, imponendo una concezione di famiglia monolitica e medievale, i numerosissimi casi di violenza, in primis contro le persone lgbti, colpite con lanci di benzina, come è successo pochi giorni fa a Verona, o massacrate a pugni nell'indifferenza generale, come è successo solo pochi giorni fa a Milano: la  situazione, insomma, è molto molto grave. In questo contesto non solo il Paese non avanza, ma anzi arretra, se non addirittura precipita, in un buio spesso di negazione, oppressione, violenza. Bisogna allora rimanere mobilitati: strade e piazze dovranno continuare ad essere nel prossimi mesi i luoghi in cui stare, in cui costruire relazioni e reazioni. La nostra comunità si fonda sull'orgoglio, sul tenere alta la testa: ricordiamoci, domani e per tutti i giorni che verranno, di non abbassarla mai.", conclude Piazzoni. 


--

Ufficio stampa Arcigay   - Vincenzo Branà  (338.1350946)


]]>
cs - Nasce il Monferrato doc Nebbiolo Fri, 21 Sep 2018 13:05:40 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/492645.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/492645.html Cia Alessandria Cia Alessandria

Gentili colleghi

invio il commento di Cia Alessandria sulla nascita della nuova doc vitivinicola, Monferrato doc Nebbiolo.

Grazie, a presto

Genny Notarianni

 

 

Nasce il Monferrato doc Nebbiolo

 

E' stato approvato da Comitato Vitivinicolo Nazionale il testo del disciplinare di produzione della nuova Denominazione di Origine monferrina, Monferrato doc Nebbiolo. Ad essere coinvolti sono 335 comuni nelle province di Alessandria (113 comuni) e Asti (118), con una superficie di 600 ettari potenzialmente destinabili  e oltre 500 aziende interessate.

Il percorso formale ha avuto la svolta il 17 maggio 2017 quando il Comitato Vitivinicolo regionale approvò all’unanimità la modifica al disciplinare Monferrato Doc, ora recepita anche da quello nazionale.

Riguardo alla tipologia di vitigno, il Monferrato doc Nebbiolo si presenta dal colore rosso rubino tendente al granato, con un profumo fruttato e caratteristico, dal sapore secco, vellutato, armonico. Tecnicamente, il titolo alcolometrico volumico totale minimo è di 12,00% Vol.; con la menzione Superiore 12,50% Vol. L'acidità totale minima è 4,5 g/l, l'estratto non riduttore minimo: 21,0 g/l; con la menzione Superiore: 22 g/l.

Commenta Carlo Ricagni, direttore provinciale Cia Alessandria: "Il Nebbiolo è il vitigno tra i più conosciuti e qualificati del nostro Piemonte. Lo troviamo nelle Langhe ma ha sempre avuto la sua presenza anche nel Monferrato alessandrino. La possibilità di avere un vino a base Nebbiolo, per il Monferrato può essere una novità importante e ci auguriamo di poter sviluppare progetti interessanti di valorizzazione".

 

 

 

 

mail-Logo Cia AGRICOLTORI ITALIANI 2018

 

Genny Notarianni

Ufficio stampa e Relazioni esterne Cia Alessandria

-------------------------------------------------------------------------

Confederazione Italiana Agricoltori

via Savonarola, 29 - 15121 Alessandria

Email:g.notarianni@cia.it

www.ciaal.it

Mobile: +39 345 45 28 770

Phone: +39 0131 196 13 39

Fax: +39 0131 41 361

-------------------------------------------------------------------------

Questo messaggio e i suoi allegati sono indirizzati esclusivamente alle persone indicate.

La  diffusione, copia  o qualsiasi  altra  azione  derivante  dalla  conoscenza di   queste

informazioni sono  rigorosamente vietate.  Qualora  abbiate ricevuto questo documento

per errore siete cortesemente  pregati di darne  immediata  comunicazione  al mittente

e di provvedere alla sua distruzione, Grazie.

 

This e-mail and any attachments is confidential and may contain privileged information

intended for the addressee(s) only. Dissemination, copying, printing or use by anybody

else is unauthorised. If you are not the intended recipient, please delete this message

and any attachments and advise the sender by return e-mail, Thanks.

 

http://comunicati.net/allegati/207362/cs38_monferrato-doc-nebbiolo.doc00000000000000000000000000000003@TI.DisclaimerRispetta l'ambiente. Non stampare questa mail se non è necessario.

 

]]>
Davvero l’OMS tiene alla salute pubblica? Fri, 21 Sep 2018 10:50:25 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/varie/492616.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/partiti/varie/492616.html Consumer Choice Center Consumer Choice Center A poche settimane dalla dalla Conferenza delle Parti sul tabacco a Ginevra (COP8) un grosso polverone mediatico si sta abbattendo sull'OMS, che ancora una volta si autoproclama un ibrido tra baby-sitter e riformatrice dei costumi universali.

Annunci altisonanti e misure iperprotettive (riguardo alle quali non si smette di dar prova di becero sensazionalismo più che di rigore scientifico) mostrano come la libertà individuale sia considerata una dea minore, da immolare sull’altare del bene pubblico.

Dalla carne rossa, prima cancerogena, poi forse cancerogena, per poi finire di nuovo tra i prodotti non cancerogeni, agli alcolici, ai farmaci generici, passando per la sigaretta elettronica, l’OMS si dimostra sempre più alla mercé di burocrati e persone che non tengono tanto alla salute delle persone quanto ad appagare questo o quel politico.

L’esempio più eclatante è quanto sta avvenendo in queste ore riguardo alle sigarette elettroniche. L’OMS sostiene che le e-cig sono meno tossiche delle sigarette tradizionali ma possono avere effetti nocivi, e per questo ne ha proposto il bando completo da tutti i mercati. Tuttavia, a questa presa di posizione dell’OMS si contrappongono quelle d’altri autorevoli scienziati che invece vedono nelle sigarette elettroniche una delle soluzioni possibili per smettere di fumare.

Come emerge da uno studio indipendente pubblicato nell’agosto 2015 da Public Health England, le sigarette elettroniche sono meno nocive di circa il 95% rispetto al fumo di tabacco e potrebbero contribuire ad abbattere le percentuali di fumatori tra i giovani e gli adulti nel Regno Unito. Infatti, lo studio ha scoperto che quasi tutti i 2,6 milioni d’adulti che usano le e-cig in Gran Bretagna sono attualmente fumatori o ex fumatori: la maggior parte di loro usa questi dispositivi come un aiuto per smettere di fumare o per evitare di ricadere nella dipendenza dalle sigarette. Dal testo emerge inoltre una prospettiva rassicurante: pochissimi adulti e giovani che non hanno mai fumato sono diventati utenti abituali di sigarette elettroniche (meno dell’1% in ciascun gruppo).

Vietare qualsiasi prodotto alternativo alle sigarette tradizionali oppure permetterne, al contrario, lo sviluppo al fine di dare un’alternativa al miliardo di fumatori? Di questo soprattutto si parlerà nella prossima conferenza dell’OMS dedicata al fumo, in programma a Ottobre a Ginevra. Sempreché il dibattito ci sia, vista la decisione dell’Organizzazione di limitare la partecipazione ai lavori ai soli rappresentanti governativi, escludendo ONG non finanziate dall’ONU, industrie della filiera del tabacco e perfino l’interpol, seppure la lotta al contrabbando sia tra i punti principali della conferenza.

La cosa che fa più ridere è che è irragionevole che la conferenza di Ginevra si occupi delle sigarette elettroniche, poiché non contengono tabacco. Di conseguenza non dovrebbero subire le medesime restrizioni previste per questi ultimi prodotti. In realtà l’OMS dovrebbe incoraggiare, e non scoraggiare, la diffusione di quei prodotti che sono scientificamente considerati meno nocivi rispetto alle sigarette e che aiutano per davvero a smettere di fumare. Dopo la carne rossa e le sigarette elettroniche, quale sarà il prossimo settore martoriato da direttive internazionali? La birra? Il vino?

]]>
Davvero l'Organizzazione mondiale della Sanità lavora per l'interesse globale? Fri, 21 Sep 2018 10:49:49 +0200 http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/492615.html http://comunicati.net/comunicati/societa_civile/varie/492615.html Consumer Choice Center Consumer Choice Center A poche settimane dalla dalla Conferenza delle Parti sul tabacco a Ginevra (COP8) un grosso polverone mediatico si sta abbattendo sull'OMS, che ancora una volta si autoproclama un ibrido tra baby-sitter e riformatrice dei costumi universali.

Annunci altisonanti e misure iperprotettive (riguardo alle quali non si smette di dar prova di becero sensazionalismo più che di rigore scientifico) mostrano come la libertà individuale sia considerata una dea minore, da immolare sull’altare del bene pubblico.

Dalla carne rossa, prima cancerogena, poi forse cancerogena, per poi finire di nuovo tra i prodotti non cancerogeni, agli alcolici, ai farmaci generici, passando per la sigaretta elettronica, l’OMS si dimostra sempre più alla mercé di burocrati e persone che non tengono tanto alla salute delle persone quanto ad appagare questo o quel politico.

L’esempio più eclatante è quanto sta avvenendo in queste ore riguardo alle sigarette elettroniche. L’OMS sostiene che le e-cig sono meno tossiche delle sigarette tradizionali ma possono avere effetti nocivi, e per questo ne ha proposto il bando completo da tutti i mercati. Tuttavia, a questa presa di posizione dell’OMS si contrappongono quelle d’altri autorevoli scienziati che invece vedono nelle sigarette elettroniche una delle soluzioni possibili per smettere di fumare.

Come emerge da uno studio indipendente pubblicato nell’agosto 2015 da Public Health England, le sigarette elettroniche sono meno nocive di circa il 95% rispetto al fumo di tabacco e potrebbero contribuire ad abbattere le percentuali di fumatori tra i giovani e gli adulti nel Regno Unito. Infatti, lo studio ha scoperto che quasi tutti i 2,6 milioni d’adulti che usano le e-cig in Gran Bretagna sono attualmente fumatori o ex fumatori: la maggior parte di loro usa questi dispositivi come un aiuto per smettere di fumare o per evitare di ricadere nella dipendenza dalle sigarette. Dal testo emerge inoltre una prospettiva rassicurante: pochissimi adulti e giovani che non hanno mai fumato sono diventati utenti abituali di sigarette elettroniche (meno dell’1% in ciascun gruppo).

Vietare qualsiasi prodotto alternativo alle sigarette tradizionali oppure permetterne, al contrario, lo sviluppo al fine di dare un’alternativa al miliardo di fumatori? Di questo soprattutto si parlerà nella prossima conferenza dell’OMS dedicata al fumo, in programma a Ottobre a Ginevra. Sempreché il dibattito ci sia, vista la decisione dell’Organizzazione di limitare la partecipazione ai lavori ai soli rappresentanti governativi, escludendo ONG non finanziate dall’ONU, industrie della filiera del tabacco e perfino l’interpol, seppure la lotta al contrabbando sia tra i punti principali della conferenza.

La cosa che fa più ridere è che è irragionevole che la conferenza di Ginevra si occupi delle sigarette elettroniche, poiché non contengono tabacco. Di conseguenza non dovrebbero subire le medesime restrizioni previste per questi ultimi prodotti. In realtà l’OMS dovrebbe incoraggiare, e non scoraggiare, la diffusione di quei prodotti che sono scientificamente considerati meno nocivi rispetto alle sigarette e che aiutano per davvero a smettere di fumare. Dopo la carne rossa e le sigarette elettroniche, quale sarà il prossimo settore martoriato da direttive internazionali? La birra? Il vino?

]]>