Raccolta differenziata-Una Italia . Mille storie diverse

03/set/2017 01.56.36 UFFICIO MARKETING RWS ITALIA Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 30 giorni fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

#Rws Italia #ecocompattatori 

30-08-2017

Vorremmo raccontare la storia di. ogni città , di città metropolitane, di comuni , piccole frazioni . Vorremmo raccontarvi di una Italia con i suoi borghi , con le sue colline dove ondeggia l'erba verde , i platani , e i filari di viti , spiagge bianche, calcaree , il mare cristallino verde azzurro sotto i riflessi del sole. 

Vorremmo raccontarvi delle menti geniali come Leonardo , Michelangelo e i più contemporanei Rotella , Fermi , Majorana, Renzo Piano , Valentino e di tutti quelli che hanno creato il Made in italy nel mondo, di tutti quelli che esisteranno per sempre grazie al loro modo di vedere. 

Vorremmo ..... purtroppo dobbiamo raccontare storie diverse .

Overview   RWS ITALIA·Eco compattatori 

MERCOLEDÌ 30 AGOSTO 2017 

 

Sul nostro post di NEWSROOM sono state pubblicate due nuove notizie . Su una delle due notizie abbiamo cercato di verificare le fonti, se ci fossero delle conferme o smentite a quanto abbiamo letto ma non abbiamo avuto successo, pertanto si è deciso di dare,ai nostri fanpage, l'informazione secondo le nostre guide editoriali e Marketing. 

Non è nostra consuetudine commentare ma,,  in questa overview, daremo le nostre osservazioni. 

Oggi è un bel giorno d'estate. Tutte quelle meraviglie di questa nazione di cui vorremmo ancora mirare senza fantasticare, diventano invece delle rimembranze per chi, come lavoro, si dedica allo studio e alla ricerca per innovare metodi e mezzi vetusti  attraverso nuove tecnologie per l'ambiente e la raccolta differenziata. 

Avremmo da raccontarvi di Ferrara che è riuscita ad essere un volano attraverso l'economia circolare, o di una Valle D'Aosta che ha raggiunto il 93 % di raccolta differenziata per fare rientrare i materiali in un nuovo circuito produttivo . 

Dobbiamo purtroppo raccontare di Genova dove il comune,..il comune , i cittadini dovranno pagare 300.000 euro di multa per non aver raggiunto gli standard minimi dettati dalle normative . 

Normative che non sono entrate oggi per domani , ma anni indietro con obiettivo 65% di raccolta differenziata per il 2016/ 17 - I funzionari del capoluogo ligure però sono ancora al loro posto.Si diciamolo "posto" perché essendo stati seduti al loro posto,una comoda poltrona con scrivania da un metro e ottanta , non conoscono e non potrebbero, se sono fuori campo, le problematiche dei cittadini nella gestione dei rifiuti per dare soluzioni!

Se ci fosse un minimo di raziocinio come possono calendarizzare il ritiro dell' umido una volta la settimana ? Vogliamo chiederlo ad un batteriologo? Così, solo per scrupolo.. 

Dovremmo raccontare dei turisti tedeschi, finlandesi, norvegesi, olandesi che invadevano le nostre coste e riempito gli alberghi ed oggi invece non è più l' Italia la loro meta ma la Spagna, Croazia etc. Non era solo una questione economica ma di scambi culturali, sociali, linguistici.

 

Vorremmo raccontare storie diverse , positive, dove a Venezia i turisti hanno potuto vedere le bellezze uniche, il frangersi della luna o dei lampioni sul lastricato, delle calle dove i banchieri gestivano lettere di credito valide in tutto il mondo. Questo è quello che avremmo voluto raccontare, inversamente i turisti hanno visto tante cianfrusaglie, neanche italiane, su centinaia di banchetti mentre una Signora piange 

perché lascia la Sua Venezia per la terra ferma.

Invece dobbiamo raccontarvi di Ivrea dove c'è un disastro ecologico, una raccolta differenziata dove c'è di tutto . 

Vi raccontiamo di Trento che ha raggiunto a luglio 2017 L' 82% di raccolta differenziata con monitoraggio costante deI primi 7 mesi del 2017 . Bravi ! 

Ma noi lavoriamo nell'innovazione pertanto non possiamo essere negativi, ma analisti sicuramente, per poter conoscere ed osservare la reazione che si ottiene ad una determinata condizione. 

Anche a noi però non manca lo stupore.  E ci stupisce come la città di Catanzaro pensa di applicare delle politiche per la raccolta differenziata. 

Abbiamo provato a verificare la notizia senza esito .Nell'articolo in cui l'abbiamo appresa si interpreta chiaramente il metodo che per arrivare alla quota minima di legge si tenta un escamotage, con danno ai cittadini,  in quanto avranno una differenziata non di qualità. L'idea geniale è quella di potenziare la raccolta di cartone -legno - plastica  presso i Big-consumer ( supermercati ,aziende etc ) in modo tale da fare media con la carente differenziazione di plastica, vetro , organico , secco , umido che producono i cittadini!! 

No. ! Manca anche il pudore ! 

Forse non è neanche furbizia , altrimenti non l'avrebbero sbandierata ai quattro venti come soluzione " per vincere facile ! " 

 

In quale paese viviamo ... io non lo ricordo o non lo riconosco più .

 

Noi non facciamo per mestiere i giornalisti ma per i nostri studi diamo rilevanza  solo a notizie dove troviamo elementi degne di nota che riportino "un equilibrio" in un settore dove "gli interessi" sono o stanno diventando "paurosamente pericolosi" per il nostro equilibrio ambientale e fisico . 

 

Non sta a noi, ma a Voi i giudizio. Noi incoraggiamo i comuni, i consumatori a prendere coscienza di ottenere una differenziata a costo zero , sperando che gli Amministratori  intraprendano con correttezza strade dove si differenziano i materiali post consumo con una raccolta di qualità altrimenti, anche questo, sarà un debito che lasceremo ai nostri figli . 

 

Rws Italia Marketing Office

 

Breaknews 

 

agosto 30/2017 Calabria> Legambiente: illogico l'aumento delle tariffe per la differenziata. Ndr Purtroppo ieri abbiamo rilasciato una Overview dove evidenziavamo sbalorditi il metodo che si vuole adottare a Catanzaro. Ci eravamo preoccupati a verificare il contenuto della notizia riguardante Catanzaro. Oggi Legambiente denuncia un sistema regionale che friziona ancora di più lo sviluppo del sud ed in particolare la Calabria che, nelle statistiche, risulta essere ultima regione d'Europa . Accendiamo i riflettori su questa notizia poiché non denunciare la malagestio è un danno economico e d'immagine per i Calabresi e la splendida terra di Calabria.

 

Ormai si è perso il pudore ma se rimane un briciolo di indignazione è dobbiamo far sì che la Calabria non pianga sulla sua stessa terra .

 

rws Italia Marketing Office

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl