cs - Carne di Razza Piemontese, Cia: "Servono politiche di rilancio"

09/feb/2021 11:58:33 Cia Alessandria Contatta l'autore

Gentili colleghi

si è svolto un incontro sulla crisi della Razza bovina Piemontese. Al Tavolo, il nostro presidente provinciale Gian Piero Ameglio, anche allevatore di razza. Dettagli in allegato. In foto, Gian Piero Ameglio primo a destra al tavolo relatori.

Grazie

Genny Notarianni

 

Carne di Razza Piemontese, Cia: “Servono politiche di rilancio”

L’incontro a Torino a seguito delle richieste degli allevatori del territorio

 

Si è svolto ieri un primo incontro organizzato da Cia Torino, nella sede regionale dell’Organizzazione, a seguito delle richieste giunte dai soci Cia allevatori della Razza Piemontese iscritti ai sistemi di selezione (Anaborapi) e di promozione (Coalvi).

A rappresentare il territorio alessandrino c’era il presidente Cia Alessandria e allevatore a Franchini d’Altavilla Gian Piero Ameglio, insieme al direttore Cia Paolo Viarenghi; con loro, anche il presidente regionale, di Valmacca (AL), Gabriele Carenini.

A preoccupare gli allevatori è la crisi del settore, che porta un abbassamento dei prezzi, di circa il 25%, per i bovini maschi. Le cause sono da intravvedere soprattutto ad un mercato inflazionato e alle importazioni di carne, provenienti dall’Europa ma anche da paesi extra UE.

Spiega Ameglio: “Il malcontento dovuto dal calo dei prezzi dei capi maschi unito all’aumento del prezzo dei cereali porta gli allevatori a fare molta fatica per realizzare il reddito. Gli allevatori sono preoccupati e chiedono maggiori azioni di promozione al consorzio Coalvi. Bisognerebbe rivedere anche il sistema di tracciabilità dei prodotti. Come Cia ci impegniamo a suggerire strategie di comunicazione e, appena possibile, organizzeremo un evento pubblico assembleare per un confronto tra gli allevatori e auspichiamo una migliore gestione del sistema, riconoscendone la sua importanza, sia dal punto di vista della rappresentanza, sia per le azioni intraprese per valorizzare il lavoro degli allevatori”.

In Piemonte, i capi iscritti al Libro genealogico si trovano per circa la metà in provincia di Cuneo, meno del 30% a Torino, il resto diviso tra le altre province.

 

 

http://comunicati.net/allegati/225261/cs9_carne.docimage003.png@01D37A7F.A8968B70

 

Genny Notarianni
Ufficio stampa e Relazioni esterne | Cia - Agricoltori Italiani Alessandria

Via G. Savonarola, 29 – 15121 Alessandria
Tel +39 0131 1961339 | Fax +39 0131 41361 | Mobile + 39 345 4528770

e-mail g.notarianni@cia.it | sito web www.ciaal.it

_________________

 

http://comunicati.net/allegati/225261/cs9_carne.docimage004.png@01D37A7F.A8968B70 http://comunicati.net/allegati/225261/cs9_carne.docimage005.png@01D37A7F.A8968B70 http://comunicati.net/allegati/225261/cs9_carne.docimage006.png@01D37A7F.A8968B70 http://comunicati.net/allegati/225261/cs9_carne.docimage007.png@01D37A7F.A8968B70

 

 

--
Hai ricevuto questo messaggio perché sei iscritto al gruppo "stampa Cia Alessandria" di Google Gruppi.
Per annullare l'iscrizione a questo gruppo e non ricevere più le sue email, invia un'email a stampa-cia-alessandria.mailing+unsubscribe@cia.it.
Per visualizzare questa discussione sul Web, visita https://groups.google.com/a/cia.it/d/msgid/stampa-cia-alessandria.mailing/028001d6fed2%2482da9a40%24888fcec0%24%40cia.it.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl