Conseguenze della Tossicodipendenza

18/dic/2020 23:12:39 Chiesa di Scientology di Padova Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 30 giorni fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Volontari costantemente attivi per dire No alla droga

 

Bellaria: sabato mattina i volontari di Mondo libero dalla droga romagnoli saranno a Bellaria per fare prevenzione alla droga. 

Un adeguata informazione è probabilmente l’unico metodo efficace per creare una vera prevenzione alla droga. E’ di questo i volontari hanno avuto molto spesso delle prove, visti i successi o le considerazioni degli studenti alla conclusione degli incontri sulla prevenzione. Osservazione che fece anche l’umanitario L. Ron Hubbard ispirando l’attività dei volontari.  

Ma cosa significa essere tossicodipendente?

Il tossicodipendente è solitamente assente, smemorato e irresponsabile, incapace di vivere bene e non riesce a raggiungere le proprie mete nella vita. Con l'uso di droghe viene ostacolato l'apprendimento: si è osservato nelle scuole che gli allievi che fanno uso di tali sostanze sono molto più lenti nell'apprendimento rispetto agli altri ed hanno anche meno abilità. 

L'intelligenza e la creatività sono frutto di una mente sana non di una mente intossicata dalla droga. Anni fa si credeva che le droghe venissero eliminate dall'organismo dopo cinque giorni al massimo dall'ultima assunzione, ma è ormai noto che ciò non sia vero; infatti, è stato dimostrato scientificamente che le droghe, ma anche l'alcool, e tanti altri residui altrettanto tossici, possono restare anche per molti anni nei tessuti adiposi del corpo. 

Gli effetti della droga sull'organismo di un tossicodipendente diminuiscono con il passar degli anni, perchè il suo corpo si abitua alla presenza di tali sostanze chimiche estranee. 

 

Ed ecco che arrivano gli effetti dell’astinenza, L'astinenza non è altro che una reazione nervosa del cervello innescata dalla presenza di questi metaboliti - anche se in quantità microscopiche - poiché i recettori delle cellule cerebrali, abituati a grandi concentrazioni di droghe, devono "accontentarsi" delle piccole quantità fornite dai metaboliti. 

 

Non è che qui parliamo di droghe legali o illegali, la dipendenza è dipendenza come la morte è morte. 


Ecco perché continua costante l’impegno dei volontari per informare i giovani e non solo degli effetti delle droghe. Fornire La verità sulla droga è l’obiettivo dei volontari che non vorrebbero mai sentirsi dire…. Se l’avessi saputo prima!

I materiali sono disponibili anche la sito www.noalladroga.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl