La via della felicità: Rispetta la fede religiosa degli altri

05/feb/2020 15:12:03 Chiesa di Scientology di Padova Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 3 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Settimana Interreligiosa 


La tolleranza è un buon fondamento su cui costruire i rapporti umani. -scrisse l’umanitario L. Ron Hubbard nella guida al buon senso La via della felicità- Quando si osservano le stragi e le sofferenze causate dall’intolleranza religiosa in tutta la storia dell’Uomo fino ai nostri tempi, si comprende che l’intolleranza è un’attività completamente contraria alla sopravvivenza.


Tolleranza religiosa non significa che non si possano esprimere le proprie convinzioni. Significa che cercare di indebolire o attaccare la fede o le credenze religiose altrui è sempre stata una scorciatoia per ritrovarsi nei guai.


Fin dai tempi della Grecia antica i filosofi hanno discusso sulla natura di Dio, dell’Uomo e dell’Universo. Le opinioni delle autorità vanno e vengono: in questo periodo vanno di moda la filosofia del “meccanicismo” e del “materialismo”, che risalgono ai tempi antichi dell’Egitto e della Grecia; esse sostengono che tutto è materia e trascurano il fatto che, per quanto possano essere ingegnose le loro spiegazioni dell’evoluzione, non escludono la presenza di altri possibili fattori in gioco, che potrebbero semplicemente usare l’evoluzione come strumento. Al giorno d’oggi queste sono le filosofie “ufficiali” e vengono persino insegnate nelle scuole. Hanno i loro fanatici che attaccano le credenze e le religioni altrui: il risultato può essere intolleranza e controversie.


Se le menti più brillanti dal V secolo a.C., o addirittura prima, non sono state capaci di mettersi d’accordo sull’argomento della religione o dell’antireligione, ciò significa che questo è un campo di battaglia da cui sarebbe meglio star lontani.


Da questo mare di dispute è emerso un principio intelligente: il diritto di credere liberamente.


La “fede” e le “credenze religiose” non sono necessariamente spiegabili con la logica: non le si può nemmeno dichiarare illogiche. Possono essere cose del tutto al di fuori di questo.


Qualsiasi consiglio si possa dare ad un altro su questo argomento si trova sul terreno più sicuro quando si limita ad asserire il diritto di credere liberamente. Una persona è libera di esporre le proprie credenze religiose, affinché vengano accettate. È però in pericolo quando cerca di attaccare le credenze degli altri e, a maggior ragione, quando li attacca e cerca di danneggiarli a causa delle loro convinzioni religiose.


L’Uomo, fin dagli albori della specie, ha trovato moltissima gioia e consolazione nella propria religione. Persino i “meccanicisti” e i “materialisti” di oggi sembrano i preti di ieri mentre diffondono i loro dogmi.


Gli uomini senza fede sono alquanto infelici. Si può persino dar loro qualcosa in cui credere. Ma quando hanno proprie credenze religiose, rispettale.


Visita il sito: www.laviadellafalicita.org o www.laviadellafelicita.org/course/lesson/respect-beliefs/public-service-announcement.html




    

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl