La salvaguardia dei monumenti romani delle foibe e dell'esodo

Allegati

13/ago/2019 11:35:55 ANVGD Contatta l'autore


Roma, 13 agosto 2019 

La salvaguardia dei monumenti romani delle foibe e dell'esodo 
 
Dopo aver dedicato molte energie per promuovere la costruzione a Trieste di un monumento all'Imperatrice Maria Teresa d'Austria, l'Unione degli Istriani fa un'estemporanea comparsata a Roma tramite il suo profilo Facebook per atteggiarsi a paladina della manutenzione dei monumenti della capitale dedicati ai martiri delle foibe ed agli esuli giuliano-dalmati. 
Troppo dedita a incensare le memorie di quegli Asburgo che con la politica di fomentare gli opposti nazionalismi nel nome del divide et impera avrebbero sconvolto la convivenza di popoli e culture nell'Adriatico orientale innescando un meccanismo che sarebbe giunto alle stragi delle foibe, l'Ui ignora l'assiduo lavoro svolto con le istituzioni di Roma Capitale da parte del Comitato provinciale di Roma dell'Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, spessissimo in concerto con la Società di Studi Fiumani.  
L'erezione dei monumenti che si trovano al Quartiere giuliano-dalmata, tutti realizzati ad opera del comitato romano Anvgd, il Viaggio del Ricordo sostenuto dall'amministrazione comunale a beneficio delle scuole superiori cittadine e l'apertura della Casa del Ricordo insieme con la Società di Studi Fiumani testimoniano come la collaborazione tra le realtà presenti sul territorio e gli enti locali possa dare buoni risultati senza bisogno di altri interlocutori avulsi dal contesto romano. 
Certamente si può fare di meglio pure in merito alla manutenzione, ma proprio di recente l'Anvgd di Roma in collaborazione con la S.S. Fiumani e altre associazioni ha ottenuto da parte dell'amministrazione municipale interventi di riqualificazione del Quartiere giuliano-dalmata in concomitanza con il settantennale della sua inaugurazione. Notizia recente è l'approvazione all'unanimità da parte del consiglio municipale di una mozione, passata anche in Campidoglio, che farà del quartiere un vero e proprio museo all'aperto. 
Si tratta insomma di un dialogo che, pur tra le lungaggini burocratiche di rito, si svolge in maniera proficua con le diverse giunte capitoline senza bisogno di contributi esterni, soprattutto se non concordati con chi opera quotidianamente a Roma per la tutela del Ricordo. 

Donatella Schürzel 
Vicepresidente nazionale e Presidente del Comitato provinciale di Roma dell'Anvgd 
Via Fratelli Reiss Romoli, 19 - 00143 Roma - info@anvgd.it  
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl