Droghe leggere e droghe pesanti? NO! Solo DROGHE!

13/lug/2019 07:34:31 CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 3 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

        Da oltre 20 anni in tutto il mondo, il messaggio dei volontari di Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga e della Chiesa di Scientology è uno solo: non esistono droghe “leggere” e droghe “pesanti”, per i volontari e chi questo problema lo confronta ogni giorno sul campo, esistono le droghe, senza distinzioni.

I messaggi fuorvianti su questo tema di coloro che vogliono far credere che la cannabis sia una droga da divertimento ha una contraddizione all’interno della stessa definizione: dicono che è innocua e da divertimento ma la chiamano comunque “droga”. La classificazione delle sostanze stupefacenti in “pesanti” e “leggere” non è accettata dagli studi scientifici.

Secondo Anna Maria Giannini, docente ordinario di Psicologia presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”: “se osserviamo il problema dal punto di vista degli effetti sulla salute e sulla dipendenza, i due generi di droghe sembrano diversi, ma non è così. Droghe leggere e pesanti sono ugualmente dannose. L’assuefazione è in continuità e questo ci conferma che quando cannabis e hashish vengono assunte con frequenza il passaggio a cocaina ed eroina può essere breve”.

        Finalmente anche la Cassazione ha dato il suo parere chiaro e netto su un problema che sta dividendo gli italiani tra proibizionisti e tra coloro che vorrebbero la cannabis liberalizzata. “Vendere la cannabis light è reato” ha sentenziato la Cassazione richiamandosi alla disciplina europea che dichiara senza riserve che:” la coltivazione connessa e funzionale alla produzione di sostanze stupefacenti, rientra certamente tra le condotte che gli stati membri sono chiamati a reprimere”.

        Non intendiamo entrare nei dettagli della sentenza dei Giudici della Cassazione, ciò che si intende mettere in evidenza è il fatto che finalmente l’organo supremo dei giudici si è pronunciato chiaramente, ponendosi a baluardo della tutela della salute dei cittadini, visto che la certa classe politica ha abdicato a questo ruolo.

        I volontari che fin dalla loro fondazione stanno lavorando nella direzione della prevenzione attraverso l’informazione, sono convinti che questa sia solo una battaglia vinta ma che la guerra culturale è ancora tutta da combattere e, ispirati dal filosofo L. Ron Hubbard il quale considerava le droghe “l’elemento più distruttivo presente nella nostra cultura attuale”, anche nella settimana che si è appena conclusa hanno distribuito migliaia di opuscoli contenenti informazioni corrette sugli effetti causati da tutte le droghe.        In particolare hanno informato i cittadini di Cagliari, Sassari, Nuoro, Porto Torres, Quartu S.Elena, Sestu e Uta. Info: www.noalladroga.it

  

         

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl