Iva ridotta sulle cure veterinarie: appello congiunto al Consiglio UE e al Ministro Tria

13/lug/2018 14:35:13 ANMVI Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 30 giorni fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

E-mail  inviata dai servizi telematici di ANMVI / EV. Il tuo programma di posta la visualizza male? Guardala on-line



ANMVI

 

#DownWithVatRates

APPELLO AL CONSIGLIO UE DELL’ECONOMIA

Aliquota IVA ridotta sulle prestazioni veterinarie

LUNEDI’ A BRUXELLES SI DISCUTE LA RIFORMA DELLE ALIQUOTE IVA

ANMVI, GAIA e Sophia Society: permettere agli Stati Membri di mettere le cure veterinarie fra i servizi ad aliquota agevolabile

Sensibilizzato il Ministro delle Finanze Giovanni TRIA

Testo integrale in calce al presente comunicato.

 

(Cremona 13 luglio 2018) - Si riaprono, in Europa, i giochi per la riduzione dell'IVA sulle prestazioni veterinarie:  la Commissione europea intende dare maggiore flessibilità agli Stati membri nel fissare le aliquote dell'imposta sul valore aggiunto (IVA).

Ne discute oggi il Consiglio Europeo, in vista del quale ANMVI ha firmato una lettera per chiedere la riduzione dell'aliquota IVA sulle prestazioni veterinarie.

La mobilitazione parte insieme a Sophia Society e Gaia.

Le nuove regole europee consentirebbero agli Stati Membri non solo una autonomia regolatoria sulle aliquote, ma anche la revisione delle categorie di servizi che possono beneficiare di una aliquota ridotta: oggi le prestazioni veterinarie non sono nella "positive list" europea delle categorie fiscalmente agevolabili.

La lettera congiunta è stata inoltrata al Ministro delle Finanze Giovanni Tria.

Superare il rimpallo fra l'Europa e l’Italia-   Alle iniziative dell'ANMVI sia Bruxelles che Roma hanno risposto con un rimpallo di competenze ogni volta che si è sollevata la questione dell’IVA sulle prestazioni veterinarie. Basti confrontare la risposta di Pierre Moscovici all'eurodeputato Angelo Ciocca  ( "le prestazioni veterinarie non figurano fra le categorie che possono beneficiare dell'aliquota ridotta") e il parere della 14°Commissione del Senato che nella scorsa legislatura aveva ritenuto "incompatibili" con la Direttiva IVA eventuali modifiche unilaterali dell'Italia sull'aliquota che grava sulle cure veterinarie.

Ufficio Stampa ANMVI - 0372/40.35.47

Il Testo inviato ai Ministri del Consiglio Europeo

Vi stiamo contattando per il seguente motivo. Nei Paesi Bassi, in Belgio, in Italia e in molti altri paesi europei, le prestazioni veterinarie sono soggette ad aliquote IVA elevate. I governi traggono profitto dai redditi fiscali a spese degli animali bisognosi di cure mediche. Una situazione ingiusta e inaccettabile, secondo la Sophia Society per la protezione degli animali (Sophia-Society),Global Action in the Interest of Animals (GAIA) e l'Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani (ANMVI). Apprezzeremmo molto che ai paesi europei fosse data la possibilità di abbassare le aliquote IVA sulle prestazioni veterinarie.

Gli animali da compagnia non possono essere considerati una necessità, mentre l'assistenza veterinaria lo è.

I proprietari di animali da compagnia hanno il dovere legale di prendersi cura dei loro animali, ma non sempre hanno i mezzi finanziari per farlo. Organizzazioni come le nostre ricevono regolarmente richieste di sostegno finanziario in favore di proprietari di animali domestici, perché non sono più in grado di pagare le spese sanitarie del loro pet o non riescono a portarlo dal veterinario quando è il momento. Ciò può comportare terribili sofferenze per l'animale. Oltre a questo un'assistenza veterinaria tempestiva è essenziale anche per un uso prudente degli antibiotici e per il controllo dell'antimicrobico-resistenza.

Quando le prestazioni veterinarie diventeranno più accessibili, più proprietari  saranno in grado di fornire le cure mediche necessarie ai loro animali. Ora che le aliquote IVA europee sono in corso di negoziazione, vi chiediamo di non inserire le cure veterinarie in una "negative list". Gli Stati membri europei potrebbero così decidere, individualmente, quale aliquota IVA applicare nel loro Paese alle prestazioni veterinarie fra gli scaglioni possibili. In questo modo, ciascun Paese sarebbe nelle condizioni di poter evitare la sofferenza degli animali rendendo i servizi veterinari più accessibili per i loro cittadini.

In molti Paesi europei, tra cui Italia, Belgio e Paesi Bassi, abbassare le aliquote IVA elevate per le cure veterinarie è oggetto di dibattito da molto  tempo, sia politico che sociale. Solo nei Paesi Bassi, oltre 37.000 persone hanno firmato una petizione in merito. In Italia, una petizione di ANMVI ha raggiunto più di 75.000 sottoscrittori.

Ci auguriamo che sarete disposti a prendere tutto questo in considerazione al prossimo Consiglio economico e finanziario del 13 luglio. Naturalmente siamo più che disposti a fornirvi maggiori informazioni se necessario. Se avete ulteriori richieste, non esitate a contattarci. Attendiamo la vostra risposta con interesse.

Steffie Van Horck (General DirectorSophia Society) Marco Melosi  (President ANMVI Board)   Ann de Greef, (General Director GAIA)

 

Ufficio Stampa ANMVI - Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani- 0372/40.35.47

 



iBOX DEM

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl