ANMVI ai vertici della Basilicata: sospendere le sterilizzazioni della ASP di Potenza

16/mar/2017 17.42.51 ANMVI Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 6 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

E-mail  inviata dai servizi telematici di ANMVI / EV. Il tuo programma di posta la visualizza male? Guardala on-line



ANMVI

SPESA FUORI DAI LEA -CRITICITA’ ANCHE NEL BENESSERE ANIMALE

ANMVI alle autorità regionali: sospendere le sterilizzazioni

della ASP di Potenza

Dopo le sterilizzazioni su cani di proprietà, avviate a Maratea (Potenza), a bordo di un camper mobile, l’ANMVI scrive ai vertici della Basilicata e al Ministero della Salute: risorse utilizzate per prestazioni che non rientrano nei compiti istituzionali dei Servizi Veterinari

(ANMVI Basilicata- 16 Marzo 2017)- L’ANMVI ha chiesto al Ministero della Salute e alle autorità regionali della Basilicata di sospendere le sterilizzazioni gratuite su cani di proprietà effettuate da personale della ASP di Potenza. Secondo quanto segnalato da Medici Veterinari e proprietari sarebbero già stati sottoposti ad intervento circa oltre 1000 cani proprietari. La nota dell'Associazione, a firma del Presidente Marco Melosi, è stata inoltrata al Sottosegretario Davide Faraone, al Direttore Generale della Sanità Animale Silvio Borrello, al Presidente della Regione, Marcello Pittella, e all'Assessore alla Salute Flavia Franconi, ai Servizi Veterinari (Gerardo Salvatore) e ai vertici della ASP (Vito Bochicchio). In indirizzo anche i Sindaci dei capoluoghi, Potenza e Matera, e per conoscenza gli Ordini provinciali veterinari e la FNOVI.

ANMVI ha chiesto di sospendere nell’immediato l’iniziativa, sulla base delle seguenti osservazioni:

- le prestazioni veterinarie su animali di proprietà non rientrano nei compiti istituzionali degli enti pubblici;

- quanto sopra prelude a destinazioni improprie di fondi pubblici (finanziamenti, personale, risorse organizzative e strumentali) in favore di finalità estranee ai compiti istituzionali definiti dai LEA, con evidenti ripercussioni negative sulla spesa pubblica;

- l’erogazione di prestazioni di sterilizzazione su mezzi mobili non è contemplata dall’Accordo Stato Regioni, che disciplina le strutture veterinarie autorizzabili all’erogazione di prestazioni pubbliche e private; le difformità di recepimento regionale non sono che la conferma di una violazione dello spirito di collaborazione istituzionale che caratterizza lo strumento giuridico dell’Accordo.

- le modalità di svolgimento delle prestazioni  presentano profili di dubbia regolarità sotto il profilo delle buone prassi a tutela della salute animale, della sicurezza e del benessere del paziente animale;

L'ANMVI chiede inoltre alle autorità ministeriali e regionali di voler accertare lo svolgimento delle suddette attività, di far conoscere le basi giuridico-normative su cui poggia una eventuale autorizzazione, nonché le modalità di erogazione del servizio poste in essere dalla ASP stessa.

Quanto acquisito "sarà considerato per valutare nelle opportune sedi, iniziative di contrasto" per le quali ANMVI è stata più volte sollecitata, "anche sulla base di una cospicua documentazione, che sorregge tutte le criticità qui esposte".

Ufficio Stampa ANMVI - Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani- 0372/40.35.47

 



iBOX DEM

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl