Zingaretti in visita al Quartiere Giuliano-dalmata: solidarietà e sostegno agli esuli

14/feb/2017 14.20.50 ANVGD Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 30 giorni fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Roma, 14 febbraio 2017

 

COMUNICATO STAMPA CON CORTESE PREGHIERA DI PUBBLICAZIONE

 

Zingaretti in visita al Quartiere Giuliano-dalmata:

solidarietà e sostegno agli esuli istriani, fiumani e dalmati

 

Molteplici e apprezzate dal pubblico le iniziative che in occasione del recente Giorno del Ricordo hanno visto protagonista il Comitato provinciale di Roma dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, la più antica e ramificata sul territorio nazionale fra le sigle che hanno raccolto i 350.000 esuli da Istria, Fiume e Dalmazia ed i loro discendenti.

Presentazioni librarie, convegni incentrati sul Settantennale del Trattato di pace del 10 febbraio 1947, cerimonie ufficiali presso l’Altare della Patria ed il Campidoglio assieme al Comune di Roma, manifestazioni di carattere sportivo e divulgativo, nonché testimonianze fornite nell’ambito di incontri promossi da amministrazioni municipali, scuole ed associazioni hanno caratterizzato il calendario di eventi predisposto dalla Presidentessa del Comitato, la Prof.ssa Donatella Schürzel, la quale è anche Vicepresidente nazionale del sodalizio.

Particolarmente significativa è stata altresì la visita che il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha effettuato giovedì 9 febbraio al Quartiere Giuliano-dalmata, storico luogo di insediamento nella periferia meridionale della capitale per 6.000 esuli provenienti dal confine orientale italiano. Dopo una breve commemorazione con picchetto d’onore presso il cippo in pietra carsica che ricorda i caduti giuliano-dalmati (sui limitrofi pennoni erano appese a mezz’asta le bandiere di Istria, Fiume e Dalmazia) ed un sopralluogo all’Archivio - Museo Storico di Fiume con il direttore dott. Marino Micich, una delegazione del Comitato ha accompagnato Zingaretti in una breve visita ai luoghi più significativi della zona, culminata con una relazione sulla storia del quartiere tenuta dalla Prof.ssa Schürzel all’interno della Biblioteca San Marco: «L’associazionismo degli esuli �“ ha spiegato la relatrice - ha consentito la nascita di un tessuto sociale attivo e facilitato l’integrazione di chi è successivamente giunto. Di villaggi di insediamento degli esuli ve ne sono decine in tutta Italia, ma questo è l’unico ad avere la segnaletica stradale che contraddistingue i luoghi di interesse storico: targhe, monumenti che hanno seguito gli esuli nell’abbandono delle loro terre dopo le stragi delle Foibe ed un polo museale contraddistinguono l’offerta culturale del quartiere»

Dopo essersi intrattenuto pure nei piccoli spazi che il Comitato ANVGD condivide assieme ad altre sigle associative, il presidente Zingaretti, accompagnato dal prof. Umberto Gentiloni, ha ribadito il suo interesse per le attività di quei sodalizi che diffondono la storia del confine orientale italiano e con la loro opera di testimonianza la difendono dai tentativi minimalisti e negazionisti nei confronti di tali tragedie ed ha, infine, confermato che l’amministrazione regionale valorizzerà e sosterrà l’impegno identitario dell’ANVGD.

 

Lorenzo Salimbeni

Responsabile comunicazione Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia

via Milano, 22 �“ 34122 Trieste

Tel. 040366877 �“ Fax 0403474974 �“ E-mail info@anvgd.it 
 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl