Dopo Torino, Milano e Padova, record di visitatori alla mostra CCDU a Firenze

09/mag/2019 12:29:22 campagna sociale Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 3 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Dopo una settimana ha chiuso i battenti all’Auditorium del Duomo la mostra del Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani. Centinaia di opuscoli informativi e DVD sono stati distribuiti a 900 interessatissimi visitatori, tra cui diverse scolaresche e alcuni addetti ai lavori (uno psichiatra e alcuni psicologi). Una pedagoga ha lamentato l’eccesso di diagnosi nelle scuole, mentre alcuni studenti di psicologia hanno particolarmente apprezzato il video su Giorgio Antonucci - il medico fiorentino che ha rivoluzionato il mondo della salute mentale dimostrando con i fatti come sia possibile aiutare le persone a superare il disagio emotivo senza uso della forza, ma usando solo comunicazione.

 

Particolarmente apprezzata la sezione italiana, con un video dedicato a Franco Basaglia, Giorgio Antonucci e, in generale, alla realtà italiana. Molti visitatori, per esempio, non sapevano che l’elettroshock fosse ancora praticato in Italia, e altrettanto sconosciuto era l’entità del giro d’affari multimiliardario legato agli psicofarmaci.

 

Proprio a Firenze, in questi giorni, si tiene un evento con il Garante Nazionale delle Persone Private della Libertà che, in maniera crescente, sta ampliando la sua sfera d’interesse (precedentemente focalizzata sui detenuti) per includere le persone soggette a TSO. Secondo il Garante, i Dipartimenti di Salute Mentale rimangono riluttanti all’osservazione da parte di occhi esterni e indipendenti, e sembrano non comprenderne l’importanza: “Proprio la delicatezza del trattamento non volontario, di per sé eccezionale poiché in deroga rispetto al principio costituzionale che stabilisce la libertà della persona di non sottostare alle cure (art.32), giustifica invece un’attenta verifica delle procedure in osservanza alla legge.”

 

La mostra, dice il Presidente del CCDU Roberto Cestari, “s’inserisce nello stesso filone di lotta agli abusi nel campo della salute mentale, che comprende un progetto di riforma del TSO in senso garantista, presentato assieme dal CCDU e dai Radicali Italiani.”

 

La settimana fiorentina è terminata, ma i volontari del CCDU non si fermano: appuntamento a Roma, Palazzo Velli Expo, in Piazza Sant’Egidio, a Trastevere, dal 11 al 22 maggio.

 

Il CCDU è stato fondato in Italia nel 1979 ed è diventato una Onlus nel 2004. Il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani (CCDU) è un'organizzazione indipendente ed è collegato ideologicamente al CCHR (Citizen Commission on Human Rights), che ha sede a Los Angeles. Il CCHR International è stato fondato nel 1969 dalla Chiesa di Scientology e dal professor Thomas Szasz, professore emerito di psichiatria all'Università di Syracuse, Stato di New York e autore di fama internazionale.

 

www.ccdu.org

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl