Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Scuola e Ricerca Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Scuola e Ricerca Fri, 23 Feb 2018 13:46:30 +0100 Zend_Feed_Writer 1.12.20 (http://framework.zend.com) http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/1 “Learning English Songs”: un nuovo modo facile, divertente e gratuito per imparare l’inglese. Wed, 21 Feb 2018 15:31:49 +0100 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/470609.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/470609.html Maxy Sound Maxy Sound Vi è mai capitato di avere una canzone che non si schioda dalla testa per molte ore o giorni?

 

Da oggi, questo potere della musica diventa estremamente utile per imparare l’inglese in modo facile e divertente.

Il team di “Learning English Songs”, composto da insegnanti e musicisti esperti, ha appena pubblicato le prime 10 canzoni 

che vi faranno imparare la lingua inglese o ripassare quello che avete già appreso attraverso i corsi tradizionali.

 

L'insegnante di inglese e cantante londinese di lunga esperienza Jes Sadler e la bravissima 

Alison Medini vi guideranno attraverso un viaggio per scoprire le regole della grammatica e per ampliare il vostro 

vocabolario.

 

Se, ad esempio, volete ripassare tutte le regole del “Simple Past” (l’equivalente più vicino del passato remoto inglese), 

vi basterà guardare il video ed imparare la canzone. 

Ben presto saprete tutte le regole del “Simple Past” senza fatica e con grande divertimento.

 

Si sa che l’inglese è oggi più che mai necessario per una migliore posizione lavorativa, per viaggiare, 

scoprire cose nuove, divertirsi e per iniziare una carriera soddisfacente.

 

Con “Learning English Songs” non ci sono più scuse, basta un click! E’ facile, divertente ed efficace.

Bambini, adolescenti ed adulti troveranno le canzoni molto piacevoli, orecchiabili e facili da ricordare. 

 

Tutti i video pubblicati dall’etichetta EDU Records sono disponibili gratuitamente su YouTube e le canzoni sono anche 

su tutte le piattaforme dedicate come iTunes, Amazon, Spotify, Deezer, ecc.

 

https://www.youtube.com/watch?v=AznnwvoiHzk&feature=youtu.be&list=PLkO83W5Z0gy6dW3lGgEIdCN1aHDW9QYRe

]]>
Global Erectile Dysfunction Treatment Market: Market Estimation, Dynamics, Regional Share, Trends, Competitor Analysis 2012-2016 and Forecast 2017-2023 Fri, 16 Feb 2018 07:45:12 +0100 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/469940.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/469940.html pbi pbi

By Product (Sildenafil [Viagra], Tadalafil [Adcirca, Cialis], Vardenafil [Staxyn, Levitra], Avanafil [Stendra], Others), By Distribution channel (Hospitals, Clinics, and Others) and Geography – Market Estimation, Dynamics, Regional Share, Trends, Competitor Analysis 2012-2016 and Forecast 2017-2023

 

Erectile Dysfunction Treatment Market Report Description: 

 

Erectile dysfunction treatment market report gives a comprehensive outlook on erectile dysfunction across the globe with special emphasis on key regions such as North America, Europe, Asia-Pacific, Latin America, and Middle East & Africa (MEA). This report on erectile dysfunction market gives historical, current, and future market sizes (US$ Mn) of product, distribution channel and geographic regions. This report studies erectile dysfunction market dynamics elaborately to identify the current trends & drivers, future opportunities and possible challenges to the key stakeholders operating in the market. In addition, the market report includes regulatory scenario and competition analysis with vividly illustrated the competition dashboard to assess the market competition. Moreover, PBI analyzed erectile dysfunction market to better equip clients with possible investment opportunities across the regions (Regional Investment Hot-Spots) and market unmet needs (Product Opportunities). Key stakeholders of the erectile dysfunction market report include suppliers, manufacturers, marketers, policymakers engaged in manufacturing and supply of erectile dysfunction.

 

  A sample of this report is available upon request @

https://www.precisionbusinessinsights.com/market-reports/global-erectile-dysfunction-treatment-market/#ulp-4H8Z4LpNMLEuOnnx

 

Erectile Dysfunction Market:

 

The erectile dysfunction market estimated to be valued US$ XX Mn in 2016 and expanding at a growth rate of 4.2%, and projected to reach US$ XX Mn by 2023.

 

Is patent cliff of major brands leading to sluggish growth of erectile dysfunction market?

 

The erectile dysfunction treatment market is expected to grow at slow rate due to patent expiry of major brands. For instance, Viagra’s patent expired outside the U.S. in 2012, in U.S set to expire, but Pfizer’s collaboration with Teva and Mylan to introduce generics in U.S. in December 2017. Patent expiration of blockbuster molecules, availability of alternatives such as penus pumps, penile implants, ayurvedic medicines are expected to dampen the market growth.

 

Does erectile dysfunction treatment market unlock the potential of generic drugs?

 

Surge in R&D expenditure to develop alternatives to patented molecules, patent expiration of leading brands are expected to offer enormous opportunities for players.

 

  To view TOC of this report is available upon request @

https://www.precisionbusinessinsights.com/market-reports/global-erectile-dysfunction-treatment-market/#ulp-c654SbFYO64MsOhu

 

Asia Pacific erectile dysfunction market expected to expand at robust CAGR over the forecast period.

 

U.S. erectile dysfunction market witnessed significant revenue share owing to increased number of patients suffer from erectile dysfunction (ED). The prevalence of ED associated with age, diabetes, cardiovascular disorders. As per statistics, about 18 million men over age of 20 suffer from ED. Increased awareness, availability of treatment are few factors enables drive the market. Asia Pacific erectile dysfunction market is expanding at healthy growth rate. Large patient pool, soaring old age male population expected to create strides in Asia Pacific ED treatment market. China & India expected to witness lucrative growth opportunities for generic manufacturers. Players are focused on develop alternatives to expensive patented drugs, increased awareness, surge in economy & disposable income expected to drive emerging countries erectile dysfunction market.

 

Patent cliffs, availability of alternative therapies and devices, adverse effects like cardiovascular disorders, abnormalities in blood pressure; severe headache are road blocks for the erectile dysfunction market.

 

     Need more information about this report @

https://www.precisionbusinessinsights.com/market-reports/global-erectile-dysfunction-treatment-market/#ulp-14mlyhjMGhVjZqa3

 

 

Competition Assessment

 

Key players’ profiles in the global erectile dysfunction market include:

 

·         Pfizer, Inc. (U.S)

·         Bayer AG (Germany)

·         Eli Lilly and Company (U.S)

·         (Brazil)

·         Apricus Biosciences Inc. (U.S)

·         Meda Pharmaceuticals, Inc. (U.S)

·         K. Chemicals Co. Ltd.(Korea)

·         Vivus, Inc. (U.S)

·         Dong-A ST (South Korea)

 

·         Market players are focusing on mergers and acquisitions to improve their market position in Erectile Dysfunction market. On 27 March, 2017, Vivus receive STENDRA (R) commercial rights from Sanofi,   to Africa, Middle East, Turkey, and Russia.

 

 

Key Findings of the Report:

 

·         Erectile dysfunction market is expanding at 4.2% CAGR over 2017 to 2023 to reach market value of US$ XX Mn by 2023

 

·         Based on type, predictive analytics market is expanding at highest CAGR over the forecast period.

 

·         Based on region type, North America is expected to account for major market share.

 

·         Hospitals are prime channel for surgical instruments systems distribution across the globe

 

·         Players focusing on expanding geographic presence to garner market opportunities in developing economies

 

Key Features of the Report:

 

·         The report provides granular level information about the market size, regional market share, historic market (2012-2016) and forecast (2017-2023)

·         The report covers in-detail insights about the competitor’s overview, company share analysis, key market developments, and their key strategies

·         The report outlines drivers, restraints, unmet needs, and trends that are currently affecting the market

·         The report tracks recent innovations, key developments and startup’s details that are actively working in the market

·         The report provides plethora of information about market entry strategies, regulatory framework and reimbursement scenario

·         The report analyses the impact of socio-political environment through PESTLE Analysis and competition through Porter’s Five Force Analysis in addition to recent technology advancements and innovations in the market.

 

 

Get access to full summary @

https://www.precisionbusinessinsights.com/market-reports/global-erectile-dysfunction-treatment-market/

]]>
PREMI A INGEGNERIA Wed, 20 Dec 2017 12:20:46 +0100 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/463221.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/463221.html Andrea B. Andrea B.

Giovedì 21 Dicembre si svolgerà la premiazione degli studenti che hanno partecipato al Video Contest: L’Esperienza di Ingegneria, organizzato dal Dipartimento di Ingegneria dell’Università degli Studi di Perugia. I partecipanti sono stati chiamati a raccontare, attraverso filmati di 90 secondi, un’esperienza di laboratorio, la preparazione di un progetto o di un esame.
Tra i contenuti proposti nel filmato anche momenti di vita universitaria nel Campus e di svago nella città di Perugia.
L’Appuntamento è alle 12.30 presso l’Aula Magna di Ingegneria, dove gli sponsor della manifestazione (Faist, Umbra Group, Pegaso 2000, Xepics, Xibo), consegneranno generosi premi agli studenti vincitori.

 

Riferimenti

http://contestesping.unipg.it/ 

 

Facebook

https://www.facebook.com/events/1899294237052636/ 

   
]]>
COLOR DESIGN & TECHNOLOGY Tue, 12 Dec 2017 17:00:21 +0100 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/462379.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/462379.html POLI.design POLI.design POLI.design in collaborazione con l’Associazione Italiana Colore, lancia la III edizione del Master internazionale Color Design & Technology.

 

Un unicum nel panorama formativo di settore per rispondere alla crescente richiesta di designer capaci di sfruttare le potenzialità del colore inteso come mezzo tecnico, espressivo e progettuale.

 

Il percorso fornisce gli strumenti per gestire le problematiche tecnologiche e progettuali legate all’uso del colore in diversi ambiti professionali. Dal design del prodotto industriale all’architettura di interni, dal progetto degli spazi urbani alla comunicazione, senza tralasciare moda e spettacolo.

 

La didattica, basata su un mix di preparazione teorica e applicazione pratica, è strutturata in dieci moduli tematici. I primi quattro, coordinati dall'Associazione Italiana Colore, sono dedicati all’acquisizione di skill tecniche legate a discipline quali fisica, ottica, colorimetria, chimica, psicologia, percezione.

 

I successivi cinque moduli, strutturati come project work, mirano a collaudare le competenze degli allievi in altrettanti contesti di progettazione: gli interni, gli esterni, i prodotti industriali, la comunicazione visiva e la moda.

 

Completano il percorso una fase di empowerment, pensata per preparare gli studenti al successivo inserimento lavorativo e lo stage previsto al termine della didattica.

I neo Color Consultant potranno infatti potenziare le proprie abilità collaborando con studi professionali e aziende che si occupano di colore nei diversi ambiti del design.

 

Rilevante a tal proposito il collegamento diretto al mondo delle imprese di settore che hanno da subito riconosciuto l’unicità e l’innovazione del percorso formativo. 

Konica Minolta, Oikos, Create, Ceramica Vogue, Materis, Ncs Natural Colour System, Clariant, Missoni, Boero Group, Max Meyer, X-Rite Pantone, Mantero, Barco, Barbieri, Elementi Moda, Fontegrafica, Lechler, sono solo alcune delle realtà che hanno patrocinato o collaborato con il Master nelle precedenti due edizioni.

 

Le iscrizioni sono aperte, l’avvio delle lezioni è previsto per aprile 2018.

Grazie al contributo del Gruppo del Colore – Associazione Italiana Colore, sono disponibili 3 borse di studio del valore di 3.500€, di cui una finanziata da Konica Minolta, oltre a 4 agevolazioni economiche del 25% che verranno assegnate, fino al loro esaurimento, in ordine temporale di iscrizione dei candidati.

 

Il Master, in lingua inglese, è riservato a candidati in possesso di Diploma universitario o Laurea V.O., Laurea o Laurea Specialistica/Magistrale N.O. in Scienze, Ingegneria, Architettura, Disegno Industriale (o titoli equivalenti a termini di legge), oppure in altre discipline, qualora la formazione prevista possa fornire una significativa integrazione alla preparazione pregressa. Per i candidati stranieri saranno considerati titoli di studio equivalenti nei rispettivi ordinamenti di studi.

Il master è a numero chiuso ed è riservato a un massimo di 30 studenti. 

 

Per informazioni sulla didattica, sulle modalità di iscrizione e sulle agevolazioni economiche disponibili, si prega di contattare l’Ufficio Formazione di POLI.design: +39 02 2399 5911 formazione@polidesign.net

]]>
how beautiful Sun, 10 Dec 2017 20:53:33 +0100 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/463213.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/463213.html ACLE ACLE Just look at stuff I've just bought , it truly is so nice ! Check it out open message

]]>
Conferenza DESIGN FOR DISASTER AND EMERGENCIES Sat, 09 Dec 2017 15:58:59 +0100 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/462029.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/462029.html Andrea B. Andrea B.

Lunedì 11 Dicembre 2017 alle ore 10,00 presso l’Aula Magna di Ingegneria, organizzata dal DICA, (via Duranti, 93 Perugia), si terrà la conferenza DESIGN FOR DISASTER AND EMERGENCIES.

Interverranno: il Rettore dell’Università degli Studi di Perugia Franco Moriconi, il Direttore del Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Annibale Luigi Materazzi, il Presidente di Technion Edoardo Brauner, la Presidente dell’Associazione Italia-Israele di Perugia Maria Luciana Buseghin.

La Prof.ssa Noemi Bitterman, esperta di altissimo livello, esporrà la relazione centrale.

Info: Dott.ssa Ilaria Venanzi 075.5853908 ilaria.venanzi@unipg.it 

 

]]>
alternanza scuola lavoro sulla comunicazione con Giusy Randazzo Sun, 26 Nov 2017 22:53:24 +0100 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/460764.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/460764.html Redazione G.M Redazione G.M
Il loro tutor il professore Dario Costantino, ideatore e conduttore del formatParliamone, insieme alla conduttrice Giusy Randazzo, guiderà i ragazzi nella realizzazione di un programma televisivo. I ragazzi pronti a cimentarsi in questa nuova realtà che gli permetterà di conoscere e relazionarsi con un nuovo modo di comunicazione. Durante il percorso i ragazzi potranno apprendere i trucchi del mestiere che si celano dietro le telecamere, avere sin da giovani un'esperienza lavorativa sul campo e valutare l'idea di seguire questa strada. I ragazzi entusiasti del percorso da intraprendere, hanno aspettato impazienti l'incontro con la conduttrice Giusy Randazzo per conoscere nel particolare ciò che li attendeva. Non appena l’ospite tanto attesa è arrivata la classe si è trasformata.. “Luci, Azione!” ed ecco che tutto prende le sembianze di un set con nuove proposte pronte ad imparare.Si intravedeva fra gli occhi dei giovani quella curiosità destata da una novità e quel senso iniziale di sconvolgimento dinanzi ad un impresa tanto grande. Ma
la nostra Giusy ha saputo rompere il ghiaccio. Ha introdotto immediatamente ai ragazzi “pillole” di comunicazione, analizzando i vari modi in cui essa si articola. È riuscita a far
arrivare il suo messaggio molto concretamente partendo proprio dalla sua esperienza. Oggi lei ha raggiunto l’apice possedendo uno studio radiotelevisivo ma ha anche regalato pezzi della sua storia. Le sue parole sono state “Se vi svelo tutto al primo incontro poi di che cosa vi parlerò?” C’è ancora tanto da scoprire! Ma torniamo sul nostro cammino, l’esperta televisiva ha voluto approfondire con minuziosi dettagli sopratutto il racconto riguardante la trasmissione “Uomini e Donne”,che l’ha vista protagonista e ha segnato molto i ragazzi! I quali hanno potuto accedere ad uno dei mille aspetti della televisione. Ma non è finita qui, ciò che stava veramente a cuore alla nostra ospite era il contatto. Quest’ultima ha incoraggiato gli studenti a porre domande in modo tale che lei potesse entrare un po’ fra i loro pensieri e focalizzare i punti, che erano oggetto d’interesse. I più sicuri hanno chiesto dettagli sull’esperienze di Giusy mentre c’era chi rimaneva a riflettere di tutte quelle novità coi propri pensieri. Il lavoro della conduttrice è entrato in gioco con l’assegnazione dei ruoli. La principale distinzione è avvenuta fra chi volesse stare nel retroscena o sotto i riflettori. La nostra conduttrice ha sottolineato i tratti distintivi fra le varie occupazioni, ha esposto i ragazzi ai pregi ed ai difetti, a cui andavano contro. Loro hanno potuto capire ed ammirare come Giusy passasse da una parola al rispettivo fatto: quest’ultima ha infatti annunciato la pubblicazione di articoli su giornali online e la comparsa
di alcuni studenti e studentesse in una televisione calcistica in  collaborazione con lei stessa. I ragazzi non potevano credere alle loro orecchie. E come si sarebbero potuti salutare se non scattando un bel selfie?

Così alla fine i ragazzi, Giusy e il Prof. Costantino, hanno scattato dei bei selfie tutti insieme per dare una prima vera immagine di questo speciale team. I ragazzi sono pronti ad iniziare il progetto e hanno grinta e ambizione, ciò che serve nel mondo della trasmissione radio e della televisione. Alla fine la conduttrice Randazzo ha salutato la classe dicendo che aspettava tutti allo studio. Così si aspetta solo il via per accedere a quel “paradiso proibito” che non vedono l’ora di conoscere al meglio che possono. Che dire ancora, vedremo come si evolveranno le cose e alla fine siamo sicuri arriveranno alla realizzazione di grandi progetti ma sopratutto a compiere grandi cose.

4ªC
Marta Bosco
Silvia Gangitano
Alice Giordano
]]>
È tempo d’iscrizioni per il Master di II livello in ‘Diritto Tributario’ promosso da Università Lumsa e EY Mon, 06 Nov 2017 11:11:33 +0100 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/458456.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/458456.html Cantiere Cantiere Ultimi giorni per iscriversi al Master universitario di II livello in Diritto Tributario promosso da LUMSA – Libera Università Maria Ss. Assunta in collaborazione con EY (Ernst&Young), leader mondiale nei servizi di revisione e organizzazione contabile: il termine ultimo è fissato per il 30 novembre. Prima però è necessario prenotare il colloquio di selezione (mastertributario@lumsa.it) utile a individuare il livello di preparazione e motivazionale degli allievi.

Pensato per fornire un’approfondita conoscenza in materia di Diritto Tributario, ovvero quella branca del Diritto Pubblico che regola l’imposizione di tasse e tributi da parte dello Stato e degli enti pubblici nonché i consequenziali rapporti con i contribuenti, il Master risponde a una specifica richiesta del mercato che necessita sempre più di figure professionali formate ad hoc in questo specifico ambito, caratterizzato da una crescente produzione normativa a livello statale, regionale ed europeo.

 

Borse di Studio: 6 opportunità da prendere al volo

Per facilitare l’acceso al Master, l’Università LUMSA mette a disposizione degli studenti più meritevoli ben 6 borse di studio (del valore di € 4.000) a copertura parziale delle quote di iscrizione. Dopo aver sostenuto il colloquio attitudinale/motivazionale, gli studenti possono presentare domanda per accedere alle borse o via e-mail (perfezionamento@lumsa.it - masterschool.lumsa@pec.it) o a mano, consegnandole presso la Segreteria Master e Post Laurea (via Pompeo Magno 22 – Roma). Spetta poi a un’apposita Commissione il compito di assegnare le singole borse secondo precisi criteri di valutazione.

 

Dall’aula allo stage - Dalla contabilità delle imprese alle imposte sul reddito, dall'IVA alle altre imposte sui consumi, dalla fiscalità immobiliare ai tributi locali e molto altro ancora sugli aspetti economici e sulle procedure operative che caratterizzano l’ambito tributario e le professioni ad esso connesse: di durata annuale (il via è previsto a novembre 2017), il Master si struttura attraverso oltre 400 ore di didattica in aula (con lezioni dal lunedì al venerdì presso la Sede LUMSA di Piazza delle Vaschette 101, Roma) integrate da laboratori pratici e da ore di studio individuale.

Ma ciò che rende il Master una vera ‘palestra’ che guida concretamente verso il mercato sono i 3 mesi di stage garantiti a tutti i partecipanti a fine corso da svolgersi in varie città presso primari studi professionali, uffici fiscali di aziende e società di consulenza.

 

Il Master in pillole

·           Sede: Università LUMSA – sede di Piazza delle Vaschette 101 (Roma)

·           Iscrizioni: entro il 30 novembre 2017

·           Durata: annuale

·           Inizio corsi: 11 dicembre 2017

·           Numero partecipanti: massimo 30

·           Orario lezioni: dal lunedì al giovedì dalle ore 17.00 alle ore 20.00 – venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.00

·           Didattica: 400 ore di didattica frontale in aula, integrate da laboratori pratici e ore di studio individuale

·           Stage: 3 mesi, presso primari studi professionali, uffici fiscali di aziende e società di consulenza

·           Costo: € 10.000

·           6 borse di studio (del valore di € 4.000) a copertura parziale dei costi di iscrizione

·           La regolare frequenza al Master e il superamento della prova finale garantiscono l’attribuzione di 60 crediti formativi e il rilascio di un attestato di partecipazione

 

 

]]>
È tempo d’iscrizioni per il Master di II livello in ‘Diritto Tributario’ promosso da Università Lumsa e EY Mon, 06 Nov 2017 11:11:23 +0100 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/458455.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/458455.html Cantiere Cantiere Ultimi giorni per iscriversi al Master universitario di II livello in Diritto Tributario promosso da LUMSA – Libera Università Maria Ss. Assunta in collaborazione con EY (Ernst&Young), leader mondiale nei servizi di revisione e organizzazione contabile: il termine ultimo è fissato per il 30 novembre. Prima però è necessario prenotare il colloquio di selezione (mastertributario@lumsa.it) utile a individuare il livello di preparazione e motivazionale degli allievi.

Pensato per fornire un’approfondita conoscenza in materia di Diritto Tributario, ovvero quella branca del Diritto Pubblico che regola l’imposizione di tasse e tributi da parte dello Stato e degli enti pubblici nonché i consequenziali rapporti con i contribuenti, il Master risponde a una specifica richiesta del mercato che necessita sempre più di figure professionali formate ad hoc in questo specifico ambito, caratterizzato da una crescente produzione normativa a livello statale, regionale ed europeo.

 

Borse di Studio: 6 opportunità da prendere al volo

Per facilitare l’acceso al Master, l’Università LUMSA mette a disposizione degli studenti più meritevoli ben 6 borse di studio (del valore di € 4.000) a copertura parziale delle quote di iscrizione. Dopo aver sostenuto il colloquio attitudinale/motivazionale, gli studenti possono presentare domanda per accedere alle borse o via e-mail (perfezionamento@lumsa.it - masterschool.lumsa@pec.it) o a mano, consegnandole presso la Segreteria Master e Post Laurea (via Pompeo Magno 22 – Roma). Spetta poi a un’apposita Commissione il compito di assegnare le singole borse secondo precisi criteri di valutazione.

 

Dall’aula allo stage - Dalla contabilità delle imprese alle imposte sul reddito, dall'IVA alle altre imposte sui consumi, dalla fiscalità immobiliare ai tributi locali e molto altro ancora sugli aspetti economici e sulle procedure operative che caratterizzano l’ambito tributario e le professioni ad esso connesse: di durata annuale (il via è previsto a novembre 2017), il Master si struttura attraverso oltre 400 ore di didattica in aula (con lezioni dal lunedì al venerdì presso la Sede LUMSA di Piazza delle Vaschette 101, Roma) integrate da laboratori pratici e da ore di studio individuale.

Ma ciò che rende il Master una vera ‘palestra’ che guida concretamente verso il mercato sono i 3 mesi di stage garantiti a tutti i partecipanti a fine corso da svolgersi in varie città presso primari studi professionali, uffici fiscali di aziende e società di consulenza.

 

Il Master in pillole

·           Sede: Università LUMSA – sede di Piazza delle Vaschette 101 (Roma)

·           Iscrizioni: entro il 30 novembre 2017

·           Durata: annuale

·           Inizio corsi: 11 dicembre 2017

·           Numero partecipanti: massimo 30

·           Orario lezioni: dal lunedì al giovedì dalle ore 17.00 alle ore 20.00 – venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.00

·           Didattica: 400 ore di didattica frontale in aula, integrate da laboratori pratici e ore di studio individuale

·           Stage: 3 mesi, presso primari studi professionali, uffici fiscali di aziende e società di consulenza

·           Costo: € 10.000

·           6 borse di studio (del valore di € 4.000) a copertura parziale dei costi di iscrizione

·           La regolare frequenza al Master e il superamento della prova finale garantiscono l’attribuzione di 60 crediti formativi e il rilascio di un attestato di partecipazione

 

 

]]>
Comunicato Stampa: Attività comunicative Ottobre 2017 – Dipartimento di Ingegneria Università degli Studi di Perugia – rif. Prof. Paolo Valigi Thu, 26 Oct 2017 16:01:27 +0200 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/457287.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/457287.html Andrea B. Andrea B.

Premio di Laurea Riccardo Domenici a Ingegneria Informatica ed Elettronica Università di Perugia

Si terrà la 6° Edizione del Premio di Laurea al merito “Riccardo Domenici”
venerdì 27 ottobre 2017, nell’Aula Magna del Dipartimento di Ingegneria, in occasione della seduta di laurea avverrà la cerimonia di consegna del premio di laurea intitolato alla memoria di Riccardo Domenici, al miglior laureato in Ingegneria Informatica ed Elettronica dell’Università degli Studi di Perugia nell’A.A. 2015/2016. 

 

Inoltre, si è tenuto l’evento MATLAB dedicato alle Università, durante il quale sono state presentate le principali caratteristiche della licenza Campus e dei relativi strumenti di ausilio disponibili per la didattica.
Due i temi principali dell’incontro:
- Informazioni sulla licenza Campus e sui corsi di formazione online
- MATLAB per il calcolo scientifico ed analitico

Informazioni
L'associazione “Amici di Riccardo Domenici” si costituisce a Perugia il giorno 10 ottobre 2008.
Le finalità perseguite dall’associazione così come definite dallo statuto, sono riconducibili a tre ambiti di intervento che si rifanno ad alcuni degli interessi principali di Riccardo Domenici, livornese di nascita ma perugino di adozione, scomparso prematuramente nel 1996 mentre si allenava presso la piscina di Lacugnano:
- il mare (e più genericamente l’acqua, la natura, la scienza amica)
- la musica
- la solidarietà

L’associazione “Amici di Riccardo Domenici” è da intendersi elemento di continuità ed evoluzione del progetto “Mare e Giovani: Riccardo Domenici”, promosso dalla Fondazione Cesar di Bologna (oggi Unipolis), che sin dal 1996 anno in cui nasce, ha operato realizzando molte iniziative degne di merito sulle tematiche sopra citate e più sotto indicate, tese  a mantenere vivi i principi morali ed etici del giovane sportivo Riccardo.

Sul tema del mare, l’acqua, la natura e la scienza:
- con il finanziamento di studi scientifici sui delfini, condotti dal gruppo di ricerca Delphis m.d.c di Ischia (oggi Oceanomare-Delphis Onlus) operanti soprattutto nel tratto di mare limitrofo ad Ischia, che, per gli straordinari risultati scientifici raggiunti, ha permesso di ottenere dal Ministero per l’Ambiente il riconoscimento giuridico di ‘parco marino’ per l’area del Canyon di Cuma;
- con la istituzione nel 1998 di una borsa di studio presso la Facoltà di Medicina dell’Università di Perugia Dipartimento di Medicina Interna e Scienze Endocrine e Metaboliche (chiarissimo prof. Brunetti) per lo studio delle apnee;
- con la istituzione di due borse di studio per studi scientifici sui delfini assegnate a Europe Conservation.
- Con adozione di delfini a distanza attraverso Europe Conservation.

Sul tema della musica con l’annuale concerto in ricordo di Riccardo, nel quale giovani musicisti del conservatorio perugino si sono cimentati nella riscrittura ed esecuzione di brani di musica moderna in chiave classica.

Sul tema della solidarietà e disabilità:
-con iniziative grazie alle quali alcuni giovani già istruttori subacquei dell’Associazione Subacquea Orsa Minore di Perugia hanno conseguito il brevetto HSA(Handicap Scuba Association) come istruttori  subacquei per disabili e sono stati avviati corsi per portatori di handicap fisici che hanno potuto dedicarsi all’attività subacquea.
- con corsi di acquaticità per l’avviamento alla subacquea per giovani portatori di disabilità fisico motoria presso la Piscina Gryphus Sporting Club di Perugia.
- con un contributo economico ad AMREF Italia Onlus per la costruzione di un pozzo trivellato in Nord Uganda.
- con un contributo economico alla Caritas Italia per sostegno alle popolazione del Myanmar colpito dal ciclone.

I temi di fondo della associazione ”Amici di Riccardo Domenici” che hanno anche trovato riscontro - nell’ambito del progetto “Mare e Giovani: Riccardo Domenici” - con la assegnazione annuale di una speciale “chiave del sorriso Riccardo Domenici” (premio nato da una idea di Don Ciotti) assegnata a personaggi che si sono distinti sul piano della solidarietà, dell’aiuto alla disabilità, o della ecologia, continueranno ad essere attraverso la loro attuazione, la testimonianza e la voce di quel pensiero e di quei valori etici di cui Riccardo è stato interprete indimenticabile.

 

]]>
ESCP Europe nella Top 10 mondiale degli Executive MBA Thu, 19 Oct 2017 16:00:51 +0200 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/456490.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/456490.html ESCP EUROPE ESCP EUROPE Un mese dopo essersi classificata sesta al mondo nel ranking annuale del Financial Times dei Master in Management, la Business School internazionale ESCP Europe fa un salto in avanti anche nella classifica dei migliori Executive MBA1, entrando per la prima volta nella Top 10 dei Master in Business Administration part-time compatibili con l’attività lavorativa dei partecipanti.

 

Il prestigioso quotidiano economico inglese considera l’offerta didattica delle migliori 100 Business School del mondo e fotografa la situazione dei diplomati a tre anni dal termine del loro percorso di studi. Il Master di ESCP Europe si conferma il programma per manager n.1 in Italia, al primo posto al mondo per obiettivi raggiuntisecondo per progressione di carriera - il criterio che considera la crescita professionale ottenuta grazie all’MBA comparando la posizione ricoperta in azienda prima dell’iscrizione con quella acquisita una volta conseguito il titolo - e terzo a livello globale per International Course Experience, la componente di internazionalità del programma. A rafforzare l’avanzamento nel ranking, anche l’incremento del 62% dello stipendio medio annuale - calcolato prima e dopo la frequentazione del Master - dei partecipanti, che arrivano a guadagnare in media 234.000 dollari annui (pari a 197.400 euro).

 

All’avanguardia nell’approccio didattico per permettere ai propri partecipanti di comprendere le differenti dinamiche del business moderno, l’EMBA di ESCP Europe offre uno stile di formazione interculturale e prepara i dirigenti a contesti altamente sfidanti e competitivi. Il programma è erogato attraverso due formule - Standard ed Extended - che vanno dai 18 ai 30 mesi di frequenza di moduli e seminari nei campus europei della Business School (a Berlino, Londra, Madrid, Parigi e Torino) e in altri sei Paesi (Belgio, Brasile, Cina, India, Libano, Stati Uniti).

 

Manager e top executive ad alto potenziale sono liberi di organizzare il percorso di studi in modo che possa facilitare il raggiungimento dei loro obiettivi professionali e portarli verso una svolta di carriera. La classe dell’Anno Accademico 2017-2018 accoglie 101 dirigenti provenienti da 32 diverse nazioni, con una età media di 37 anni e un’esperienza lavorativa di circa 13 anni. Ogni manager è chiamato a seguire lezioni dinamiche in cui è necessaria una partecipazione attiva e ogni tematica affrontata è di forte utilità e interesse perché contestualizzata in aziende reali.

 

«La struttura multi-campus di ESCP Europe offre ai nostri partecipanti l’opportunità di trarre il massimo vantaggio dall’immersione in un contesto interamente internazionale con una forte attenzione verso l’Europa», afferma il Prof. Frank Bournois, Dean di ESCP Europe.

 

«Viviamo in una società globale, i cui leader devono essere dotati di una prospettiva nuova e più ampia rispetto al passato - continua il Prof. Francesco Rattalino Direttore di ESCP Europe Torino Campus -. L’EMBA permette a chi lo frequenta di esprimere al massimo il suo potenziale, grazie a dei percorsi flessibili che si adattano alle esigenze del singolo partecipante, quasi in modo sartoriale. Infatti, oltre ai corsi di general management, gli iscritti possono scegliere tra un ampio ventaglio di seminari e oltre 50 moduli elective. È un programma globale a tutti i livelli e consente di entrare in contatto con un network di aziende e top manager di tutto il mondo. Inoltre è importante ricordare che i partecipanti e i docenti dell'EMBA provengono da tutto il mondo ed hanno background culturali differenti: per noi questa diversità è una grande ricchezza».

 

La natura internazionale della Business School e la possibilità di scegliere una modalità di accesso diluito nel tempo attraverso il percorso GMP - General Managament Programme, la cui frequenza consente la successiva integrazione nell’arco di 3 successivi anni, rendono l’EMBA di ESCP Europe un prodotto unico sul mercato italiano, che le aziende - da BNL BNP Paribas Group a Saipem, da Comau a Groupon e Eaton, solo per citarne alcune - chiedono in maniera crescente. «In un momento di divisioni crescenti e di paura nei confronti della diversità, di tensioni internazionali e segnali di disintegrazione europea, questo EMBA non solo offre la possibilità di viaggiare e studiare nei campus europei della Business School e in altre istituzioni partner internazionali, ma prima di tutto rappresenta un viaggio attraverso l'importanza e l'unicità del sogno europeo - dichiara Sandro Vitale, partecipante EMBA e Director CE Alliances & CHEX&MHEX Portfolio Strategy & Management -. Trovandosi in contatto con partecipanti provenienti da più di 30 paesi diversi, ci si rende conto che i valori comuni sono molto più forti delle differenze, che il modello dell'integrazione transculturale adottato dall’ESCP Europe dovrebbe essere da esempio per fare un passo avanti nel consolidamento europeo, senza il quale i singoli paesi dell'Unione Europea sono condannati in futuro ad avere un ruolo marginale rispetto a giganti globali come USA e Cina».

 

]]>
ESCP Europe nella Top 10 mondiale degli Executive MBA Thu, 19 Oct 2017 16:00:29 +0200 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/456489.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/456489.html ESCP EUROPE ESCP EUROPE Un mese dopo essersi classificata sesta al mondo nel ranking annuale del Financial Times dei Master in Management, la Business School internazionale ESCP Europe fa un salto in avanti anche nella classifica dei migliori Executive MBA1, entrando per la prima volta nella Top 10 dei Master in Business Administration part-time compatibili con l’attività lavorativa dei partecipanti.

 

Il prestigioso quotidiano economico inglese considera l’offerta didattica delle migliori 100 Business School del mondo e fotografa la situazione dei diplomati a tre anni dal termine del loro percorso di studi. Il Master di ESCP Europe si conferma il programma per manager n.1 in Italia, al primo posto al mondo per obiettivi raggiuntisecondo per progressione di carriera - il criterio che considera la crescita professionale ottenuta grazie all’MBA comparando la posizione ricoperta in azienda prima dell’iscrizione con quella acquisita una volta conseguito il titolo - e terzo a livello globale per International Course Experience, la componente di internazionalità del programma. A rafforzare l’avanzamento nel ranking, anche l’incremento del 62% dello stipendio medio annuale - calcolato prima e dopo la frequentazione del Master - dei partecipanti, che arrivano a guadagnare in media 234.000 dollari annui (pari a 197.400 euro).

 

All’avanguardia nell’approccio didattico per permettere ai propri partecipanti di comprendere le differenti dinamiche del business moderno, l’EMBA di ESCP Europe offre uno stile di formazione interculturale e prepara i dirigenti a contesti altamente sfidanti e competitivi. Il programma è erogato attraverso due formule - Standard ed Extended - che vanno dai 18 ai 30 mesi di frequenza di moduli e seminari nei campus europei della Business School (a Berlino, Londra, Madrid, Parigi e Torino) e in altri sei Paesi (Belgio, Brasile, Cina, India, Libano, Stati Uniti).

 

Manager e top executive ad alto potenziale sono liberi di organizzare il percorso di studi in modo che possa facilitare il raggiungimento dei loro obiettivi professionali e portarli verso una svolta di carriera. La classe dell’Anno Accademico 2017-2018 accoglie 101 dirigenti provenienti da 32 diverse nazioni, con una età media di 37 anni e un’esperienza lavorativa di circa 13 anni. Ogni manager è chiamato a seguire lezioni dinamiche in cui è necessaria una partecipazione attiva e ogni tematica affrontata è di forte utilità e interesse perché contestualizzata in aziende reali.

 

«La struttura multi-campus di ESCP Europe offre ai nostri partecipanti l’opportunità di trarre il massimo vantaggio dall’immersione in un contesto interamente internazionale con una forte attenzione verso l’Europa», afferma il Prof. Frank Bournois, Dean di ESCP Europe.

 

«Viviamo in una società globale, i cui leader devono essere dotati di una prospettiva nuova e più ampia rispetto al passato - continua il Prof. Francesco Rattalino Direttore di ESCP Europe Torino Campus -. L’EMBA permette a chi lo frequenta di esprimere al massimo il suo potenziale, grazie a dei percorsi flessibili che si adattano alle esigenze del singolo partecipante, quasi in modo sartoriale. Infatti, oltre ai corsi di general management, gli iscritti possono scegliere tra un ampio ventaglio di seminari e oltre 50 moduli elective. È un programma globale a tutti i livelli e consente di entrare in contatto con un network di aziende e top manager di tutto il mondo. Inoltre è importante ricordare che i partecipanti e i docenti dell'EMBA provengono da tutto il mondo ed hanno background culturali differenti: per noi questa diversità è una grande ricchezza».

 

La natura internazionale della Business School e la possibilità di scegliere una modalità di accesso diluito nel tempo attraverso il percorso GMP - General Managament Programme, la cui frequenza consente la successiva integrazione nell’arco di 3 successivi anni, rendono l’EMBA di ESCP Europe un prodotto unico sul mercato italiano, che le aziende - da BNL BNP Paribas Group a Saipem, da Comau a Groupon e Eaton, solo per citarne alcune - chiedono in maniera crescente. «In un momento di divisioni crescenti e di paura nei confronti della diversità, di tensioni internazionali e segnali di disintegrazione europea, questo EMBA non solo offre la possibilità di viaggiare e studiare nei campus europei della Business School e in altre istituzioni partner internazionali, ma prima di tutto rappresenta un viaggio attraverso l'importanza e l'unicità del sogno europeo - dichiara Sandro Vitale, partecipante EMBA e Director CE Alliances & CHEX&MHEX Portfolio Strategy & Management -. Trovandosi in contatto con partecipanti provenienti da più di 30 paesi diversi, ci si rende conto che i valori comuni sono molto più forti delle differenze, che il modello dell'integrazione transculturale adottato dall’ESCP Europe dovrebbe essere da esempio per fare un passo avanti nel consolidamento europeo, senza il quale i singoli paesi dell'Unione Europea sono condannati in futuro ad avere un ruolo marginale rispetto a giganti globali come USA e Cina».

 

]]>
ESCP Europe nella Top 10 mondiale degli Executive MBA Thu, 19 Oct 2017 16:00:06 +0200 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/456488.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/456488.html ESCP EUROPE ESCP EUROPE Un mese dopo essersi classificata sesta al mondo nel ranking annuale del Financial Times dei Master in Management, la Business School internazionale ESCP Europe fa un salto in avanti anche nella classifica dei migliori Executive MBA1, entrando per la prima volta nella Top 10 dei Master in Business Administration part-time compatibili con l’attività lavorativa dei partecipanti.

 

Il prestigioso quotidiano economico inglese considera l’offerta didattica delle migliori 100 Business School del mondo e fotografa la situazione dei diplomati a tre anni dal termine del loro percorso di studi. Il Master di ESCP Europe si conferma il programma per manager n.1 in Italia, al primo posto al mondo per obiettivi raggiuntisecondo per progressione di carriera - il criterio che considera la crescita professionale ottenuta grazie all’MBA comparando la posizione ricoperta in azienda prima dell’iscrizione con quella acquisita una volta conseguito il titolo - e terzo a livello globale per International Course Experience, la componente di internazionalità del programma. A rafforzare l’avanzamento nel ranking, anche l’incremento del 62% dello stipendio medio annuale - calcolato prima e dopo la frequentazione del Master - dei partecipanti, che arrivano a guadagnare in media 234.000 dollari annui (pari a 197.400 euro).

 

All’avanguardia nell’approccio didattico per permettere ai propri partecipanti di comprendere le differenti dinamiche del business moderno, l’EMBA di ESCP Europe offre uno stile di formazione interculturale e prepara i dirigenti a contesti altamente sfidanti e competitivi. Il programma è erogato attraverso due formule - Standard ed Extended - che vanno dai 18 ai 30 mesi di frequenza di moduli e seminari nei campus europei della Business School (a Berlino, Londra, Madrid, Parigi e Torino) e in altri sei Paesi (Belgio, Brasile, Cina, India, Libano, Stati Uniti).

 

Manager e top executive ad alto potenziale sono liberi di organizzare il percorso di studi in modo che possa facilitare il raggiungimento dei loro obiettivi professionali e portarli verso una svolta di carriera. La classe dell’Anno Accademico 2017-2018 accoglie 101 dirigenti provenienti da 32 diverse nazioni, con una età media di 37 anni e un’esperienza lavorativa di circa 13 anni. Ogni manager è chiamato a seguire lezioni dinamiche in cui è necessaria una partecipazione attiva e ogni tematica affrontata è di forte utilità e interesse perché contestualizzata in aziende reali.

 

«La struttura multi-campus di ESCP Europe offre ai nostri partecipanti l’opportunità di trarre il massimo vantaggio dall’immersione in un contesto interamente internazionale con una forte attenzione verso l’Europa», afferma il Prof. Frank Bournois, Dean di ESCP Europe.

 

«Viviamo in una società globale, i cui leader devono essere dotati di una prospettiva nuova e più ampia rispetto al passato - continua il Prof. Francesco Rattalino Direttore di ESCP Europe Torino Campus -. L’EMBA permette a chi lo frequenta di esprimere al massimo il suo potenziale, grazie a dei percorsi flessibili che si adattano alle esigenze del singolo partecipante, quasi in modo sartoriale. Infatti, oltre ai corsi di general management, gli iscritti possono scegliere tra un ampio ventaglio di seminari e oltre 50 moduli elective. È un programma globale a tutti i livelli e consente di entrare in contatto con un network di aziende e top manager di tutto il mondo. Inoltre è importante ricordare che i partecipanti e i docenti dell'EMBA provengono da tutto il mondo ed hanno background culturali differenti: per noi questa diversità è una grande ricchezza».

 

La natura internazionale della Business School e la possibilità di scegliere una modalità di accesso diluito nel tempo attraverso il percorso GMP - General Managament Programme, la cui frequenza consente la successiva integrazione nell’arco di 3 successivi anni, rendono l’EMBA di ESCP Europe un prodotto unico sul mercato italiano, che le aziende - da BNL BNP Paribas Group a Saipem, da Comau a Groupon e Eaton, solo per citarne alcune - chiedono in maniera crescente. «In un momento di divisioni crescenti e di paura nei confronti della diversità, di tensioni internazionali e segnali di disintegrazione europea, questo EMBA non solo offre la possibilità di viaggiare e studiare nei campus europei della Business School e in altre istituzioni partner internazionali, ma prima di tutto rappresenta un viaggio attraverso l'importanza e l'unicità del sogno europeo - dichiara Sandro Vitale, partecipante EMBA e Director CE Alliances & CHEX&MHEX Portfolio Strategy & Management -. Trovandosi in contatto con partecipanti provenienti da più di 30 paesi diversi, ci si rende conto che i valori comuni sono molto più forti delle differenze, che il modello dell'integrazione transculturale adottato dall’ESCP Europe dovrebbe essere da esempio per fare un passo avanti nel consolidamento europeo, senza il quale i singoli paesi dell'Unione Europea sono condannati in futuro ad avere un ruolo marginale rispetto a giganti globali come USA e Cina».

 

]]>
ESCP Europe nella Top 10 mondiale degli Executive MBA Thu, 19 Oct 2017 15:59:44 +0200 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/456486.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/456486.html ESCP EUROPE ESCP EUROPE Un mese dopo essersi classificata sesta al mondo nel ranking annuale del Financial Times dei Master in Management, la Business School internazionale ESCP Europe fa un salto in avanti anche nella classifica dei migliori Executive MBA1, entrando per la prima volta nella Top 10 dei Master in Business Administration part-time compatibili con l’attività lavorativa dei partecipanti.

 

Il prestigioso quotidiano economico inglese considera l’offerta didattica delle migliori 100 Business School del mondo e fotografa la situazione dei diplomati a tre anni dal termine del loro percorso di studi. Il Master di ESCP Europe si conferma il programma per manager n.1 in Italia, al primo posto al mondo per obiettivi raggiuntisecondo per progressione di carriera - il criterio che considera la crescita professionale ottenuta grazie all’MBA comparando la posizione ricoperta in azienda prima dell’iscrizione con quella acquisita una volta conseguito il titolo - e terzo a livello globale per International Course Experience, la componente di internazionalità del programma. A rafforzare l’avanzamento nel ranking, anche l’incremento del 62% dello stipendio medio annuale - calcolato prima e dopo la frequentazione del Master - dei partecipanti, che arrivano a guadagnare in media 234.000 dollari annui (pari a 197.400 euro).

 

All’avanguardia nell’approccio didattico per permettere ai propri partecipanti di comprendere le differenti dinamiche del business moderno, l’EMBA di ESCP Europe offre uno stile di formazione interculturale e prepara i dirigenti a contesti altamente sfidanti e competitivi. Il programma è erogato attraverso due formule - Standard ed Extended - che vanno dai 18 ai 30 mesi di frequenza di moduli e seminari nei campus europei della Business School (a Berlino, Londra, Madrid, Parigi e Torino) e in altri sei Paesi (Belgio, Brasile, Cina, India, Libano, Stati Uniti).

 

Manager e top executive ad alto potenziale sono liberi di organizzare il percorso di studi in modo che possa facilitare il raggiungimento dei loro obiettivi professionali e portarli verso una svolta di carriera. La classe dell’Anno Accademico 2017-2018 accoglie 101 dirigenti provenienti da 32 diverse nazioni, con una età media di 37 anni e un’esperienza lavorativa di circa 13 anni. Ogni manager è chiamato a seguire lezioni dinamiche in cui è necessaria una partecipazione attiva e ogni tematica affrontata è di forte utilità e interesse perché contestualizzata in aziende reali.

 

«La struttura multi-campus di ESCP Europe offre ai nostri partecipanti l’opportunità di trarre il massimo vantaggio dall’immersione in un contesto interamente internazionale con una forte attenzione verso l’Europa», afferma il Prof. Frank Bournois, Dean di ESCP Europe.

 

«Viviamo in una società globale, i cui leader devono essere dotati di una prospettiva nuova e più ampia rispetto al passato - continua il Prof. Francesco Rattalino Direttore di ESCP Europe Torino Campus -. L’EMBA permette a chi lo frequenta di esprimere al massimo il suo potenziale, grazie a dei percorsi flessibili che si adattano alle esigenze del singolo partecipante, quasi in modo sartoriale. Infatti, oltre ai corsi di general management, gli iscritti possono scegliere tra un ampio ventaglio di seminari e oltre 50 moduli elective. È un programma globale a tutti i livelli e consente di entrare in contatto con un network di aziende e top manager di tutto il mondo. Inoltre è importante ricordare che i partecipanti e i docenti dell'EMBA provengono da tutto il mondo ed hanno background culturali differenti: per noi questa diversità è una grande ricchezza».

 

La natura internazionale della Business School e la possibilità di scegliere una modalità di accesso diluito nel tempo attraverso il percorso GMP - General Managament Programme, la cui frequenza consente la successiva integrazione nell’arco di 3 successivi anni, rendono l’EMBA di ESCP Europe un prodotto unico sul mercato italiano, che le aziende - da BNL BNP Paribas Group a Saipem, da Comau a Groupon e Eaton, solo per citarne alcune - chiedono in maniera crescente. «In un momento di divisioni crescenti e di paura nei confronti della diversità, di tensioni internazionali e segnali di disintegrazione europea, questo EMBA non solo offre la possibilità di viaggiare e studiare nei campus europei della Business School e in altre istituzioni partner internazionali, ma prima di tutto rappresenta un viaggio attraverso l'importanza e l'unicità del sogno europeo - dichiara Sandro Vitale, partecipante EMBA e Director CE Alliances & CHEX&MHEX Portfolio Strategy & Management -. Trovandosi in contatto con partecipanti provenienti da più di 30 paesi diversi, ci si rende conto che i valori comuni sono molto più forti delle differenze, che il modello dell'integrazione transculturale adottato dall’ESCP Europe dovrebbe essere da esempio per fare un passo avanti nel consolidamento europeo, senza il quale i singoli paesi dell'Unione Europea sono condannati in futuro ad avere un ruolo marginale rispetto a giganti globali come USA e Cina».

 

]]>
ESCP Europe nella Top 10 mondiale degli Executive MBA Thu, 19 Oct 2017 15:59:22 +0200 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/456485.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/456485.html ESCP EUROPE ESCP EUROPE Un mese dopo essersi classificata sesta al mondo nel ranking annuale del Financial Times dei Master in Management, la Business School internazionale ESCP Europe fa un salto in avanti anche nella classifica dei migliori Executive MBA1, entrando per la prima volta nella Top 10 dei Master in Business Administration part-time compatibili con l’attività lavorativa dei partecipanti.

 

Il prestigioso quotidiano economico inglese considera l’offerta didattica delle migliori 100 Business School del mondo e fotografa la situazione dei diplomati a tre anni dal termine del loro percorso di studi. Il Master di ESCP Europe si conferma il programma per manager n.1 in Italia, al primo posto al mondo per obiettivi raggiuntisecondo per progressione di carriera - il criterio che considera la crescita professionale ottenuta grazie all’MBA comparando la posizione ricoperta in azienda prima dell’iscrizione con quella acquisita una volta conseguito il titolo - e terzo a livello globale per International Course Experience, la componente di internazionalità del programma. A rafforzare l’avanzamento nel ranking, anche l’incremento del 62% dello stipendio medio annuale - calcolato prima e dopo la frequentazione del Master - dei partecipanti, che arrivano a guadagnare in media 234.000 dollari annui (pari a 197.400 euro).

 

All’avanguardia nell’approccio didattico per permettere ai propri partecipanti di comprendere le differenti dinamiche del business moderno, l’EMBA di ESCP Europe offre uno stile di formazione interculturale e prepara i dirigenti a contesti altamente sfidanti e competitivi. Il programma è erogato attraverso due formule - Standard ed Extended - che vanno dai 18 ai 30 mesi di frequenza di moduli e seminari nei campus europei della Business School (a Berlino, Londra, Madrid, Parigi e Torino) e in altri sei Paesi (Belgio, Brasile, Cina, India, Libano, Stati Uniti).

 

Manager e top executive ad alto potenziale sono liberi di organizzare il percorso di studi in modo che possa facilitare il raggiungimento dei loro obiettivi professionali e portarli verso una svolta di carriera. La classe dell’Anno Accademico 2017-2018 accoglie 101 dirigenti provenienti da 32 diverse nazioni, con una età media di 37 anni e un’esperienza lavorativa di circa 13 anni. Ogni manager è chiamato a seguire lezioni dinamiche in cui è necessaria una partecipazione attiva e ogni tematica affrontata è di forte utilità e interesse perché contestualizzata in aziende reali.

 

«La struttura multi-campus di ESCP Europe offre ai nostri partecipanti l’opportunità di trarre il massimo vantaggio dall’immersione in un contesto interamente internazionale con una forte attenzione verso l’Europa», afferma il Prof. Frank Bournois, Dean di ESCP Europe.

 

«Viviamo in una società globale, i cui leader devono essere dotati di una prospettiva nuova e più ampia rispetto al passato - continua il Prof. Francesco Rattalino Direttore di ESCP Europe Torino Campus -. L’EMBA permette a chi lo frequenta di esprimere al massimo il suo potenziale, grazie a dei percorsi flessibili che si adattano alle esigenze del singolo partecipante, quasi in modo sartoriale. Infatti, oltre ai corsi di general management, gli iscritti possono scegliere tra un ampio ventaglio di seminari e oltre 50 moduli elective. È un programma globale a tutti i livelli e consente di entrare in contatto con un network di aziende e top manager di tutto il mondo. Inoltre è importante ricordare che i partecipanti e i docenti dell'EMBA provengono da tutto il mondo ed hanno background culturali differenti: per noi questa diversità è una grande ricchezza».

 

La natura internazionale della Business School e la possibilità di scegliere una modalità di accesso diluito nel tempo attraverso il percorso GMP - General Managament Programme, la cui frequenza consente la successiva integrazione nell’arco di 3 successivi anni, rendono l’EMBA di ESCP Europe un prodotto unico sul mercato italiano, che le aziende - da BNL BNP Paribas Group a Saipem, da Comau a Groupon e Eaton, solo per citarne alcune - chiedono in maniera crescente. «In un momento di divisioni crescenti e di paura nei confronti della diversità, di tensioni internazionali e segnali di disintegrazione europea, questo EMBA non solo offre la possibilità di viaggiare e studiare nei campus europei della Business School e in altre istituzioni partner internazionali, ma prima di tutto rappresenta un viaggio attraverso l'importanza e l'unicità del sogno europeo - dichiara Sandro Vitale, partecipante EMBA e Director CE Alliances & CHEX&MHEX Portfolio Strategy & Management -. Trovandosi in contatto con partecipanti provenienti da più di 30 paesi diversi, ci si rende conto che i valori comuni sono molto più forti delle differenze, che il modello dell'integrazione transculturale adottato dall’ESCP Europe dovrebbe essere da esempio per fare un passo avanti nel consolidamento europeo, senza il quale i singoli paesi dell'Unione Europea sono condannati in futuro ad avere un ruolo marginale rispetto a giganti globali come USA e Cina».

 

]]>
ESCP Europe nella Top 10 mondiale degli Executive MBA Thu, 19 Oct 2017 15:58:59 +0200 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/456484.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/456484.html ESCP EUROPE ESCP EUROPE Un mese dopo essersi classificata sesta al mondo nel ranking annuale del Financial Times dei Master in Management, la Business School internazionale ESCP Europe fa un salto in avanti anche nella classifica dei migliori Executive MBA1, entrando per la prima volta nella Top 10 dei Master in Business Administration part-time compatibili con l’attività lavorativa dei partecipanti.

 

Il prestigioso quotidiano economico inglese considera l’offerta didattica delle migliori 100 Business School del mondo e fotografa la situazione dei diplomati a tre anni dal termine del loro percorso di studi. Il Master di ESCP Europe si conferma il programma per manager n.1 in Italia, al primo posto al mondo per obiettivi raggiuntisecondo per progressione di carriera - il criterio che considera la crescita professionale ottenuta grazie all’MBA comparando la posizione ricoperta in azienda prima dell’iscrizione con quella acquisita una volta conseguito il titolo - e terzo a livello globale per International Course Experience, la componente di internazionalità del programma. A rafforzare l’avanzamento nel ranking, anche l’incremento del 62% dello stipendio medio annuale - calcolato prima e dopo la frequentazione del Master - dei partecipanti, che arrivano a guadagnare in media 234.000 dollari annui (pari a 197.400 euro).

 

All’avanguardia nell’approccio didattico per permettere ai propri partecipanti di comprendere le differenti dinamiche del business moderno, l’EMBA di ESCP Europe offre uno stile di formazione interculturale e prepara i dirigenti a contesti altamente sfidanti e competitivi. Il programma è erogato attraverso due formule - Standard ed Extended - che vanno dai 18 ai 30 mesi di frequenza di moduli e seminari nei campus europei della Business School (a Berlino, Londra, Madrid, Parigi e Torino) e in altri sei Paesi (Belgio, Brasile, Cina, India, Libano, Stati Uniti).

 

Manager e top executive ad alto potenziale sono liberi di organizzare il percorso di studi in modo che possa facilitare il raggiungimento dei loro obiettivi professionali e portarli verso una svolta di carriera. La classe dell’Anno Accademico 2017-2018 accoglie 101 dirigenti provenienti da 32 diverse nazioni, con una età media di 37 anni e un’esperienza lavorativa di circa 13 anni. Ogni manager è chiamato a seguire lezioni dinamiche in cui è necessaria una partecipazione attiva e ogni tematica affrontata è di forte utilità e interesse perché contestualizzata in aziende reali.

 

«La struttura multi-campus di ESCP Europe offre ai nostri partecipanti l’opportunità di trarre il massimo vantaggio dall’immersione in un contesto interamente internazionale con una forte attenzione verso l’Europa», afferma il Prof. Frank Bournois, Dean di ESCP Europe.

 

«Viviamo in una società globale, i cui leader devono essere dotati di una prospettiva nuova e più ampia rispetto al passato - continua il Prof. Francesco Rattalino Direttore di ESCP Europe Torino Campus -. L’EMBA permette a chi lo frequenta di esprimere al massimo il suo potenziale, grazie a dei percorsi flessibili che si adattano alle esigenze del singolo partecipante, quasi in modo sartoriale. Infatti, oltre ai corsi di general management, gli iscritti possono scegliere tra un ampio ventaglio di seminari e oltre 50 moduli elective. È un programma globale a tutti i livelli e consente di entrare in contatto con un network di aziende e top manager di tutto il mondo. Inoltre è importante ricordare che i partecipanti e i docenti dell'EMBA provengono da tutto il mondo ed hanno background culturali differenti: per noi questa diversità è una grande ricchezza».

 

La natura internazionale della Business School e la possibilità di scegliere una modalità di accesso diluito nel tempo attraverso il percorso GMP - General Managament Programme, la cui frequenza consente la successiva integrazione nell’arco di 3 successivi anni, rendono l’EMBA di ESCP Europe un prodotto unico sul mercato italiano, che le aziende - da BNL BNP Paribas Group a Saipem, da Comau a Groupon e Eaton, solo per citarne alcune - chiedono in maniera crescente. «In un momento di divisioni crescenti e di paura nei confronti della diversità, di tensioni internazionali e segnali di disintegrazione europea, questo EMBA non solo offre la possibilità di viaggiare e studiare nei campus europei della Business School e in altre istituzioni partner internazionali, ma prima di tutto rappresenta un viaggio attraverso l'importanza e l'unicità del sogno europeo - dichiara Sandro Vitale, partecipante EMBA e Director CE Alliances & CHEX&MHEX Portfolio Strategy & Management -. Trovandosi in contatto con partecipanti provenienti da più di 30 paesi diversi, ci si rende conto che i valori comuni sono molto più forti delle differenze, che il modello dell'integrazione transculturale adottato dall’ESCP Europe dovrebbe essere da esempio per fare un passo avanti nel consolidamento europeo, senza il quale i singoli paesi dell'Unione Europea sono condannati in futuro ad avere un ruolo marginale rispetto a giganti globali come USA e Cina».

 

]]>
ESCP Europe nella Top 10 mondiale degli Executive MBA Thu, 19 Oct 2017 15:58:37 +0200 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/456483.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/456483.html ESCP EUROPE ESCP EUROPE Un mese dopo essersi classificata sesta al mondo nel ranking annuale del Financial Times dei Master in Management, la Business School internazionale ESCP Europe fa un salto in avanti anche nella classifica dei migliori Executive MBA1, entrando per la prima volta nella Top 10 dei Master in Business Administration part-time compatibili con l’attività lavorativa dei partecipanti.

 

Il prestigioso quotidiano economico inglese considera l’offerta didattica delle migliori 100 Business School del mondo e fotografa la situazione dei diplomati a tre anni dal termine del loro percorso di studi. Il Master di ESCP Europe si conferma il programma per manager n.1 in Italia, al primo posto al mondo per obiettivi raggiuntisecondo per progressione di carriera - il criterio che considera la crescita professionale ottenuta grazie all’MBA comparando la posizione ricoperta in azienda prima dell’iscrizione con quella acquisita una volta conseguito il titolo - e terzo a livello globale per International Course Experience, la componente di internazionalità del programma. A rafforzare l’avanzamento nel ranking, anche l’incremento del 62% dello stipendio medio annuale - calcolato prima e dopo la frequentazione del Master - dei partecipanti, che arrivano a guadagnare in media 234.000 dollari annui (pari a 197.400 euro).

 

All’avanguardia nell’approccio didattico per permettere ai propri partecipanti di comprendere le differenti dinamiche del business moderno, l’EMBA di ESCP Europe offre uno stile di formazione interculturale e prepara i dirigenti a contesti altamente sfidanti e competitivi. Il programma è erogato attraverso due formule - Standard ed Extended - che vanno dai 18 ai 30 mesi di frequenza di moduli e seminari nei campus europei della Business School (a Berlino, Londra, Madrid, Parigi e Torino) e in altri sei Paesi (Belgio, Brasile, Cina, India, Libano, Stati Uniti).

 

Manager e top executive ad alto potenziale sono liberi di organizzare il percorso di studi in modo che possa facilitare il raggiungimento dei loro obiettivi professionali e portarli verso una svolta di carriera. La classe dell’Anno Accademico 2017-2018 accoglie 101 dirigenti provenienti da 32 diverse nazioni, con una età media di 37 anni e un’esperienza lavorativa di circa 13 anni. Ogni manager è chiamato a seguire lezioni dinamiche in cui è necessaria una partecipazione attiva e ogni tematica affrontata è di forte utilità e interesse perché contestualizzata in aziende reali.

 

«La struttura multi-campus di ESCP Europe offre ai nostri partecipanti l’opportunità di trarre il massimo vantaggio dall’immersione in un contesto interamente internazionale con una forte attenzione verso l’Europa», afferma il Prof. Frank Bournois, Dean di ESCP Europe.

 

«Viviamo in una società globale, i cui leader devono essere dotati di una prospettiva nuova e più ampia rispetto al passato - continua il Prof. Francesco Rattalino Direttore di ESCP Europe Torino Campus -. L’EMBA permette a chi lo frequenta di esprimere al massimo il suo potenziale, grazie a dei percorsi flessibili che si adattano alle esigenze del singolo partecipante, quasi in modo sartoriale. Infatti, oltre ai corsi di general management, gli iscritti possono scegliere tra un ampio ventaglio di seminari e oltre 50 moduli elective. È un programma globale a tutti i livelli e consente di entrare in contatto con un network di aziende e top manager di tutto il mondo. Inoltre è importante ricordare che i partecipanti e i docenti dell'EMBA provengono da tutto il mondo ed hanno background culturali differenti: per noi questa diversità è una grande ricchezza».

 

La natura internazionale della Business School e la possibilità di scegliere una modalità di accesso diluito nel tempo attraverso il percorso GMP - General Managament Programme, la cui frequenza consente la successiva integrazione nell’arco di 3 successivi anni, rendono l’EMBA di ESCP Europe un prodotto unico sul mercato italiano, che le aziende - da BNL BNP Paribas Group a Saipem, da Comau a Groupon e Eaton, solo per citarne alcune - chiedono in maniera crescente. «In un momento di divisioni crescenti e di paura nei confronti della diversità, di tensioni internazionali e segnali di disintegrazione europea, questo EMBA non solo offre la possibilità di viaggiare e studiare nei campus europei della Business School e in altre istituzioni partner internazionali, ma prima di tutto rappresenta un viaggio attraverso l'importanza e l'unicità del sogno europeo - dichiara Sandro Vitale, partecipante EMBA e Director CE Alliances & CHEX&MHEX Portfolio Strategy & Management -. Trovandosi in contatto con partecipanti provenienti da più di 30 paesi diversi, ci si rende conto che i valori comuni sono molto più forti delle differenze, che il modello dell'integrazione transculturale adottato dall’ESCP Europe dovrebbe essere da esempio per fare un passo avanti nel consolidamento europeo, senza il quale i singoli paesi dell'Unione Europea sono condannati in futuro ad avere un ruolo marginale rispetto a giganti globali come USA e Cina».

 

]]>
comunicato Fri, 13 Oct 2017 12:00:24 +0200 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/456601.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/456601.html Redazione LUISS Business School Redazione LUISS Business School

Gentilissimi,

potete trovare in allegato testo e foto per un nuovo comunicato.

Una buona giornata,

 

Editorial Staff

 

Via Nomentana, 216 - 00162 Roma
redazioneluissbs@luiss.it
t +39 06 85222265

t +39 06 85222374

t +39 06 85225542

 

businessschool.luiss.it

 

http://static.luiss.it/images_10/loghi/LBS_BLU_RIDUZIONE_WEB.pnghttp://static.luiss.it/images_10/loghi/equis.jpg

 

http://www.luiss.it/images_10/icons/environment-icon.pngPlease consider the environment... do you really need to print this email?

 

]]>
Executive Program in Management dell'IT della LUISS Business School: la nuova edizione in partenza a febbraio 2018 Fri, 13 Oct 2017 11:36:59 +0200 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/455802.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/455802.html Redazione LUISS Business School Redazione LUISS Business School Prodotti e servizi allineati alle esigenze dei clienti, semplificazione dei processi e riduzione dei costi: la Funzione Sistemi Informativi (FSI) in un’azienda richiede competenze di management che possano integrare quelle tecniche.

L’Executive Program in Management dell'IT della LUISS Business School permette di acquisire tutti gli strumenti e le conoscenze, per definire strategie IT integrate col piano industriale, coerenti con gli obiettivi e in linea con le risorse a disposizione.

Un percorso finalizzato allo sviluppo di competenze manageriali necessarie alla gestione dell’intero ciclo di vita dei servizi IT, consolidando ed integrando sia le Competenze verticali di processo (Demand, Development, Change, Service Level Management, Capacity Management, Security Management, Deployment, Asset Management, Service Support, Operation), sia le Competenze trasversali Project Management, progettazione organizzativa, gestione del cambiamento, ICT Financial Management, gestione degli aspetti legali e contrattuali, Sourcing & Vendor Management, Audit).

Competenze che favoriscono la capacità di organizzare al meglio la funzione sistemi informativi (FSI) al fine di:

·         Definire strategie IT integrandole col piano industriale;

·         Acquisire tecniche di progettazione organizzativa e gestione del cambiamento in linea con le sollecitazioni del mercato;

·         Applicare tecniche di performance management a progetti, servizi e processi della funzione sistemi informativi per prendere decisioni basate su dati oggettivi;

·         Descrivere in modo chiaro i servizi erogati dall’IT e negoziare i relativi livelli di servizio assicurando l’allineamento tra le esigenze delle business unit e i servizi erogati;

·         Comprendere i costi dell’IT e allocarli sui servizi erogati agli utenti e sulle business unit;

·         Aumentare la flessibilità dell’IT, variabilizzarne i costi e assicurare l’innovazione attraverso operazioni di IT Outsourcing selettivo;

·         Integrare la gestione dei rischi informatici nei processi decisionali ed operativi dell’azienda;

·         Assicurare il rispetto delle norme di legge rilevanti per la gestione dei sistemi informativi e l’acquisto di beni e servizi di natura informatica.

 

La nuova edizione del programma, della durata di 18 mesi e organizzato in formula week-end, è in partenza a febbraio 2018.

DOWNLOAD BROCHURE

 


Contatti

T +39 06 8522 2240/2354 §
Email emit@luiss.it

]]>
Executive Program in Management dell'IT della LUISS Business School: la nuova edizione in partenza a febbraio 2018 Fri, 13 Oct 2017 11:35:59 +0200 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/455801.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/scuola_e_ricerca/455801.html Redazione LUISS Business School Redazione LUISS Business School Prodotti e servizi allineati alle esigenze dei clienti, semplificazione dei processi e riduzione dei costi: la Funzione Sistemi Informativi (FSI) in un’azienda richiede competenze di management che possano integrare quelle tecniche.

L’Executive Program in Management dell'IT della LUISS Business School permette di acquisire tutti gli strumenti e le conoscenze, per definire strategie IT integrate col piano industriale, coerenti con gli obiettivi e in linea con le risorse a disposizione.

Un percorso finalizzato allo sviluppo di competenze manageriali necessarie alla gestione dell’intero ciclo di vita dei servizi IT, consolidando ed integrando sia le Competenze verticali di processo (Demand, Development, Change, Service Level Management, Capacity Management, Security Management, Deployment, Asset Management, Service Support, Operation), sia le Competenze trasversali Project Management, progettazione organizzativa, gestione del cambiamento, ICT Financial Management, gestione degli aspetti legali e contrattuali, Sourcing & Vendor Management, Audit).

Competenze che favoriscono la capacità di organizzare al meglio la funzione sistemi informativi (FSI) al fine di:

·         Definire strategie IT integrandole col piano industriale;

·         Acquisire tecniche di progettazione organizzativa e gestione del cambiamento in linea con le sollecitazioni del mercato;

·         Applicare tecniche di performance management a progetti, servizi e processi della funzione sistemi informativi per prendere decisioni basate su dati oggettivi;

·         Descrivere in modo chiaro i servizi erogati dall’IT e negoziare i relativi livelli di servizio assicurando l’allineamento tra le esigenze delle business unit e i servizi erogati;

·         Comprendere i costi dell’IT e allocarli sui servizi erogati agli utenti e sulle business unit;

·         Aumentare la flessibilità dell’IT, variabilizzarne i costi e assicurare l’innovazione attraverso operazioni di IT Outsourcing selettivo;

·         Integrare la gestione dei rischi informatici nei processi decisionali ed operativi dell’azienda;

·         Assicurare il rispetto delle norme di legge rilevanti per la gestione dei sistemi informativi e l’acquisto di beni e servizi di natura informatica.

 

La nuova edizione del programma, della durata di 18 mesi e organizzato in formula week-end, è in partenza a febbraio 2018.

DOWNLOAD BROCHURE

 


Contatti

T +39 06 8522 2240/2354 §
Email emit@luiss.it

]]>