DESENZANO DEL GARDA: NASCE LA CARDIOLOGIA A KM ZERO

21/ott/2016 16.47.07 Francy Antonioli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 6 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Desenzano del Garda (Brescia), 21 ottobre 2016 – A Brescia 200mila cittadini colpiti da patologie cardiovascolari croniche e ogni anno circa 8.000 degenze per sindromi coronariche o scompenso acuto. Il prof. Ceconi, direttore Cardiologia del nosocomio gardesano: “Integriamo ospedale e territorio per trattare i pazienti entro pochi minuti dai primi sintomi”

Il Basso Garda presenta le caratteristiche ideali, per organizzazione territoriale e dimensioni, per curare subito i pazienti colpiti da malattie cardiovascolari integrando ospedale e territorio, con grande beneficio per i cittadini e risparmi per il servizio sanitario. Il fattore cruciale è rappresentato dalla rapidità di intervento e in quest’area è possibile un “sistema territorio” che veda l’alleanza efficace tra cittadini, medici di medicina generale e ospedale per garantire l’accesso immediato a cure che devono essere disponibili ai primi sintomi. In provincia di Brescia ci sono oltre 200.000 cittadini che, con vario grado di disabilità, sono colpiti da malattie croniche cardiovascolari, che hanno anche un forte impatto sulla spesa sanitaria. Alle nuove prospettive nella cura di questi pazienti è dedicato il convegno “La sfida del cardiologo alla cronicità, aggiungere qualità agli anni”, oggi e domani a Desenzano del Garda (Hotel Acquaviva). “Un ricovero per scompenso cardiaco costa al Servizio Sanitario Nazionale circa 3.200 euro, per fibrillazione atriale 1.800 euro, per angina pectoris con conseguente intervento di angioplastica circa 5.000 euro – afferma il prof. Claudio Ceconi, direttore della Cardiologia all’Ospedale di Desenzano -. Diminuire le riacutizzazioni ottimizzando le cure e i tempi del ricovero significa non solo risparmiare risorse, ma anche migliorare la qualità di vita del paziente che può continuare la propria attività lavorativa. Il nostro territorio rappresenta la palestra ideale per realizzare la cardiologia a km zero. Ospedali piccoli e locali possono diventare virtuosi ed essere esempi a livello nazionale. Le risorse liberate vanno poi reinvestite in altri momenti della continuità assistenziale. Ovviamente le necessità più complicate troveranno risposte nei centri a più ampio volume”. Le principali malattie cardiovascolari sono rappresentate da infarto (quasi 3.000 nuovi casi ogni anno in provincia di Brescia), fibrillazione atriale (oltre 15.000 persone vivono con la diagnosi in provincia di Brescia) e scompenso cardiaco (circa 4.500 ricoveri annui in provincia di Brescia), che costituisce anche la più importante voce della spesa sanitaria ospedaliera. Ogni anno infatti, a carico del Servizio Sanitario Nazionale, le uscite per i ricoveri per scompenso cardiaco sono pari a 545 milioni di euro. Il paziente con un sintomo cardiologico (ad esempio dolore o mancanza di respiro) dovrebbe avere il primo contatto con la struttura sanitaria entro pochissimo tempo dai sintomi iniziali. “E l’ospedale – continua il prof. Ceconi - dovrebbe farsi carico del paziente portandolo subito al trattamento, necessariamente entro 2 ore, idealmente in meno di 60 minuti. Queste scadenze possono essere rispettate in un territorio come quello di pertinenza dell’Azienda ospedaliera di Desenzano del Garda, a differenza delle grandi metropoli o, purtroppo, di territori più disagiati”. “Varie Regioni – continua il prof. Ceconi - hanno promulgato Piani Sanitari e Decreti di Riordino dell’assistenza sanitaria che interpretano i cambiamenti epidemiologici delle cardiopatie. Vent’anni fa il modello era basato su Aziende Ospedaliere organizzate per trattare ‘l’acuzie’, ovvero con grandi strutture che ‘aspettavano’ i pazienti. Oggi i sistemi si stanno adattando alla gestione della cronicità, della multimorbidità, delle problematiche della disabilità correlate all’età, della restrizione di risorse. Il modello che si sta delineando deve trovare un’integrazione multidisciplinare e strutturata con il territorio, dove medici di medicina generale, cardiologi e internisti collaborano in un sistema paritario”. Il Convegno è l’occasione per un’analisi a 360 gradi delle sfide immediate nei principali settori della medicina cardiovascolare (scompenso, cardiopatia ischemica, ipertensione arteriosa, etc…). “Nella prima parte dell’evento interverranno massimi esperti nazionali e mondiali a fare il punto, in modo multidisciplinare, sulle più avanzate conoscenze in cardiologia - conclude il prof. Ceconi -. Poi studieremo in modo concreto come applicare queste conoscenze nella nostra realtà locale e lo faremo in quattro gruppi di lavoro, study session, in cui si confronteranno in modo paritario cardiologi, internisti e medici di medicina generale su temi che spazieranno dalla gestione della terapia antiaggregante nel territorio a ‘cosa fare’ del paziente dimesso con diagnosi di scompenso cardiaco”.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl