Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Lazio Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Lazio Mon, 25 May 2020 19:37:10 +0200 Zend_Feed_Writer 1.12.20 (http://framework.zend.com) http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/1 Automotive Communication Technology Market key Insights Based on Product Type, End-use and Regional Demand Till 2026 Fri, 15 May 2020 07:33:26 +0200 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/637700.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/637700.html Ethan Smith Ethan Smith According to Stratistics MRC, the Global Automotive Communication Technology Market is accounted for $ 5.22 billion in 2017 and is expected to reach $ 24.39 billion by 2026 growing at a CAGR of 18.7% during the forecast period. Factors such as rising contribution of electronic systems in passenger cars, government mandates and industry norms to reduce emission and improve the safety of vehicles are fueling the market growth. However, more complexity and less reliability of electronics architecture are hampering the market.

Automotive Communication Technology is helped in vehicle for uninterrupted and better communication with other vehicles. The automotive industry has evolved rapidly over the past decade with the rising usage of Electronic Control Units (ECUs), which have positively influenced the way various automobile subsystems communicate.

Among bus module, Controller Area Network (CAN) segment has substantial growth during the forecast period. The increase in electronic components in the powertrain and body control & comfort applications is driving the market for CAN in the global automotive communication technology market.

Get Access to sample pages @ https://www.trendsmarketresearch.com/report/sample/11318 

By Geography, Asia Pacific is expected to grow at the significant market share during the forecast period. The market growth in the region can be attributed to factors such as factory fitted advanced electronics and government initiatives regarding the use of electronics to minimize the emissions from powertrain system and improve the safety applications in the vehicle.

Some of the key players in global automotive communication technology market are Texas Instruments, Intel, Microchip, Toshiba, Xilinx, on Semiconductor, Robert Bosch, Rohm Semiconductor, Infineon, Broadcom, Cypress Semiconductor, NXP, Continental, Renesas, Melexis, Stmicroelectronics, Elmos Semiconductor, Qualcomm, Vector Informatik and Maxim Integrated.

Vehicle Classes Covered:
• Luxury
• Mid-Size
• Economy

Bus Modules Covered:
• Flexray
• Media-Oriented Systems Transport (MOST)
• Local Interconnect Network (LIN)
• Ethernet
• Controller Area Network (CAN)

Distribution Channels Covered:
• Distributors
• Original Equipment Manufacturer (OEM)

Applications Covered:
• Body Control & Comfort
• Safety & Advanced Driver-Assistance Systems (ADAS)
• Powertrain
• Infotainment & Communication
• Other Applications

Regions Covered:
• North America
o US
o Canada
o Mexico
• Europe
o Germany
o UK
o Italy
o France
o Spain
o Rest of Europe
• Asia Pacific
o Japan
o China
o India
o Australia
o New Zealand
o South Korea
o Rest of Asia Pacific
• South America
o Argentina
o Brazil
o Chile
o Rest of South America
• Middle East & Africa
o Saudi Arabia
o UAE
o Qatar
o South Africa
o Rest of Middle East & Africa

What our report offers:
- Market share assessments for the regional and country level segments
- Strategic recommendations for the new entrants
- Market forecasts for a minimum of 9 years of all the mentioned segments, sub segments and the regional markets
- Market Trends (Drivers, Constraints, Opportunities, Threats, Challenges, Investment Opportunities, and recommendations)
- Strategic analysis: Drivers and Constraints, Product / Technology Analysis, Porter's five forces analysis, SWOT analysis etc.
- Strategic recommendations in key business segments based on the market estimations
- Competitive landscaping mapping the key common trends
- Company profiling with detailed strategies, financials, and recent developments
- Supply chain trends mapping the latest technological advancements

Free Customization Offerings:
All the customers of this report will be entitled to receive one of the following free customization options:
• Company Profiling
or Comprehensive profiling of additional market players (up to 3)
or SWOT Analysis of key players (up to 3)
• Regional Segmentation
or Market estimations, Forecasts and CAGR of any prominent country as per the clients interest (Note: Depends of feasibility check)
• Competitive Benchmarking
or Benchmarking of key players based on product portfolio, geographical presence, and strategic alliances

 

Covid 19 Impact Analysis @  https://www.trendsmarketresearch.com/report/covid-19-analysis/11318 

]]>
Mass Flow Controller Market Insights, Forecast to 2026 Fri, 15 May 2020 07:31:01 +0200 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/637694.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/637694.html Ethan Smith Ethan Smith According to Stratistics MRC, the Mass Flow Controller market is accounted for $ 1.02 billion in 2017 and is expected to reach $ 2.03 billion by 2026 growing at a CAGR of 7.9%. The raising factors include oil & gas, semiconductors, pharmaceuticals, medical, and healthcare devices for enhancing safety and accuracy. However, variations in the differential pressure of the mass flow controller create offset in flow measurement is the major restraining factor for the mass flow controller market growth.

A mass flow controller (MFC) is a device used to measure and control the flow of liquids and gases. A mass flow controller is designed and calibrated to control a specific type of liquid or gas at a particular range of flow rates. The device will control the rate of flow to the given setpoint.

Based on the End User, the Chemicals industry is anticipated to grow during the forecast period. The continuous increase in population growth has a positive impact on the chemical industries. Countries like India and China, having a huge population base are rapidly growing the medical equipment and chemical industries.

Request a Report Sample with Toc and figures to click here: https://www.trendsmarketresearch.com/report/sample/11314

By Geography, Asia Pacific is expected to influence the largest share of the mass flow controller market during the forecast period. The mass flow controller market in the materialized economies, such as China, India, and Japan, is expected to grow at the highest CAGR because of the increasing technological advances in medical and healthcare devices due to the increasing population of these countries.

Some of the key players involve in Mass Flow Controller are Bronkhorst (The Netherlands), Brooks (U.S.), Burkert (Germany), Teledyne Hastings (U.S.), HORIBA (Japan), Sensirion (Switzerland), Alicat Scientific (U.K), Sierra (U.S.), MKS (U.S.).

Materials Covered:
• Exotic Alloys
• Stainless Steel
• Other Materials

Flow Rate Covered:
• High Flow Rate Mass Flow Controller
• Low Flow Rate Mass Flow Controller
• Medium Flow Rate Mass Flow Controller

Media Type Covered:
• Liquid Mass Flow Controllers
• Gas Mass Flow Controllers
• Other Media

Technology Covered:
• Devicenet
• Ethercat
• Ethernet/IP
• Foundation Fieldbus
• Modbus RTU
• Modbus TCP/IP
• Profibus
• Profinet
• Rs-485

Applications Covered:
• Spray and Coating Processes
• Heat Treating
• Gas Chromatography
• Fuel Cell
• Fluid and Gas Processing and Control
• Catalyst Research

Request for discount on This Report at: https://www.trendsmarketresearch.com/report/discount/11314

End-Users Covered:
• Chemicals
• Food & Beverages
• Metals & Mining
• Oil & Gas
• Semiconductors
• Water & Wastewater Treatment

Regions Covered:
• North America
o US
o Canada
o Mexico
• Europe
o Germany
o UK
o Italy
o France
o Spain
o Rest of Europe
• Asia Pacific
o Japan
o China
o India
o Australia
o New Zealand
o South Korea
o Rest of Asia Pacific
• South America
o Argentina
o Brazil
o Chile
o Rest of South America
• Middle East & Africa
o Saudi Arabia
o UAE
o Qatar
o South Africa
o Rest of Middle East & Africa

• What our report offers:
o - Market share assessments for the regional and country level segments
o - Strategic recommendations for the new entrants
o - Market forecasts for a minimum of 9 years of all the mentioned segments, sub segments and the regional markets
o - Market Trends (Drivers, Constraints, Opportunities, Threats, Challenges, Investment Opportunities, and recommendations)
o - Strategic analysis: Drivers and Constraints, Product / Technology Analysis, Porter's five forces analysis, SWOT analysis etc.
o - Strategic recommendations in key business segments based on the market estimations
o - Competitive landscaping mapping the key common trends
o - Company profiling with detailed strategies, financials, and recent developments
or - Supply chain trends mapping the latest technological advancements

• Free Customization Offerings:
o All the customers of this report will be entitled to receive one of the following free customization options:
o Company Profiling
o Comprehensive profiling of additional market players (up to 3)
o SWOT Analysis of key players (up to 3 )
or Regional Segmentation
or Market estimations, Forecasts and CAGR of any prominent country as per the clients interest (Note: Depends of feasibility check)
o Competitive Benchmarking
or Benchmarking of key players based on product portfolio, geographical presence, and strategic alliances.

 

Covid 19 Impact Analysis @  https://www.trendsmarketresearch.com/report/covid-19-analysis/11314 

]]>
Automotive Communication Technology Market key Insights Based on Product Type, End-use and Regional Demand Till 2026 Fri, 15 May 2020 07:26:58 +0200 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/637682.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/637682.html Ethan Smith Ethan Smith According to Stratistics MRC, the Global Automotive Communication Technology Market is accounted for $ 5.22 billion in 2017 and is expected to reach $ 24.39 billion by 2026 growing at a CAGR of 18.7% during the forecast period. Factors such as rising contribution of electronic systems in passenger cars, government mandates and industry norms to reduce emission and improve the safety of vehicles are fueling the market growth. However, more complexity and less reliability of electronics architecture are hampering the market.

Automotive Communication Technology is helped in vehicle for uninterrupted and better communication with other vehicles. The automotive industry has evolved rapidly over the past decade with the rising usage of Electronic Control Units (ECUs), which have positively influenced the way various automobile subsystems communicate.

Among bus module, Controller Area Network (CAN) segment has substantial growth during the forecast period. The increase in electronic components in the powertrain and body control & comfort applications is driving the market for CAN in the global automotive communication technology market.

Get Access to sample pages @ https://www.trendsmarketresearch.com/report/sample/11318 

By Geography, Asia Pacific is expected to grow at the significant market share during the forecast period. The market growth in the region can be attributed to factors such as factory fitted advanced electronics and government initiatives regarding the use of electronics to minimize the emissions from powertrain system and improve the safety applications in the vehicle.

Some of the key players in global automotive communication technology market are Texas Instruments, Intel, Microchip, Toshiba, Xilinx, on Semiconductor, Robert Bosch, Rohm Semiconductor, Infineon, Broadcom, Cypress Semiconductor, NXP, Continental, Renesas, Melexis, Stmicroelectronics, Elmos Semiconductor, Qualcomm, Vector Informatik and Maxim Integrated.

Vehicle Classes Covered:
• Luxury
• Mid-Size
• Economy

Bus Modules Covered:
• Flexray
• Media-Oriented Systems Transport (MOST)
• Local Interconnect Network (LIN)
• Ethernet
• Controller Area Network (CAN)

Distribution Channels Covered:
• Distributors
• Original Equipment Manufacturer (OEM)

Applications Covered:
• Body Control & Comfort
• Safety & Advanced Driver-Assistance Systems (ADAS)
• Powertrain
• Infotainment & Communication
• Other Applications

Regions Covered:
• North America
o US
o Canada
o Mexico
• Europe
o Germany
o UK
o Italy
o France
o Spain
o Rest of Europe
• Asia Pacific
o Japan
o China
o India
o Australia
o New Zealand
o South Korea
o Rest of Asia Pacific
• South America
o Argentina
o Brazil
o Chile
o Rest of South America
• Middle East & Africa
o Saudi Arabia
o UAE
o Qatar
o South Africa
o Rest of Middle East & Africa

What our report offers:
- Market share assessments for the regional and country level segments
- Strategic recommendations for the new entrants
- Market forecasts for a minimum of 9 years of all the mentioned segments, sub segments and the regional markets
- Market Trends (Drivers, Constraints, Opportunities, Threats, Challenges, Investment Opportunities, and recommendations)
- Strategic analysis: Drivers and Constraints, Product / Technology Analysis, Porter's five forces analysis, SWOT analysis etc.
- Strategic recommendations in key business segments based on the market estimations
- Competitive landscaping mapping the key common trends
- Company profiling with detailed strategies, financials, and recent developments
- Supply chain trends mapping the latest technological advancements

Free Customization Offerings:
All the customers of this report will be entitled to receive one of the following free customization options:
• Company Profiling
or Comprehensive profiling of additional market players (up to 3)
or SWOT Analysis of key players (up to 3)
• Regional Segmentation
or Market estimations, Forecasts and CAGR of any prominent country as per the clients interest (Note: Depends of feasibility check)
• Competitive Benchmarking
or Benchmarking of key players based on product portfolio, geographical presence, and strategic alliances

 

Covid 19 Impact Analysis @  https://www.trendsmarketresearch.com/report/covid-19-analysis/11318 

]]>
Optical Networking Market Players to Reset their Production Strategies Post 2020 in an Effort to Compensate for Heavy Loss Incurred Due to COVID-19 Outbreak Mon, 11 May 2020 15:58:32 +0200 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/636471.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/636471.html Ankush Nikam Ankush Nikam Latest report on global Optical Networking Market by FMI

Analysts at Future Market Insights find that the global Optical Networking Market has been evolving at a CAGR of xx% during the historic period 2014-2018. The market study suggests that the global market size of Optical Networking is projected to reach ~US$ xx Mn/Bn by the end of 2019 with a CAGR of xx% over the stipulated timeframe 2019-2029.

The COVID-19 pandemic has been posing measurable impact on the global economy and, in turn, on the Optical Networking Market. Quarantines, traveling constraints, and social distancing measures on a broad-scale drive a steep decline in business and consumer spending until the end of Q2. This research work intends to offer market players with a viewpoint on the changing scenario and implications for the market players.

Download a Sample Report with Table of Contents and Figures: https://www.futuremarketinsights.com/reports/sample/rep-gb-2359

The Optical Networking Market research demonstrates the current and future market share of each region along with the important countries in respective region. Key regions include:

  • North America
  • Latin America
  • Western Europe
  • Eastern Europe
  • Asia Pacific Excluding Japan
  • Japan
  • Middle East & Africa

Purchase reports by today to avail discount offer!!! https://www.futuremarketinsights.com/checkout/2359

Segmentation Analysis on the basis of:

By Product

  • Optical Fibers
  • Optical Switches
  • Optical Amplifiers
  • Optical Splitters
  • Optical Transceivers
  • Optical Circulators

End User

  • Military & Defence
  • BFSI
  • IT & Telecom
  • Government
  • Others

Market Players

  • Alcatel-Lucent,
  • Huawei,
  • Cisco,
  • Ciena,
  • Nokia,
  • Finisar,
  • ZTE,
  • ADTRAN,
  • Infinera,
  • Adva,
  • Fujitsu Optical Components,
  • Verizon Communications Inc.,

Request for Covid19 Impact Analysis: https://www.futuremarketinsights.com/covid19/rep-gb-2359

What does the Optical Networking Market research holds for the readers?

  • One by one company profile of key vendors.
  • Influence of modern technologies, such as big data & analytics, artificial intelligence, and social media platforms on the global Optical Networking Market.
  • Evaluation of supply-demand ratio in every end use industry.
  • Regional analysis on the basis of market share, growth outlook, and key countries.
  • Positive and negative aspects associated with the consumption of Optical Networking.

Explore Future Market Insights’ detailed coverage on, COVID-19 IMPACT ASSESSMENT TRACKER

The Optical Networking Market research clears away the following queries:

  1. What is the present and future outlook of the global Optical Networking Market on the basis of region?
  2. What tactics are the Optical Networking Market vendors implementing to give tough competition to their business counterparts?
  3. What are the macro- and microeconomic factors affecting the global Optical Networking Market?
  4. Which end use segment is spectated to lead by the end of 2029?
  5. Why region has the highest consumption of Optical Networking?

Get Full Access of the Report @ https://www.futuremarketinsights.com/reports/optical-networking-market

Reasons to choose Future Market Insights:

Future Market Insights is equipped with highly-experienced professionals that perform a comprehensive primary and secondary research to provide minute details regarding the market. We publish myriads of reports for global clients irrespective of the time zone. Our reports are a result of digitally-driven market solutions that provide unique and actionable insights to the clients.

]]>
Noi Restiamo a Casa Fatelo Anche Voi #webtvstudios #Covid19 Mon, 30 Mar 2020 22:22:53 +0200 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/626737.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/626737.html WEBTVSTUDIOS WEBTVSTUDIOS  

 

Come ben sapete stiamo vivendo l’emergenza del “coronavirus”; il governo ha dichiarato lo stato di emergenza obbligandoci a stare in casa e  di uscire soltanto per tre validi motivi:  per lavoro, per acquistare medicine e fare la spesa. Ovviamente più staremo in  casa e prima potremo sconfiggere questa pandemia! Video 

Noi Restiamo a Casa Fatelo Anche Voi #webtvstudios #Covid19

IL TEAM WEB TV STUDIOS DI ROMA

servizio audiovisivo, multimedia news, interviste, eventi,

Servizi Audiovisivi – Riprese Video –  Editing Video  

seguiteci sui nostri social e sul sito www.webtvstudios.it

LA WEB TV STUDIOS REALIZZA – VIDEO PROFESSIONALI  

PER LA REALIZZAZIONE DI RIPRESE VIDEO SHOWREEL PER PUBBLICIZZARE LA TUA AZIENDA O LA TUA FIGURA PROFESSIONALE ( POST PRODUZIONE EDITING VIDEO MONTAGGIO VIDEO PROFESSIONALE 4K, INTERVISTE PER IL TUO EVENTO, ANCHE AZIENDALE, UNA MANIFESTAZIONE PER UN EVENTO SPORTIVO O UNA SFILATA DI MODA, CONCERTO, SPETTACOLO TEATRALE O DI DANZA. COMPLEANNO E CERIMONIA RELIGIOSA

Vi aspettiamo sulla pagina Facebook!

ISCRIVITI AL CANALE Youtube    Webtvstudios Attiva le Notifiche Cliccando sulla Campanella e Condividi i Nostri Video 

ISCRIVITI AL CANALE DAILYMOTION  SEGUI IL NOSTRO CANALE  E CONDIVIDI I NOSTRI VIDEO 

► SOSTIENI L’ INFORMAZIONE DELLA WEBTVSTUDIOS DI ROMA,  AIUTACI CON UNA PICCOLA OFFERTA  https://www.paypal.me/webtvstudios 

#videobooth #fotobooth #compleanni #18anni #40anni #50anni #roma #Festeprivate #video #foto #gh5 #finalcut #sony #sony #nikon #italia #locali #serata #evento #eventi #interviste #showreel #webtvstudios #romadinotte #romabynight #romavideoeventi

IL TEAM WEB TV STUDIOS DI ROMA

servizio audiovisivo, multimedia news, interviste, eventi,

Servizi Audiovisivi – Riprese Video –  Editing Video  

Se ti piacciono i nostri video Supportaci cliccando MI PIACE e CONDIVIDI

Tutti i diritti sono riservati. il video non deve essere utilizzato in nessun caso senza autorizzazione scritta dell’autore Info e materiale video e fotografico webtvstudios@gmail.com http://www.webtvstudios.it

Vi aspettiamo sui nostri social !!!

► Facebook : http://bit.ly/33olk8I

► Instagram: http://bit.ly/2QjvD8I

► Telegram: http://bit.ly/2IVdtpC

► Twitter: http://bit.ly/2ojAzJW

► Pinterest: http://bit.ly/2TUn9Ho

► Linkedin: http://bit.ly/2Wn29L0

► Flickr: http://bit.ly/2IVDQMl

► Sito: http://www.webtvstudios.it

► Sito:: http://www.romavideoeventi.it

✧ Condividete e commentate! A presto i prossimi video! #webtvstudios

]]>
Roma: Applausi nelle città deserte per dire grazie a medici e infermieri #cornonavirus #flashmob #webtvstudios Mon, 16 Mar 2020 10:34:24 +0100 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/624349.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/624349.html WEBTVSTUDIOS WEBTVSTUDIOS Applausi nelle città deserte per dire grazie a medici e infermieri Grande partecipazione per il flash mob delle 12 di sabato per dire “Grazie a tutti quelli che stanno lavorando per noi” Dopo l’appuntamento delle 12 sui social network sono spuntati centinaia di foto e video a testimonianza di battute di mani da finestre e balconi Video

Cornonavirs Cinecitta est

 

“Grazie a tutti quelli che stanno lavorando per noi, in ospedale e ovunque”, è il messaggio che su Twitter accompagna una delle scene di un condominio Roma di Cinecitta Est

L’applauso sembra un modo per farsi coraggio nell’affrontare l’emergenza e per esprimere soprattutto la propria gratitudine ai sanitari che in tutto il Paese lavorano in corsia per la cura dei contagiati.

“Dalle strade di Roma zona Cinecitta Est , un applauso a tutti i quelli che stanno combattendo in prima linea questo virus”, si legge in un altro tweet con le immagini di strade deserte e decine di persone alla finestra che applaudono. Qualcuno urla “Bravi!”.”È un flash mob per applaudire a tutti quelli impegnati negli ospedali, tra medici, infermieri, portantini eccetera eccetera. Loro, lavorano per noi”, scrivono gli utenti.

 

“Andrà tutto bene” è una sorta di slogan del flash mob collettivo. La frase rimbalza di profilo in profilo. Come il messaggio “Io resto a casa”, che è anche uno degli hashtag più diffusi di questi giorni, rilanciato da istituzioni e personaggi famosi. Viene ripreso e ricondiviso anche oggi, nel giorno dell’applauso di un Paese intero. “L’importante è esserci, sempre! Noi per loro dobbiamo restare a casa”, ricordano gli italiani sui social.

Servizi Audiovisivi – Riprese Video – Interviste 
https://www.facebook.com/webtvstudios
http://www.webtvstudios.it

Vi aspettiamo sulla pagina Facebook!

► Facebook : https://www.facebook.com/webtvstudios
► Instagram: https://www.instagram.com/webtvstudios
► Twitter: https://twitter.com/webtvstudios
► Sito: http://www.webtvstudios.it

]]>
PEDIATRI: POSSIBILI SOSTITUZIONI SPECIALIZZANDI NEI STUDI MEDICI Wed, 11 Mar 2020 08:44:33 +0100 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/623695.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/623695.html Francy Antonioli Francy Antonioli Roma, 10 marzo 2020 – “Accogliamo con sollievo e gratitudine le misure approntate dal Governo per consentire agli specializzandi in pediatria di assumere incarichi provvisori o di sostituzione di pediatri di famiglia. Ringraziamo il Presidente del Consiglio Conte e il Ministro della Salute Speranza per aver pensato al potenziamento della rete di assistenza pediatrica e confidiamo che il tema della sostenibilità dell’intero sistema delle cure primarie resti anche quando l’emergenza Coronavirus sarà superata”. Così Paolo Biasci, Presidente della Federazione Italiana Medici Pediatri sul decreto legge in vigore da stamane, che all’art. 4 prevede “Misure urgenti per il reclutamento dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta”. Nel comma 4 si legge inoltre che il periodo di attività, svolto dai medici specializzandi durante lo stato di emergenza è riconosciuto ai fini del ciclo di studi che conduce al conseguimento del diploma di specializzazione. “L’assunzione dei medici specializzandi a partire dal 3° anno di formazione specialistica – spiega Biasci – era sinora prevista solo negli ospedali. Lo scenario è cambiato e ora possiamo almeno cercare di garantire i livelli assistenziali, con maggiore equilibrio tra le cure territoriali e quelle ospedaliere. L’inserimento anticipato degli specializzandi per incarichi temporanei e sostituzioni deve essere previsto stabilmente in futuro, con analoghe modalità sia per l’ospedale che per il territorio, sia per i medici di medicina generale (come già avviene), che per i pediatri di libera scelta. Tutto questo anche per evitare squilibri in termini di avvicendamento e ricambio generazionale. Dobbiamo difendere l’universalità del nostro Servizio Sanitario Nazionale dal rischio di gravi carenze assistenziali, soprattutto in quelle aree periferiche e disagiate dove rappresentiamo il primo e spesso l’unico riferimento per la salute dei bambini e delle loro famiglie”. Ricordo infine – conclude Biasci - che anche in questo decreto sull’emergenza nuovo Coronavirus si fa riferimento al ruolo centrale che anche i pediatri di famiglia hanno nel triage telefonico e nella presa in carico di un paziente con sospetta Covid-19. Nonostante le cure primarie continuino a essere sottoposte a un’enorme pressione, segnalo le permanenti difficoltà sul fronte della distribuzione di dispositivi di protezione individuale. Purtroppo manca ancora un’omogeneità regionale e, in alcuni casi, anche intra-regionale. Proteggere un pediatra vuol dire evitare che si ammali, che contagi i propri pazienti e i loro accompagnatori (genitori e/o nonni), che debba curarsi o auto-isolarsi, non potendo più prendersi cura dei bambini. Nessuno può permetterselo”.

]]>
CORONAVIRUS: LA CONGIUNTIVITE È UNO DEI PRIMI SINTOMI Fri, 14 Feb 2020 12:06:25 +0100 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/620239.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/620239.html Francy Antonioli Francy Antonioli AIOS: “nessuna psicosi, si tratta di una infiammazione molto comune”

Roma, 14 febbraio 2020 – “La congiuntivite è uno dei primi sintomi dell’infezione coronavirus, accompagnata da febbre alta e quindi seguita dagli altri sintomi ben noti, come tosse, vomito ecc. E’ estremamente diffusa per altre ragioni: si tratta di una infiammazione che insorge per svariati motivi, colpisce milioni di italiani e che, se affrontata in modo appropriato, non porta ad alcuna conseguenza. Non va banalizzata, ma non vanno create psicosi in caso di insorgenza in queste settimane. Basta rivolgersi ad un oculista che saprà valutare il da farsi”. È questo l’appello della dottoressa Maria Elisa Scarale, oculista e presidente di AIOS onlus (Associazione italiana occhi e sport) in relazione ai molti casi di allarme registrato dai cittadini colpiti da congiuntivite e che temono di essere entrati in contatto col coronavirus. “Non va creato allarmismo: la congiuntivite è una delle malattie oculari più comuni e può manifestarsi o in forma acuta o cronica. Può essere causata da un’infezione batterica, virale o da altri microorganismi o parassiti. Ma può anche derivare da una reazione allergica a elementi come pollini, acari della polvere, peli di animali. Nella stragrande maggioranza dei casi – sottolinea la dott.ssa Scarale – si risolve in una-due settimane”. Come sempre, il consiglio migliore è prevenire le congiuntiviti: si devono lavare spesso le mani con acqua e sapone, si deve evitare di toccare o strofinare l’occhio sano dopo aver toccato quello infetto, va cambiata frequentemente la federa del cuscino e gli asciugamani…tutti consigli che come AIOS portiamo soprattutto fra gli adolescenti nelle visite che stiamo organizzando fra i giovani sportivi delle squadre giovanili di calcio. Dopo la positiva esperienza nei centri giovani dell’Inter a Milano, presto ci recheremo nelle strutture della Juventus a Torino e via via in tutte le squadre di calcio della Penisola. Come associazione, infatti, vogliamo creare sensibilizzazione sulle patologie oculari. Si calcola che ben due milioni di bambini e adolescenti solo nel nostro Paese soffrano di malattie dell’occhio, ma solo mezzo milione ricorre allo specialista”.

]]>
Torque Vectoring Market Size, Opportunities, Industry Analysis By Top Leaders, Development Strategy and Trends by Forecast 2023 Mon, 13 Jan 2020 12:30:26 +0100 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/615128.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/615128.html Automotive Market Research Reports Automotive Market Research Reports The global torque vectoring market is anticipated to surpass a valuation of USD 9.20 billion, attaining an impactful CAGR of 12% during the forecast period (2018-2023), Market Research Future (MRFR) reveals in a detailed analysis. Torque vectoring plays an important role in harnessing and sourcing wheel power. By enhancing stability, handling, performance, and grip, torque vectoring provides more controlling access to a car’s driver. Drivers can control the torque of a certain axle or wheel depending on their requirements. It also includes speed controlling, which helps to shift the car weight to the desired wheel, thus allowing a better grip.

Market Potential and Pitfalls

The global torque vectoring market has witnessed a tectonic surge over the past few years. The market is all set to steer forward due to the soaring demand for high-performance and luxury vehicles, equipped with safety stipulations. Technological brilliance is opening new avenues to work on, which can spur the growth of the market in the coming years. Moreover, electric cars and concept cars are predicted to launch in the coming years, thereby propelling the market growth across the globe.

On the contrary, the production cycle of torque vectoring is quite lengthy, which can deter its growth across the globe.

Torque Vectoring Market: Segmental Analysis

The global torque vectoring market is segmented on the basis of propulsion, vehicle type, electric vehicle (EV) type, clutch actuation type, and technology.

By vehicle type, the torque vectoring market is segmented into light commercial vehicle and passenger car. Of these, the passenger car segment occupies the maximum share.

By propulsion, the torque vectoring market is segmented into rear wheel drive, front wheel drive, and all/four-wheel drive. Of these, the front wheel drive segment is predicted to dominate the market in the foreseeable future.

By clutch actuation type, the market is segmented into hydraulic and electronic. While hydraulic has the maximum market value, the electronic segment is showing better potential growth-wise.

By EV, the market comprises hybrid electric vehicle (HEV) and battery electric vehicle (BEV). Of these, BEV is spearheading the segment. On the other hand, HEV can exhibit the fastest growth rate in the long run.

By technology, the market is segmented into passive torque vector system and active torque vector system. Among these, the passive torque vector system shows greater control over the market. Active torque vector, on the other hand, will record the fastest CAGR.

Regional Frontiers

Geographically, the torque vectoring market spans across Europe, America, Asia Pacific, and the Middle East & Africa.

Considering the global scenario, America is likely to dominate the global market as the region has a superior infrastructure, and its zonal technological brilliance is unparalleled.

Europe is considered the fastest evolving region in the global market. The region is house to multiple automobile market behemoths, due to which the torque vectoring market is gaining prominence. Investments made for R&D is quite substantial, which further triggers the demand from the market.

The Asia Pacific has a quite lot of business potential, which has further lured in market giants. The sudden growth in disposable income of the people and the booming automobile sector are likely to produce an unprecedented number of cars, which can assist in the torque vectoring market gain momentum.

Competitive Dashboard

The players dominating the global torque vectoring market include American Axle (US), GKN (UK), BorgWarner (US), Dana (US), ZF (Germany), Eaton (Ireland), Getrag (Canada), JTEKT (Japan), Univance (Germany), Bosch (Germany), Timken (US), Schaeffler (Germany), Oerlikon Graziano (Italy), Ricardo (UK), Continental AG (Germany), and others.

 

]]>
INCONTINENZA URINARIA, IN ITALIA COLPITE OLTRE DUE MILIONI DI DONNE Thu, 12 Dec 2019 12:56:53 +0100 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/611183.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/611183.html Francy Antonioli Francy Antonioli Roma, 12 dicembre 2019 – “In Italia l’incontinenza è un problema che va affrontato con molta attenzione, riorganizzando il sistema di prevenzione, cura, riabilitazione e integrazione sociale dei pazienti stomizzati e incontinenti, come previsto nel disegno di legge di cui sono stato relatore al senato della Repubblica. La mia attenzione verso questo problema proseguirà anche nel mio ruolo di Vice Ministro”. E’ quanto ha dichiarato il Viceministro della Salute Pierpaolo Sileri intervenendo al convegno nazionale Basic Riab - Als Live Surgery che si svolge oggi a Roma e organizzato dall’AIUG (Associazione Italiana di Urologia Ginecologica). “Per portare avanti questo processo è fondamentale la collaborazione con le società medico-scientifiche come l’AIUG e con le associazioni dei pazienti che possono portare il loro specifico contributo - ha aggiunto Sileri -. Un nostro obiettivo primario, rispetto alla gestione dell’incontinenza, deve essere l’implementazione dei percorsi diagnostico-terapeutici assistenziali (PDTA)”. “Ringraziamo il Vice Ministro per l’interessamento e siamo pronti a collaborare con le istituzioni - ha sottolineato il prof. Marzio Angelo Zullo, membro del direttivo nazionale AIUG e presidente del convegno di Roma -. L’incontinenza non è piccolo disturbo della terza età ma una vera e propria malattia che interessa oltre 2 milioni di donne in Italia. Numeri importanti e in crescita che sottolineano la necessità di definire percorsi d’assistenza condivisi e uniformi”. Al convegno di Roma è intervenuta anche la Senatrice Paola Binetti, il direttore generale dei dispositivi medici del ministero della salute Marcella Marletta e rappresentanti delle Associazioni dei pazienti Senior ITALIA e Fais, le federazioni delle ostetriche e degli infermieri e i rappresentanti dell’industria.

]]>
“Gospel”: la stagione di Natale dei Saint John’s Singers Thu, 12 Dec 2019 00:33:49 +0100 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/611052.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/611052.html Villani Comunicazione Villani Comunicazione


COMUNICATO STAMPA

 

“Gospel”: la stagione di Natale dei Saint John’s Singers

 

Cinque concerti per respirare l’energia del repertorio afro-americano. Vocalist d’eccezione Fatimah Provillon

 

L’energia del gospel per le Festività natalizie 2019. Quattro i concerti per la stagione di fine anno dei St John’s Singers, costola dell’Associazione Il Cantiere dell’Arte di Manziana. Ancora una volta il coro - uno dei pochi che può vantare una ormai ultraventennale collaborazione con vocalist di fama d’oltreoceano, uno fra tutti Harold Bradley - propone brani della tradizione spiritual e un repertorio rinnovato riuscendo in ogni esibizione a conquistare il consenso del pubblico e della critica.

 

Ogni concerto infatti si trasforma in un evento coinvolgente che invita tutti ad intonare brani diventati ormai patrimonio di tutti all’insegna della fratellanza universale e della solidarietà come We shall overcome.

 

I St John Singers hanno cantato nelle piazze, nelle carceri, in grandi teatri, in istituzioni prestigiose come il Parlamento europeo o l’Ambasciata degli Stati Uniti in Italia. Per l’edizione 2019 i Si John’s Singers, per la direzione di Alessandra Paffi, tornano a cantare con la bravissima vocalist Fatimah Provillon, americana del New Jersey.

 

Il coro ha all’attivo anche una ricca discografia: Black and white together (1998), Union Paix et Renaissance (2003) per celebrare i duecento anni dell'indipendenza di Haiti (1° gennaio 1804) dalla Francia musicato da Stelvio Cipriani, Oh Freedom (2004); La preghiera per la Pace  (…..) e Da Gorée a Lampedusa (2011).

 

Per l’accompagnamento dal vivo di Alessandro Aloisi al pianoforte, Ivano Sebastianelli al basso elettrico e Riccardo Colasante alla batteria, si esibiranno come vocalist anche Raffaela Agozzino, Enrico Biferari e Roberta Marcucci.

 

Queste le date assolutamente da non perdere: sabato 21 dicembre 2019 alle 18 ad Anguillara alla chiesa di San Francesco (patrocinato dall’agenzia Frimm di Anguillara), con un atteso ritorno per il pubblico anguillarino; sabato 28 dicembre 2019 alle 18 a Barbarano Romano alla Sala Sant’Angelo; domenica 29 dicembre 2019 alle 18 alla Chiesa di Sant’Eutizio; Mercoledì 1° gennaio 2020 alle 19 a Manziana alla chiesa San Giovanni Battista, concerto ormai tradizionale per la comunità manzianese; sabato 4 gennaio 2020 alle 16.30 a Campagnano di Roma alla chiesa Santa Maria del Prato, concerto dedicato agli ospiti del locale Centro di Riabilitazione.

 

In allegato la locandina della stagione

 

https://www.stjohnsingers.it/

 

Ufficio Stampa: Graziarosa Villani, villanicomunicazione@tiscali.it, cell. 360/805841



 




Con Tiscali Mobile Smart 30 hai minuti illimitati, 30 Giga e 100 SMS a soli 7,99€ al mese. L'attivazione è gratis e disdici quando vuoi. http://tisca.li/smart30

]]>
MELANOMA, L’IMMUNO-ONCOLOGIA È EFFICACE IN FASE “PRECOCE” Tue, 10 Dec 2019 12:37:34 +0100 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/610789.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/610789.html Francy Antonioli Francy Antonioli Roma, 10 dicembre 2019 – Il Consiglio di Amministrazione dell’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) ha approvato la rimborsabilità di nivolumab, farmaco immuno-oncologico, nei pazienti con melanoma in stadio III e IV completamente resecato. Nei prossimi giorni è attesa la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della determina di approvazione della rimborsabilità.  “L’immuno-oncologia ha già dimostrato risultati importanti nella fase metastatica, dove rappresenta lo standard di cura – afferma Paolo Ascierto, Direttore dell’Unità di Oncologia Melanoma, Immunoterapia Oncologica e Terapie Innovative dell’Istituto Nazionale Tumori IRCCS Fondazione ‘Pascale’ di Napoli -. Oggi abbiamo la possibilità di anticipare il trattamento nei pazienti in stadio III e IV resecato, cioè in una fase in cui la malattia è stata completamente asportata. Nei pazienti con la malattia in stadio IIIB o IIIC, non sottoposti a terapia adiuvante dopo la resezione chirurgica, il tasso di recidiva a 5 anni è elevato, pari al 71% e all’85%. Trattare i pazienti in questo stadio aumenta la possibilità di evitare una recidiva della malattia e, quindi, potenzialmente di guarire la persona. In Italia, più di 1.000 pazienti ogni anno possono beneficiare di questo trattamento”. “Nivolumab, nello studio CheckMate -238, ha dimostrato un beneficio a lungo termine nel setting adiuvante con una sopravvivenza libera da recidiva a tre anni del 58% e una riduzione del rischio di recidiva pari al 32% - sottolinea il prof. Ascierto -. Anche la sopravvivenza libera da metastasi a distanza è significativamente più lunga con nivolumab con tassi a 36 mesi del 66%. Questi vantaggi, che avranno un impatto sulla sopravvivenza globale, sono osservati in tutti i sottogruppi di pazienti analizzati, indipendentemente dallo stadio della malattia, stato mutazionale del gene BRAF ed espressione di PD-L1”. “L’unicità dello studio CheckMate -238 – continua Paolo Ascierto – deriva dal fatto che è l’unico trial clinico nel setting adiuvante nel quale il farmaco in studio, nivolumab, è stato confrontato non con il placebo, ma con un trattamento attivo, ipilimumab, che aveva già dimostrato di essere efficace in questi pazienti.” “Da 20 anni non ci sono stati passi in avanti nel trattamento adiuvante in quanto le uniche due terapie approvate, entrambe a base di interferone, erano associate a elevata tossicità e a scarsi vantaggi in termini di sopravvivenza globale – spiega il prof. Ascierto -. Diverse le prospettive offerte da nivolumab, che garantisce, oltre ad un’elevata efficacia, una buona qualità di vita grazie all’ottima tollerabilità. La terapia adiuvante con nivolumab dovrebbe essere iniziata il prima possibile dall’asportazione completa del tumore e il trattamento dura solo un anno. La prospettiva di una ‘fine’ della terapia rappresenta un notevole vantaggio psicologico per i pazienti. Questi farmaci hanno la capacità di sviluppare una memoria nel sistema immunitario, che mantiene la capacità di eliminare le cellule tumorali a lungo termine, anche dopo l’interruzione della terapia”.

Lo studio CheckMate -238 ha portato all’approvazione da parte della Commissione Europea, nel luglio 2018, dell’utilizzo di nivolumab nel trattamento adiuvante dei pazienti adulti con melanoma con coinvolgimento di linfonodi o malattia metastatica, che sono stati sottoposti a resezione completa. Sono stati coinvolti più di 900 pazienti e i risultati sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista scientifica The New England Journal of Medicine.

“Bristol-Myers Squibb ha una consolidata esperienza nel campo dell’immuno-oncologia - sottolinea Cosimo Paga, Executive Country Medical Director, Bristol-Myers Squibb Italia -, per primi abbiamo creduto in questo approccio. La prima molecola immuno-oncologica, ipilimumab, ha ottenuto la rimborsabilità da parte di AIFA per il trattamento del melanoma metastatico nel 2013. Nivolumab è stato rimborsato in Italia per il trattamento del melanoma nel 2016 e, ad oggi, è disponibile per i pazienti anche in altre patologie tumorali come carcinoma del polmone, carcinoma del rene, tumore della testa e del collo e linfoma di Hodgkin”.

Nivolumab è un inibitore del checkpoint immunitario PD-1 (programmed death-1), che è in grado di ripristinare e potenziare l’attività del nostro sistema immunitario contro le cellule tumorali. Il nostro sistema immunitario viene così rinforzato, al fine di ristabilire la risposta immunitaria anti-tumorale. Nivolumab è divenuto un’importante opzione di trattamento per molti tipi di tumore. Ad oggi più di 35.000 pazienti sono stati arruolati nel programma di sviluppo clinico di nivolumab in diverse neoplasie, con 15 pubblicazioni sulla prestigiosa rivista scientifica The New England Journal of Medicine e otto studi di fase III sono stati interrotti in anticipo perché avevano raggiunto il beneficio di sopravvivenza. “L’impegno dell’azienda a favore dei pazienti è inoltre testimoniato dagli ampi programmi di accesso allargato (Expanded Access Program, EAP) realizzati nel nostro Paese negli ultimi 3 anni – spiega il dott. Paga -. In Italia abbiamo fornito farmaci per oltre 5.000 pazienti con diverse forme di tumore, in particolare nel carcinoma del polmone, del rene, melanoma e linfoma di Hodgkin. In questo modo, si è offerta la possibilità di accesso in tempi rapidi a terapie efficaci e già approvate negli Stati Uniti e in Europa, prima della conclusione dell’iter di rimborsabilità in Italia. Anche nel setting adiuvante abbiamo avviato un programma terapeutico, garantendo a circa 700 pazienti la possibilità di accedere gratuitamente a questo trattamento prima della rimborsabilità AIFA. In questo programma l’Istituto Pascale è stato il primo arruolatore in Italia con circa 80 pazienti, dimostrandosi ancora una volta come uno dei centri di riferimento per il trattamento del melanoma in Italia”.“La nostra attenzione verso i pazienti – aggiunge il dott. Paga - si traduce anche in schedule più flessibili che consentono ai medici di gestire al meglio le necessità dei singoli pazienti con somministrazioni ogni 2 o 4 settimane”. “Nel 2019, in Italia, sono stimati circa 12.300 nuovi casi di melanoma – sottolinea Monica Forchetta, presidente APaIM (Associazione Pazienti Italia Melanoma) -. Le campagne di prevenzione sono fondamentali, perché consentono di sensibilizzare la popolazione sulle regole per esporsi al sole senza danneggiare la pelle e di individuare i nei a rischio, prima della loro trasformazione in tumore. Sono felice che, anche in Italia, questo trattamento sarà disponibile per i pazienti. Inoltre, per le persone colpite dalla malattia è importante sapere che questo trattamento ha una durata di 12 mesi, rappresentando un notevole vantaggio psicologico per pazienti spesso giovani che, in questo modo, possono affrontare con più forza il percorso di cura. Inoltre, l’ottima tollerabilità del trattamento consente di mantenere una buona qualità di vita. Infine, non va sottovalutato il coinvolgimento attivo del paziente, che deve essere consapevole dei passi in avanti raggiunti dalla ricerca. I pazienti vanno informati anche sulle sperimentazioni in corso: l’inclusione in uno studio clinico può consentire di accedere in anticipo a terapie innovative.”
“L’opportunità di somministrare l’immunoterapia in una fase precoce, rispetto alla pratica clinica adottata fino ad ora, rende fondamentale la collaborazione fra le diverse figure: il dermatologo, il chirurgo, l’oncologo medico e l’anatomo-patologo – conclude il prof. Ascierto –. Voglio inoltre ricordare le regole della prevenzione per la corretta esposizione al sole e il controllo dei nei una volta all’anno da parte del dermatologo. Se scoperto precocemente ed escisso con una corretta asportazione chirurgica nella fase iniziale, il melanoma è del tutto guaribile”.

]]>
MELANOMA, L’IMMUNO-ONCOLOGIA È EFFICACE IN FASE “PRECOCE” Tue, 10 Dec 2019 12:37:12 +0100 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/610788.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/610788.html Francy Antonioli Francy Antonioli Roma, 10 dicembre 2019 – Il Consiglio di Amministrazione dell’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) ha approvato la rimborsabilità di nivolumab, farmaco immuno-oncologico, nei pazienti con melanoma in stadio III e IV completamente resecato. Nei prossimi giorni è attesa la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della determina di approvazione della rimborsabilità.  “L’immuno-oncologia ha già dimostrato risultati importanti nella fase metastatica, dove rappresenta lo standard di cura – afferma Paolo Ascierto, Direttore dell’Unità di Oncologia Melanoma, Immunoterapia Oncologica e Terapie Innovative dell’Istituto Nazionale Tumori IRCCS Fondazione ‘Pascale’ di Napoli -. Oggi abbiamo la possibilità di anticipare il trattamento nei pazienti in stadio III e IV resecato, cioè in una fase in cui la malattia è stata completamente asportata. Nei pazienti con la malattia in stadio IIIB o IIIC, non sottoposti a terapia adiuvante dopo la resezione chirurgica, il tasso di recidiva a 5 anni è elevato, pari al 71% e all’85%. Trattare i pazienti in questo stadio aumenta la possibilità di evitare una recidiva della malattia e, quindi, potenzialmente di guarire la persona. In Italia, più di 1.000 pazienti ogni anno possono beneficiare di questo trattamento”. “Nivolumab, nello studio CheckMate -238, ha dimostrato un beneficio a lungo termine nel setting adiuvante con una sopravvivenza libera da recidiva a tre anni del 58% e una riduzione del rischio di recidiva pari al 32% - sottolinea il prof. Ascierto -. Anche la sopravvivenza libera da metastasi a distanza è significativamente più lunga con nivolumab con tassi a 36 mesi del 66%. Questi vantaggi, che avranno un impatto sulla sopravvivenza globale, sono osservati in tutti i sottogruppi di pazienti analizzati, indipendentemente dallo stadio della malattia, stato mutazionale del gene BRAF ed espressione di PD-L1”. “L’unicità dello studio CheckMate -238 – continua Paolo Ascierto – deriva dal fatto che è l’unico trial clinico nel setting adiuvante nel quale il farmaco in studio, nivolumab, è stato confrontato non con il placebo, ma con un trattamento attivo, ipilimumab, che aveva già dimostrato di essere efficace in questi pazienti.” “Da 20 anni non ci sono stati passi in avanti nel trattamento adiuvante in quanto le uniche due terapie approvate, entrambe a base di interferone, erano associate a elevata tossicità e a scarsi vantaggi in termini di sopravvivenza globale – spiega il prof. Ascierto -. Diverse le prospettive offerte da nivolumab, che garantisce, oltre ad un’elevata efficacia, una buona qualità di vita grazie all’ottima tollerabilità. La terapia adiuvante con nivolumab dovrebbe essere iniziata il prima possibile dall’asportazione completa del tumore e il trattamento dura solo un anno. La prospettiva di una ‘fine’ della terapia rappresenta un notevole vantaggio psicologico per i pazienti. Questi farmaci hanno la capacità di sviluppare una memoria nel sistema immunitario, che mantiene la capacità di eliminare le cellule tumorali a lungo termine, anche dopo l’interruzione della terapia”.

Lo studio CheckMate -238 ha portato all’approvazione da parte della Commissione Europea, nel luglio 2018, dell’utilizzo di nivolumab nel trattamento adiuvante dei pazienti adulti con melanoma con coinvolgimento di linfonodi o malattia metastatica, che sono stati sottoposti a resezione completa. Sono stati coinvolti più di 900 pazienti e i risultati sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista scientifica The New England Journal of Medicine.

“Bristol-Myers Squibb ha una consolidata esperienza nel campo dell’immuno-oncologia - sottolinea Cosimo Paga, Executive Country Medical Director, Bristol-Myers Squibb Italia -, per primi abbiamo creduto in questo approccio. La prima molecola immuno-oncologica, ipilimumab, ha ottenuto la rimborsabilità da parte di AIFA per il trattamento del melanoma metastatico nel 2013. Nivolumab è stato rimborsato in Italia per il trattamento del melanoma nel 2016 e, ad oggi, è disponibile per i pazienti anche in altre patologie tumorali come carcinoma del polmone, carcinoma del rene, tumore della testa e del collo e linfoma di Hodgkin”.

Nivolumab è un inibitore del checkpoint immunitario PD-1 (programmed death-1), che è in grado di ripristinare e potenziare l’attività del nostro sistema immunitario contro le cellule tumorali. Il nostro sistema immunitario viene così rinforzato, al fine di ristabilire la risposta immunitaria anti-tumorale. Nivolumab è divenuto un’importante opzione di trattamento per molti tipi di tumore. Ad oggi più di 35.000 pazienti sono stati arruolati nel programma di sviluppo clinico di nivolumab in diverse neoplasie, con 15 pubblicazioni sulla prestigiosa rivista scientifica The New England Journal of Medicine e otto studi di fase III sono stati interrotti in anticipo perché avevano raggiunto il beneficio di sopravvivenza. “L’impegno dell’azienda a favore dei pazienti è inoltre testimoniato dagli ampi programmi di accesso allargato (Expanded Access Program, EAP) realizzati nel nostro Paese negli ultimi 3 anni – spiega il dott. Paga -. In Italia abbiamo fornito farmaci per oltre 5.000 pazienti con diverse forme di tumore, in particolare nel carcinoma del polmone, del rene, melanoma e linfoma di Hodgkin. In questo modo, si è offerta la possibilità di accesso in tempi rapidi a terapie efficaci e già approvate negli Stati Uniti e in Europa, prima della conclusione dell’iter di rimborsabilità in Italia. Anche nel setting adiuvante abbiamo avviato un programma terapeutico, garantendo a circa 700 pazienti la possibilità di accedere gratuitamente a questo trattamento prima della rimborsabilità AIFA. In questo programma l’Istituto Pascale è stato il primo arruolatore in Italia con circa 80 pazienti, dimostrandosi ancora una volta come uno dei centri di riferimento per il trattamento del melanoma in Italia”.“La nostra attenzione verso i pazienti – aggiunge il dott. Paga - si traduce anche in schedule più flessibili che consentono ai medici di gestire al meglio le necessità dei singoli pazienti con somministrazioni ogni 2 o 4 settimane”. “Nel 2019, in Italia, sono stimati circa 12.300 nuovi casi di melanoma – sottolinea Monica Forchetta, presidente APaIM (Associazione Pazienti Italia Melanoma) -. Le campagne di prevenzione sono fondamentali, perché consentono di sensibilizzare la popolazione sulle regole per esporsi al sole senza danneggiare la pelle e di individuare i nei a rischio, prima della loro trasformazione in tumore. Sono felice che, anche in Italia, questo trattamento sarà disponibile per i pazienti. Inoltre, per le persone colpite dalla malattia è importante sapere che questo trattamento ha una durata di 12 mesi, rappresentando un notevole vantaggio psicologico per pazienti spesso giovani che, in questo modo, possono affrontare con più forza il percorso di cura. Inoltre, l’ottima tollerabilità del trattamento consente di mantenere una buona qualità di vita. Infine, non va sottovalutato il coinvolgimento attivo del paziente, che deve essere consapevole dei passi in avanti raggiunti dalla ricerca. I pazienti vanno informati anche sulle sperimentazioni in corso: l’inclusione in uno studio clinico può consentire di accedere in anticipo a terapie innovative.”
“L’opportunità di somministrare l’immunoterapia in una fase precoce, rispetto alla pratica clinica adottata fino ad ora, rende fondamentale la collaborazione fra le diverse figure: il dermatologo, il chirurgo, l’oncologo medico e l’anatomo-patologo – conclude il prof. Ascierto –. Voglio inoltre ricordare le regole della prevenzione per la corretta esposizione al sole e il controllo dei nei una volta all’anno da parte del dermatologo. Se scoperto precocemente ed escisso con una corretta asportazione chirurgica nella fase iniziale, il melanoma è del tutto guaribile”.

]]>
Angular Position Sensors Market Will Reach at a 8% CAGR by 2022 Tue, 26 Nov 2019 13:09:46 +0100 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/608576.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/608576.html Automotive Market Research Reports Automotive Market Research Reports  Automotive Position Sensors Market Information Report by Type (Multi-axis, Angular, and Linear), vehicle type (High end, Mid End, Low End and electric) and by Region - Global Forecast to 2022 

The automotive position sensor market is getting steam from mainly the automotive sector. The sophisticated automotive position sensors add an extra technological trend such as autonomous driving, connectivity, and electrification, which is gaining ultimate traction. The global automotive position sensor market to triple its market valuation by acquiring USD 2 billion, asserts Market Research Future (MRFR), at a CAGR of 8% CAGR, during the forecast period (2018-2022). The study is well-analyzed that includes a detailed description of the drivers and segments and presents a proper perspective of the market in the coming years. 

Get Free Sample Copy of Automotive Position Sensor Market Report at:

Key Players 

The well-known vital players in the automotive position sensor market are listed as Analog Devices Inc, Avago Technologies, Bosch Sensortec GMBH, Bourns Inc, Continental Corporation, CTS Corporation, Delphi Automotive, Denso Corporation, GE Measurement & Control Solutions, Gill Sensor& Control, Hella KGAA, Infineon Technologies, NXP Semiconductors, Sensata Technologies, TRW Automotive INC, Stoneridge INC. 

Target Audience 

  • Automotive Sensors manufacturing companies
  • Automotive Sensors service providers
  • Automotive industry Consultants and Investment bankers
  • Government as well as Independent Regulatory Authorities
Key Findings
The key findings of the report “Global Automotive Position Sensors Market” includes: 

  • The global market volume for automotive position sensors was around 1.3 billion units in 2014
  • The global market value of automotive position sensors accounted for almost $1 billion in 2014
  • Electric vehicles sensors will be growing at the fastest CAGR at around estimated CAGR of 22.2%
Market Drivers & Trends 

One of the major driving factors in the market is the growth of the automotive industry, which is motivating the increasing demands of position sensors. The recent trends in the automotive industry, along with rapid technological development and revolutionized, have improved customer services. Apart from these, the market has also welcomed an array of opportunities for growth and development, which is now anticipated to expand more in the coming years. 

Coming to the automotive domain, the changing focus of the industry towards technological trends such as driving, connectivity, and electrification is expected to boost the demand in the automotive position sensors market. Adding on this, the increasing integration of position sensors in vehicles is portraying a positive outlook on the growth of automotive position sensor market. Furthermore, it is the stringent government regulations in concerns with automobile safety and mounting global car production at a rate of 4% have notably contributed to the growth of this market. On the other hand, the constant innovations have also have kept the pipeline busy, and new products are coming out to keep the buyers occupied. 

Industry Segmentation 

The global automotive position sensor market has been segmented amongst type, vehicle type, and high end. 

By the mode of type, the market, as in study has been classified into multi-axis, angular, and linear. 

By the mode of vehicle type, the market is now segmented into the high end, mid-end, low end, and electric. 

Angular Position Sensors For Automotive Market Detailed Regional Analysis 

The regions covered in MRFR’s study on automotive position sensor market include the key regions of North America, Europe, Asia-pacific, and Rest of the World. 

Among these, North American and Europe are balanced with having the leading state of the market and would retain its leadership in the forecast period. These regions have the presence of several leading market players that are actively on the rise and adopting technologies in their automotive business to incorporate automotive position sensors. These factors are likely to drive the market significantly during the forecast period. 

On the other hand, the Asia-Pacific region is also probable to show a high possibility of expansion mainly due to the surge in the number of passenger vehicles sales and usage in this region. 

Other Related Market Research Reports: 

Global Automotive Ignition Coil Aftermarket Research Report: Information by Product (Pencil Ignition Coil, Electronic Distributor Coil, Double Spark Coil, Can-Type Ignition Coil, Ignition Coil Rail), by Vehicle Type (PC, LCV, HCV) and Region - Forecast till 2025 

Automotive Throttle Position Sensor Market Research Report: Information by Product Type (Potentiometer, Socket, Comprehensive), Vehicle Type (Passenger Car, Commercial Vehicle), Sales Channel (OEM and Aftermarket), and Region - Global Forecast till 2025 
]]>
Truck Rental Market 2019 Size, Trends, Growth, Outlook and Forecast to 2024 Mon, 25 Nov 2019 12:31:59 +0100 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/608403.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/608403.html Automotive Market Research Reports Automotive Market Research Reports Market Overview

Truck rental comprises leasing and hiring of light commercial vehicles or heavy commercial trucks. Truck rental mostly serve companies, agencies, and individuals, who do not have their own truck fleets but yet accept freight transportation as a service. The incessantly growing need for trucks from the industrial, construction, and logistics sectors coupled with the swift population expansion are some of the forces propelling the worldwide truck rental market. Truck rental curtails the amount of vehicular pollution by curbing the volumetric sales of owned automobiles as well as on road automobiles. Such forces are driving the development of the truck rental sector at a burgeoning pace. Furthermore, the fleet owners are increasingly working on cost cutting steps to offer cost effective fleet solutions. Therefore, to manage cost efficiently, the fleet owners are taking up the alternative of truck rental to substantially eliminate or curtail the transport costs. Renting or leasing a truck minimizes the operational risks caused by demand for seasonal transport and uncertainty of contracts, which is propelling the truck rental market, all over the globe. In addition to this, leasing a truck has become an effective and highly cost effective solution when compared to loan and truck acquiring. This arrangement offers the owner an alternative of mobility without having to pay the costs related to vehicle ownership. These are the aspects estimated to propel the worldwide truck rental market throughout the assessment period. Moreover, renting a truck with full-service lease removes the financial liability of servicing, vehicle replacement, and maintenance. This is accelerating the worldwide truck rental market throughout the assessment period. On the other hand, the lack of truck rental service providers in underdeveloped and developing markets are the aspects estimated to restrict the market development throughout the review period.

Get a FREE Sample with Complete TOC @ https://www.marketresearchfuture.com/sample_request/7825

Market Segmentation

Market Research Future has conducted a comprehensive study on the segmentation of the global truck rental market. The report published through the study states that the worldwide truck rental market is categorised based on truck type, lease type, and region. On the basis of truck type, the worldwide market has been segregated into light commercial vehicle and heavy commercial truck. On the basis of lease rate, the worldwide market has been classified into full-service lease and finance lease.

Regional Analysis

Based on geography, the global truck rental market has been bifurcated into four key regions, which include Europe, North America, Asia-Pacific, and the Rest of the world. The truck rental market within North America represents the largest market share. This is due to the prevalence of rental truck provider firms, such as PACCAR Leasing Company, AMERCO, L.P., Penske Truck Leasing Co., Avis Budget Group Inc. and Ryder System, Inc. This in combination with the growing awareness and concern of eliminating emissions has majorly led to the surge in the car rental alternatives, as truck rental systems extensively curb the number of trucks on the road. Also, the scope of research and development in the North America market is high and the government in the region plays a significant role in aiding funds for carrying out the research and development activities. The market in Asia Pacific is estimated to witness exponential growth throughout the assessment period. The growth can be attributed to the Asia Pacific market's rising population along with the increasing per capita income of the individual residing there.

Key Players

The renowned players operating within the worldwide truck rental market include PACCAR Leasing Company (US), AMERCO (US), L.P. (US), Penske Truck Leasing Co., Sixt SE (Germany), Ryder System, Inc. (US), Almano (US), United Rentals, Inc. (US), Advantage Rent-a-car (US), Budget Car Rental (US), Avis Budget Group Inc. (US), Europcar (UK), and MAX Rental.lu AG (Luxembourg).

 

Other Related Market Research Reports:

Global Electric Bikes Cargo Market Research Report: Information by Battery Type (Lithium-ion, Nickel-based, and Lead-based), End-Use (Personal Use, Large retail supplier, Courier & Parcel Service Providers), Product Type, and Region - Forecast till 2023


Global Light Commercial Vehicles Market Research Report: Information by Type (Trucks, Vans, Buses, Coaches, and Others), by Fuel Type (Diesel, Gasoline, and Electric), and by Region (North America, Europe, Asia-Pacific, and the RoW) - Forecast till 2025

]]>
Truck Rental Market 2019 Size, Trends, Growth, Outlook and Forecast to 2024 Mon, 25 Nov 2019 12:23:28 +0100 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/608400.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/608400.html Automotive Market Research Reports Automotive Market Research Reports Market Overview

Truck rental comprises leasing and hiring of light commercial vehicles or heavy commercial trucks. Truck rental mostly serve companies, agencies, and individuals, who do not have their own truck fleets but yet accept freight transportation as a service. The incessantly growing need for trucks from the industrial, construction, and logistics sectors coupled with the swift population expansion are some of the forces propelling the worldwide truck rental market. Truck rental curtails the amount of vehicular pollution by curbing the volumetric sales of owned automobiles as well as on road automobiles. Such forces are driving the development of the truck rental sector at a burgeoning pace. Furthermore, the fleet owners are increasingly working on cost cutting steps to offer cost effective fleet solutions. Therefore, to manage cost efficiently, the fleet owners are taking up the alternative of truck rental to substantially eliminate or curtail the transport costs. Renting or leasing a truck minimizes the operational risks caused by demand for seasonal transport and uncertainty of contracts, which is propelling the truck rental market, all over the globe. In addition to this, leasing a truck has become an effective and highly cost effective solution when compared to loan and truck acquiring. This arrangement offers the owner an alternative of mobility without having to pay the costs related to vehicle ownership. These are the aspects estimated to propel the worldwide truck rental market throughout the assessment period. Moreover, renting a truck with full-service lease removes the financial liability of servicing, vehicle replacement, and maintenance. This is accelerating the worldwide truck rental market throughout the assessment period. On the other hand, the lack of truck rental service providers in underdeveloped and developing markets are the aspects estimated to restrict the market development throughout the review period.

Get a FREE Sample with Complete TOC @ https://www.marketresearchfuture.com/sample_request/7825

Market Segmentation

Market Research Future has conducted a comprehensive study on the segmentation of the global truck rental market. The report published through the study states that the worldwide truck rental market is categorised based on truck type, lease type, and region. On the basis of truck type, the worldwide market has been segregated into light commercial vehicle and heavy commercial truck. On the basis of lease rate, the worldwide market has been classified into full-service lease and finance lease.

Regional Analysis

Based on geography, the global truck rental market has been bifurcated into four key regions, which include Europe, North America, Asia-Pacific, and the Rest of the world. The truck rental market within North America represents the largest market share. This is due to the prevalence of rental truck provider firms, such as PACCAR Leasing Company, AMERCO, L.P., Penske Truck Leasing Co., Avis Budget Group Inc. and Ryder System, Inc. This in combination with the growing awareness and concern of eliminating emissions has majorly led to the surge in the car rental alternatives, as truck rental systems extensively curb the number of trucks on the road. Also, the scope of research and development in the North America market is high and the government in the region plays a significant role in aiding funds for carrying out the research and development activities. The market in Asia Pacific is estimated to witness exponential growth throughout the assessment period. The growth can be attributed to the Asia Pacific market's rising population along with the increasing per capita income of the individual residing there.

Key Players

The renowned players operating within the worldwide truck rental market include PACCAR Leasing Company (US), AMERCO (US), L.P. (US), Penske Truck Leasing Co., Sixt SE (Germany), Ryder System, Inc. (US), Almano (US), United Rentals, Inc. (US), Advantage Rent-a-car (US), Budget Car Rental (US), Avis Budget Group Inc. (US), Europcar (UK), and MAX Rental.lu AG (Luxembourg).

 

Other Related Market Research Reports:

Global Electric Bikes Cargo Market Research Report: Information by Battery Type (Lithium-ion, Nickel-based, and Lead-based), End-Use (Personal Use, Large retail supplier, Courier & Parcel Service Providers), Product Type, and Region - Forecast till 2023


Global Light Commercial Vehicles Market Research Report: Information by Type (Trucks, Vans, Buses, Coaches, and Others), by Fuel Type (Diesel, Gasoline, and Electric), and by Region (North America, Europe, Asia-Pacific, and the RoW) - Forecast till 2025

]]>
Perché redigere un certificato energetico Roma? Mon, 30 Sep 2019 10:23:25 +0200 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/600392.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/600392.html marketing-seo.it marketing-seo.it Redigere un certificato energetico è una procedura molto importante, specialmente quando si tratta di città grandi come Roma, questo semplice documento può divenire uno strumento utile al fine di incrementare le possibilità di vendita o affitto di un dato immobile. In che modo? In questo articolo ti spiegheremo perché redigere un certificato energetico Roma e quali sono i vantaggi che puoi ottenere.

Comprensione dello stato dell'edificio

Redigere un certificato energetico Roma è fondamentale quando non si conosce il reale stato di un edificio e si è intenzionati a ridurre i consumi ottimizzando le proprie risorse. In particolare, grazie all'APE è possibile analizzare e comprendere in che condizioni energetiche verte la struttura, quali sono le migliorie possibili e quanto la sua condizione energetica influisce sul suo costo di vendita o affitto.

certificato energetico roma

In questo contesto ti ricordiamo che non è mai consigliato l'affito o l'acquisto di un edificio sprovvisto di certificazione energetica; quest'ultima infatti potrebbe rivelare una classe non troppo vantaggiosa a cui ovviamente sono collegati dei costi maggiori per quanto riguarda le utenze energetiche.

Risanare e ottimizzare le risorse

Un altro aspetto fondamentale che ci spiega perché sia così importante redigere un certificato energetico Roma è proprio l'ottimizzazione delle risorse energetiche.

L' esperto che verrà a visionare l'edificio per attuare il controllo vi indicherà tutte le possibili modifiche da attuare al fine di:

- ottimizzare costi di gestione
- analizzare le risorse
- indicare gli nterventi necessari per ottenere un'attestazione energetica più vantaggiosa.

L'esperto sarà una figura indipendente provvista delle competenze adeguate in materia; grazie ad un primo consulto e alla successiva valutazione emergeranno tutti gli elementi che è possibile cambiare. In molti casi infatti, viene consigliato di cambiare l'intero sistema energetico per crearne uno che sfrutti solo fonti di energia rinnovabile.

Tali cambiamenti potrebbero in primo luogo sembrare fin troppo onerosi ma ricorda sempre che, dopo aver ottenuto una certificato energetico vantaggioso, l'attrattiva nei confronti dell'immobile aumenterà in maniera vertiginosa.

Incrementare le possibilità di guadagno e risparmio

Oltre a tutti gli aspetti pratici, redigere un certificato energetico a Roma rappresenta uno dei principali step per essere sicuri di guadagnare sia in caso di vendita che in caso d'acquisto.

Nel caso l'appartamento da affittare o vendere fosse il tuo, ricorda che ad oggi la classificazione energetica è uno degli elementi di maggiore interesse, in quanto è possibile più o meno prevedere l'entità dei costi energetici che si andranno a sostenere.

Sapere di star affittando o comprando una struttura energeticamente moderna e risanata rappresenta una grande opportunità. Nel caso sia tu a dover acquistare o affittare la struttura, assicurati che la certificazione energetica sia stata aggiornata e che risultino tutti gli aspetti di tuo interesse.

Controllando l'APE sarà più facile per te attuare una scrematura tra le varie proposte e concentrarti solo sull'immobile che presenta le caratteristiche energetiche più vantaggiose.

Perché redigere una certificazione energetica Roma

Specialmente in una città dispendiosa come Roma, questo criterio non può e non deve essere trascurato. Una classificazione energetica di tipo A o B ti garantirà:
- un risparmio netto sui costi generali
- una migliore prestazione degli impianti
- un'esperienza abitativa sicuramente migliore.

Scoprire eventuali errori di valutazione

Redigere un certificato energetico Roma presenta, oltre a tutti i vantaggi sopra elencati, ulteriori possibilità di scoprire eventuali errori di valutazione effettuati precedentemente. Non è raro infatti che i proprietari di immobili non eseguano in modo corretto tutti i controlli necessari per verificare che l'attestazione sia avvenuta in modo adeguato.

Per scoprire eventuali errori di valutazione, basta partire dal presupposto che un edifico contraddistinto da una classe energetica di tipo A o B ma che non presenta impianti ad energia rinnovabile sarà stato valutato in modo poco scrupoloso e che quindi è necessario controllare ulteriormente. Questo, oltre ad accrescere l'interesse per la struttura, possiede un valore a livello pubblico e garantisce la possibilità di tutelarsi maggiormente. Ovviamente nella maggior parte dei casi le valutazioni effettuate sono corrette, tuttavia è sempre consigliabile essere scrupolosi e richiedere tutto ciò di cui hai bisogno per garantirti una valutazione veritiera al 100%.

]]>
Perché redigere un certificato energetico Roma? Mon, 30 Sep 2019 10:21:11 +0200 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/600391.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/600391.html marketing-seo.it marketing-seo.it Redigere un certificato energetico è una procedura molto importante, specialmente quando si tratta di città grandi come Roma, questo semplice documento può divenire uno strumento utile al fine di incrementare le possibilità di vendita o affitto di un dato immobile. In che modo? In questo articolo ti spiegheremo perché redigere un certificato energetico Roma e quali sono i vantaggi che puoi ottenere.

Comprensione dello stato dell'edificio

Redigere un certificato energetico Roma è fondamentale quando non si conosce il reale stato di un edificio e si è intenzionati a ridurre i consumi ottimizzando le proprie risorse. In particolare, grazie all'APE è possibile analizzare e comprendere in che condizioni energetiche verte la struttura, quali sono le migliorie possibili e quanto la sua condizione energetica influisce sul suo costo di vendita o affitto.

certificato energetico roma

In questo contesto ti ricordiamo che non è mai consigliato l'affito o l'acquisto di un edificio sprovvisto di certificazione energetica; quest'ultima infatti potrebbe rivelare una classe non troppo vantaggiosa a cui ovviamente sono collegati dei costi maggiori per quanto riguarda le utenze energetiche.

Risanare e ottimizzare le risorse

Un altro aspetto fondamentale che ci spiega perché sia così importante redigere un certificato energetico Roma è proprio l'ottimizzazione delle risorse energetiche.

L' esperto che verrà a visionare l'edificio per attuare il controllo vi indicherà tutte le possibili modifiche da attuare al fine di:

- ottimizzare costi di gestione
- analizzare le risorse
- indicare gli nterventi necessari per ottenere un'attestazione energetica più vantaggiosa.

L'esperto sarà una figura indipendente provvista delle competenze adeguate in materia; grazie ad un primo consulto e alla successiva valutazione emergeranno tutti gli elementi che è possibile cambiare. In molti casi infatti, viene consigliato di cambiare l'intero sistema energetico per crearne uno che sfrutti solo fonti di energia rinnovabile.

Tali cambiamenti potrebbero in primo luogo sembrare fin troppo onerosi ma ricorda sempre che, dopo aver ottenuto una certificato energetico vantaggioso, l'attrattiva nei confronti dell'immobile aumenterà in maniera vertiginosa.

Incrementare le possibilità di guadagno e risparmio

Oltre a tutti gli aspetti pratici, redigere un certificato energetico a Roma rappresenta uno dei principali step per essere sicuri di guadagnare sia in caso di vendita che in caso d'acquisto.

Nel caso l'appartamento da affittare o vendere fosse il tuo, ricorda che ad oggi la classificazione energetica è uno degli elementi di maggiore interesse, in quanto è possibile più o meno prevedere l'entità dei costi energetici che si andranno a sostenere.

Sapere di star affittando o comprando una struttura energeticamente moderna e risanata rappresenta una grande opportunità. Nel caso sia tu a dover acquistare o affittare la struttura, assicurati che la certificazione energetica sia stata aggiornata e che risultino tutti gli aspetti di tuo interesse.

Controllando l'APE sarà più facile per te attuare una scrematura tra le varie proposte e concentrarti solo sull'immobile che presenta le caratteristiche energetiche più vantaggiose.

Perché redigere una certificazione energetica Roma

Specialmente in una città dispendiosa come Roma, questo criterio non può e non deve essere trascurato. Una classificazione energetica di tipo A o B ti garantirà:
- un risparmio netto sui costi generali
- una migliore prestazione degli impianti
- un'esperienza abitativa sicuramente migliore.

Scoprire eventuali errori di valutazione

Redigere un certificato energetico Roma presenta, oltre a tutti i vantaggi sopra elencati, ulteriori possibilità di scoprire eventuali errori di valutazione effettuati precedentemente. Non è raro infatti che i proprietari di immobili non eseguano in modo corretto tutti i controlli necessari per verificare che l'attestazione sia avvenuta in modo adeguato.

Per scoprire eventuali errori di valutazione, basta partire dal presupposto che un edifico contraddistinto da una classe energetica di tipo A o B ma che non presenta impianti ad energia rinnovabile sarà stato valutato in modo poco scrupoloso e che quindi è necessario controllare ulteriormente. Questo, oltre ad accrescere l'interesse per la struttura, possiede un valore a livello pubblico e garantisce la possibilità di tutelarsi maggiormente. Ovviamente nella maggior parte dei casi le valutazioni effettuate sono corrette, tuttavia è sempre consigliabile essere scrupolosi e richiedere tutto ciò di cui hai bisogno per garantirti una valutazione veritiera al 100%.

]]>
Perché redigere un certificato energetico Roma? Mon, 30 Sep 2019 10:20:49 +0200 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/600390.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/600390.html marketing-seo.it marketing-seo.it Redigere un certificato energetico è una procedura molto importante, specialmente quando si tratta di città grandi come Roma, questo semplice documento può divenire uno strumento utile al fine di incrementare le possibilità di vendita o affitto di un dato immobile. In che modo? In questo articolo ti spiegheremo perché redigere un certificato energetico Roma e quali sono i vantaggi che puoi ottenere.

Comprensione dello stato dell'edificio

Redigere un certificato energetico Roma è fondamentale quando non si conosce il reale stato di un edificio e si è intenzionati a ridurre i consumi ottimizzando le proprie risorse. In particolare, grazie all'APE è possibile analizzare e comprendere in che condizioni energetiche verte la struttura, quali sono le migliorie possibili e quanto la sua condizione energetica influisce sul suo costo di vendita o affitto.

certificato energetico roma

In questo contesto ti ricordiamo che non è mai consigliato l'affito o l'acquisto di un edificio sprovvisto di certificazione energetica; quest'ultima infatti potrebbe rivelare una classe non troppo vantaggiosa a cui ovviamente sono collegati dei costi maggiori per quanto riguarda le utenze energetiche.

Risanare e ottimizzare le risorse

Un altro aspetto fondamentale che ci spiega perché sia così importante redigere un certificato energetico Roma è proprio l'ottimizzazione delle risorse energetiche.

L' esperto che verrà a visionare l'edificio per attuare il controllo vi indicherà tutte le possibili modifiche da attuare al fine di:

- ottimizzare costi di gestione
- analizzare le risorse
- indicare gli nterventi necessari per ottenere un'attestazione energetica più vantaggiosa.

L'esperto sarà una figura indipendente provvista delle competenze adeguate in materia; grazie ad un primo consulto e alla successiva valutazione emergeranno tutti gli elementi che è possibile cambiare. In molti casi infatti, viene consigliato di cambiare l'intero sistema energetico per crearne uno che sfrutti solo fonti di energia rinnovabile.

Tali cambiamenti potrebbero in primo luogo sembrare fin troppo onerosi ma ricorda sempre che, dopo aver ottenuto una certificato energetico vantaggioso, l'attrattiva nei confronti dell'immobile aumenterà in maniera vertiginosa.

Incrementare le possibilità di guadagno e risparmio

Oltre a tutti gli aspetti pratici, redigere un certificato energetico a Roma rappresenta uno dei principali step per essere sicuri di guadagnare sia in caso di vendita che in caso d'acquisto.

Nel caso l'appartamento da affittare o vendere fosse il tuo, ricorda che ad oggi la classificazione energetica è uno degli elementi di maggiore interesse, in quanto è possibile più o meno prevedere l'entità dei costi energetici che si andranno a sostenere.

Sapere di star affittando o comprando una struttura energeticamente moderna e risanata rappresenta una grande opportunità. Nel caso sia tu a dover acquistare o affittare la struttura, assicurati che la certificazione energetica sia stata aggiornata e che risultino tutti gli aspetti di tuo interesse.

Controllando l'APE sarà più facile per te attuare una scrematura tra le varie proposte e concentrarti solo sull'immobile che presenta le caratteristiche energetiche più vantaggiose.

Perché redigere una certificazione energetica Roma

Specialmente in una città dispendiosa come Roma, questo criterio non può e non deve essere trascurato. Una classificazione energetica di tipo A o B ti garantirà:
- un risparmio netto sui costi generali
- una migliore prestazione degli impianti
- un'esperienza abitativa sicuramente migliore.

Scoprire eventuali errori di valutazione

Redigere un certificato energetico Roma presenta, oltre a tutti i vantaggi sopra elencati, ulteriori possibilità di scoprire eventuali errori di valutazione effettuati precedentemente. Non è raro infatti che i proprietari di immobili non eseguano in modo corretto tutti i controlli necessari per verificare che l'attestazione sia avvenuta in modo adeguato.

Per scoprire eventuali errori di valutazione, basta partire dal presupposto che un edifico contraddistinto da una classe energetica di tipo A o B ma che non presenta impianti ad energia rinnovabile sarà stato valutato in modo poco scrupoloso e che quindi è necessario controllare ulteriormente. Questo, oltre ad accrescere l'interesse per la struttura, possiede un valore a livello pubblico e garantisce la possibilità di tutelarsi maggiormente. Ovviamente nella maggior parte dei casi le valutazioni effettuate sono corrette, tuttavia è sempre consigliabile essere scrupolosi e richiedere tutto ciò di cui hai bisogno per garantirti una valutazione veritiera al 100%.

]]>
Perché redigere un certificato energetico Roma? Mon, 30 Sep 2019 10:20:27 +0200 http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/600389.html http://comunicati.net/comunicati/istituzioni/regioni/lazio/600389.html marketing-seo.it marketing-seo.it Redigere un certificato energetico è una procedura molto importante, specialmente quando si tratta di città grandi come Roma, questo semplice documento può divenire uno strumento utile al fine di incrementare le possibilità di vendita o affitto di un dato immobile. In che modo? In questo articolo ti spiegheremo perché redigere un certificato energetico Roma e quali sono i vantaggi che puoi ottenere.

Comprensione dello stato dell'edificio

Redigere un certificato energetico Roma è fondamentale quando non si conosce il reale stato di un edificio e si è intenzionati a ridurre i consumi ottimizzando le proprie risorse. In particolare, grazie all'APE è possibile analizzare e comprendere in che condizioni energetiche verte la struttura, quali sono le migliorie possibili e quanto la sua condizione energetica influisce sul suo costo di vendita o affitto.

certificato energetico roma

In questo contesto ti ricordiamo che non è mai consigliato l'affito o l'acquisto di un edificio sprovvisto di certificazione energetica; quest'ultima infatti potrebbe rivelare una classe non troppo vantaggiosa a cui ovviamente sono collegati dei costi maggiori per quanto riguarda le utenze energetiche.

Risanare e ottimizzare le risorse

Un altro aspetto fondamentale che ci spiega perché sia così importante redigere un certificato energetico Roma è proprio l'ottimizzazione delle risorse energetiche.

L' esperto che verrà a visionare l'edificio per attuare il controllo vi indicherà tutte le possibili modifiche da attuare al fine di:

- ottimizzare costi di gestione
- analizzare le risorse
- indicare gli nterventi necessari per ottenere un'attestazione energetica più vantaggiosa.

L'esperto sarà una figura indipendente provvista delle competenze adeguate in materia; grazie ad un primo consulto e alla successiva valutazione emergeranno tutti gli elementi che è possibile cambiare. In molti casi infatti, viene consigliato di cambiare l'intero sistema energetico per crearne uno che sfrutti solo fonti di energia rinnovabile.

Tali cambiamenti potrebbero in primo luogo sembrare fin troppo onerosi ma ricorda sempre che, dopo aver ottenuto una certificato energetico vantaggioso, l'attrattiva nei confronti dell'immobile aumenterà in maniera vertiginosa.

Incrementare le possibilità di guadagno e risparmio

Oltre a tutti gli aspetti pratici, redigere un certificato energetico a Roma rappresenta uno dei principali step per essere sicuri di guadagnare sia in caso di vendita che in caso d'acquisto.

Nel caso l'appartamento da affittare o vendere fosse il tuo, ricorda che ad oggi la classificazione energetica è uno degli elementi di maggiore interesse, in quanto è possibile più o meno prevedere l'entità dei costi energetici che si andranno a sostenere.

Sapere di star affittando o comprando una struttura energeticamente moderna e risanata rappresenta una grande opportunità. Nel caso sia tu a dover acquistare o affittare la struttura, assicurati che la certificazione energetica sia stata aggiornata e che risultino tutti gli aspetti di tuo interesse.

Controllando l'APE sarà più facile per te attuare una scrematura tra le varie proposte e concentrarti solo sull'immobile che presenta le caratteristiche energetiche più vantaggiose.

Perché redigere una certificazione energetica Roma

Specialmente in una città dispendiosa come Roma, questo criterio non può e non deve essere trascurato. Una classificazione energetica di tipo A o B ti garantirà:
- un risparmio netto sui costi generali
- una migliore prestazione degli impianti
- un'esperienza abitativa sicuramente migliore.

Scoprire eventuali errori di valutazione

Redigere un certificato energetico Roma presenta, oltre a tutti i vantaggi sopra elencati, ulteriori possibilità di scoprire eventuali errori di valutazione effettuati precedentemente. Non è raro infatti che i proprietari di immobili non eseguano in modo corretto tutti i controlli necessari per verificare che l'attestazione sia avvenuta in modo adeguato.

Per scoprire eventuali errori di valutazione, basta partire dal presupposto che un edifico contraddistinto da una classe energetica di tipo A o B ma che non presenta impianti ad energia rinnovabile sarà stato valutato in modo poco scrupoloso e che quindi è necessario controllare ulteriormente. Questo, oltre ad accrescere l'interesse per la struttura, possiede un valore a livello pubblico e garantisce la possibilità di tutelarsi maggiormente. Ovviamente nella maggior parte dei casi le valutazioni effettuate sono corrette, tuttavia è sempre consigliabile essere scrupolosi e richiedere tutto ciò di cui hai bisogno per garantirti una valutazione veritiera al 100%.

]]>