Il presidente della Regione Lazio consegna 2 premi di ricerca su tumori neuroendocrini

16/feb/2018 18:06:50 angelomontini Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Oggi al San Camillo Roberto Baldelli ci parla dei dei tumori neuroendocrini (NET). Il dott. Baldelli da poco è stato nominato all’ENATS rete di ricerca europea come referente del San Camillo e dove già sono presenti per il Lazio l’Ospedale Sant’Andrea e il Policlinico Gemelli. Premiate dall’AINET, Associazione Italiana Tumori Neuroendocrini, e alla presenza del Presidente Zingaretti che ha consegnato il premio, le dott.sse Rizza e Di Giacinto con un assegno di ricerca. Nicola Zigaretti ha sottolineato che l’uscita dal commissariamento del Lazio è stato “un fatto estremamente positivo, che avviene grazie a un lavoro molto proficuo fatto in questi anni, che si definisce su due ambiti. Da una parte i Livelli essenziali di assistenza, perché garantisce il raggiungimento della qualità dei servizi dei cittadini: oggi il Lazio ha raggiunto 178 punti nel 2016 nella Griglia Lea; dall’altra per i risultati conseguiti dal punto di vista economico-finanziario avendo, la Regione Lazio, raggiunto pienamente il pareggio di bilancio ed essendo oggi addirittura in attivo. Il presidente Zingaretti ha parlato del nuovo del nuovo finanziamento per il nuovo ospedale di Formia che andrà a sostituire il “Dono Svizzero”, in futuro destinato ad ospitare servizi socio-sanitari distrettuali e del nuovo ospedale ai Castelli romani. Maurizio Zega ha analizzato il tema della organizzazione interna del dipartimento delle Medicine Specialistiche e Endocrinologia e delle modalità di seguire il paziente nel suo percorso ospedaliero non solo da un punto di vista specialistico ma anche nella continuità tra strutture ospedaliere e territorio: l’ospedale deve integrarsi nel territorio di appartenenza.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl