poliziotti ammazzati... ancora...

05/ott/2019 15:12:45 Polizia Nuova Forza Democratica Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 30 giorni fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Si chiamava Salvatore D’ADDARIO, un poliziotto morto ammazzato nel 1991 da chi del sistema giudiziario e delle leggi italiane se ne fa beffe piu’ e piu’ volte. Dopo 30 anni di beffe e di morti ammazzati non se ne contano piu’.

Dopo trent’anni e centinaia di morti ammazzati nulla è cambiato, come non sono cambiate le Leggi che mai sono state adeguate ad una criminalità nostrana ed “importata” che sanno di poter fare quel che vogliono, anche di macellare delle ragazze.

Un sistema Giudiziario alla canna del gas, con un sistema sicurezza ormai ridotto a pochissimi operatori in strada ma con il doppio di Prefetti ed il triplo di Dirigenti.

… e questa sarebbe la sicurezza in Italia? Una Italia dove politici incompetenti “giocano ogni giorno con la vita dei poliziotti e dei cittadini”, non sapendo cosa fare e di cosa stiano parlando.

La criminalità, in questa Italia alla deriva, trova gioco facile, tanto che i criminali fanno a gara a chi arriva prima in Italia per potere far finalmente quel che gli pare.

Sangue innocente sparso, di cui tanti politici ne hanno le mani madide come per le sentenze emesse grazie ad un sistema giudiziario assolutamente orientato al “FAVOR REI” per le quali, dopo trent’anni, ancora NESSUNO NE RISPONDE.

Così chi delinque continua a farlo sentendosi tronfio nella consapevolezza che puo’ fare di peggio e di piu’, in una Italia dove vige quasi l’anarchia per le strade dove i CRIMINALI DETTANO LEGGE sbeffeggiando anche chi fa e gestisce la legge. Basta dire di essere pentiti del male fatto e… il gioco è fatto!!!

Dopo tutti questi morti ammazzati nulla è cambiato, come le solite passerelle di circostanza, i soliti comunicati stampa, come per i “SOLITI MORTI AMMAZZATI” vuoi per esecuzioni mafiose o rapine.

Altri due poliziotti sono morti ammazzati per mano di chi non doveva essere in Italia o non doveva essere in libertà, come tante altre centinaia e centinaia di morti che si chiamano Salvatore D’ADDARIO.

Una Italia allo sbando, nella totale anarchia, come nelle periferie, come in alcune Città, come quella nella provincia di Napoli dove le raccolte di firme sono urla di disperazione ed esasperazione perchè la criminalità organizzata e non dilaga in ogni dove da troppo tempo.

Ancora sentiamo Politici che, vivendo nei loro mondi dorati, fanno i soliti triti e ritriti proclami, invece che rivoltare come calzini i vari Ministeri pieni di inutili Manager che fanno chiacchiere su chiacchiere e scrivono fiumi di vuote parole troppe volte sbagliate ed inutili.

Da 30 anni tanti Salvatore D’Addario sono morti ammazzati o feriti, come a Trieste, come fuori palazzo Chigi, come Salvatore morto massacrato a Porta Nolana, ma i GRANDI MANAGER DELLA SICUREZZA hanno dimostrato di non essere assolutamente in grado di adottare misure e contro misure, sanno che non verranno “avvicendati per la conclamata incapacità nel redigere le regole di ingaggio o protocolli operativi salva vita”.

Questi “strani Manager” anche se vengono massacrati poliziotti tutti i giorni a decine, a centinaia, loro rimangono sempre lì, sulla loro poltrona dorata, con i loro dorati stipendi, tanto chi muore è quella divisa che rischia in strada, tanto se sbaglia o muore… a loro non importa… verrà sostituito da un altro… pronto a morire o a finire in galera… un altro Salvatore D’ADDARIO… si preoccupano, pero’, di far tacere le voci interne del dissenso… perseguitandole… e denunciando chi dissente democraticamente utilizzando il cd. “metodo Toninelli”.

Decine e decine di famiglie in lutto per la manifesta incapacità di chi deve legiferare, di un sistema giudiziario sempre più favorevole ai criminali, criminali che difficilmente andranno in galera o vi rimarranno… anche se fanno una strage di innocenti e di divise…. hanno anche la facoltà di non rispondere…  

Da anni tutti sono consapevoli che urge rivoltare come calzini i tanti Ministeri, rifondare la Giustizia e la Magistratura, unificare le Forze di Polizia per averne una senza le troppe inutili miliardarie catene di Comando, per avere, finalmente, il doppio delle volanti nelle Citta’ perche’ il doppio dei Prefetti ed il triplo dei Dirigenti non servono a nessuno tranne che alla criminalità nostrana e “importata” che sono consapevoli che così di soldi per l’ordine e la sicurezza pubblica non ce ne sono.

Napoli, 05 ottobre 2019                                                      La Segreteria Nazionale

 

Tel. 3920685499 – www.pnfdnazionale.it Sede nazionale: Via Chiatamone n. 30

80121 Napoli

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl