Chi ha deciso di chiudere i R.I.P.S. dovrà fare MEA CULPA!

28/mag/2017 21.31.23 Polizia Nuova Forza Democratica Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 30 giorni fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Napoli. Oggi, in una dura lettera indirizzata a Ministrero dell’Interno, tra cui il Ministro ed il Capo della Polizia, il Segretario Nazionale del Sindacato Polizia Nuova Forza Democratica, Franco Picardi, lancia le sue accuse perché: “… dopo tanti anni di militanza alla Polizia Stradale ci si rende conto che la decisione di chiudere i Reparti Operativi per tenere aperti quelli non operativi, o meglio inutili,  significa voler azzerare la sicurezza dei cittadini soprattutto in autostrada e tangenziale! Basterebbe fare l’esempio dei compartimenti con le sezioni, un dispendio inutile di risorse umane .

Tale chiusura non la condividiamo la condanniamo fermamente per un evidente danno causato al cittadino ma anche all’erario dello Stato !

Il cittadino che prima aveva la possibilità di ricevere maggiore assistenza in tangenziale e autostrada, oggi,  dovrà arrangiarsi, dovrà fare i conti con l’emergenza,  perché quel poliziotto, deluso,  tenderà di lasciare la specialità per scegliere come luogo di destinazione, un posto di lavoro che gli dia sicurezza per il futuro.

Perché non sono stati chiusi gli autocentri? Perché non sono state chiuse le ex direzioni interregionali o le zone TLC? Perché si chiudono gli uffici operativi, quelli che assicurano ai cittadini la sicurezza?

Ancora oggi risultano aperti presso il Ministero dell’Interno, uffici inutili che sono doppioni di altri e che se chiusi, consentirebbero un notevole recupero di risorse umane ed inutile spreco di denaro !

La scrivente O.S. ma soprattutto Il personale che è interessato da tale movimentazione, è fortemente deluso per il trattamento gestionale della mobilità forzata, posto in esecuzione dall’ufficio risorse umane il quale tende, autoritariamente , destinare il personale  in altri reparti per fronteggiare le esigenze di servizio ma senza  considerare minimamente il disagio personale e familiare, le aspettative e le necessità logistiche .

Al personale INTERESSATO da tale movimentazione, Gli sono stati indicati alcuni reparti che distano anche oltre i dieci chilometri, quindi  li allontanerebbe anche dalle sedi dove avevano trovato sistemazione logistica.

Vi è di più, alcuni di tali provvedimenti prevedono, in un momento storico di “vacca magra” anche il beneficio della legge 100/87.

Il quesito che intendiamo porre a coloro che leggono in indirizzo è il seguente :

Chi pagherà per le spese della legge 100/87, chi pagherà per le spese sostenute all’epoca dell’apertura dei reparti RIPS? Chi pagherà per tutto questo ? Non sarebbe stato meglio interessare il personale per trasferirlo presso le sedi richieste da sempre e che allo stato attuale sono comunque in una evidente crisi per la  carenza di personale?  si sarebbero risparmiati milioni di euro, anche per la legge 100/87 , quando la pagano !

Non dimentichiamoci che i predetti trasferimenti sono di natura straordinaria e come tale devono essere considerati dal Dirigente che gestisce tale istituto il quale ha il dovere di contemperare   le esigenze del personale.

A noi sembra che tutto cio’ non stia avvenendo !

I poliziotti sono essere umani prima di indossare la divisa ed anche dopo, non possono essere trattati come “oggetti” da utilizzare ad “uso e consumo e proprio” occorre considerare le loro esigenze familiari, meritano rispetto, anche per la movimentazione, soprattutto quando la stessa è dovuta per esigenze sole ed uniche della Pubblica Amministrazione – Dipartimento della P.S. – non ne comprendiamo comunque il fine del risparmio…

CHI CONTINUA A CHIUDERE GLI UFFICI OPERATIVI SALVAGUARDANDO QUELLI NON OPERATIVI E BUROCRATICI, DOVRA’ FARE “ MEA CULPA” .     

Auspichiamo in un criterio diverso da quello attuato che consenta al personale di poter esprimere una sede di PROPRIA  preferenza , trattandosi di mobilità forzata per esigenze del Dipartimento di P.S. .”…

Gravissime sono le accuse e, sembra, che il prossimo passo sarà quello della richiesta di intervento della Corte dei Conti e per la scarsa e/o mancata sicurezza…

P.N.F.D. tel. 3313789788 - sede legale : Via Chiatamone nr. 30 – 80143 Napoli Telefax 0810320028

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl