Pensionati, il Portogallo ci aspetta

10/apr/2016 15.56.13 Virgilio E. Conti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 6 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Pensionati, il Portogallo ci aspetta

 

 

Articolo, a firma di Virgilio Conti, tratto dal sito web di Franco Abruzzo

La pensione non si rivaluta più

Quando lo scorso anno la Consulta dichiarò anticostituzionale il blocco della perequazione automatica introdotto dal Governo Monti/Fornero i pensionati tirarono un sospiro di sollievo: “finalmente giustizia è fatta” devono aver pensato. Mai avrebbero creduto che le tribolazioni, invece di finire, continuassero; mai avrebbero immaginato che neanche un pronunciamento di tale rilevanza riuscisse a ristabilire quell’obbligo di adeguamento della busta paga così inviso ai nostri politici che, attenti ai conti pubblici ma soltanto coi quattrini dei soliti noti, proprio non potevano accettare che quelle poche decine di euro di rivalutazione automatica dei redditi da pensione mettessero in pericolo le casse dello Stato.

E quindi nemmeno l’autorevole sentenza bastò, dato che “Vuolsi così colà dove si puote ciò che si vuole”; “e più non dimandare” aggiunge Virgilio nella Commedia di Dante, però i cittadini continuano a farsele le domande e non trovando le giuste risposte concludono di dover cambiare la politica del Paese o addirittura il Paese di residenza.

 

Pensioni “tradite"

Insomma, diciamolo chiaramente e diciamolo forte, le “oneste” pensioni italiane, quelle da qualche migliaio di euro mensili, “versate” per trenta o quarant’anni ed oggi riscosse, quelle senza bonus o aiutini vari, però gravate da carichi fiscali per un terzo del lordo, e sempre più fiacche come potere di acquisto, sono state “tradite”! 

Tradite dal Governo, dalla Politica, dai Sindacati, dall’INPS e da tutti coloro che sembrano aver dimenticato precise responsabilità; quelle dei Governi pro tempore che trovano sempre comodo prelevare dalle tasche dei pensionati, quelle di una Politica distratta dai propri interessi, quelle di Sindacati incapaci o deboli e quelle di un istituto previdenziale che dopo avere incassato per decenni fior di contributi lamenta oggi, a giorni alterni, difficoltà di cassa trascurando di separare la contabilità di previdenza sociale da quella di assistenza sociale.

E che dire dello sbandierato “Bonus Poletti”? Si è rivelato un fallimento, una presa in giro, soprattutto per la fascia medio-alta perché ingannevole nel nome e palesemente inadeguato nella cifra, sproporzionata rispetto al dovuto.         

 

Accanimento dello Stato?

E così, ci chiediamo quali sono le ragioni dell’accanimento dello Stato verso lavoratori che hanno costruito questo Paese, hanno pagato le tasse e contribuiscono tuttora all’economia familiare e generale.

Non posso, non voglio credere che tali ragioni risiedano nella facilità di prelievo dalle tasche di chi è dotato di un sempre più raro senso del dovere e, allo stesso tempo, appare più debole e indifeso degli altri ancorché formato e forgiato alle stagioni più difficili. Sarebbe vergognoso nei confronti dei pensionati attuali e futuri, sarebbe anche di pessimo esempio per le nuove generazioni.

 

Scenari possibili

Ad ogni modo ecco alcuni scenari ragionevolmente ipotizzabili.

Quello, auspicabile, di una politica capace di riappropriarsi del suo ruolo e della fiducia del Popolo, quello, inevitabile quanto arido, di correzioni di rotta imposte dalla magistratura ovvero quello, non impossibile, di una spinta elettorale capace di sradicare l’attuale giovane/antiquato potere politico; oppure ancora quello, deprecabile, di una popolazione in pensione depauperata di denaro, diritti e dignità e così costretta all’emarginazione o all’emigrazione.

Personalmente mi auguro di recarmi presto in Portogallo ma soltanto per trascorrervi una piacevole vacanza! Mi sarà possibile?

Virgilio Conti

 

                   

Virgilio Conti

ex capoistruttore Addestramento tecnico e certificazione Personale

& coordinatore attività di addestramento esterne di Alitalia

ex professore di impianti del velivolo in IFAP-IRI e docente esterno

di impianti elettrici di bordo presso ingegneria aeronautica di Roma

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl