Clerici: La questione degli sfratti sta tutto nel welfare di Stato

09/gen/2015 19:18:18 Dr. Pietro Bardoscia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

FONTE: GIORNALE INFORMAZIONE QUOTIDIANA

« La questione degli sfratti sta tutto nel welfare di Stato » 


ACHILLE COLOMBO CLERICI


Non siamo insensibili ai sentimenti di solidarieta' umana.
Ma siamo anche sensibili ai principi di equita' e di diritto che, se crollano, allora si', portano al crollo dello Stato.

La questione della proroga del blocco degli sfratti, data poi l'esiguita' dei casi ai quali la misura si applicherebbe, e' divenuta una vera questione di principio.

E' lecito chiedersi se il contribuente, dopo aver assolto al suo debito tributario - che nella specie della fiscalita' immobiliare e' peraltro gravosissimo - possa aver il diritto di non vedersi accollare altri oneri economici a seconda che lo Stato ritenga o meno di "fare solidarieta'" a sue spese ?
Crediamo di si.

Se la pensassimo diversamente dovremmo arrivare ad ammettere che il panettiere ad un bisognoso, che si presenti con un bel certificato pubblico in mano attestante la sua condizione, debba vendere sotto costo il pane e senza contropartite compensative.

Ed allora come non convenire che la solidarieta' pubblica deve esprimersi attraverso la fiscalita' generale e non addossandone l'onere ai singoli cittadini ? 

La questione del blocco degli sfratti e' tutta qui.
Si tratta di un manipolo di malcapitati cittadini che, ricchi o poveri che siano, hanno dovuto subire per anni una compressione dei propri diritti perche' lo Stato ed i Comuni non hanno saputo risolvere, nel tempo, il problema abitativo di alcune categorie di bisognosi.

La mancata proroga del blocco degli sfratti, puo' esser letta dunque come un segnale positivo dato dal Governo, che mira alla riconduzione alla naturale disciplina civilistica del rapporto di locazione, eliminando all' interno dello stesso una forzatura dovuta all'interferenza di misure autoritative, sia pur introdotte per ragioni sociali.
Una forzatura sulla quale pende peraltro il monito della Corte Costituzionale.

Si tratta di un primo segnale per ripristinare la fiducia dei risparmiatori investitori nella casa.

Tanto piu' che il Governo ha parallelemente stanziato un finanziamento ai Comuni per il fondo affitti e il fondo per la morosita' incolpevole, nonche' per le ristrutturazioni delle abitazioni di edilizia residenziale pubblica: anche al fine di permettere loro di affrontare il problema.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl