Comunicato Stampa - Quando la solitudine è curata a suon di psicofarmaci: intervista a Vincenza Palmieri

21/ago/2013 15:31:37 Addetto Stampa I.N.PE.F Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.



A Ferragosto il disagio non va in vacanza. Il Team di “Vivere Senza Psicofarmaci®”  evita un TSO e supporta  una grande quantità di richieste di aiuto.


Ferragosto, periodo di festa e di spensieratezza … ma non per tutti. Spesso proprio in questa giornata, le persone più “sensibili” percepiscono ancor più la solitudine. Il loro malessere cresce e si acutizza. Alcuni manifestano il dolore attraverso gesti eclatanti, violenze verso gli altri o verso se stessi. Altri, “semplicemente”, implodono in una sofferenza dilatata dal caldo e dall’assenza del rumore della città. Nel silenzio e nell’afa, il proprio dolore è un urlo assordante che non può cadere nel vuoto.

Ed è proprio in questo contesto che ha agito, lo scorso 15 agosto, il Team Multidisciplinare del programma “Vivere senza Psicofarmaci ®” di Roma, presieduto dalla prof.ssa Vincenza Palmieri intervenendo in varie situazioni di disagio ed evitando anche un TSO.

E’ stato un momento importante quello vissuto ieri dal punto di vista umano - spiega la prof.ssa Vincenza Palmieri - in quanto ci deve fare riflettere sul fatto che il disagio non si spegne nei periodi di vacanza, anzi. E’ importante sapere che sul territorio esistono specifiche Associazioni o Enti che operano 24 ore su 24 per 365 giorni all’anno, come appunto “Vivere Senza Psicofarmaci®” che da tempo propone un progetto alternativo a cure psichiatriche invasive supportando coloro che, in accertate condizioni, vogliano e possano dismettere l’abuso di psicofarmaci proponendo  un intervento multidisciplinare e gestendo - come in questo caso - le richieste di aiuto.

Non un telefono rosa, né azzurro, né viola ma assolutamente bollente. Sempre più spesso, purtroppo, si tende a far ricoverare il malato psichico ma anche la persona che dimostra un “momentaneo scompenso”, in quei reparti per la diagnosi e cura psichiatrica che farebbero rabbrividire Basaglia e quanti ancora pensano che in Italia i manicomi siano stati chiusi. In Italia è attiva e quotidianamente applicata la contenzione tramite fasce di cuoio bianche che legano il paziente  - mani e piedi -  al letto. Come quelli che ho visto in questa estate. E quando questa pratica è interrotta, ci sono i bombardamenti chimici - gli shock tramite somministrazione di bombe psicofarmacologiche .  

I più colpiti: i tossicodipendenti, i giovani portatori di disagio, pronti ad essere avviati , da una carriera di tossicodipendente  a quella di malato di mente, comunque consumatore di droghe, se non di strada, …di ospedale!

Abbiamo ricevuto centinaia di telefonate proprio nella settimana clou delle feste del ferragosto, da diverse zone d’Italia, ed anche contatti tramite il sito o i social network. Erano ragazzi  o genitori. Ed anche figli!

Se d’inverno la bufera attraversa le famiglie per il tramite delle “diagnosi di disturbi specifici dell’apprendimento”, con una “pandemia di dislessici”, d’estate il caldo,  la solitudine e la miseria si trasformano in “psicosi”. Non serve certamente un mini manicomio territoriale (vedi Stop OPG), ma non basta neanche un amico.

L’esperienza di questi giorni, infatti,  sarà capitalizzata in un progetto di assistenza ed aiuto  che andiamo a strutturare con le Istituzioni e le Amministrazioni Locali in primis.  Per evitare che una richiesta di aiuto o un bisogno di assistenza sanitaria o sociale  si trasformino in una carriera psichiatrica o giudiziaria senza fine.  Perché la solitudine o la non conoscenza non diventino  mai più una malattia.”

 

Il Programma Vivere senza psicofarmaci spiegazione (http://www.viveresenzapsicofarmaci.it)

 



--
Ufficio Stampa I.N.PE.F
Viale Trastevere 209 A/1 Roma 00153
06.5803948 - 06.5811057
 
 

 
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl