CANCRO DELLA VESCICA, A FIRENZE IL TOUR DI "NON AVERE TIMORE"

07/lug/2017 10.30.21 Francy Antonioli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 30 giorni fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Firenze, 7 luglio 2017 - Arriva nelle piazze il progetto dell'Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) "Non avere TUTimore, campagna di sensibilizzazione sul Tumore Uroteliale". Ieri a Firenze in Piazza Massimo d'Azeglio si è tenuto la quarta tappa di questa iniziativa volta a promuovere l'informazione e la prevenzione del cancro della vescica. E' stato allestito uno stand dove hanno distribuito materiale informativo. In più, sempre in piazza, si sono esbiti otto ballerini professionisti (della scuola IALS di Roma) con performance che racchiudono una serie di messaggi volti a favorire l'importanza della cura del proprio corpo e della salute. "Non avere TUTimore" è un progetto reso possibile da Roche e si tratta del primo mai realizzato nel nostro Paese interamente dedicato a questa neoplasia. Il tour ha già toccato le città di Roma e Torino e Bari. "Il tumore della vescica è una malattia di cui si parla ancora poco anche se ogni anno colpisce oltre 26mila italiani - afferma il prof. Carmine Pinto, Presidente Nazionale AIOM -. La nostra campagna ha il preciso obiettivo di aumentare il livello di consapevolezza tra tutta la popolazione. Abbiamo voluto utilizzare uno strumento nuovo, come un corpo di ballo, per incentivare gli stili di vita corretti. Anche questa neoplasia risente di alcuni comportamenti pericolosi, primo fra tutti il fumo. Vogliamo ricordare che le sigarette nuocciono gravemente a tutto l'organismo e non solo ai polmoni. La metà di tutti i tumori al tratto urinario sono, infatti, provocati da questo pericoloso vizio". Non avere TUTimore è una campagna che vede anche il coinvolgimento dei medici di famiglia italiani con la distribuzione di opuscoli per i cittadini negli ambulatori. "Il cancro della vescica non presenta sintomi specifici che possano permettere una diagnosi precoce - aggiunge Pinto -. L'unico segnale che può e che deve destare sospetti è la presenza di sangue nelle urine. È quindi fondamentale, in questo caso, recarsi immediatamente dal medico per svolgere esami più approfonditi. Sul modello vincente già intrapreso in Canada e Regno Unito abbiamo voluto anche nel nostro Paese avviare un'iniziativa nazionale di educazione sanitaria e insegnare alla popolazione quali siano i campanelli d'allarme da non sottovalutare".

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl