Lainate, PIU’ CONSAPEVOLEZZA, MESSAGGI DI SPERANZA E DUE PANCHINE ROSSE PER DIRE NO ALLA VIOLENZA SULLE DONNE

Allegati

27/nov/2018 10:47:22 Ufficio stampa Lainate Contatta l'autore



COMUNICATO STAMPA

 

Una giornata intensa voluta dall’Amministrazione comunale in collaborazione con le realtà locali

PIU’ CONSAPEVOLEZZA, MESSAGGI DI SPERANZA E DUE PANCHINE ROSSE

PER DIRE NO ALLA VIOLENZA SULLE DONNE

 

Erano in tanti, anche uomini, domenica 25 novembre, all’Auditorium del Centro Civico di Barbaiana ad assistere alle iniziative organizzate dall’Amministrazione comunale in collaborazione con Dimensione Cultura per la Giornata contro la violenza sulle donne.

A sottolineare il senso di questa giornata le due donne della Giunta Landonio, il vicesindaco Cecilia Scaldalai e l’assessore al bilancio Danila Maddonini che hanno scelto di celebrare attraverso l’arte una ricorrenza ‘impegnativa’ senza retorica, ma con iniziative concrete.

Teatro, musica e un laboratorio sono stati gli ingredienti di un pomeriggio intenso.

 

Lo spettacolo ‘Il canto delle donne. Storie di violenza domestica’ mai banale nei contenuti ed interpretato con coinvolgente maestria dai giovani attori/cantanti del Teatro dell’Armadillo e Accademia Dimensione Musica, ha saputo toccare in profondità l’animo degli spettatori, e pur nella sua crudezza ha offerto un messaggio di speranza e di positività. La performance è stata realizzata in questa edizione da Accademia Dimensione Musica con la regia di Marco Corcella, autore anche dei testi. Attori Giorgia Berti, Veronica Ceriani, Marco Corcella, Marco Covelli, Fabio Lovato, Ilaria Pegoraro, Laura Tognetti.

 

A Chiara Sainaghi il compito di presentare il Centro Antiviolenza Hara, che opera sul territorio del Rhodense e di cui è responsabile, spiegando tutte le attività e le azioni concrete che si possono avviare a sostegno delle donne che decidono di denunciare la violenza famigliare di cui sono vittime.

Il pomeriggio si è concluso con il Laboratorio di Arte terapeutica ‘Di fuoco arde il mio cuore’ condotto dalla Professoressa dell’Accademia di Brera Laura Tonani. Un grande cerchio di una cinquantina di donne che sedute a terra ed utilizzando la fiamma delle candele hanno ‘creato’ figure a carboncino su piccoli fogli di carboncino. “Un laboratorio suggestivo per imparare a tenere la giusta distanza dalla fiamma, che se troppo vicina brucia la carta ma se lontana non crea alcun disegno - spiegano l’assessore Maddonini e Scaldalai - Così con il cuore ed i sentimenti dobbiamo imparare a mantenere il giusto equilibrio, amare sì ma senza sofferenza, altrimenti non può essere amore”.

Al termine un brindisi insieme per sottolineare l’importanza del lavoro di squadra e la coesione del tessuto sociale per arrivare ad eliminare la violenza di ogni genere e tipo.

 

 

Il Centro Antiviolenza ‘Hara, Ricomincio Da Me’ è un servizio attivo realizzato con la collaborazione di 17 Comuni fra cui anche Lainate, per contrastare e prevenire la violenza sulle donne.

Numero Centro Antiviolenza HARA del Rhodense e Bollatese:  3351820629

Il progetto è realizzato con il lavoro congiunto di: servizi sociali dei Comuni del Rhodense e del Bollatese,  ASST e di ATS-Città metropolitana Milano, Forze dell’Ordine, Dialogica Cooperativa Sociale e Fondazione Somaschi Onlus. Il Centro è uno spazio di ascolto, anche telefonico, fornisce gratuitamente sostegno psicologico, consulenza ed assistenza legale, supporto in percorsi di autonomia economica e ospitalità in case rifugio.

 

DOVE e QUANDO

Rho, via Meda, 20                                    Bollate, Via Piave, 20

Lunedì: 9.00 �“ 13.00                                    Lunedì: 14.00 �“ 18.00

Martedì: 13.00 �“ 17.00                                     Martedì: 17.00 �“ 20.00

Mercoledì: 9.00 �“ 13.00                                    Venerdì: 10.00 �“ 13.00

Giovedì: 15.00 �“ 19.00

Sabato: 14.30 �“ 17.30

CONTATTI

centroantiviolenza@fondazionesomaschi.it

Negli orari di apertura: 3351820629

Negli orari di chiusura: 1522

 

 

Anche Lainate ora ha la sua panchina rossa. Anzi due. Sempre in occasione di questa giornata è stata accolta la proposta di Sercop di posizionare il simbolo della lotta alla violenza.

Una panchina rossa è stata posizionata davanti a L’Ariston Urban Center, luogo per eccellenza simbolo di cultura per la città, uno spazio molto frequentato ad ogni età, fin da piccoli. Si è voluto lasciare così un segnale anche visibile in un luogo in cui si cresce in nome della bellezza, dell’arte e della cultura.

Un’altra, quella che domenica era sul palco dell’Auditorium, sarà posizionata alla scuole di Barbaiana.

Ilprogetto della panchina rossa nasce a Torino nel 2014 grazie alla collaborazione con l’artista Karim Cherif per promuovere una campagna di sensibilizzazione territoriale sul tema della violenza di genere. Col tempo l’iniziativa si è diffusa in molte città italiane e la panchina da oggetto architettonico è divenuta oggetto portatore di significato, un monito visibile e permanente contro la violenza sulle donne.

La presenza di tali panchine costringe la gente a fermarsi, a guardare, a riflettere, a non girare la testa dall’altra parte. Sulla ‘nostra’ panchina, è stato riportato il numero di telefono 3351820629 del CENTRO ANTIVIOLENZA “HARA” del Rhodense e del Bollatese.

 

 


 

IN ALLEGATO UN PAIO DI FOTO DELL’INIZIATIVA
ALTRE IMMAGINI IN ALTA RISOLUZIONE ANCHE QUI: https://jmp.sh/CxieEQd

 

 

 

 




Ufficio Comunicazione
Comune di Lainate e Villa Litta
L.go Vittorio Veneto, 12
cell.3332162119
Pagina Facebook: Comune di Lainate
Pagina Facebook: l'Ariston Lainate Urban Center

P Evitate di stampare questo messaggio, se non ne avete reale necessità
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl