Scandicci (FI): a scuola si riscoprono i segreti delle coltivazioni locali e della stagionalità

04/feb/2009 11:23:35 Cooperativa Agricola Legnaia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


Comunicato stampa

 

SCANDICCI, I SEGRETI DELLE COLTIVAZIONI LOCALI

E DELLA STAGIONALITÀ SI RISCOPRONO IN CLASSE

 

 

A Scandicci i segreti delle coltivazioni locali e della stagionalità si riscoprono in classe. Un’iniziativa che nasce dalla collaborazione attivata fra la scuola media ‘Spinelli’ del 2° Istituto comprensivo di Scandicci e la Cooperativa agricola di Legnaia per far conoscere ai piccoli alunni il patrimonio costituito dall’agricoltura del nostro territorio e l’importanza delle produzioni locali di frutta e verdura.

Primo passo del progetto, giovedì 5 febbraio, sarà la visita della 1^ A della media Spinelli alla struttura di produzione vivaistica di Pieve a Settimo e, successivamente, il 12 e 19 febbraio gli alunni incontreranno in classe gli esperti della Cooperativa agricola di Legnaia. Appuntamenti in cui si parlerà di stagionalità di frutta e verdura, importante tassello in una corretta alimentazione, di produzioni locali e di filiera corta, come momento di riscoperta delle tradizioni del territorio e di sensibilizzazione ecologica con le produzioni a ‘chilometri zero’.

L’iniziativa, su proposta della scuola scandiccese, si svilupperà anche attraverso la realizzazione di una piccola aiuola nello spazio verde antistante l’istituto. Un piccolo giardino che sarà curato dai bambini della 1^ A della ‘Spinelli’, insieme ai piccoli alunni di una 5^ elementare della scuola ‘Pertini’, con la collaborazione dei tecnici della Cooperativa .

“Siamo molto soddisfatti di questa iniziativa – spiega Simone Tofani, responsabile dell’Area Tecnica della Cooperativa agricola di Legnaia – perché siamo convinti che sia importante sensibilizzare i bambini sul valore delle produzioni agricole del nostro territorio e della stagionalità, anche nell’ottica di una corretta e equilibrata alimentazione. La nostra agricoltura ha un grande patrimonio di tradizioni e è un tassello importante anche nella salvaguardia del territorio, oltre a garantire qualità e freschezza delle sue produzioni. Sarebbe bello inserire nel progetto anche delle visite a fattorie o aziende agricole di soci della Cooperativa, in quadro più ampio di riscoperta dell’attività agricola e contadina” .

 

Firenze, 4 febbraio 2009

 

L’Ufficio Stampa

349/2133482

 


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl