Traduzione tra il francese e l’italiano, le difficolta più ricorrenti

30/nov/2020 23:59:23 marketing-seo.it Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 30 giorni fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Tradurre non è per niente semplice, sono tante le difficoltà che si incontrano e ci sono errori ricorrenti e molto evidenti. Anche la traduzione italiano francese, due lingue che possono apparire come simili, presentano problemi piuttosto comuni.

 

I più frequenti e anche quelli più evidenti sono quelli morfo-sintattici e quelli di carattere semantico.

 

Nonostante la traduzione da una lingua all'altra abbia problemi soprattutto a livello di stile e di registri di lingua, ci sono degli errori morfo-sintattici  ricorrenti nella traduzione dall'italiano al francese. Vediamo le difficoltà e gli errori più ricorrenti.

 

Gli errori più frequenti sono di omissioni, la terminologia incompatibile, gli usi errati dei tempi verbali, l'uso di elementi sbagliati, gli italianismi. Le due lingue si somigliano parecchio e proprio per questo si è più soggetti ad errori di traduzione. Le difficoltà maggiori si incontrano nella traduzione dall'italiano al francese, molto meno in quella dal francese all'italiano.

 

Gli errori di omissione

 

Nella traduzione italiano-francese possono essere presenti errori di omissione, il “de” in particolare. Ecco qualche esempio

 

"Non ho mangiato pane" tradotto con "Je n'ai pas mangé pain" invece di " Je n'ai pas mangé de pain".

 

"Bei bambini giocavano nel parco"- "Beaux enfants jouaient dans le parc"- "De beaux enfants jouaient dans le parc".

 

Termini incompatibili

 

"Non ero mai andato a Roma"- "Je n'était pas jamais allé a Roma" invece di  "Je 'était jamais allé a Roma ".

 

"Ho sperato di poter venire" -"J'ai espéré de pouvoir venir"  invece di "J'ai espéré pouvoir venir"

 

Uno scorretto ordine sintagmatico

 

"Entra Marco  e mi dice"- "Entre Marc  et me dit" invece di "Marc entre et me dit".

 

"Mi ha detto di non cercare di capire"- "Il m'a dit de ne chercher pas a comprendre" invece di "Il m'a dit de ne pas chercher a comprendre".

 

Elementi sbagliati

 

"Maria e stata molto contenta"- "Marie est été tres contente" invece di "Marie a été tres contente".

 

"Questa storia viene definita"- "Cette histoire vient définie" invece di "Cette histoire est définie".

 

Gli errori di verbi

 

"Se verrò te lo diro"- "Si je viendrai, je te le dirai" invece di "Si je viens, je te le dirai".

 

"Se venissi te lo direi"- "Si je viendrais je te le dirais" invece di "Si je venais je te dirais".

 

"Penso che sia qui"- "Je pense qu'il soit ici" invece di  "Je pense qu'il est ici".

 

Il cambiamento di categoria grammaticale

 

"Non venire domani"-"Ne pas venir demain" invece di "Ne viens pas demain".

 

"Prese l'ombrello e se ne ando"-"Il prit le parapluie et s'en alla"invece di  "Il prit son parapluie et s'en alla".

 

Ci sono poi termini che vengono erroneamente tradotti perché molto somiglianti a parole italiane di significato diverso. Ecco alcuni casi.

 

Ecco alcuni dei casi ricorrenti:

 

"Pourtant" viene spesso tradotto con "Pertanto" invece di "Eppure".

 

"Assez" viene spetto tradotto con "Assai" invece di "Abbastanza".

 

"Fermer" viene spesso tradotto con "Fermare" invece di "Chiudere"

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl