Viticoltura toscana, primo allarme per la Flavescenza dorata: via ai trattamenti contro lo Scaphoideus

I rilevamenti dell'Arpat hanno infatti evidenziato la presenza di larve allo stato giovanile di "Scaphoideus Titanus", la famigerata "cicalina della vite" nelle zone di Arezzo, Firenze e Siena ed è partito il primo invito a effettuare le verifiche sulla presenza dell'insetto e a effettuare i trattamenti in quei vigneti in cui, negli anni passati, era stata riscontrata la presenza dell'insetto adulto.

17/lug/2008 12:49:00 Cooperativa Agricola Legnaia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Comunicato stampa

 

VITICOLTURA TOSCANA, PRIMO ALLARME PER LA FLAVESCENZA DORATA: VIA AI TRATTAMENTI CONTRO LO SCAPHOIDEUS TITANUS

 

 

 

Primo allarme per le viti toscane contro il rischio della ‘Flavescenza dorata’. I rilevamenti dell’Arpat hanno infatti evidenziato la presenza di larve allo stato giovanile di ‘Scaphoideus Titanus’, la famigerata ‘cicalina della vite’ nelle zone di Arezzo, Firenze e Siena ed è partito il primo invito a effettuare le verifiche sulla presenza dell’insetto e a effettuare i trattamenti in quei vigneti in cui, negli anni passati, era stata riscontrata la presenza dell’insetto adulto.

“Lo ‘Scaphoideus Titanus’ - spiega Simone Tofani, responsabile dell’Area Tecnica della Cooperativa Agricola di Legnaia - è il vettore per la diffusione epidemica della Flavescenza dorata, un parassita vegetale che difficilmente lascia scampo alla ‘vitis vinifera’ quando la colpisce. E’ comprensibile che su questo pericolo, che si è manifestato negli anni passati con pericolosi focolai anche nella nostra regione, si mantenga alta l’attenzione e direi che il ‘consiglio’ di effettuare i trattamenti, dove è stata riscontrata la presenza dell’insetto in passato o ne sono state rilevate le forme giovanili in questo periodo, va seguita alla lettera. Negli anni passati c’erano stati anche veri e propri decreti del direttore generale dell’Arpat che dettava le regole per le ‘Misure per la lotta obbligatoria contro la Flavescenza dorata della vite’”.

I trattamenti possono variare a seconda della situazione pregressa o attuale della zona interessata.

“per le forme giovanili - ricorda Tofani - si può intervenire con inibitori della crescita, mentre per la forma adulta sono previsti specifici prodotti, alcuni utilizzabili anche nell’agricoltura biologica. La persistenza dei trattamenti è di 10-15 giorni massimo e quindi può anche essere utile ripeterli perchè una sfasatura temporale può farne venir meno l’efficacia e un’infezione potrebbe essere catastrofica per la produzione di vino, se non contrastata per tempo. La ‘Flavescenza dorata’ è un parassita vegetale che si trasmette attraverso la cicalina della vite e per questo è capace di assumere una notevole virulenza e grande rapidità di diffusione, lasciando difficilmente scampo alla vite. Molte piante muoiono in poco tempo, alcune sopravvivono stentatamente per un anno o due, prima di cedere, e comunque in quasi tutti i casi si ha la perdita di oltre il 90 per cento dei grappoli di uva, che cadono anzitempo”.

 

Firenze, 17 luglio 2008

 

L’Ufficio Stampa

349/2133482


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl